Skip to main content

Full text of "Vocabolario milanese-italiano, Volume 2"

See other formats


This is a digitai copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legai copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we bave taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non- commercial use of the file s We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
any where in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's Information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 

at http : //books . google . com/| 



Digitized by 



Googk 



Digitized by 



Googk 



Digitized by LjOOQ IC 



Digitized by 



Googk 



Digitized by 



Googk 



Digitized by LjOOQ IC 



VOCABOLARIO 



MILANESE -ITALIANO 



DI 



FRANCESCO CHERUBINI. 



VOLUME SECONDO. 
D-L 



MILANO 

DAlx'lUP. HEGU STAHFEKTA. 
1840. 



Digitizéd by 



Google 



. , In 



li presente libro è posto sotto la tutela delle Ieg|^. 






•■•1 '• a . ,x ',.r, .:. 

I. . . •. 



Digitized by 



Googk 



VOCABOLARIO 



MILANESE-ITALIANO. 



DA 



D' 



• Di. D^esseghen po' minga dass. 
Hon può far che ve ne sia, y. De. 
Dà. Dare. Vei^o per la sua eccellenza 
usato in miglia] a di modi in ambe le 
favelle nostrale e italiana. Registrerò 
qui i più usuali e non affatto simili 
nella esposizione fra i due linguaggi; 
gli altri veggansi nelle sedi dei sustan- 
tìvi costituenti Y essenza delle frasi e 
dei dettati ne'quali entra questo yerbo. 

Dà adoss. Dare addosso. Inif estire; 
,e fig. Dare alle gambe ad uno o Ton 
gliar le calze e il giubbone a uno. 

DA adree. Dare dentro. Proseguire 
"di forza un lavoro ; Opus urgere dice- 
vano i Latini. 

Dà adree. Dare scorta. Dare a prov- 
visione. Munire» 

Dà al eoo, al dent, al pes. f^. OSo, ec. 

Dà annoiò. Ridare, 
I Dà a tra. Dar retta. Dare (iscolto. 

Dà-chl el capell o simili. Dammi il 
cappello o simili. 

Dà contra. Dar contro. Contrariare. 
Opporsi. Contrastare — Dare il torto.* 

Dà del ti, del vù, ecc. — Dà del 
lader, ecc. Dar del tu 9 del voi^ ecc. 
*-* Dare del ladro o di ladro 9 ecc. 

Dà dent in vun. Abbattersi o Imbat- 
tersi o Incontrarsi o avvenirsi o Dare 
in uno. Dar di cozzo in uno. 

Dà dent in quejcoss. Dare in clìeC" 
chessia. Dar del piede in citecckessìa» 
Incappare. Inciampare. Dar dentro. 

Dà el cuu per terra. F". inCirn. 

Dà-foeura '. Montar sulla bica. Stizzirsi. 
Dar nelle stoviglie. Lo stesso die Andà 
foeura de la grazia de Dio. r. in Dio! 



DA 

Dà-foeura. fig. Scioglier pallino{Fsig. 
Cent. Bucot. II, a). Sciogliere i brac- 
chi. Impazzare affatto. Per es. A Pestaa 
el dà-foeura. D'estate impazza. 

ì>k'£odurB. Manifestare. Pidesarè. No- 
minare. Scoprire. Merlare — Dà-foeura 
on difett. scoprirseli una magagna. 

Dà-foeura. Dar fuora o fuori. Pub- 
blicare. Mandare in luce. 

Dà-foeura. Dare in fuora. Venire 
in pelle , venire alla cute. Gh'è daa- 
foeura del calor. ijjii son date in fuora 
molte bollicene di riscaldamento. El (à 
dà-foeur^ el maa. Manda alla cute 
ogni malignità. 

Dà-foeura a sgar. Prorompere in 
grida — Metter grida bestiali, 

Dà-foeura danee o robba. Sborsar 
quattrini. Somministrar roba. 

Dàgb. Tentar di , . . . Per es. El 
gh'baa daa lu dò o tre voeidt per 
saltà-sù, ma Tha poduu-nò. Tentò e 
ritentò d' alzarsi 9 ma invano. 

Dagb adree a y\m. Rincorrere alcuno, ' 

Dagh a tutt dà o a tutt dagh. Lavo- 
rare a mazza e stanga. Dare dentro» 

Dagh dent. F, in Dént. 

Dagh dent. Dtare in. Concambiarè. 
Dagh dent tanta zila per el so or. 
Dare cera in oro. Dagh dent tanti scùd. 
Dare altrettanti scudi quanta moneta. 

Dagh de s'cenna. y. in S'cènna. 

Daghela de dò. F. in Dò. 

Daghela longaJ F. m Lòngh. 

Dagh-giò ai sere... A colpi di itaazza 
fare che i cerchj d'una botte s'arretrino 
alquanto verso le testate onde pei) più 
fini rallargarc alquanto la dogatura. 



Digitized by 



Googk 



DA ( 

dare. Affrettarsi, 

Dagh-sù ai sere... A colpi di mazza 
farei che i ce.rchj. d^uoa botte giun-^ 
gano a qael pu^to ove debbono stare 
per tener bene asserragliate le doghe 
che la compongono. Il fr. Bebatire. 

Dè-giò. Posare. Pè-gìò la polv^r* 1 
Posarsi la polvere. 

Dà-giò. Cessar di boUiì'e. Sedare. 
Posarsi. El vin el dà-giò. // mosto 
tessa di bollire. El vin d dà-giò in 
del yassell. // posar vero del vino è 
nella botte. Il Rasseoir deTr. V. Fónd. 

Dà-giò. met. Calmarsi. Pacificarsi. 
Rasserenarsi. Placarsù Mitigarsi. Dà- 
giò la collera. Cessar la collera. Dis- 
asprire. Disacerbarsi, . 

Dà*giò. BitivHire. Colar di prezzo. 

Dà-giò. Indozuu^. V, in Oiò» 

Dchgìò de aoriv (pari, di esempi, mo- 
delii^cc.). Far Cesempio. Far la mostra, 
Dà-giò on cuAt. Proporre un quesito. 

Dà-giò (pari. di pianeti). Tramontare. 

Dà-giò (parL di bilance e sim.). lYar 
collare. Dare il tracollo* 

Dà-giò. Scemare. £1 vassell el dà- 
giò. La botte scelga. 

Bà-giò el cuu o la grassa. V, Grassa. 

Dà-giò la baUa. Disebbriare. 

Dà-giò la ciay , el cadenazz. Dìs- 
chioifore. Dar di volta alla chiave — 
Dischiavacciare, 

Dà-giò la sgonfiezza. Disegnarsi, 
Lassa dà-giò la stracchezza. i)xififiKn- 
carsi "^ Fa dà-giò Tinfiammazion. Dis- 
infiammare, (dar innanzi. 

Dà inanz. Spignere. Sospingere. ìian~ 

Dà indeot. Rientrare, 

Dà indree.lto^ addietro. Rinculare. 
Arretrarsi. Dietreggiare. Ritirarsi. Dare 
indietro. Retrocedere; e Bg. Dare ad- 
dietro in 8ig. di peggiorare. 

Dà indree i cayaj o Faj dà indree. 
Arretrarsi o Far arretrare i cavalli, 
' Dà indree. Rendere, Dà indree el 
rest. Dare il resto, 
. Dà indree. Restituire, Rendere. 

Dà indree a la forma. F. in Fórma. 

Dà indree in del mangia, in del ber, 
e simili. iWicA^ggmne. Bere o Mangiare 
scarsamente per naturale inappetenza. 

Dà in iieara. Sportare. Essere o 
Uscire infuori. 



) DA 

DaHa. T. di Giuoco. Darìa vhUéU 

Dalla freggia. F. in Frècc. 

Dalla in dò, tre Toeult.' Dania a fare 
in ducy tre volte ad mi^(Dati Lep. 81). 

Dammen che t*en daroo. . . . L^a- 
gricoltore dice che le sono parole 
della terra la quale come . più la ral- 
legri d^ opera e letame più ti fratta. 

Dann el coeur. f^, in Coeùr. 

Dà-sora. Dare per giunta. Dare di 
giunta. Dare giunta. Dare vantaggio, 

Dà-sott. Scalzare. Sottrarre. Cavar di 
bocca'» e fam. Far uscire uno. Cavar 
i calcetti. Tirar le calze. Cavar la lepre 
del bosco. Tirar lo spaghetto a uno, 

Dà-sott. Adastare. Jttastare {Yoc* 
aret.). Aizzare. Jnzigare. Eccitare: 

Dass de butt. Ajutarsi afarchecckes" 
sia.Adoperarsi*IndustriarsiiIngegnarsi, 

Dass per mort, e sim* Darsi morio^ 
perduto 9 ecc. K Desperàss. 

Dà-«ù. Insorgere a parlare, 

Dà^. Montare, lUncmrare. Crescere 
di prezzo. Dà-«ì i gran. Rincarare o 
Ritoccare i grani -^ Iltitecco de^ grani. 

Dkrsù* Dare giunta o vantaggio. 

Dà-ffù. Sospignere. In su spignere. 
.Dànsù el cadenazz, la tavella, ecc. 
F. in Cadenazz, Tavèlla, ecc. 

Dà-«à la ciav. Chiavare. Inchiodare* 
Dar di chiave air uscio o simili. 

Dà-sù on pes a vun. Ajutar a porre 
(Assetta I, 5). 

Dattela mandattela. F. in Manda. 

Dà-yia. Dispensare, Dà*via i ca- 
dregh. Dispensar le seggiole. Dà-yia 
i beliett. Distribuire i biglietti. 

Dà-yia. Donare. La daray-via anch 
la socca. Darebbe via ancJte la gon- 
nella. Donerebbe anche la gonnella. 

Dà-via. Alienare. Fendere^ Dà^yia 
ia cà. Fender la casa. 

Dk-yitt.Con/erire.Unì anmòdedail- 
via quell post. Quella carica non è 
ancora conferita. 

Dà-yia. Dare via. Esitare, Spacciare. 
Smaltire. Hoo da*-^ia finna i campion. 
Insino aUe mostre ìio dato via. 

Dà-yia di cattasù. F. in Cattarà. 

Dà on canton in pegu. Dà sui cro5t. 

Dà la peli à Ciocchin,'Dà ci foj de 

gatt, Dà-giò el eoo. Dà in la stria. Dà 

' a tra, Dà on pè in la seggia. Dà 

loeugh. Dà yorden, ecc. F. Pègn, eco* 



Digitized by 



Googk 



DA ( 

A\è -de dà* Jii^r a dare* 

Deghi bòDn, tappefleglii meuuder. 
y. in Tappallà. 

£ dagbela. Fòrbici! U eran merle* 
La cornamusa delCorUma, F, anche 
in SdàtL 

£1 gh*lui daa ona bornia piovuda, 
tronada o sim. Fi in Pioyùda » ecc. 

Fa dà-foeora. FaHà uscire a imo 
(Tac. Day* Jnn. II, 34)- Far uscire 
uno, Aixzare. V* anche in Dio. 

Pà o Giugà a toeammel e dammel. 
Fare a bamhini. V. in Toeò. 

Toma a dà. Midare, 
Dà. />are(Sacch. Nov. 330). Percuotere, 
Battere* Ei pollirttù el cdnieiiza a bajà 
al garzoa e a dagh. Il poUinaro co- 
mincia a gridare allo fandullo è a 
£2aHi(Sacch. ivi) — Me darala la mam- 
ma ae foo insci? Le toccherò io dalla 
mamma se U fo? 

A chi en ne dà, a chi ne impromett. 
y. in Impromèit. 

Dà el eoo per i miir. y, in Mùr. 

Daghen a vun tant che sia assee o 
Daghen a tuU dagh. Dame altrui un 
ruotalo. Dar come in terra. Percuo- 
tere a rotta. 

Senxa nanch di Tarda che te doou 
Senza dir i^rbo* Senza dire che ci è 
dato. Subito. Issqffatto. Di cheto* 

Tel daroo nì,' L'andrai a fare con 
me. Modi di minacciare altrui. 

Torni a dà. Bipercuotere. 

Veas U per dagl^. Esser per dargli; 
e fam. Essere colle mani in aria. 
Dà. QeUare, Sia penna la. dà (o la lassa) 

ben. Questa penna getta bene. 
— ^ Daghen Formola tutta pro- 
pria di que"* giuochi ove intervenga 
misura, oome in Terra del mio mon- 
te 9 in Meglio al muro^ eccw 

Daghen nagotta. Non vi dare nulla. 

Daghen poceh. o pocch o nagott. 
Darvi poco di clteccJiessia(SaiCch. Blov. 
del Tavernaio di Settimo). Non es- 
ser vago. Non calere. Non importare 
di una cosa. 
DòsB. Darsi. 

Dasa«contra lor de per lor. Infila 

zarsi; e fam. Tirare ai suoi colombi» 

hòss* Accadere^ Dare il caso. Va mo'a 

dass.che pOss-ruò» Accade appunto eh* io 

non posso. 



7 )f> DAI 

Il PÒ dassk Può essere. SML Formole 
dubitative. 
Se po^ dà! .Può fare il gjwi diaoolo 

^ che? 

Dàs6; Darsene. Percuotersi* Battersi* 

Dàas. Porsi, Farsi Jàmigliare, 

Ve minga omm de dass cont i 
pret. Non è uomo per porsi con' preti 
\y. Cr. in Porre ediz. Min. g 1 16). 

Dàss. T« de' Caciai L'enfiarsi della 

forma del cacio lodigiano» La forma 
la se dà o la ven. La forma goìifia. 

Dàssen. Addarsi. Avvedersi. AwisarsL' 
Accorgersi. Entrare in sospetto* Om- 
brarsi. Pigli£ir pelo. M* en sont. daa. 
Me n'addiedi. Ne sospettaL 

Dàssen. Batostarsi* BaiiersL Darsele. ««» 

Dàa. Dato* part. di Dare. 

Dàa» a. m. Dato, 

L' e el so daa. ... È il suo prezzo , 
è il prezzo comunemente assegnato. 

Dàa. 8. m. D4ido. 

Giugà ai daa. Dadeggiare* Giocare 
o Fare ai dadi *— In questo giuoco 
due medesimi numeri si chiamano Pa- 
riglia — Quando due dadi hanno sco- 
perto asso dicesi Aver fatto amba»- 
si; se il dae 9 duino; se il tre, temo; 
se il quatU^o , ,quademo ; se il dnque, 
cinquino; se il sei, scino o sino — 
Un dado segnato da una faccia sola 
chiamasi Farinaccio -— Andare al dado 
dicesi del mutare colui che tira i dadi, 
e dal monte prenderne altri — (Sda- 
mare si dice il nominar il punto che, 
un vorrebbe -— Quegli che tira i dadi 
in maniera eh' e" fanno il punto eh' e' 
vuole dìcesi Piantator di dadi; e il cosi 
tirarli dicesi Piantare i dadi(yM. 180) 
— Coi dadi anticamente si faceva una 
specie di giuoco detto Parlacocco, 
Giugador de daa. Dadajuolo. 
Soli come on daa. Pari quanto un 
dado. 

Dào. T. de' Pastaj. . . . Specie di pasta 
cosi detta dalla sua forma quadrata. 
Tagliando a pezzuoli i cannoncini se 
ne trarrebbero de'rocchielli di pastai 
tagliando a pezzuoli maccheroni o 
lasagne se ne traggono dadi di pasta. 
Daa rigaa ^ Daa soli, Daa gross, Daa 
piscinitt, Daa bianch, Daa giald. . . . 
Paste rigate, lisce, grosse, piccine, 
bianche, gialle in forma quadrata. 



Digitized by 



GoogU 



DAG 

Dm. T. de^ Pizuca§p* ... * QaadràtellL 
di carne o grascia ch'^entrano a com- 
porre i salami e simili. 

Dàa. T. di St. Dado. È quella specie di 
ralla in coi entra il puntone che pre- 
me il pirrone del torchio da stampa. 

Dacòrd. s. m. Accordo. Coiwenuio, Il 
coìicertaio, 

Dacòrd. avv. D'accordo, 

Dacquà. Annaffiare. Innaffiare* Adacqiut- 
re. Innacquare. Irrigare. Dare acqua, 

. Inacquare, Acquare, Inrigare, 

Dacquàda. Innaffiamenio, Innaffio, Inr 
. nacquamento — e fig. Indfagnamento, . 

Decquadinna. Un po' d'annaffiaiuraifios, 
fior. IV, I9 131 ). 

Dacquadór. Annaffiato/o, Innaffiatojo ; e 
con V. dottr. Gessidra, Vaso cilìndi'ico 
di latta o di rame che da un lato ha 
un collo lungo e grosso, alla cui estre- 

. mila s"* adatta una palla o bocchetta 
traforata perchè Tacqua ne cada come 
pioggia ad annaffiare fiori» erbe , ecc. 
Canna. Cannello? «» BocchelL Palla, 
Boccitctta ta Cuu., Fondo » Manetta. 
Maniglia? 1» Manegh. Manico? 

Dacquadór de stanza. Annaffiatojo, . . . 
Vaso simile a un imbuto senza cannel- 
lo, e pertugiato da fondo, che s^usa 

. per adacquar le camere onde non si 
levi troppa polvere nello spazzarle. 

Dacquadóra. Ad, di Fòssa. ^. 

Dacquadorìn. Annaffiatoìno {Fag, Forz, 
Hag, Il , II, ove è per similitudine). 

Dada. Part, pass, fem, di Dà usaio fre- 
quentissimamenie nella frase Ve dada. 
Ella è battuta 9 cioè è risoluta, è fatta; 
ed anche in altro senso Abbiam friUo^ 
cioè la cosa è ita a male , è perduta. 

Daddrìzz. y, Dedrlzz. 

Dadìtt. s. ro. pi. T. dc^Paslaj. . . . . . 

Spècie di paste picciole simili a quelle 
maggipri dette Dàa. F, 

Dafà. f^, in Fa. 

Dafarniachè. Clic fame ? A qual prò ? 
A qual fine? A qual effetto? A quale 
scopo ? A quale intento ? 

Dàgn(c/ie le persone civili dicono comu- 
nemente Dènn). Danno, Detrimento^ 
e ^ntic. Dannaggio. 

Aprii n^ha trenta, e se piovess tren- 
tun , farà V dagn a nissun. K in Aprii. 
Bestia che fa del dBgn, Bestia dannìa. 
Chi è mincioA so dagn. /I JUiución. 



( 8 ) DAM 

Chi se Pha a maa* tò dagn. (M 
V ha per mal si scinga, 2iara a chi'%c- 
ca. Zara alt avanzo. Si dice qua< io 
non ci dà pensiere che altri s^abliia 
per male alcuna cosa. 

Falla mai in so dagn. V, in Falla. 

L^ è mej sta ai primm dagn.' È me- 
glio tal e quale che senza mUla stare. 
Egli è me' perdere che straperdere. 

Né pan né pagn no fan mai dagn. 
iVè di state né di verno non andar 
senza mantello, ProT. che, oltre al 
suo significato materiale, ha «quello 
di Doversi star sempre provveduto 
per tutti i casi che posson nascere. 

Quand la merda la monta in scagn, 
o che la spuzza o che la fa dagn. 
È dettato simile aW altro V è on vi- 
lan refaa. V, in Mèrda e in Vilàn. 

Refò i dagn. Pagare o Bifore il 
danno, Bistorar alcuno dei danni,. 

So dagn. Sette «iio(Fag« Aver at- 
ra ecc., li» a). Suo danno. Gli sta 
il dovere, 2 al sia di lui. 

Tocca de paga dagn e aj^esJSsser con- 
dannato nelle spese e a rifare il danno, 
Dagnéver disse il Maggi(ìnterm, Il » 299) 

per Dannoso. 
Dàj dà). Dalle dalle. Così replicato è 
maniera di dire per denotare un^ a- 
zione continuata. 

Da] al lader. Dagli ch^ egli è un 
ladro, 

E daj che T è on sciatt. ^, in Sciàtt. 
Dalmàtega. Dalmàtica, Tonicella, 
Dama. Dama, Gentildonna, 

Dama d^ atòr. . . . Dama che pre- 
siede alla toelette delle regine o delle 
principesse. Dal fr. Dame d'atour. 

Dama de cort. Dama di corte. 

Dama d'^onor. Dama d'onore* 

Dama del bescottin. f^, in Bescottin. 

Boccon de dama . . . Sp. di dolce. 

Paun de dama. F', in Pànn. 

Vess tutt damm. Essere gentildonr 
najo. 
Dama. Tavoliere, Scacchiere. Quella ta- 
vola su cui si giuoca a dama , a scac- 
co, ecc. Il Damier de' Francesi — 
Giugà a dama. Fare a dama. Giocare 
al giuoco di dama — Andà a dama. 
Andare a dama. Portare una pedina 
fino agli ultimi quadretti dello scac- 
chiere. 



Digitized by 



Googk 



DAN ( 9 

Dèma^ Dama. Pedina damata. 

J«ainà. Damjan. C<HidoUa una pedina 

,Q fino agli ultimi quadretti dello scac- 

,\, chiere alla parte opposta 9 farla co- 
prire con altra pedina dall^avvers^rio. , 

Dama (o Reglnna). i?egina(Moaigf. Ser^f.\ 
noh* II , 8 )• Ne! giuochi di carte. 

Gìugà a fast, damale re» «he stop- 
pa. Fare a chiamMTe(*tosc* — Editto 
toscana ferdinandeo la giugno ^5gy). 
Fare a stoppa o a sioppare(*ìucch.). 
Specie di giuoco che si fa colle carte 
da tresette. 

Damascèa. Dontma4eato{*ùor, — Giorn. 
Georg. XVI, a49)- I>amascato{Zanoh, 
Diz. — L^Alb. enc. però dice che D^ 
moscaio non è Toce toscana). Tessuto 
a opera. Aggiunto di tele per lo più 
da tovaglie, mussoline, ecc. lavorate 
a fiorami o simili a uso di Damasco. 

Damaschi Vammasco, Dommasco. Panno 
damasceno. Drappo di tutta seta o di 
cotone e seta, tessuto a opera, a 
fiorami , e .talora anche rigato o li- 
scio, per abiti, parati, copei*te e simili. 

Damàsch* Damasdietto. Drappo a fiori 
d'aero o d^ argenta che si fabbricava 
altre volte per eccellenza in Venezia. 

Damàzza. Gran dama: Gran gentildonna, 
J)ama d'alio affare* 

Damerin. Damerino. Ze;iino, Ganimede. 
Tutto zerbineria. .^i 

r'amigiànna. Damigiana. Boccione. Sr^n- 
dissima boccia della tenuti^ ^dv* dieci ' 
a* sessanta boccali con veste di pa- 
glia o vimini. 

Damiana. Damina — - Damigella. 

Damìnna. J^iolacciocco /orestierp(T9Tg> 
Toz. Ist.) VBesperis matron^is de* hot. 

Damìnna. Specie di panno, f^. in Pàon. 

Damlnna. T* degringegn. . . . Alietta 
di muro che si i^ge a traverso di 
quella lingua di terceno la quale si" 
prolunghi fra due fossati, fra due gore 
o simili, e che non si vuole sia per- 
corsa dalle genti. Quella de"* pozzi di- 
irebbesi in italiano Féniola. 

Dàmmel. Uscita del inerbo l>hiSS che qui, si 
registra perchè dà luogo alla frase 

Fa a tceummel e dammel.. /Vz/^ a 
fanciullo o a' barnbin^^^ V. in Tobù. 

Damón chiamano al(jifnf^\la Dama o Pe< 
dina coperta addoppiata.^ 

Danàf Danàa,ea;. f^» Danna» Dannàa, ecc. 
rol. II. 



) DAN 

Danadàa o Dànedàa. v. a. del Far. mil. 
Il dì di Natale. Ceppo. Pasqua di 
ceppo. Pasqua di Natale. 

Vesa Toeuv de Danedaa. V. in (Kùv. 
Dipazión. ^. Dannazión. 
£(àiida. s. f. Dóndolo. 

Dà la danda. Ninnare. Cullare. 
Dagh la danda. Deur la berta ^ la 
burla , la baja , la soja. 

Sparti o Partì o Divid per danda. 
y. in Divid. 
Dandalò. T. de\Calz. Busseito. Liscia- 
piante. Mazza da lisciare{*&or.) Lustri- 
JW?(*iìor,). Strumento di bossolo col 
quale i càlzolaj lustrano il suolo delle 
scarpe — Il Liscee, il Lisciò tt^ la Stecca 
e il Dandalò de"" nostri càlzolaj sono 
cosi affini come il Lustrino, la Mazza 
da lisciare, il Bassetto, lo Steccone e 
il Lisciapiante di quelli toscani. 
Dan dàn. Ton ton. Voci imitanti il suono 
della campana quando suona a fuoco. 
Dandùnna. foce usata nella frase Dà la 
daudanna. Dar la baja, la berta, la soja. 
Dandinna , e quasi sempre al pi. Dan- 
djnn. Falde. Càide. Quelle due strisce 
di panno o simile, attaccate dietj'o 
alle spalle delF abito o gonnellino dei 
bambini , per le quali vengono soste- 
nuti nel farli camminare. ' Vengono 
anche dette Maniclie da pendere, cioè 
pendenti, dall^Alb. enc. in Falda. 
< Gasparo Gozzi(Opere XV, 171) le dice 
•' Braccialetti con voce apertamente ve- 
neziana. Il Cesari (n«lle Bellezze di 
Dante I, ia8) le chiama KDamda^ «on 
voce tratta non so donde.' ^^ ' 

Tegni vun pep Kidandinna o per 

i dandinn, o Tegiil** la ^ dandinna o i 

dandinn a vun. Tenere uno per le 

calde. Essergli alk caide(y oc. i aret.). 

Rcgg^r6,i^uidare, ajulare alcuno così 

nel senso pos. come nel fìg. - Tj^ner la 

briglia. Corrisponde al francese '\{olg. 

.Me^r. ài la. listare, e vaJ4 Ti^gfre, 

so\y«iirei altrui nella ^a condotta. 

Danée {.e scherz. Pipr^, s Pirli, Pili, 

Pessiu, , .Pe^cùz^ „ £1 péss, ^1 te 

. l^zis. Sòldi,» L^^àgi», Tolin, GiQvltt, 

De quist, Gonquibi^^vl plilQ.>pllo9 

..SV^ur Carlo, Xffigàsg, Man^écca, £l 

CI elem^nj^, l . tólderi ). Danajo. 
. , zro. JffonetUi Pecùnia; e più co- 
munemente al pi. DjBm^ri. Quattrini; 



Digitized by 



Googk 



DAH (io) 

con voce infantile Dindi; e m gergo 
La grascia di quel santo ^ o i Sonar- 
joli — Talora noi accennando i danari 
• diciamo I amis hin quist^cioè Gli amici, 
sono i danarUFsin, PoeL II 9 ti 9 34)* 

Avegh faeura di danee ó Vess-foeura 
con di danee. . . • Restar esposto col 
danaro, cioè aTei*e sborsato danari 
senza per ancora frutto o ricavo o esito. 

Avegh i danee de (hrsù. coni el pa- 
lott. Misurar le doppie collo siajo* 
y* soiio Vess el re de danee. 

CavaghfcKura àstnee» Attigner danari. 

Ohi fa i danee adora i so danee 
(che il Maggi fece dire in lingua semi- 
colta milanese a una dama Chi fa el 
dinar adora el so dinar) Da- 
naro sudato danaro pregiato^ cioè chi, 
nato povero , arricchisce , comune- 
mente non fa sciupio del danaro. 

Chi fa i danee matt o fals. Falsa- 
monete, Falsatordi monete. Falsifica^ 
tore o Contraffacitore di monete. 

Chi gh^ha danee fa dauee, e chi 
no gh^ha danee el po'* fa scusa el 
cuu per candiree. K in Gandirée. 

Chi ha danee fa danee. La roba va 
alla robaQAonos, pag. 5a5). 

Ciappà danee. Entrare in danari^ e 
bass. Insanguinarsi, 

Dà-foeura danee. Sborsar danari '^- 
Dar danari su checchessia* 

Danee danna. . • . Modo che s^usa 
talora da chi non e ricco per con- 
solarsi delta propria povertà volendo 
significare che la larghezza de"* quat- 
trini spesso ci danneggia neir anima 
e nel corpo; modo a cui altri suol 
rispondere Danna a aveglten minga 
perchè anche la povertà è madre assai 
volte ai delitti^ onde couchiudiamo 
col Buti Buono è il danajo nel savio , 
reo nel prodigo » pessimo neW avaro, 

Danee de gittugh tegnen minga 
loeugh .... Le vìncite di giuoco tor- 
nano di poco frutto a chi le fa, perchè 
il danaro quanto meno è sudato tanto 
meno è pregiato, e sfuma in un attimo. 

Danee e messizia romp el coli a la 
giustizia. Ùii fa il Jbdero ' d^ argento 
può portare che arme gli piace(CÌai 
Des, e Sp, III, 1). // martello d* ar- 
gento rompe e spezza le porte di ferro, 
Ser Donato dà in cupo a san Giusto, 



DAN 

Danee epecéaa Tè cativ stima. Da^ 
narif sénno e bontà y la metà delia me- 
tà* Danari^ senno e fede ce n'è manco 
aite Vuom non crede o che non si vede* 

Danee matt. Moneiefalse'^Stagnuoli 
si dicono le Monete falsificate con lo 
stagno; Incamiciate o Bratteate % le fal- 
sificate con lamina d'oro o d'argento. 

^ Danee mort. Danaro morto o secco. 
Danaro infruttìfero in cassa, 

Danee paga e cavali trotta. Il danajo 
è nervo di tutti i mestieri(¥9indM, Gov, 
Fam, p. 170 ediz. Class.). Chi vuole ogni 
cosa abbia danari{Cwa,U Cam. II, 4i)- 

Danee viv. Danaro a guadagno. 

Ecco chi on sacch de danee. JEcco 
qua un prato di forinUDord Com» 
Burch, p. a6). Monta un pozzo di quat- 
trini, f^, in Sàcch. E dicesi mostrando 
alcun oggetto a comperare il quale 
siansi voluti gran danari. 

El farav danee su la peli d^on pioucc* 
K in Pioeùcc. 

Fa danee. Far quattrini. Arricchire^ 

Fa danee a monton o come terra. 
Guadagnar danari come rena(*tosc.). 
Far danari a bussa o a busso. Guadar 
gnare quattrini in gran quantità. 
. Fa danee d^ona robba.\FVir ritnttto. 

Fa soltà i danee. Dar fondo ai 
quattrini. Vale dissiparli , consumarli. 

Fava mej con quij danee a andà a 
cà de Toffellee. T. in Offellée. 

Guadagna danee a monton. f^. sopra* 

1 ciaccer hin ciaccer o I ball hin 

ball , e i danee hin danee In 

qualche caso potrebbesi tradurre La 
liberalità non giova dove la non aggiu- 
gnelVettori nelle Op,di Mach. VII, 4 1)> 
in altri Dammi del tu e trattami da voi, 

I danee e mi stemm minga ben io- 
semma. / danari mi scottano in tascu 
(*Ìior.). Non appena ho un quattrino 
ch'aio lo spendo. Lymphatici nummi 
simt mila facea dire Plauto ad Ago- 
rastocle nel Penalo in pari significato. 

I danee gh'^han i al o volen. I da-' 
nari vaimo via presto , o vanno via 
come l* acqua benedetta^ o sono tondi 
e' riizzoìano{M.o€Los. pag. i38). 

I danee gb^ han la pesa, se tacchen 
ai did. ,., È cosa scimunita toccando 
il mei non si leccar le dita disse TAl- 
leg.p. a4 traendo- allo scheraso unUdea 



Digitized by 



Googk 



DAN (II 

riprovala dalle gcpti oneste* I Frane, 
dicono On ne peni nunder da teurre 
sans s'engraisser les doigU. 

I danee hin faa per spendi o hin 
redond per birlà. I danari son fatii 
per ispenderglUhascQi Strega 111 « 3) o 
per ispendere (yionoB. pag* iSg). La 
roba non ò di chi la fa^ ma di chi la 
goiie (ivi). «Se tu tieni i denari serrati e 
nascosi^non sono utili né aie né a* tuoi 
(Paodolf. Gov./am.^^, 171 ediz. Class.). 

I danee se troeuven minga per stra- 
da, o vero Voo ming^ a la strada a 
- roba) mi i danee ve ! / danari non si 
trovano nella strada{Iasca «Strega 111*3). 

I danee van a mucc, chi ghe n^ha 
tropp» chi ghe n'*ha minga o vero I da- 
nee van dove ghe n^è. La roba va alla 
ro^a(Monos. pag. SaS). Il Dantur opes 
nulli nunc ròsi divitibus di Marziale. 

I danee van e vegnen. / danari 
panno e vengono {ìlonos. pag. i54)- 

La libertaa de fa e de desfa no gVè 
danee che le possa paga. Sanità e li" 
berta vaglion pia d'una città (^lonos, 
p. a35).Próv. di cui è nobile antitesi il 

«B Ta prorem ùccosm sa di sale lo pano 
altrai, e€€. » (di Dante). 

L^ è mej spend danee in pan che in 
medcsinn. f^. in Medesìnna e Lenzoeù. 

Maneggia danee. Trassinare danari 
(Pr. fior. IV, III, 99). 

Miralo ben miralo tutto Tomo senza 
danee covie Tè brutto. Oh quanto è 
brutto un uom povero e vecchio! 
(Mon. Toc, ed Am* HI , 20). 

« Noa hai danari , grattali il forana , 
» Che lei stimato meno che il litaue. » 

disse il Burch. Son, 65). Chi ha sa , 
ma chi non Ita non ja(Nic. Mart. Let, 
83)» Chi non ha danari a lui manca 
ogni co5a(Pandolf. Gov. Fam*^ p* 170 
ediz. Class.). Chi non fui quattrini vada 
in piazsa à vedere i buraUirù{¥ag, Prol. 
Fori ini). Clù non lui oro non creda 
esser mai in prez»o(CamLX, Carn. 1, 146). 

Mitaa parer e mitaa dance. Àjuto 
e non consiglio{}lonos, pag. 34 1)- 

No pensa che a [k danee. Ifon at- 
tendere che al far ro^a(yieri Trat. 
proem.). 

No vessegh danee che le paga. Non 
avarpre%u>{M.om%» Toc, ed Am, III, 1 7). 
Kon es^r ì^oìv per danari\JAoaos. 338). 



) DAN 

Pazienziatt el diseva -fraa Gandiott 
quand el perdeva i danee de la messa, 
r. in Fràa. 

Pocch danee pocch sant^Antoni(ei^ 
anche dicesi Talis pagazio talls can- 
tazio). Qual ballata tal sonata? Po^o 
danaro poca merce; poca sto0a abito 
corto; pochi modi poca ventura; dal 
poco poco. 

Senza danee i pret c^nten minga 
messa, r. in Méssa. 

Tocca i priiiìm danee. Prendere la 
prima mancia» Far la prima /accenda. 
Dicesi dai bottegaj del primo vender a 
contanti dopo aperta ogni di la bottega. 
VtBs el re di o do dtaì^e» essere la 
regina di <iamiri(Monig. Serv. Nob. Il , 
8). Misurare i danari con la palaiAs^ 
setta 1,3). Mistaw^ le doppie con 
lo stajo. Esser ricco sordo, 
Dunée. Danaro, Picciolo, Moneta di calco- ' 
lo, 12 delle quali costituiscono un soldo. 
Paga lir, sold e àmx^e. Pagare /ine' 
mente ^ cioè interamente, del tutto. 
Danée. Danaro. Diuiajo, La ventiquat- 
tresima parte deironcia grossa npstra- 
le, equi vai. a 0,00 11 35 di lib. decim. 
Danée per Scrùpol. F, 
Danée, che anche dicesi Ì>TO, T. del 
Giuoco di Tarocchi. Danari. Uno dei \ 
pali delle ^arte da minchiate, cosi detto 
perchè si somiglia a quattriuoli gialli. 
Yess el re de danee. F.pià sopra, 
Daneggià. Danneggiare. Nuocere. 
Daneggiàa. Danneggiato, 
Daneràsc. Danajaccio{Cec, Servig. Ili, 2). 
Meslerasc daneràsc. y. in Mesterasc. 
Dànn. f^. Dàgn. 

Danna, s. f. Stizza, Eabbia, Rqvello, 
Danna. Arrovellare, Jstizzirsi. K Inrabbi 
— Anche i Frane, ed i Provenz. usano 
la nostra voce neir ugual senso. 
Danee danna, r. in Danée. 
Fa danna Tanima. F, in Inrabbi. 
Daniiàa. Arrabbiato. Stizzoso. Arrovella- 
to. Si usa anche sostantivamente. K. 
Babìn. Il Fagiuoli (Aìfutr non opera a 
caso '9 atto I, scena i), disse a Lo 
vo'Jar morir dannato >«, cioè lo fo* 
far morìre di rabbia 9 di stizza. 
On^anima dannada. Anima 4fannata* 
. Uno scellerato. Une ame damnée di- 
cono anche i Fr. , (#^. in Mara. 
Te set dannaa, va a salita la mur^^ 



Digitized by 



Googk 



DAS ( 

Dannadón. Elbro di sU%%a. Pieno di 
stizza. Tutto coltura. Uno stizzosaccid. 
Dannamént. ) Novello, Stizza» Rabbia, itanr 
Dannazión. ) core, Liffore. Babbiaccia' 
Dannazión. Dannazione. Perdizione del- 
Dantèll. Denteilo? {l'anima. 

Dapochisia. Dappocaggine, Dappochezza, 
Dapós e Depós. Dietro. Di dietro. Dopo. 
F. Após. 

Mettes dapos. Jiddoparsi. 

Daquà, ecc. V. Dacquà, ecc. 

Dàrbia. ) . . . In Val Blenio, a Olìvone, 

Darbiceù. S a Biasca, ecc.» in Val d*Orta, 

chiamasi cosi quel cerchiello da caciiio- 

le che nei monti a noi più vicini dicono 

Fassèra^FaccirctWi Quaccirceit, ecc. r, 

Dàrdan. ^ Balestruccio sahatico o ri- 

Bardanèll.C pario{Ssy. Ornit.). Rondi- 

Dòrden. 3 ne riparia(\à,). Topino(id.). 

Uccello che è VHirundo ripariaL. 
Dare, e alf. Daréra. v. a. Ultimo. Sezzajo — 
Dare é sincope di Dadrée ^ cioè che 
viene dietro tutti , il Demier dei Fr. 

« Sari col dare a ttctco — Su quìj pa- 
roU cbe se repotten tn h darera Tochà , 
cono Andà. • (Var. mil.)' 

Manda a la òsirer^. Lasciar nel chiap- 
polo o nel dimenticato] o. Mettere o 
Buttarsi % Gitiarsi una cosa dietro alle 
spalle, Non'far più caso di checchessia 
— // Maggi (Int. Il, i54) Vusò an- 
che per Manda a fa bolgirà o al dia- 
vol. F. Diàyol. 
Dare; s. m. Sui monti di Nava equivale 
^V Ultimo tocco ^ alnostro citt.*7<jrB. F. 
Darénsc. Difficile, Duro. V, Darùsc. 

Darensc a spend. ^gnt?(*tosc. e Tom. 
Daréra. V. in Dare. {Sin, 

Dàrsena* Dàrsena* Nomi a noi noti dopo 
lo scavo della Darsena di Porta Ti- 
cinese fattosi dal Governo Italiano 
nel 1810 a ritiro delle barche pro- 
cedenti dal Naviglio. 
Darùsc (e Derùsc e Darénsc). Scabro, 

.Ruvido. Aspro. 
Darùsc. met. Sgarbato. Rwido. Zotico. 
Scortese. Discortese, Disameno, 'Mal- 
grazioso. Disamabile. Malpolito. Spia- 
cevole. Dispettoso -^ Darùsc come ona 
sprella. r. in Sprèlla. 
Darusción. Zoticone. Ruvidaccio — Sor- 

gnone. Sornione. Susomione. ' 
Darvi. F Dcrv). 
DaspoBÙ V. a. del Far, mil. Dappoi. 



la) DAZ 

Dàssen. F. in Dà. 

Data. Dare. Porre la data. Far la data, 

Datàa. Dato. Dataa de Romma. Dato in 
Roma, Dataa del quindes. Colla data 
del quindici. In data del quindici. 

Dàtta. Data. Nelle lettere e neYrontbpizj. 

Dattàss. Adattarsi. Accomodarsi. 

Dàttol. Dàttero. Dàttilo* Il frutto della 
■^9\m9i{dactylus dactylifera). 

Chi no gh^ha dattoli no magna dat- 
toli. Chi vuol vin dolce non imbotti 
agresto{fiuTch. Son. 43). Prov. vene- 
ziano invalso da pochi anni anche fra 
noi,, e indicante che Pusar soavità di 
maniere è scala al nostro ben essere 
nel mondo, e talora in senso peggiore 
che il mondo è dei piacciantei e di 
chi sa andare ai versi del compagno. 

Davantàgg. Oltre il bisogno. Di vantag^ 
gio. Di soprappià. 

Dàzi, o Dàzzi. Dazio. Gabella. Diritto. 

Avegh nagott de dazi. Non aver da 

dasio{Cecch\ Diam. lU, 4 ^>^ Prov. S7). 

Dazi dp Piinbottaa. V. in Imbottàa. 

Fa de mincion per no paga dazi. 

V. in Minción. 

Tucc i paroU no paghen dazi. Ogni 
parola non vuol risposta. Le parole 
non s"* infilzano. Modo proveii>iale che 
significa non doversi tener conto di 
alcuna- cosa detta inconsideratamente. 
— - È in altro significato II fiato non 
fa lividi. Le parole non fanno er^iaii 
o lividi{FBg. Av. pun. I, 5). 

Dàzi. Porta. QuelP uscita della città dove 
sogliono essere i doganieri per gabel- 
lare le merci soggette a dazio. 
Fceura del dazi. Fuor di porta. 

Dàzi o Dàzz. V. brianz. Pìbumo, Lentag- 
gine 9 e col Targ. Toz. Diz. anche Lan- 
tanae Vavoma. Il Vibamum lantanaJ*. 

'Pianta fruticosa de^cui ramuscoli ho 
veduto talora i vignajuoli briantei 
servirsi per legare le viti in man- 
canza di salciuolt. 

Dazia. T. de^Fin. Addaziai^. Gabellare. 
Dazia la mercanzia. Sgabelhtre le 
merci. 

Daziàa. s. ro. Gabellamento. L^importare 
della gabella. 

Daziée. Daziere{C9tro Lett. neg. I, 384). 
Gabelliere. Gabellotto^ e con voce noa 
necessaria, ma che per isvilitivo po- 
trebbe talora venire in buon taglio 



Digitized by 



Googk 



DEB ( 

Datzino(CecAi Diam» III9 4 ì^ P'^^- 
pag. 87). Colui che alle porte della città 
riscuote le gabelle — * Capp di dauee. //' 
maggior gabelliere (Sacch. Nov. i4i6)* 

Daziéra. Gabelliera. V. in Ziléra. 

Dauètt. /V>r<e//a(Pecor. Il, ipS). Portio- 
duolo. iHin. di Dazi in senso di porta 
di città, forse cosi detto dal non gabel- 
larvisi le merci gi'osse e d^importanza. 

Dàz^. K Dàzi. 

De. // Di, La Vi» Quarta lettera del no* 
stro alfabeto — A be ze de « la maje- 
stra la Toeur i dance, ecc» V» in Majèstra. 

De. Di. Segno del secondo caso. L'^è me 
de mi. È mio, È di me. 

De. Da. Segno del sesto caso. El dìpend 
minga de nri. Non dipende da me. 

De. Segno del sing. e del pi. indetermi- 
nato. Per es. De manz ghe n^è no. 
Manzo non ve n^ka. De donn s*en 
ved minga. Donne noji se ne veggono. 

De. Nota usi particolari : 

Dà de fila. Dar a filare, 
On porcb de vun, On vece de vun 
e sim. Un aninoilaccio. Un vecchiaccio. 
Vess de teatev, de conversazion , 
de casa. • • • , cioè Essere avviato al 
teatro, disposto a ire a veglia, a 
starsi in casa, e simili. 

Dea o Déja. D.ea; e ant. leldia. 
Dea d^amor. Ninfa, Beltà.- 

Debà(£l). . . . Nome di una gazzetta no- 

- tissima franzese intitolata Journal des 
débats^ cioè Giornale delle discussioni. 

Debàss. Dabbasso, Da basso* 

Debén. Dabbene, 

Dèbet o Dèbit. Debito. 

Andà in àMx, Indebitarsi.Contrarre 
debiti, 'Far debiti — Riuscir debitore, 
Caregaa de debit. Carico di debiti, 
Cbi no gb^ha debit Tè scior. . . . 
La prima regola d'^ economia è quella 
di non contrarre debiti , o incontran- 
done di liberarsene al più tosto, (dit. 
Chi paga debit perd el credit.KCré- 
' Dà debit o Nota a debit o Tra in 
debit. Pofre debitore. Addebitare. Dctre 
debito. Scrivere in debito. Impennare 
U debito^ 
Debit de patron Tè on^investitura. 

Dettato comunissimo fra i 

nostrì contadini i quali hanno per 
gran sorte il non uscir mai di debiti 
coi padroni in sulla quasi certezza 



i3 ) DEB 

che per esserne pagati i quando che 
sia i padroni non sappiano licenziarli 
dal podere ancorché se lo meritassero. 
Error no paga debit. F. in Erròr. 
Nettass di debit. Sdebitarsi. Uscir 
di debiti. Liberarsi o Dispacciarsi dai 
debiti. Soddisfare o Pagare o Annullare 
o Estinguere ogni debito, 

Tirass al cóli on debit. Recarsi ad- 
dosso un debito. 

Vess pien de debit finna al eoo. 
Affogar nef debiti. Aver più debiti che 
la lepre. Aver debito il fiato o là pelle. 
Il fr. Avoir des dettes pardessus la téle. 

Debitin. Debituzzo, I diz. arrecano anche 
DebituolOf voce che il Monti nella 
Proposta chiama malfatta, o per lo 
manco inutile; al che forse non as- 
sentirà cosi facilmente chiunque ab- 
bia a scrivere di piccioli debiti coi>- 
tratti da chi suol battere i sentieruoli. 

Debitòr. Debitore, 

Debitdra. Debitrice» 

Dèbol. s. m. Debole, Debolezza. Ve el 
so debol. È il suo debole^ cioè il suo 
difetto predominante , la pecca a cui 
è maggiormente soggetto. 

Dèbol. ad. Débole. Débile, Fiévole. Frale. 

Debolézza. Debolezza. Fievolezza, Fiac^ 
chezza. Fralezza — fig. Debolezza. 
Azione o Passione poco lodevole an- 
corché non delittuosa. Dna gran de- 
bolezza. Un'a debolezzaccia. 

Debolézza. Debolezza (Non le sarei ve- 
nulo innanzi con questa debolezza. Caro 
Leti, fam. I, 191 ; parla di sonetti ). El 
scusarà i mee debolezz. Miserie! Dicesi 
per atto di modestia da chi vi dà saggio 
della propria abilità in checchessia. 

Debolin. Debolino, Deboletto, Deboluzzo. 

Debol mént. Debolmente, Fiaccamenie.Fl^ 
volmente ; e Bg, . . . Come meglio potrò, 
a mio debol potere sapere. 

Debón. pa senno. 

Deboscé. y. Debosgé. 

Debòsg. Scapigliatura^ e alla £r,Debòscia. 
Dass al debosg. Scavallare. Scapi-' 
gliarsi,Stemperarsi — In sig. meno smo- ^ 
derato Straviziare. Darsi agli stravizzi. 
Fa debosg insemma o Fa de man- 
gia insemma. Accozzare i pentolini^ e 

. anticamente Far tarisca. 

Debosgé o Deboscé. Scorretto. Stemperato. 
Incontinente* Dissoluto. ScapesUxUo^ 



Digitized by 



Googk 



DEC ( 

Scapigliato, Scavetuusollo, Il nostro é 
un frantesismo usalo assai frequente^ 
mente anche dai Fiorentini, i quali, 
come osserva TAlb. enc.» dicono i>e- 
boscia e Debosciato^ voci che leggonsi 
anche nelle Rime d^ua aut. pis. 

Debù. ... Il primo salire in palco-; il 
primo montare il palco scenico. >Oal 
fr. DebuL S^ incomincia a dire anche 
parlando delP iniziativa d* alcuno in 
altri esercizi 9 come del montare la 
prima volta in pergamo» e simili. 

Debuta. Esordire? Montare il palco sce- 
nico, il pergamo, ecc. per la prima 
volta. Dal fr. Debuter. 

Debutànt cominciano anche a dire alcuni 
sustantivamtnle nei sig. di cui sopra, 

Decadùu (e ant Decasgiàu). Decaduto, 

Decèlogh. Decàlogo, 

Decaminénden o corénden t. cont. e br. 
^ co/va. Correndo a furia. /^. in Scórsa. 

Decampa. Declinare da ckeccliessia. Ce- 
dere. Allentare, Desistere, Rinunziare 
a cFì€Cchessia,^esognsL decampa de sti 
pretes. Bisogna allentare tali pretese 
— Decampare ha Min., ma soltanto 
in senso di Levare il campo. 

•Decàn. Decano, 

Decanta. Decanaio, 

•Decàpp. Daccapo, Da capo. 

De che. DapponquàfJ^vg, Fiag, IV, iSg). 
Dacché, Da che. Dappoiché, Dappoi 
in qua che, 

Decìd. Decidere, Far decisione. 

Decid. Decidere. Montare, Importare, Per 
es. £1 decid sossenn de vess insci, ecc. 
Monta assai che la sia a questo modo, 

Becìs. Deciso, Color decis. Colore schiet" 
io? Colore serratissimo? (Pr. fior. IV, 
III, io5). Il fr. Couleur prononcée,* 

Decisión. Decisione, 

tDecisiv. Decisivo, 

Declina. T. gram. Declinare, 

Declinazión. T. gram. Declinazione, 

DecoUazión. Decollazione, 

Decoràa. Crocesignato, Che ha croce d*o- 
nore, insignito della croce di cavaliere. 

D^coT^zión, DisHntiiH} d'onore? Nome ge- 
nerico indicante ogni insegna d^'ordine 
cavalleresco di etti altri sta fregiato. Si 
«pecifica poi particolarmehie in Ondin^ 
Cros d*onorf Crascià^ Bindellin^ Me- 
daja^ ecc, secondo qualità, classi, ecc. 

Deeòlt. Decotto, Decozione. 



14 ) DED 

Pinol de cnsinna e deeott de can- 
tinna. Pillole di gallina e sciroppo di 
cantina, Scherz. per uova e vino. 

Decottin. Decotdno, Leggier decotto. 

Dccozión. Decozione* Decotto, 

Decrèpet. Decrèpito, TYaivecchio, D'estre- 
ma vecchiezza. 

Decreta. Decretare, 

Decretàa. Decretato, 

Deorelin Quattro righe di decreto. 

Decretón. • . . . • Gran decreto ; decreto 
di grand* importanza. I decreti isti-* 
tuenti il Regno d* Italia, la Coscri- 
zione , le Esposizioni pubbliche d'^og- 
getti di belle arti e di manifatture 9 
e r Istituto italiano furono decretón. 

Decréti. Decretò, 

Decrinà. v. coni, brìanz. Declinare. Sce-* 
mare. Per es. £l temperai el decrinna. 
// temporale scema o si va calmando. 

Decrottoeàr. Lustrastivtdi{* fior,). Dal fi*. 
Décrotteur. È quegli che fa professione 
di ripulire gli stivali o le scarpe con 
vernici 9 ceretle o simili. 

Decùria. • . . Nelle Scuole è della cosi 
una Squadra di scolari affidala a uno 
di loro detto Decarion; ed anche la 
^Lista nominativa di tale squadra coi 
meriti respettivi diurni degli sc<^rì. 

Decurìén. Decurione. Nome di ciascuno 
dei sessanta patrizj componenti il Con- 
siglio municipale della nostra città che 
resse fino al 1796; nome che si cambiò 
poi in quello di Consister comunale. 

Decurión Nelle Scuole è detto 

cosi queirAllievo che ha vigilanza sulla 
squ'adra di scolari detta Decuria. 

Dedé. Foce usata nella frase Fa norin 
dedé. Fare a te te o alle mammucce. 
Trastullarsi in cose frivole come fan- 
no i bambini. 

Dededént. Entro, Dentro, e fzm. Drento. 

Dededrée. Per di dietro. Dietro. 

Dedefoeùra. Esteriormente, Per di/itora. 

Dedelà. Di là. Va dedclà. fattene' di là. 

Dedeli. Di lì. 

Dedenànz. ^. Denànz. 

Dedént. Dentro. Internamente. Entro, 

Dedesóra. Di sopra. Sopra, 

Dedesòlt. Per dì sotto. Sotto. 

Dèdica. Dedica. Dedicazione. Dedicatoria. 

Dedica. Dedicare, 

Dedicàa. Dedicato. {dotto. Dedutto,. 

Dedótl. Diffaicaio.DibeUuto, DidoUo* De- 



Digitized by 



Googk 



DEG ( 

Bedrée. s. m* // Éovescia, La. parte poste- 
riore di cheochessia. K. anche Schenàl. 

Dedrée. avv. Dietro. Di dietro. 

Dà el nas dedree o Bofia dedree. fig. 
Dardi naso in cupola, V. anche in BoSk. 
Fa el diavol coni i pee dedree. 
y. in Diàyol. 

Dedree. ... I no8ti*i ragaszi sogliono 
gridare Dedree dedree quando veg^ 
gono alcuno agga vignarsi o starsi se- 
duto sulla pedana posteriore delle 
carrozze , come per avvisare i coc- 
chieri di quel peso più a passavolante. 

Bedreevia. Dietrovia. Dietro, Di dietro. 

Dedrlzs e Daddrlza. Da senno. Bene. 
Da bene. A do^re. 
Partii dedrizz o dedrht /^.i» Partii. 
Se ré fada dedrizz, la pias anca 
la crosta del pastizz. y. in Pastlzz. 

Dedù. Dedurre. Diffalcare. Dibattere. 
Sbattere. Defalcare. Sottharre. 

DeduziÒB. Deduzione. Sottrazione. jDe- 
falco. Diffalco, 

Deèssa disse il Porta per Dèja. F. 

Defa. p*". in Fa. 

Defeni o Defini. Finire. Terminare. Dove 
vceurel andà a defini con sto descors? 
Dove vuol ir a parare? {FBg. Avaro pu^ 
nito I9 5). Dove tende eglif dove va 
egli a parare con questo suo dire? — 
Dove vaia a defeni sta strada.' Dove 
mette capo questa via? — L*è andaa 
a defeni maa. Finì malamente. 

Dejfesta. Ceppo. Mancia o donativo che 
si dà per ]o più ai fanciulli nella so- 
lennità del Natale di Nostro Signore. 
Il suo diminutivo sarebbe Cepperello 
secondo il Tom. Sin. p. laa. 

Paga defesta À quegli amici 

e conoscenti che vediamo nel loro 
giorno onomastico o che tnconiriamo 
con indosso alcun abito nuovo, o lieto 
per alcun fausto avvenimento soglia- 
mo fare questa domanda Paghei de 
festa? £ que^talt secondo voglia e 
potere soddisfanno Tinchiesta col pa- 
gare una colazione, un pranzo, o sim. 

Déficit. • . . . Manco , ammanco di som- 
me o sostanze. Dal latino Deficere. 

Defila. T. milit. Sfilare -- Filare. 

Degià. Giacche. Poiché. Dacché. 

Degiùn, Degiunà. V, Digiùn, Digiuna. 

Dègù. Degno — Condegno. 

Deguàa. Degnato. 



iS) DEL 

Degnasi. Degntarsi. 

Degnazión. Degnazione. 

Degradai y. Trà-giò in Tra. 

Dèja. Dea. Dia^ e anticam. Iddla t Deessa. 

DéL Dello, Del 

Delasoré. i2e(Diz. nuis.). Delasoré(V«a* 
Poet. II, ^iii, 9). 

Delega. Delegare. Deputare. 

Delegàa. Delegato — k altresì il nome 
di quel magistrato che rappresenta 
il Governo nelle varie province del 
Regno lombardo-veneto ; magistrato 
che dal 1760 fin verso il 1800 dice- 
vasi Intendente politico ^ e a"* tempi 
del Regno d^Italia Prefetto. 

Delegaziòn. Delegazione — È altresì i^ 
nome della magistratura altre volte 
detta Intendenza politica e Prefettura, 

Delfìn. Delfino. 

Delfìnna. Delfina. 

Delfìnna. Deìfina(k\h. basa, in Dauphine). 
Scangé? Stoifetla di lana o di seta 
imitante il moerro cangio. 

Delibera. DeUberaùonei Aggiudicazione. 

Deliberà. Liberare. Deliberare. 

Deliberà. Aggiudicare. 

Deliberàa. Deliberato. Aggiudicato, 

Deliberatàri. Deliberatario. Aggiudicator 

Delicàa. Delicato. Dilicato. (jrio^ 

Delicaa de conscenza«CA« si fa stret* 
ta coscienza delle cose. Delicato di 
coscienza. 

. \e%s pceu minga tant delicaa. Non 
essere gran che dilicato; e fam. Non 
la guardare in un filar d* embrici. 

Delicàa. Delicato. Squisito. 

Delicadin. Delicatello. Delicatuzzo. 

Delieadìn(parl. di stoffe o colori). Ge/t- 
tile. Delicato. 

Deligénza o Diligenza. Diligenza (Mh. 
bass.)* Sp. di carrozzone. F* in Lègn. 

Deligeri. v. idiot. o sch. Digerire. 

Delimà. Dilimare^ e ant. Delimare. Dile- 
guare. Struggersi. 

Delin delin. Tintin. Voci imitanti il suono 
del campanello. 11 prov. Derlin derlin. 

Deliqui. Svenimento. Sfinimento. Sincope. 
Andà in deliqui. Svenire. Basire. • 

Delira. Delirare. Farneticare, troneggiare. 

Delirante. . . • Spasimante, ganzo» damo* 

Delìri.De/i'no. Farnetico» F'aìieggiamentQ. 
Andà in deliri. Delirare. 

Dditt. Delitto. Misfatto. Maleficio. 

Delizia. Delizia -^ J^oluttà. 



Digitized by 



Googk 



DEN ( 

sii d« deliùa. Luogo di «Mùm. 

DelizièUa. f^ in Paradiski. 

T>eììzi6s.Deli%ioso. roluttuoso — DeUxiàle. 

Delsadèss per Dessadèss. f^. 

Delutà. T. a. del f^ar. Burlare. Deludere. 

Ddùvi o Dilùvi. Diluvio. 

Ai viutisef sant'Anna, e ai vintisett 
el deluvi. Ecco lo Sparecchia, Ecco 
il dilmione^ il diluviatore o la dilu" 
viatrice, £ dicesi per tacciare chic- 
chessia di voracità eccessiva. 

Delùvi e Dilùvi. ùgMìuvionc' Diluviatore. 
Divoratore. Corpo disabitato. Gola di- 
sabitata. Gran, mangiatore. K. Lùdria. 

Delzadèss per Dessadèss. f". 

Demanimàn o Demenemàn. Di mano in 
mano. 

Demérit. Demerito. Mal merito , e poet. 
Demerto. ' 

Demèzz. Mezumità , e Bg, Temperamene 
io. Accomodamento, Ripiegò. 
' Piatt de mezz. y. in Piàlt 
Toeù o Giappà on demezz. Prendere 

' una via di iiiAa0(Machiav. Opere VL^ 
95). Temperare, decomodare. 

Demiss ión. Rinunzia alt impiego. 

Da la soa demission. Rinunziare al" 
Vimpie*go — Risegnare — Abdicare. 

Democràtegh. Democratico. 

Demòni. Demonio. K. Diàrol e Diavolèri 
Vess on demoni in cama. Esser un 
diavolo in carne ^ un demoniaccio. 

Demoniètt. Demonietto, V. Diavolétti 

Denà. v. a. Da lungo tempo. Il lat. Dia, 

Denànz o Deàenknz. Innanzi, Dopanti, Di'' 

nana, e ant. Denunzi, 

Denanz che. Prima che. 

Podè sta denanz a qualunque ga- 

lantomm. . . Dicesi di persona o roba 

egregia nel suo genere, f^. Galantòmm. 

Sta denanz. fig. Entrar mallevadore, 

Denànz(on). T. degli Occhiala] 

La parte anteriore della cassa d'un 
occhiale, cioè quella che abbraccia 
le lenti e accavalcia il naso. '* 

Dénc. K. Dént. 

Dencià. Addentare. 

Denciàda. Dentata, Colpo di dente. Il 
provenzale Dentado o Coou de dent. 

Denciàtter. Dentacci. Pegg. di Denti. 

Dención. Dentaccio (Dens immanis). 

Dencióu o On dencion d^on omm 

Uomo che ha denti grandi e sporgenti. • 

Dencitt. Dentini(FBf^, Jl Pod, spiLU 10). 



16 ) DEN 

Denominatón T. arìtm* Denominatore 
(Pros. fior. IH, it, 46). Quella cifra 
d*un rotto la quale indica in quante 
parti fu diviso Pintiero onde fu tratto. 
Denónzia. Disdetta, Licenziamento che 
si fa della casa ove altri sta a pigione 
o del podere che si ha a fitto. I diz. 
itaL hanno Disdetta soltanto in senso 
di quel rifiuto che fa uno dei socj o 
tutt* insieme di seguitare una spcietà 
mercantile i ma (oltre che Questa voce 
trae i suoi natali da Disdire che an- 
che que* diz. registrano in ambedue i 
sensi, e di disdire la casa, e di disdire 
una società mercantile) il Fagiuoli usa 
più volte nelle sue commedie Disdetta 
nel preciso senso della nostra Denónzia. 

Dà la denónzia. Disdire il podere, 
. il fitto, la casa. Licenziarli. 

Denónzia in botta o sul fatt. Disdetta 
in tronco{(fkor. Georg. VII, 6i). 
Denónzia. Dinunzia, Rife^to? Mett-giò la 
denónzia. Porre la dinunzia. Dinunr- 
ziare. Scrivere il ri/erto? 
Denon'zià (la cà). Disdire. V. in Denónzia. 
Denota. Denotare. Dinotare. 
Dént o Dénter. Dentro. Entro. Dent del 
IcBugh. Dentro alo del o dal o il luogo. 

Andà dent. Entrare. Andar "dentro. 
Entrar dentro. Internarsi. 

Andà dent e foeura. F. in Foeùra. 

Andà denter tanti dance in d^ona 
cossa , tanti brazza de pann in d* qu 
vestii , ecc. ; e così Andà dent a muccy 

a fass , ecc Occorrere, bisogliare , 

volerci tanti dati quattrini , tante date 
braccia per alcun^opera , veste e sim. 

Boria dent. Incappare. Incorrere. 

Dà dent in quejcoss. Percuotere in 
quaÌcosa(ATÌd. IH , a). Urtare in chec" 
chessia -^ Inciampare, Dar dentro. 

Dagh dent o denler. Lavorare a 
mazza e stanga. Darvi dentro. 

Dagh dent. Dar di falce aHa spiga. 
(Assetta I, 6). Pigliar la voga. Darvi 
dentro. Incominciare un lavoro. 

Dagh deai. Rimanerci schernito, ecc. 

Dagh dent ona robba Com- 
prendere checchessia in un contratto 
per parte di prezzo, vendita, ecc. 

Dà in dent on maa. Rientrare? 

De dent gh^ è el marsc o la manga- 
gna. Dentilo è chi la pesta. Suol dirsi 
quando noi crediamo che V interno 



Digitized by 



Google 



DEN (17 

di chi aJ'di fuori mostra sanità o 
letizia non corrisponda airestemo. 

Dent finna al coli. Immerso fino agli 
occJu{^m. citando TAriosto per ispo- 
glio del Parenti). 

Dent per dent. Di' quando in quando» 
Di tempo in tempo. Interpolatamente. 
Di distanza in distanza. 

Fa o dent o foeura. Fare un fatto 
o guaito (Mach. Op. VI, ni). 

Fagh dent la tomnia. V. in Tòmma. 

Menagh dent, e Menagh dent la eoa. 
y. in Mena e Cóa, 

Metteghel dent o dent longh. Ficcare 
un porro dietrouia. Calarla. Accoccarla. 

Mettes dept. Metter mano in checr 
chessia. Dare opera a checchessia. 

Mettes dent cont i man e cont i 
pee. Mettercisi col t arco dell'osso. 

No andà né dent ne foeigra. Essere 
un i enne onne. Essere incerto, esita- 
bondo, in fr addile. N'étre ni dedans ni 
déhors dicono i Fr. P"". ancìie Foeùra. 

O dent o foeura. O fatta o guasta^ 
e talora O Cesare o Niccolò. ^ 

On dent-e-foéura. F. in Foeùra. 
• Torna dcnt^ Rientrare. 

Vess dent. Esser baggeo. Averci poco 
peccato. Non intendersi di checchessia. 

Vcss dent o Voss dent a moeuj. 
Essere cotto ^ intabaccatOf ecc. /^. Còtt. 

Yess dent in d' on negozi 

Aver parte in un traffico, in una bottega 
— in d'Iona Ut..-. Averci parte, entrarci. 

Vess dent o dent in la banda. Esser 
un bruco j un tritane, un pelapiedi. 
Esser povero in canna parlando di 
persone — .... Esser logoro , maga- 
gnato, malandato affatto pari, di robe. 

Vessegh dent. Aver le mani in una 
77i<zterra<Magalolti II , i6a) — Essere in 
causa. Chi no gh'^è dent se le ciappa 
minga colda. A dà ìwn tocca V inte- 
resse proprio o Chi non ò ih causa 
si piglia le cose piti consolate. 

Vessegh dent anca chi V ha faa. Es- 
servi dentro il maestro{Vocah. bresc. 
Mclch. senza citare autorità). Dicesi 
d'^ogni manifattura oltremodo pesante. 

Vessegh dent la roicca. f . in Mìcca. 

.Vessegh dent nagotta. ..... Mudo 

di dire che si usa per indicare non vi 
essere nella soggetta materia malignila, 
cattiveria, frode o sim.^ C talora anche 

rol. IL 



) DEN 

per significare V imbecillità d^alcuno; 
e in questo caso direbbesi italiana- 
mente Averci poco peccato^ 

Vessegh dent iuXt. Simigliare affatto. 
Esser il tale pretto sputato. 

Vessegh minga dent eoo. Essere 
cosa sconsigliata. 
Dént o Dénc^ e cont. Dine. s. m. Dente 
B« Boeucc. Alveoli forellini nei quali 
stanno incassati i denti — Collo del 
dente quella parte di esso che sorge 
immediate fuor delFalycolo — Coron- 
na. Corona la sommità — Smalto la 
tunica bianca che lo veste '^ Badis. 
Radice o Radica quella parte che sta 
internata nelle gengive — Gnerv. Am- 
metta il midollo la Chi per difetto di 
denti pare che sibili antiche parlare 
dìcesi Bioscio — I bei denti eburnei 
sono detti da^ poeti Perle, e le due 
parti della dentiera due Filze di per- 
le — Di chi non ha denti in bocca 
si suol dire scherz. che ha la bocca 
sferrala. Rimettere, i denti fu ^ur 
detto scherz. Riferrar la bocca. 

Andà-foeura i dent. Cadere i denti. 

Avegh i dent tutt bus. Avere la den- 
tatura bucherellala. 

Avegh la rabbia in di dent. dvef la 
gina ne* rfent/(*arct. — Vocab. aret.). 
Dicesi di quel gran prudore nelle gen- 
give di cui danno vivi segni i bambini 
allorché stanno per mettere i denti. 

Ave i dent finna in gora. fig. Pi" 
gliare per san Giovanni. Essere venale 
air eccesso. 

Balla o Dondà i denU Crollare i denti. 

Besognà mostra i dent al loflf. Chi 
pecora si fa, il lupo se la mangia. La 
malvagità vuol essere ribattuta forte. 

Carna che dà al dent. F- in Càma. 

Cascià-foeura i dent on pontsora 

fig Lo ^icono le donne dei sop- 

punti ineguali, mal fitti e che a luogo 
a luogo mostrano troppo il punto. 

Cascia i dent. Mettere i den^ 

Cava i dent. Cacciare o Trarre di 
bocca i denti. Cavare i denti.' 

Qavalier del dent. y. in Cavaliér. 

Dent a resici!. Denti a bischeri, 
cioè lunghi e radi. - i 

Dent bus. Dente buchcì-ellato. 

D^nt che sponta. Barba o Nascenza 
di dente. 

5 



Digitized by 



Googk 



DEN ( 

Cent canin. Denti canini. 

Dent cont d calci aazz. Dente ntg-^ 
gincso col tartaro o col adcinac&o. 

Dent de la sapienza o del giudizzi. 
DenU, della sapienza. Denti del giudizio 
(Mio. citando Demarcbi); e dottrinai. 
Crantéri, Nome di ciaBcuno degli ul- 
timi due denti molari. 

Dent de latt. Denti lattajuoli. 

Dent dcnanz. Denti incisivi, 

Dent de presa. Sanme, Zanne, (lari. 

Dent ganassal. Denti mascellari o mo^ 

Dent giazzceu. Dente i^e trino o mar- 
molino o diacciuolo. 

Dent guast^Dente guasto^ magagnato^ 
tarlato, cariato, carioso, intarlato. 

Dent mal inguaa. Denti ineguali. 

Dent marsc. Dente fracido. 

Dent oggiaa. Denti occhiali. 

Dolor de dent. Duolo o Mal dei denti. 

Dondà on dent. Dimenarsi un dente. 
Hoo sentii cli^ el dent el dondava. 
Sentii che il dente si dimenava{SsLCch. 
Nov. 166). 

Fa i dent o Spontà i dent o Cascia i 
dent. Mettere o Spuntare i denti - Den- 
tiziotte «» pari, del cavallo Dentare, 

Fa vegnì Tacqna ai dent. fìg. r. in 
Acqua. 

Ferr de cava i dent. Leva. Deprcs^ 
sore^ e dott. Dentagr^a? 

Lalengua la batt dove doeur el dent. 
£g. La lingua batte dove il dente duale. 

Ligà i dent. Allegare i denti; e met. 
Non mangiar di una cosa, cioè non 
intenderla, r. in Ligà. 

Mena el dent. fig. Dare il portante 
ai denti. Far ballare i denti. Mangiare. 

Bloià i dent. fig. Far ballare i denti. 
Dare il portante ai denti. Sbattere il 
dente. Ugnere il dente. Toccare col 
dente. Mangiar saporitamente^ e talora 
anche fra noi Prepararsi a pacchiare 
molto. Anche i Frane, dicono in questo 
sig. Aiguiser ses dents. Il Petrarca disse 
in sQuso affine Indurar V ugne. e i denti 
per vendicar suoi danni. 

Mostra i dent. fig. Bagnare, Piagnere 
indosso. Dicesi de*" vestiti quando co- 
minciano ad essere logori. 

Mostra i dent a vun. ùg. Mostrare 
i denti ad alcuno. Opporsi ardita- 
mente; e fra noi più specialmente 
Parlar con vigore 9 con autorità» con 



18 ) DEN 

rampognlo ad alcuno. Quel che anche 
i Francesi dicono Montrer les dents. 

Muda i dent. Mutare i d^nti; e par- 
lando di cavalli e sim. Uscir di den- 
tini. Mutare. 

O el dent o la ganassa. Qui bisogna 
o bere o affogare. O folta o guasta. 

Paga duu oeucc e on dent. F', in 
(Eùcc. 

Parla o Cantalla feura di dent. Dirla 
fuor de^ denti. Dare le carte alla sco- 
perta. Parlar liberissimamente. 

Parla in di dent. Favellare fnCdenii» 
Dire checcliessia fra' denti; e fami- 
gliarmente Avere o Parere un cala- 
brone in un fiasco. 

Polver per i dent. Dentifricio. 

Quand s^ insogna che va foeura i 
dent. .... il nostro volgo teme pros- 
sima la^ morte; e i volghi sono tutti 
uguali, giacche Tidentica paura viene 
irrisa dal Varotari nella Satira 6.* 
del suo Fespajo stuzzicato parlando 
delle osservazioni superstiziose del 
\olgo veneziano. 

Remett i dent. Bifnettere i denti po^ 
sticci , e scherz. Riferrar la bocca. 

Sbatt t dent. Batter le gazzette. 

Sbusass i dent. Cariarsi i dentin 
^ Scrizzà i dent. Dirugginare o Digri- 
gnare i denti. Stropicciare Vun col- 
l'altro dente, 

Streng i dent. . • • . . Strignere i 
denti dalla rabbia* 

Tegnl ì man a c& soa e la lengua 
dent di dent. ff, in Léngua. 

Tiralla cont i dent. fig. Assotti- 
gliarsi, Stiraéchiare le milze, Fìvere di 
limatura o a spilluzzico o magramente. 
Stare a stecchetto. Piatire il pane. 

Tocca nanca on dent. Non toccar 
Vagola. Essere una fava in bocca ai- 
Vorso o al leone. Dlcesi de'^cibi troppo 
scarsi a paragone dclF appetito. 

Toeuss o Robass el pan fceura di 
dent. F. in Pan. (Càma. 

Trova carna per i soeu dent. F, in 

Vcss franch del dent. fig. Aver una, 
cosa nel carniere. Si dice quando uno 
tiene d^aver checchessia più che sicuro. 

Yess. minga carna per i soeu dent. 
Non essere da lui. L'è minga carna 
per i toeu dent. Ben sài che V asino non 
Ita luogo in crosta. F. anche in Cèrna. 



Digitized by 



Googk 



DEN ( 

Dént. DentB» rCe*cavaIli si distinguono 
cogli «ggìuntì che sieguono: ' 

Dent barbi roeù. Quadrati, l^erzo 

morso. I denti piccioli serrati intieri 

che il cavallo muta per la terza volta. 

Dent bus. Scaglioni. Denti seienni. 

Dent de mezz. Di mezzo. Venie mez^ 

zano. Secondo morso, , 

Dent de latt o D'entin. Dentìni(lastrì 

IV, 64 e pass.). Primo morso, 

Dent in costa. Fagiuoli e dottr. 
Gnomoni, I quattro denti che nascono 
ai cavalli dopo V età di quattro anbi , 
sitnati fra gli scaglioni e i denti di 
mezzo. 

Dentòn. Denti mascellari*^ 
Fa i dent. Dentare, 
Lassa i primm dent* Uscir di den- 
tìnUlittstri Op, pass.). Mutare, 
Dént. Tacca. Quel po' di mancamento 
che nasce nel filo dei coltelli o altri 
ferri taglienti. 
Dént. Dente, Dentello, Nelle ruote, nei 
cilindri, nei pettini, neVastrelli, nei 
rocchetti e simili sono quegli sporti 
che hanno figura di dente; 
Incastra a dent. Indentare, 
Dént. Becco(Aìh* enc. in Becco per in- 
duzione — Diz. artig. in Scatto), Quel 
ferruzzo rostrato che fa parte dello 
scatto delle armi da fuoco e serve a 
tenerlo montato. 

Dent de mezza monta. • . ; Becco 
di mezzo scatto. 

Dent de tutta mónta. . . •'. Becco 
di tutto scatto» 
Dént. Cóniéra» Nelle cave delle pietre e 
de'^marmi è il nome di quelle intac- 
cature che vi si fanno per incomio- 
ciare lo scalco di ciascuna saldezza. 
Denlàa. Dentello. Ognuno di quegli 
sporti di mattone che formano la cosi 
detta Dentada del soprarco d^ una 
bocca di fornace da mattoni o tegole. 
Dentada. Addentellato? 11 complesso di 
tutti que^ dentelli o mattoni spor- 
genti in una fornace òhe abbracciano 
il soprarco delia sua bocca. 
Dentadùra. Dentatura. La serie, Tordine 
dei denti cosi animali come meccanici. 
— Dentadùra rimessa. Dentiera, 
Denlàsc. Dentaccio. ' 
l^énìrde-eBn.Calcagnttola.Brunitojo.Dente 
di cane. Specie di scalpello da scultori. 



19) DEP 

Dentèll. T. d*Àrchit Dentello. 

Dénter. Dentro. Lo stesso che DénU V, 

DenXÌxì.Denticeilo. Dentino, Picciol dente. 

Dentln (ne' cavalli). K la poce in Dént 
riga 9.« della colonna i.* di questa 
pagina. 

Dentina. T. de*Fab« d'^org. . . . Dare 
la forma addentellata alle animelle 
che hanno ad esser poste nella bocca 
delle canne d'organo, il che si fa 
collo strumento detto Dentinadór, f^% 

Dentinàa. T. de'Fab. d'org Ag- 
giunto dell'animelle addentcllat6« 

Dentinadór. T. de'Fab. d'org 

Specie di rotellina immanicata la quale 
serve a fare l'addentellato nelle ani- 
melle da canne d'organo, 

Dentinadùra. T. de'Fab. d^'org. ... Il 
lavoro deir addentellare le animelle 
deUe canne d'organo. 

Dentiroeù. s^, a, Dazt Mere, per Tetti- 
roBÙ. K 

Dentista. Dentista(klh. enc. in Bucherel- 
lato e Dente)» Cavadenti, 

Dentòn. Dentane? Gran dente — Nc'cih 
valli^ Vedi sotto Dént riga 16/ co- 
lonna i<* di questa pagina. 

Denunzia. F. Denónzta. 

Deogràzias. Dio sia con noi. Dio ci mandi 
bene* Modo di annunziarsi all'entrare 
in casa altrui che usano alcuni in 
luogo del comune Oh de cài Chi è 
qua} O di casa! 

J)eograzias sodisfaa Modo di 

render grazia dopo preso alcun cibo^ 
che usano alcuni , e spec. i religiosi* 

Dèos. F. Deus/ 

Depée. F. in Pè. 

Depénsg. Dipingere, V* Pittura* 

Depensgiùu. Dipinto. F» Pittùràa. 

Depèrdes. F* Dìpèrdesv 

Deperlée, Deperlù, Deperlóf , Depenni 5 
Deperti, Deperviùlter. Di per sé o 
Dipersè o Disperse , Da sé solò , Da 
loro soli 9 Da me solo. Da te solo. 
Da poi soli. 

Depodisnàa. Sera» V, per l'ambiguità Sira. 

Dcponént. T. gram. Deponente. 

Depònn. Deporre, Diporre. Noi diciamo 
Mett-giò e Tra-giò ne^sig. di Deporre 
. o Posare, e di Rimover di carica. Usia- 
mo però bepònn nei signif. Seguenti: 

Depònn. Posare parlandosi di liquidi 
che si defechino. 



Digitized by 



Google 



DER ( 

DepÒDn. Diporre» JDipositare. Dare in 
deposito, 

Depònn» Diporre. Testificare, Attestare. 

Deponùu. Deposto, Diposto. Posato — Di- 
posto. Testificato '-Diposto. Depositato. 

Deporlàa. Candeggiato. Disbandeggiàto. 
Belegato. Deporlàa è Toce da noi co- 
nosciuta dopo la relegazione sofferta 
a Cattaro nel 1799 dai Repubblicani 
Cisalpini. 

Deportamént e Depòrt. Condótta. Dipor- 
tamento. Portamento. Procedere. 

Depós. y. Dapós. 

Depòsel e Depòsit. Deposito. Diposito. 
La cosa depositata. Quegli che dà in 
deposito chiamasi Depositatore o De- 
ponente ^s^ì riceve Depositario o Di- 
posiiario^ e se è donna Depositaria; 
il luogo del deposito dicasi Deposi- 
terìa o Dipositerìa. 

Fa on deposet. Diporre. Dipositare. 

Depòset e Depòsit. Posatura. He^idenza. 
freccia. Sedimento, • / • > 

, Deposita. Depositare. Dipositare. 

Deposita. Schiarare. Posare. Deporre le 
fecce. V. Depònn. 

Deposizión* Deposizione. Depasto. 

Deprefòn^lis. Deprofundis. . 

Depuiaa. Deputato. , 

Deputazión. Deputazione, Andà in de- 
putazion. Andar deputati ad alcuno. 

Dèrbeda o Dèrbita. Èrpete. 

Derelitt. Derelitto. Abhandonatissimo, 

Derenéra. Lombaggine. Mal di lombi* 

Deriva. Derivare. 

Dèrla. s. f. e Derlón. s. m. Mallo. Il pri- 
mo guscio della noce. 

Derlà. Smallare, Levare i malli alle noci. 

Derlón. K. Dèrla. 

Derocàa. Diroccato, Disfatto. Rovinoso. 

Deroga. Derogare. Dirogare, 

Derómpes. Sciorre le membra. Darsi vi- 
ta. Muoversi, 

Dersètt. Diciassette, 

O pejc gett o per dersett. y. in Sèlt. 

Dersettre-mèzz. s. m L^ottavo del 

croc^jne, moneta cosi detta dal valere 
soldi milanesi diciassette e mezzo. 

Dervi (e nel contado Darvi ed anche 

,,Arvì). Aprire. Schiudere. Diserrare, 
DiscfUudere; e ant. Oprire, Anche. i 
I^rovenzali hanno Darl^r, 

Chi ben. sarà ben dcrva. Salvo si 
rende quel che ben si guarda, F» Sarà. 



ao) DE3 

Dervi' a vun. ApHre ad alcuno « 
<9ioè aprirgli la porta di casa. 

Dervi-foeura. Aprire 9 e per inten- 
sione Spalancare. 

Dervii-foeura lassella andà. Egli lan- 
fila o scaglia o sbalestra. Anunanna 
che io lego. Dicesi a chi iperboleggia. 
Dervi in duu. Dimezzare. Spaccare. 
Dervi i ocucc. V. in Aàcc. 
Dervi la bocca. F, in Bócca, in. 
Desgràzia» e in Rid. 
Dervi. Hg. u!/;7rtne(Salvini Prose I9 4^^ 
che usa anche in e guai senso All'aper- 
tura di . . .). Dar principiò, Zncomin- 
* dare. Entrare a o in. 

Dervi Tasta, la seduta e sim. Aprire 
o Incominciare l'asta^ la seduta^ ecc. 
Derviss la stagion. r. in Stagión. 
Dervi. Sparare le bestie da macellarsi. 
Derviss. Allentarsi. Crepare; e in mag- 
gior grado ^onzolare, 
Derupàzzi. ) Dirupo ? Macarie o di case, 
Derupéri. ^ o di pietre, erbaggi, terre 
fatta in un punto da fiumi, torTenti , co. 
Perùsc. y. Darùsc. 

Derus.c come ona sprella. K Sprèlla. 
Deruscà. iS^^^rc. Spellare, Stracciai* la 

pelle. Il fr. EJleurer, 
Deruscàa. Sca\fito% Spellato. 
Deruscadùra. Scalfittura. Spellamenio. 
Escoriazione della tenera cuticola. 
, Dés. Dieci , e anche Piece. 

Chi fa a so moeud scampa des ami 
de pù. r. in Moeùd» 

Cinqu e cinqu des, la cavalla V è 
nosla. y, in Cavalla. 

Ciuqu e cinqu des, ti la merda e 
mi i scires. ^. in Scirésa. 

Dann des a andà ai dodes. Dar 
trenta ad alcuno(*£Lor. — Zan. Crez. 
rinc.^ II , i5). Dare altrui quaranta e 
il tavolato. Saperne assai più di colui 
al quale scappi Ica il dettato — Il uo- 
stro proverbio pvova giuoco nostro 
favorito le pallottole; Taltro, giuoco 
favorito ai Toscani la paliacorda. 

Fa trenta e des vint(o simili). Fare 
di trentatrè undici (Monos. , p. 4^i). 
Anzi che guadagnare in qualche ne- 
gozio, .scapitarci. È simile s4r altro 
Menagli dent. f^. in Mena. ^ 

Queil di des. //. decimo, 
Robba des , donanden quatter en 
. resta se;5. .K in Sés. 



Digitized by 



Google 



DESB (aj 

Dea. Dis. S. Es, Des. Particella per lo 

più distrulli va che preposta a verbi 

ed ancbe a sostantivi fa V uilicio del 

Dis o del Di o deir S italiano , come 

Desdi 9 Deslazzà , Destane , Destrigà. 

Disdire y Dilacciare^ Stanare ^ Stricare. 
Desabiglié (In). Lo stesso che In agher 

de zeder. )^. Zéder. Desabiglié è un 

pretto franzesisroo. 
Desabitàa. Disabitato. Ermo. Spopolato, 

Disabitato di gente* roto d'abitatori. 
Desabusà. abusare. 
Desabusàss. Sgannarsi. Disingannarsi. 

Dal francese Se désahuser. 

« Ot porer marter , eh' el se desabasa , 
. » Ch'a rè pesgiò la scasa che né el fall.» 
( SraAcl. Bad. Men. ). 

Desafitàa. Spigionato, 

Desagregà. Segregare, appartare — Dis^ 
separare — Dismembrare. 

Desagregaa. Segregato. Appartato. 

Dcsanimà. Disanimare. Scoraggiare. Sco^ 
raggire. Tbr V animo. Fare altrui pen- 
dere t animo. Disgomentare. Discorare. 
Avsfilire.Sbigottire^omentare.Scorare. 

Desanimàa. Disanimato. Scoraggiato. Sco^ 
rato. Discorato, Discoraggiato. 

Desanimàss. Disanimarsi. Perdersi d'or 
nimo. Discoraggiarsi, 

Desaprovà. Disapprovare, 

Desaimà. Disarmare. 

Desarmàa. Disarmato — . Inerme, 

Desàsi. s. m. Sciupone* Strassinone, CJd 

. fa diserto della roba. Sprecatore. Gua- 
statore. Disjattore della ròba. 

Desasión. Gran sgrassinone. 

Desassuefìi. Divezzare. Sve&zare, Divez^ 
zane. Disvezzare. Disusare alt. 

Desassueiaa. Divezzo{'Mach.Op. IX»a82-5X> 
Disassuefatto. Divezzato. Disusalo. 

Desavià. Sviare. Traviare. Scioperare* Il 

. provenzale Desaviar — - Desav^àss-via. 
Spassarsi. Passar mattana. Smattonare. 

Desaviàa. Disviato, y. Desbandào. 

Desaviàa. ..... Che non ha» o che 

ha perduto ravviamento, e dicesi 
parlandosi di negozj, botteghe 9 ecc. 

Desballà. Sballare. Contr. d** Imballare. 

Desballà (die anche dicono Cavò). T. dei 
Bamieri. . . . Cavare della cosi detta balla 
i vari ^^^^ rozzi quali vengono dalla 
magona per poi lavorarne utensili. 

Desbaadàa. Scapestrato. Dissoluto. Dia- 
scolo. Sviato. Traviato. Scorretto. 



) tìESG 

Desbarcà. Sbarbare. Disbarcare. 

Desbastì. Disfare l* imbastitura. 

Desbatezzà. Sbattezzare. 

Vorè desbatezzass. dolersi sbattez^ 
zare per maraviglia , stizza o simile. 

Desbellinàa. ^//rt sfattai'SeWi L AstrA, i). 
Incomposto, Disacconcio, Malassetto, 
Disorrevole. Disparuto ^ e peg. Sviva- 
gnataccio. Disconcio. Precisamente il 
fr. Dépenaillé e il lat. Inconcinnus. 

Desbellinàda. Malassetta; e peggioc. Svi" 
vagnataccia. Bandiera. Sciatta. 

Desbilinàa. Lo stesso che DesbellinSia. f^, 

Desbindà.' Sbendare. Toglier la benda. 
Noi raramente usiamo questo verbo 
nel senso dello bendarsi o Disben* 
darsi{^ìì occhi)» ma ai in quello di 
Desbindà on did 9 el eoo, e'sim. ... 
cioè Levare i bendelli da un dito o 
dal capo o sim. infermi. 

Desbirolàa. Scommesso. Scassinato. Uscito 
di perni 9 che ha perduto i Aiastiuoli 
o le caviglie, dissestato, fuor di sesto; 
e metaf. Scassinato. Scombussolato; ed 
anche in altro signif. iig. Svivagnato, 
V. DesbeUinàa. 

Desboscionà. Dare la stura (a una botti- 
glia). Sturare. Levare il turacciolo di 
sughero che diciamo bosción ad una 
bottiglia. Il Débouclier de^ Francesi. ' 

Desboscionàa. Sturato. 

Diesbottonà. Sbottonare, 

Desbottonass la gippa. F". in Mànega. 

Desbottonàa. Sbottonato^ e per estensione 
^bbiato» Scinto. 

Desbrattà. v. deirAlto Mil. Sbraitare* 
Sbarazzare. Nettare, 

Desbriàa. pos. e fig. Sbrigliato. 

Desb rigassi Sbrigarsi. Spicciarsi. Disbri- 
garsi. Dispicciarsi. Spacciarsi. 

Desbroccà. K. Sbroccà. 

Desbrojà. Sbrigare. Strigare. Disimpac-' 
dare. Disbrigare — Disviticchiare. 

Desbroncà. Dibrucare, 

Descadenà. Scatenare. Discatenare. 

Descadenàa. Scatenato, Discatenato — 
f^. anche in DiàvoL 

Descantà. Disonnare, Sdormentarc. Sv^^ 
gliare. Fdsvegliare. 

• Descantà i vermen. fig. Cantar la 
zolfa. Dare una simigliata o una sbri- 
gliatura. 'Scuoter la polvere. Dare un 
rimprovero. F. in Fclipp fìg. 

Descantà. Smaliziare. Scaltrire. 



bigitizedby Google 



DESC ( 

Descantà. Scibrre. Jgevolare. 

Descalità on fior, ona roeusa, ona 
faccia. T. deirArti del disegno. Dare 
anima o V anima. Dar come la vita, 
Aifvis^are ~- Dare pastosità , moìifidez' 
sa, carnosità* 

Descantà ona atadera, ona saradu-r 
ra o sùn, . . . Dirugginare , discìorre» 
slatinare una stadera, una toppa. 
Descantà i man. Sgranchiare. 

Descantàa. accorto. Destro. Svegliato. 

Descantàss. Darsi vita. Snighittirsi. Sgran^ 

Descapellà. Discappellare. {cliiarsi» 

Descapellàa. Scappellaio. 

Descàpet. Discapito. Scàpito, Pèrdita. 

Descapriziàss. Scapriccirsi. 

Descàrega. Sparo, Sparata. Scarica d'*ar- 
mi da fuoco. {scarcare. 

Descaregà. Scaricare. Discaricare. Di" 

Descaregà. Sparare» lYarre. Scaricare 
armi da fuoco. 

Descaregà. Scaricare (Gns. Diz. mìì.). 
Levare col cayastracci la carica deU 
Tarmi da fuoco. 

Descaregà i rooeui. . • . Levar delle ma- 
cine il grano già macerato e sfarinalo- 

Descaregàa. ìSòaricato. Scarico — Parlan- 

Descàregh. ) do di vetture noi diciamo 
anche più volentieri pceiij, V. 

Descarellàss Sciupare o Guastare 

il codrione (e/ carell del cicu). 

Descamà. Scarnare. Discantare; e dottr. 
Scarificare. Noi lo diciamo quasi sola- 
mente parlando d! unghie incarnate. 

Descamàa. Scarno. Scamato. Discamato. 

Descarognàss {che il Maggi disse Desin^ 
carognàss). Disnamorarsi* Snamorarsi. 

Descartà Trarre della carta. 

Descascià per Cascia-via. y. 

Descaviàa. Scapigliato. Discapigliato. 

Descavicc per Desfortùnna. F. 

Descaviggiàa. met. Sventurato. Sfortunato^ 
e per superi. Sacco di disdetta. 

Desceodénza. Discendenti. Descendenza. 

Des-centésem. s. m Moneta erosa 

del valsente di dieci centesimi di 
quella lira decimale a cui si riferbce., 
la quale dicesi anche on Duu^e^-mezz. 

'Oes'cerYelìkss.Discen^llarsi.Dicervellar- 

De-sciàrf Di qua. V. in Scià. (s\. 

DesViodà. Sclùodare. Dischiodare. 

Des^ciodalla. Cavarne o cappa o man-' 
teìlo. Uscir di dubbiezze, definirla. 

Descobbià. Sparigliare — Scoppiare. 



12 ) DESC 

Descodegà. Scotennare. 

Descodegà o Ta*ù-via i lott. . . • Contr, 
di Piotare, spogliare delle zolle erbose. 

Descollà. Scollare. Descollass. Scollarsi, 

DescoUàa. Scollato. 

Dcscolpàss. Scolparsi. Discolparsi. Scor- 
gionarsi. Giustificarsi, 

Descòlz. Scalzo. Discalzo. Discalzato. Coi 
pie* discalzi. 

Descolzà. Scalzare, Discalzare. 

Descoi za. V. cont Scalzare. S(adicare. 

Descòmed. sost m. Scomodo. Incomodo, 
Discomodo. Disagio. Discomodità. 

Descòmed o Drscòmod» ad. Scomodo, 
Malagiato. Disagiato. Disagioso. 

Descomodà. Discomodare. Disagiare, In» 
comodare. Scomodare. Noi per lo più 
lo usiamo parlando di far alzare alcuno. 

Descomodàss. Scomodarsi. Ineomodanim 
Disamarsi» Discomodarsi, 

De.<^compàgn. iS^<xreggxiito(Giuoch. Intr« 
p. 555). Scompagnalo(Thvg. f^iag, I^ 
p. i5o). .^a/ati>(Cecchi Pellegr. 1, a 
in Prov. tose. p. 74)* Scoppiato. 

l}escom^^ga,Dissimile.Diseguale.Diverso 

Descompagnà. Spajare. Dispaiare, Scop-' 
piare — Quagliare — Sparigliare (ca- 
valli) -^ Scompagnare. Discompagnare* 

Descompagnàa. Sc(^piato{MBeh. Op. 1S> 
i4)> V' Descompàgn. 

Descompònn. T. di Stamp. per Desfii. P^* 

Desconcòrdia. Sconcordia. Discordia, Di^ 
sensione. DiscoHùordia, Disunione. 

Desconsacrà. Dissagrare. Sconsacrare* 
Profanare, 

Desconsacràa. Profanato. Esecralo. 

Descònsc. Sconcio, Disacconcio J)isconcio* 

Desconscià. Sconciare. Dtsconciare. 

Desconsciàa. Sconciato. Disconciato. 

Desconsciàss disse il Grossi per Despèr- 
des , Fa* ona despersa. K 

Descontént ( Maggi Interm., pag. i54). 
Scontento. Malcontento. Discontenio. 

Descon tenta. Scontentare, Disconientare* 

Descoppà. T. de^ Macell. . . . Finir d^ana-' 
maszare il bue , stecchirlo. Per es. 
Varda se Te descoppaa .... Vedi 
se la rnazzata Tha finito. Vedi se la 
mazzata Tha tocco nelle cervella. 

Descòrd. > Discorde. Scontato, Disac- 

Descordàa. S cordato. Discordato. Disso- 
nante. Contr. d^ Accordato^ che scorda. 

Descordàss. Scordarsi. Disconiarsi. Dis-* 
accordarsi. 



Digitized by 



Google 



DESD ( a3 

DesoótT o Discórr. Discorrere* Parlare. 
Fopellare, Bagionare, 
' Descorri q vero An4à a descorr! 
InUrjez, simili alP altra Fìguràss. y. 
Descórr de ara belata. Ragionar di 
Berta e di Bemardo{^9tcc\i. Noi^. sao), 
cioè di cose ideali e senza appicco, 
solo per tener ia indugio altrui. 
Descórs o Discurs. Discorso •— Sermone, 
Descorsiv. PaHante. Discorsivo, Discon- 
sevole* 

■ • . . . tqee qoSj piàot eh* hia là 
» Ch* han spiret, gk'hui Motor, hin desooniT. » 
( B«l. Gftt, ) 

I>c$ci*edità. Screditare, Discreditare — 
Diffamare, Infamare» Disfamare, 

Discredi tàa. Screditato, Discreditato -« 
Disonestalo, Diffamato, Infamato. Dis- 
Jamato, 

Descrexidn. /^. Discrezión. 

Descrizión. Descrittone — In qualche 
luogo del Maggi leggesi anche Descri-- 
zion per Discrezión 9 ma certo per 
errore delle stampe. ■ 

Descriv. Descrivere, Discrivere, 

Descrìtt e Descrivùu. Descritto, Discritto» 

Descrostà. Scrostare, Scortecciare. 
Descrostass i mur. Scanicare, 

Descrostàda. Scrostamento. 

Descummìà. Disnidare, Snidare. Cacciar 
di nido 9 sturbar dal nido gli uccelli; 
e fig. Dare lo sfratto. Sfrattare. Le- 
varsi dattorno. Forse da accomiatare, 
« No fh« <1À ascolt, deicommU 
» Qo«ll vedoT » ( Bai. Bina. ) 

Descummiàss. Snidarsi, Abbandonare il 
nido; e fig. Nettare il pajuolo, Sbietr 
tare. Córsela. Fuggire, V. Svigna. 

Descusì. Scucire, Discucire. 

Descusilla giò del conun al romm* y, 
in Ròmm. 

Descusìi. Scucito, Discucito, 

Pari Maria descusida. F, in Maria. 

Descusidùra. Uno scucito, 

Descuttl. Discutere, 

Desdamà. . . . Vincere all'* avversario le 
dame nel giuoco di tal nome. {dia, 

Desdi. Disdire* Disdirsi» Cantar la palino^ 

Desdi. fig. Disdirsi, Sconvenirsi. Per quell 
Il el ghe disdis minga. // tempo e il 
luogo non lo dischiede — Disparerne. 
A ti el te sta ben e a lee el desdis. J 
te sta bene e a queW altra ne dispare 
(Lor. Mcd. Canz, 67.*) 



) DESF 

Desdltta. Disdetta, Disdetto. Mala sorte. 
Sfortuna; e ant, Disditia, 

Avegh adree o adoss la desdittai. 
jiver disdetta. Essere in disdetta, 
De&dobbià. Sdoppiare, Scempiare. 
Desdòtt. Diciotto e anche Dicidotto, 
Andà o Marcia sul cinqu e desdott. 
gestir attillato. Stare lindo o sulla 
lindura a sulle gale. Andare o Vestir 
lixdo o galante. Corrisponde al prò- 
venz. Marchar sur lou trentun , ed al 
francese Marclier sur le ton^ e vale 
Vestire alla moda, in galanteria — * 
Talora Parere il secento, 
Desegnà. Indicare, Pronosticare, 
Desémber. Dicembre, Decembre, 

D.esembrin. ad Del dicembre* 

La fiocca descmbrinna per trìi mes 
la confinna* F, in Fiocca. 

Someneri desembrin el var nanca 
triiquattrin. F'. in Someneri. 
Desenemìs. Inimico, Nimico, Nemico, 
Desènna. J>ecina. Diecina. 
Desènna. Posta{*hoT. — Pan. Poet di 
teaL I). Una delle quindici divisioni 
in cui si riparte 1m corona, composta 
di dieci avemmarie e un paternostro. 
Desènni. Decennio. 

Desèr. Dessert {'him. d^un poet. pis.). 
Pospasto. L^ultimo servito, le seconde 
mense, i dolci, le frutte. 
Desèr. JYionfo, Quell'^omato che 'si mette 
in tavola al pospasto; il Durtout àe*Fr, 
Desèrt. Deserto, 
Deserta^ ecc, F. Diserta, ecc. 
Dèsf. Sfatto, 
Desfa. Sfare. Disfare. 

Desia el bauli, la valis^ ecc. Sbaur 
lare. Svaligiare, Trarre del baule, 
della valigia , ecc. le robe contenu- 
tevi, non già sconnettere il baule 
come parrebbe a prima giunta che 
valga Tcspressione. 

Desfò- giò o Desfa-foeura. Dispiegare* 
Spiegare. r 

Desia la tila. Stessere. Distessere» 
Desia ona società a. Disdire una ra* 
gione. Disfare la compagnia. 
Desili on gropp. F, Desgroppi. 
Desfass de vun. Disfarsi d^alcuno. 
Smaltirlo, Riuscirne, 

Desfass d^ona robba. Disfarsi d'una 
cosa. Alienare una cosa da sé. Biur 
scirncy e isXordi Liberarsi, Sbrigarsi, 



digitized by 



Googk 



DESF (a4 

Fa e desia l'è tult lavora. V. in 
Lavora. iHat. Petteìopes telam retexere. 

Desia. Disfare. Liquefare. Struggere. Fon- 
dere. 
Desfass in bocca. Struggersi. Stio- 
- gliersi in bocca. Dimojare, Dicesi di 
frutti e simili. 

Desia. Commettere, Scomme%%are. Scon- 
nettere. 

Desia on paviment. Smattonai^. 

Desia. . . . Sciogliere coi rastro(re5te//) 
la pasta macerata da farne amido. 

Desiti per Descusì. K. 

Desia. T. degli Stampatori. Scomporre. 
Cosi dicesi il separar le lettere di 
una forma di stampa , e disporle di 
bel nuovo nella cassa, ciascuna n^l 
suo proprio nicchio; lavoro che si 
chiama Scomposiùone. 

Desiaa. Disfatto. SfaUo. 

Desila. Strutto, Fuso. Liquefatto. Disfatto. 

Desiaa per Desbel.'Inàa. y. 

Desfassà. Sfasciare. Disfasciare. 

Desfassàa. Sfasciato. Disfasciato. 

De^ferehzià. Differenziare. Disferenziare. 
Variare, esser diverso. 

Desfèrla dicono alcuni per Stralattón o 
Desàsi. K, 

Desfescià. brattare.' Sbrigare. Disimpae^ 
dare. Disfare, Disimpedire. Sbarazzata. 

Desfibbià. Sfibbiare. 

Desfidà. Sfidare. Disfidare, Provocare a 
duello. 

Desiigurà, Desiiguràa. F'. Desformà, Des- 
forma a. 

DcsQIà, Desfìlàa. y. Desfirà, Desfiràa. 

Desfiori. Sfiorire. 

Desiirà. Sfilare. Cavar di filo. 

Desfiràa. Sfilato. 

Desiironàss. Sfilarsi. Direnarsi. Slomòarsi. 

Desfodrà. Sfoderare. Sguainare, 

Desfodrà la sciabla e sim. Sguai- 
nare la sciabola: 

Desfodrà. Levar la fodera (a un abito, 
a una roba), foderare. 

Desfogonàa. Sfoconato, 

Desformà o DesB^urà. Sformare. Dis- 
formare. Difformare. Deformare, Sfi- 
gurare, Disfigurare. Svisare — Trasfi- 
gurare, Trasformare. 

Desformàa o Desiiguràa. Svisalo. Sfigu- 
rato» Deforme. Difforme,' Disfoimalo. 

Desfornasà Levar della fornace 

i lavori di terra cotta. Abbiamo nei 



) DESG 

diz. Sfornare; non saprei se sone- 
^rebbe gradito alle orecchie italiane 
Sfomaciare, 

Desfortunàa. Disfortunato. Sfortunato. 
Disventurato. ' Malavuenturato. Disav- 
venturato, Sgraziato, Disgraziato. In- 
fortunato; e fam. Disdicciato. 

Desfortùnna. Disfortuna, Disvéntura» Sfor- 
tuna, Sventura, 

Desfratàa. Sfratato. Disfratato, 

Desfratàss. Sfratarsi, Disfratarsi. 

Desgaggiàa. Svelto, Destro. Disinvolto. 
Sentito, Pronta. Sollecito. 

Desgaggiàa. Sbrigato. Speditivo. 

Desgaggiadón. Sveltissimo. Uomo che ha 
una disinvoUurona mirabile. 

Desgaggtàss. Strigarsi* Sbrigarsi. Spac- 
ciarsi, Distrigarsi, Dal fr. Dégager, 

Desgallonà. . . . Levare il gallone, sguer- 
nire del gallone. 

Desgallonà. Scosciare. (fine. 

Desgallonàss. Scosciarsi(FBg. Ili, 12 in 

De^gambìss. Sgranchiare. Snighittirsi, Stri- 
garsi. Sciarsi. ' Spastoiarsi. Noi lo di- 
ciamo in particolare dei polli. 

Desgàrb. Sgarbo. 

Desgarhàa. Disgarbato. Sgarbato. Sgra* 
ziaio. Malgrazioso. V. anche Darùsc. 

Desgarbadarìa. Sgarbataggine. Sgarba- 
tezza. Sgarbo, Sgraziataggine, 

Desgarbadón. // re degli sgraziati[Àl- 
leg. 222). Sgraziatone. Sconvenevolone. 

Desgarbià. Distrigare. Sviluppare. 

Desgarbià i cdvij. Ravviare i capegli. 
Scrinare. Sciorre o stendere i capelli. 
Desgarbiass i oeucc. Spaniarsi gU 
occhi. 

Desgarbiàa. Strigato.Distrigato-SpanùUo. 
Avegh i oeucc desgarbiàa. fig. Es- 
sere destro , svelto , sagace. ^. in (Eùcc. 
Cavij desgarbiàa. Capelli scrinati ^- 
Capelli ravviati. 

Desgarbiàa. fig. Svelto, Destro. Scaltro, 
Jccorto, Svegliato, Sagace — Jgile — 
Vivace, y. anche Desgaggiàa. 

Des''gelà. Dighiacciare, Sghiacciare^ fior- 
Didìacciare; e con Min. Disgfùacciare. 

Des^gelàa. Dighiacciato ; e fior. Didiac- 
ciato. 

Des'gerbà. T. agr. Dissodare, Pastinare, 
lì Defricher dei Francesi. 

Des^giarà. T. deT.appellaj. Svanare. Col 
rasojo^o con altro levar via il pelo 
Vano dai cappelli. 



Digitized by 



Googk 



DESG ( 

Desgiuné. Colazione, Desco molle. Dal 
fraùc. Déjeàner. Propriamente Tasciol- 
vere mangiando carni o simili. 

Des^giùst. ag. Scordato» Discordante, 

« Che la possa trova ( ^'sse U Bai. Bim. ) 
» I cbviuzio eh* no tion mai das{;iait. »^ 

Des^giustà. Sconciare, Spostare* £ simile 
al frane. Désapister. 

Besgradà. /^. Trà-giò in Tra. 

Desgranà. Sgranare, 

Desgrappà« v. br. Sgranellare, Disgra* 
nellare, 

Besgrappàss. .... Lo spiccarsi degli 
acini dell'uva dal pi-oprio. grappolo. 

Desgrassà. Digrassare pari., di brodi. 

Desgrassà. T. de^MacelL, Pizzicag.» ecc. 
. . . Spogliare della grascia le parti 
carnose delle bestie macellate. 

Desgrassà. T. de' Parruc. . . Disugnere 
i capegli che si voglion tessere fa- 
cendoli bollire nell' acqua. 

Desgrassàa. Digrassato» — Disunio? 

Desgràzia. Disgrazia. Sciagura, Sventa-* 
ra. Avversità, Disavventura, Infortunio; 
e con V. ant. Misventura, 

Dervi la bocca e lassa che parla 
' la desgràzia. jtpnr la bocca a caso 

• e lasciar andare(¥af^. Bime I» 296). 
Desgràzia del can fortunna del loff. 
7^. in Càn. 

I desgrati hin come t scires ; adree 
a vunna gVen yen des. Le disgrazie 
non vengon mai sole. Le disgrazie 

' sono come le ciriege{h\b, enc. in Cine' 
già ove cita per ciò un testo del Var- 
chi). Le disgrazie iranno a coppie 9 e 
non Jiniscon per ;ioc<?(Àlleg. 11 5). Le 
disgrazie sono come le ciregCy che una 
tira P altra {BìiQDÌ Prov, Il y a^o). Non 
fu mai disgrazia che non fosse accom- 
pagnata { AsseiìR 5,7). 

1 desgrazi hin pareggiaa come i 
tavel di ost. Le disgrazie son sempre 
apparecchiate^, 

No Torè savè desgrazi. Attaccare i 
pensieri alla campanella deW uscio. 
Darsi piacere e bel tempo senza pen- 
siero o briga di checchessia — Ed 
anche... Volere il dovuto a tutto rigore. 
Per desgràzia. Per disgrasàa. A sorte, 
A caso. Per gran casQ. 

Vess pien de dtfsgrazi. Disgrazie 
colla pala! (Fag. Av. pan. in versi llly 6). 

Desgràzia. Disfavore, 
Voi, IL 



aS) . DESI 

And^ in desgràzia de vun. Cadere 
o Venire in disgrazia iV alcuno. Per- 
dere la grazia d'uno, 

Mett in desgràzia. Cavar di grazia 
ad uno checchessia{MAri, Nic. Let, a)» 
cioè far uscir d*amore. 

Desgraziàa. Disgraziato. F, Desfortunjia. 
Quand vun Tè desgraziàa, se boria- 
giò pn copp del tecc ci ghe va in 
sul eoo a là. V,in Tècc e Cópp. 

Desgroppi. Sgruppare, Sciogliere i gruppi. 
Disgroppare, Snodare, Disfare i nodi. 

Desgroppli. Sgruppato, Snodato, 

Desgrossà. Digrossare, Sgrossare,Disgros- 
sare. 

Desguamì. Sguernire — Dìsfornire, 

Desguarnii. Sguernito — Disfomito, 

Desgussà. Il Faron miL dice che que- 
sta voce vale quonto Decidere 9 Stri- 
care , Sminuz^kfire 9 e talvolta anche 
Mangiare. Ora non è più in uso tra 
noi , se non a mala pena nel senso di 
Sgusciare o Digasciare, 

Desgùst. Disgusto, 

Desgùstà. Disgustare — Sgusiare, 

Desgustàa. Disgustato, 

Fa el desgustàa. . . . Dare segno 
continuato di disgusto; con affettata 
freddezza studiarsi di fare che altri 
ci riconosca mal soddisfatti di lui. 

Desgustin .... Lieve disgusto , di* 
spetto, dispiacere 9 amarezza. 

Desgustós. Disgustoso, Disgustevole* Noi 
lo diciamo anche a. Persona; per es. 
Te see pur anca desgustós. ZoUcon 
nojoso che sei ! Tu sei il gran disgar^ 
boto! Tu sei pur malgrazioso! 
, Desiccà dree a vunna. Fr. br. Struggersi o 
Morirsi d'amore d'alcuna o per alcuna. 

Desidera. Desiderare. Bramare, Disidera- 
re, e poet. Desirare, Desiare. Disiare.. 

Desideràa. Desiderato, Disiato. Desiato, 
Disiderato. 

Desideràbel. Desiderabile. Desiàbile, 

Desidèri. JDesiderio, Desìo. Disio. Bra- 

. ma. Desire, Disire. Disiro; e ant. De^ 
sidéro e Disia e Desiore e hisianza, 

Desigilà^ Disigillare, V, Dessigilà. 

Desimbórs. Disborso. 

Vess in desimbórs. Essere in disbor' 
so. k\et pagalo danaro per conto al- 
truij o per oggetti non ancora ricevuti. 

Deaimbrojà. Strigare, Distrigare. Spaccia- 
re,- Disviluppare, Sviluppare, 

4 



Digitized by 



Googk 



DESL ' ( 

Desimpajà. Spagliare? Levar della paglia 

checchessia. 
l>esìm'pari.DisÌFnparare*Disapparare'lHs- 
imprendere. Disparare. Disapprendere. 
Desimpastà. Spostare. 
Desimpégn. Disimpegno. 

Abaa de desimpegn Chi 

veste abito ecclesiastico senza esseri 
tale veramente. Nello Stato romano 
non sono rari i curiali e gì* impiegati 
che vestono cosi per omaggio al go- 
verno pontificio ; i possessori seco- 
lari di certe abbazie fecero smesso 
altrettanto ; i cantori di varie cappelle 
di chiesa lo fanno parimente vestendo 
altresì gli abili clericali nelle sagre 
cirimonie , forse per andare più con- 
venevolmente a compagnia col clero 
«^ Al fìg. noi diciamo altresì Ahaa de 
desimpegn que** veri abati i quali » sba- 
gliala vocazione, vorrebbero per di- 
versi fini tenere un pie nel santuario 
e V altro nel bel mondo. 

Trova on desimpegn. . . . Trovar 
modo a sciogliersi' da un impegno. 

Deslmpegnà. Disimpegnare. Cavar d''im« 
p«gno, liberace da checchessìa » torre 
dì dosso un assunto* 

De6impegnà(i stanz)... Fare che le atanfce 
siano libere, non legate Funa Taltra. 

Demn^egnà. Riscuotere il pegno {Vag. 
Av. pun. I9 4)* Spegnare. Levare il 
' pegno o Levar di pegno. 

Deslmpegi^s . .' . . Cavarsi d^ obbligo 
o d^ assunto. 

Desìjnpiegàa. Disimpiegato* 

Desimpregnà. •S)9^egn^ire(Manni VegL IV9 
a 0)9 e fìg. Strigare. Sciogliere* Distrigare, 

Destnamoràss. Snamorarsi. Disamorarsi? 

Disnamorarsi. Disinnamorarsi. 
' Delinca rognàss. r. Descarognàss. 

Desinganà. Disingannare. Disgannare. 
Sgannare. 

Desioteressàa Disinteressalo. Sptissionato. 

Desinvòlt. Disinvolto. Destro. Spedito. 

Desinvoltùra. Disin^oUtira^ e al superi. 
Disinvolturona — Brio — Franche^" 
za — Destrezza — Scioltezza. 

Desist. Desistere. 

Deslaccià. Svezzare. K Deslattà. 

Deslàss. Slascio. Bilascio. Scapito, 

Ueslàss. Concessione, Eccezione. 

« Par le gbe «ia doiliisi ( disie il Bf aggi ) 
» Hi ni* reDMtÙ al «on di iM>n campsBB. » 



a6) DESL 

Oeslattè. altare. Spoppare, Sifezzare, Dis» 
vezzare. Il fr. Sevrer. 

Deslattàa. Slattato. Spoppato, Svezzato. 

De5lavràa(Maggi I, ZS%). labbrata? colle 
labbra tagliate. Il Bellini usò Slabbrare. 

Deslasù. Dislacciare. Dilacciare. Slac-' 
dare. Scignere. Scingere. 

Deslazzass-foeura. DislacciarsL Sfib^ 
biarsi. 

Deslazzàa. Slaccialo. Dilacciato. DeslziziOf 
£ixnrz.<yibbiato(Lor.Med»Simp.cviaU6.'*), 

Deslcggeri. f^. Deslingeri. 

Deslcnguà. Sdiìiquare. Struggersi. Lique^ 
• farsi. Liijuidire — Colliquare, 

Deslenguà come ona candirà o come 
la nev al so. Andarsene pel buco del- 
V acqua jo. Smagrire e struggersi in- 
censi bil mente. ^ 

Deslenguà del cold. Stillar dtd caldo. 
Deslenguà-via. Struggersi. Consu" 
marsi a poco a poco. 

Deslenguà ( pari, di metalli). Venire in 
aererà (Cellini Ore/i pag. i'52),Struggersi, 

Deslenguàa. Strutto. 

Desligà. Slegare> Dislegare, Scibrre, Scio- 

gUere. 

Chi ben liga ben desliga. V. in Ligà. 

Desligà i can. Sguinzagliare i cani. 

Desligà i gioj. Dislegare? Scasionare? 

Sfasciare ? 

Ve desligaa el cavrett. fìg. Egli è 
uscito di donzellina. V. in Cavrètt. 

Desligaa. Slegato. Dislegato, Sciòlto. 

Desligàa(parl. di libri). Slegato. J\ an^ 
che in Ligàa. (stonato. 

Desligàa<parL di gioje). Dislegato, Scor 

Desliga5s(i dent). Dislegare i denti. Gua- 
rir dair allegamento. 

Deslingeri o Desleggeri. Alleggerire — « 
Sgravare. Disgregare — Alleviare, 

Deslippa. scherz. Disdetta. Sorte avver- 
sa, e singolarmente in giuoco. 

Deslippàa. Disdiccialo, F. Desfor<tunàa. 

Qiiand se nass deslippàa Tè inutel 

tceuss el coeur che Tè tuttunna • • . 

A chi nacque in mal punto non vale 

accorarsi, non può mai voltar sua sorte. 

Desliscàss . . . Dicesi delle seggiole in- 

. tessute di sala4:he si vanno stessendo 

. e perdendola. 

Deslogàa. Dislogato. Slogato; dottr* Zen- 
sato '•^ Disovolato ; aret. DiscUiovolato. 

Detlogadùra. Dislocazione, Dislogiunenio. 
Slogatura. Slogamento^ doit, L u s saz i one . 



Digitized by 



Googk 



DESN ( 

Deslogjiss. ^ognre. DUtofore, « tlottr. 

Lussarsi. Sì dice deirossa. Sconciarsi 

una gamba o un piede. (singhe. 

Deslusìngàss. Disingannarsi» Uscir di lu- 

Desmanegàss Perdere il manico. 

Desmanìàss. Smaniare, 

Diesmarcà Levare la. marca o il 

bollo o il puntiscritto. 
Desmascaràss. Smascherarsi. 
Desmentegà. Dimenticare. Dismentìcare. 
Ohbliare. Scordare. Smenticare. 

Perdona Tè de Cristian; desmentegà 
rè de cialL .... Le offese vanno per- 
donate; ma non bisogna fidarai alla 
cieca dì chi ci ha per lo addietro offesi. 
Desmètt. Dismettere, Smettere. Cessare. 
Dimettere. Desistere. Finare. Restare. 
Tralasciare. Bijinare. ffijinire. 
« 6« quel ciall de don Gàldin 
9 Noi desmett con qui] cftwpaan^ 
» £1 fornÌM cont el tirann 
» On qua] falmen stil coppia. » (fmìM). 
Desmett mai de (k^ di, ecc. Non finare 
o restare o rifinare o mollare t ecc. 

Desmett on vestii o sim. Dismettere^ 
Dimettere^ Smettere^ Porre da parie un 
alito o sim. 
Desmettùii.) Sfnesso» Dismesso '^ fono» 
Desmiss. > Casso. Cassaio» 
, Desmobigliàa. . . . Senza mobili. 
Desmontà. Dismontare. Disca^^alcare. Sca- 
ifoicare. Dismontar da o del cavallo* 
^ Fa desmontà de cavali. Scavalcare 

uno» Smontare uno da cavallo — Smon- 
tare a piede. 

Fa come quell eh'' è borlaa-gtò de 
r asen , ch^ el diseva eh' el voreva 
desmontà. Farsi onore del sol di luglio. 
DesmontsL Scendere dal calesso — • Scen- 
der del carro — Sbarcare. 
Desmontà. Smontare. Desmontà ona scuf- 
fia. Smontare una cuffia — i canon. 
Smontare o Scavalcare le artiglierie» 
Desmontà de guardia. F. Guàrdia. 
Desmorbà. J?i^u/ire— Dismorbare e Smor- 
bare ne^diz. ilal. valgono altro. 
Desmostrà. Dimostrare* 
Desnidollàa. Smidollato. Dismidollato, 
DesDodàa. Snodato. 

Desnoeiiv. Diciannove. Cala semper des- 

nceuv e mezz a fa vint soid. T. in Sòld. 

Desnceuv-sòld. s. m., o Desuanv assol. 

• . • • La lira parmigiana che ha corso 

fra noi col valore cU 19 soldi nostrali. 



27 ) DESP 

Desocupùa. Disoccupato. Oùpso. ^aceerp- 

Desolàa. Desolato. Disolaio. {dato. 

Desolasión. Desolazione. Desolamento* 

Desombrià. Disaduggiare, 

Desonèst Disonesto. 

Desonèst. Jd. ili Prèzzi. Ingiusto. Ingordo. 

Desonestàa. Disonestà, 

Desonór. Disonore.Disnore, Disonoranui, 

Desonorà o Fa desonor. Disonorare, AiO^ 
tare, Vituperare. Svergognare,Sfregiare, 

Desorapù, Deserà via. ^'^. Dessorapù, ecc. , 

Desórden. Disordine. Trasordine, 

Adree a on desórden gh^en ven ou 
oller. Un disordine ne fa cento. 
Desórden gross. Disordinaccio. 
Di vceult on desórden el forma on 
orden. Spesse volte uno trasandare 
acconcia una cosa che tutto il seguire 
delPonUne che fu mai non Vacconce- 
rebbeiSsicch. Nov. 189). Un disordine 
spesse volte è cagione di un buon or-- 
dine {Borgh, Don, cost. V, i4)« Uno 
sconcio gli ha fatto un acconcio (ìlo- 
nos. 384). Un disordine nascer suol 
fare im ordine (Honiglia Conte di Cu- 
tro UT 9 9 ). Uno sconcio fa un accon- 
cio. D'un disordine nasce un prdine. 
Dai mali costumi nascono le buone 
leggi o Dai cattivi costumi vengono 
le buone leggi. 

Desórden. Stravizzo. Stravizio. IntempO" 
ronza, ^mperanza, 

Desórdin gross. Stravizzone. 
Fa di desórden. Stravizzare. Stror' 
viziare. 

Desordenàa. Disordinato, (p. 47* 

Desorganizzèss. DisorganizzarsUSoìd. Sat 

Desorlà. Torre l'orlo. Corrisponde al fr. 
Deborderà ed è una delle tante voci 
che mancano ai nostri dizionar) itali»* 
ni ben facendosi da Orlare, Disorlare» 

Desorlàa. . . Senza Torlo avuto da prima. 

Desossà. Disossare. 

Desossàa. Disossato così nel significato 
di Spoglio d^ossa , come di Rotto nelle 
ossa. Dolente nelle ossa. 

Desòtt. r. in Sòtt. 

Andà al desoU. Discadere^ Smontare» 
Rimaner disastrato. Essere in disordine* 

Desotterrà. Disotterrare, V* Dcsaottcrrà, 

Despachettà ... Aprire , sciogliere , svilup- 
pare un pacchetto. Il fr. Dépaqueter. 

Despalà. Spalare le viti. 

Despallàa» Spallato. 



Digitized by 



Googk 



DESP 



(a8 



Despallàst. Sf>allarsL 

Desparà. Sparare. Levare il parato. 

Bespareggià. Sparecchiare. Ve anche 
esempio di Disparecchiare, 

Bespareggiàa. Spareccìdaio. 

Despat-ér. Disparere, Discrepanza. 

Bespàrt. Disparte, In disparte. 

Despeccenaa. Scarmigliato» Arru{J\a0. 

Despedi. Spedite. Spicciare. Sbrigare. Di- 
simpedire. 

Despedli. Spedito. Spiccio. 

Dcspedlss. Dispedirsi{Amer. Fiag. 8). 

Despcnolà. Sbiettare. Sconfiggere. 
^ Despenolàa. Sconfitto. Scommesso. 

Bespénsa. Salvaroha. Dispensa, Stanza ' 
de^ camangiarì* 

Bespénsa. Dispensa. Esenzione. Dispen- 
sazione. Dispensamento. Dispensagione. 

Despensà. Dispensare. Esentare. Esen- 
zionare. Far esente. 

Despensà. i^. cont. per Spénd. Dispendere. 

Bespensér* Dispensiere. Dispensiero. 

Despensin o Dispensìn. Picciola dispensa. 

Desperà. Disperare — Besperàss. Dispe- 
rarsi. Disperare — Besogna poca minga 
desperass. iVo/t ^abbandoni. Non dis" 
peri. Non si sconforti. 

Desperass come on irtatt. Abbondo^ 
narsi. Gettarsi tra i morti o irci perduti. 
Disperarsi. Darsi alla disperazione. 

Nanca per quest vuj minga despe- 
rarom. Non per questo me ne strac 
cerò gli occ/ii. Non ne ayro passione. 

Desperàa. Disperato. 

Desperàa. Scavezzacollo. Risicoso. Che 
non pensa più in là» 

Besperàda (A la ). Disperatamente. Alla 
disperata. Smodatamente. Senza modo. 
Senza termine. 

A la pù desperada. Alpeggio dei peg- 
gi. Lo stesso che A la cà di can. ^. i/iCàn. 
Bui a la desperada. Bollire a scroscio^ 

_rt ricorso] o^ cioè nel maggior colmo. 

Desperadón. Bestione. BesUonaccio. fan" 
negatacelo. Disperatissimo — Dispera- 
to. Bompicollo. L^ingl. H'ild^ellow. 

Desperazión. Disperazione. Disperagione. 
Disperamenio. Disperatezza. 

Dass a la desperazión. Darsi al di* 
sperato. V. in Diàvol. 

L^é ona desperazión. £ un £2i5/7ei/o. 
La è cosa da disperarsene. 

Te see la mia desperazión. Tu mi 
Jai disperare. 



) DESP 

Despèrdes. Dispergersi» (eiarm. 

Despèrdes. Abortire. Disperdersi. Scon- 

Desperluscént disse il Grossi per Sper- 
luscént. f^. 

Despèrs. Disperso. Sparso. 

Despèrsa. Aboìio. AbortiiH>. Sconciatura. 
Fa ona dcspersa. Disperdere la crear- 
/icra(Gigli Reg. a55). Abortire. Scon- 
ciarsi. Disperdersi. Abortirsi. Abortare. 

I>ea]^ès8. Spesso. Soventi volte. 

Despètt. Dispetto. V. Dispètt. 

Despettenàa. Scarmigliato. Arruffaio. 

Despiasè. Dispiacere. Disgusto. Dispior- 
cimentò. Dispiacenza. 

Despiasè. Dispiacere, giacere -— Dis- 
aggradire. 

Despiaséver. Spiacevole. Dispiacevole. 

Despiasùu* Dispiaciuto. Spiaciuto. 

Despiccà. V. cont. br. contr. del pure cont. 
hr. Impicca. F. in questa ultima voce. 

Despiegà. Spiegare. Dispiegare. 

Des^ienlk. Spiantare. Dispiantare. Dira- 
dicare. 

Despientà. Smontare. Per es. Dcspientà 
on lece. Snwnlare un letto. 

Despìgàss. Disgranellarsi y Uscir della 
spiga il grano al batterlo in aja. 

Despiombèa. Spiombato. 

Despiombàss. Spiombarsi. 

Despolpà. Spolpare. Dispolpare. 

Despolpàaù Spolpato. Dispolpato. 

Despoltià. Svelare. Rivelare. Svertare. 
« Gh« mi decpoHu Toltn poltù 
» Che t« gli'e« faa. • (KUg* ^"' B;ù^l>.> 

Despònn. Disporre. 

Desponùu. Disposto. 

Despontà. puntare spilli o simili» Contr. 
d"* Appuntare. 

Despontellà. Spuntellare. 

Despòst. Disposto. K Dispóst. 

Despòtegh. F. Spòtich« 

Despreparà. Spareccìiiare.F". Despareggià » 

Desprési. Dispetto. Noja. Atto che si fac- 
cia altrui per muoverlo a dispetto > 
per nojario» per dargli pena. 

Audà-via la robba per desprési. 
Andai;, via a ruba» Spacciarsi le merci 
a gran concor^ di compratori. 
Fa di desprési. y. Despresià. 
Fa per desprési. Fare per dispetto^ 
a bello studio^ a bella posta 9 appostar- 
tornente. 

Fa robba, per desprési. • . . Fare 
ubcrtosissinio rìcollo. Farenim rob)>a 



Digitized by 



Googk 



DESS ( 

per dispregi. TìOie le coiè ci antmo^ 
geranno{Soder» Jgn a ) , Yale a dire 
avremo granaglie a moggia infinite. 

Vegnì'SÙ per despresi. Crescere per 
dispetto? Crescere senza che altri il 
voglia o il coltiviycome la malerba, ecc. 
Croitre par 'dépit dicono anche i Frane. 

Despresìà. iV€]7'are(*to8c. - Editti toscani). 
7Hto/arc(Borgh. hip. IH, aa). V. Per- 
zìpità* (zipitós. 

Despresiós. Nojaso. Dispettoso. P\ Per- 

Despresiosón. Dispettosissimo, Di là da 
nojoso. 

Despretàss. Spretarsi. Lasciar Tabito pre- 
tesco. V. in Gollarin. (porzionato. 

Desproporzionàa. Disproporzionato. Spro^ 

Despropriàss. Spropriarsù Spropiarsi. 
Dispodestarsi o Spodestarsi di cìiec- 

■ * ckessia. {spros^eduto. 

Desprovìst. Sprovvisto. Sprovveduto. Di- 

Besquarcià. ) Scoprire. Discoprire — Sco- 

Desquattà. ) perchiare. Scoverchiare. 
Desquattà o Squajà i altaritt. y. in 
Altarln. 

Desquattà (così detto assol. nelle Cave di 
pietre). Scoprire il masso. Sgalestrare. 

Desquilibràss. Squilibrarsi. 

Desranghì e ì}e8TMghisa.Sgranchiare.M' 
ghitUre. Contr. di Aggranchiare (inran- 
ghì). a Oh via sgranchia, e cavati il 
tabarro , e qualcosa anche tu mettiti a 
fare. » (Fag. Rim.). U Dégourdir de'Fr. 

Desrazzà. Estirpare. Sradicare» Distirpare. 
Eradicare. Disverre. Disvegliere. Dis- 
radicare. Diradicare. 

Desrazzà (o Srazzà) vun d^on sit. Fare 
lo sgombero d'uno. {Direnato. 

Desrenàa.. Sfilato. Slombato. Dilombato. 

Desrennà* Direnare. Sfilare. Slombare. 

Desresck.Diliscare.Ley 9ir le lische appese! . 

Desresci^. Sgrinzareikret. Ip. 545). Sten- 
dere. Jggiuigliare. Lisciare. Distendere. 

Desrusgeni. Disrugginare. Dirugginare. 

Déss. Ohibò. Oibo. Madenò. Mai no — 
Ma dess, descor. Ma non mai. 

Dessadèss {che alcuni dicono anche Del- 
zadèss o Delsadèss). Orora^ Dessadèss 
vegni. Or ora son da te, 

Dessadèss e Dessadèss yé. Che sì. Che 
sì die sì. Per es. Dessadèss te la doo 
d^intend mi. C3ie sì che io ti sgqroì — 
Guardati. Quarti. Staiti in guardia. 

Dessadèss. d caso. Per sorte. Per es. Des- 
sadèss ci pò vegni lur Per sorte può 



29) DESS 

capitar egli. Se dessadèss el capita. Se 
per caso o Se mai capita. ' 

Dessadèss. Siccoi!»e. Poiché. Se non che. 
Per es. Dessadèss te vee in collera. 
Tè mej che taso. Siccojne tu montei^sti 
in collera ^ così è meglio che io taccia. 

Dessaldà. Dissaldare. 

Dessedà. Sdormentare. Destare. Svegliare. 
Disvegliare. Disonnare. Ridestare. Ri- 
svegliare. Dissonnare. Sveggfdare. 

Dessedà. o No dessedà el vespee. fìg. 
Stuzzicare o Ifon istuzzicare il can che 
dorme, le pecchie^ il formicajo, il 
Jbrmicolajo, il vespajo, il naso del-- 
l'orso quando fuma. 

Poden anca portali via cVel se 

dessedà minga Dicesi di chi 

dorme profondissimamente. On empor- 
terait sa maison qu'il ne s^éveillerait 
pas dicono i Francesi, 

Dessedàa. Sveglio. Desto, Svegliato. Scosso 
dal sonno. Dissonnato — « Insònne. 
Sta dessedaa. Fe^iare. Fegghiare. 

Dessedàa. fig. Svegliato. Accorto. Furbo. 
Sopraweduto. 

Dessedàda. ^(Grossi In morte di Carlo 

Dessedamént. ) Po/*ta sestina 9). Sveglia- 
mento. Svegghiamento. Destamenio. 

Dagh ona dessedàda. fig. • . • Ecci- 
tare , destare alcuno a pagare o sim. 

Dessègn. Disegno. V. Dissègn. 

Dessegnà. V. Dissegnà. (Sparti. 

Desseparà. Disseparare* Separare. F. 

Dosseppelli. Diseppellire. DisoUerrare. 

Dessigilà. Disigillare. Disuggellare. Dis- 
suggellare. Dissigillare. 

Dessigilà onabotteglia. Dare la star» 
a una bottiglia. Dislurarla. 

Dessolà. T. di Mascalcia. Disolare. Cavar 
Tunghie ai cavalli e simili. 

Dessolàa. s. m. Disolatura. Staccamento 
morboso del suolo nel pie del ca- 
vallo; disolatura dell'aunghia. 

Dessóra. f^. in Sóra. 

Dessorapù. Inoltre, Di più. Soprappiu. 
Disoprappià. Disovrappiù. Da vantag- 
gio. Giunta. 

Dessoravìa e Desoravia. Di sopra. Este- 
riormente. M di fuori — d galla. 

Andà dessoravia. Ridere. Traboc- 
care, Versarsi i vasi troppo pieni. 

Andà o Vegni dessoravia. Levare in 
capo. Riboccare dei liquori ^he nel 
bollire sollevino la parte più grossa. 



Cigitized by 



Googk 



DEST ( 

Sta dessorùtio. Galleggiare» Vegnl 
dessoravia. lenire a galla. 
Dessoravia. Sopra cafro. Sopra. 
Dessotterà. Diseppellire. Disotterrare.Dis^ 

sotterrare. 

Déssù. 8. m. Jlbagia. Fummo. V. Ària fig. 

Giappà el dessù. Vincer la mano 

(Fag.^£me ni,393).Ciappà el dessù som 

vuo* Pigliar campo addosso ad alcuno. 

Dessuefa, ecc. V. Desuefò, ecc, 

Destabn'àss. Stabarrarsi; nobilmente Di- 

smantarsi» 
Destaccà. Staccare. Distaccare. Spicca-' 
re. *- Preso assolulamente Destaccà 
vale Disgiungere, staccare i cavalli 
dalla carrozza, il francese Dételer, 
Destaccà del picoll. Spicciolare. 
Noi pò sta destaccaa de colà. Non 
se ne sa spiccare. 
'Deslàcch. Distaccamento. Fa on destaceli. 

Spodestarsi di cosa a noi cara. 
Destagnàss. . . . Perdersi o rovinarsi la 
dtagnatura nella superfìcie dei metalli. 
Destane. Stanare. 

Destapezzà. . • . Levare la tappezzerìa. 
Destaroccà. . . • Fare si che l'avversa- 
rio si rimanga senza tarocchi. Lo Sta- 
roccare dei diz. ital. \ale Dar taroc- 
chi in giocando. 
DestavcUàa. Smattonato ? 
Desteccià. Disembriciare ? Levare il tetto. 
Destecciàa. Distegolato? 
Destempcrà Distemperare. Stemperare. 

Dissolvere. Distemprare. Stemprare* 
Destemperàa. Distemperato'. 
Destemperàda(Dagh ona). Distemperare* 
Desténd. Distendere. Dilatare. Stendere. 
Destend-fceura. Dispiegare. 
Destend el zirott e simiH:Jppiastrare' 
Desten d-giò. Distendere. Posare in 
terra dispiegato. 

Destend-giò el forment o simili su 
Pera.- Ina fare. Mettere in aja. 

Destend i brasc. Tendere^ Stendere, 
pistendere. Prostendere le braccia. 
Destend i pagn. Sciorinare i panni. 
Destend i paga de la hugada. V. Bu- 
Desténdes. Distendersi. (gàda. 

Destcndùu e Desiés. Disteso. 
Destésa. Oiro. Mucchi di fogli stampati 
disposti in ordine sopra tavole per 
raccoglierli in quaderni e formarne 
libri — Mett-*dò la destesa. Preparare 
il giro — Méttere insieme il giro. 



3o ) DEST 

Destésa chiamano alcuni lo Steniìdór. V, 

Destésa (A la). ^ distesa. Alla distesa. 
Al disteso. Senza intermissione^ con- 
tinuamente ^ a dilungo; e dicesi Cor- 
rere , Sonare , ec. alla distesa o'a ricisa. 
Conta a la destesa. V. in Canta. 
Ciara e destesa. A lettere d* appi- 
gionasi o di scatola o di speziali — 
Alla divolgata — A viso aperto. 

Destila. Distillare. Stillare. Destillare. 

Destiladòr. Distillatore. Destittatore. StU- 
latore. 

Destilaziòn. Distillatone. DestUlaàone, 
Stillazione. 

Destìn. Destino. Fato. Sorte. 

Desti n. Destinazione* Andà al so destin. 
Andare alla sua destinazione. 

Destina. Destinare. Stabilire. Bisolvere, 
Fermare. Assegnare. Constituire. De- 

Destioùa. Destinato. {putare. 

Quell eh' è dcstinaa è deslinaa. A 
quel che vien dal cielo non è riparo 
(Alleg. p. loa ). A quel che vien di 
sopra non è riparo. Al moizierc di 
Cristo non si tiene mai porta. 

Deslingu. Distinguere. 

DeBtìngvL.Scorgere . Raffigurare. Bawisare. 

Destingu vun. Usar distinzione ad uno. 
Onorare uno. Far conto d' uno. 

Destìngues. Distinguersi. Segnalarsi* 

Destirà. Stirare. 

Destirà i lenzoeà e sim. Stinu^ le 
lenzuola o altre lingerie. 

Destiràss(c/ie anche dicesi Bestlrass). 
Sbarrarsi nelle braccia* Protendersi. 

Destituì. Rimuover dalla carica. Levar di 
carica. Cacciar d'impiego. 

Destituii. Rimosso dalla carica^ 

Destituzión. . . Il cacciar d^impiego. El 
ris'cia la destituzión. Risica l'impiego. 
Risica rimanere desUtuto dalla carica* 

Destoeù. Distogliere. Distorre. Storre» Di- 
stornare — Diseonfortare. Sconfortare* 
Sconsigliare. Dissuadere. Svolgere. Dis- 
consigliare. Disverre. Disvegliere. 

Destólt. Distòlto. Stòlto — Dissuaso. 

Dcstomegà. Stomacare. 

Des Iona. Stonare* Distonare JUseir di tuono* 

Des toppa. Sturare. Disturare -^ Distasare. 

Destortia. Storcere. Svolgere. Anche i 
Provenzali hanno Destourtilhar ^ ed 
i Francesi Déiortiller, 

Destribui o Dà-fceura. Distribuire. Di- 
spensnre* Compartire. 



Digitized by 



Googk 



DESU ( 

DestrlbiuìÓD. Disiribuiwme. 

Destrigà^ Distrigare. Districare* Strigi^' 
re -— Stfilupp/ire — Bavviare •— Ac- 
capezzare •— Spicciare. Spaccare. 

Deslrigàa. roet. Lo stesso the Desgng- 
giiia mety. 

De^rigàss a De5trigàs5-4ttura. Strigarsi, 
Spacciarsi. Spedirsi, brogliarsi, ^ic- 
darsi. Sbrigarsi — Finirla. 

Destrighevela on poo tra vlolter. 
Strìgaievela tra poi. 

Destrùg, e con v,- cont. brianx. Destrù 
e Destruvà. Distruggere. 

Dcstrugà. Diguastare. Distruggere» Scia-, 
pare, grecare. Sciattare {Targ. P^iag. 
IV 9 82). Il Biringucci ( nella PirotecBÌa 
pag. 4 retro riga 4 ) usa anche Strac- 
ciare ;£or8e sanesbmo ambiguo equi- 
valente a Straziare^ Yoce preferibile 
per ogni riguardo. 

L'erba ruga tutt i maa je destru- 
ga. F. in Erba ruga. 

Destrugadór ì „ 

Bestrugdn \ *'*<^«""«- Distruggitore. 

Destrugònna* Dbtruggiirice, 

Destrùtt. ^. DifitnìU. 

Destrùu. y. cont. brianz. Distrutto. 

Destuccà. Dissaldare. 

Destùrb. Disturbo. Sturbo. Dà desturb. 

Sturbare. Disturbare. Xfojare* 

Ghe sont de desturb? Guasto? Si 

pilo passare? C è impedimento? Do io 

impaccio ? 
Desturbà. Sturbare. Disturbare. 
DeMurbàa. Sturbato. Disturbato. 
DesubedU Disobbedire. Disubbidire. 
Desubediénza. Disubbidienza. 
Desobediént. Disubbidiente* Disubbidenf 

te. Disabediente. Disobbediente. 
I>esubedientón Dùubbidiente 

in sonfimo grado. 
Desuefà. Svezzare. Dii^emare. Disi^zzare. 
Desuefòa» Svezzato. Divezzato. Disassue-^ 
fatto, (zare* 

Desuefòw. Dis^xzarsi ; e iieutr. Disavvez- 
Desuguàl. Diseguale. Disuguale. Ineguale. 

Disguagliante. 
DcsuDÌ. Disunire. 
Desunìi. Disunito, 

Desuniun. Disunione. V. Desconcòrdia* 
Desusà. Disusare. Disusarsi. 

Chi non usa desusa ... Lo starsi 

diversa ^ non facendo più una cosa 

se ne perde V abitudine — Il più duro 



3i ) DEV 

passo è quello della goglia ; esci nna 
volta e non penserai più alla casa. 

Desùtel. DisuHlacecio. Uom da hulla. 

Desuvrà. Dissipare, Consumare. Mi pare 
iche questa voce del Var. mil, abbia 
alfinità grande rol francese Désceuvrer. 

Oesvàri. Divario, Disvàrio, 

Desvariàss-via. Svagarsi, Passar mattana. 

Desvedellà. v. br. cont Vendere 

il vitello -<- Desvedellà la vacca . . • 
Torre il viteUo alla vacca » Spoppare 
il vitello. 

Desvegnl. Disvenire. Smagrare. Dimor* 
grare, V. anche VegnUgiò in Vegnii 

Des vegnùu. DimagratoJDato nelle vecchie. 

DesTèrg , e per lo più Desvcrges. Stri- 
garsi, ^frigarsi. Spicciarsi. Distrigarsi. 

Desverginà. Dispulzellare. Sverginare. 
Disfiorare, Dejlorare. 

Desvestì. Cestire. Spogliare* Disvestire. 
Giugà a vestiss e desvestiss. K. ut 
Tai*òcch. 

Des vestii. Svestito,. Spogliato. Disvestito. 

Desvcsliss. ^gliarsi-Spararsi{FBC.Ìf ÌOY. 
AdL» p. 57 e p. 94). Dicesi del deporre 
i paramenti gli ecclesiastici. 

Deavidà. Svitare, Sconnettere le cose £ei^ 
mate con viti. 

Desyollià. Svolgere^ e met. Scoprire £ 
''^^^f^gglf ^ cabale. Svelare. 

Deszaccàss Ì[Mag. Cous*. 157 ). Staccarsi. 

Detàgli. Particolarità. Minuzia. 

Vend al detagli, fendere a ritaglio. 

Detagliànt. f^enditore a ritaglio o a minuto. 

Detenùu. T. degli Uff. Carcerato» 

Deterioràa. Danneggiato. Guasto, Peggio* 

Detta. Dettare. Dittare. {rato. 

Dellàa. Dettato. 

Dettadùra. Dettatura, 

Devantàgg. r. Davantàgg. 

Devegni. Procedere, Provenire, 

De vegnùu. Proceduto, Originato. 

Deventà. Diventare. Divenire. Addivenr- 
tare. Addivenire — Nel nostro dialetto 
Deventd unito a mille aggettivi com- 
pone mille dizioni che in italiano si 
traducono anche per soli verbi» ciò 
che non è dato a noi. Per es. DeventÀ 
ross, gialdy smort» bianche avar, 
catjv e simili. Arrossare 9 Ingiallare 9 
ImbiancarCf Inavtaire^ Incattivire^ ecc. 

De véra. Davvero ^ e per ischerzo Da ye- 
n>/wi(Fag. Ast, bai. Ili» 13). Davveris- 
simo{FsLg. ivi II 9 io). 



Digitized by 



Googk 



DI ( Sa 

Bem cfu gli idioti pronunziano Dères o 
.Deos nei la /rase Vcfs el tò Deus. 
Essere il suo idolo. V* in Caroeù e Dìo. 
DeTÒtt. Divolo. 

Grass, biott e mil devoti, r. Biòtt. 
Vess devoti de san Ferma, de san 
SUvesler, ec. f^. in Férma» Silvéster, ec. 
Yess devoti de santa Caterinna a 
la^roeuda. ^..in Roeùda. 
Devòti, Ad. di Vèrmcn. f^. 
Devozión. DiiH>iione, De^zione. 

Devozion de san Mattee. V» ìlattée. 
Fa i so devozion. Far le sue di- 
mozioni, cioè confessarsi e comunicarsi.' 
No gh'^è el pù pesg ladron che 
no gli' abbia la soa devozion. . . . Ogni 
uomo, sia pure malvagio quanto un 
voglia, ha sempre alcuna buona dote. 
Piomp la devozion. Rompere la de- 
• vozione altrui{ÌILàn. Fegl.fiac. 1 1 1, i5). 
No j are. Infastidire. Seccare.V. in Aómp^ 
Di. Dei. Degli. LÌ eoo di omen. La te- 
sta degli uomini. El eoo di bagaj. La 
testa dei fànciièili* In di giughitt. Nei 
trastulli. {donne. 
Di. Delle. El eoo di donn. La testa delle 
Di. Segno del pL indeterminato o dei 
partilivo. Per es. Di coUon ghe n'^é in- 
sci, ma di omen ghe n'è pocch 

Calzoni moltissimi^ uomini veri pocliis- 
simi. Vu} di soldi, y-o* danari. (Mk di 
nos? Fi son noci? Di voenll si , di 
vosult no. Alle volle sì , alle volte no. 
Alcuna volta sì^ alcuna no. Talvolta 
sì 9 talvolta no. Ora sì, ora no. 
Di. Dai. Dalle. Per es. ììl ven di bagn. 
falene dai bagni. £l ven di acqu. falene 
dalle terme o dalle acque termali. 
Dì usasi anche con forza superlativa 
nel seguente modo : La reson di reson 
Tè questa. El fall di fall Tè quest. 
Ragion massima è questa» Alle brevi 
il fatto sta così. Lo scarto degli scarti 
disse anche il Pan. PoeL II, xxiv, Sj. 
Questo nostro modo è oggidì assai 
comune in Italia ove si hanno Alma^ 
nocchi degli abnanacclti , e simili. 
Di. s. m. Dì. Giorno ; poet. Die ; antic. 
Dia. Giornèa •— Giornata. 
Adi. A dì. A' dì. Addì. 
A la veggia glie rincress a mori 
perchè ne impara vunna luce i di. 
- y.in Veggia. 

Al di d^incoeù. F* in Jncoeù. 



) DI 

AAdà a dormi a di* Andare a dor- 
mire fatto giorno. 

Bell e el primm di. // primo primo 
<fi (Assetta I, I). 

Biott come quell di che Tè nassuu. 
Nudo nato. Come Dio lo yèce(Bfonos.). 

De di in di. Di dì in dì. Di giorno 
in giorno. Giornalmente* Dì per dì. A 
giorno per giorno. Giorno per giorno. 

Del beli di. Di bel giorno. Di bel 
sole. Di clùaro dì. Di bel dì. Adì alto. 

Del di. // dì. 

De tutt i dì. Da 9gni dì. Quotidiano. 

Di de degiun. F. in Digiùn. 

Di de festa. Dì festivo. I di de fesU. 
/ dì dalle feste. 

Di de lavò. Dì feriaìe o da lavoro. 
Giorno lavorativo. 

Di de grass^ Dì nei quali si mangiano 
cibi cantili o ne* quali si camelia. 

Di de magher. Dì nei quali si fa 
magro ; e scherz. Dì o Giorni neri. 

Di d'^oL. r. in. Òli o (Eòli. 

El di adree. L'altro dì. 

£1 di de la pi>veretta. K. in Sàbet. 

El di de la Zerioeida. La candel" 
laja. La Candellara. 

El di del lati. F. in ìMU 

£1 di de tuli i sant. Ognissanti. 

£l dormirav lina al di del ghidizi. 
Farebbe a dormir col saccone. 

Faccia de tati i di. F. in Fàccia. 

I di de la Merla. F. in Itfèrla. 

Inanz Mei riva n^ha de passa di di. 
Innanzi eh* ei venga ci son deigiomerelli» 

In di in di. A giorni. 

La va ai di del giudizi. EHa va tdle 
calende greche — Elle durerà jusip^ au 
jour du jugement dicono anche i Fr. 

Longh come V ultem di de T ano. 
Più lungo o maggiore del sabato santo, 

Lontan come dei di a la nott. Più 
lontan che gennajo. dalle more. 

Ogni trii dì. Ogni terzo giorno. lyo- 
gni tre dì l'uno. Di terzo in quarto dì. 

Pari el di del giudizi a la podisnaa. 
Parere un finimondo. Essere una graa 
rovina, un gran precipizio. 

Quand 1' è longh i dì. Ai di htngliL 

Quell ch"^ emm de £k femmel ai nost 
di. Il fatto sta ch'egli sia ai dì miei 
(Lasca Pinzoccìiera li, 6). 

Quindes di o Tredes di quaitordes 
mia. F. in Mìa. 



Digitized by 



Googk 



DI (33 

Sa la fin del dì. AWàbhàssar del dì. 

Sul fa del dì. In sul fare del di. 
Sul far del dì. Sul rompere del giorno, 
NeW aprir del giorno. Allo spuntar del" 
r alba. In sul eÙ del tal giorno. 

Tutt^el santo dì. Tutto il dì guan- 
feglì è lungo. DaW alba alle squille. 
Tutto il nato dt. 

Tutt i di che Dio ha creaa. Ogni 
dk che cade in terra* 

Tatt i di en passa Yun. Ogni dì ne 
%fa un di. Ogni giorno passa un giorno. 

Vegnì dì. Farsi giorno, 

Vess ciar eh' el par del dì. Esser 
chiaro che par digiomo(S'Jtr.Sp,V9^). 

Vess come el di e la'nott.\&^eme 
lontano come gennajo dalle more, Non 
ci ayer che fare, essere diversissimo. 
Hy adela différence camme du jour 
à la nuit dicono anche i Francesi. 

Viy de di in df. . . . Non potere 
col proprio guadagno giornaliero fare 
dì più che vivere alla giornata , non 
poter fare gruzzolo per T avvenire. 
Plifre au jour la jouméei^Oìix Dict.). 
Di. verbo. Dire, 

A dighela in bon milanes. V. in Bun. 

A dilla giusta. J confessarmi giusto, 

A di pocch. A farla stretta, 

A di sossenn. Per dire assai. Per 
dirla larga. A pigliarla ben larga. 

Andà a di de si . • • . . Andar a 
marito o a moglie. 

Ave che dì. At^er che dire, 

Avegh de fa e de di. Aver da gratr 
tare. Aver che ugnere, Gh''è staa de 
fa e de di a fall tasé: Ci volle asscd 
a farlo tacere. Gh'^hoo avuu de fa e 
di a cavammela. Ebbi che ugnere e 
che fare e che dire a i£5CÌriie(Fdgiuoli 
Conte di Bue. I* i5). 

Avegh on sogn 9 ona lamm , ona 

paura, ecc. de no di. Aver sonno ^ 

fame 9 paura grande. Non è a dire o 

Noìi si può dir con parole guai son* 

no 9 quanta fame f ecc. avesse, 

Avegh pussee de fa che de dl.K.//» F^. 

Bell quel! che voeur dì hell e sim. 
Di là da bellissimo, 

Besogna di eh'' el sia insci. Convien 
dire o credere eh' e'' sia tale» È da 
supporsi eh"* e* sia tale. 

Besogna minga di tuttcoss. Ogni 
ifcro non è ben detto* 

f^ol. IL 



) DI 

Come sarant a dì? Come dire .^(Fag. 
Asl, bai, IT, i5) — C^ vorrestu dire 
con ciò? Modo d^ interpellare che ha 
in sé alcun po^di minaccia o di di- 
spetto. E perciò non è raro che altri 
risponda al vostro Come dire? con 
un Come fare ? che equivale a nega- 
tiva irrìsoria di spiegazione a quella 
vostra domanda. 

Come sarav a di (positivamente). 
Cioè a dire. Come a dire. Per esemr 
pio. Come sarebbe a dire, CoPne dire. 
Ciò è a dire. Che è quanto dire. Tanto 
vale a dire. Tanto è a dirt,' 

Cosse diavol disel? Che armeggia 
egli? Che anfana egli? C/te die* egli? 
Che annaspa egli? 

Del di al fa gh'è i so dificoltaa o 
vero ghe passa ona gran di versi taa. 
Dal detto olfatto è un gran tratto. 

Dì adree. Dir contro. Avventare. Dire 
altrui checc/tessia in mal senso. Dire 
verso uno. 

Di attorna. Divolgare. Propalare. 
Pubblicare, Disseminare. 

Dì ben. Dir biuyno. Andare a se- 
conda. Succeder bene 9 aver le cose 
favorevoli. - 

Di ben i sceu orazion* r. in Orazión. 

Di ben ona cossa a Ynn, Adattarsi, 

Di ehe i micch hin minga pan. 
y. in Micca.. 

Dì-foeura. Dire. Dirfuora, 

Dìgh a me nomm che Tè insci. 
Dimmi al tale che Ve a questo modo. 

Digh dent tanti mess. . . Dire tante 
messe quanto danaro viene offerto. 
. Dighen assee o Di el rest de la 
parpceula. Dime affatto. Cantarla o 
Sonarla ad alcuno. Dame infino ai 
denti. V, anche in Parpoeiila. 

Dt-giò. Dir fuora. Dire a distesa. 

Dì-giò per gesa. Dire in chiesa{0\or, 
agr. tose. I, 97). F. Trà-giò per la 
gesa in Gésa. 

Di minga. Non confarsL Non dirsi^ 
Non riscontrare. V. anche in Desdì. 

Dinn quatter. Dire della violina, 

Dinn tant che sia assee. Fotare il 
sacco. Scuotere il sacco pei pellicini. 

Dinn. tutt i ben. Dir bene di cìiec" 
chessia. Porre in cielo. 

Dì ona robba a mezza bocca o Di e 
no dì. Accennare infruscato clwcehessia 

5 



Digitized by 



Google 



DI ( 

(Tac. Dov. Post 197 ) 9 dire e non 
dire -^ TalTolla andie Dire a bocca 
piccina o alla trista, V* in Bdcca. 

Di picch-e^pander de quejgheduj). 
^. in Pìcch. 

Dì por quell che te Tceu, che già 
Tò istesB. Tu puoi zufolare* Tu puoi 
dir quel ohe tu vuoi die io non ne 
vo'Jar niente. 

Di robb che no pò sta né io ciel 
né in terra. Di robb de ck del dia- 
v«l. f^ in Giél e in Diàvol. 

Disa chi voBur. Dica chi vuole(Bux>^ 
nar. Tancia I» 5). 

Disi de nò mi. Pensavo di no io 
(Fag. Cav. parig, I, 5). F^. in Nò. 

Disi de si mi. Dico di sì io(¥Èg. 
jÉvercura di donne ò pazzia II, 9). 

Diss adree la nomm di Test. Lo stesso 
che Dass de tutt i titol. y, in TìuA, 

Bhsù, Dire. Narrare, Esporre, Fa^ 
sellare» Dir f dora, 

Di-sù robba brodosa. Esser ^prolisso, 

£1 dia minga maa. Egli non dice 
tnale. Egli ha ragione. 

Fa beU di lù a El gh^ha beli di lo. 
Ha buon dire egli. V, anche in Bòli. 

Faghela di a quejghedun. Far dire 
della violina — Gtt^iire il ruzzo di 
capo a uno, 

Fassel minga di dò vosull. Non /ar- 
selo dire due volte(^osÌDi Signora di 
Monza)* Senza duol di funq* 

Foo insci per di. Io fo per via di 
raEgi'oMAnB(Lasca Spir, IV, i ). 

Foo minga per di. Non fo per dire 
(Aoeini 'Signora di Monza), Non per 
metter male; sbaglierò forse, ma. . . • 
e si sotlintende La debb^ essere cosi. 

Foo minga per di. Non dico per 
//ire(Fag« Gli Am^ senza vedersi I, i). 
Non Jb per tettermene(Oìom» agr. I, 
100). Non a vanto, non dico per am- 
bizione o superbia; non esagero. 

Ghe disii poccli? Ti par egli poco? 

Hio nanca robb de di. f^, in Ròbba. 

Hoo de divel in musega ? f^, Màsega. 

L'è minga de di che se possa fa 
o simili, E non è di dire clte si pos" 
sa^ ecc.(Salv. Spina V, 9). 

L^ba avuu de di che . . . ]^he a 
dire che .... 

Minga per di a di. Non dico per 
dire, Fedi pm sopra Foo minga per di. 



34) m 

No savè coss^el se disa. t(on sa- 
pere ciò cKei s* abbai. 

No savè di qttalter paroli in eros. 
y. in Paròlla. 

Per moeud de di. F, in Moeùd. 

Per quell-li tant, el àia minga mal. 
Non dice male se vuoisi. E" non ab- 
baja a vuoto, 

Podè minga dilla con Ttln. Non ce 
la potere o Non la potere con alcuno. 

Quell ch'^è de di è de dì. Lode al vero. 

Se dis per di. Eh si fa per discor- 
rer?(Fag. L'Ast bai. Il, i4) — Talora 
anche Si parla a caso o a casaccio. 
Si bocia in follo. 

Senza di né duo nò trii. F. in Tril. 

Senza di né là né lee. F» in Lée. 

Senza nanch di Tarda che te doo. 
F, in Diì(percuotere). 

Se po' minga fenì de di . • • Non 
si può dire a mezzo la , , , , 

, Soo quell che disi quand disi torta. 
F. in Tórta. 

Sta a quell ch^ el dis. Stare o Star- 
sene al detto o a detta di alcuno, 

Tel disi mi. , . . lo ti so dire che . . • 

Trattegniss de di. Tenere in collo, 

TroTà de di sora tusscoss. Qui- 
sdonare sur una cruna d* ago. Esser 
garoso f perfidioso , fisicoso» Appellare 
a ogni co#a( Lippi Malm, VI , 94 ) -"-* 
ed anche più spesso Apporre alle Pan- 
dette o al sole. Intorbidar P acqua, 
chiara» Cercar cinque pie al montone. 

Van adree a diii. Se ne bucina, S6 
ne mormora. Se ne bisbiglia. 

Vess^k de A e de di f^. pia so- 
pra Avegh de fa e de di. 

Vessegh nient de di. Non e* esser 
a dire o che dire o ridire, 

Vess iìiii quell mai che se pò di. 
Non se ne può dire di piiu 

Voeutt di? Vorii di? Yaiirel di? 
A dire! Che sia mai! Credil tu? Il 
pensate voi? Die? ella da senno? Pos^ 
sibile ciò ! Che ciò sia! Avesse mai ciò 
ad essere ! Voeutt di che sien faa de 
corda ? Oh può fare a dir ch'elle sian 
fatte di corda? 

Vorè fò, di e bordeg&. Minacciar 
di fare e di dire ad tf/e«no(Firenz. 
Oper. IV, i65). F. in Fa. 

Vuj dighen quatter. Foglio din- 
gliene{così il Segnerì evo garbo di 



Digitized by 



Googk 



DIA ( 

lingua 9 ma con improprieUi di con- 
cetto nella Fred. XXII, i del suo Qua- 
resimale)» cioè to'* risentirmi con lui. 

Di. T. di Giuoco, .-. . Pigliar le distanze. 

Dì: To'. Toh. Ve (A/eresi di Vedii). 
Oh di^ chi, el gh^è.insemma. 7b% egli 
è con lui» To'* 9 egli è insieme con 
esso. Oh di^ chi, di^ chi» ehi vedi 
mai mi! Guarda guarda chi c'^Pan. 
Poet. I f xyiii » i5). Toh 9 dU vegg" io ! 

DI. Dire alt incanto. Offerire o Profferire 
all'asta* Dire sopra una cosa alPin^ 

Dì. f . cont per Diit, Detto, (canto. 

Dia. y, Dio-Fioeuj de dia... Esclamazione 
« £ rà fiooi do dia. » (B%\, Rim. IV» 1 1 5). 

Diablemanfòrt. s. m. . . . . • Specie di 
stoffa colla di cui moda ci é venuto 
anche il nome dalla Francia. 

Diàcon. Diàcono, 

Diadèmm. s. m. Serto, Quell'' ornato da 
testa femminile che rappresenta una 
specie di diadema. È la Goleta de* Yen, 

Diaframma. T. degli Occhiala) . . , . . 
Cerchietto di legno lavorato a traforo 
che si mette in fondo alla canna del 
cannocchiale per allogarvi lo specchio 
oggettivo. Anche tra^ Fr, Diaphragme, 

Di» gridi, Diagrìdio* 

Dialétt. Dia/eOo. 

Diàiogh. Dialogo, 

Diamànt. Diamante, Bell diamant« Dia- 
mante die mostra bene. Brutt diamant. 
Diamantaccio, 

Diamant d"* Olanda. Spera, 
Diamant groppii. Gruppiio, 
Quader del diamant. Faccette* 

Diamànt. T, da'* Vetr. eccDiamante, Stru- 
mentino da tagliare il vetro. Anche i 
Fr^ lo chiamano Diamant, 

Diamante. Indiamantare, 

Diamantàa. Jmliamantato, 

Diamantin^e alpL Diamantitt.Z)ùim<m(2jio. 

Diamantin, Ad, di Ciòd. V. 

Dianeguàrda. K Dininguàrda, 

Diànna. Voce c/ie si usa nelle frasi 
Batt la dianna. Batter la diana, 
Ohperdianna! Possibile! Ch*e^ sia 
vero! Affé del zio hacconeQUoxixg, Tac. 
ed Jm» I, a). Diavol becco ! (Fag. ). 
Pan la stella Dianna. V in Stélla. 
Per dianna , Per dianna hacch» Per 
dianna de legn o Per dianna in can- 
na. Per dianora. Corpo di dianora. Lo 
stesso che Per diuna* V, in Dìnna* 



35 ) DIA 

Diluixen. Diàscolo. V, Diàvol. 

Oh dianzen! Diacin. Diacine, Dia- 
scane. Diascolo. Diamin. Diamine. Dia- 
schigni. Esclamazioni di maraviglia che 
s* usano per ischivar la parola diavolo. 

Diànzena. Diavola. Diavolessa, 

Oianzenamént. Diavolerìa, V, Diavoleri. 

DiÀpol (Diàscolo* Diàscane) dicono per 
eufemismo i contadini dell* A* M. come 
noi cittadini diciamo Diànzen. F. 

Diaréa(eco/i/. Yrùst)J)iarréa,Vé Gagarellà. 

Diascòrdi. Dìascòrdio, 

Diàsper. Diaspro, 

Diàvol e Diàvel e Dia ver e Di&nzen 
(che anclie dicesi Barllcch , Ciaflolètt , 
£1 Quindes de tarocch, Giappln, Rah- 
bój, Quell di orecc d^oss, Scarìnz, 
Demòni). Diavolo. Demonio, Jìsnten^ 
nino. Satanasso, Luci/ero, Belzebù, Il 
Maligno; colle Pros. fior. (IV, iir, 64) Il 
Nabisso ; col Pananti e con altri Ber- 
licche ; e con Dante Nero cherubino — * 

I demonj sono anche detti Angeli rei 
o fallaci o mali o Angeli del diavolo - 

II Diavolo è il cavai di battaglia del po- 
polo e son per dire di tutti: fa ritratto 
d''eccellenza in ogni cosa, sia buona 
sia trista, dalla sola inerzia in fuori 
colla quale mal si donforma Pidea della 
somma attività che gli viene attri- 
buita i per lo che non possiamo dire 
Vò on gran diavol per fa nagott come 
diciamo Ve on gran diavol per lavo^ 
7YÌ, per fa verSf per sona 9 per canta 9 
per balla , per battes , per jfà-sà la 
genti ecc. È un demonio ; È un dia- 
volo perfarCi direi ecc. Cest un grand 
diable dicono anche i Fr. in pari sig. 

A costo de vede el diavol in Pim- 
pollin , vuj propri savell. S^ io do- 
vessi far la caraffa 9 me ne vo* cliia- 
n>c(l^ag. For, rag, I» 8). 

Andà a cà del diavol calzaa e ve- 
stii. V. in Andà. 

Andà a ri del dipoi in caroccia. 
Andare a casa il diavolo in carrozza 
(Rime d*un aut. pis.). A forza di go- 
dimenti mondani andare in eterna 
perdizione. 

Andà al diavol. Andar al diavolo , 
cioè in malora 9 in chiasso, 

Andà ch'el diavol el le porta. Le- 
varla come avesse mille diavoli addos- 
so. Andarne che il diavolo lo porta. 



Digitized by 



Google 



DIA (36 

Andà in bocca al dìayol. Afidame 
in Qi/amau{SsiCch. Nov. 134)* andare 
in chiasso. 

Avegh el diavol adoss o el dìavol 
in la eoa. Aver un diavolo per capello 
(Gior, agr. I, 97). Avere il diai^lo 
addosso o in corpo. Essere indiavo^ 
lato , infuriato y imperversato , e alla 
cont. indiascolato 9 cioè arrabbiatìssì-' 
mo; Aver tanti diaboli addosso quanti 
capelli in capo. 

Avegh el diayol de la soa. Aver 
fatto patio col diavolo. Diccsi di per- 
sona cui ogni cosa avvenga propizia. 

Avegh la borsa fodrada de peli del 
diavol. fig. Esser buona borsa. 

Avegh ona paura del diavol. A^.Paùra. 

Avegh on cara ter del diavol. Avere 
un caratteraccio indiavolato. Essere di 
mala cornatura. 

Chi ' è staa a cà del diavol sa cosse 
ghe fan. K in Cà. 

Chi ha Inaura del diayol fa nagott. 
Di bene in diritto si muor di fame 
(Fag. For. Rag. Ili, 3). Onestà spec- 
chiata e gran lucri mondani rade 
yolte possono andar di conserva; il 
fiume non ingrossa d* acqua chiara; 
e perciò i tristi esortano con questo 
proverbio i deboli ad imitarli; ma i 
buoni sogliono dire Molto meglio è un 
buon nome die una mala ricchezza 
(Alleg. pag. i3a). 

Chi mangia pocch e olter ben no fa, 
sparmiss el so e a cà del diavol va. 
Chi digiuna e altro ben nonfa^ rispar- 
mia il pane e a casa del diavol va. 

Chi va a cà del diavol va a cà 
soa ... Il castigo è preparato ai mal- 
vagi; casa maladetta sta là pei tristi. 

Corpo del diavol! Può fare il diavolo! 

Cosse diavol fai? Cosse diavol gh*' 
hai in sul eoo? Che diavol fa egli? 
Che diavolo ha egli in capo? 

Dà on diavol sui corni .... Dare 
altrui in sulla testa un oggetto qua- 
lunque che sia atto a sfracellargliela. 

Dà ona robba in man al diavol. 
Dar la lattuga in guardia ai paperi. 
Dar le pecore in guardia al lupo. 

Dass al diavo]. Darsi alle streghe 
Monos. i83). Darsi al diavolo* Imjpst- 
zientarsi , dispef arsi. 

Di robb de cà del diayol. F. Ròbba. 



) DIA 

El diayol el fa 1 pignalt ma 9)inga 
i coverc. // corto toma da piede. Le 
tristizie si vengono pur sempre a 
discoprire. È in parte quello che Se- 
neca (epist. 97) disse Tuta scelera, 
esse possunt^ secura non possunt^ e 
in pieno ciò che TAriosto disse 

Miier chi nuil oprando ti confida 

Che ognor sUr debbia il maleficio ooealto, eccm 

£1 diavol el fa la torta(o la poh), 
e i donn ghe la fan mangia. Le donne 
hanno piii un punto che il diavolo. 
Si dice per esprimere la sagace ma- 
lizia delle femmine. 

El diavol el se cascia de per tutt 
El diavol el vceur mettegh o menagh 
dent la eoa o i comi de per tutt. Dio 
non fa mai chiesa che il diavol non 
voglia o non vi fabbricìd la sua cap- 
pella. Sempre il diavolo ^intermette. 
A chi Dio dà farina il diavol toglie 
il sacco. 

£1 diayol el s^ impicca se lu el le 
fa o sim. Tutto può accadere anzi 
ch'egli il faccia o simili. 

El diavol l' è poeu minga insci 
bmtt come el fan o come el depen- 
sgen. fìg. Non è il diavolo brutto co- 
me si dipinge. Chi vede il diavol dad- 
dovero lo vede con men coma e man- 
co nero. La cosa non è si disperata 
com*ella pare. 

El diavol r ha pers on' anema . . . 
Dicesi allorquando si vede alcuna don- 
na per lo addietro data agli amori 
diventar poi bacchettona nell^andare 
in là cogli anni ; ed è quel che i Ve- 
neziani dicono bellamente Co la carne 
vien frusta P anema la se giusta. 

El diavol Tjutta i sceu. ..... I 

malvagi s^ajutìan fra loro; e pel gran 
numero in che e' sono recano fortuna 
a chi è con loro. Proverbio che metà 
de' miei lettori riconosceranno veris- 
simo toccato ch'abbiano il loro anno 
quarantesimo; e della cui verità gli 
altri si staranno in dubbio forse tutta 
quanta la vita. 

El le troeuva nanch el diavol. iS* 
non lo troverebbe la carta ^a navi- 
gare. Dicesi deir impossibilità di ri- 
trovar una persona. 

El r ha cagaa el diavol qnand el 
gh** aveva i dolor o i dolor de ven- 



Digitized by 



Googk 



DIA (37 

ter o quand el se peccenava la eoa 
dedree del pajee. È catUsfO di nidio. 
yien di mala cucina, È pia cattivo che 
tre assi» È uomo di là da noalvagio. 

Fa el diavol. Fare U diavolo. Fare 
ogni sforzo per ottenere » ecc. Faire le 
diable dicono anche i Francesi. 

Fa el diavol a quatter o cont i pee 
o pitt dedree. Fare il diavolaccio. 
Diavoieggiare. Fare il diaivol in un 
canneto o in montagna o a quattro, 
Nabissare» Imperversare, Indiavolare, 

Fa el diaTol per dcTentà sànt. . . . 
Propriamente far di tutto per cresce- 
re in santità ; ma dicesi quasi sempre 
scherz. per tacciar que^ bacchettoni i 
quali fanno mille attucci divoti e mo- 
strano avere tutte le virtù meno quella 
della carità. 

Fa vede o Mostra el diavol in Tìm- 
pollin. Far vedere il diavol nelV anir- 
polla o la luna nel pozzo o lucciole 
per lanterne {jAxmos, pag. 49^). Gab- 
bare, illudere. 

Fin che el diavol Fé crepp. Fin 
dì* e^ scoppia, A sazietà. 

Fint o Doppi come el tabarr del dia- 
vol. Pia doppio d^una cipolla. Leale 
come uno Zingano, Tamburino. 

Fodraa de peli del diavol 

Che non sente punture né scottature. 

Furb come el diavol. Trincato co- 
me il trentamila diavoli{^ach. Opere 
IX, i5o). F". piti sotto Savénn ecc. 

Ghe va-sù nanca el diavol in quell 
sit-là. Ifon vi salirebbero né anche le 
capre{S9Ìy, in Pr,Jior. IV, i, ia8). 
Ab» v" andrebbe il diavolo per un'a^ 
nima. 

La farinna del diavol la va tutta 
in crusca. Quel che vien di ruffa in 
ruffa se ne va di buffa in buffa. Il 
mal acquisto non dura, diavol reca 
e diavol porta via. 

Lavora per el diavol. Lisciar la 
coda o Far la panata al diavolo. Per- 
der V acconciatura e la lisciatura. Far 
la zuppa nel paniere. Gettar via il 
ranno ed il sapone. Masserìa ^ masse- 
rìa, viene il diavolo e portala via 
(Monos. , pag. 327). Lavorar inutil- 
mente, senza prò. 

L'^é la miee del diavol che lava i 
paga. . . . diciamo noi aUorchè dà il 



) DIA 

sole e piove ad un tempo. H Bur- 
chiello disse che 

« Gli umiroM di Laort e di Giove 

w Piaogon coi denti molli e con affanno 

» Le scolaeciate che i koccoH danno 

n Alle calcagna qoand* è sole e piove ». 

Manda al diavol. Mandare alle bir- 
be. Dare il cencio. Licenziare — Ed 
anche in senso di Manda a f^ bolgi- 
rà. Dare al diavolo, 

On diavol dcscascia Tolter. V un 
diavol caccia V altro f e Satanasso tutti 
(Monos. 99). Un diavol caccia Valtro, 

On diavol e meiz. Una sfucinata. 
Gh^ é andaa on diavol e mezz de 
ferr. C è voluta una sfucinata di ferro. 

O tutt del Signor o tutt del dia- 
vol. Bisogna essere o tutto buono o 
tutto reo(Guar. /drop. Ili, 5). 

Pari che s** abbia faa patt col dia- 
vol. K più sopra Avgh el diavol de 
la soa. . . . Riuscire ogni cosa bene. 

Pari el diavol de la Ciarella. • • | n 

Pari el diavol di casse tt S 

secondo diavolo mira a quelle figu- 
rette di d tavolini che balzano in piede 
si tosto che s'aprono le scatolette in 
cui sono prigionieri ; il primo o a qual- 
che dipintura locale in cui fosse al- 
cun bruttissimo demonio, o a qualche 
rompicollo del paese cosi sopranno- 
minato , o ad alcun forte uomo chia- 
mato cosi per aver menate bene le 
mani nelle guerre del secolo i4** 

Peli de diavol. . . . Sp. di stoffa. 
r. in Péli. 

Quand el diavol el voeur. Chetti 
sacchè{/iìl€gr. p. 207). 

Robba trada al diavol. Moba sciur 
pata o gettata, 

Robb de cà del diavol. Cose indiai 
volate. Le più diavole cose del mondo, 

Sant io gesa e diavol in cà. F'.in Sànt* 

Savenn vunna pii del diavol. Aifere 
pia un punto che il diavolo. Jvere il 
diavolo in testa o neW ampolla. Saper 
dove il diavolo Uen la coda. 

Scappa come el diavol de Tacqua- 
santa o Sta lontan come el diavol de 
Tacqua santa. /ìiggire checchessia come 
il fuoco disunì Antonio, Odiarlo come 
il diavolo odia la croce(*ùoT,). Essere 
una cosa a chicchessia come al diavol 
crace(Burch. itili, pag. 89). 



Digitized by 



Googk 



DIA ( 

Temp elei dìavol. V. in Témp. 

Tra al diavol. Soqquadrare» 

Va ch^ el diavol te porta via. Va 
al diavolo, Fa al tuo diavolo. Va in 
malora. Imprecazione. 

Vece pussee del tabarr del diavol. 
Più antico del brodetto. 

Vegoigh dent el diavol o Vessegh 
el diavol in cJi. Entrarci il diavolo. 
Venirci discordia, intrigo. Le diable 
s'en mèle dicono i Francesi. 
• Vesa de qui} divertiment o de qiiij 
spass che dà el diavol ai so ficeu. 
Piaceri da chi se gli vuol se gli pi- 
gli(J9ìcc. Mart. Let, a6 retilo). V, an^ 
che in Divertiment. 

Vessegh el diavol o el diavol per 
aria o el diavol in cà. Esservi il dia- 
volo(Pr. fior. VI, iii, ai ), cioè UTa- 
scere gran guajo. 

Vesseghen per el diavol. Io stesso 
che Vesseghen o Aveghen de fk lece 
ai cavaj. V. in Cavali. 

Vessegh semper on quej diavol de 
mezz. Sempre il diavol s* intermette. 

Vess el diavol che ghe giuga dent. 
A chi Dio dà Janna il diavol toglie 
' il sacco, 

Vess el so diavol. v. nont. briaoz. 
Essere il casissimo. Essere il bisogno 
per appunto. 

yess on andà del diavol. Esser un 
mal andare^ una pessima strada^ ecc. 

Vess on bon diavol. Esser un buon 
pastacclo. VÈtre un bon diable de'Fr. 

Vess on diavol descadenaa o on dia- 
vol in carna o in carna e osa. Essere 
un diavolo scatenato o un nabisso. 
Étre un diable incamé dicono i Fr. 

Yess on diavol per lavora* P«r /a** 
porare essere un verr0(Gior. agr. I, 
98 in bocca di contadini). 

Vess on diavol tentador.' Essere un 
diavol tentennino. Essere il tentatore. 

Vess on gran diavol. JS!f«er un de- 
monio. In bene e in male signilica ec- 
cellenza come dissi da principio. . 

VeM on merter del diavol o del 
ciappin Lo dieiamo degli avari. 

Vess on pò ver diavol. Essere un cat- 
iivellaccio. 

Vess poeu minga el diavol. Non 
avere il viso volto di dieù\f{Fag. Cav. 
parig. I, 3). Avere un poco d'aria. 



38 ) DID 

Vorell nanca el diavoL .... Dicesi 
di persona o cosa di là 4* pessima. 
Vorè vede dove el diavol el gh'^ha la 
eoa. Voler vedere dove la lepre giace* 
, Diavol. Il Diavolo(Aììeg, p. 207). Chia- 
masi ne^ tarocchi il quindicesimo per- 
chè rappresenta un diavolo. 

Diavol. Certo. Di certo. Cosi sta. Affh, 

Diavol o vero CEoh diàvoli Diavol! Gran 
fatto Jiaì Potrà esser mai! Domin an^ 
che! Esdam. di affermazione. Tel 
tegnaree a ment ? . . • Diavol l «- Lo 
terrai a mente? . • • Domin anche. 

Diavol ! Esclamazione d* ammirazione. 
Diavol becco ! (Fag. Avar* pan. Ili, 9). 

Diàvola. Diavola. Diavolessa. Donna pes- 
sima « insopportabile. 

Diavolamànt. scherz. per Diamànt. V. 

Diavol amént. Diavolerìa. V. Diavoleri. 

Diavolamént o Diavoleri o Demòni. Ma- 
ledizioneiVns, Fit. PiX/. proem., p. 43). 
Un diavoleto. Gh^han faa on diavo- 
lamént de nicc, de gugli, de fojamm 
mai pù fenii. Per tutte le facce gli 
hanno fatto una maledizione di taber- 
nacolini, di punte 9 di fogliami ^ ecc. 

Diavolàsc. Diavolaccio. Demoniaecio(Pskn. 
Poet. II, XXUI9 24). Da noi si usale 
più voUe coiragg. Bón; e vale Buon 
postaccio. V è tant ona bonna dia- 
volascia. Ella è tanto dabbenaccialjjov. 
Med. canz- i35.*). 

Diavolèri (e Diavolamént o Dia nzenamént). 
Diavoleto. Diavoleria. Indiavolo . 

Diavolètt. Nabisso. Facimale. Fistolo. Sa- 
tanasso. Demonietto. Farfanicchiuzzo. 
Serpentello* Frugolo. Frugolino. Fru^ 
goletto. Fanciullo che mai non si fer- 
ma e sempre procaccia di far danni. 

Diavolòlt. s. m. usato per lo più al pi. 
Diavolini. Diavoloni. Sorta di confetti 
pizzicanti , mordaci air eccesso. 

Diavolòtt ... A Soma e ne^ contomi è 
il nome di queir uccello che noi chia- 
miamo in ci uà Lorócch. Gufo reale. 

Dlbis red&bis. F, Redibis. 

Diciaria. Ciancia. Dicerìa. 

Dìd. Dito 9 e al pi. / diti o Le dita. 
Didon o Mazzapioeucc. Pollice o 
Dito grosso ss Fregaoeucc. Indice «= 
Bicciolan o Longhignan. Medio ^ Spo- 
sin. Anulare, Anulario ts* Didin. Mi- 
gnolo. Mignoro := Grasselli Polpastrello 
(a Ongia. Unghia ^ Neeud* Nodello » 



Digitized by 



Googk 



DID (39 

Nei diti si osservano allresi k Falangi 

gVlntemodj e i Procondili » I nostri 
ragauetti facevano e fanno* ancora 
talvolta tenere .questo dialogo alle dita 

Dideoi. Mi gh*h(M> fanno! 

FrtpuBUce* Va a robann. . . . 
XoN^giMRi. 8tà mtngm Bmi. . . . 
Spoàn, Va là in d«l cardenzin 

Che gVa on b«ll nùcobia; 
Di£», Dammal a mi che sont piscinin. 

£ qui pure 11 medio faceva la parte 
sana insegnando T onesto , e la nenia 
era men censurabile che altri non 
pensi. Anche i Veneziani osano questo 
giochetto nominandolo Far campièlo. 

A dagh de la libertaa in d^on dida 
s'^en toenjen on brazz. «Se Vuomo gli 
porge il ditOf ed egli ^mol pigliare il 
dito e la i?iano (Pros. fior. II, v» 137)* 
Per un dito credere un braccioifiernì 
Ori. innam, LV, 5o). Dettati affini agli 
altri riferiti in Bràzt^ ancorché non 
quelli per appunto. 

A immna did. A menadito. A mena 
dito* Savè ona robba a monna did. 
Ai^ere alcuna cosa su per le dita o su 
per le punte delle dita. Saperla a me- 
nadito. Saperla» conoscerla benissimo. 

Ave minga vànzaa de bagna on did 
in Tacqua santa. V. in Vanzà. 

Basa el did. /^. in Man* 

Credes d^ andà a tocca el ciel cont 
on did. Pensarsi di toccare il cielo 
col dito. 

Cuntà i pee sui did. V. in Pè. 

Dà el did sott a la eoa. F. in Didìn. 

Dass i did in di oeucc. Darsi del 
dito nell'occhio. 

D^on did iaon brazz. Far d'una mosca 
un elefante o d'un bruscolo una trave. 

Fa canta i did. Far le cocche{\oc. 
pano.). Fare scricchiolar le dita col- 
lidendo precipitosamente il pollice col 
medio; ciò che i ricchi romani usa- 
vano fare per chiamare i loro servi 
quando erano a mensa, e dicevano 
Concrepare assolutamente o pur anche 
Concrepare digitos o digitis — Faire 
craquer les doigts dicono i Francesi. 

Fa i cunt sui did. No\^rare a me- 
moria. Contar sulle dita. Vln digitos 
mittere dei Latini* 

I did di man ^in desugnal o vero 

1 did d'Iona man hin vun divers de 



) DID 

rdter. . • ; . Per significare special- 
mente che tutti i figli d^un medesimo 
padre» benché fratelli 9 dissimigliano 
di temperamento e di merito. Anche 
i Fr. hanno questo proverbio: Tous 
Ics doigts de la main ne se ressem- 
hlent pas. Il Fortig. nel Rice (IX, 77) 
ha il suo contrario, cioè Essere dita 
d'una stessa mano in sig. d^ Esser 
pari di valore, scienza e simili. 

Insci sui did. fig. Così sulle dita 
(Gior. agr. tose. I, 496)* Senza cor- 
rervi danari o scritte. 

Ligassela a on did o Mordes el 
did. fig. Legarsela al dito. Allacciar- 
sela a un dito. Mordersi il dito. Mi-i 
nacciar vendetta. 

Hanch did e manch puid. Bg. Le po- 
che pratiche Janno vivere l'uomo in pace 
(Vasar. 989 che riporta questo esi- 
mio proverbio come detto dei divino 
Michelagnolo ). La virtù vuol pensar 
mento 9 solitudine e comodità, e non 
errare con la mente e disviarsi nelle 
pratiche{yM*^9ig. 987). In modo fami- 
gliare poi io direi quasi Meno ricci 
meno impieci. 

Podè leccass o sciscià i did basa 
el did. Poter leccarsene le dita. Aver 
di catto o di catti. 

Segnaa a did. y. in Segnàa. 

Spuass sui did. fatarsi sulle dita. 

Did. Dito^ cioè la larghezza d''un dito. 

N^ho bevuu tant come on did o anche 

a* ho bevuu on trarers d'^on did. iVe 

bevvi un dito. ATé calaa on did de 

robba. Èbbi manco un dito di stoffa, 

Did. Ditale. Qaella parte del guanto 

che copre il dito, e per lo più si 

dice di quella che si taglia dal guanto 

per difesa del dito che abbia qual« 

che malore. 

Dìda idiotismo per Did. r. 

Didàa. Ditale. Anello da cucire. Arnese 

notissimo che usano le donne o i sarti 

nel cucire. 

Didàa de somenza de cavaler. Anello 

(•tose). Il dodicesimo dell'oncia. -^ne//a 

dice il Giorn. Georg. IV, <i5 che 

si chiamano dai contadini toscani le 

dodici parti in cui sogliono dividere 

Toucia da seme. A Bologna quattro 

anelli di seme o intemodj di canna 

formano un'oncia di quel peso. 



Digitized by 



Google 



DIE ( 

Didàa. Sonaglio, Quella bolla die fa 
r acqua quando e^ piove. 

l)idàa. Ditale? Specie di ditale largo 
quanto il polpastrello del pollice per 
. uso di fendervi su le penne a tem- 
peratura volante, 

Didàa. Ditale? Anello con entro una 
pennuzza da pizzicare il salterio 9 ecc. 

Didàda. /)ito(a(Targ. Plag. I9 110). Im- 
pressione di dito. 

Didàsc Gran dito, dito grosso» 

dito tozzo, e talora anche semplice- 
mente Dito rozzo , villano, come p4 es. 
Tocca no con quij didasc. Non tocca- 
re con quelle tue brutte dita. 

Didèlla(c/i£ altri chiamano anche Didel- 
linna, Didoeùla, Manétta , ecc.). Dìtola, 
Specie di fungo imitante alquanto il 
corallo, cioè tutto ramusculi uscenti 
da un solo ceppo , detto bot Clavaria. 
pidella gialda. Ditola gialla. La Cla- 
varia flava di SchaeiTer. 

Didella gialda e rossa. Ditola gialla 
rossa. La Clavaria botrytis di Persoon. 

Didìn. Ditino? Ditello? Ditolino? Dituzzo? 
Picciol dito. El gh'^ha certi diditt. Ha 
cerate ditòline -— Ohe cala on didin de 
robba. f^è un mignolo di stoffa manco, 

DidÌQ. Mignolo, Mìgnoro. Dito mignolo o 
auricolare. Il dito minore della mano. 
Dà el didin(o el did) sott a la eoa. 
Dar gambone. Dare ardire, rigoglio , 
baldanza *— Ed anche Tirar lo spa- 
ghetto a uno 9 cioè dire per far dire. 
Popò de mettegh el didin in boc- 
ca. K. in Popò -— Diciamo anche Te'el 
didin a uno che faccia del semplice 
e noi sia ; ciò che il Fagiuoli(neU''^'- 
stuto bcdordo^ 111, zri ) disse 

« Mettetele un dito in bocca. » 

Dido (Oh) ! Deddina ! Oh maraviglia ! 

Oh vatti con Dio! Doh! 
Didoeùla per Didèlla. f^. 
Didón. Pollice, Dito grosso. 
Diesa. Diesare{Dìz, mus.). 
biesìra. Diesire, 

Fa di la Diesira a vun. Far dire 

della violina ad uno. Far pentire. 
Dièsis. T. mus. Dièsis. 
Dièiia.^ Dieta — Ciò che pertiene alla 

dieta dicesi Dietetico. 

Sta a dietta. Far dieta. Stare a diela^ 

e con un idiotismo italiano popolare 

de'^più ragionevoli Slare a divieta. 



40 ) DIP 

Tegnl a dietta. pos.e fig. Temere 
a dieta. Dietare. 

Diétta e com. al pi. Diétt. Dal lat. barb. 
Diefa{merces diurna) o dairant. ila!. 
Dieta per Giornata, spazio di un giorno 
valutato venti miglia. . . Mercede diur- 
na che si accorda citile l'onorario an- 
nuo a chi per ragion di pubblico inca- 
rico dalla sede fissa cui è tenuto per 
esercitarlo s''allontana per andare uno 
o più giorni in luoghi diversi per 
visite, sopralluoghi , ricognizioni, ecc. 

Passagh i diett Pagare la 

mercede di cui sopra. 

Yess in dietta Toccare la 

mercede di cui sopra. 

Dietta. Dieta. Assemblea nazionale, co- 
mizj nazionali. 

Diettinna Assemblea parziale, co- 

miz} parziali. I deputati dei 32 cantoni 
svizzeri insieme adunati formano la 
Dietta svizzera; quelli dei paesi d'^ogni 
cantone insieme raccolti formano la 
Diettinna o sia T assemblea cantonale. 

Difénd. Difendere. 

Diféndes. Difendersi ; e fig. Passarsela. 
Poeuh me difendi, fia me la passo 
pian piano. 

Diferentemént. Differentemente. 

Diferénza. Differenza. Diversità. 

Difèrlur voce latina che usiamo nel det- 
tato Quod diffcrtur non aufertur. Lo 
allungare non leva via la . co«a(Bib. 
Calandria IV, 4)« 

Difésa. Difesa. 

Difètt. Difetto. Mendo. Menda. 

Besogna compati i difett di olter • . . 
È necessario comportare i difetti del 
compagno — Talora Godi Pamico tuo 
col vezzo e vizio suo^ o Ama l'amico 
tiu) col suo difetto. 

Chi è in difett è in sospett. C/d 
rT altrui è sospettoso 9 di sé è mal- 
mendoso{Baoni 9 Prov. II, 7). C/U è 
colpevole £" un misfatto stima che 
ognun favelli del suo fatto — Talora 
equivale a C/ù ha coda di paglia ha 
sempre paura cìie il fuoco non l'arda^ 
cioè Chi è in colpa teme del castigo. 
In difett. Altrimenti. In se no. 
Tutt"* ognun gh"* ha la soa o gh^ ha 
el so difett. E* non & è sì fresca uovo 
che non guaste (Matteo Franco in un 
son. fra quelli del Burch. a pag. aSo). 



Digitized by 



Googk 



DIG (41 

Ogni casa ha cesso e fogna o acquajo, 
JPfon c'è boccon del netto* , 

Tiitli veden i difetl di oIicf e minga 
i soeu. Ognun vede i difetti del compa- 
gno ne, vede i suoi^ né sé stesso conosce. 

Dif'ettàa. DifeUato. Difettoso, Guasto. Ma- 
gagnato. Mendoso. 

DifeltlD. Difettuzzo. Difettuccio ; e fig. 
PeccartUaifiityr. agr. tose. X, 19^). 
Maccatella, f^iziuccio. 

Djfettdn.... Difetto grave — Alter che di- 
fenili , r è on difettoQ. . . . Non pecca- 
rella 9 è magagna e grave. {volezza. 

Dificoltàa. Difficoltà. Dijicidtà. Disage- 
Diiìcollaa d'orinna. Difficoltà d'o- 
rinare(kìh. e ne. in Dissuria) ; e doltr. 
Iscuria. Dissuria. Disurìa. 

Vess picn de difìcoltaa. Studiare 
in dij^ltà. Cercar tredici in dispari. 

Difidà. Diffidare. Essere sfiduciato. 

DiGdà. T. forense. Intimare. 

Bifìdàa. Avvisato. VhsLn difidaa. Gli hanno 

Difìdazàón. Intimazione. {intimato, 

DiQdént. Diffidente. Ombroso. Sospettoso. 

Difizil. Difficile. Malagevole. Disagevole, 

D i fi ZÌI mént .Difficilmente Mal agevolmente, 

Difuilòtt. Disagevoletto. Difficiletto, 

Digerì. Digerire. Digestire. Smaltire. Far 
digestione. Cativ de digerì. Di difficile 
digestione. Poco digestibile. 

Digerì anca el ferr. r. in Fèrr. 

Digestión. Digestione. Smaltimento. Dige^ 
rimento, 

Digeslìv. Digestivo, Digerente. Maturativo. 

Dìgh. Dirci sotio{U9ich. Op. VI, lai). 
OiFerir prezzo d'^alcuna cosa allorché 
è messa air incanto. 

Dìgfki. r. in Di (verbo). 

Digital, s. f. Digitale, (digiunora, 

Digiùn. s. m.DigiunOf e ant. Le digiune o 

Ave anmò de romp dìgiun. Esser 

tuttora digiuno. 1 Fr. dicono N*avoir 

mangi d' aujourd' hui ni pain ni pàté. 

Romp digiun. Solvere o Mutare o 

Rompere il digiuno. (lancia fig. 

Romp el digiun. fìg. Rompere una 

Digiùn. ad. Digiuno. 

Sta digiun fin che no sonna 1 cam- 
pann. Fare il digiuno del trapasso o 
delle campanei^ikoM a 88). P^, anclte in 
Campànna. 

Digiuna. Digiunare^ e ant. Giunare, 
Digiuna. ÙQ. Digiunar vigilie non mai 
comandate{Kaù Borgh. Am.Jur, IV, 4)- 
Voi. IL 



) DIO 

stare a denti secchi(LoY, Med. Canz.). 
Far lunghe diete. 

Digiuna a la mia moda. Fare il di- 
giuno del lupo o di fra lupo. Mangiar 
più volte quando si digiuna ; e a chi 
lo fu anche mangiando poco dicesi Chi 
spilluzzica non digiuna, 

Dij (voce cont. usata dal Maggi nelle Op. 
II, 257). Detto, y. Din. 

Dilettànt. Dilettante. Intendente. Talora 
Amante di checchessia, 

Dilettàss. Dilettarsi, 

Diligént. Diligente. {za 9 col fiato. 

Diligente. Finire con amore ^ con diligen- 

Diligènza. F. Dcligénza. 

Dilùvi. F. Dell'ivi. 

Dimcss. Destituito, Deposto, Rimosso, F, 
Trà-giò in Tra. 

Dimissión. F^. Demissión. 

Dimissòria. T. eccl. Vimissòria. 

Dina. Foce usata nel seguente modo ant. 

O tard o dina. O tardi o accio, O 

tardi o avaccio. Cioè o prima o poi. 

Dine. V. contad, per Dénl(flfe/ite). F. 

Dìncio(Per). Lo stesso che Per dinna. F, 

Dindàoa usano dire in Falmadrera e al- 
trove nelC A. Mil. jE7erLongalonghéra. F. 

Din din. Tin tin. Voci imitanti il suono 
de^ campanelli. 

Dindolò. F, Dandalò. 

Dindòn. Don don. V. Dondón. 

Dininguàrda (c/ie anche scrivesi Diane- 
guài^da). Dio guardi. Tolga il cielo. 
Cessi il cielo. A Dio non piaccia. 

Dìnua. Foce usata nella seguente frase: 
Per dinna(c/ie anche dicesi Per dian- 
na , o Per dianna bacch, o Per dianna 
in canna , o Per dianna de legn , o 
Per dincio , o Per bincio , o Per Lio, 
o Corpo de bio baccon o Giura bio , 
o Giura bacco baceon bacconon). Ded- 
dina. Per dianora. Corpo di dianora. 
Affé de^ dieci. Pqffar il zio. Poffare 
il cielo. Poffare il mondo. Cacio. Corpo 
di me, CorjìO del mondo. Corpo dei 
diavolo. Alla croce di Dio. Può fare 
Dio. Esclamazioni in luogo delle quali 
il Fagiuoii nelle sue commedie usa 
spessissimo Perdìcoli. Alle guagnele. 
Alle guagnespolCf e il Pananti Perzio, 

Dìo o Dia. Dio. Iddio, V Altissimo. V On^ 
nipotente. L'Eterno. Il Creatore, V Ente 
supremo. Il Sommo Bene, L'increata Sa- 
pienza, Il Santo de'Santi, Il sempiterno 

6 



Digitized by 



Googk 



DIO ( 42 

amante. Il primo Amore, La somma 
Sapienza» y, anche Signor , voce che 
noi usiamo soventi volte in vece ili Dio* 
-^ Notisi che le persone morigerate 
sogliono schivare tutte le espressioni 
nelle quali il volgo senta pensare più 
in là fa entrare questo nome non con 
quella reverenza che gli è dovuta , 
espressioni che ho perciò contrasse* 
gnate da capo con un asterisco. 
^ A cà de Dio. Lo stesso che In Ca- 

liciitt. r. 

* A la benna de Dio. Grosso modo 
(Neri Art. Feir, a5). Mia carlona. 
Alla buona. All' ingrosso» Alla grossa, 

* A la bonoeur de Dio. p^, in Bonoeùr. 

* Andà de Dio. Lo stesso che Andà 
de Re. r, in Rè — Talvolta si usa 
anche in senso di Star dipinto* Auf 
dar a capello, 

* Andà foeura de la grazia de Dio 
{che anche dicesi Andà in collera pesg 
che né on strascee , Andà in crisi o 
in bestia o foeura del birlo o \eas 
foeura affacc ). Dar ne* lami , nelle 
furie , nelle stoviglie , nelle smanie 9 
nelle scartate» Andar sulle fune , Mon- 
tare o Saltare sulla bica in bestia. 
Imbarcare. Andare in fisima o in fu- 
ria. Inalberare, Innalberare, Battere 
il piede. Entrare in bestia. Insaccar 
nel frugnolo. Imbestialire, Indragare. 
Ingrecare. Andare o montare in bizza. 
Aver le battigie. 

* A quell Dio. In fiore — Squisitis- 
simo. Biscottato, Regalato, Di muschio. 
Perfetto nel suo ordine. 

Chi ama Dio ama i so sani. Chi 
€ima me ama il mio cane. Dicesi pro- 
priamente per far intendere che gli 
amici amano naturalmente tutte le 
cose che veggono esser care alPamico. 
Qui aime Bertrand alme son clUen di- 
cono anche i Francesi* 

Dà Tanema a Dio. p", in Ànema. 

* De Dio. Di Dio. y, Tassoni Secch, 
pag. Sa. 

De la parie de Dio. Per Dio. Di 
grazia. In nome di Dio. 

Dio o pure DioI O Dio. Dio! Esclam. 

Dio me le manda Lonna. Prego Dio 
la mandi buona. Dio di buon mandi 
( Fir. Tri?u V , 6 ). 

Dio te U renda. Dio te ne rimeriti. 



) DIO 

Dio ne guarda, r» Dininguàrda. Che 
Dio ne guarda. Con sanità si ricordi 
(Allegr. p. 133 X 

Dio voeubbia. Diel voglia, Diel vo- 
lesse. Dio il voglia. Domin fallo. 

Dio r abbia in gloria. Dio lo riposi 
o r abbia in gloria o gli dia pace. 

Dio t'ajntta.J9io vi salvi. Dio v^ajuti' 

* Dì ira de Dio. Dir cose da cldodi. 
Dir cose da fuoco. Dir tal vitupero 
ch^ fina l*\aria, V, anche in Plàgas. 

Don de Dio. f^. in Dòn. 

* Fa o Fà-*giò i robb come Dio 
voeur. Far le cose alla babbalà o ad 
un tanto la canna o alla grossa ^ cioè 
senza badarvi 9 alla sfatata. 

In d"* on^ ora Dio lavora. F. in Óra« 

In quella cà gh''è del gran ben de 

Dio. Quella casa è tma^offina^ cioè 

doviziosa di tutte le cose bisognevoli 

al vivere. 

* La va de Dio. La va tU rondone 
o co'fioccfù. y. in Rè. 

* Ve quell che Dio ha faa(c/te tuiche 
didamo L'è quell che dà el convent, o 
Ve quell che Dio fece, o L''è el Dio 
fece). È un domeneddio, È panunto 
o pan unto. Più appunto e a tempo 
che l'arrosto. Cosa sopraggiunta a 
graud^uopo; cosa opportunissima. 

L''onun parponn e Dio disponn. 
L'^uom pensa e Dio dispensa{^onos. 
pag. 35(5). L'uomo propone e Iddio 
dispone (Gìovn, agr. tose. XIU, 119). 

Lumentass de la grazia de Dio. /^ 
IH Grazia. 

No casca foglia che Dio non vo- 
glia. Non si muove in arbore una fronda 
senza voglia di Dìo{Fit. Oper. VI, aaa). 
Sotto e sopra il cielo non si muove 
fiato senza il voler divino (Com^^av, 
Pellegr, HI , 6 ). Nelle mani di Dio 
son tutte le cose, 

* No ave on dio. Non aver un becco 
d'un quattrino. Non potere o non avere 
da far cantare un cieco. Esser senza 
danari affatto. 

Oh quanta grazia de Dio! Oh vedi 
grazia di Dio! {Pan, Poet. I» xxv» 3i). 
E come dire Oh vedi quante vivande ! 
Oh vedi copia di vivande! 

Omm de Dio. y, in Òimn. 

Per amor di Dio. Per l'amor di Dio. 
Per Dio, 



Digitized by 



Googk 



DIP ( 

* PìceuT che Dio le manda(cA« anche 
dicesi Pioeuv a secc o Pìoeuy a tutt 
pioeuv ). Piovere a secchie, f^enir già 
la pioggia a secchie. Strapiovere, Pio- 
vere quanto Dio ne sa mandare(Ceìh 
Fila. Il, i4). Diluviare. Piovere dirot.* 

Quand Dio ha volsuu. Quando a 
Dio piacque, 

Quell che Dio vceur. Come piace a 
Dio. Modo di esprimere rassegnamento 
alla volontà di Dio. 

Santo Dio I Santo Dio ! (Pan. PoeL I, 

XXII, 3l). 

Se Dio voeur, Pè chi. Dio grazia 
egli è pur qui! 

Se Dio vcBur, soni minga priv d** on 
sold. Se Dio m'ajuti o Se Dio mi dia 
behe o Se Dio mi dia il buon anno o 
Diograzia o Per la Dio grazia o Per 
la grazia di Dio^ io ho pure il mio 
bisogno da ciò,' 

Tutt^i di che Dio ha creaa. y, in Dìo. 

* Vegni a quell Dio. Fare ilfiocco. 

* Viva Dio. y. in Viva. 

Dio. Kel sig. de^ Gentili. Dio. Idolo. Di- 
vinità. Deità, Nume, Divo. 

£l Dio d'^amor del Borgh di Ortolan. 

Svenevolone. Dicesi a chi sta sulla lindu* 

ra, ma sgraziatamente, sguojatamente. 

Vess el so Dio. Essere Usuo idolo o il 

suo dio^ cioè Poggetto de'^suoi affetti. 

Dipartimént. . . . Nei dizionarj italiani 
la voce Dipartimento *sta solamente 
per Dipartenza o Allontanamento o 
Separazione. Nel secolo corrente però 
r uso ha introdotto questa voce come 
succedanea di Provincia. Cosi ai tempi 
del Regno dMtalia, cioè dal i8o4 al 
]8i4» le Province di Milano, di Como, 
di Bergamo , ecc. dicevansi Diparti- 
menti delPOIona, del Lario, del Se- 
rio, ecc.; nel i8ia quelle di Firenze, 
di Siena, di Perugia , ecc. Dipartimenti 
dell'^Arno, dcirOmbrone , del Trasi- 
meno, ecc. QueMipartimenti suddivi- 
de vau si poi in Distretti^ Cantoni^ Comu- 
ni — A"^ nostri giorni questa voce si usa 
pure fra noi a indicare i varj Con- 
sessi a ciascun de"* quali sono affidate 
le varie incumbenze proprie dei Go- 
verni amministrativi o delle Conla- 
bilità deir Impero austriaco, e di- 
co asi Dipartimenti i.**, a.*, 5.°, ecc. 
ovvero Dipartimenti de' Consiglieri 



43) . DIS I 

^, B9 C9 Z>9 ecc. , o vero Dipartimenti 
Zecche , Poste , ecc. ; dipartimenti che 
a tempo del Regno d'Italia chiamavansi 
Divisioni e suddividevansi in Sezioni. 
Nelle Contabilità diconsi Capp-Dipar- 
timent i capi di ciascuno di tali riparti. 

Dìpcnd. Dipendere e anche Dependere. 

Dipendént. Dipendente. Dependente^ cosi 
in senso del lat. Olente^ come in 
quello di Subalterno, 

Dipèrdes o Depèrdes. Dipèrdes-via. fi/i- 
leccarsi. Perdersi in cose inutili. Per- 
dersi in checchessia — Distrarsi, 

Dipèrdes-via. Dispergersi. Sbandarsi, 

Dipèrs. Dispèrso, 

Diplomàtegh. Diplomatico. 

Fa el diplomategh. fig. • . Darsi Paria 
d'^uomo a cui marciscano in corpo gran- 
di segreti, fare alcun tale Parcifanfano 
in modo che altri possa per burlatasi di 
lui dirne cVei soffia il naso alle galline. 

Diplòmma. Diploma. Noi lo ^usiamo per 
lo più nel sig. della Patente di laurea. 

Dipòrt. Diportamento. Modo di procedere. 

Diportàss. Procedere, Diportarsi, Cemr 
portarsi. 

Dirama. T. degli Uffizj. . . , Spedire, e 
per lo più contemporaneamente uno 
o più spacci identici a diversi uffizj. 

Diramaa .... Stato spedito a più uf- 
fizj o indirizzi. 

Dirètta, s. f. . . . • Imposta fondiaria. 

Direttór. Direttore. 

Direttòri .... Noi conoscemmo il Di- 
rettorio esecutivo ai tempi della Re- 
pubblica Italiana; conosci»nio oggidì 
il Direttorio aulico di contabilità ; gli 
ecclesiastici conoscono sotto questo 
nome il loro Calendario. 

Direttriz. Direttrice, Direttora, 

Direziun. Direzione. 

Dirig. Dirigere. Reggere, Governare, 

Dirigimi. Diretto. 

Disapònt. Disavanzo? 

Disavògo. Largo, Spazio. Sfogo. 

Discernimént. Discernimento. 

Discésa, duna. Calata. Scesa. Discesa, 

DiscipUnna. Disciplina. 

Sala de disciplinna. Cojdmada.'.La 
prigione disciplinare dei soldati. P^.Sàl a. 

DìscoL Discolo. 

Discórs. Discorso. 

Discorseti. Discorsetfjo, Discorsino, 

Discrètt. Discreto. Moderato, 



Digitized by 



Google 



DIS ^ ( 

Dìscrezìón e Cescrezión. Discrezione, Di- 
scrizione. Discretezza, Moderatezza, 

Capì per discrezion. K in Capì. 

La discrezion l'è la madei* di vir- 
tù. La discrezione è madre delle virtù 
(Doni Zucca,' Tp. 35 verso). Senza di- 
screzione non si può durare» La di- 
screzione genera e guarda tutte le vir- 
tù, Nofi avere discrezione è pericoloso. 
La discrezione è madre e guardiana 
e temperatrice di tutte le virtudi (Vite 
SS. Padri V, 9). Medio tutissimus ibis, 

« Hin coas de matt ( diceva il Maggi ) 
» £1 Torè toeu tnttcoss coot el folcion; 
» La dolea discrezion 
w 1/è on zuccher che sta ben per tolt i piatt. » 

In (piesia valle di lagrime chi non 
s* attiene a questo re dei proverbj» 
rovina sé e altrui. Educare repri- 
mendo è diseducare; e il proverbio 
insegna a educare guidando* Ido- 
latrare il danaro è avarizzare, sciu- 
parlo è prodigare; e il proverbio in- 
segna a spenderlo. Non dire parola 
se non è gabellata toscana è incate- 
nare le menti, dirne a piacere quante 
ne sente Italia dal San Bernardo al 
Limbarra è confonderle , abbuiarle , 
ìnfoUirle ; e il proverbio e' insegna 
a preferire si le voci toscane » ma 
non avere a schifo, se utili o belle 
o per fonte di diletto giudiziosamente 
usale, anche V altre d"* Italia. 

On poo de discrezion. Discrezion se 
ce n' è(Allegr. p. 88). 

Diserta. Disertare. Desertare. E dal senso 
positivo del fuggirsi di furto dalla 
milizia noi trasportiamo per iscberzo 
Diserta e Disertar anche air abban- 
donare quasi furtivamente la com- 
pagnia, la veglia, lo stravizzo, e sim. 

Diserta o Deserta, v. brianz. Disertare, 
Parlandosi di poderi vale rovinarli, 
ridurli a deserto. 

Disertàa. Disertato, Desertato, 

Disertaziun. Dissertazione, 

Disertór. Disertore, Desertore, 

Disimbdrs. Disborso. 

Disingànn. Disinganno, À proposito della 
qual voce uon è a dire quanta econo- 
mia di jfialo e di tempo frutterebbe 
anche fra noi quel proverbio spa- 
gnuolo che cita il Magalotti nella sua 
Lett, scicnt. XI a p. aSo / disinganni 



44) DIS 

non si danno, si pigliano , se tornasse 
conio a certuni il divolgarlo. 

Disnà. Desinare. Pranzare. 

Disnà maa i so sabet. F. in Sàbet. 

Disnà. Desinare, Pranzo. - 

Disnà grand disse il Maggi(Op, VI 9 

j 48) per Pranzo formale. V. in Grand. 

Guasta el disnà. Guastar il desinare. 

Disgràzia , ecc. V, Desgràzia , ecc. 

Disgùst, ecc. V. Desgùst, ecc. 

Disnari n. ) Desinarino(Von. Poet, I« ir, j). 

Disnarèll.i Desinaretto(^\àGai I, xvir, 33). 
Desinarello{Monos. f p. 58). 

Disnarón. Jccr, di Disnà. Desinata, e ant. 
Desinéa. V, in Piaserón. 

Disdrdin , ecc. V, Desórden , ecc, 

Dispàcc. Spaccio, Dispaccio. 

Di spari tàa. Dispamtiì. 

Dispènsa, ecc. r". Despénsa, ecc. 

Dispensìn. Dim. di Dispènsa, f^, 

Disper. Dispari ; e con voce poco usala 
Caffo - Pari, di foglie di piante. Disin-^ 
contrate{Pros, fior. IV, ut, 93). eterne 
— Giugà a pari e disper. K. in Pari. 

Disperàa , ecc. V. Desperàa , ecc. 

Dispèrsa. V, Despèrsa. 

Dispètt. Dispetto. 

A dispett di sant. A dispetto di 
mare e di vento fìg.(Salv. Granchio y 
I , a — Allegr. p. 207). 

A so dispett. j4 sua onta. A suo 
dispetto. A suo grave dispetto, A mar- 
cio dispetto'. A dispettaccio. 

Fa per dispett. Fare a disgrado , 
a bello studio , appostatamente. 

Voré sta in paradis a despett di 
sant. V. in Paradis. 

Dispiasè , ecc. V, Despiasé , ecc, 

Dispònn. Disporre. 

Disponìbil. Disponibile. 

Disposi zión. Disposizione. DisponimentQ. 

Dispósi. Disposto. 

San e dispost , o Dispost de la soa 
vitta. Affatto sano della persona, 

Dispotìsma. Dispotismo. DespoUsmo. V, 
anche Spòtich. 

Di sp rési per Dcsprési. F", 

Dìsputa. Disputa. Recita domenicale d^al- 
cuna parte della dottrina cristiana. 
Di la dìsputa. . ; . . Recitare la 
propria parte di silTatta dottrina. 

Disputa. Disputare. 

Dissapór. Disgusto, Dispiacere, 

Disscgn. Disegno. 



Digitized by 



Googk 



DIV ( 

Tceil^gìò cldissegn. . . . Levar» il di- 
.« segno, imitare» copiare; levar di pianta. 
Dissegnà. "^Disegnare, Disscgnà a l'aqua- 
rella. Disegnar d'acquerello, 
. DisiegDà de pioeuv. Presagir pioggia, 
Dissegnadòr. Disegnatore. Disegnante. È 
tra noi specialmente chi fa profes- 
sione di disegnare ai ricamatori. 
Dissegnadóra. Disegnalrice. 
Dlssegnìn. Disegnacelo. Disegnetto. 
Dissestàa (Vess), Essere in disordine, 
Dissestàss. . . . Sconcertarsi nelle finanze. 
Di«3Ìpàa. SiHigato. Svagolato, Sviato, Stror 
viaio. Ne^dtz. ital. Dissipato vale altro. 
Dissuàd. Dissuadere, Sconsigliare^ 
Distacca 9 ecc. V, Destaccà , ecc. 
Distanza. Distanta — Lontananza. 
Distinta, s.f,... Nota specificata. Distinta 
di valnt ... Il Bordereau de"* Francesi. 
Distinziun. Distinzione, 
Distoeii , ecc. V. DestoeCt , ecc. 
Distràss. Distràersi. S^^agarsi. 
Distrati e Distrattón . Distratto e Distrat- 
tissimo. Shadatissimo. Spensieratissimo. 
Distra zión. Svagamene. Distrazione. 
Distrètt. Distretto. 
Distrettuàl. Distrettuale? 
Distrùtt. Mal condotto di salute - Ema- 
ciato - Atròfico - scherz. Allampanato. 
Disturba. Disturbare. Sturbare. 

Disturbi? Gaa5to?(Fag. Cav.Par. I,i3). 
Disìitel. V. Desùte). 
Ditt, e cont. Di o Dij. Detto. 

Ditt pocch fa. Antidetto. Anùdelto, 
Predetto. Sopraddetto. Suddetto. 
Ditt e reditt o stradi tt. Ricantalo. 
Ditt e fatt o Sul ditt e fatt. Detto fatto. 
Mettii che T abbia minga ditt. Sia 
per non detto. \ 

Quell che hoo ditt hoo diti. Ho detto. 
Ditta. T. mere. Ditta. Nome. 
Ditta ( A ). ^ detta. A detto. 
Diurnista. . . Impiegalo assunto in ser- 
vigio pubblico con onoraiùo e obbligo 
di servizio giornaliero, non annuale. 

Diurno, s. m La mercede diurna 

propria del così detto Diurnista. V. 

Diùtel. Diario. Giornale in cui si tien 

ricordo di ciò che accade giorno per 

giorno, o che ci ricorda quello che 

s' ha a fare ogni giorno. Quello degli 

ecclesiastici dicesi Direttorio. 

Divàu. . . . Specie di canapè con sedere 

. /isso, assai basso e di molto lusso. 



45) DIV 

Divan a la Turca, y. anche Dnscèss. 
Divanin. Dim. di Dfvàn. f'^. 
Divèrs. Diiferso. Differente. 

Ghe n" è divers. Ke n*ha parecchi, 
alcuni, non so quanti. Far] ne sono. 
Diversamént. Diversamente. Tra noi però 
significa spesso Altrimenti ^ per es.S'el 
ven , ben; diversamént voo mi. Se vien 
egli, bene sta; altrimenti vo io, 
Diversissero. Diversissimo. 
Diverslv. Spasso. Diporto. Sollazzo. Pas- 
satempo. Divertimento. Nei diz. Diver^ 
sivo ha sig. idraulico esclusivamente. 
Divertì. Spassare. Divertire. El ^e divcrt. 

Si diverte. Si spassa. Si diporta. 
Divertii. Divertito. Spassato. 
Divertimént. Divertimento. Passatempo. 
Spasso. Sollazzo. Diporto. 

Toeuss divertimént o Divertiss ai 

spali de vun. Pigliarsi o Prendersi 

piacere o buon tempo di uno; e ant. 

Far gran dissoluzione d* alcuno. 

Divertimentìn. Divertimentino{VsLQ. Post. 

II, XXIV, i5). 
Diverlimentdn. Gran divertimento. 
Divertiss. Divertirsi. Spassarsi. 
Divid. Dividere. Torna a divid. JUdivi- 

dere. Suddividere. V. Spartì. 
Divid. T. Aritm. Partire. Dividere. 

Divid in longh e in largh. Dividere 
o Partire. 

Divid per numer. Partire per testa 
(Cat. Prat. Mat. p. i3). Partire a re- 
golo o a tavoletta{yviC\o\. Arit. p. Ss). 
Divid tajand foeura. Partire per 
scapezzo{CaU Prat. Mat. p. i3 verso). 
Divid per ripiegh. Partire per ri- 
piego (CslU Prat. Mat., p, 1 4 verso — 
Paciol. Arit. pag. 55). 

Divid per anda. Partire a danda 

(Cat. 1 5 recto - Paciol. Arit. p.35 verso). 

Divid per .... Partire per galera 

(Cai. Prat. Mot., p. i6 verso). Partire 

per galea o battei lo{P2iCìo\.Arit., p.34)- 

Dividendo. . . Il numero in cui si cerca 

quante volte sia contenuto il divisore. 

Divin. Divino , e poet. Divo. 

Bontaa divinna. scherz. Bontà divina 
(Poem. autor corton. 111,78). Furor di- 
vino cioè di vino(Guar. /(iro/i. Ili, io). 
L** è ona cossa divinna. È divino, 
cioè squisitissimo, esimio. 
DìVÌn9tnéB{.Divinamente£ccelientement€» 
Divinitàa. pivinità. 



Digitized^y Google 



DO ( 

L^è ona dìvinìtaa. È un nettare. È 
una cosa divina, 
Divìs. /^. Duvis. 
DiTÌsión. T. Arilm. Dis^isione, Il partire, 

Dìvìsiòn. T. di Stamp Quel trat- 

tuzzo che si inette in fin di riga, se 
la parola con cui questa finisce si 
smezza , per indicare che il resto 
della parola sta nella riga seguente; o 
che mettesi fra una o più voci per de- 
notare che vanno pronunciate insieme, 
segno che dai Fr. è detto Traìl'd* union. 
Di vision. T. forense. Divisione di beni 
(Pr. fior. V, I, iS;). 

Ave faa i division. Aver faUo le di- 
vise(Pr, fior. V, i, 157). 
Divisiòn. T. milit. Divisione, 

General de division o General di- 
visionari Generale che ha il 

comando d^una divisione dell^esercito. 

Bivisionètt. T. Arìtm Divisioni 

di poca entità. 
Divisór^ T. aritm. . • Il numero che è con- 
tenuto tante date volte nel dividendo. 
Divisòri. Jd, di Mùr. K 
Diviziós. j4d, di Vestii. Faniaggiaio — 

FaVo a crescenza. 
Divora. Divorare, Diluviare, 
Divòrzi (Fa) , e più com, Spartiss. y^ 
Divòtt, Divozión, ecc, F, Devòti, ecc. 
Dizionàri. Dizionario. 
Dìztonariètt. Picciol dizionario. 
Dò dicono i cont, hrianz. per Dove al- 
lorché incontra voce principiante per 
un V. Per es. In dò vel? Dove vai? 
Dò. Due, Il nostro Dò però non vale 
che pel femminino; pel mascolino 
diciamo Duu: cosi Duu bceu^ duu ca- 
rimaa^ duu biccer^ ecc., e Dò penn, 
dò donn^ dò candir^ ecc. 
Bon dò vocult. y. in Bón. 
Chi lavora gh"* ha ona camisa, e chi 
no lavora ghe n'ha dò. F. in Camisa. 
Chi ne fa yunna ne fa dò. Chija 
una trappola ne sa tender cento. 

Daghela de dò. Filar grosso — Me- 
narla buona. Non guardare per la 
minuta, lasciar correre. 

De dò. T. di Giuoco. Marcio. Posta 
doppia. 
Domilla. Duemila. 
Dò milla scud ... ? dò mila hall. 
E dove ho io duemila ducali ? duemila 
Jiaschi{krìd.n, 3). 



46 ) DOB 

E vumia e dò e tre, ciappa ch^el 
gh''è o vero la zoppa la gh'è. Uno^ 
due e ire^ io mi scompagno da te(Saccli. 
Nov, i5o)? F.in Ciappà e in Zòppa. 
Fa de dò face. F in Fàccia. 
Faghela de dò. Ficcarla di boléa 
(Monìg. Ser, nob* III, 35). Fare una 
burla di pepe ad alcuno. 

La va de dò. La va bene che la, 
va bene(Y\v, Trin, III, 4)* l»^ g^e va 
de dò. Sta in poppa. 

No ghe n^è vunna se no ghe n'è 
dò. M mal fagli male dice il proverà 
hio. Le disgrazie non vanno mai sole 
Abbiam già un danno , eccone un 
altro giunta. F. anche in Desgràzia. 

Ogni tre boti i dò. Botto botta, 
Lolò. Spessissimo, y. in Bòtta. 
Perdela de dò. Perderla marcia. 
Tegni el pè in dò staff o in dò 
scarp. r, in Pè. (ìeg, 38. 

Vunna di dò. Delle due Puna{A\^ 
Doàna o Dovànna. Dogana. Di Dovanna 
(voce antica per noi, alla quale è su- 
bentrato Dàzi. F.) ci rimane vestigio 
nella contrada così chiamata. 
Doanna o Dovànna. F, Dova ^ig. a." 
Dòbbia. Rimboccatura. Boverscina. Quella 
parte del lenzuolo che si rimbocca 
sopra la coperta. 

Casciass sott a la debbia. Jfettere 
il capo sotto. 

Fa la debbia o Fà-sù la dobbia. Far 
rimboccfieUo^Sod, Colt, /'it i^S).Farla. 
rimboccatura o Rimboccar le lenzuola, 
Dobbià. Doppiare. Duplicare, Addoppia- 
re. Dobbià i cood'^on ili. Addoppiare 
i capi di^ un filo, 
Dobbià. Piegare, Dobbia quel gorobed. 

Piega quel gomito. 
Dobbià. fig. Svolgere. Piegare, fig. 
Dobbiadùra. Addoppiatura, 
Dobbiàss. Ripiegarsi. Incurvarsi. 
Dobbiàss. Divincolarsi. 
Dobbictt. T. di Giuoco. Doppietto^ 
Dobbiètt. T. de' Giojell. Doppia ( Alb. 

enc.). 2>o;;pietta(*lucch.). 
Dobbiòn. Coppìetta. Ne' giuochi un nu> 
mero a canto all'altro, come 5, 4^ 79 8. 
Dobbión. s. m, pi. Doppj {Gìor. Geor. 
i838, p. 54 e segg. ). Doppioni {Cwlor. 
Geor. XV, agS). Nome dei bozzoli 
formati da due bachi e della scia che 
se ne trae. 



Digitized by 



Googk 



DOG ( 

Dobhión. Doppia, Nelle resti donne- 
sche è quel girello che si sovrappone 
io giro dappiedc o alle maniche per 
ornamento, e consiste in una lista le 
più volte della medesima stoffa del- 
l' abito tagliata in traverso acciocché 
la diagonalità delle spine o delle alli- 
stature o de^ fiorami rompa la retta 
linea in che sono nel resto dell^abito. 

Dobbión. Doppia, 

Dobbionin. Dim, di Dobbión. /^. 

Ddbla. Doppia. Dobla. Ne sono varie9CÌoè 
Dobla de Genova che anche ditesi 
Dna Genova o Genovìnna. K. 

Dobla de Milan. Doppia di Milano. 
Dobla de Parma che anche dicesi 
Ona Parma. Una doppia di Parma, 

Dobla de Ròroma che anche dicesi 
Ona Romma. Uìui doppia di Roma, 

Dobla de Savoja che anche dicesi 
Ona Savoja. Doppia di Savoja. 

Dobla de Spagna die anche dicesi 
Ona Spagna. Una doppia di Spa^a, 

Doblàzia. Doblaccia. Dobhlone, Dohlo^ 
ne. Doppione, 

Doble. T. di Ballo. Doppio, 

Doblètt. Dobletto, Dobretto, Specie di 
tela tessuta di lino e cotone. 

Dó-bràzza. s. m. T. degli Àrtig. e spec. 

dei Falegn 11 doppio braccio 

materiale di cui tali artigiani fanno 
uso per misurare i loro lavori. 

DòciI e Dòzil. Docile, 

Docilitàa e Dozilttàa. Docilità, 

Documenta. CoìTedare di prove^ atlif 
scritture f documenti, 

Dódes. Dodici, 

Dann des a andà ai dodes. Dar giun- 
ta un miglio(Pfkn, Poet, I, xxxvii , 19). 
K anche in Dés. 

Doeùj. Doglie, Dolori, Sentimi. 

Doeuja-vèggia. Doglia vecchia? — Mal 
vecchio ne' piediifiìoT. Geor. Ili, 57. 
Dolori vecchi nelle gambe de'^cavalli^ 
quelli che i Fr. chiamano Courbatnres, 

Docùsc. V. cont. brianz. Dosso, Colle, 

Doggià. Adocchiare, Docchiare, Alluciare. 
Allumare, 

Doggiàda. Adocchiata, Occhiata, 

Doggiadinna. Occhiatina, 

Doggión. y, Sbarloggión. 

Dògno. V. a. Donno. Signore. Padrone. 

« .... ma el resta su (dùse il Bsl. G«r.) 

» Au , e «1 doguo d* lulia iofia Tè lu. » 



47 ) DOL 

Dojós (Ande). Andare sghembo anca" 
Jone, Cioncolare, Andare con aggi*»- 
varsi più sur un^anca che> sur un^al- 
tra, e ciò per dolore che sia soprag- 
giunto a quella parte. 
Dola .... Ne^ boschi assegnati al ta- 
glio dicesi cosi ogni albero che venga 
scortecciato per lo lungo affinchè serva 
come segnale di limitazione al taglio 
stesso. Insieme col Dolare dei diz. 
ital. è voce che rappresenta ancora 
viva tra noi la latinità. 
Dólci per Bombón. F, 
Dolctta. T. de^ Magn. Duletta, Specie di 
piccola sgorbia da bucare gPingegni 
(contracc) d^ una chiave. 
Dolièlt. . . . Foggia d^abito donnesco spa- 
rato lungo lutto il davanti e di uso 
recente fra noi. Dal frane. Douillette, 

Dol manda Quella specie di gran 

borsa quadrata pengigliante dalla cin- 
tura ai polpacci delle gambe in cui 
gli usseri ripongono il moccichino , le 
carte, ecc. DalP ungherese Dolmànjr, 
Dolor. Dolore, Doglia, Duolo. 

Anca insci Tè on beli dolor. Cb- 
munque sia , gli è pur il gran dolore. 

Att de dolor» . . . Quello per cui il 
Cristiano si duole de^peccati commessi. 

Chi bella voeur pari gran dolor 
boeugna soffrì. Chi vuol bella parere^ 
la pelle del viso gli convien dolere. 
Pena patire per bella parere{yLonos.). 

Curios come el dolor de venter. 
r, in Vénter. 

Dolor còliche e idiot, còliz. Còlica, 
e ant. Fianco o Mal di Jianco. 

Dolor de eoo o de venter. fìg. Gratta- 
capo, I fioeu hin dolor de eoo. y. Ficeù. 

Dolor de eoo el voeur mangià,e dolor 
de venter el voeur caga. K in Vénter. 

Dolor de parturl. Doglie, Dicesi di 
quelle che hanno le donne quando 
sono vicine al parto. 

Dolor mutt. Dolore gra^ativo. 

Grazios come el dolor de venter. 
y. in Vénter. 

V è quest el me dolor. Questo è il 
dente che maggiormente mi duole^AÌ- 
leg. pag. 81). 

M' è saltaa on dolor. Mi s'è presa 
una doglia, 

Nassuu quand el diavol el gh'^aveva 
i dolor. TagHato a cattiva ^Ma(Mono8.)« 



Digitized by 



Googk 



DOL ( 

Passa el dolor. Sdolere — ^ Come 
gh" è slaa passaa ci dolor. Come fu 
sdoluto{SdiCcheiii Nov» 168 in line). 
Dolora. Dolorare, (cocente, 

Doloràsc. Dolore aspro ^ acerbo 9 Jiero , 
Dolorìn . Doloretto • Dogliuzza, Doglierella, 
Dolorìtt. Doghuzze del parto(Gelli Sporta 
I, 4)* Comenzà a senti quej doloriti. 
Cominciare a sentire o attere gualcite 
dogliuzza{dì parto). 
Dolores. Doloroso, Doglioso, Addolore- 
vole. Doloriferò, 

Vess dolorosa, itg. Putire, Scottare. 
Esser ostico, 
Dólz. s. m. Dolci. 

Doh cont el rosoli. T. de'^Gonfett.. . . 
Sp. di dolci o confetti falli di zucchero 
sui modelli cosi detti Stamp^ ne'quali 
si mette anche rhum o rosolio in 
luogo del dragante. Hanno nomi di- 
versi secondo la diversità della forma 
che la moda viene suggerendo ai con- 
fettieri. Però i più comuni e costanti 
e conosciuti sono questi che seguo- 
no : Alpa 9 Anella , Armandol » Ba^- 
Sion 9 Bescottitt^ Boggeititt^ Borsetta 
Cavagnceu , Ceter , Cros de Malta , 
Cceur^ Fasosu^ Foresett^ Guggiroeitf 
Leon , Lorgnett 9 Mascarinn , Paroll , 
Persegliilt o Cojon de gati, Pess^ S^ciopp^ 
Stella flper cont el eoo d'or<y Uga. 

Dolz fulminant. T. de'^Confett 

Specie di dolce in cui si mette della 
polvere la quale scoppietta al tatto. 
Dólz. Dolce. 

A ess dolz de sangu no se fa mai 
giiadagn. F. in Sàngu. 

Dolz come Tuga in Fasce. V. in Uga. 
Dolz de sangu. fig. Benigno. Dolce. 
Tranquillo. Agevole. Umano. 
Dolz de saa. Dolce di sale. 
Legna dolza. Lcgne dolci. 
Pee dolz. Pie teneri(Mb. enc. in Po- 
sapiano)- 

Vin dolz* Km dolce, r, in Vin. 
Dólz. Ad. di Témp. Dolce. F. in Témp. 

Dólz. T. di Tini È aggettivo di 

colore che non contiene acido. 

Dolz de lavora. Dolce a lavorare{Nerì 

Art. vetr. Sg). Tenero a lavorarcela. 45). 

Dólza. Ad. di Villa, //i Forma(formaggia)5 

di Mascàrpa, li'imboccadùra, di Rùb- 

ba , ecc. f. Viltà , Fórma , ecc. 

Dólaa (Carla)» . . . Carta poco incollata. 



48 ) DOM 

Dolz-e-brìisch. Tra piacevole ed arcigna 
(Allegri Calendimaggio). Agrodolce ~ 
Muzzo? (p. 71- 

Dolz dólz. Dolcemente (T;ìc, Dav. Ann. Il, 

Dolzìn. Dolcetto. Dplcigno. 

Dolzùsc. Sdolcignato(Tskrg, Viag.Y ^ io). 
Dolce smaccatoiSoàcT, Colt, wt 181 ). 
Sdolcinato. (mente. 

Doma e Noma. avv. Solo. Soltanto. Solar- 

Doma pronunziato con certo tuono di re- 
ticenza e accompagnato da un pò* eli 
strignersi nelle spalle ha significalo ili 
Soltanto sì , ma di un soltanto ironico . 
Gh*hoo miss doma on dì . . . Doma? 
— Insci doma quarantases di. La pò- 
verta di quarantasei giorni(Pr. fior. IV ^ 

Doma. Domare. (111,4^- 

Doma. Domare ? Rammorbidir le bian- 
cherie indossandole o usandone. 

Domàa. Domato. Do/no (pari, di panni). 

Domàn. Domani. Domane. Dimane, Al 
dimane. Il dì vegnente. 

De chi a duman on quaj sant pro- 
vedarà. Cavami d* oggi , e mettimi in 
domane. 

Domali r è bon de vess beli . . . 
Domani risica e^sia bel tempo. 
Doroan malti noa. Domattina. 
Doman poeu! {che dicesi anche Cocci, 
Cippeli merli e simili). Tii in/omeraì 
domane(l^r. fior. IV, ui , 78). iVon mai. 
Alle colende greche. Domani, 
Doman volt. Domani a otto. 
Kan ran o Tran tran, quell che no 
femm incoeu faremm doman. Quello 
che non si farà oggi si farà damane 
(Mach, diz, HI, 7). I Francesi dicono 
A demain les affaires. 

Vede minga doman. Avviarsi per le 
poste. Esser a confitemini. 

Domanda. Domanda. Dimanda; e ant. 
Domando. Dimando. Domandita. Di- 
mandita. 

Domanda. Domandare. Dimandare. Ad- 
domandare. Addimandare. CJiiedere, 
inchiedere. 

Domanda T è Iczzet, e respond V è 
cortesia. Domandare è senno j e il ri- 
spondere è cortesia. 

Domanda se ci Domm Té de vend. 
r. in Vénd. 

Domandàa. Domandato. 

Domandesu'R. Dimandassera. Dimanis^ 
sera. Diman da sera. Domandasscra* 



Digitized by 



Googk 



DON (49 

Doniftltina dicono i Sr. alla toscana quello 
die noi diciamo Doman mattinna» F, 
Domènega. Domenica, 
Domèstegh, ecc^ V, Dosmèstegh, ecc* 
Domicìli. Domicilio, 
Doinìlla. Duemila, Due nùla'^ e aat. Dur- 

milia o Domilia. 
Dominée. floce Usata nelle /rasi seg, 
A fa on dcNninee gbe voeur on sacch 
de danee, ecc. K in Sàcch. 

Pari el domlnee de Busi. Parere il 
Secento, 
Domìnega. Domenica, 
Domini. Dominazione, 
Dominò. Bado? Sorta di giuoco. Dal volg. 
francese Dominò, 

Giugà al dominò. Giocare al budo. 
Specie di giuoco che si fa con pic- 
cioli quadrelli di osso o d^avorio a 
uso di dadi, con numeri accoppiati 
e segnati solamente da un lato. 
Dòmino. Dominò, Leggier manto di seta 
nera o a colori e frangiato che è spe- 
cie di maschera. 
Dominus dominànzium. Dominante in una 
casa o appo alcuno. Dicesi scherz. di 
chi fa le minestre a modo suo , di chi 
comanda assolutafliente in alcun luogo. 
Dòmra. Duomo, 

Andèmm inanz che yemm in Domm. 
Arrivi die può. Vadane che vuole , 
ma intanto tiriamo innanzi. Non si fa 
mai sì gran strada die quando non si 
sa dóve si vada(Pan, Poet. 1 , xxx , 4)* 
Ave i ann de 4a bajla e poeu i sca- 
lin del Domm. F, in Ann. 

Domanda s^el Domm Tè de yend. 
r. in Vénd. 

L^è la fabbrica del domm. È la fab^ 
hricadisan Piero (Paoli 279) o doperà 
di santa lÀperata. È opera di cui non 
si vede mai la fine. Anche i Napoletani 
hanno il delt. la /mi^eca di san Pietro, 
Levà-sù al primm segn del Domm. 
y, in Sègn, 

Sta scritt appos al Domm che donna 
bella toeu brutt omm , ecc, y, in Òmm, 
Tira el Domm in santa Redegonda. 
Far di botti barili(ìAonos, p. 5). Far 
di Marte un Martino{Faig, Zing,). V, 
anche in Antoni. 

Vorè fa sta elDomm in sant^Usebbi 
o in san Salvador. Dare un pugno in 
ciclo. Voler fare cose impossibili. 
Voi. //. 



) DON 

Dòn. Dono. Donati^'O, Presente, Regalo, 
La voce Don in questo significato si 
usa tra noi forse soltanto nei due 
modi seguenti » dicendosi in ogni al- 
tra occasione Kegàll. y. 

Cerca la vita in don. Chieder la vita 
in dono, • (del cielo* 

Yess on don di Dio. Esser un don 
Dòn. Don, Sincope di Donno, Domino, 
Signore, passata per usanza in titola- 
tura quasi iniziativa di nobiltà. 
Don dÓD. Don don, Ton ton. Voci imi- 
tanti il suono della campana a rin- 
tocchi (a bott). 

Fa a don don. Fare a stacciaòuratta, 

V, Dondón. (Regala. 

Dona. Donare, Regalare, Presentare, F. 

Donella al Signor. V, in Signor. 

In quell ritratt el gh^ha donaa • . . 
In quel ritratto Tha abbellito. 

Quell che no poss ave , va che 
tei doni. Dono quel che non ppsso 
vendere(kmhrtL Rem, I, 2). È il me- 
glio donare quel che non si può ven- 
dere che averlo a dare a ogni modo 
(Cecchi Diss, V, a). La sapienza de- 
gli uomini è saper donare quello che 
non si può nò vendere né (enere(Mach. 

op. VII, 345). 

Quell vestii, quell sciali el ghe 
donna. ..... Quell'' abito , quello 

sciali la fa pia appariscente. 

Donazión. Donazione, 

Dónca e Dónch. Dunque, Adunque, 
Ergo donca. F, in Èrgo. 
Ergo donca trii conchin fan ona 
conca . . • Modo scherzevole di con- 
cludere che volgasi a chi non merita 
conclusioni di maggior senno. Ha 
qualche simiglianza col decreto gran- 
ducale Talor qualor quinci sovente e 
guari Rifate il ponte coi vostri danari. 

Dòn da. Dóndola, Dà la donda 

Dare P andata perchè altri sdondoli. 

Dondà(e Dondinà). Dondolare. Sdondo- 
lare, Scrollare. Far la ninna nanna, 

Dondà. fig. Indugiare, Tempellare, 

Dondà. fig. Traballare(¥ììic,LeU,in Pr, 
Jior, V, I, 157). Esser per perdere 
r impiego o r autorità o il favore. 

Dondàda. Dóndolo. Dondola. 

Dondadìnna. Dim, di Dondàda. V, 

Dondàzi. Tentennone, Teniennonaccio, 
Dondolone. Rodatone, 

7 



Digitized by 



Googk 



DON ( 

Dondàz]a(Sura). Dondolona. Badaitma. 

Dondazià. DondolaHa.LellaHa, Ninnarla, 

Dondechè. avy. Donde» Laonde, Lattai. 
Dondechè significa invece Dondanque, 
cioè Di qualunque luogo. 

Dondignà e Dondinà. Dondolare, KDondà. 

Dondón. Dondolone. 

Giugà a dondon. Fare a stacciabu- 
ratta. Trastullo per lo più usato dalle 
balie per acquietare i bambini » e si 
fa lenendo per le mani il bambino 
stesso che s^ ha dinanzi , e tirandosi 
innanzi e indietro 9 come si fa dello 
staccio quando s'*abburatta la farina, e 
nello stesso tempo si canta una frottola 
che fra noi è per lo più come siegue: 

Don don Cecca niarou , 
Cocca do fesU, Pan in caaofU, 
Yin in TastoU, 

Ciappa ciappa o Ciocca, ciocca obo Tè boli, 
• pero Don don Cecca maron, 

£ mort on A, On A de PaTÌa, 
£ mort Lucia, Laaia de Milan , 
£ mort on can, On can rabtot , 
£ mort ou tos , Tos tosott , 
£ mort la donna del bigolott. 

'£ in toscano, secondo il Malmantile, 

Seaeciaiuratt», Manin itila gatta: 

La gatta andò a mulino, La fece un ekioeeiolino 

Coli' olio a eoi sale. Col pitelo di tane, 

Dondonà. Dondolarla, 

DoncU. ^, Donisoeù. 

Donià(voce dei monti di Nava in finan- 
za). Dondolarsi. Non far nulla. 

Douin. Cecino, Dicesi a fanciullo avve- 
nente e di care maniere. 

Che beli o Che car donin(iron.). Ceci- 
no, Dicesi di persona trista o maliziosa. 

Donìnoa. M. d'Èvha, y. 

Donisoeù o Donèll. Porcellino d!" India, 
Kelle campagne della Brianza varj 
contadini chiamano DonellW Coniglio; 
e DonisoBu fu detta in qualche parte 
del Milanese anche la Scimmia. 

Dònna. Donna, V, anche Fémmena -— 
Moki dettati fra quelli che sono per 
registrare fanno della donna tutfaltro 
ritratto che non si meriti Tessere che 
Dio ci ha dato a compagnia e sol- 
lievo ; ma chi sarà che, ricordando le 
cure o materne o compagnevoli che 
la donna suol profondere air uomo, 
non riconosca applicabili tali dettati a 
quelle sole fra le donne che fanno par- 
lar troppo di sé non essendo eroine ? 



5o) DON 

Ai donn «e pò minga crede^. A 
donna non si può credere eziam poi 
che è morfiz (Bibbiena Caland. I, a). 

Al scnr o Mort che sia ci ciar, i 
donn hin tutt coinpagn. J lume spento 
è pari ogni bellèzza(M.Qch. Com, in 
versi II 9 5). Jl hujo ogni gatta è mo- 
relU{Monìg, Ser. nob. Ili, 35). Ogni 
cuffiaccia serve per la no//e(Monos. 
p. lai). Jl hujo tutte le donne sono 
a un modo (ivi). Ogni cuffia è buona 
per la notte. Come i poponi di Chiog- 
già son tutte le donne; leva il lume^ 
e non è una differenzia al mondo dal- 
l'una' idPaltra{Bihh. Cai. I, 3). Sublata 
lucerna omnes mulieres tequales sunt. 

Andà a cura i pajceur o i donn de 
part. Fare la guardadonna{Cecchi Sib» 
II, a — Aridos. ], 5). 

Andà a donn. Andar alle femmine» 
Andar in gattesco. 

Bella-donna. V, Bej-dònn. 

Bella>donna. Belladonna. Pianta nota 
eh' è VAlropos belladonnaL. 

Bella-donna misi dice che chieunisia 
Somma e /i intomo la Povera-dònna. /^. 

Besogna minga ountà i ann ai donn. 
Non contar gli mini alle donne (volg. 
ital. e titolo persino di varie comme- 
die che da secoli sta chiedendo va- 
namente il passo alla troppa rigida 
schiera de' vocabolaristi italiani). 

Bonn donn per antif rasi. F. Sguànsg. 

Curios come ona donna graveda. 
Lezioso come una donna gravida (Al- 
Icg. p. 55) — Curiosaccio, Curiosissimo. 

De donna. Donnesco. Jm donna. 
Modo che assume diverso valore se- 
condo ch'è usato. Quella tosa la fa i 
robb de donna. Quella fanciulla agisce 
con maturità , pri^lentemente, giudizio- 
samente, — Hin robb de donna o faa 
de donna. Le son leggerezze donnesche* 
Dò donn e on'occa fan on marcaa. 
Tre donne fanno un mercato^ cioè 
hanno da discorrere e trattare come 
un'adunanza in di di mercato. 

Dò nos in d'on sacch e dò donn in 
d'ona cà fan on gran ciass. F, in Nés. 
Donna bianca bellczz no manca. 
.... Proverbio che si suol dire per 
denotare quanto mai sia da apprez* 
zarsi la candidezza delle carni in una 
donna 9 benché sia vero altresì che II 



Digitized by 



Google 



DON (5i 

bruno il bel non toglie» Allude al nostro 
proverbio il FAg.(RìineI, ii) quando 
dice dVoa sua figlia da marito che 

« Kè ]>ercliè «Ila né bianca gioverà 

y Jl dir quanto mi par che Plinio note, 

» Come do$ omnis in candore ella ha. » . 

Donna che cusiss o che lavora m 
bìancaria . • . La f r. Couturière en Unge. 

Donna che pettenna. Pettinatora 
(Zan. Crez. rinc. I, i). . 

Donna de bara Uà. . . . Donna che. di 
campagna viene con legumi , farine e 
seccumi in città 9 e cerca concambiarli 
con abiti e robe smesse per cosi rim- 
pannucciarsi senza sborsare danari. 

Donna de bon temp. Panichina, Bai" 
dracca. Pedina ^ e sch. Donna d'assai. 

Donna de cà. r. in Cà. 

Donna de color (cioè che lava i robb 
de color). . . Chiamasi così, a diffe- 
renza dalla bucatara, la lavaadaja che 
netta i panni, le sete, ecc. con acqua e 
sapone soltanto. A Torino è detta Joda 
o Savojarda, Noi la chiamiamo con 
nome proprio, \ Torinesi con nome 
tratto dal paese o improprio. I Frsin- 
cesi in vece le dicono un po^men 
malamente Sàuonneuses, 

Donna de eoo o de sest. Donna di 
garbo — Matron(f — . Madonna. 

Donna de gross. Fante, Serva» Donna 
di camera? 

Donna de Temma. y. Sguànsgia. 

Donna de mond.^e/iwii/ia del mondo 
(Ambra Furto li , 4)* Donna di par- 
tito ^ e scherz. Donna d'assai. 

Donna de servizi. Fante. Serva. 
Oltre questa Donna de servizi noi ab- 
biaino anche la Donna di servizi o 
che fa i servizi: la prima convive 
coi padroni \ la seconda, fatta la mas- 
serizia di casa altrui , se ne torna 
ogni dì a casa propria , ed ivi campa 
la vita a modo suo. 

Donna de sopressà. Insaldaiora. 

Donna de tend. T. di Cart. . . . Nelle 
nostre cartiere il mettere la carta 
sullo spanditojo (slendidor) è ufficio 
affidato alle donne. Nelle cartiere to- 
scane conviene dire che sia affidalo 
ad uomini se è vero , come ne assicu- 
ra TAlb. enc. , che que' che ciò fanno 
siano chiamati Spandenti ^ voce che si 
potrebbe forse senza incoerenza di 



) DON 

lingu« accomunare anche alle nostre 
•donne da tend. 

Donna e madonna o Donna e pa- 
tronna. Donna e madonna* 

Donna gìovena arent a on vece 
gh'è fioeu finna. in sul lece. È facilis^ 
Simo avere i pulcin di gennajo. Il 
nostro proverbio pare che avvisi co- 
pertamente i vecchi del ben loro col 
rammentare ad essi il Fucum factum 
mulieri per impluviwn. I diz. italiani 
in vece col loro Gli amori serotini e 
i freddi precoci mandano i vecchi di /</, 
gli avvisano con più chiarezza e carità* 

Donna matta o portada per i omen. 
Dqnna cwnalaccia ^ libidinosa 9 sen^ 
sualci lasciva, lussutiosa, sfrenata. 

Donna in sid Icmp o tempada che 
la par anmò gìovena. Dònna antica 
di tempo ma giovane di viso. 

£l dia voi el.fa la poh o la torta, e i 
donn ghe la fan mangia. V, in Diàvol. 

Già i donn se laccben semper al 
so pesg. Le donne s'attaccano al peggio 
(Fagiuoli Conte di Bucotondo II, 13). 

I arma di donn. Le arme delle fem- 
mine , la lingua, V ugne , le lagrime , 
(Alb. enc. in Arme § quartultimo). 

I bravi donn dan minga a tra ai 
sproposit. Le buone donne non htmno 
né occhi né orecchi, 

1 donn gh' han el eoo a (h. conscià 
o doma ai berlinghi it. Donna spec^ 
chiante poco filante. La donna sopra 
gli sloggi ognor pensa e vaneggia, 

I donn hin donn o hin debol. Le 
femmine sono labili o inchinevoli» Fcm," 
mina è cosa labil per natura. Le donne 
non escono mai di donnerta. Femmina 
è cosa garrula e fallace, vuole e dis" 
vuole , è folle uom che sen' fida. 

1 donn hin semper donn , matt chi 
ghe corr adree, o hin viriseli o va- 
riabel. Donna e luna oggi serena e 
doman bruna, 

I donn quell che voeuren voeuren, 
o ottegnen quell che voeuren. M qun- 
panel delle lenzuola non si può lun- 
gamente contrastare ( Brace. Sch, fai, 
dei XV, 3o i). // pazzo e il savio 
dalle donne è giunto. 

1 donn se cunten minga. • • . • • 
Modo di dichiarare le donne esenti 
dal pagare lo scotio ogni volta che 



\ 



Digitized by 



Googk 



DON ( 5a 

siano di brigata con chi abbia a stare 
a siffatto pagamento. Fremos noun saun 
gents dicono anche i Provenzali. 

I donn van semper ai estrerom. Le 
donne non hanno mezzo 9 o amano o 
odiano estremamente. 

I lacrìm di donn hin come quij 
del cocodrill. La lagrìma della fem-^ 
mina è condimento della sua malizia 
(Ammaestr. degli Antichi IX, 3). 

In cà gVè semper maa se la donna 
porta i colzon, Tomm el scossaa. 
Quella casa non ha pace dove gallina 
canta e gallo tace, 

L^amor e i donn la san Ionga(Coss. 
Cfm. ,' p. 90). Amore assottiglia Ti/t- 
gegno. L** amore sa insegnar di gran 
cose -^ Le donne hanno un punto più 
che il diavolo. 

Luj e agost donna mia no te co- 
noss. . . . . En aoust et en juilhet ni 
fremos ni catdets dicono anche i Prov. 

Né donna né tila a lumm de can- 
dila. V* in Candirà. 

Ona 'bonna donna Tè on tesor per 
ona cà. La savia femmina rifa la casa^ 
e la matta la disfà. 

Petitt de donna graveda. V. mPetltt. 

Povera donna. ^. Povera-dònna. 

Primma Donna , Segonda Donna, 
Terza Donna. T. teatr. V. in Òmm, 

Sta scritt appos al Domm che donna 
bella toBÙ brutt omm , ecc. V. Òmm. 

Tra de lor i donn se voeuren pocch 
ben. Né tra gli nomini mai nò tra l'ar- 
mento che femmina ami femmina ho 
trovato. Non par la donna ali* altra 
donna bella , né cerva a cerva, né alle 
agnelle dgnella. 
Dònna, assolut. per Donna fatta. Vera 

già donna. Era già dojma fatta. 
Dònna. Moglie. Donna. Femmina, 
Dònna. Fante. Setva. Servente. Ve la 
mia donna de cà. È la mia fantesca. 
Dònna. .... Tìtolo d^ onore che è il 
femminile di Don o aferesi deir an- 
tica Madonna onde in pari caso tilo- 
lavansi le gentildonne italiane antiche. 
Dònna(o Dama o Rcginna). . . Quella carta 
da giuoco che rappresenta una regina- 
Negli scacchi dicesi Donna o Regina. 

Grugà a donna salta Giuoco 

di carte nel quale chi riceve un asso 
paga la moneta convenuta al banco. 



) DON 

chi un fante la paga al compagno 
di giuoco che lo precede nel giro, 
chi un re la paga a colui che gli vicn 
dopo, e chi una donna la paga a 
chiunque lo sussiegue secondo nel gi- 
ro; e di qui altri chiamano anche 
questo giuoco Font indree. Re inanz^ 
Donna salta e Ass in hanch. È giuoco 
che ha qualche simiglianza col Cucii, 
ma che n'è più divertevole , perchè 
dove in quello chi ha perduta la po- 
sta una volta è obbligato a starsi ozioso 
spettatore della partita sino a ch^ella 
non è alla line, in questo ognuno può 
perdere la posta anche piCi vc^te, e 
rimetterla del pari co^ pagamenti che 
gli sono fatti dai giocatori che ha da 
lato , e occorrendo perdere primo 
tutta la posta e rivincere ultimo la 
partita , se a lui ultimo tocchino tutte 
le tre ultime carte buone, cioè nes- 
suna delle quattro già dette che Tob- 
blighino a ripagare altrui. E diciamo 
Morì, il perdere tutta la posta, e Re- 
suscita il rimetterla in tutto o in parte 
coi già detti pagamenti collaterali. 

Giugà a Pomm e la donna e la 
bestia. F". in Òmm. 
Donnàscia. Donnóne. Donnaccia. 
Donnàtt. Donnajuolo, V. Donnée* 
Donnàtt. ) Donnone. Femminaccia. Fem^ 
Donnée. ) minona, Accresc. e per lo più 

pegg. di Donna. 
Donnée. Donna}o{DsiV. Tac. Ann. V, a). 
Donna juolo. Donnino, Femminiere. Don- 
nesco. Femminacciolo.Attenditor di don- 
ne. Femmina/o, 
Donnéri. Donnone. K Donnhtt* 
Donnetta. Donnicciuola. Donnetta. Don- 
'nicina. Donnina. Donnàcchera. Don^ 
naccina. Donnaccia — Donnetta de 
Tamed.... Donnicciuola piccina affatto. 
Donnétta, fig, Donnino(XAnob. Diz.). Orni- 
ciatto. Omicciattolo. Un Tdtc-poitle o 
Jocrisse qui méne les poules pisser 
direbbero i Francesi, un Giacofomna 
ì Piemontesi. Uomo di poco conto, 
grossolano, semplice, che si compiace 
d^ occuparsi in faccende da donne. 
Donnin. Donnina, Singoiar proprietà.ha 
questa voce Donnin tra noi ; colPog- 
gettivoi^e// di venta volentieri maschi- 
le, coiraggettivo Bon, femmiuilr; p. es. 
On beli donnin, Ona bonna donnin. 



Digitized by 



Googk 



DOP ( 53 

Donnón (On). Vna camarÌingona(Bernì 
Cair, 4)- Donnone* Badalona — - Cam- 
pionessa, (in , 3. 

Donnòtta. /)onnotta(Barg. Intr» Pellegr. 

Donzèlla. Canierìera, La Donzella dei 
diz. ita], equivarrebbe alla nostra Ca- 
marista; f^. 

Donzèlla Specchione mobile 

sostenuto da due colonne spesso mu- 
nite di girelle e da un zoccolo, grande 
quanto due degli specchj comunali 
da appendere, fatto per ispccchtar- 
visi tutta la persona. 

Donze1lànt.i)o«ziiuinfe, e ant. Commesso, 
Colui che sta a dozzina. 

Donzellètta Giovine cameriera. 

Donzènna. Dozzina, e SLntJ>odicìna, Quan- 
tità numerata che arriva alla somma 
di dodici. La dozzina delP uova , dei 
pani, delle pere e simili in Toscana 
ha il particolar nome di Serqua, Do- 
dici dozzine fanno una Grossa, 

Lassa and è e Ave tredes eeuv per 
donzènna. p^, in (Eùv. 

Lavoreri o Robba de donzènna* La- 
voro o Hoba da dozzina o dozzinale , 
cioè di poco prezzo. 

Sta o Tegnl in donzènna. Stare o 
Tenere a dozzina. Vivere o tenere in 
una casa dove si dia il vitto mediante 
il pagamento di un tanto al mese, ecc. 

Dopdisuàa. Dopopranzo, 17 dì fra di. 

Dòpo. Dopo. Indi, Appresso, Dietro, Poi, 

Dòpo! Jnterjezione negativa de* Brian- 
zuoli equivalente alla nostra cittarli- 
nesca Se te vedi mi! V, in Vede. 

Dóppi, sust. m. Doppio, Per es. A uno^ a 
due , a tre 9 a quattro doppj. 

Dóppi, sust. m. T. di Stamp. Duplicato, 
Duplicatura, Ciò che il compositore 
inavvertent emente raddoppia. 

Dóppi, sust. m. T. di Stamp. DoppieggiatU" 
TYi.Difettod^impressione, per cui le me- 
desime parole o le linee sono doppia- 
mente impresse Tuna accanto airaltra. 
Vegni doppi. Doppieggiare, Impri- 
mere raddoppiate le parole o linee. 

Dóppi, add. Doppio, 

Al doppi. Al doppio. Il doppio, A 

doppio, Dopjnamente, Fior , Garofol e 

sim, doppi. Fiore , f^lola ecc. doppia. 

Reff doppi. Befe addoppialo. 

Dóppi, ad. fig. Doppio, Fognato, Di due 

facce. Tecomeco. Tamburino» Infinto. 



) DOR 

Doppi come i scigoU de Comm. PUi 
doppio di una cipollaQ!iotkos.^^^g. 7). 
Doprà. F, Drovà. 
Dòr. add. Dorato, 

Carta dora, Pan dor, ecc. V. in 
Carta ^ Pan , ecc. 
Doradùra* Doratura» Fra noi questa voce 
è usata soltanto dai legatori di libri; 
chiunque altro e i doratori primi di- 
cono Indoradùra, y. 
Dórd. Tordo. Tordo mezzano o ordina- - 
rio o bottaccio o nostrale {Oì. UcceL 
p. 43). Il Turdus musicus degli ornit. 
Dord stelon. Schiamazzo. 
Grass come on dord. Grasso pi" 
nato. V. in Gràss. 
Dordà. Zirlare, Fare il verso del tordo. 
Dordìn e Dordinna, e verso il Berga- 
masco Gulna. Pìspola, Pispolone* Spe- , 
zie d^ uccello che gli oraitologi chia- 
mano Antìuis 

V è on dordin. met. ... È grassoccio 
o grassottino o grassolino o gi*assetto. 
Dordinètt. PispoleUa, 

Ve on dordinètt.... È grassolino. 
Dorè. Dorato. 

Dorè sur transc. T. de^ Libr., Legat. 
di libri e sim. Dorato nella tondatura. . 
Doremifà. T. mus. . . Dicesi della scala 

musicale. 
Dori. Dolere, 

Chi insci vopur nient ghe doeur* Gli 
sta il dovere. Chi fa a suo modo non 
gli duole il capo. 

Bòri el ventcr. fig. Parere ostico. 
Parer agro. Dispiacere, Dolere. 
Fa dori el eoo F. in Cóo. 
Insalalta de fraa, bombon de mo- 
negh fan semper dori d stomegh. 
y, in Fràa. 
Dorma, v. cont. Dormita. Muta. Quella 
de* bachi da seta. A la prima dornut 
Alla prima dormita. 
Dormi. Dormire. Dormirsi, V. anche Coc- 
cà ^ Crodà , Sognaccà , Topiccà , ecc. 
Andà a dormi a Torà di gaijnn o 
di tegnoeur. Andare a letto come i 
polli 9 cioè assai di buon^ora. 

Andà a dormi al scur. fig. Esser 
tenuto alV oscuro di checchessia. Non 
saper mezze le messe. Esser fatto fare. 
Non aver parte ne'* segreti. Ignorare. 
Andà a dormi in Cà Paiuna. F, in 
Cà e in Pajnàrd. 



Digitized by 



Googk 



DOR ( 

Aprii dolce dormir. Aprile dolce 
doìmireiUonos. p. 376). K. in Aprii. 

Chi giuga no dorma. Chi dorme non 
pesca o non piglia pesci. Clii è negli^ 
gente non fa avanzi. Chi vuol fare 
non dorma. 

Dormi a la serenna. Serenare- 

Dormì come on sciocch o come on 
tass. Dormire come un tasso o come 
un ghiro o come alloppiato. Fare a 
dormir coi tassi. Dormir gitanto i sac- 
coni, Aver V asino legato a buona ca- 
viglia. Legar la giumenta o l'asino. 
Dormir nella grossa. Essere in sulla 
grossa. Attuffarsi nel sonno. Dormire 
a pari del capezzale o del saccone. 
Dormir profondamente. Anche i Fran- 
cesi dicono Dormir comme un loir. 

Dormì de eoo Dormire da 

capo dei letto, cioè giacere in letto 
avendo il capo, dalla banda della te- 
stiera, per opposizione al giacere in 
esso dalla banda da piede. 

Dormi de la quarta. Doìmir nella 
grossa o sulla grossa. Il dormire che 
fa il baco da seta per 1^ ultima yolla. 
L^Alb. enc. citando per testo di questa 
frase una nota del Malmantile la travisa 
dicendo è il dormire che fanno la terza 
volta i bacili^ quando che la Aota 
stessa dice Vultima volta — E ^g. Vedi 
pili sopra Dormi come on sciocch. 
. Dormì de pee.... Giacere a dormire 
dappiè del letto fattavi una rimboc- 
. calura da quella banda; dormir là 
dove gli altri abbian le piante- 
Donni de sora o in sul soree. Aver 
le campane grosse o ingrossate. Aver 
mfile campane. Aver cattivo udito. 

Dormi fin che canta la vacca. V. in 
. Vacca.. 

Dormì in costa. . • • Dormire colla 
persona aggravata per intiero sull'uno 
d<;* fianchi. 

Dormi in s'cenna. Dormire supino. 
" ,. .Dormi in selton. Dormire assiso 
\ (Firenz. Op, VI, 289). 

Dormi in vitta. . . Dormire bocconi. 

Dormì i so sogn quiett. fig. Dormire^ 
a chius'' occhi. Dormire col capo fra 
due guanciali. Tenere il capo fra due 
guanciali. Avere Tauimo nposato in- 
torno a checchessia, essere tranquil- 
lo 9 non aver timoi*! o diffidenze. 



54 ) DOR 

Dormi minga, fig. Non dormire. Star 
vigilante y e fam. Badare ai mocìU. 

Dormi pondaa sui gombed. Dormire 
a gomitello. 

Dormi saraa. Dormir sodo{Fag. Ast, 
bai, I, 3). Dormir serratamente. 

Dormi su la cavezza o Dormi sera 
a quejcossa. Dormire . in . aJiecchessia 
colla fante ed al fuoco{}/isìch, O/7. IX, 
4 11). V. in Cavézza. 

DormigH sora. Consigliarsi col piu- 
maccio. Dormire sopra cìiecchessia^ 
Pensare bene prima di risolvere. 

£l dormirav in T acqua o sui gucc 
o sui spio. Dormirebbe sui pettini da 
lino. 

Erba cruda e gamber cott no lassea 

mai dormi tutta la nott. F. in Èrba. 

Mclt a dormi o Mett a dormi on 

sogn. r. in Sògn — E fig- Mettere a 

leggere. Impegnare. 

Dormi a. Allòppio. Sonnifero. Medica- 
mento per far dormire. 

Dà la dormia. Alloppiare. Adoppia^ 
re. Oppiare. 

Dormiàda. Dormitona, Lunga e buona 
dormita. Dagh ona bonoa dormiàda o 

. dormida. Fare wifi buona dormitona^ 

Dormi ascia. Dormir nella grossa. Schiiic* 
dar un sonno. Consigliarsi col piu- 
maccio. Dormir molto. 

DQrmìda. Dormizione. Dormitura. Dormi- 
ta ?(^losc.) — Parlandosi di bacbi da 

. seta Dormita, Muta* 

Dormidìnna. Domtitina{PaiC> V , 12 ). 

Dormi npée. // i>on?i<(Buon. Fiera f. i85). 
Dormalfuoco. Dappoco. Scioperone. 
DormialfuOco. 

Dormiun. Dormito re .Dormiglione. Dormi- 
glioso. Dormi» Indonnito. Sonnacchio- 
^ so. Sonnolento. Sonnoglioso. Sonnoloso. 

Dormión. Diacìle? Nelle macchine d'^ogni 
specie è nome generico di qael tronco 
di trave o di quel lastrone cbe ser- 
va 9 immoto sempre dappiè di esse , a 
sopportar pesi e pressioni conservan- 
dole equilibrate, con quel servigio 
quasi che fa la zavorra alle navi. Tali 
sono per es. i due seguenti 

Dormión. T. di Starop. LeUo. Quella parte 
del torchio da slampa che congiugne 
le due cosce da piede, su cui gravila 
il maggior peso del torchio stesso, la 
quale è detta dagFinglesi Tlte ìFinter, 



Digitized by 



Googk 



DOT ( 

1>0Tìiìi6n{che altri dicono Fdnd o Scèp- 
pa). Letto, Quel ceppo o trave che 
fa Ietto agli stretto} da olio e da \ìqo, 
ed in cui entrano i ritLÌ(i vcrf^enY 

DorniiuQ. . . . Quel sasso entro terra che 
s''altraversi air arare o al vangare. 

Dormión. Ne^ contomi di Soma è così detto 
Tallocco o harbagianni. f^, Lorócch. 

Dormlòtt . V, brìanz.per Dormión. sig. \ * F', 

Dormitòri. Dormitorio, Dormentorio, 

Dorùu. Doluto. 

Dosa. Dose. Dosa. Dà la soa dosa. Dosare. 

Dosmcstegà. Addimesticare, Domesticare. 
Dimesticare — > Dosmestcgàss. Appa- 
rentarsi. Affratellarsi, 

Dosmèstogh. v. coni. Ad, di Loeùgh, 
Foeùja, Tèrra, Béstia, ecc. Dimestico. 
Domestico, Contr. di Salvalico. Sit dos- 
mestegh. Domesticheto(TaT^, f^iag. IV, 
56). Terreno sementato e con abitati. 

Dòss. Dosso» Dorso. Tergo, Sc/iiena. 
A sora doss. T. di St. r. Soradòss. 
Faa o Giustaa a so doss. Fatto o 
Racconciato a suo dosso, 

Fann de sott e doss. Far d'ogni 
lana un peso. Far d'ogni erba Jascio. 
^ar ogni sorta di ribalderia senza al- 
cun riguardo — Ed anche Fare il 
diaifolo a quattro o il diavolo in un 
canneto — Ed anche Far mille pazzie. 

Dòss {e coni. Doeùsc). Colle, Poggio. 

Dosséra Larga fascia di cuojo che 

dai capi agguanta le stanghe d*un 
carretto o sim. posando per mezzo in 
sul basto o in sulla sella del cavallo o 
del mulo vetturino. La Dossière de' Fr. 

Dossètt. Poggetto, Poggerello» Collicello. 

Dossettin. Poggioletto{Pan, Poet, LX VI, 8). 

Dota. Dotare. Dar la dote. Assegnar dote. 
Dotare in mille f due mila^ ecc* lire, 

Dotàa. Dotato. 

Dotai. Dotale. {mento. Assegno. 

|Dotazión. T. degli Uffizj. Dote, Assegna- 

Dotinna. . . . Poca dote, dote picciola ; 
e iigur. Jìimbrqttuzzo, 

Dotònna e Dotazza. Dote folgorata (Storia 
di Semifonle in Targ. P'iag, V..!263) Do- 
toneiVag, Ast. bai. Ili, 7). Gran dote. 

Dotór ecc. V* Dottor, ecc. 

Dòtta. Dote* Dota. -— I beni che ha la 

moglie oltre alla dote si dicono so^ 

praddotali o parafornali. {dote. 

Dà de dotta. Dar dote o in dote o di 

Dotta de sant^Axina. F. iti Anna. 



55) DOT 

No la gh^ha on bt^ro de dotta. IVon 
ha un tritolo di r/ote(Ambra Bern, II, a). 
4$2 , ella ÌUL la dota giuggiolina ( Fag. 
// Pod. spil, i, 2 e 3), cioè non ha 
punto dote. , (^'*PP ^g* 

Dòtta. ^\g. Rabbuffò. Spellicciata, V, Fe- 
Dottór. Dottore , e cont. Dottório — Noi 
dicendo Dottor assolutamente , inten- 
diamo parlare del Medico, non mai 
del Legale. Però con aggettivi appro- 
priati usiamo la voce anòhe nell' ulti- 
mo sig. come in varie delle frasi seg. : 

Dottor con dot t. Dottore di condotta 
(*tosc. — Poem. aut. pis.). 

Dottor de la Marca o di caus pers. 
Dottor de* miei stixfalì. . 

Dottor de legg. Dottore{ùS3o\iiU Bor- 
gh. LeiL 53.^ in Pros.Jlor, IV, iv, 45). 

Dottor del Iella o del perse! mm o 
del rava o de la cispa o Dottor sca- 
tolon o Dottor de Tacqua fresca. Mae^ 
Siro Guazzalletto{kmhrsL Furto V , 4 
e altrove ). Dottor di Pilato, Dotto- 
rello. Dottore di quei della necessità 
(Fagiuoìi Rime I, 124)* Medico da suo- 
ciole. Medicastronzolo, Medicastro, MC" 
dicastrone, Mediconzolo. Mediconzoli- 
no, Medicuccio, Medico da borse. 

Dottor del pozz (e in giornata Facen- 
diér). Mozzorecchi. Legulejo. 

Dottor de medesinna. Dottor fisico. 
Curator d'informi^ e scherz. Dottor 
in orinali(Doni Zucca p. 4)* Giostra 
a mule{BsLVg, Intr. Pellegr. I, 1). Dot- 
tor giomea{iyi III, y). 

Dottor de quist. Dottor unto{So\d.Sat. 
p. 3o). Che non lavora se non è unto, 
cioè se non riceve di molli quattrini. 

Dottor de Sinigaja, ch^el mangia fen 
e el caga paja. Dottor della Marca, 

Dottor de Valenza che gh^han vesta 
longa e curta scienza. Dottor di Va- 
lenza con lunga toga e corta scienza 
(Pan. Poet. II, xxiv, 11). Prov. reg. 
anche nella Compagnia della Lesina 
a p. 56). Dottor de* miei stivali. 

Dottor di mee ball. Dottor de ju- 
re . . glionico — Medico da borse. 

Dottor mezza caroccia. . . . Dottor di 
poche faccende. V, Mezza-caròccia. 

Dottor senza dottrinna. • . . Dot- 
tor dermici stivali, ignorante. 

Dottor volgar.' .... Nome che «i 
dà a que^ contadini o a quei popolari 



Digitized by 



Google 



DOT 



(56) 



DOV 



i qnali si danno aria dì Tattesalle in 
faccia ai loro consimili. 

£1 di8 el sur dottor quell che no 
se pò tegui de lassa con*. • • . Modo 
di dire usato al positiTo o per rac- 
consolare chi ha spetezzato e arrossi- 
sce della propria inciviltà » o per tac- 
ciare copertamente di tal mancamento 
chi non pensa più in là; ed al fig. 
per Né di tempo né di signoria non 
U dar malinconia. Di quel die non 
pub o non vuole anatre diversamente 
non occorre rammaricarsi* 

Ve mej on asen vìv che on dottor 
mort. Meglio vale cenno vivo che leone 
77torfo(Brun, Lat. Tesoro , p. i58 che 
lo mette in hocca di Salomone il quale 
però dice invece Melior est canis vi- 
VHS leone mortuo Lcc\' Vili, 4)» ^^ 
anche in Àsen. 

Parla mej che né on dottor. Parlar 
come una sibilla (Fav^ìuoU I Genitori 
corretti dai figliuoli ^ 1» i)* 

Spedii del dottor, f^, in Spedii. 
Vess on dottor, seherz. Essere più 
savio che gli statuti{Poì, Jngann, III, a). 
Essere un cervel da statuti. 

Dottor. Serappuntino. Saccentuzzo. Sapu- 
tello, Sersaccente, SerpotUu Dottor sot- 
tile, Ser ^Vinciguerra. Nuovo Salomone, 
Maestro Aristarco* Salomon del nostro 
tempo. Ser TuttesaUe. V Ottavo de' Savj. 
Hoo minga hesogn de dottor che 
me dottora adoss. Non voglio ser ap- 
puntini dattorno. Non voglio censori o 
sopraccapi che mi rompano il capo. 

Dottóra* Maestressa, Dottoressa. Arcif an- 
fana. Salmistra. Salamistra, Saputona, 
Salamona. Soppottiera. Madonna sala- 
mistra, Salamonina. Dottora, Donna 
che faccia la saputa, la saccente. 

Dottora, neut. Fare il dotiore{Vsin, Poet, 
II, IX, 27), Vorè dottora su tuttcoss. 
Essere un messer tutto biasma(Bìh. 
Cai, I, a). Fare il caffaggiajo, Sala- 
mistrare. Fare il saccente, il saputo. 

Dottora, att. Addottorare. Laureare, Dot- 
torare. Fare dottore. 

DoiioTksi. Addottorato, Laureato. Dottorato. 

Dotioràa. Ad. d' Usèil. F, 

Dottoràda o Doilor améat, Salamistrerìa, 
Doltorerìa? 

Dottoràzz. Dottoracelo — • Ordinaria- 
mente però noi usiamo questa voce 



per indicare la noia maschera del 
dottor Graziano, del dottor bolognese. 

Dottoràzza. Dottora. Dottoressa. Sala- 
mistra, 

Dottorèll. Saputello. Saccentello. Dotto- 
rino. Dottorello. Dotto riccliio. 

Dottorìn. Dottorello. DoUoretto, Dotto- 
relluccio, Dottorellucciaccio ; e anche 
in senso semplicemente diminutivo 
Dottorino. Medichino. Medico giovane 
o di breve statura. 

Dottorón. Dottorone. Dottore di gran 
merito o fama. 

Dottrinètta Noi lo diciamo (a dilTe- 

renza della catechesi generale che si 
suol fare in ogni domenica) di quella 
' breve speciale catechesi che si usa lare 
anche nei giorni feriali a que^soli fan- 
ciulli che debbono accostarsi la pri- 
ma volta ai sagramenti della peniten- 
za, delPeucaristìa e della cresima. 

Dottrìnna. Dottrina — Fa dottrinna. CSo- 
iechiziare. 

Dottrinna. Catecliismo, Dottrina. Il libro. 

Dova. Doga. Una di quelle strisce di 
legno di che si compone il corpo 
delle botti o di simili vasi. Il Brac- 
ciolini usò anche Dova nello Scherno 
degli Dei IH aa , ma forse soltanto 
per amor della rima. 

Gross de dova. Di grosso dogato 
(Paolelti Opere II, 66) — Fig. Di gros- 
sa pasta. Di grosso ingegno. Grosso, 
Tondo. Materiale. Saro — Grosserello. 
Remett i dov. Dogare. 
Suttii de dova. K in Suttìl. 

Dova dicono i Brianzuoli per Guss de 
castegna. f^. 

Dovàna. Dogana. V. Doàna. 

Dovàna dicono i Brianzuoli per Gnss de 
castegna. F'. 

Dovarìa. i>ogame(Gior. agr. tose. I, 55g). 
Complesso di doghe. Spes de dova* 
ria. Spese di dogamento. 

Dóve. Avv. di luogo positivo o respon- 
sivo. Dove. Ove, 

Dove seva mo? A qual punto 

era io? A che n^era io? Modo di dire 
usato da chi vuol ripigliare il iilo 
d'^un discorso interrotto o per isme- 
moranza propria o per fatto altrui. 

Dove se sia. Dos^unque. In qualun- 
que luogo. 
In dove* Oi/c. Dove. 



Digitized by 



Googk 



DRA ( ^^ 

Dovè. AvT. di luogo interroj^atìvo. Do- 
vei In ifaal luogo? 
Dovè. Dovere, Hòo doriiu fàU. Ho do^ 
Pigio farlo. Mi èisognà /orlo — Ei 
dorv»ray fagh ben. Dowtibhe giooargli. 
Avrebbe a giovargli» 
Dover. Dovere, li doVulo. {temente, 
A dover. A dovere\ Bene, Conpenien- 
Fa d so dover. Satuiare. Jtiverire, 
CompliìAenUire, La nostra è frase uso- 
tissima coi ragazzi per ayviarii'alla 
Intona creanza. Presto , (a el tè dover. 
Su via 9 saluta -— Anabe tra uomini 
fatti usiamo dire / fnee dover a l miei - 
doveri o I dovuti in laogo di II mio 
ossequio^ La debita riverenta^ I miei 
rispetti^ o con altri / miei doverosi 
complimenti; tutti modi che sentono 
d'Anna tal quale volontà di non manca- 
re né alle buone creanze né ti cuore.. 

Savaroo pceu el me dover 

1.6 ne renderò, il debito; non le sarò 
ingrato del favore; la non ne rimarrà 
senza compenso; tutte frasi che vi 
si dicono per comperarvi se avete 
incarichi qualunque; e guai a voi se' 
le vi fanno breccia, siete vendato. 

Dover. Imposto, Campito, Quel tanto che 
il maestro impone agli scolari da fare, 
e che anche i Frane, chiamano Devoir, 

Dovètta. I^ogarella (Gìor. agr. Ili, i58). 

Doviziòs. F. Diviziós. 

Dovùu. Dovuto — ■ I Dovuti, f, in Dover. 

Dragàat. Dragante, I confettieri conciano 
col dragante i confetti di forme varie, 
come Capell de pret^ Fonsgj Giassumitt, 
Lumaghittf Lovitt^Mazzìtt de sparg,ec»y, 

Dràgh. Drago. Il Maggi usò anche Dra^ 
ga facendo dire a Nastasia Lavori tuir 
f el di come ona draga{ljit, II, aio). 
Lavora come on dragh. F', in Lavora. 
, Saltà-sù come on dragh o come on 
fferpent o come ona bissa. K in Bissa. 
Sangu de dragh. Sàngue di drago 
o di dragone, 

Draghètt. T. d'Archib. Cartella. Contrae- 
cartella. Piastra di ferro od altro me- 
tallo incassata sulla cassa delP archi- 
bugio dalla parte opposta alla piastra 
che porta il cane ed il focone. L^'Alb. 
enc. registra anche Dragketto come 
sinoniqio di Cane delParchibuso; per- 
chè forse quando i fucili erano a 
ruota il cane aveva figura dì serpe. 
Fol II. 



> DRI 

Drtegi5ii. Dragone. Soldato a cavallo con 
elmo a criniera ed armatura grave. 

Dragón . . . Sp. di mal d^oeehio ile''cftva]li. 

Dragdn. Dragone» IVtrgone. L^erba detta 
Artemisia dracunctdus da^ botanici. 

Dragón.^ Ad, di Vérti. V, 

Dragona. Lavorare a mazia e stanga, 
y, Struggionè. • ^ 

Dra gònna. T. milit. Gcisheo, Galano, 
A fiocco della spada. Dal fr. Dragonne. 

DrÀmitta. Dramma. Un ottavo d* oncia. 

Draperla. T. di Sarti. Panneggiamento? 
Panneggi atura che "^i riporta sui pìetti 
d'*un busto liscio di V0St« donnésca. 
La Drapperìa dei diz. itaLha Valor di- 

Drapò per Bandéra. V. ' ' (verso. 

Dràpp. Drappo. 

Drapp broccaa d'or. Drappo a oro, 

Drée. K. Adrée. (Drappo d'oro, 

Tardà-dree. Guardare in alcunoXsle 
' cominciare a innamorarsi d'alcuno. 

Drèss. Tbrdo maggiore o Tórdella{OÌ, 
Va. p. 42)- Uccello dettò Tdrdus pilaris 
dagli ornit. e Drossel dai Tedeschi. 

Drcssìn, Sassello. Tordo sassello. Tordo 
minore. Il TUrdus minimus degli orn. 

Dre'ssòn {e verso il Bergamasco Vis'ciéra). 
Gazzina (altra). Specie di tordella che 
dicesi Jìirdus viscivorus dagli ornit. 

Drltt. s. m. Hitto, Contr. di Rovescio. 

Drìlt. ad. DiriUo. Dritto. Ritto. K Drizr. 

Dritta. Destra. Man destra , Lato destro. 
Andà per la soa dritta. Andarsene 
o Andar pe"* fatti suoi. Andar raccolto 
senza dar fastidio ad alcuno. 

Avegh la dritta. Essere a man destra. 
Sedere in sulla mano destra(Aììeg, 36) • 
Dà la dritta. Cedere il passo alla 
des^a. Ceder la mano. Ceder della 
mano^ e fig. Cedere. Inchinarsi, Rico- 
noscersi per da meno d'un altro. 

Dà la dritta, fig Si usa anche 

per denotare il timore che ispirano le 
persone di aspetto truce furfantesco. 

Tegni la soa dritta, fig Non 

cedere la mano. 

Dritto, fig. Destro. Diritto, Furbo. Accorto, 
Scaltrito, Scaltro. Mascagno. Scalabri- 
no. Trincato. Sagace, Avveduto, Fogno, 
Gargo, Astuto. 

Drittón e Dritton d''Olanda. Dirittaccio^ 
Diritione. Fagnone. Falco. Formicone, 
Astutaccio. Fiirbaccio. Fol pacchione. 
Drittùra* Dirittura. Linea retta. 

8 



Digitized by 



Google 



DRO ( 

la driliura. Per driUa rrga(irÌQSlo 

Ori. Fur, X, 70). Dirutamente. Diritta, 

DriUO' Per linea retta, A diritto,.. Jl 

diriuo. Per o J dritto, 

DriUitra. fig. JvvedutezM. V, DroUorìa* 

Drizz. Ritto, Retto. Dritto. Diritto^ . 

Alida sul aà drkz. Jndarpel verse* 

Andà-via drizz drizz, Jndare o Staiv 
intero» 

A sto mond.gh'^è mai nagott ohe 
vaga drizz, ,Jn questa mondo non a'ha 
a ai^er nulla a fuo modo{¥B^. Un vero 
' amore ecc, ili 9 . 8). 

Drizib come ì g^rnh o come la gamba 
d^on caQ. ... • . Tutto torto* falcato. 
Anche i Francesi dicono Vroit camme 
la jambe d*un c/iie/i(Roux Dici.) o 
Droit comme une faucille, 
. Drizz come on fus. f^, in Fùs, , 

Drizz drizzisc* Dirittissimamente — 
Dirittissimo, 

Drizz in pee. Diritta, Ritto in piedi ^ 

PortH drizz. .Poiiar pari. Portare 
per diritto, • ^{dirifto. 

Sal4o drÌ3^. fr, brianz. Sempre a 

Savè la soa man drizza. K. in Man. 

Stà-sà drizz t Toccànvia o Andà-via 
drizz. Stare diritto , e se affettatamente 
Jndar intero. 

Tegnl drizz la barca, y, in fiàrca« 

Tirà-via drizz. Tirar di lungo, Anr» 
dare a dirittura o a diritto o al dritto, 

Tceul^a sul so drizz o in sul so drizz. 
Pigliare una cosa pel suo verso. Piglia- 
re il verso di ima cosa o in ima cosa, 
Essere la diritta a fare a quel modo, 

Vess minga in sul so drizz, iìg. 
Aver le patumie* Sonar a mattana. 
Batter la luna. Avere i caccfùoni, 
Drizz, Ad, di Budòll. r. 
Drizza, s, f. Za destra. F, Dritta. 
Drizza. Dirizzare. Drizzare, Addirizzare, 
Raddirizzare — Rizzare — Rettificare 
"-' Sbiecare. 

Drizza i gamb. fìg. F, in Gamba. 

DriiiMS-sìi, Rizzarsi. Dirizzarsi.Driz^ 
zarsi inpiedi^ 6 iìg. Raddirizzarsi, Riz* 
zarsi a panca. Rimpannucciarsi. 

Fa drizzà-sù in pee, Far dirizzare; 
e ant. F'ar rizzare insustanie. 
Drizzàa e Drizzàa-sù. Dirizzato, 
Drizzisc F, in Drizz. 
Dròga e Drogarla. Drogherìa, Droghe. 
Drogbcr. F, Fondeghée. 



58 ) DUR 

Drogliòtt. Drogheito. Spezie di panno. 
Droghett pannaa» DvogìietSo sodata. 

DròU e DròUe. JtcccHo. Furbo. F. Drkto. 
Anche i Frane. hn]|ftO\Di'o/e e Drolerie. 

DroUarìa {che andie • dieesi Driitàra). 
Sagacezza, SagacHà, Sagacia, Awedur 
teflsa. Acutezza,. Ingegno, Avvedìmen" 
io, AocorgimeHio — Astuzia. 

Dr^lo e DroUón. F, Dritto e Driltón. 

Drovà* Adoperare, Adoprare, Usare. 

Drovàse» Adoperarsi, Industriarsi, Im- 

Dùbi. Dubbio. (piegarsi. 

Dubita. Dubitate, 

Ducàa. Ducato, Duchèa. Ducéa, 

Ducatón. Dtusatone, Moneta. 

Duoàtt. Ducato. Moneta. 

Dùeca, Duca, ' 

Al tenip di ducca vice. F, in Témp. 
Andà o Manda ^ parla col ducca 
Boss. Lo fiiesso che Andà o Manda al 
cagaratt F. in Cagaràtt. 

Fa el ducca. Far del grande. Spur 
tur tondo. Guardar basso. 

Duchéssa. Duchessa. (i4^* 

Duchessìnna. Z>Kc/ie5^ina (Guad. Poes. U , 

DuchÌD. Duchino; e irrisoriam. Ducìtetio. 

Ducaménlé Documento. Anche i Siciliani 
dicono Ducumentu, 

DuèU. Duello. Fa duell. Duellare. 

Duèll. T. mus. Duo, Duetto — Talora noi 
diciamo ir<micamente Clie MI dueU! 
allorché sentian^o garrire pigolare 
o piangere due o più bambini. 

Duettin, T. mus. Breve duetto, 

Dùgo o Gran<-dngo* Gufo reale o grosso. 
Barbagianni salvatico. Uccello che è 
la Strix buboh. 

Dumignà. v« a. disus. Domare, 

Duplicàa. } s. m. T. degli Uflìzj. Duplicato. 

Duplo. i Duplicata 9 e ant. Esempio, 

Dùr. Duro. Sodo, 

Aveghi dur. Ai^re i polsi grossi 
(Pan. Poet, li, xvi, 3). Esser di polso 
o di gran corpo — Esser ricco sordo, 
Dur come on mur. Sodo pia €P un 
masso. Saldo come una macine (Fag. 
Un vero amore non card interesse 1, 4 
e passim.). Fermo nel proposito, 

Dur come on sass. Petroso. Impe^ 
tricato. Sodo come un travertino. 
Dur con dur no fa bon mur. F, Mur. 
Dur de bocca. Ad, di Cavali. F. 
. Dur de eoo. Duro, Di dura cotica- 
Capo dura. Capassone, 



Digitized by 



Googk 



DUU ( 

Diir de cotta» de peli» ecc* V, in 
Cótta, Pèil» ecc. 

Dur d''6regg^. Di campane grosse 
o ingrossate. Di male campane* Ou 
poo dur d^oreggia. Sordasiro» 

Ve dar de mori. . . . Pena o Stenta 
assai a morire; il a Vame c/ievillée 
dans le corps dicono i Francesi. 

L'^è dura. È ostica, È agra, È gran 
destino perverso ^ è dura a tollerarsi. 
Sta dar. Stare alta tiara. Tener duro o 
duro in sé checchessia, Phn confessare. 
Sxk dur o Tegni dur. Star salta dara^ 
in sul tirato^- in bùrgagfiO, Impaniarsi. 
Tenersi. Attestarsi. Stare at qma. Stare 
duro o sodo. Addurarsi. Tenersi a 
martello. Tener duro* Far duna. 

Sta dur come un mur. Star fermo 
cantone di pietra. Esser fermo in un 
proposito; esser pietra angolare. 
Tegn) dnr. Far dura. Far resistenza. 
Tegni dur. Non si lasciar andare. 
TroTà del dar. Trovar duro. 
Vessegh anmò del ònr, JEsserci del 
merlo — ed anche Andare alla dura» 
Indursi a checefaessia difficilmente. 
Dura. Durare ^~ Ogni cosa dura quanto 
/?iiò(Adimari San. fina i iMirohietteschi , 
p. 273). '{Durazione. 

Doràida. Durata; e ant. Dura^Duramento. 
Yess de darada* Esser per durane 
assai. Esser durativo. Averdunevole%*a. 
Dm*àn. Durante* Specie di stoffa. 
Buràs {che nel contado dicono ancfie 
Tàcch). Che non lascia il nocciolo 
(Last. Op. I V9 89). Duràcine. Cotogno — 
P. es. Peraegh duras^Scires dnras, ecc. 
Pesctte duracini. Ciliegie duracini. 
Diirètt. Duriceio(Lor* Med. canz. io5.*). 

Duretto. 
DurczEa. Durezza. Dur&^ e con voci poco 

ustfle Durila^ Durizia. 
Dorón. Durezza. AfRusso d^ umori indu- 

nli-in alcuna parte dei 'cofpo. 
Durón (nelle poppe). Durezze per cucita. 
Duròtt. DuroUo. 

Duscèss Specie di canapè. È voce 

corrotta dal ff ascese Ductiesse. 
Busént. Duecento. Dugenio, e nnko ad al- 
tri numeri: DBgen. Dosontehiquanlayec. ; 
Dttgencinquanta. Dugensessanta ,' ecc. 
Dùu. Due, e nel versiCf Dao.^Dui. Duà. 
A duu a duu. A ditèe a eòe. Accop- 
pia a coppia, • ' 



59) • DUV 

. Andà in duu. Spezzarsi. Spaccarsi. 
El duu de copp. Le due coppe — 
Toeù-^u el duu de copp. Battersela., 
' ' Fa duu corp iti d'on carice, r. Gai4ée. 
Fa i ficeù a duo a duu. f^. in Ficeù. 
Fàss in duu. tndaarsi. 
In di mee dna. Fm il casato di Bar^ 
tìòtomèo(lkni\ Zucca, pag. t49 v«rso). 
L*ann del dau« «1 mes del mai. 
NelV'ndiHi{ìlLotì. Ser. nob. I, 8). Mot. 
Senza di né vun né duu o né duu 
tt^ trti. r. in Trii. 
' Ta{)à in duu. Diniezzare. Bipartire. 
Anuaezzare. Jkimmezsare, 
>^ Tratte V via on eoo se ghe n^av ess 
duu. K in Cóo. 

Tutt dvu. Amenduh. Ambeduni. Eh" 

trombi. Entrambe • Amenduni* Tramenr- 

dunié Ambi o Ambo. Tuli dò. Ambe, 

Vun di raeédua. Cò^llutfa. K Badée. 

Vun Tè nissun, duu Ve on spass, 

iHi Pè on frecass. P^. in Vùn. 

Dttu-e^ièzz. K Parpceùla e Descentésim. 

Duolln. a. jn. y. cont. brianz. Pannolino 

dì tutto Hno. r. in Tìla. 
I)uapónt. Mózzi punti(Gig. Beg* — - Cini 

Des* e Spen dedica). 
Duvia. Busehia? Gallinaccio? Scopa forte 
di vimini, per quanto assevci-a il Sor- 
mani a pag. a 8 della Gloria dei Santi 
• milanesi (Milano per G. B. Bianchi 
1 76 1), che la dice parola comune fra i 
contadini brianzuoli, e la vuole avanzo 
di grecità 9 cioè del greco fantasima 
Duvera che colla scopa in ' mano pin- 
gevasi presso le case intento a scac- 
ciarne il Selvano infesto ai bambini 
appena nati — Io non ho mai sen- 
tita questa voce colassù in Brianza, 
e invece Tho sentita a venti miglia a 
ouest da Milano, dove per Du0ìa in- 
tendono la scopa fatta di fotti rami 
di betulla. Sul Comasco chiamano Du- 
via la Betulla stessa. Anche i Siciliani 
chiamano Disnghia la scópa di spine 
che adoprano per iscopar Paja, il - 
che dicono DisHghiari. 
nDuvìs o Divls. F'oce usata nelie fhasi 

Vess « Savèduvis éivis. Parere. 
. Sembrai^. Esser 'veduta o viso oo»^ 
vis0<h'divi^. Me sa'oEl me >davis. 
Mi pare. Mi sembra. Mi è avviso. In 
questo stesso' stg«- anche i Provenzali 
dicono M*es dsc^is o M'és adavis. 



Digitized by 



Google 



E 



Jui* £• QainU lettera del nostro alfabeto 
la quale talora vale per Egli : per es. 
E ne vend minga. JSgli non ne vende, 
Èa» . . . Voce usata nella frasq De ea od 
ancbe De ea morelL Yale lo «tesso [ 
che dire 11 fQliiOj tolta la metafora 
dal Calendario ecclesiastico il qoale 
ad ogni feria che non abbia solenni 
o festa oppone De ea e talora De ea 
morella cioè idem colla pianeta, di co- 
lor morello — Al positivo, direbbesi 
Far di feria ; al traslato È la favola 
dell' uccellino, 
Én. Un frutto, ir, in Tècch, Èli e simili, 
Ében. Ebano» Èòeno — Eben negber, 
payonazK» rosaa». violaa « ecc. Ebano 
nero , pagona»90 , rosaio 9 violaceo^ ecc. 
Ebenìsta. Ebanisti. 

Ebrèj. Ebreo. Giudeo^ JsraeUta^ e scherz. 
Un circonciso.. Oggidì gli Ebrei soad 
la più parte ben lontajai da quelle 
abitudini le qi^ali altrcTolte fecero 
nascere tra noi i traalatipoco onori- 
^ci che qui sono per soggiugnere. 
Osservatori mirabili della loro reli- 
gione sono altresì buoni cittadini, e 
provano' che la Società non ha genti 
abbiette nel suo seno fuorché aUora 
quando le sue istituzioni o la sua 
noncuranza le vogliono tali. 

fialsem de TEbrej. Balsamo del" 
r£^ivo(Fag. Au.'pun. Ili, 7), 

Falla de Ebrei . Ebraizzare, Giudaiz- 
zare; e fìg. Usureggiare. 

Mes^cià i Ebrei cont i Samarilan. 
fig. Mescolar le lance colle mannaje. 
Pari on Ebrej. Jver t^ui vocina fes- 
sa; lo Sgnanfizar de' Veneziani ; il 
Balbn de Tiare loqui dei Latini. 

Pari el tobernacol o Pari la sinagoga 

di Ebrej. F, in Tabernàcol e Sinagòga. 

Pari quell che porta la scomunica 

ai ]^rej* Parer Vqfficiale di Val di 

jfo/ito(6urch. son. 908). 

Ebrèi* Usurajo. Ebreo. Chi vende a prezzo 

esorbitante i viveri e le merci. 
Ebrèj. Bigio. Nero, Giudeo. Dicesi. di chi 
non si conforma ai dogmi. della reli- 
gione cattolica. 
Ebrèja. Fem. di Ebrej in tutti, i sig» V. 
EbrejàdAf Tratto usurajo. 



Ebr&jón. Usurajaecio» 

Ecceòmo.* . •. . Dioesi ogni dipinto che rap- 
presenti Nostro Signore alla colonna. 
Pari on ecceomo . . . Esser tatto 
guasto daMe ferite, grondar sangue 
per ogni parte. - 

Eeciùm. ^ccu«in(Vocab. bolog. Ferr).yoci 
imitanti il suono dello sternuto. 

Ècco. Ecco. Fe\ Fedit e fam. Thh! 

Ècco o idioL £1 lécco. Eco. V ecco de 
la SimonetU. L'eco ddla Simonetta. 
Fa Pecco. Echeggiare. 

Ècco. T. de* Fab. d' organo .... Or- 
ganetto piccino con parti tutte sue 
proprie il quale fa eco al suòno del> 
Porgano propriamente detto e cui si 
sottopone per produrre suono che 
figurisi sentilo in distanza. Sovr*esso 
ripetesi dall'organifta ciò che pnma 
suonò sullWgàno proprromente detto. 

Ecéd. Eccedere. Trascendere. 

Eeelént. Eccellente. Esimio, 

Ecelentemént. Per eccellenza. Eccellen- 
temente, In modo esimio. 

Eceiénsa o Gelénza. Eccellenza. 

Dagh de Pecelenza a tutt past. Dargli 
dell' ecceUensa a tutto transito o pasto. 

Ecept. Opporre eccezione.. Dare eccezione. 

Ecéss. Eccesso. Misfatto. In altri sensi 
noi non usiamoila voce — Vegni a di 
ecess. Dare o Prorompere in eccessL 

Eoesstv. Eccessivo. Esorbitante. 

Ecettuà. Eccettuare. Cavar del numero. 

Eeettuàa. Eccetktato. Eccetto. 

Ecezión. Eccezione — Eccettuazione. 

No patì ecezion* Non patir eccezione. 

Tutt i regol gh^han la soa ecezion. 

Ogni regola patisce eccezione {AÌHeg. 

259). Non si dà regola senza eccezione, 

Tutt i usanz gh^han i so ecezion. 

V. in Usanza. 

Ecità. Eccitare. 

Ecitamént. T. degli Uffizj. . . . Stimolar 
• mento a riscontrare. 

Eclàtt(Fà). Far falò. Far pista. 

l^liss. Eclisse. Eclissi. 

^<mom. Echnomo. jéssegnèOo. Sparagna- 
tore. 

Zcònqm.* Ecònomo. ■ 

£QQnomà^ Economato.^ 
Econòmegh. Economico^ 



Digitized by 



Googk 



EGI (6i 

Economìa. Eeononùa. BiipamUo. 
Ofizi d* economia. Economato* 

Economizza. Sparagnare. Vivere con eco^ 

Ecràn per Parafceùgh. V. (nomia^ 

Ecupligg, Ecuvalént. V. Equipàggi Equi- 

Kdifìzt. Edifizio, (yalént; 

Editor. Editore. 

Edìtt. Editto. Bando. (ziali. 

Edìttal. s*£.... Nome sp. dei bandi giudi- 4 

Edizión. Ediùqne. Edizion compatta. . . • 
Stampa che in poco volume contiene 
assaissima materia. Il Parnaso italiano 
di Firenze 1811 è di edizione compafta. 

Edizionètta. EdizioncinaCùov.)»^ 

£ducà. Educare — Costumare. 

'EAncòiù.. Educato — * Costumato. 

[Educanda. Educanda. 

Educazión. Educazione. 

Colleg d^èducazion. Collegio. 
Mett-\ia in educazìon ona tosa. Met- 
tere in serbo{VBf^. Gen. cor. I» x5). 
jillogare educanda. 

Senza edncazion. Ineducato. Screan- 

Eferaérìd. Ejjeméride. {tato. 

£fésios(Parlà ad). Dire le sue ragfoniai 
birri 9 cioè a chi non vuol sentirle o 
menarcele buone. 

EfeUv. r. Fettiv. (Vejffetto. 

Efètt. Effetto — Tolta la cagione è tolto 
Fa efett. Far effetto. Fare Veffetto. 

Efett Carte di stato ; cambiali ; 

Taglia. Nei diz. ital. Effetti sono col- 
lettivamente gli averi, le sustanze. 

Efett. EffeUoiJLjksXTÌ Op.Yt i44 — Targ. 
yiag. VI, a86 e $96 — Manni VegL 
piac. IV, 39). Brutta , perchè troppo 
equivoca' e non filosofica voce sino- 
nima di. Tenuta ., Podere 9 «ce. 

Efettuàu Effettuare. Mandare ad effetto. 
Eseguire. Mettere in pratica. 

£rettón(Fà on). Far grandissimo effetto. 

Èffa. Effe. La sesta fra le lettere dell'al- 
fabeto italiano. (*fior. 
Baron con Teffa. Briccon coli* effe 
Quattrin de TefTa. F. in Quattrìn. 

Efìmera. s. f. Un^effmera. Una febbre 
effimera o diaria o efèmera. 

Egilt. Foce che s'usa nella frase Che . . . 
d'^Egitt o de gitt? Zucche. Finocchi. Zuc- 
che marine. Zucche marinale. Zucche 
fritte, È lo stesso che dire Sono cose 
immaginarie, pretensioni sciocche e 
simili^ tutti modi bassi che si usano 
quando non si mena buono ad uno 



) EHI 

il SUO ^isoorso, o per disimpegnarsi 
da i|na categorica . rìsposla. Per esem- 
pio: El sarà staa on boeu. . . . Che 
boeu d'^EgiUl.iS^rà slato un bue . . . 
Bue? Finocchi; e in volg. fior. Che 
bue d^ miei corbelli ? cioè non è stato 
un bue, mal ti apponi, tMnganni. 

Egìziàn. Ad. di Caràter. V. 

Ego o Egòne. Foce latina che sia nei se- 
guenti dettati pure stroppiati dal latino: 
Ego som personna prima. F. in Per- 
sònna. 

Prima caritas incipit ab ego o ab 
egone. F. in Tceu. 

Egoismo. ..... Voce comune in quasi 

tutta Italia per denotare Tamor di sé 
medesimo esclusivo, il non curarsi 
d'altri che di sé solo, la dottrinale 
Filàuùa^ il veneziano Suismo. Abbia- 
mo pei*fino alcune commedie cosi in- 
titolate, fra le quali V Egoismo imagi- 
nario del Barbieri. I dizionarj italiani 
però noi vollero sin qui registrare forse 
abborrendo fin la voce per la cosa. 

Egoista. Tutto ji/o(Nov. aut. san. I, 6). 
Chi non pensa che a sé stesso ,t chi 
tatto e tutti vuole creati per sé solo. 
Il Philautus de' Latini. Anche Egoista 
non ebbe fin qui accesso ne^diz. ital. 
benché voce comune in tutta Italia. 

Egoistón. Acer. d'Egoista. F. 

Egregiamént. Egregiamente. La va egre- 
gi ament. Fa benone ; e fam. La va di 
rondone. Stoo egregiamént. Sto benone. 

Eguài, ecc. F' Inguàa o Istèss, ecc. 

Egualiànza. Eguaglianza, Uguaglianza, 
Egualità. Voci divenute popolari fra 
noi negli ultimi anni del secolo scor- 
so. Anche la Fia d£ Nobili fu in que- 
gli anni repubblicani ribattezzata yia 
deir Uguaglianza; battesimo che venne 
poi a perdere in brevissimo tempo. 

Ehi Ehi! Eh. Interjezione di sdegno. 

Eh. Eh, Eeh, Interjezione denotante mo- 
dicità. Per es. Eh Tè minga mal. Eh 
non e'' è male. 

Eh. He. I taglialegne, ogni volta che gi- 
rano il colpo , con certo sforzamento 
di petto e con l'organo della gola 
fanno he Iie^ come fanno a Vinegia 
quelli che pestano il pepe^Fac. Piov. 
Ari., p. 85). • 

Eh. E/i. Interjezione interrogativa. 

Ehi o £i. Elti. 



Digitized by 



Google 



ELE ( 

H.JSgli. Ei, IP, Ei sbfsigHi* EgH o E* 
gHda, Shrag^l QHda egli? 

El. //. La, El sciati. H raspo. Gli Argini 

- dicono pure i?/(Vocab. arct.) per //. 

Eiaboràa. s. m. T. degli Uffizj 

Ciò c^he altri mette in carta per dare 
saggio del proprio sapere in alcun 
esafne ^ le fatiche elaborate di chi 
soggiace a un esame scientifico. 

Ekfòa. T. mus. Elafh. 

Elàstegh. 5. m. . . . Il saltaleone elastico. 
»* Elaslegh de brasc Qne^ salta- 
leoni elastici che servono a mo'di sma- 
nigli a tener ferme le maniche ai pc^sini. 

Elàstegh de bret«ll <5ue'nervi di 

saltaleone elastico che annessi agli 
straccali sery OD ad allungarli a piacere. 
Elàstegh de colzett. . . . Que^salta- 
leoni elastici che mettonsi nei legacci 
delle calze perchè stringano a capello 
senza offendere. {in Gòma. 

l^làstegh. ad. Elàstico, Gòma elastega. K. 

Elbioeù. T. di Cart. Consenta. Draganetto? 
Specie di pila con canale che porta 
Facqna alle cannelle(a£ canon). 

Èlbor per Èrbor. P^, 

Élbor. T. di Meccanica. Mero. Fuso. 
Gran cilindro che mosso dall' acqua 
fa andare gli edifizii della macine, 
della carta e simili. 

Polez. Perno » Pilètt. Balle, 

£lborìn(cAe anche dicesi Fi\s o Alborìn). 
Albero{Ov\s, Diz. X, 169). Fuso, Fusa- 
io, Albero che dal fondo d'un in- 
franto jo d'eolio aggiugne alla soffitta 
del fattojo. È impernalo con perni 
{polez) e ralle (/wVetf) ne* suoi due 
estremi per modo da potersi aggirare 
insieme colla macina a tenor del moto 
di rotazione che gli viene impresso. 
La ralla di cima è delta fra noi Ranella 
o Rànua; quella di fondo Nariggiàa, 

Elefònt. y. Alefant 

Elefòttt. T. de' Fab. di carta. K. in Carta. 

Elcgànt. Elegante, Gentile, Leggiadro, 
pastoso. Avvenente, 

Eleganza. * Eleganza. Leggiadria, 

Elégg. Eleggere, Trascegliere, Capare, 
Far elezione, 

Eleggiùu. Eletto, Captsto, 

Elèisson. Eleisònne. 

Elemént. Elemento, 

El quint element . . ... I quat- 
trini che sono^ a dirla con frase re- 



62-) ELZ 

gìstrslta anche dai dizionarj Italiani « 
un elemento ilifuinto elemento 9 o il 

' secondo sangue , cioè necessarissimi y 
indispensabili in ogni cosa. F", in Danée. 

Elementàr. dementare. 

Elenca. Mettere in elenca, 

Elénch. Elenco, Catalogo.' 

Elètta dicono alcuni per Lé^ta. y, 

l^letuSr. Elettore 9 e ant. Ele%ionario. 

Elettoràl. Elettorale, 

Elèttrich. Elettrico, Machina elettrica. F'> 
in Machina. 

ET«1trizz9. Elettrizzare. I dotti usano tra 
noi la voce nel senso fisico ; gli altri 
in slg.di Animare. Eccitare, jéf^ivare, 

Elezidn. Elezione, Eleggimento* 

Elisi. Andà ai Campi Elìsi. Andare ai 
Campi Elisj doi^ si mangia e beve a 
bertolotlo. F, in Cagaràtt. 

Elisir. Elisire* Tintura, Estratto. Quin- 
tessenza, 

Élla. Elle. Lettera deir alfabeto. 

Élmo. Elmo. BlmcUa, Celata — Morto- 
ne — Cappello di ferro — Cappelletto 
— Con su r elmo. Elmato — Ofl graa 
elmo. Celatone. 

Elvètegh. Elvètico, Strizzerò, 

Colleg elvètegh. Collegio Elvetica 
istituito nel iSjg da san Carlo Bor- 
romeo nella nostra città per l' ednca- 
zione di alunni svizzeri, grigioni , 

< vaiteli inesi e della diocesi di Gostanza 
destinati al sacerdozio. Cessò verso 
la fine del secolo scorso. ^ 

felza. Lucìgnolo - Propriamente noi chia- 
miamo Elza quella picciola quantità 
di lino scotolato e mondo che è in- 
trecciata coipe una treccia semplice 
di cxpe^ìiicopazza), la quale, strecciata 
che sia e scamatata colla canna della 
rocca onde allargarla, s"* inconocchia 
per la filatura. In città rade sono le 
filatrici, e queste le più di solo lino; 
quindi noi per Elza intendian^o spes- 
so per estensione anche ogni altro 
pennecchio di qualunque specie. N^ 
contado però si fanno minufissime 
distinzioni in proposito , e ' sono 

Eoccada. Pennecchio. In genere ogni 
panello di lino o la^ia o .vnighella 
(^me//) ammanito per filarsi in salla 
rocca -Prepara b roccada. Arroccare, 
Flzv^,Litcignolo. Il pennecchio di lino 
che il Tommaseo {Sin, in Appennec- 



Digitized by 



Googk 



SMl 



^^3: 



chiare) chiaro^ anche Manneiluut^ioftBe 
traendolo dall'* aretino Manna per co- 
vone di lino, lo però avvinerei che 
questa voce scabbia a leggere Manel'^. 
lina come Man a ^ Manata e Manatella 
per covone e cpvoncello, e avvprlo pu- 
re che le distinzioni fatte dal Tomas. 
fra Inconocchiare e Jppennecchiare 
(Sinon. a.* ediz.*) secondo il nostro 
uso sono inesatte. 

Manétta. ..... Il pennecchio di 

sinighella ùaR{Jirisell de prima sort); 
Ghindana o Berott. Guidana o Gim- 
danaifiiov. agr. tose, passim con voci 
poco esatte). Il pennecchio di sini-* 
ghella ordinaria, (/irùe^ ordena/i)^ 

Paniseli, o Boccada Il pen- 
necchio di stoppa cosi grossolana, 
come fine{stopinna) — Mett-su el pa- 
niseli. Jppennecchiare, 

Beròtt. Connetto* Pennecchio. Mana- 
ta. Il pennecchio di lana cardata. 

Mazza. Garzuolo? Il pennecchio di 
canapa fermato al palo {rocca) de* fu- 
najuoli per farne (ili da corde. 

VElza, la Manetta ^ la GlUndana^ 
il Paniseli suppongono sempre la ma- 
teria prima non ancora in istato di 
filo. A questo stato subentrano fal- 
delle* matasse» Irafusole* ecc. 

Dalla forma della nostra Elza e 
delle sue sorelle, confrontata coirElsa 
(detta altre volte anche Elza) delle spa- 
de, e con quelle capelliere che i sel-r 
vajvgi appiccano per galano (^ragòiz/za) 
alle loro sciabole, trarrei quasi argo- 
mento di una romanticheria etimologica 
se non temessi troppo d^ uscir di yia. 

Elzìn o Elzoeù. Pennecclùno, 

Embrión. Embrione. 

Vedell in embrion. feeder in ombra. 

Emendàa. JSmendato. Corretto. 

Emendàss. Emendarsi. Correggersi. Can- 
giar tenore di vita. 

Emendazión. Emenda. EmóndoMone. E' 
mendamentOm 

Emergént. s. m. L'emergente, Il caso. La 
circostanza. Il bisogno. Voccorrenxa. 
V emergenza. 

Emèlegh. Emètico. Vomitivo. 

Eniètt. Emettere, 

Emicrània. Emicrania. Enigrania. Dolore 
emicranico o micranico^ e sch, Migrana. 

Emigra. Emigrare. 



) END 

Emigràa» Emgmto. Prìift^Q. . 

Elmigrazitfn. Emigrazione, 

Eminént. Eminente. : 

Eminentìssem. Enùnentissimò» - . . 

.Eminenza. Eminen^ — ^T^elle scuole è 
specificazione e .aite^tjàziope dVaQre. 

Emissàri* Emissari^, 

Emjna. La Emme 9 e al Jpl. Gli Emmi, la 
ti'edicesima fra le lettere del nostro 
alfabeto -^ Biflettasi che t,utti qi^esti 
nomi di lettere alfabetiche le quali 
hanno fra noi U' desinenza in a, in 
linguii italiana T hanno in e, come: 
Erra, Essa, Enna. Erre 9. Esse 9 Enne, 
Donna de Temma. Donna da conio o, 
da partita. V. Sguànsgia. 1 

Gatt de Temma {^che anche dicesti 
Gatt de la Madonna). Gatto soriano 
o persianino. Specie di gatto cosi detto 
da noi perchè ha nel pelo della fronte 
una specie di M majuscolo. 

I tre emm ghi lian tucc. Offiuno- 
o poco o assai partecipa di tre M, 
cioè di medico , di musico e ^di matto. 
Parla con Temma. Metacismo. 
Quattrin de Tcmma. V. in Quattrìn. 
Sold de r enuna. F. in Sòld. 

Èmm èinm Modo di chiamare 

a sé alcuno. V Hem francese. 

Emm emm se vedaremm. V.inVeàè» 

Empòri. Empòrio. 

Emulazióu. Emulazione, 

Emulsiòn. Emulsióne, Lattata. Orzata. 

Én* Ne, Particella che riferisce a materia 
o cagione accennata di sopra. Per qs. 
Quisl hin scudi cossV/i voeutt? Questi 
sono scudi; quanti ne vuoi? Gli an- 
tichi poeti italiani dissero En per In, 

Enciclopédegh. Enciclopedico, 

Enciclopedia. Enciclopedia, 

Encòbi {o Gòbbi , o Gobbio come scrive 
il Porcacchi nella Nobiltà di Como). 
Ciprino rutilo? Pesce quasi simile al 
cavedine, grossolano, e che pesa cuy 
ca mezza libbra. 

Éndegh. Indaco. Color noto. I nostri 
tintori e droghieri conoscono VEndegh 
Caracca fior^ VEndegh Sovre^ VEndegh 
CoHe 9 VEndegh GaaUmàlaJior^ VEn- 
degh bloeu sorajin^ VEndegh Bengala 
violett (sorafin , andant e bass) , T^h- 
degh Madrass, e VEndegh d*EgiU. L'in- 
daco fino é anche detto in commercio 
sopra saliente e il grossolano curto. 



Digitized by 



Googk 



ENT ( 

Éndegb. * . . fku dióiamò attohe del biaii» 
co sporco. L'è 6ti- blandi éndegb .:; . 
cioè un bianco traente air azzurro. 

Éndes (o Andegbéc o Niàk ó ìndes). Én^ 
diòe,' Guardanidio >ì3oyo evknido o ài 
' marmo che- si lascia nel covo 'delie 
galline, quasi per dimostrar loro doye - 
•bailno da andare a far le loro uova, o 
per divezzarle dal mal abito di man- 
giarsi lellovà o di covarle a contrat- 
tempo. Il latino index avorum. 

Enigma. Enintma, Enigma'. ' 

Enigmàiegb. EriinemaUcoi Enigmàtico* 

Ènfasi. Enfasi* 

Éntt' enn. Enne ffnrié. V» sotto N. 

Èana. Enne* Lettera deli^ alfabeto. 

Energìa. Energìa, 

Enèrgicb. Enèrgico, 

Energùmen. Energumeno, 

Enórme. Enorme. 

Enormitàa; Enormità» 

Énsèd. r. ìnsed. 

Ensed. . . . Sp. di castagno cosi detto 
per antonom, quasi cbi dicesse Casta- 
gno daW innesto migTiore,'e forse quello 
* che produce le Grò^sole dei Toscani. 

Énler(in). Infra, Fra. Tra. In enter 
duu. In due. Fra due» Tra due. 

Entra per Énter. F. 

Entilàa. Momento. Importanza - Nei diz. 
ital. Entità vale per ente, essere. 

Entra. Entrare, Intrare, 

Cosse gh' entrei lu ? Clic e* entra 

egli? Che v^ha egli a fare? Qual parte 

v'ha egli? Come entra egli con questo? 

Entra in ball. fìg. Entrare in danza 

o in ballo. 

La m'entra minga. Non mi attaglia 
o calza o attalenta o talenta o garba 
o piace o entra o va a pelo, 

Vorè enlragb in tutt. Mettersi in 
mazzo. Entrare in mazzo. Essere come 
il matto fra i tarocchi. 

Entra. Giugà a entra o a entro, y, in 
Giugà a tarocch ombra e in Giugà 
a T/oiTibretta. 

Eutràda. Entrata. Ingresso. V. Intràda. 

Entràda. Intratura, Paga T entrada o el 
bon ingress. Pagar V entratura. 

Entràda. Entrata, Mddito. 

Entrada de vin e de molin Ve en- 
trada de mcschin. ^. in Vln. 

Entràda. T. delle Arti. Ferito ja. Traforo 
apertura stretta in cui possa libera- 



64> ERA 

mienfe passare, come per taglio » alcun 
pezrzo di ferro ^ legno o simile. 

Entràda. ContMsemUura, Ferito ja, 

EùtrÀda. T. de' Sarti. . ; . Il taglio da 
' cima delle maniche e quello degrim* 
busti in cui eìle si entromettono. 

Largh d'^enti-ada, Strecc d'^entrada. 
Largo neUe ascelle f Stretto nelle di" 
tale? 

EntradèUa. Entratella, Bendituzza, 

Ctttradùra. Entratura. -Entro. 

Entra), f^» Intràj. 

E-ntrànt.JEhf/Yxntefe in mala parte Brigante» 

Éntro. K. in Entra (giuoco).' 

Entusiasma. Inspirare entusiasmo. 

Entusiasmàa. Enfàtico, Tutto entusiasmo. 
Entusiaste. Entusiastico. 

Epidèmegh. Epidemico. 

Epidemìa. Epidemìa. Epidimla. V, in Màa. 

Epifanìa. Epifania , e volgar. Pifania o 
Befania, 

Epistola. Epistola, Noi usiamo la voce 
nel solo sig. ecclesiastico dei Di o Legg 
o' Canta l'epistola, 

Epitet. P'^* Tìtol *— Nelle scuole cono- 
sciamo anche Èpich , Epigràma, Epì- 
loghi Episòdi f Epiidfi 9 Equazión come 
anche Ègloga , Elegìa e sim. voci dot- 
trinali , ignote però affatto ai popolari 
e al dialetto. 

Època? Tempo. A Tepoca d*avè la soa 
pension. ... A tempo del riposo — 
Fa epoca. Far epoca. 

Epnlón(Ricch). T. in Rìccb. 

Equilìbri. Equilibrio. 

Sta in equilibri. «Sitare in perno — 
Sta in equilibri con la spesa. Eqtdli- 
brare la spesa, 

Equinòzzi scherz. per Equivoch. F". 

Ciappà on equinòzzi. schek*z. Eqidvo- 
care. Sbagliare^ allucinarsi. F, Gàmber. 

Equipàgg o Ecupàgg. Corredo, Equi- 
P^SS'^' ^ robe. Fornimento. Accom" 
pagnatura. 

Equipaggia. Equipaggiare, Arredare. Cor- 
redare - Bincuif ali arsi - Corredarsi - 
Bimpannucciarsi. 

Equipaggiàa. Arredato. Corredato, 

Equitaliv. Congruo. Equo, Conveniente, 

Equiv aleni o Ecuvalént. Equivalente, 

Equivoch. Equìvoco, Errore. Sbaglio. Qui 
prò quo {Aìb, enc. erron. in Qui). 

Èra. Aja, Spazio di terra spianato e acco- 
modato per battervi grani e biade. 



Digitized by 



Googk 



ERB (65 

Batt el {;ran su Tera. BaUer$* T^b» 
biare» Tribbiare, TUnare, 

iLra. T. de^ Fomac Quello spazzo , 

queli^arcQ, quella piazza liscia.e piana 
sulla quale i mattonieri lavorano la 
creta io quadrucci e li schierano a 
seccare. I Francesi la dicono Jire, 
Eràri. Erario. V* Tesòr« 
Era rial. DtlV erario. 
Eratacòrige. T. di Stamp. e Libr. Errata, 
errata corrige. Allorché ì* errala con- 
tiene un errore solo s''intitola JSWvitom. 
Èrb. s. f. j\,. Erbacce? Erbucci? Bitta 
da erbacce. La Beta vulgaris àe* bota- 
nici, le Erbett dei Brianzuoli. Questa 
pianlicella è detta da noi Erb quand''è 
novellina 9 e ce ne serviamo a mari- 
tar le zuppe. 1 stioì nervi quand'ho 
invecchiala diconsi da noi Cosi (che 
i Francesi chiamano Cótes de poirées, 
e i Provenzali Couesios d'fierbettos), e 
le mangiamo conce con burro» sale e 
cacio; e le foglie Bied che alcuni 
usano nelle zuppe e negli erbolati 
(jscarpazzjf e i più nelle medicazioni 
vescicatorie. 
Èrba. Erba, 

A mangia doma erba gh' è de de- 
ventà verd. J mangiar sempre del me^ 
desimo colore s* ha a farfisonomia di 
ramarro{¥ùg, Jv.pun, ììì, i5). L'erba 
è da be4tie(A\\egr, p. a4^ )• 
Con su Terba. Erbito. 
Cont i erb. Erbato. 
Dà Terba afsol, dicono i contadini 
dell* Alto Mil. per quello che noi diciamo 
Dà r erba ruga. Dare Perba /Cassia, 
Pare il paleggio. Dare il . cencio o 
f ambio o lo sfinito, Diséacciare. 

Del praa ven T erba , e del cuu 
ven la merda, f^, in Pràa. 

D'^erba. Erbate, Erbàceo, Erbario, 

El bus di erb. // doccion delle loffe 

(AUeg. 72). // bossolo delle spezie. 

Cosi chiamasi sch. il sedere. /^. Cùu. 

Erb che ven-sCi lor de per lor. Erbe 

spontanee. 

Erba cruda e gamber coti no las- 
sen mai dormi tutta la nott .... Det- 
tato che sconsiglia il cibarsi di erbe 
in pinzimonio e di gamberi la sera^ 
perchè cibi di malagevol digestione. 
Erb d^odor o ErbèU. Eròe odori* 
Jei-e o odorose or odorate, 
k'ol 11, 



) ERB 

Fa de tutt i erba fass o d'ogni erba 
fass. Fare d'ogni erba fascio, 

Jn erba. £g. In erba. Ihmiaturo » , 
precoce , non ancora giunto a perfe- 
zione o a compimento. Per es. Dottor 
in erba, e sim. Dottore in erba^ ecc. 

La marerba Ve quella che se slarga 
e cress pussee. La mal' erba cresce 
presto. Non è cosa che pia moltipli^ 
chi quanto la mot erba. Mauvaise ìierbe 
croii toujours dicono anche i Francesi. 

Làssem la mia erba, che me n^in- 
caghi de la toa merda, f^, in Mèrda. 

Manda foeura a Terba» Manda a 
Terba, o Mett a. T erba» o Inerba i 
besti. Gosfemare le bestie a frescume 
(Giorn. Georg. II, a3j). Aderbare, Pa- 
scere le bestie si bovine e sì cavalline 
d^erba o vegetante o colta di fresoo» il 
più delle volte per medicina. 1 diz. 
itai. hanno Inerbare per coprir d'erba. 

Mangia el fen in erba. fig. Consu- 
mare o Misurare o Mangiarsi la ricolta 
o il grano in erba, 

Nettù di erb. Diserbare. 

Pestà-giò Terba. Scalpicciare o Scal- 
pitare V erba, 

Speccia bò(oboeu) ch^erba cressa. 
Cavai deh non morire^ che Verba ha 
da venire, y. in Speccià. 

Tajà Perba. Fare erba o Verba. 

Vegni-sù Perba. Erbeggiare, 

Vede Perba a nass de nott. Avere 
Varco lungo. Essere accortissimo. 
Erba amara. Tabacco di padule, Bómice 
che si mangia{Ttirg. Toz. Ist.). Sorta 
di lapazio o romice ch''è propriamente 
il Rumex aquaiicus o major de^bot. 
Erba amara (a/ira). K. Erba san Pcdcr. 
Erba arlccchinna. Erba,pappagalla(*ìììC' 
eh.). Pappagallo o Maraviglie o Mara- 
viglie di Spagna ( Targ. Toz. Diz.). 
V Amaranihus tricolor de^ botanici. 
Erba balsaminna. v. delPAlto Milanese. 
Cacciadiavoli, Fuga dasmoruun (Targ. 
Toz. Diz). VHypericum perforata L. 
Erba basgianna. Erba da calli. Erba san 
Giovanni o di san Giovanni. Fava gras^ 
sa. Fabaria. Il Sedum Telcphium L. 
Erba bianca. Argentina. V. Erba de einqu 
foeuj bianca — Verso il Bergamasco 
chiamano cosi ì Biéd. V. in Erb. 
Erba bindellinna. Canna (Cosi viene chia- 
mata dal Targ. Toz.» dal cav. Re, e 

9 



Digitized by 



Googk 



ERB ( 

neirOrto botanico di Firenze). Canna 
di foglie rigaie» Canna reale rigata 
(Targ. Tòx, Ist.). Erba assai cono- 
sciuta nei nostri giardini 9 che ha le 
foglie striate di giallo e verde o di 
bianco e verde. Il sno nome botanico 
è Jrundo donax o laconica versicolor. 

Erba bonna. y. £rbabònna. 

Erba brugaroeula. K. Sangua%,?lla. 

Erba brusca (che anche dicesi Erba cacca 
o Erba salinna o Sansa o Pan cucch). 
Acetosa minore. Acetosella, Salamoja 
o Erba salamoja. Pàssola, Ossàlide 
minore. Erba a foglie lanceolute astate 
che è il Bumex acetosella dei bot. — 
Sotto questi stessi nomi, e nel cont. 
anche sotto quello di Panmojn de la 
Madonna, conosciamo comunemente 
anche il Pancuculo o Trifoglio ace- 
toso ó VErba lujula a fior bianco e 
foglie ternate conformi detta Oxalis 
acetosella dai botanici. (taj. K 

Erba cagna chiamano alcuni /*£rba del 

Erba canali una. Scagliola, Oufàrta(Targ. 
Toz. Ist.). Specie d''erba che è cibo 
gradito delle passere di Canaria ed è 
la Phalaris canariensis dei bot. — 
Alcuni intendono anche per Erba ca- 
nalinna la Peveràscia. /^. 

Erba capón o caponna . . . Sp. d^erba il 
cui nome botanico è Cestnim Parquy^ 
cosi detta fra noi dal suo odore che si- 
mula quello del cappon lesso rifreddo. 

Erba carlinna. v. deifA. Mil. .. È an- 
tidissenterica, y, in Spinàzz. 

Erba cavallinna. Medica.}^. Erba medega. 

Erba carra. Erba rena. Imperatoria. Bel- 
gitano selvatico. Angelica francese. 

Erba cedrada. F. Erba limonzinna. 

Erba che pezziga. Cnico oleraceo. 

Erba cipressinua. Santolina. Saniolino. 
Crespolìna. Abròtano, Spezie d' erba 
odorosa più comunemente fra noi detta 
Ciprèss e anche Pròten. K. 

Erba comunna. . . . Cosi chiamansi per 
isch. anfibologico i Corniti (£BgìoìeXiì)f^. 

Erba crespa. \f, brianz. per Crèspola. F, 

Erba che rampéga. Erba scadente o rcan-- 
picante — Nell'Alto Mil. è anche nome 
speciale delPerba arvense delisi Erba 
— rapcrina o Sacco montagnuolo. 

Erba coronna. Erba puzza, e dottr. So* 
latro ortolano. Sòlatro{TsLTg. Toz. Ist.). 
Il Solanum pigrum dei bot« 



66 ) ERB 

Erba cortèlla o Cortellànna. Laneiucìa, 
Lanciala. Piantaggine lunga, Petacciò^ 
la. Lingua canina. Cinquenervi, Amo- 
glossò (Twg. Toz. Diz. e Istit). La 
Planlago lanceolataL, 

Erba cucca. Lo stesso die Erba brusca. /^. 

Erba cucca di sciati, y. delPAlto Bftil. 
Salceixlla(Ttirg. Toz. Ist.). Il Poljgo- 
num persicariah* 

Erba d^ acqua, v. delPA. Mil 

£i*ba de cancher. Erba stoma, lì Tlaspi 
arvense dei botanici.' 

Erba.de cinqu foeuj. Spillabuco giallo, 
Cinquejbglio» Fragolaria. PenUifiilo 
(Targ. Toz. Diz.). Potentilla. Cinque- 
foglie^ Spezie d^erba che dai Lodi- 
giani viene detta Alagiostra selvadega 
e dai bot. Potentilla repians — Alcuni 
chiamano cosi anche la Fragolaccia, 
(Targ. Toz. Ist.), cioè la Potentilla 
tormenlHÌa{Sco^.). 

Erba de cinq fueuj bianca(cA« anche dt- 
cesi semplicemente Erba bianca). Ar^ 
gentina. Piò d/oca. Pie di g<a//o(Targ. 
Ist. bot. ). Erba detta dai bot. Poten- 
tilla argentea o anserina. 

Erba de foeuj(cA£ anc/ie dicesi Gentfoeuj). 
Millefoglio, 

Erba de gatt. r. Erba di gatt. 

Erba de la gamba rossa, v. deirA. BliL . . 
Specie di gramigna? 

Erba de la Madonna /^er Erba teresta. K. 

Erba de la regiana per Erba limon- 
zinna. f^. 

Erba de la rogna. Scabbiosa. Vedovina, 
sabatica. Ambretta{T9irg, Toz. Diz. e 
Ist.). La Scabiosa arvensish. 

Erba del pover omm. Stancacavallo. Gra- 
sio/a(Targ. Toz. Ist.). La Gratiola qfi- 
cinalis de' botanici. 

Erba del taj. Ciciliana{TzTg, Toz. |Ist. e 
Diz.). VHjrpericum androscsmian dei 
bot. — Altri intendono per Erba del 
taj YAclUllea millefoglio; altii parec- 
chie altre erbe vulneràrie. 

Erba de piagh. Erba rustica. Fior cap- 
piaccio salvatico. Erba cosi detta an- 
che dai Lodigiani , e dei bot. Conso- 
lida regale o Delphinium consolida. 

Erba de pitocch. Fitalba, Clemàtide — 
Fiàmmola. Nome delle due Clematidi 
dette dai botanici Clematis vitalba e 
C, Jlammula. 

Erba de ratt* F* Qnattroeùsa. 



Digitized by 



Googk 



^ ERB (67 

IcYhìk de tciatt. Mamibbio àcgvuUico, Si- 
derite» Il Lycopus europiBus dei bot. 

Erba de scìmes. Erba rustica{Così nel 
Targ. Tozz. in Symphythum officinale). 
Anche TAlb. enc. in Erba ha la voce 
Erba rustica, ma rimette il lettore a 
Bustico, doye poi si è scordato di re- 
gistrarla — Alcuni chiamano Erba 
de scimes anche V Ebbio cioè il Som- 
bitcus-ebulusLm 

Erba de tenció o de teng. F. Ginestroeù. 

Erba de tutt i mes. v. dell^A. Mil. Sa- 
bina. Cipresso de* maghi. Pianta dan- 
nata. Lo Jutiiperus Sabinah. a cui si 
attribuiscono mille qualità nocive delle 
quali THaller si ride grandemente* 

Erba de yeni{che altri chiamano anche 
Eior de pasqua o Passafior). Cavolo 
marino {T^\%, Toz. Ist.). Pulsatilla, 
VAnemone pulsatilla dei botanici. 

Erba di copp. v. deirA. Mil. Sempre- 
vivo dei tetti ? 

Erba di gatt. Afaro. Maro siriaco. V. 
Maro — Alcuni chiamano cosi anche 
VErba gatta o gattaja, cioò la Nepeta 
catariahm. 

Erba donna 

Erba donnina, y. brianz Sp. di 

erba detta Erica purpurascens dai bo- 
tanici. £ erba tintoria , e , se non 
erro , equivale alla CerrcUa o Fraglia 
dei Toscani. 

Erba donnina(altra). Celidonia. Erba da 
volatiche. Erba maixhesita. Erba gialla 
dai porri. Il Chelidonium majusL, 

Erba d'or. Eliantemo. Panace chironio. 
VHelianthemum vulgare Pers. o il Ci- 
stus heliant/iemumL, 

Erba droga* Git. Gittajone. La Nigella 
ereticai,, V. Gioltón. 

Erba farinella. Erba vitina. Corallini 
(Targ. Toz. Ist). Sòlatro. Solano — 
Altri la intendono per Erba coronna. T. 

Erba gattera. Così clUamano alcuni il 
Pàbbj. f^. 

Erba giacca. Ranuncolo scellerato o da 
piaghe. Erba comune nei prati e che 
offende le gambe dei fienajuoli* 

Erba giacca per estensione diconsi 
anche le Piaghe sulle gambe prodotte 
per caso o per arte àiXVErba giacca. 

Erba gialdinna. F, Gialdinna. 

Erba giazzadinna(cAe anche si dice Erba 
giazz(£ura o giazzoeida) J&r^a cristallifia 



) ERB ^ 

o cristalloide. Erba diacciòla (Jt^g, 
Toz. Ist.). Erba diacciata. Cristalloide 
(id. Diz. in MesembrianUiemum crys tal- 
Unum), Erba che sembra tutta sparsa 
di gocciole o globetti di cristallo o 
di ghiaccio. 

£rba. gratta Specie d'erba che 

cresce in folti cespi , e che ha le fo- 
glie come tanti nastri verdi, la quale 
infesta le risaje* 

Erba guzza. Fena maggiore. Saggina ca- 
najola(TsLTg. Toz. Ist e Diz.). Spezie 
di pianta cVè V Avena elaiiorh. 

Erba guzza chiamano alcuni il Bromo 
gigonteo , che viene anche detto con 
altro nome .Biava selvadega, ed è il 
Forasacco altissimo del cav, Re^ e 
parm^ anche la Segale canajòla, del 
Targ. Toz. Ist. 

Erba guzza presso i Lodigiani vale quanto 
la Loglierella, da noi detta Erba mora. 

Erba jaroeùla. F, Sanguanèlla. 

Erba lanada. Erba san Pietro, Salvia sah 
vaUcaiJsA^g, Toz. Diz.). È la StaclUs 
germanica, dei bot. 

Erba latterà. Erba lazza. Esca da pesci. 

Titimalo cflrfl67Vi(Targ. Toz. Diz.). Eu- 

forbio. VEuphorbia caracias de" bot. 

Erba ]imonzinna(c/ie si dice altresì Erba 
cedrada. Erba luisa. Erba de la Re- 
ginna, e Zitornella). Apiastro, Mela- 
citola. Cedronella. Cedomella, Citrag" 
gine, Cedroncella, Ceirina, Erba cedra 
o cedronella. Limoncina, Melissa, Erba 
cosi detta perchè tiene odore di ce- 
dro, ed è la Melissa officinalis dei bo- 
tanici. 

Erba luisa. V, Erba limonzinna. 

Erba longa. Segale lanajola. Spezie d'erba 
il cui nome botanico è Bromus glo- 
meratus. 

Erba madonnina per Erba donnina(pri- 
ma). r. 

Erba magenga. Fienaruola. Sciammia, 
Spannoccliina(Targ, Toz. Diz.). Gm- 
migna de* prati(ià. Ist. ). Erbe il cui 
nóme botanico è Poa trivialis e Poa 
pratensis. 

Erba majeslra. Erba fava. Favajbla. Fa* 
vagello. Il Ranunculus ficaria o la Cc- 
lidonia minore dei botanici. 

Erba majestra chiamano altri VErba da 
volaticlie la Celidonia maggiore dei 
botanici. 



Digitized by 



Google 



ERB ( 

Erba majèstra chiamano alcuni i7Tìtìina]o. 

Erba maria. Così cìdamano alcuni la 
Erba tcresta. V. 

Erba marocca chiamano alcuni la Erba 
coronna. V. 

Erba matrical^. Matricaria. V, Camamèlla. 

Erba medega. Medica, Erba medica^ Tri- 
Jbglio. Cedrangola, Sorta di pianta 
arveDse cb*è propriamente la Medi- 
cago saliva dei botanici* 

Erba medega salvadega. Medica di fior 
giallo (Così presso il Targ. To2. in 
Medicago falcatlt cb*è il nome bota- 
nico di questa pianta arvense). 

Erba medegada. Nepitella. Nipitella, I 
Brianzuoli ne regalano li loro focacce 
{brusad)^ e dicono che Verha mede- 
gada' la fa bonna la hrusada. 

Erba meleghetta. Meliloto, Erba vetturina, 
GhirlandeUa di campagna. Lupinella, 
Melliloto, Loto domestico. Triboli. Tri- 
bolo, Serttda campana, Zolfaccio. TVi- 
ioli, Tripuli, Trifali, Trifoglio odo- 
rata o cavallino{Tsirg. Toz. Diz.)- 

Erba merda. Erba connina, Hugiadella, 
Diacciola sahaiica, Brinajbla (Targ, 
Toz. Isl. ). Erba puzzolona o che puzza 
di baccalà, Ficattole(ìd, Diz.). L'erba 
Chenopodium vulvaria dei bot. 

Erba roiràbel. Noce spinosa. Noce puzza 
(Targ. Toz. Ist. ). Strimonio. Stramo- 

' nioi^à, Diz. ). La Datura Slramonium 
dei botanici. 

Erba mognaga. Tribolo terrestre. Specie 
di pianta che produce un fruito spi- 
noso, detto anch'esso Tribolo, 

Erba mora, loglierella. Loglio selvatico. 
Quella pianta che dagr Inglesi è delta 
Hajr-grassj e che si cohiva per pastura 
del bestiame. T)ai Pavesi è detta Lo/essa 
o Lojarolla^ dai Lodigiani Erba gu^ 
zay e dai Bresciani Erba larghetta. 

Erba mora (altra), È lo stesso che Ongia 
de galt. r. 

Erba moi-a presso i Pavesi e i Lodigiani 
inlendesi la Centaurea jacoea. 

Erba morella. Sòlatro, Lo stesso che Erba 
coronna. F', 

Erba morncra. Cenerognola, Celidonia, 

Erba nevedìnna. Così chiamano varj 
Brianzuoli la Nepeta calarla L., cioè 
VEròa gatta o gattaja. 

Erba ]^B]»una,Eròabrillaniina{TsLrg, Tóz. 
Diz.). Tentennino? Tremolini? (làAsX,), 



6a) ERB 

spezie di pianta arvense cb^ dallo 
Scannagatta viene detta Briza f^dia. 

Erba paria o paja o palitf. Pariefaria, 
Paritaria, Vetriuola, Fitriòla, Erba ve- 
triuola, Murajòla. Erba da pulire i ve^ 
tri(Taig, Toz. Diz. e Ist.). La Parìe- 
tarla qfficinalis dei botanici 

Erba pelosa. Lo stesso die Pajetta pe- 
losa, y. 

Erba per la fevcr. Biondella, Fiel di 
terra, Cacciaf ebbre, Centaurea, La Gen- 
liana centaurìumL, 

Erba perucca ù per ucconna . Sopravvivolo 
dei murì. Specie di erba che parmi il 
Sedum re/lexum dei botanici. 

Erba pignoeula. Sempervivo minore. 

Erba porrinna. v< dell' A. Blil. Erba da 
porri, yerrucaria, Porraja, V/JeHotro- 
pium europcewnhm, — Altri chiamano 
cosi anche Y Erba laza o mora^ cioè 
r Euphorbia caraciasL, 

Erba raspa. . . • Specie d'erba tintorìa. 

Erba rava verso il Bergamasco per Bie- 
dràva. K 

Erba reginna o de la reginna per Erba 
limonzìnna. f^. 

Erba regondcUà. K Regondèlla. 

Erba rossa, y. dell'Alto Mxl. . . . Specie 
di gramigna. (bot. 

Erba ruga. Ruta, La Buia graveolens dei 
L'erba ruga tutt i maa je destru- 
ga. . . • DalPesser la ruta reputata ver- 
mifuga, carminaliva, antìsterica è nato 
fra il nostro volgo questo dettato. 

Erba rugarocùla. K Sanguanèlla. 

Erba salaminna (che anche dicesi Erba 
salamm). Erba. • . . Specie di pianta 
che il Nocca nelle sue Istituzioni bo- 
taniche chiama Timo capitato ^ e Lia^ 
neo Teucrium po/ìum. 

Erba salinna dicono alcuni la Sànsara, F", 

Erba salvadega. Erba querciòla. Quer- 
ciuola, Camedrio. Calamandrea, Ca- 
lamandrina, lì Teucrium cìiamcedrys 
dei botanici. 

Erba sanatoria 

Erba san Carlo. V. in Spinàzz. 

Erba san Crìslofen. Ba/ba di capro. Ch- 
stof Oriana, VJctcea spicata de' bot. 

Erba san Giacom. Matricale selvatico. Il 
Senecio jacobcea de' bot. 

Erba san Giovann. Erifa croce. Erba 
crocetta. Erba colombina, Verbena. 
Vermena. Erba crocina. Erba grana 



Digitized by 



GoDglc 



ERB ( 

(Targ. Toi. Dh. e Ist.). La Verbena of- 
ficinaìis o Verobotane de^botanici. 

Erba san Veder {che\ in città diciamo com. 
Erba amara). Erba santa Maria, Erba 
costa o costina. Balsamite. Menta greca 
o romana o saracinesca. Erba amara. 
Erba della Madonna{T9irf^. Toz. Dìz. 
e Ist.). La Balsamita suas^eolens dei 
hot. che noi usiamo mescolare nelle 
. frittate. 

Erba san Rocch. Erba roherta. Il Gera^ 
niam robertianum de* botanici. - 

Erba santa Barbora VErjrsimum 

harbarea dei botanici. 

Erba santa Polonia dicono alcuni il Giu- 
squiamo. 

Erba savia. Salvia» Salvia da uccelli. Spe- 
zie di piadta conosciutissima che è la 
Salvia oflicinalis o hortensis dei bot. 

Erba scaretta. Licopodio. Musco terre'" 
5/re(Targ. Toz. Ist. e Mattioli). Il Ly- 
copodion clavatum dei bot. Nel Diz. 
ital. tedesco di Castelli e Flathe alla 
voce ìVolfsklaue^ corrispondente al 
Lycopodiony leggesi Branca di lupo — 
Pied de loup la dicono anche i Fran- 
cesi, e Pie di lupo anche varj degli 
acrittori di botanica italiani. 

Erba sciatta Specie di bromo 

o forasacco peloso. 

Erba secca, v, a. Da%» Mere, per Gial- 
duina. y. 

Erba sensitiva. V. Sensitiva. 

Erba senza costa. Lingua serpentina o di 
serpe o di vipera. Argentina. Opio- 
glosso* Erba lucciola. Erba luccia. Al- 
cuni (cosi dice TAlb. enc.) la chia- 
mano anche Erba senza costa, V O- 
pìUoglossum vuigatum dei bot. 

Erba sol da. Erba iva. Iva. Ivarletica. 
Canepizio. Ajuga. Erba laurenziana. 
Erba mora. Erba di san Lor-enzo. Sol- 
dola. Erba stola. Moràndola{Taxg, Toz. 
Ist. e Diz.). V Ajuga reptans àe\ hoX. 

Erba solda pelosa. Soldola villosa? Spe- 
zie di pianta arvense che con nome 
botanico è detta Jjuga pjrramidalis. Il 
Nocca nelle Islituz. botan. la chiama 
Bugola piramidale 9 e il Mattioli Con- 
solida media. Essa corrisponde preci- 

* samente al Sicklevort degringlesi. 

Erba soradonne {ne*contomi di Melegna- 
no ; e in Brianza Soverdòne e presso al- 
tri Erba santa Polonia). Giusquiamo. 



69 ) ERB 

Joscìamo, ' Dente cavallino. Disturbio 
(Targ. Toz. Ist.). Lo Hyoscjramus ah, 
bus o niger dei bot. 

Erba soradonne per Erba majestra. y. 

Erba soverdòne. V, Erba soradonne. 

Erba stramberà (cioè per i slrambadur)... 

Erba strigia o striggia. v. delPAlto MìL 
Gramigna? Erba con foglioline trian- 
golari ed acute e delle cui radici si 
fanno spazzole. Mi pare YAndjopogon 
gryllus di Wildenow o V Ischtpmum 
dello sìQSèo o il Gramen dactylon. 

Erba teresta (che altri dicono Erba de la 
Madonna). Edera terrestre. Sorta d^'erba 

• che nasce ne' luoghi ombrosi, intorno 
alle mura ed alle siepi. La Glechoma 
ederacea dei botanici. 

Erba Irosa ddamano alcuni la Sprclla. f. 

Erba trigaboeu. v. dell' A. Mil. Stracca^ 
bue. Ervo. Capogirlo, 

Erba turca per Erba per la fever. F. 

Erba valmasìa 

Erba vitella. Baponzj. V (EnoUiera bien- 
nis de^ botanici. 

Erba zia.' F. in Zia. 

Erbabìcch. Lo stesso che Barbabìcch. V. 

Erbabònna. Semi di Jinocchio(* iosc •— 
Poema d'un aut. pis. 'XVI, 78) — I 
Brianz. chiamano Erbabònna anche la 
pianta cioè il Finocchio. 

Erbabònna fa fenocc. V erba buona 
è tal come è il ^nocchio{Kìme ant. , 
p. ]54). // buon vino fa gromma e 
il cattivo muffa. Ogni erba si conosce 
per lo seme o dal seme. Prov. che vale 
quanto Dal buono nasce il buono^ e 
dal cattivo il cattivo. 

Erhàdegh. ad. Erboso. 

Erbàdegh. s. m. Erbajo{G\oTrì. Georg. II, 
a 40). Erbata? Nome del prato a fn>- 
scume, cioè recente, di ripiego, di 
vicenda ; ed è quello che non istà 
prato di continuo *, ma sibbene per 
alcuni anni è tale, per altri campo, 
avvicendanclosi in esso la coltura dei 
cercali e dell' erbe. CosiiTatti Erbàj 
nel primo anno del loro appratire 
sono fra noi detti Spianad, Nell'Alto 
Mil. chÌBvnsino Erbàdegh anche il Campo 
erboso come lo dice il Crescenzi, cioè 
V Erbajo che nasce nel campo dopo 
tagliato il grano e le stoppie^ e cosi 
anche un luogo qualunque aderba- 
to, un erbajo qualunque, V Inerbato 



Digitized by 



Google 



ERB ( 

del Voc. agr. del Gagl. ed anche 
V Erbatico usato daAunibal Caro nella 
34^«" delle sue Lettere inedite (ediz. 
mil. 1827, tom. 2, p. 11^) stando 
alla spiegazione datane da "Carlo Botta 
nelFAnnotator piemontese di dicem- 
bre 1837, pag. 33o; se però V Eròa- 
tico non importasse mai il DiriUo di 
far erba in tutto un podere » non 
esclusi anche i prati montanini o al- 
tri come il Botta vorrebbe. Anche 
r Erbata dei diz. ital. ha aifinità col 
nostro Erbadegh senza esser quello 
per appunto. 

Erbàgg. Erbaggio. 

Erbàj. Erbaggi. , 

Erbaroeùla. v. cont. Ciriegiuola. Il cilie- 
gio salvatico , non innestato. 

Erbasàvia. Salvia. Salvia da uccelli. 

Erbàscia. Erbaccia. 

Erbètt. s. f. pi. assolai, per Erb d^odor. 
r. in Èrba. 

Erbètt. V. br. £iete. y. in Èrb. 

Erbètt dicevansi anticamente dalle nostre 
dame le donne non nobili 

m L« plebe« dalle nobili signore 

» Si dimandano erbette; 

w Se vanno in case ili a stri atlor lon dette 

9» DalPaUra nobiltà che non le cora 

«• Erbette di mistura « (Mag. J, a 70). 

Erbétta. Erbetta. Erbaccia. 

Erbettlnna. Erbolina. Erbicciuola. 

Erbicòcch. Albercocco, Albicocco. Albero 
noto detto Prunus armeniaca dai hot. 

Erbicòcch. Jlbercocca. Albicocca. Le al-- 
bicocche. Frutto deir albicocco- 

Erbioeù. Beveratojo, Abbeveratojo. V. ^l- 
bioeù. 

Erbión. Pisello ^ e antic. Peso. Legume 
noto. Il Paron milanes lo deriva dal 
greco Apfihy eh' egli dice significar 
piselli; e Dio sa dov'egli trovò que- 
sta bella erudizione , giacché quel 
I nome vale appo .i Greci quanto la 
Persolata appo i Latini, come dice 
Plinio nel lib. aS, cap. 9 verso il mez- 
zo , cioè quanto la Lappa italiana ; e 
dalle foglie di questa , più grandi che 
non quelle della zucca, alle fogliuzze 
de' piselli e' ci corre quel boccon di 
diversità che ognun vede. Nell'Alto 
Milanese e sul Lago maggiore VErbion 
è detto Erbej 9 Arbej , Arbij ^ ed ivi 
dicono Arbion la nostra Tàccola, r. 



70 ) ERB ' 

Io non saprei se corrptto daììVAmeja 
degli Spagnuoli o prolungalo dal- 
V Eróse de' Tedeschi, tutte voci de- 
notanti questo legume. 

Erbion quarantìn. Piselli quarantini. 
Erbion sciattej. Piselli nani — Pì- 
^ selli chiomosi zàzzeH. 

Vi sono anche i Piselli a mazzetti^ i 
P. baccelloni (o Tàccol), i P. culnero , i 
P. grossi bianchi , i P. reali , i P. minori, 
Erbion che vcgnen via minga ben. 
Piselli 'ingrillati (Gior. agr. I, 271 ), 
cioè rattrappiti, intristiti, non fioriti. 
Andà i brugn in erbion. Imbozzac- 
chire. Dicesi dell' intristire le prugne, 
del rimqnersi la prugna come solo ab- 
bozzato quale la dice il Perganiino, o 
Cumicchia di pruna cQme la chiamano 
i Siciliani. 

Erbionin o Arbljn. Piselletto. Dim. di Pi- 
sello. 

Erb'ionln. Pisello verdino. Sp. part. di 
pisello che è il Pisum satis/um semine 
cinereo. 

Èrbol o Èrbor. v. cont. brians^. Albero, 

Èrbol. V. cont. brianz. Castagno, I no- 
stri colligiani e montanari chiamano 
il castagno l' albero (èrbol) per eccel- 
lenza, e n'hanno ben ragione perchè 
ad essi somministra legne da ardere , 
sostegni da vigna » assi da fabbrica , 
frasche da strame , vinchi da legàc- 
cioli, manichi da strumenti agrarj, 
cibi d^ogni forma e gusto , ombre rì- 
storatrici, delizia di palato co' funghi 

« che si nutrica da piede, ecc. ecc. 
Così anche i Toscani chiamano per 
eccellenza Albero o Albaro il Pioppo 
(Populus nigra), perchè ne traggono , 
mille utilità per la vita. 

Èrbol. V. cont. brianz. Albero di una 
macina. /^. Èlbor. 

Erboràri. Erbolajo. Quegli che va ca- 
vando e ricercando diverse maniere 
d' erbe per luoghi selvatici. Nelle no- 
stre gride antiche , come per es. ia 
quella 26 febbrajo 1677, si legge Ar- 
boràrj — Erbajuolo. Colui che vende 
l'erbe Medicinali. 

Erborinàa. Ad. di Slraccbin. F. 

Erbori nna. s. f. e per lo più al pi. £r~ 
borinn che nel V Alto Mil. dicono Per- 
semm o Pedersènim. Pelrosellino, Pe^ 
torsello. Prezzémolo. Petrosello. Petro^ 



Digitized by 



Googk 



ERG ( 71 

sémoh, PetrósiUo, Preiosdmolct* PreUh- 
sello. Erba notissìmiEi che si usa molto 
nelle TÌvande ed è Vjpium petroseli" 
num dei botanici. 

On sesia d'^erborìnn tre lira. y. in 
Sesin. 

Erborimi, s. f. pi. • . . Quelle Tene Terdi 
bige che veggonsi ne^ nostri caci detti 
sti^acchini, sviluppo di que^ funghi mi» 
croscopici che i bot. dicono Mucor 
mucedo e noi Muffa, Gli stracchini 
che hanno tali vene e che noi diciamo 
erborinàa^ dai Francesi sono detti Fro^ 
mages persillés* Il marchese Cosimo 
Bidolfì ad esprimere questa circostanza 
degli stracchini grassi disse Stracchino 
che si dipinge con tutti i colori dei- 
Viride; e ciò non senza ragione, giac- 
ché al bianco del latte vedi misto il 
verde ceruleo e il rossigno della pu« 
trescenza a cui va soggiacendo. 

Erborìuna salvadega o spuzzenta. Cicuta, 
La Cicuta virosa dei botanici» 

Erbós. Erboso. Erbìto. 

ÉrcoL Ercole. Diciamo anche noi lui 
uomo robustissimo; uomo erculeo. 

Ercd. Erede. Redatore ed Ereditario; e 
amie Ereda. 

Y^reàìiìk» Ereditare. Redare; woJL. Eredare. 

Eredi tàa. Eredità. Retaggio ; vai. Eredi- 
iaggio. Eretaggio. (chin. 

Ereditaa del Malt Fachin. V. in Fa- 
Eredi tàa. Ereditato. Redato. 

Ereditàri. Ereditario. 

Eredilìnna.Xo stesso che Reditaroeùla. r. 

Eresìa, f^ Aesia. 

Erétegh. Eretico ^ e ant. Retico. Oeyentà 
cretegh. Ereticare. 

Erèlegh. fig. Eretico. Impersuasibile , 
incredulo in tutC altro che in mate- 
ria di fede. 

^ Vess eretegh in d* ona cossa. Esser 
eretico. Non poter credere. Npn saper- 
sene dar pace. Non potersi discredere* 

Ergàstol. y. Argàster nelt Appendice. 

Ergna {die ne W Alto Mil. dicono anche 
Erga e Inguen). Édera. Éllera, Édì-a. 
iJtiederalifilix dei botanici. 

Ergnós. Ederaceo. 

Erguds. Ernioso. 

Ergo donca. Adunque. Dunque. Ergo, f^e- 
nendo alV ergo. 

Ergo donca 9 trii conchin fan ona 
conca, y, in Dónca. 



) ERT 

Eriàda. Jjata. Tanta quantità di grano 
o di biada in paglia quanto basta ad 
empier Taja. 

Erissón. Lo stesso che Arizzón. y. 

Ermafroditt. Andrògino^ y. Armafodritt. 

Ermelìn. y. Armelìn. 

Ernia, y. Apertura. 

Eròd. Etòde. 

Manda de Erod a Pilatt. F. in Pilàtt. 

Eròich. Eròico. 

A r eroica. T. icatr. AlV eroica. Di- 
cesi d** abiti serbanti il costume o il 
decoro eroico usati nelle rappresenta- 
zioni teatrali, b Eroicamente^ e scherz. 
Con eroicherìa. 1 

Èrpas e Erpasinna. y. Èrpes e Erpesin. 

Èrpes. Erpice. Stromento d"* agricoltura 
notissimo. Fra noi due sono le spe- 
cie di erpici; uno co' denti di ferro 
acuti e taglienti, che vien detto £r- 
pes; e Taltro coi denti di legno , che 
più particolarmente viene detto Rape* 
ga. Anche in Toscana si conoscono di- 
verse specie di erpici) come per es.lo 
.^ia/tucao(Giorn. agr. V, lai), VErpi- 

■ cone{QrìOTu. agr. IH, 610), sp. d^ei^ 
pice ripassatore, ere. 

Dent. Denti » Bampella o Gram- 
pella o Rampcttola. Manico. 

Vess on erpes. fig. Essere pili lungo 
cfte il sabato santo. Essere un pentolone. 
Esser un i enne onne. 

Erpesà {ed anche Rapegà). Erpicare. 

Erpesin o Erpasinna. Spianuccio? Specie 
d'erpice con denti di ferro assai fitti. 

Erra. Erre. La diciottesima fra le lettere 
del nostro alfabeto. — Gli artigiani 
chiamano Erre ogni mensola fatta a 
sproni per reggere checchessia, così, 
dicendola perchè è fatta come un^erre 
arrovesciata ^. Vi sono quindi VErre 
pei sederini da carrozze, per le insegue 
delle botteghe, pei lumi delle strade, 
pei lastroni delie ringhiere 9 ecc. 

Errór. Errore ^ e in modo basso Erro* 
Error no paga debet. Frego non 
cancella partita. 

Fa .error. Prender errore. Errare. 
Essere o Andare errato. {rone* 

On gran error. Erroraccio. Erro^ 
Salvo error. ScUvo errore. 

Errorìn. Erroretto. Erroraccio. Erroruzzo. 

Erta {fi V). AlVerta. Sta a T erta. Stare 
all'erta. Stare avpertitOp oculaiOf cauto. 



Digitized by 



Googk 



ESC ( 73 

Èrtegli. Grosso, Sodo. Fitto. Corrisponde 
più precisamente al francese Épais, 
e dicesi d** un corpo solido considerato 
per rapporto alla sua profondità. 

Ervi usò il Maggiifip, II, 1 59);7erDervi. r. 

Enictàvit. F'oce latina cìie si usa nella 

Jrase Fa on eructavit. Gomitare. Rece- 

re. Eruttare^ e scherz. Bivedere i conti. 

Esagera. Esagerare. Iperboleggiare* 

Esageràa. Esagerato. On fa csageraa. 
Caricatura — Modi esageratis^i. 

Esageradór. Esageratore. ■ 

Esageradura. Esageralrice. 

Esagcrazión. Esagerazione, Ipèrbole. 

Esala. Asolare. L^ italiano Esalare Tale 
Sfiatare. 

Andà a esalass. Jndar a pigliare 
Min po' d'asolo o a prendere un po' dia- 
ria j o un po' d' esalazione o ricreazio- 
ne. JsolarCf 

Esalazión. Esalazione. EJfluvio. 

Esalta. Esaltare. 

Esallàa. Esaltato. 

Esallazión. Esaltazione» 

Esamìn. Un po' d' esame. 

Esamina. Esaminare. Disaminare. — Hi" 
saminare. 

Andà a esaminass. Andare a subire 
un esame. Andare a esser sentito in 
esame. 

Esaminali. Esaminato. 

Esami nadur. Esaminatore. 

Esami nadóra. Esaminatrice. 

Esàmm. Esame, e ant. Esàmine. Esami" 
namenlo. Esamina. Esaminazione. 

Esàtt. Esatto. Puntuale. 

Esattézza. Esattezza. Puntualità. 

Esattór. RiscoUtor delle tewe(Fag. Gì* In- 
gan. lod. ìf 12 ). Esattore. Ufficiai 
esattore. 

Esattóra. Esattrice. 

Esattorìa Sede e ufilcio dell^esattorc. 

Esaudì. Esaudire. 

Esaudii. Esaudito. 

Esauri. Esaurire^ 

Esaurii. Esàusto. Esaurito, 

Esazión. Riscossione. Esazione. 

Esclama. Esclamare. Sclamare. 

^c\^m9z\ónJEsclamazione,Esclamamento. 

Esclùd. Escliulere. Forchiudere. 

Esclùs. Escluso. Forchiuso. 

Esclusión. Esclusione, 

Esclusìv. Esclusiifo. 

Esclusiva, s. f. Esclusiva, Esclusione. 



) ESE 

Esclusivamént. Esclusivamenle, 

Esebi. Esibire. Offerire. Profferire. 

Esebii. Esibito. Profferte, Offerto. 

Esecutlv. r. Direttòri. 

Esecutór o Esegutór. Esecutore, 

Esecuzidn. Esecuzione, 

Eseguì, ^seguire. 

Eseguii. Eseguito. 

Esémpi. Esempio, 

Dà bon esejnpì. Dare buon esempio. 
Dà cativ esempi. Dare mal esempio. 
Per esempi. Esempigrazia. Per esem- 
pio. Per cagion d'esempio. 

Porta per eseinpi. Esemplificare. 
Addurre per esempio. 

Esémpi. Novella. Favola. Racconto, Fòla; 
Noveilata{h\\eg, pag. iSg). 

L''esempi de la Scindiroeula. La no- 
vella della Cenerognola, y. Scindi ree ù. 

Esempi. ^Esemplare ? Quello scrit- 

Esemplàr. s. m. i to che fa il malestro di 
calligrafia per darlo ad imitare allo, 
scolare* Il PrcescriptUm di Seneca — Il 
Fag. ueM'' Amante esperimentaio (alt. If 9 
scen. vi) lo chiama Zo innanzi ^ fa- 
cendo rispondere da Ciapo a Fiori n- 
do: 4i Ah vo^ mi volete fa lo innanzi 
come si fa sul quaderno ai ragazzi che 
imparano lo scrivere, che poi lo fanno 
come quello. »/ — Osservisi però che 
lo stesso Alb. enc. usa anche Esem- 
pio nella voce Mostra , ove dice : 
u Far la mostra è fare quello scritto 
che fanno gli scolari nel quaderno 
per imparare a scrivere, e il maestro 
dà loro r esempio »» Anche V Esempio 
di Dante per Modello autorizzerebbe 
quasi la voce nel nostro sig. 

Dà-giò Tesemplar o Tesempi. Dare 
Vorma, cioè (secondo il Monti nella 
PmpOsta III, I, 2o5). Tracciare col 
lapis o coir inchiostro rosso o coi 
puntini Torma delle lettere a coloro 
che imparano a scrivere Pabbicci. Uso 
comunissimo anni fa , ma giustamente 
proscritto oggidì nelle scuole. 

Esemplar, ad* Esemplare. 

Esentuà. Esentare^ Esenzionare, Eccet- 
tuare. Francare, Esimere. 

Esenta àa. Esentato. 

Esenziàl. Essenziale. 

Esenzión. Esenzione. Franchigia. Eccet- 
tuazione. Immunità. * (quiaìc. 

Esèqui. Esequie, Mortorio, Pompa ese- 



Digitized by 



Googk 



ESP . ( 73 

Fa i esequì. Far V.eseqmc^ e ant. 
Esequiare, 
Esercita. Esercitare, 
Esercìzi o Eserzizi. Esercizio, 

Fa l'esercizi. T. milit. Fare gii eser- 
cizj\ 

Esercizi a foeugh. F"* in Foeùgh. 
Fa i esercizi o i esercìzi spiritual. 
Darsi agli esercizj spiriUuili, . 
Escrzì. Esercitare, Eserzi è una di quelle 
voci di cui il Barelli (spiegando nella 
sua Frusta letteraria, il vocabolo C/i/c- ^ 
chere usato nel titolo di un certo 
libro uscito a** suoi tempi dalle stampe 
di Lugano) dice cbe sono proprie di 
quella storpiata lingua toscana che si 
parla in Milano. Anche i diz. ifal. 
hanno lo storpiato Esèrcere, fratello 
di questo nostro, Ja cui vita è da essi 
confinata tra i curiali. 
Esibet. Esibito. Lo stesso die Palpée. K 
Protocoll di esibet. F. in ProtocòU. 
Esibizión. Esibizione. Profferta, Offerta, 
■ Esìg. Esigere, 
Esig. Foce forense sinonima della co- 
mbine Scoeùd. F. 
Esigenza. Bisogno. Necessità. 
Esigenza. Riscossione, Esazione. ^.Scòssa. 
Esìmes. Esimersi, Sottrarsi. 
Esist* Esistere, 
Esistii. Esistito, 
iLsit. Esito. Fine, Evento. 
Ésit. Esito. Fendita, Spaccio. 

Avegh esit. Jifere spaccio. 
Esita. Esitare. Dubbiare, 
Esita. Esitare. Fendere, Spacciare. 
lEsìièa^. Esitato. Fenduto. 
Esorbitànt. Esorbitante. Disorbitante, 
Esòrdi. Esordio. 
Esorzìsta. Esorcista. 
I.SÓ5, Spilorcio. Sòrdido, Taccagno, Nei 

diz. ital. Esoso vale odioso. 
Esòsa. Spilorcia. Sòrdida, Taccagna, 
Esosaria. j Spilorcerìa. Sordidezza. Tac- 
Esostllia. ) cagnerìa — Stillo(Fsig. Coni' 

Bue. I, 10). 
Esosón. Spilorcissimo, Taccagnone. 
Esosònna. Spilorcissima, 
Esperìmént. Esperimento, Esperienza. 
Sperimento. Spirienza, Cimento, Prova, 
Esperi men lln . Esperienzuccia, 

Esponénl. T. di Stamp Aggiunto 

di lettera o carattere. Per cs. in i ."• 
quelle lettere meo che stanno più 
Fol. JL 



) ESS ^ , 

ili. alto delle altre lettere della nga 
si chiamano m, o esponent, l Fran- 
cesi hanno in questo preciso senso 
Lettrine o Lettre supérieure. La voce 
Esponent è tolta àsHH^ Esponente aritme- 
tico, o àsXC Esponenziale algebraico. 
Espònn. Esporre, 
Esposizión. Esposizione, 

Esposizion del Sanlissem. Esposi- 
sÀone del Santìssimo Q del Feneraòile. 
Espòst. Esposto. 

Esprèss. s, m. Straordinario. Corriere 
spedito espressamente e fuor del corso 
ordinario delJe poste. 

Per espress. Per uomo a posta 
( F, Crusca in Spedizione), 
Esprèss. part. Espresso, 
Espressamént. Espressamente. A bello stu- 
dio. Appositamente^ e al superi. Espres- 
sissimamente {Vm, 820). Nel senso dei 
diz. ital. noi adoperiamo ben difficil- 
mente la voce. 
Espress ión. Espressione, ' 

Espressìv* Espressivo, 
Esprì o Sprì. Pennino. Piitmino, Orna- 
mento da capo delle donne, composto 
di gio}e disposte a foggia di piccolo 
pennacchio imitante piuma. 
Esprìmm. Esprimere. 
Espulsión (che diciamo secondo casi Ca- 
lór, Sàls, ecc.). Empeùggine. Esantè- 
ma. Efflorescenza. I diz. ital. non regi- 
strano Espulsione in tale sig., ma si be- 
ne solo nel senso astratto d^ Espellere. 
tjss. Essere. F. Vèss. 
isss. 3, f. pi. T. degli Strumenta]. . . Cosi 
chiamansi quelle fessurine che veg- 
gonsi nel coperchio d^nn violino, e 
che in esso fanno lo stesso ufficio che 
fa la rosa negli altri strumenti, di 
rendere cioè più gagliardo e spic- 
cante il suono. Chiamansi Ess dalla 
loro forma di S, a differenca di quelle 
de^ violoni ' e delle viole che sembrano 
un C — L' Encycl. le chiama Ouies, 
Èssa. Esse. La diciannovesima lettera 

del nostro alfabeto. 
Èssa. T. de^ Ciamb Cosi chia- 
masi, dalia sua forma, ch^è precisa* 
mente quella di un'*esse, una certa 
specie di pasta dolce. ^ 
Èssa. T. de'Calderot. Esse. Ogni ferro 

ripiegato a mo^di S. 
Èssa del barbozzaa. Esse del barbazzale* 

10 



Digitized by 



Google 



EST ( 

Èsser (Tn) o In bon esser. Ben tenuto 
( Pr. fior. IV, J » 59) (pari, di bianche- 
rie, ec.) Convenevole. V, in Meazandàa. 
In calÌT esser. Malandato, 

Esseyrèzza o Eseurèzza. v. a. Piacere, Age- 
volezza* Dal gr. ì^oup£<ù dice il f^ar. mil, 

Estàa. Estate. State. Està. 

Estaa de san Martin. La state di san 
Martino(T9iSso Lett. all'ab. Niccolò, de- 
gli Oddi — Pros. fior. IT, iii, 83). 
La state ili novenìbre{Dom Zuccap.i 1 8). 
I dieci giorni che sussicguono alla 
festa di san Martino, duranti i quali 
le più volte suol essere bel tempo, 
giorni che anche i Tedeschi chiamano 
Nachsommer^ e i Fr. Été de saint Denis. 
In temp d'^ estaOt N^ tempi estivi o 
^ £sts\tegh. Estàtico. {estivali, 

Ilestà estategh. Rinutnere di stucco o 
trasognato o come uomo scolpito. 

Èstem. Estimo. Censo. 

Primm estem. ... Il maggior estimato, 
cioè Chi è gravato del maggior censo 
in una terra perchè supera in beni 
stabili locali ogni altro suo terriere. 

Esténdes. Estendersi, 

Estensión. Estensione» 

£^lensór. Gazzettiere. Gazzettante. Fo- 
gliettante^ Compilator di gazzetta — 
Estensòr d^on articol. Scrittore di un 
articolo. 

Bstenuàa. Estenuato. 

Ester. Estero. Noi usiamo la voce solo in 
sig. di Allievo esterno à^un Convitto. 

Esterioritàa. Esteriorità* 

Esterna. Esternare. 

Esteriiàa. Esternato. 

Esternàss. Confidarsi. Esternare. 

Estés. Esteso, 

Èstes. s. m. Un'estasi, Nelle Poesie di 
Carlo Porta f II, 55) leggesi Ona estes, 
ma per errore di stampa. . 

Andà io estes. Andare in visibilio — 
Andare in gloria — Andare in broda 
o in broda di succiole — Non capire 
in sé stesso o nella pelle — Estasiarsi 
avventurò il Pananti nel Poet, II, xv, 
6; ma non mi pare da imitarsi. 

Sta in estes. Stare in estasi ^ cioè 
sopra pensiero(Fac. Piov. Ari. p. 16). 

Estiinàa. Estimato? V. anche Censii. 

Eslrà. Estrarre — Esportare, 

Eslratà. T. degli UiEzj. Epitomare. Far 
estratto o sommario o epilogo. 



74) ETÀ 

Estràtt. Estratto, 

Giugà o Mett d^ estratt. T. del Giuo- 
co del Lotto.. . . Giocare determinando 
la scala d^estrazione del numero che 
si spera benefiziato, il che dicesi an- 
che Mett <r estratt nominaa ; e Gio- 
care uno solo fra i 90 numeri del 
lotto che dicesi particolarmente Mett 
d* Estrati stmpi. 
Estrazi ón. Estrazione. Esportazione. 
Estrazión (del lott). F, Strazión. 
Estrazión. Condizione. Stirpe. Schiatta. 
Legnaggio* De bassa estrazión. Di bas- 
sa condizione. Ignobile. Di basso por 
raggio. Di bassa mano. Di vile schiatta. 
Eslremitàa. Estremità. 

D^ on** cstremitaa a Tollra. F". sotto. 
Estrèmm. Estremo. 

Andà ai estremm. Non aver mezzo. 
D^on estremm a Toltero D^ou* estre- 
mi taa a Poltra. Da stremo a stremo. 
i»nza mezzo. O asso o sei. El va sem- 
per ai estremm. Non ha mezzo; e 
famig. El^Ja come il grillo f o salta o 
sta fermo. 

Tutt i estremm hin cativ. Tutti 
gli estremi son viziosi. Ogni estremo 
è vizio. Il troppo e il poco guastano 
il giuoco; perfino Quando eccede can- 
giata in vizio ogni virtù si vede. 

Vess ai ultem estremm. Essere al- 
l' ora estrema o sult estremo della 
vita ; e fam. Essere a confitemini. 

Vess a V tBlvemm. Esset^ alV estre- 
mo o alle strette. Avere la stretta. 
Estremm amént. Estremamente. 
Èstro. Estro. 

Estro de matt. Ticchio, Bizzarria^ 
Capriccio, Ghiribizzo. Fantasiaccia. 

Ghe ven certi estrì. Gli tocca il 
ticchio. Ha fantasiacce tutte sue. 
Estrós. Ghiribizzoso, Ticchioso. Capric- 
cioso. Bizzarro. Fantastico, 
Esùss. y» Jesus. 

Esuss, esuss, magara ghen fiiss, o 
Esus esuss, insci gh^en fuss; Esuss 
per i so pover mort, ecc. F. in Ma- 
gara, Mòrt, ecc. 
Esùss. Croce santa. Tavola santa* Quella 
su cui.i bambini imparano a leggere. 
Etàa. Età. Etade. Etate ^ Evo. 

Etaa de bagaj. Infanzia. FamtUità 
e Puerizia. Spazio dalla nascita (ino ai ' 
setto anni compiuti. 



Digitized by 



Googk 



ETI '( 

Etaa de fìcea. Fanciullezza, Impu- 
herià. ,Età /anciullesca. Quella (]ai 
sette ai quii^dici aani. 

Etaa de giovenelt. Pubertà. Età che 
ne"^ masdil é fissata agli anni qiiaKtor- 
dici 9 e Delle femmine ai dodici. 

Gioventù, adolescenza» Età dai quat- 
tordici ai venticinque anni: dicesì an- 
che Fiore iTeià, Eia i^erde o fiorila o 
nomila* Aprile deWetà, Buono delVetà, 

Etaa d'omm o roadura. Virilità* Veik 
fra la gioventù e la vecchiezza » die 
diccsi anche Età di mezzo. Mezza età. 
JEtà consistente o matura^ Età della 
consistenza, 

Veggetaa. Vecchiezza, Vecchia j a. 
Canizie, Età grande. Età tra La viri- 
lità e la decrepitezza. 

Ultema veggetaa. Decrepitezza. De- 
crepità, TrauecclUezzA, Età cadente » 
Tecchiezza estrema e cagionevole'^ e 
scherz. Età barbogia. 

Etaa magior. Età maggiore, Qi^^Ia 
dopo gli anni ventiquattro compiuti , 
giusta la nostra legislazione. 

Minor etaa. Età minore» Quella al 
di sotto dei ventiquattro anni. 

De mezza etaa. V. Mezzetàa. 

Yess in su Tetaa. Essere in là od 
olire con gli anni. Essere attempato^ 
ed anche assol. Esser oltre. 
£tasgèr. . « . Specie di reggilibri mobile 
fatto a scafiTaletto quadnalto, aperto 
per ogni lato e con coperchio ad uso 
di scriltojo. Ha due, tre, e fin quat- 
tro plutei {pian 9 étages) e serve an- 
che come reggivivande. Dal fk\ Étagère* 
Etcèlera. Eccetera. Etcètera, 
Ktegh. Etico, V. Tòcch. 
'Eièrnei* Etemo. Etemale, Noi però usiamo 
questa voce sen^>re nei sig. traslati di 
Durevolissimo 9 Prolisso 9 Infinito f ecc. 

Chi fabrica d^ inverna fabrica^in 
eterna. F. in Fabricà. 

Omm eterna. Ora eterna. Strada 
etema, ec. V. in Òmm, Óra, Strada, sec. 
Eternamént. Eternamente* 
Eternitàa. Eternità. 

Andà a Feternitaa o Voregh on'^eter- 
nitaa. Jndare alle calende greche* 

Che eternitaa d^on omm \ V, in Òmm. 
* ètìch. V, Tòcch. 

«Btichétta. Eiidietta. Sta ^u T etichetta. 
Slare sta convenevoli o sui cerimoniali» 



75 ) EX 

Etichétta. Etichetta. Strisciuola di cart.! 
che s"^ appicca in sui sacchi contenenti 
danari, nella quale è scritto irpeso, 
il numero e la specie loro. I Piemon- 
tesi la dicono Oos/eta. Dal fr. ÉtiqueOe. 

Etisìa. Etica. Tisi. 

Ètt. Ette{li\h. enc. in Canne). Il segno 
ic che rappresenta Teccelera. 

Ètt, Comm e Uòmni. VEUe^ il Can- 
ile e il Bonne^ cioè &, ^, i^. 

Ètt. Ette in senso d^un Bfinimo che. 
Un ette 9 Un jota 9 Un apice, Un /rullo. 
Gh^ è calaa oa ett Fu a un pelo. 
Mancò poco. 

Importann on ett. Non importare o 

Tfon caler altrui un ette di checchessia. 

No se pò digh on ett. E* non se gli 

può appiccare uncino addosso{}lonos. 

pag. 18). £ senza difetto.' 

No sfalzà on eU de quell che se gh'è 
d.hÌ,Nonitscire un punto di commissione 
(Targ. riag. II, 90). Non uscire imjota 
di commissione. Non preterire un jota. 
No vari on ett. Non essere da cosa 
alcuna. 

E vàd . fedire. Espedire. Sbrigare. Definire. 

Evangéli. Evangélio. Vangèlo. 

Evangelista, in gergo. . « . . Grascino^ 
chi bada ai veisiditorì delle grasce 
perchè non usino frode. 1 

Evasión. Esito, Definizione. Espedizioue. 
Dà evasion. Espedire. 

Evasi V. Sbrigativo. Dà ona risposta eva- 
siva.' Spedir per le generali. 

Evasiva in forza di susL f. equivale a 
Risposta evasiva. V. sopra. 

Évi. Voce coni, per Aveva. {}ese, 

Evidént. Evidente. Chiaro. Manifesto. Pa- 

Eviva. s.m. Viva. I eviva gVhin per tucc 
// viva è per tutti. A chi no dis eviva 
ghe poda aaltà la piva. V. in Piva. 

Eviva! ì Allo sternutare altrui era 

Evivàzsa! ) usanza ed è ancora fra 
molti di noi il dire Eviva; e in itaL 
Dio v'ajutij Dio vi salvi. Ciò al primo, 
non ai susseguenti starnuti ^ oggidì 
è uso dimesso nel bel mondo. 

Evoluzión. T* mil. Esenùzj. 

Eiurisma. Aneurisma, 

Eur (ditt, (Bur). A eur a eur. V. in Voeùr. 

Ex. Gli exiffku. Poet. U, ati, ai , aa, a5). 
In qua addietro. Per l' addietro. Di 
qua dietro. Ex-minister. In qua addic 
tro ministro* 



Digitizedby 



Googk 



r a. T. Mu5. Elafà. 
Fa. Fare* 

Ave a che fa con vun. Aver a fare 
con uno , cioè Avere interessi con luì 
— Talora Aver che fare con uno. Es- 
ser attinente o. parente d* alcuno e slm. 

Ave a che fa coni el bon. Non avere 
a mangiare il cavolo coi ciechi. 

Ave a che fa in don sit , in don co- 
mun. Aver a yane(Ceccbi Dote HI, a). 
L' ha che fa li attacch. ^' ha a far 
vicino(ìyÌ), Essere possidente in alcun 
luogo. 

Ave beli pari a fa che già se fa 
nagott. Far come il porco , menare 
menare e non approdar nulla. Ponza 
ponza e semino in sabbia. Tresca 
tresca j e zappo in rena, Ticche tac- 
che e fondi in rena, 

Avegh el so beli de (a. Aver che 
ugnere. Aver da grattare. 

Avcgh minga a che Hi. Non averci 
a fare. Non ci entrare. Non ci aver 
interesse. 

Ave trovaa el so de fò senza andà 
al pont. f^. in Pónt. 

Avegh tuli' oller de fìi. Aver altro 
die fare. Aver P animo ad altro. 

Che fèti che foj. Che fai che faccio. 
Chicchi bichiacchi. Ciucchi bichicchi. 
Chiacchi biclUacchi. Ciccheri ci'accheri. 

Ch'el faga lu. Faccia lei. 

Chi gh** ha de fa ghe pensa. Chi ci 
ha a pensar ci pensi{K^z. Bai, I, i). 

Chi gVha de fa ghe pensai mi già 
soni nassuu. Ognun farà , eh* io son 
ncao(ÌJOT. Mcd. Canz. i.*). 

Chi le fa le spella. Citi la fa V aspetta, 
A chi te la fa^ fagliela. Qual ballata 
tal sonata. Botta , risposta. Render pan 
per focaccia , colpo per colpo ^ frasche 
per foglie. Convien aspettare da altri 
(fuello che si fa ad altri — Clii la fa 
se la dimentica^ ma chi la riceve se la 
lega a un dito o se la tiene a mente. 

Chi no sa fa no sa comanda. C/U 
non sa fare non può saper comandare 
(Gior. agr. VI, 5i). 

Chi sa £k sa desfa. Chi fa il carro 
lo sa disfare. (faccenda. 

Dà de ia. Dar faccenda. Mettete in 



De fa. Inter jes* A guai fine f A qual 
prò ? Per es. Coss^ emm de mangiali 
de fa? Perchè mangiarlo? Cosse man- 
gel de fa , Cosse vegnet chi de fa ecc. 
solo interrogativo. A che ne vieni? 

Del di al f^ gh''è ì so difficoltaa. 
Dal detto al fatto v* è un gran tratto. 

E fa e fa e poeu Tha ciappaa na- 
gott. Durò fatica per impoverire, 

El Signor el lassa fa ma minga strafa. 
f^. in Signor. 

Fa ai sassad, ai pogn e sim. Fare 
ai sassi, ai pugni ^ ecc. 

Fa a meni, f^.' in Mént. 

Fa areni. Rammassare. Cumulare. 

Fa beli (a cui si aggiungono i verbi 

Di , Vess , ecc.) Espressione 

usatissima fra noi con cui si vuol 
indicare comodità in altri di fare*^o 
dire checchessia che per lo più si 
sottintende non esser dato a noi d'*imi- 
tare. Per esempio uno mi dirà : Voi , 

me son faa ona marsina a ed 

io gli risponderò : Fa beli di ti a yess 
8cior,t'en podet fa vunna tuli i dì. 
Sai tu che io mi son fatto un abito? . , . 
Tu il puoi fare a sicurtà perchè sei 
ricco; o vero Ma , , , , bella cosa è 
l'esser ricco; tu te ne puoi fare uno 
ogni giorno — In luogo di Fa beli' ess 
dicesi anche assai volte L'è on beli 
bott a vess. V. anche in BèlL 

Fa cald , frecc » ecv. Fare o Esser 
caldo j freddo, ecc. 

Fa condemen. Far di manco o meno 
o senza. 

Fa dent Per es. Coss^cmm 

de fagh dent? . . .• . A quale prezzo 
il mettiam noi? Qual mercato me ne 
fai ? Che n^ abbiamo noi a mercatare ? 

Fa di locc. K in Lòggia. 

Fa e desfa Te tuli lavora, r. in 
Lavora. 

Fa el salamelecch. K Salamelècch. 

Fa el vin. K in Vln. 
^ Fa fa vun a nosl mteud. Far filare 
uno. Trarre il filo della camicia da 
uno. 

Fàrfoeura. Cavare. Far di checcìies- 
ifia alcuna cosa. Per cs. De sto tabarr 
se pò* fa-foeura on sorto e on para 



Digitized by 



Googk 



FA {-n 

de colzoQ* Di questo tabarro e* se ne 
caperà un soprabito e un pajo di cai- 
zoni^ o vero In que^o tabarro v* è il 
taglio d' un soprabito , ecc. 

Fà-foeura. Offerire prezzo. Esibire 
danaro. Per esempio: De la gaietta de 
quesl^ann m'ubali già faa'foeura tre 
lira e mezza a la lira. Già mi hanno 
esibite lire tre e mezzo la libbra pei 
bozzoli delV annata, Gli^ hoo faa-fceura 
vini lira d'oa sacch de formenton. 
D* un sacco di granoturco gli ha prof- 
Jerio venti lire. 

Fà-fceura i soldi. Snocciolare, Sla^ 
zerare i quattrini. Pagare. 

Fà-fceura dicono i contadini per Fà- 
giò (sgusciare), K 

Fà-foeura i castego. Sdiriccidre le 
castagne tm i nos. Smallare le noci. 

Fagh sora o Fagh-sù on plaus. Farvi 
su un comento(CAro Jpol. p. 169). 

Fagh stà-sù. V. in $là. 

Fà-giò che i contadini dicono Fà- 
foeiira. Sgusciare (\n genere). Fà-giò 
i erbion» i basgiann, i fasceu. Sbacel- 
lare piselli 9 /ave , /agiuoli. 

Fà-giò i ragner. Bipulire dai ra- 
gnateli. Levare le tele di ragno. 

Fà-giò i verz. Sfogliare i cavoli. 

Fa giò la polver. Spolverare. 

Fà-giò reff, fìl, ecc. Dipanare. Fig. 
Stà-li a fa giò reff. Star pulcelloni. 
y. in Rèff. 

Fa i forz. y. in Fòrza. 

Fa in seda o Fa afari in seda ; Fa 
in tuli i gener. Intendere in seta; 
Intendere in tutto sorte di cose(Vr, 
fior. IV, in, 44)* 

Fa i robb ìnsci va là cbe vegn o 
come Dio -voeur o come se sia o cont 
ci cuu. Far le cose alla babbalà o a 
stampa o a habboccio. Abborracciare, 
jécciarpare. Acciabattare. Arrocchiare. 
Fare le cose senza diligenza, ope- 
rare a caso, inconsideratamente. 

Fa la lunna (che i Brianz. dicono 
Renovà la lunna). Far la Urna. 

Falla-foeura. Cliiarire una partita 

fra due (Varchi Stor. X). Vorè falla^ 

foeura. yoler vederne quanto la gola , 

quanto la canna , quanto s* avrà Jiar- 

to, ecc. 

Falla-foeura. Azzuffarsi, yenire alle 
mani; e talvolta anche sempliceifie&te 



) FA 

lenire ai Jerri, cioè alla conclusione 
di checchessia. 
' Falla vede in candirà, r, in Candirà. 

Fa nagòtta. Questo non fa. Questo 
non conta. A mi el me fa nagotta. 
Questo a me non fa farina. 

Fann de sott e doss. K. ir Dòss. 

Fann e no fann Tè on tant Tann. ^ 
y. in Ann. 

Fann vunna di sò. Fare delle sue. 

Fa ona robba come nient. Fare 
checchessia come a bere itn bicchier 
d* aequa. Non vi mettere né sai né olio 
a fare checchessia. Fare una cosa con 
tutta facilità. VExtendit ccelum sicut 
nihilum scrittinrale. 

Fa pussee che Carlo in Franza. 
y. in Carlo. 

Fa seda e Fà-giò seda, y, in Seda. 

Fà*sott. Azzuffarsi. Appiccarsi con 
uno. 

Fà-sott a pugn , a sassad, ecc. Fare 
ai pugni 9 ai sassi ^ ecc. 

Fass. Formarsi. Fass on omro. . . . 
Se f aire dicono anche i Francesi. 

Fassela. Scantonarsela, y. Tonda. 

Fassela ben , maa, ecc. Farla bene^ 
male^ ecc. Passarsela bene^ nude^ ecc. 

Fass inanz. y, in Inànz. 

Fass-sù in d*on gropp o in d'on 
remissell. y. in Grópp e Remissèll. 

Fà-sù. Avvolgere. 

Fà-sù. Bammassare, Per es. Fà-sù 
el fen. y, in Fén. 

Fà-sù a busserei!. Jggirare. Ab^ 
bindolare. Ingannare. Truffare. Ciur- 
mare, Gabbare, Infinocdiiare. Troppo^ 
lare. Tagliare. Accalappiare. Incalap- 
piare, Ingalappiare. Acchiappare. Car- . 
' rucolare. Abbacinare. Inzampognare. 
Frappare. Giuntare. Giungere o Mellere 
al gabbione, Aggiùndolare. Infrascare. 
Fare uno cordovano. Fare altrui la 
barba di stoppa. Ficcare il chiodo ad 
uno. Corrergli il cappello o la berretta. 
Menar pel naso» La nostra frase mira 
a quella specie d** inganno che noi 
facciamo per es. a un ciriegio anne- 
standovi (a busserell) sur un ramo 
un anelletto o un bucciuolo di ama- 
rasco, e tramutandolo, se senziente 
81 ma insciente , in una pianla di due 
nature. 

Fà-sù bolgett. Jpptdlottolar la neve* 



Digitized by 



Googk 



FA ( 78 

Fa-nÀ el pever* e moiUì. Rywùlgere 
il pepe(f^ed'ì Lett. — Alb. enc. in Dro- 
ghiere) o simili. Incartocciare, 

Fii-sù in di prezzi. Timr gii occhi 
adiino{Fng,Jìime III, So). Fare il collo, 

Fà-sù la nev. Spalar la neve. Net- 
tare, tor via la Deve con pala {F- 
TAlb. enc. in Paia). 

Fà-sù vun. MeUer di soUo iimKGior. 
agr. tose. I, 497)* Tirar ««(Lasca 3i4)- 
Fare stare forte a checchessia^ 

Fà-via. Levare, JUpulire da. Per es. 
Fà-via la polver. SpoUfcrare. Fii-via 
la fanga. Bipulir dal fango. 

CfVè dent anca chi Tha faa. F. in 
Dént pag. 17 colonna 1/ verso tifine. 

Gb^ é el so de fa de per tutt. K&è 
che far per ognunoQionos. 4*6). 

Guarda a £stt niaa« V. in Màa. 

Insci come se (k. J quel modo che 
uom fa. Così come uom suole fare. 

In tutt i cà gh^é el so da fa o vero 
De per tutt gh*é el so de fò. Per 
itiiio è che fare Bobi{ì}onì Zucca p. 1 03). 
Per tulio è che ugnere. I Francesi di- 
cono Par tottt pays il y a une lieue 
de mauvais chemin : e vale che in 
ogni cosa e in ogni luogo v^è la sua 
parte di spine. 

La Hbertaa de fì^ e de desfSi no 
gV è dance che le possa paga. V. in 
Liberlàa. 

L^ha faa tant ch^el Tha vcngiuda. 
Fece tanto che V ottenne. 

Né fò né firà. Non servire he a Dio 
né al diavolo. Non accontentare né 
una parte né T altra; nimicarsi ambe 
"^ le parti (Machia V. O/i. IX, 4'7)' — 
Talora Ifon fare né un aspo né un 
arcolajo , cioè ^on fare cosa alcuna* 
volendo farne più a un tratto — Ta- 
lora Non poter andare né pian né 
ratto • Starsi lemme lemme. Non poter 
agire, doversi stare ozioso* 

No ^avé cosse fagh. Non sapere die 
fard. Non sapere chefarcisi. 

Per fa che. Jcdoccìié. Jcciò» A fare 
che. Ohe Tho daa per fa ch^ el bevess. 
Glielo diedi acciò che bevesse. 

Quand foo quell cho posa, coss^faoo 
de fò de pù? Nessuno é tenuto all' im- 
possibile. Anche i Fr. dicono Quand 
onfait ce qv^on peut on n^est pas obli- 
gè à danfantage{l\oux Dici.)» 



) FA 

Quand hin faa hin (aa^ Pé inutel. 
Le cose fatte si convengano lodare 
(Sriviati Granthio I« 1). 

Quand se pò minga fa come se 
voeur besogna fa come se pò. Chi non 
può far come ei vuole faccia come ci 
pfò(Monos. pag. 334)- 

Quell eh' è iaa^ faa. QaeUo eh' è 
faito non toma addietro(^oec. Filoc.). 

Quell eh' emm de fa (emmd ai nost 
di. Jl dente va cavato quando duole 
(♦tose. — poem. d'ant. pis.). A doman 
non differire ciò che in oggi puoi 
compire. Di doman nessun si paschi. 
Di doman non c'è cerfez%a. Colui fa 
molto che non lascia da far niente 
per l* indomani. F, anche in Di. 

Se la ven fada. Se occorre, A un 
bel bisogno. Per avventura. Forse. 

S' ci fa tant de . . . . S' ei giugne 
a tanto. Per es. Se te fet tant de bcvt 
te see guarii. Fa di bere e sei sano. 
Ove tu beva guarisci. 

Sul fa del di. F. in DL 

Vegnl fada. Riuscire. Fenir fatto. 
Se la me yen fada de trovali sont a 
cà. Se giungo a trovarlo 9 io sono a 
cavallo. S^ io lo trovo ella é fatta, 

Vessegh de (a e de di. Foìerci del 
buono. Esserci che ugnere, 

Vess faa insci. Essere cod faito; 
e fam. Essere di tale cornatura o di 
quella cottoja, 

Vess lu che fa e desfa come ci 
voeur. Esser quegli che fa le minestre 
o che la fa bollire e mal cuocere. 

Voré fa, di e bordegé. Assai parole 
e pocìte lance rotte. Frasi che diconsi 
quando taluno vuol mostrare di far 
gran cose e non ne conchìude verona. 
Il Fagittoli disse pressoché in egual 
senso: 

« Volean fare , Yokan dire , Ssatonare , 
Far marìr*. » 

Fa. Affarsi. Convenire. Confarsi. 

El me se fa minga. Non mi si fa. 

Fa a vun. Ftu* per uno — El me 
fa. Fa per me. Mi si fa. 
Fa. Fare per Cacare. Per es. L*ha faa 
tanti vermen. Fece tanti bachi. 

Chi le fa le mangia, fig. Clà imbr/d- 
ta spazzi. E vale chi ha fatto il male 
faccia la penitenza. 

Falla in di colfon. F» in Colxón. 



Digitized by 



Googk 



FA ( 

Fassela adoss o sott. Sconcacarsi, V. 

Adòss e SòU. 

Fa per Eleggere. Deputare^ If aminare, 

P. es. Femm i deputaa. Eleggiamo i 

deputati. 

Fa per JmpoMare. Calere. Fare al Jatto, 

Cosse me fa a mi ? Che mi fa a me? 
(Buon. Tane. f. niy Questo a me non 
JafarinA. 

Fa nagott. Non fa caso. 
Fa per Indurre^ Metiere^ ecc. Per es. 
Noi me fa né frecc né cold. f^.in Frègg. 
Fa per Lai^orare. Faticare. 

Ayegh de Hi fin desaoravìa del eoo. 
y. in Cóo, 

Con pà s'^è, e mancli se fa ... . 
Troppi, intoppi; più genti più stenti^ 
la moltitudine genera confusione ; 
nelle faccende non i molti ma i po- 
chi e valenti sanno hen approdare. 
Fa per Partorire. L^ha iaa ona tosa. 
Partorì una àambina. 

I«a gh'ha pussee de fì che de di. . . 
Diccsi in ischerzo per accennare co- 
pertamente un^ incinta innoltrata. 

Chi je fa je lecca, y. in Lecca. 
Fa. assolut. pari, di bestie. Sgravarsi» 

Ave de fìi. Esser pregna. La cavra 9 
la bezzinna, la vacca gh^han pocdi 
a fa. £a capra, la pecora 9 la vacca 
san per partorire. 
Fa (in gergo per rubare). Córre P. es. 
Fa el iazzolelt 9 Fa V orelogg, ecc. 
Corre il fazzoletto. Córre Voriuolo, 
cioè, rubarli ad alcuno. 
Fa per Tagliare. Per es. Fa i bosdì. 
Fa legna 9 Fa i vit. Fa la barba, ecc. 
Tagliare i boschi 9 Far legne. Potar 
le viti. Radere 9 ecc. 

Fa i sas0 Cavar le pietre che 

nelle campagne usiamo in luogo di 
mattoni per murare, e prepararle am- 
montate a tal uopo-, coUigere lapides 
suos in hjreme come dice T Ecclesia- 
stico cap. ai 9 vera. 9. 

Fa i vid Comprende in ge- 
nere fra noi ogni lavoro che si fac- 
cia Bicorno alla vite oltre il pedale 
per metterla a frutto. Quindi nel Fa 
i vid entrano il potare, il dibrusca- 
re, il tendere, il legare, il palare, ecc. 
1 Fr. dicono Accoler la vigne. Nel colle 
distinguono le operaz. in Tajà-foeura, 
¥hy e Tend. Potare, Legare^c Tendere. 



79) FA 

Fa unito colla preposizione de. Fare il. 
Fare le veci di. Sostener persona di. 
— Simulare il. Per es. Fa ti de coman- 
dant. Sostien persona tu di capitano 
(Tasso Ger. XI, 56). Fa de no sa veli. 
Simular é^ ignorarlo. 

Fa de Arlechin o simili. Fare il 
zanni, ecc. (in Pr. fior. IV, i, iti^)* 

Fa de locch o de mincion. Farlo 
gnorri o il nescio* K in Lócch. 

Fa de tenor, ecc. Fare il tenore, ecc. 

Fa el speziee, el sart, ecc. Fare 
lo speziale o il sarto o Essere speziale, 
sarto, ecc. — Fa el ciall.Far lo gnorri. 
Fa per Creare. Fare. El Signor V ha faa 
el mond. Dio fece il mondo -— per 
Comporre, Scrivere. L^ha faa on beli 
liber. Fece o Scrisse un bel libro. 
Fa o Falla. Accoccarla. Calarla, Caricarla. 
Barbarla a uno. Cingergliela, Tirar- 
gliela già. 

Faghen vunna. Dargnene una. 

Fàghela o Falla a vun. Lo stesso 
che Friccàghela. f. 

Fa a fassela. Fare a barbarsela^ Ga- 
reggiare nelPaccoccai'sela Tun Paltro. 
Fa. T. di Giuoco. Far le carte. Mesco- 
larle per poi darle. 

Coss^emm de fogh dent? Quanto 
ne va? A quanti la mandiamo noi; e 
fig. ... Che ne vogliamo cava ro? Che 
n^ ha a uscire? Che jue abbiamo a fare? 

Fa la biglia, Fa i omitt, el re, Tass, 
la dama .... Vincer la biglia o i 
birilli o il xe o Tasso o la donna, cioè 
mandarli perduti per Tavversario. 

No gVè de faghen o de fa. Non 
c'è che dire. V. in Redenziòn. 
F^ si usa in mille altri modi, come Fa a 
roezz. Fa el prezios, ¥k insemma. Fa 
Parzipret, Fa on oeuv fceura de la ca- 
vagna. Fa la pigotta. Fa us'^cioeu, ecc. 
Veggansi per questi i sustantivi, gli 
aggettivi o le altre parti del discorso 
colle quali è accoppiato in essi modL 
Fa ( usato a modo di sustanttvo). Fare. 

Avegh on fa de coliegial. Aver viso 
di collegiale — de andegbee. Essere 
tagliato ali* anticaccia. ' 

Brutt fa. Brutto o Malfare. 

£1 gh^ha on fk che me pias nagqtt 
afiacc. ffa gesti, atti, azioni che non 
mi garbano , che rton mi quadrano 
punto punto. 



Digitized by 



Google 



FA ( 

In su d'^on fa o la su ob ^rto Hi. 

Per un certo i^erso- In certo modo, 

la sol fa. Sali* andare. In su l'an- 

, dare di , • In sul medesimo andare 

come. Per es. L'ubali tirada^sù in sul 

fa de] Domili* ,L Jumno fabbricata in 

sul l* andare del Duomo. 

On beli là. Un bel garbo. Bella gra^ 
zia. Bella maniera -^ Compostezza. 
Componimento. Jggiustate^iza, 

Sul fa de vun. Della tacca o Della 
taglia d* uno -* Del carattere o Del 
costume d'uno -^Sull'aria o Solfare 
o Sulla figuìn o Sulla vista d* uno. 
Fa in modo avverbiale; Per esempio 

Oa ann fa. Or è V anno. Da uno 
. 'anno indietro{M.^ch. Cliz, Y» 3); ed an- 
che assol. Anno, 

On pezz fa. Un p^zwfa. Già tempo» 
Tempo fa, 
Fàa. Fatto. 

^n {9». Ben fatto. Ben conformato, 

Faa a man. Fatiizio. Facitizio, 

Faa-giò come se sia. Fatto colle 
. gomita. Fatto alla peggio, 

Faa e fenii. Perfetto. Pieno, Ve on 
letlcralo faa e finii. È un letterato 
della prima tacca, V è on asen faa e 
fenii. È un bue della terza cotta. Ve 
ou tal faa e fenii. È lui pretto spu^ 
tato, È lui né lei*a né poni. 

Tanto faa. Tanto fatto ^ Tanto gran- 
de; e ant. e cont. Tamanto^ e coli' al- 
largar delle mani e dello braccia de- 
notiamo la grandezza. 
Fàa. Fatto. Maturo. Compiuto. P. es. Omm 
faa » Donna fuda. Uom fatto , Donna 
fatta ^ cioè più che adulto 9 virile. 

Minga faa nanniò pari, di s^ino è lo 
stesso che Azèrb. V, 
¥'òsi {che ancìie per maggior foì^za d' e- 
spressiohe dicesi Faa come un melon). 
Cotto. Colto spolpato. Cotto fradicio. 
Cotto come tuia monna o come un 
gambero o come un Sileno, Vale, ub- 
briaco al maggior segno. Il volgo fio- 
rentino dice ancbe in questo caso : IS 
vinai ; gli è colto ogni cosa 9 e si poi 
entrare a tavola, y, in Ciócch. 

Mezz-fìia. Mezzo ciuscliero(rros. fior. 

Ili 9 II, 59). Alticcio. Mezzo cotto, f^. 

anche Alégber. 

Fa-bisògn. . . . Gonio speciGcato delle 

spese occorribili per una dala opera. 



80 ) FAB 

Fà-bpn (t. cont. dell' A. Mìl. in forma di 
sust.). Condimento. P. es. Démm tanto 
fa-bon. Datemi di mollo condimento. 
01 fa-bon ol costa. Il condire costa. 
Fabriàn. Culiseo. Tafanario. F. in Cùu. 
Vk de gadan a vorè ctappà i mescli 
col fabrian. V, in Gadan. • 
Fàbriea. Fabbrica, 

Fa ona fabrica. Innalzare o Ergere 
o Erigere una fabbrica. 

Mettes in fabrica. . . • Prendere a 
edificare; darsi o entrare a fabbricare. 

yess in fabrica Star edificando. 

Fabrica. Officina, Fabbrica. Luogo dove 

si lavora checchessia. (brica. 

Andà in fabrica. Andare alla f ab- 

Cappfabrica. Capo della fabbrica. 

Fabrica de binde] , de candii , de 

cape] , de gucc 9 de indiann 9 de v«j , 

ecc Fabbrica di nastri, di 

candele, di cappelli, di aghi, d"* in- 
diane, di veli 9 ecc, 

Fabrica del veder. Vetrerìa, 
Fabrica de savon. Saponeria. 
Fabrica de zila. Cereria. 
Fabrica. Fabbricare. Murare. Edificare. 
Fabrica anmò o Torna a fabrica. 
Bifabbricare. Biedificare, 
* Chi fabrica d"* inverna fabrica in 
eterna. Chi mura di verno mura in 
etemo o mura di ferro. Dettato che 
sembra in contraddizione col pensare 
e colPagire dei più , ma che in realtà 
è verissimo, perchè la calce più spesso 
bagnata dalle piogge fa miglior presa 
e rende più durabili le muraglie. II 
Segneri(Quares. pred. XIII, 4) dice 
che Gli edijicij fabbricali di verno non 
sono durevoli , e trae al suo proposito 
poco felicemente un testo scritturale ^ 
ma egli non fece in ciò che seguire 
r opinion volgare. 
Fabricàa. s. m. Fabbricato, (raio, 

B'abricàa. part. Fabbricato» Edificato* Ma- 
Fabricatór. Fabbricatore' Fabbricante; e 

poet. Fabbriciere, Fabbriciero. 
Fabricazión. Fabbricazione. Fahbrica- 
mento, Spes de fabricazión. Spese ili 
fabbricazione, 
Fabricér. C^e/Yi/o(Vas. 954). Fabbricieri 
(Alb. enc). Deputato airopera( fabbri- 
ca) d^una chiesa e ad amministrarne 
le rendile. 
Fabrichètttt. Fabbrichetta, Fabbricuccin. 



Digitized by 



Googk 



FAG "^ (8i 

Fabricóo € Fabricònoa. Fabbrieome, 
Kiicc. s. m. sing. e pi. Fatto. Voo a f2i 
on face. Ko ;rer un mio fattt^ Incoeu 
ho faa tanti face Molti fatti ho ese* 
guiio in qaestoggi — f^ anche Fàtt i^o- 
ce pia comune tra le persone civili, 

El temp el fa i face* A^. in Témp. 

Fa i face de cà. Far la masserizia 
della casa. Far le faccende domesti- 
che 9 come spaxzare^ rifare i letti, ecc. 

La matinna Té la mader di face. 
F'. in Matinna. 
Faccétta e Faccettinna. PiseUino, Mostac- 
cino, Mostacciuzzo. F, Faccip. 
Faccellà. Affaccettare* Faccettare{l9in^, 
Faccettàa. Affaccetiaio, A faccette. 
Fàccia {che noi spesso diciatno el Musón 
o el Muso o el Mostàcc, e i Brianz. 
el Volt). Faccia, Fiso. Folto; e scherz. 
Muso. Mostaccio. Ceffo, Grifo, Grugno, 

Faccia brusca. Mal viso. Fiso torto. 
Fiso brusco. Fiso delP arme. Fiso 
arcigno. Mal volto. Fiso bieco. 

Faccia chedis nagotta. Fiso statuìno. 

Faccia che terriss. Faccia di terrore 
(Pan. Poet, II, xiv, i5). 

Faccia contra i tentazion del demo- 
ni* f^iso contraffatto o di marmotta o 
orrendo. Bruttò ceffo. IP è pceu minga 
ona faccia contra i tentazion del demo- 
ni. Po' poi non ha il viso vòlto di dietro. 

Faccia crespa. Mostaccio rinfrignatOf 
infrigno 9 rugoso 9 cresposo, grinzoso. 

Faccia crespa come el cuu d^ona 
veggia. Faccia pili grinza che épiella di 
una testuggine(Cec€hk la Stiava III, 1). 
Fiso a salterò. 

Faccia d^ arpia. Fiso d*arjHa(Coìteì' 
lino se. 7.*). Fiso di stecco. 

Faccia dc-baloss. Ceffo di tristo(À3- 
«ctta II, 9). 

Faccia de hasitt. Fiso'^ghiotto o gnt' 
zioso o venusto o dolce o* rubacuori. 

Faccia de honasc. Fiso benigno o 
tutto bontà. 

Faccia de brugna. Fiso di morìa 
(Berni Catr, 3). F. anche in Bràgna. 

Faccia de cacca o de merda. Fiso di 
culo. Un viso rubicondo che pardi rame. 

Faccia de Caijn. Faccia stizzosa o 
arrovellatissima', — Fiso tirannesco. 
Faccia di terrore. 

Faccia de can e Faccia de can bar- 
bin o de can bolognin. ÌM viso rin- 

Fot. II. 



) FAC 

cognato di fagiuolo. - Fa face de can* 
F. in Càn. 

Faccia de capritzi. Fiso geniale ^ che 
va a genio, die dA nel genio. Fiso avve- 
nente o simpatico. Fisettino galante. 

Faccia de cuu de can de caccia. 
Fiso di conno infermo. Fiso di culo. 

Faccia de forca. Faccia di boja 
(Corapar. Pel, II, 9). Fiso d* impiccato. 

Faccia de frigna. Fiso rinfrigno. 

Faccia de luna pienna. l/n viso che 
pare in quintadecima la luna{V. Alb. 
enc. in Scofacciato), Un visage de pUìne 
lune dicono anche ì Francesi. 

Faccia de roacacco. Fiso di babbuino. 
Fiso scimiesco. 

Faccia de Madonin. F. in Faccioeù. 

Faccia de muson de porscell. Muso 
di /jfcWo ( Pan. PoeL li, xiVt i4)* 
Grugnin da porci. 

Faccia de paradis. Fiso die impa- 
radisa. Fiso celeste. 

Faccia de pignatta tencia o de pa- 
della. Bel grugno, .Bel grugnino. Bella 
Jaccettina (ironie). Un nero ceffo. Un 
ceffautlo. Un ceffautte. 

Faccia de porch. Fiso amaro{Coì- 
tellino se. 3.*). Grugno da porco. 

Faccia de primavera. Fìsuccio tutto 
sangue e latte, Musin di minio, e volg. 
tose. Faccia di Pasqua d'uovo. 

Faccia de scapusc o de strion o 
de stria. Fiso furbo o furbacchiotto 
o maliardo. 

Faccia de tirasgiaff. P^so di goffo 
(Alleg. pag. a48). Fiso di fagiolo (ìd, 
pag. 254)* Fiso di marmotta. 

Faccia de tolla o fodrada de toUa. 
Fiso da pallottola. Fronte invetriata 
o incallita o di meretrice. Faccia to^ 
sta. Fiso tosto - F, anche in Facciànna. 

Faccia de tutt i dì. . . . Espressione 
che suol usarsi per ischerzo ed anche 
talvolta per dimostrare amore, piace- 
re che si risenta alla vista d^ alcuno, 
ed allora è quasi come dire Viso che 
io bramo riveder pure ogni dì. 

Faccia d' imbriagh. Fiso bitorzoluto 
come sogliouo averlo i briaconi; quoUo 
che i Fr. dicono Fisage boai07mé{Koux 
Dici.). 

Faccia d' imbriagh ( in di pittar). 
Faccia focosa(VsL$, 287), cioè rossa per 
troppo sangue mostro correre al vÌ90« 



Digitized by 



Googk 



FAC ( 8a 

Faccia d'^ìncAtìtsusì, Faccia di stupido 
(Pan. Poet I, xxxvii, 16). f^iso sta- 
tuirlo -— f^iso amifUratiifO. 

Faccia d^inconter. Faccia che dà 
nel genio. Viso geniale • 

Faccia d'^ora. ^. in Facciceù. 

Faccia d'^ospe^aa. Un viso rubicón- 
do die par di rame^ Fiso di morìa. 

Faccia franca. Buona Jaccia{CviTO 
4poL 317). Buon viso — Con faccia 
franca* Con forte o fermo viso — Fa 
faccia franca. Fermare il viso - Faccia 
franca 9 bosia pronta e gamba lesta. 
y. Gamba. 

Faccia gottica. Viso di goffo(^l^eg» 
p. 9q8). Viso artagottico»? 

F-accia lavorada a bolin. K in Bolìn. 

Faccia longa. fig. f^. Faccia muffa. 

Faccia malcotta o mabnostosa o de 
pancott. . . , . Viso di malcontento. 
Il Fisage chagrin àe^ Francesi. 

Faccia moscatella. Fiso ghiotto. Fiso 
galante o gentilesco, F. in Faccioeù. 

Faccia muffa o camuffa o longa. 
Fiso avvilito o depresso. 

Faccia negra, f^^q torvo. 

Faccia noeuva. Fiso nuovo{PBn, Poet. 
I, XUI9 i5) o Fiso non più insto. La 
m^è ona faccia noeuva. Mi riesce nuovo 
^uel viso. 

Faccia proibida. Fiso da Fariseo. 
Fiso di Longino o di cagnazzo. Ceffo 
truce o da impiccato, CeffauUo. Faccia 
da scomunicato. (sereno. 

Faccia ridenta^ Fiso ridente ^ ilare j 

Faccia sconduda. Faccia cupa. 

Faccia scura. Faccia torva. 

Faccia sentiraental Viso sen- 
sitivo, viso pallidiccio o smorticcio. 

Faccia sincera. Faccia apertk. Fiso 
aperto o scJiietto o 4:hiaro. 

Faccia spiattarada o scliiscia. Fiso 
scofacciato. Naso di c/uà(Pan, Poet. II9 
.XIV, i4). 

Faccia stravolta. Fiso turbato •'— 
Fiso scontraffatto — Fiso spiritadccio, 

Avegh ei ouu in su la faccia. Pw 
rere in (quintadecima la luna, F, Cùii. 

Avegh faccia de fa, di, ecc. Aver 
viso o volto di fare , dire , ecc. 

Beata la faccia del tal. È lo stesso 
che Viva la faccia del tal. F. più sotto. 

Borlà-giò coD la faccia inanz. Cor- 
deve bocconi. F. in Boria. 



) FAG 

Coni ona faccia de spayentaa. Spi- 
ritaUccio e con occhi tondi{yR3. a 09). 

£1 gh* ha ona faccia de dagh la 
man drizza. F. m Man. 

Fa de dò face o de s. GiòT&nn quatter 
face. Esser un tecomeco -*- Jver due vi- 
5i(Mon. p. 1 1 1). Esser tamburino^ finto. 

Fa de tutt i face Aver viso di pai" 
lettola. Essere una fronte invetriaia. 

Fa faccia de rid. Far viso lieto. Far 
bocca ridente. Fenir le risa agli oc- 
chi. Comporsi al riso? 

Fa la faccia de gniff e de gniifin. 
Fare il viso di cartapecora stata al 
fuoco{Fsig, Am, non op. a caso II, i6)* 

Fa minga de dò face. Avere un viso 
solo{^9ig. AsL bai. II, 8). Non esser 
tamburino -— o tamburina{Fag, ivi). 

Fissa in faccia. Affissare, 

Longh de faccia. Di viso oblungo. 

Mandali minga a dì, dighel su la 
faccia. Gettarlo in faccia. Dirlo a viso 
aperto(Cr, in Fiso). 

Mesuragh i pugn su la faccia. Andar 
colle mani in sul viso a uno. 

Sarà Tuss in faccia. P", in Ùss, 

Squas squas me varden nanch in 
faccia. Appena ne son guardato in 
y>onte(Paudolf. Gov. Font, 4). 

Tajà la faccia (Taria o la brisa). 
Fender la testa pel ^mezzo^ F. in Brbsa. 

Tajass el nas per Insanguanass la 
faccia. F. in Nàs* 

Te gh'^ee tanta faccia de dill? Hai 
tanta faccia a flillo?{Monìg. Fed,\\^ 5i}. 

Trova la faccia de legn. Trovar 
T uscio imprunato? Andare alla casa 
d'^alcuno, e trovarla chiusa senz'^anìina 
nata. Anche i Francesi dicono Trou- 
ver visage de bois, 

Vardà in faccia a nissun (che. i Br, 
dicono Portalia in faccia a nissun). 
Gittare il giacchio tondo. Menare la 
mazza tonila. Trattar lutti alla pari — 
Essere come Varco soriano die trae 
agli amici' ^ ai nemici. Essere come 
la stadera de* beccaj. Calarla a chiun- 
que — Dar nel fango come nella mo- 
ta. Sparlare di grandi e piccioli. 

Vardass in faccia vun con Toltcr. 
Guatarsi Vun V altro. 

Viva la faccia del tal. Fiva ìafac-^ 
eia di ... . (*tìor. — Salvadan. 54^ 

Volta faccia. Follar bandiera^ * 



Digitized by 



Googk 



FAC ( 

VolUgb la faccia Rinnovare , 

rinnovellare» dare aria di novità. 
Vun che inarca i facor Fisonomista. 
Faccìàda. Facciata, F\Accia, 
De facciada. Dijaceia. 
In facciada. in faccia, 
Facciadiuna. Faccialelia, 
Facciàona* Faccia. tasta. Fiso da paU 
lottola. Fronte invetriata. 

Fa la faccianna^ Far /accia tosta , 
ed anche aas. Far faccia. Operar senza 
vergogna. V, Faccióne 
Facciasela. Facciaccia, Moétacciaccio, 
Facci n. \ Visuccio^ov. aut. fior. Sgo). 
FaccicBÙ. ) iiostacciuzzo. Mostaccino, ri- 
setto, Faccetia, Faccettino? il Burchiello 
in un suo sonetto usò anche il diniinu- 
tÌTO P'olticeilo. (gemme. 

Faccioeu d''or. Musin d*oro. Musin di 
Faccioeu mostos o mosca teli, Fiso 
gtdante o gentilesco o ghiotto o zuc- 
c/terino o da rubacuori o chiavacuori. 
Fiso moscato?{Cavo).Per5onu avvenente 
Faccioeu de Madonna o de Mado- 
njn. Fiso d* angela. Dolce angelica 
figura. Fiso celeste, 
Facción. Faccione. Fisone, Mostaccione. 
Fa el &ccion. Far yroiiiii»o( Assetta, 
II, 8). Far faccia. Far faccia tosta. 
Facci<ki. scherz. Culattario. F, Gùu. 
Facciòtt. ì Fiso allegro. Fiso di Pasqua 
Facciòtta. i d'uovo, 

Facciottèll Visucoio tonderello. 

Facciotlón. ) 

Facciottònna. 1 ^^^'^ ^* ^'^^^"^ ^ «^"^- 
Faociroeùla dicono alcuni per Quacci- 
roeù. Picciolo cascino da raveggiuoli. 
F. Quaccin, Qnacciroeù e Fasséra. 
Faccia, s. m.pl. diro, di Face. Faccenduole, 
Faccenduzze, Quella Jaagaja la fa i so 
faccitt come ona donetta. Quella ragaz- 
zina fa le sue faccenduzze assai bene, 
Faccitt. pi. di Faccétta. F, 
Facéoda. Faccenda, Folio, — Affare — 
Bisogna — Mena — Negozio. 

Fa facend* Farfaccende{Zsmoh.T>ìz.), 
Vendere molta mercanzia ~ Fa pocch 
facend. Far pocìiefaccende(i\i)* Spac- 
ciar poca roba. 
Yess in facenda. Essere affaccendato. 
Facendée. Faccendiere. Uomo o Persona 
da faccende — Faccendoso — Affac- 
cendata -^ in senso dispregiativo Fac- 
cendone, Impacciatore* Jmpigtialore> 



83) FAC ' 

Ceccosuda, Ser Mesta. Mestatore. Ser 
Faccenda — Imhroglione — Jppaltone, 

Facendée dicesi da qualche tempo in qua 
a qtte^ pseudoawocati die altre volte 
dicevansi Dottor del pozz. F. in Dottor. 

Facendlona. Faccenduzza. Faccenduola. 
Faccendetta, 

Facet^dón. Affannone, F, Trusoión. 

Facendònna. Faccendiera. F. Trusoiònna. 

Fachin. Facchino; e ant. Portatore, BastO'^ 
gio. Porta. 

Badia di Fachin Da- tempo 

antico, cioè fin dal j5oo e aggiorni 
del celebre pittore Giovanni Paolo 
Lomazzo, si stabili ira. noi una specie 
di Accademia diretta a congiungere 
gli studi poetici coli'* onesto spassarsi , 
un^Accademia poco diversa da quelle 
dei Beoni, del Mantcllacoio , degli 
Spensierati, dei. Grai^elleschi , e di 
tante altre cosifiatte ^spontanee filo- 
sofali consolatrici del nostro nonnulla* 
In quella specie d"* Accademia si volle 
per ispasso poetare nel dialetto della 
Valle di Blenio, una delle valli della 
Svizzera italiana donde vengono nella 
nostra città moltissimi 'terrieri per qui 
campare meglio coir esercitarsi nelle 
arti' minori quella vita che stretta 
condurrebbero nella patria loro penu-* 
riosa di troppe cose se di quella non 
emigrassero a noi. Delle poesie scritte 
in quel dialetto esiste buon saggio in 
un libro intitolato Bahisch dra Jcade- 
niiglia dor compà Zovargna Nabad dra 
vali d'^Bregn ed tucch i siijidigl sOghit 
con ra ricenciglia dra Falada Or cantò 
di sversarigl^ scianscia^ di cui si hanno 
. edizioni pel Ponzio e pel Bidelli del 
i^SSg e del 1627. Abate della Valle 
s** intitolava il pittor Lomazzo mede^ 
simof Compk Borgniu il pittore Bram- 
billa ^ e vie va discorrendo* Anche 
in altri libri di queir epoca si veg-^ 
gono sonetti o versi stampati in quel 
dialetto, semiprove del continuare in 
fiore queirAccademia. Da essa, cre- 
dMo, ebbe origine nei tempi susse- 
guenti un'* altra adunanza diretta a 
quasi ugual fine e a divertire altresì 
la città con bellissime mascherate nei 
di carnevaleschi e nelle straordinarie 
festività dei paese. E qucsl'^aduu.inza 
pre«e il nome da un'altra Valle a noi 



Digitized by 



Google 



FAC ( a 

)>iù vicina» cioè da quella d'^Intragna 
che trae il suo nome dall^aver foce pres- 
so il borgo d'^Intra sul Lago Maggiore. 
£ siccome anche molti di quei valligiani 
vengono nella nostra città a guada- 
gnarsi il pane come zanajuoit e vi- 
naj, e avevano, come ogni altra arte 
a^ tempi andati , loro capi e patroni e 
statuti» cosi dalla capìtudine loro detta 
Badia di Fachiri trassero il nome alla 
loro Adunanza in cui adottarono legge 
ehe s^avesse a parlare ^ scrivere sem- 
pre nel dialetto proprio di quelle genti. 
Chi amasse aver piena cognizione di 
quest"* Adunanza può leggere il libro 
intitolalo Stetut dia Gran Hedie anti- 
ghe di Fechin dol Lagh Mejó fondò 
in Milan^ amplificò in tol' ann present 
lyiS. Da questi statuti si rileva ohe 
la Compagnia era composta di trenta 
individui non compresi gli emeriti, 
e governata da due jibbà (Tuna forese, 
Faltro cittadino), da due P^is d^Abbà 
viceabati, un Sgresg o sia un Cen- 
sore, un Conservator degli Ordini, 
un Segretario, un Dottore, un Te- 
soriere, un Cancelliere j dne Consi- 
glieri, due Consoli, due Cerimonieri, 
un Pacificatore, due Maestri de^No- 
vizj, due Infermieri, un Poeta, ed un 
Maestro di hallo. £ vedesi altresì che 
in abito di compagnia portavano non 
più che cinque piume nel cappello di 
soli due o tre colori , cioè bionco, rosso 
e citrino; il cappello di color simi- 
gliante a quello deir abito e orlettato 
di rosso» e guanti tutti d^un colore i| e 
collare bianco; diversificandosi fra 
tutti gli Abati pp.r un abito più ma- 
gnifico e per dieci piume nel cap- 
pello ; nel qua] vestire però è da no- 
tarsi che alcuna diversità esisteva fra 
questi ultimi Fachin e quelli anteriori 
al 17169 come si rileva dalle incisioni 
adai*nanti le poesie dell'epoche diver- 
se. Solevano fare di grandi Masche- 
rate che il volgo chiamava La Facili" 
nada- e ip queste comparivano quali 
in cocchio e quali a cavallo, avendo 
ognun dei cavalieri nelle fonde della 
sella due cannelle da botte in luogo di 
pistole , e facendosi precedere da veri 
Facchini mascherati sul loro andare e 
portatori di gerle piene di meizuli. 



) FAC 

cannelle, zipoli, ecc. adorne di foglie 
d'aUo;:o inargentate. In queste ma- 
scherate conducevano seco altresì, in 
cocchi particolari detti Neuett^ donne 
e fanciulli che nominavano le loro 
Zvanine e i loro Maroso e MarmsciU, 
Di tali mascherate si ha un bel tipo 
fra gli altri nel Rame stampato da 
G. C. Bianchi e intitolalo Mascarade 
dai Fechin dol Lagh Mejò ascricc in 
Ila Magnifiche Sedie ^ .f accie in Mi^ 
lan ol dì 30 ferree 1764. In occasione 
di queste mascherate (che cessarono 
insieme colla Badia verso la fine del 
secolo scorso) assai Poesie volanti in 
istampa spandevano nel pubblico, 
poesie tutte distese nel dialetto d' In- 
tragna che il volgo chiamava £«n- 
gnafachinna^ e delle quali si trova 
numerosa raccolta nella Biblioteca Am- 
brosiana nel volume in 8.* segnato 
I, VI tomo i.'^ n.** 5, e nelP altro in 
foglio segnato I xii, nel Catalogo Sel- 
lati esistente in quella Biblioteca. In 
questo ukimo volume vedesi anche un 
brevissimo dizionario di questo par- 
ticolare linguaggio, di cui si posso- 
no chiamare unici testi di momento 
il poemetto dell'avvocato Bertarelli 
venuto in luce del 1760 che ha per 
titolo Lttcciade dol Compà Strusapolen^ 
ta, ecc., e Talmanacco del 1764 intito- 
lato La Balle , dal quale si rileva pare 
V usanza che allora correva in questa 
Badia del Piantar maggio , e le costu- 
manze dei veri Facchini di star sid Pas- 
so^ di far r offerta solenne del.Afo- 
sgètt^ ecc. ecc. — La S*ceppinada era 
un'altra specie di mascherata , da non 
confondersi colla Fachinàda; di essa 
veggasi nella respettiva sede alfabetica. 

Eredttaa del Matt Fachin 

Non ba molti anni che un facchino, 
a cui era troppo picciola cosa il gua- 
dagno giornaliero come tale , soleva 
aumentarlo. colPandare verso sejaciar- 
lataneggiando e cantando arie buffe ^ 
per le vie della città insieme con uno 
scricciolo di moglie che s'aveva. Un 
^ bel di questo mezzo giullare e mezzo 
facchino si pensò per la morte di non 
so qual parente avere ereditato quanto 
gli bastasse per vivere senz^ altre oc- 
cupazioni, e in su questo' fondamento 



Digitized by 



Googk 



FAD - . ' (85 

gettò quelle poche monete che a^etA 
in bagordare, scarrozzare 9. spassarsi. 
La lettura del testamento parentesco 
trasse però ben presto il facchino 
d* illusione, ed egli, tornato ^U* an- 
tica busca, solea cantare alla moglie 

Oh cara la mn gcenbba , 

L*ereditaa 1* « andada , 

Sanmi in bolktla e io strada , 

Tomemm a fa el pajasc. 

Da questo fatto ebbe orìgine P inti- 
tolarsi Ereditaa del Matt Facbin ogni 
Eredità che sfumi, illusoria, che si 
risolTa in nuUa. 

Vitt de fachin. Facchinerìe, 

Fachittèda. Facchinerìa. Fatica grande. 

Fa dì iachìnad (che anche dicesi 

Fa el fachin o Pà yitt de fachin). 

Facehineggiare. Affacchinare, Affac* 

chinarsi. Far grandi fatiche. 

Fachinàda. y. Badia di fachin in Fachin. 

Fachinàgg. Porio. Portatura. Spes de fa- 

chinagg. Spese di portatura. 
Fachinètt. Zanajuolo. Forchino che fa 

portare di picciola fatica. 
Fachìnna. Ad. di Léngua. F. Badìa di 

facbin in Fachin. 
Pachinoti . Facchinaccio. 

On fachinott d^on bagaj, On fa- 
chioott d^ona tosa. Lo stesso che On 
troncott d^on bagaj, ecc. V. Un enfant 
Jori comme un Ture dicono i Francesi. 
Fàcil. Facile. Agevole, \ 

Facilità. Facilitare. Agevolare. ì Vedi 
Facili tàa. Facilità. Agevolezza, v FàzziI, 
Facili làa.Foci/i/hto. Agevolato, l Fazzili- 
Facilitón. Ser Agevola. )tòn, ecc. 

FacilménUFacilmenie, AgevolmJ 
Facinoròs. v. forense. Facinoroso, 
Faco'iòn. y. bassa. F. Faminción. 
FacoitÀa. Facoltà. 
Factòtum. Faclòdo. 
Fadiga. Fatica. 

Con gran fadiga. A mala fatica, A 
fatica. Con granfatiéa* Alle maggiori 
fatiche del mondo. 

El lavora Tè (àdìga. La poca fatica 
è sana. Si suol dire ai poltroni e dai 
poltroni. 

El starà minga per la fadiga. JE* non 
ci metterà né sol né olio. * • 

Fadiga trada al diavol. Opera per- 
duta. Fatica durata per impoverire. 
Fa fadiga. Faticare, Affaticare, 



) FAG 

Fa fadigh de bestia. Durar fatiche 
da cani. Far fatiche bestiali. Crepar 
di fatica. Durare faUcacce. 

Manch fadiga e pussee salut. La 
poca fatica è sana. Dettato consola- 
torio dei pigri ed anche dì quanti si 
veggano uscir di mano un lavoro a 
cui agognassero. 

Ogni fadiga merita prèmi. Ogni yh- 
tica merita premio. 

Fadiga. Faticare. Affaticare, Durarfatica. 

Fadigh(cAe altri dicono MoUètt ). s. f. pi. 
Galle. Malore che viene accavalli nel- 
le gambe. 

Fadigós. Faticoso. Laborioso, 

Faèr. K Fèrr. , . 

Faetòn o Faitón. Faeton? V, in Lègn. 

Pafiaùtt. T. -mus. Effautte. Uno dei tuo- 
ni musicali. 

Fàggia Questa voce rappresenta 

nelle Istorie del Corio le nostre ville 
suburbane distanti non più che sei mi- 
glia da Milano. Pare che più in ^ntico 
denotasse ognuna delle sei regioni del 
contado corrispondenti alle sei Porte 
principali di Milano che sboccavano 
per le sei Vie principali ad esse ri- 
spondenti, vie chiamate fors^ anche 
esse Faggie per un raggio di sei miglia 
dalla città entro al contado — Faggia fu 
anche detta la Milizia forese di quelle 
terre — A' tempi moderni Faggia fu il 
nome di questi tratti di strada la cui 
accomodazione incumbeva alle terre 
circostanti , e Faggia anche il .nome 
deir impresa d'accomodarle che altri 
assumesse — Il Ducange s'ingannò for^ 
te allorché leggendo queste Fagie nei 
nostri Slatuti(capit. 072) se le figurò 
moli o edifìzj qualunque fatti sulle 
pubbliche vie. Io credo cbe il roman- 
zo FaigifaMo) lo svizzero Fachwerk 
( opera , giornata ) o il celtico F€u:h 
( riga ) abbiano dato origine a queste 
nostre Faggie , e che dalle fatiche 
o corvées come ora direbbcrsi cui 
erano obbligate le terre suburbanc 
per la mamitenzion delle strade siano 
derivate tutte le significazioni ulteriori 

' da me addotte. Queste Faggie^ sorelle 
per avventura delle Masse sanesi , 
hanno poi ceduto il luogo ai moderni 
Corp'sant. T^. con qualche scapilo però 
nella sustanzialità. 



Digitized by 



Googk 



FAL ( 

Consol di Fagg, e prima Consol di 

pascol Magistratura milanese 

antica che presedeva alle cosi dette 
Faggieàì cui vedi addietro, e ne ca- 
pitanava ì terrazzani se chiamati alle 
armi. 

Fagòtt. Fagotto. Fardello. Batùffolo. 
A fagolt. J balle. In quantità. 
El mestee de fraa o pret fagott V è 
de tceuss fastidi do nagoU. K in Fràa. 
Fa £igott. Fare gruzzoli. Fot* quat- 
trini. Trova de fa fagott anca in sul 
Tuff. Far danari sull'acqua -^ Talora 
Farjardello o Affardellare per rubare. 

Fa fagott o fagottcri Dicesi 

degli abiti allorché riescono indosso 
affagottati, non ben assetti alla pei^ 
sona, e tutti sgonfj. 

Fà-sù el fagott. Fare fagotto o far- 
dello. Partirsi, andarsene. 

Lassà-giò el fagott. fig Sgra- 

yai*si. 

Fagòtt. Fagotto. Strumento da fiato detto 
dnt. Dolano o Dolciano o Dolzaina. 

Fagotlà. Far fagotto. 

•Fagotià-sù. Affagottare. 

FagottèlL Fagottuccio {Vvig. Mar. alla 
mod. II, io). FagotUno, Fardellino. 
I^ardelletto. Im^fgUuzzo, Rinvòlgolo. 
Dim. di Fagotto. 

Fagotlellìn. Picciol fagottino. 

Fagoltéri. F. Fa fagott sig. a.' in Fagòtt. 

Fagotlón Gran fagotto. 

Fagoltón. Cantra fagotto? Sp. di fagotto 
più basso d^un'*ottava del fagotto solito. 

Fagottón. ^g. Fantonacdo, Badalone. 

Fagottun. iig. Badalona. Donnone. 

Fagottdo. hg. in genere. Fastello mal 
legato. Mollume. Carname. 

Falà, ecc. noi pronunciamo fytf/«FaUà, eccf^. 

Falabràcch. Fantastico. Ghiribizzoso. 

Falca. V. cont. hr Quella po^ 

d^ erbuccia che spunta tra** cespugli 
o i dirupi o ne' boschi in primavera, 
e die il montanaro brianzuolo ya ster- 
pando colle mani; e questo sterpare 
lo dice Fa falca{c\iàeni.^ da Falce). 

Falchétt Nome generico il quale 

fra noi ai non ornitologi rappresenta 
varie specie d^ uccelli da rapina, o 
eh' e' siano veri Falchetti o Fakoncelli 

Falconetti^ o che siano Falchi o Fal- 
coni o Sparvieri o Astori o Smerigli. 

1 cacciatori poi chiamauo specialmente 



86 ) FAL 

Falchétt lo Sparviere - comune da ftin-' 
guelli, cioè il Falco ffisusL. 

Falchétt il Falchetta da allodole o da 
uccelli o Lodolajo. Sparviere variega- 
to^ cioè il Falco subbuteoL. 

Falchétt lo Sparviere minore da frin- 
guelli, cioè il Falco minutasi,. 

Falchétt r Astore. Smerlo. Smeriglio ma- 
schio, cioè il Falco gentilisL. 

Altre specie di falchi hanno nomi 
speciali anche fra noi , come il Nibbi, 
il Pojàn, il Dardanelli ecc., de'quali 
yeggansi le sedi respettive. 
(Eucc de falchétt. F* in (Eùcc. 
Sgriff de falchétt. Pie" iT uccellino. 
Quelle grinze che Tengono intorno 
agli occhi a chi va in là cogli anni. 

Falcheltón. Girifalco? 

Falcidia. Fare la falcidia. Sbattere. De- 
trarre. Dibattere. Menomare. 

Fai con. Falcone. Falco — Cappelletto 

. specie ~ Anticamente era voce propria 
anche del nostro dialetto nel signif."* 
d"* uccello; oggidì non si conosce pia 
che come nome proprio di contrade, 
osterie, e simili derivato dalla prima 
significazione. 

Fàlcor. s. f. p] Quelle funi o ca- 
tenelle che passando pel giogo e per 
le cosi dette tapf tengono fermi i 
buoi al giogo. V. anche Gidr. 

Faldistòri. Faldistòrio. Faldistòro* 

Fall, Falii, Falimént pronunciamo noi 
per Fallì, Fallii, Faliimént, ecc. f^. 

Faliléla. Foce usata nella frase fg. 
Cauta la faliléla. Far Fillide mia > 
Fallire. V. in Fallì. 

Fall. Fallo , e ant. Folta. FaUigione. Fat- 
tura. Fattore. FaUanza.Fallaggio. Fai- 
lenza. Fallimento. Errore, sbaglio, 
raancame9to - Bifatlo è fallo recidivo. 
Mett on pé in fall. F. in Pè. 
Senza fall. Senza fallo o dubbio. 
Infallibilmente. 

Toeù in fall. Cogliere in cambio. 

Falla (che noi però prommùamo FaLì). 
Fiatare ; e ani. Sfoltire e Sfollare — 
Fiascheggiare. 

Chi fa falla. Chi ne ferra ne inchioda 
(Fir. Lue. I, I ). Chi fa falla e chi 
i9bn sa sfarfalla, o vevoClU nanfa 
non falla. Guastando s' impara: 

Fallaci monton 9 ci primm oggioeù, 
la strada, ec. Fin Afootóu» Oggioeù, et. 



Digitized by 



Googk 



FAL ( 

Falià r usa. Scambiar V uscio. 

Falla mai in so daga Non 

errare mai in proprio danno; sempre 
vantaggiarsi sul compagno; largheg- 
giare sempre ne* conti a suo prò. 

Podè falla. Non cu^er altro scampo 
che . . . Potersi mettere o dare per . . . 
£1 pò falla a scappa. Può darsi alla 
J'uga. Eì pò falla a creppà. Può ire 
u cercare del /7rrte(Gecchi Dote III, 3). 
Può mettersi per morto, 

Semm sogett tutt a falà. Tutti sia- 
mo Jallibili. 

Falla. Fallire il colpo. Falla la sgneppa. 
Fallire la beccaccia. 

Falla. T. di Giuoco. Fagliare, 

Tri! ass falla copp. Tre assi faglia 
coppe. 

Falla. Fallire(PwAeVC\ Opere li, 44 — 
Targ. Fiag, qoo). Parlandosi di cose 
agrarie vale mancare , non fruttare 
o fruttar poco. Fhllà Tuga, la segra 
e sim» Fallir V uua , la segale , ecc. 
£1 falla de la robba. Fallacia(Gìor, 
geor. II, Qao). La fallacia delle fave, 
de'' fagluoli , ecc. 

Felli a disc, e cont, Fallaìsc. Ingannevole, 
cioè che trae io inganno, che induce 
in errore.Strada falladiscia.A^i n Strada. 

Falladìsc. Fallibile, Soggetto ad errare. 

Fallaisc. V, Falladìsc. 

Fallaìsc. /Vzi^e(Lastri Op. V, 88). In- 
fruttifero, improduttivo, mancato; e 
dicesi d'aura, granoturco, ecc* che 
fruttò poco , che rese poco o nulla. 

Falli {elle noi prommzianw Fall). Falli- 
re; e schevz,Far Fillide mia. Infilare 
o JnJUzare le pentole. Dar del culo 
in sul petrone. 

Falli con la borsa in la s^cenna. 
Fallir coi sacco. Fallir col morto in 
CAsa(*f]or.). Fallire dolosamente, e 
conservando per sé il danaro della 
ragione e de* creditori. . {rato. 

Fallii. Fallito, e neiruso volg. legale Obe- 
Fallii roarsc. Decotto, Decottore» 
Tra fallii o Trass fallii. Dichiarare 
o Dichiararsi Jallito, 

Fallimént. Fallimento -^ Vess sott a on 
falliment. ìiestare al fallimento* 

Falò. Baldoria. Falò, 

La legna del.compagn o del vesin 
fa beli falò. Della pelle d'altri si fan- 
no le coregge più /a/^Ae(Monos.5i8). 



87) FAM 

Palò./ fig. FaUù. 

Falò o Falòpp o Falòppa. Faloppo(Gior, 
agr. VII, 48). Falloppa, Bozzolo im- 
perfetto, mezzo bozzolo. 

Falòppa. ' Filixticcio di , , , che si cava 
dalle fai loppe. F. Cmssoeù. 

Falòppa. Lo stesso che PatanCiinna. V, 

Faloppée. Cacciatorello. Cacciatore mal 
pratico. 

Faloppée. Favolone, V, Balée. 

Fàls. Falso, 

In sul fals. T. d'Archit. In falso, 
Vess sul fals. Posare in falso. Essere 
in falso, 

Fàls. Ad, di Giòd, Pass, Pòrta, ecc. V. 
Ciòd, Pass, Pòrta, ecc. 

Fals (Giàr). Contrallume» V. Ciàr. 

Falsariga. V, in Riga. 

Falsètt. Falsetto. Voce acuta e falsa. ^- 
Falseggiare è cantare il falsetto, e 
Falseggianle chi il canta. 

Falsitàa. Falsità, Il falso, Falsamento. 

Falsòn. Bugiardone, Gran falsardo, 

Falzètta. Serra(*iior,), Finta{* arei,). Pro- 
priamente la cintura de*^ calzoni, tal- 
volta con coda e codino per affibbiarli 
dalla parte di dietro, e bottoni con 
iicchielli dalla parte davanti. 

Falzètta. T. de'^Legat. di libri. Braca, 
Striscia di carta che si salda sopra 
un foglio stracciato. 

Falzeltà. T. de' Legat. di libri. Imbra- 
care. Saldare una braca (fahetta ) so- 
pra un foglio stracciato. 

Fàmbros dicesi parlando di sorbetti quel 
che in ogni altt^ caso diciamo 

Fambròsa. Lampone, Lampione, 11 frutto 
del rovo ìàeo{lìubus idteusL). lì Ma- 
galotti nelle sue Lettere scientific/ie 
scrisse anche Framboise alla franzese. 
Fambros de mes. .... Specie di 
lamponi che fanno a ogni mese. 

Pianta de fambros. Ros^o ideo. Lam- 
pone, Il frutice detto Bubus idmus hot. 
Ve:ss ona fambròsa. Essere un rubino 
parlandosi di vini. 

Fame] Contadino (non raccaro 

bergamin di professione) cui affidiamo 
nel Basso Milanese il governo delle 
vacche , la muntura e la manipola- 
zione del latte in ajuto ai Casce pro- 
priamente detti , e in generale la cu- 
stodia della vacchercccia. 

Famèja. Famiglia. 



Digitized by 



Googk 



FÀM ( 

L''onormta fameja. fcheri. La cokipa- 
gnia de'Jamigli — La Famigiia o la 
Famiglia di palazw y cioè la sbirraglia. 
Famiglia. Famiglia. 

Arma de famiglia. Stemma. 
Cr ess la famiglia. Crescere in /ami- 
glia. Jnfamigliarsi. Far famiglia. 

Famiglia morta. Famiglia estinta o 
abbacinata. 

Fioeu die famiglia. Figliuolo di Ja- 
7mg//a(GigI. Reg. 24^)« 

Sacra Famiglia. <S;agrayàmigZia(Vas.) 
Quadro in cui si veggano iusieme la 
Madonna, il Bambino e S. Giuseppe; e 
dicesi anche fig. e scb.allorcbè vedonsi 
di brigata padre « madre e tutti i figli. 
Famigliètta. Famigliòla. 
Famigliòdna. Famigliona{Turg. Viag. VI, 

1^5). Gran famiglia. 
Famigliar. Domestico. Dimestico — Man" 
so — Cìcure ~> Mansueto, Parlando 
di bestie. 
Famigliaritàa. Famigliarità. 
Famigliariziàss. Dimesticarsi, Addimesti- 
carsi, jiddomesiicarsi. 
Faminción. Fagno. Fagnone. Sortone. 
Soppiattone. Uomo cupo, e cbe fa lo 
gnorri ad arte ^er proprio vantaggio. 
De faminción. Sodone f0^o/i^(Borgh. 
Lctt 97.* in Pr.Jior. IV, iv, gb). 
Faminción. Spupillato. V Anguilla dei Lat. 
Fàmm. Fame, 

Ave on poo de famm. Jsferjamuc- 
eia. Essere ajffamatuzzo o affamaticelo 
o piz%icato dalla fame. 

Fa pati la famm. Far piatire il pane. 
(M hoo ona famm de no dì , ona 
famm de can o de bestia o de lader 
o de loff o de sonador o de poetta , 
o ona famm che no ghe vedi. Ho una 
fame che la vedo (C^vo Stracc. 1$ i). 
Mi svengo dalla fame. 

V amor , la famm e la toss hin tre 

coss che se fa cognoss. y. in Amor. 

La famm la fa fa di gran coss. La 

vergogna e la fame non istanno insie* 

me(Cr. in Fame). 

La famm la moeuv el loff foeura de 
la tanna. La fame caccia il lupo dal 
bosco. Il bisogno fa trottar la vecchia. 
— • Lafaim fait sauter le loup hors 
du bois dicono anche i Francesi. 

La famm l'è tanto granda che Ta- 
mor la sta de banda, la fame è pia 



88 ) PAN 

potente <f iiJVU»i«(Lippi MalmanL IT^). 
Il lat. Fames amorem superaL 

La geja fina ai gencencc, la fanun 
finna ai ceucc. « . . Prov^ brianx. che av- 
visa Tabbondanza di castagne soler es- 
sere compagna a carestia di granaglie. 
Lassa vegni longh la famm o L.as- 

salla vegni l4nga Aspettar a 

mangiare o per necessità, o per desi- 
derio di fare poi meglio repulisti. 

L^è pussee la gora che la famm. 
Lo stesso che V è pussee grand Toeucc 
che el bceucc. f^. in (Eùcc. 

Longh come la famm. f^. in Lóngh. 
Mort de famm. Morto di famc^ e 
fig. Tritone. Povero in canna. 

Quand se gli" ha famm tuttcoss è 
bon o se mangiarav anca i sass. J 
tempo di carestia pan veccioso. A huona 
fame non . v* è cattivo pane. La fame 
fa parer buono e tenero lo pan duro 
e nero {Cr, in Fame). 

Yesa a V orden con la famm. As^rc 
aguzzato il mulino. 

V^ss mort de famm o Ave ona 
famm de no dì o che no se ghe ved 
o de loif. Essere allupato o morto di 
fame o affamatissimo. V. in Lóff. 

Pàmm. Fame. Golpe. Malore del grano. 

Famós. Famoso. Celebre. RinonuUo, 

Famosón. Famosissimo. 

Fanagottdn. Pigraccio. Michelaccio, Ser 
Agiato da f^cd di riposo. 

Vess on fanagotton, cioè vua che 
fa nagutt. Esser un san Mistò{Jàì&cìonì^ 
Not. Malm. V. a, p. 3i4)f vale a dire 
un che si sta senza fare cosa alcuna. 

Fanàl. '^. Lampión. 

Fanàtegh. Fanatico. 

Fanategón. Gran fanatico, energùmeno. 

Fanatismo. Fanatismo. 

Fanatizza. Dare nelfanatièo. 

Fànc 1 ( Var. Mil.) Fanciulli. Figli , e 

Fancitt S ant. Fancelli. Fantelli. FanlicinL 

Fandonia. Fandonia, V. Bambànna. 

Fancggia Quella paletta che 

ferma il buretto delP aratro al den- 
tale. V. in Scilòria. 

Fanèlla. Flanella. Frenella. Stoffa nota. 

Fanèlla. A Ibàgio. Pannalòagio. Panno lano 
grossissimo assai usato fra i contadini. 

Fancilin de montagna. K. Gardinalin. 

Fanellìnna. Flanellitia? Sp. di stoffa. 

Fanètt. Fanello. La Fringilla UnaHal.. 



Digitized by 



Googk 



FAN ( 89 

FanTafóii. Fanfano, arcifanfano. Vano, 
che anfana per poco, anfanatore. An* 
clic i Fr. hanno Fanfuron, F, SpaccÓB. 

Vanfaronàda. F, Spaccàda. 

Fanfùlla. Baja, Celia. Fanfaluca. Frottola, 

m Cnatemm d*oUer, «I diss, Tè oda funfulU.» 
( Bai. Rim. ). 

Fànga. Fango» Fangaccio^ e nob. Limo 
in genere — Melma o Memma^ ter- 
riccio in cui si sfondi. Mota e Moticcio ^ 
fango liquido per le vie. BragoW mota 
fa cui s'*avvohola il porco. Fanghiglia 
il fango de' pozzi , delle fogne , ecc. 
Poltiglia la fanghiglia della segatura 
delle pietre. Belletta la memma che 
lascia r acqua fiumatica. Loto Facqua 
torba e fangosa. Pacciame e Pacchia- 
rina la mota di stalle e simili luoghi. 
/^. ancìie Focìcca, PociàccLera, ecc. 
Fa via la fanga. Ripulire dal fango» 
Fanga tacchenta. Fango tenace o te- 
Pesta fanga. Sfangare. (gnente. 

T(Èù-s\i la fanga Ripulir le 

vie dal fango e dalla mota raccoglien- 
dola nelle cosi dette naiyì(nai'asc). 

Tutt picn de fanga. Tutto zaccliere 
o schizzi di fango. Infangato — • Mel- 
moso. Fangoso. Limaccioso. 
Fanghi, s. m. pi. Terme. Fanghi — Andà 
ai fanghi. Andare ai Fanghi^ cioè al 
luogo dove sono i fanghi — Fa i Ain- 
ghi. Fare le lutazioni o i bagni a loto. 

Faugusa. gergo La scarpa. 

Fani. T. di Giuoco. Fante. 

Giugà a fant , dama e re che stop- 
pa. P". in Dama. 
Fan tarla. La Fanterìa, Le Fanterie, I 

Fanti, I Fantaccini, 
Fantasìa. Fantasìa. Immaginatis^a, Imma- 
ginatone, f^irtii fantastica. 

Che fantasia ! Qual fantasia ! cioè 
qual capriccio^ qual ticchio! 

Fantasia de matt. Matta fantasia 
(Alb. enc. in Fantasioso). Fisima. 
Fantasticaggine. Fantasia fisicosa e 
fantastica. Fantasticherìa .Fantasiaccia. 
Fantasma. Fantàsima, Fantasma. Fantà- 
simo. Fantasma. 

Pari ona fantasma. Parere una mor- 
ie , uno spettro , una fantasima. Es- 
sere scarno, magrissimo, allampana- 
to. I Fr. N*ctre plus qu'un fantóme, 
Fant asmagoria . Fa/7Ìa5;7iago/v a(De m a rch i 
e Zanob.* Oiz.). Noi conosciamo la voce I 
rol. 11. ^ 



) FAR 

nel significato affine al più Volgare 
di Omher V. , cioè di quello spetta- 
colo fisico , in cui' al bujo si fanno 
comparire fantasmi o corpi illusorj. 
Fantastegà. Fantasticare, Fantasiare, Ghi- 
ribizzare. Mulinare. Girandolare. Ar- 
zigogolare. Stillarsi il cervello. 
Fantàstegh. Falòtico. Fantastico. Strava- 
gante — Fantasticatore. Umorista, 
Fantésca ) dicono in varie parti del con- 
Fantrèsca S tado , come nella Brianza , 
nel PioltellesCf ecc. per Sèrva(/vggi- 
conocchia), f^, 
Fantìn o Fantin a cavali. Bagazzo{ Al- 
lear. a4). Fa«ii/io(*tosc. — Giorn. agr- 
XI, i54 e segg.). Garzoncello che a 
mo^ di jockey cavalca a bardosso i 
barberesclìi correnti al pallio. 

Fantin a pè. . . . Garzoncello che 
pedestre corre al pallio. 
Farabolàn. Parabolano. 
Farabùtt. Ciarpiere. Ciarpone, Acciarpa^ 
tare. Abborracciatore. Chi fa male ciò 
che intraprende a' fare. f^. Buttalà. — 
È curiosa la varietà de^ significati 
che le diverse genti d* Italia affib- 
biano a questa identica voce Fara- 
butto, I Fiorentini, i Bresciani e i 
Bolognesi intendono per essa un Truf- 
fatore ; i Reggiani un Viso da Fari- 
seo^ noi insieme coi Cremonesi, coi 
Comaschi e coi Pavjesi uno Sbadato, 
un AiToltatore; i Piacentini e i Parmi- 
giani un Ragazzo inquieto, un fru- 
golo, un serpentello^ i Piemontesi 
un Confonditutto , uno Sconcertato- 
re; i Veneziani un Assassino, un Si- 
cario. La voce pare ignota oltre TA- 
pennino, e data a noi dagli Spa- 
gnuoli , che quelle genti chiamano 
Farabitsleador chi va alla busca , chi 
mette a ruba il paese ; Farabusteailor 
che i Francesi e noi con essi vol- 
tammo in Farabùtt e Farabutto. 
Farabuttà. Acciarpare. Ciarpare. Accia- 
battio^. Abborracòiare. Fare le cose ab- 
borracciatamente o acciaf^atamente. 
Farabuttón. Un grande acciarpatore. Che 

fa le cose abborracciatissimamente. 
Farabuttònna. Ciarpiera ? 
Faràgin. Farràggine. 
Faraón( Giugà al), die il Maggi disse 
Mett al Taj e Mett a la bassctta ed al- 
tri dicono Giugà a prima e segonda. 



Digitized by 



Googk 



FAR ( 

Fare a chiamare e alzare(Ci\ ìa Bas- 
setta). Giocare al faraone o alla has- 
setta o a chiamare e alzare. Sp. di 
giuoco notissimo i cui teiiuini sono 
i seguenti : Dopiett. Doppietti{* hor,) — 
\ Carta di faccia o Prima carta (secondo 

TAlb. bass. in Face)^ ed è queUa prima 
carta che scuopre quegli che ticn banco 
alla bassetta — Pigliar di faccia o in 
faccia alla prima carta(secondo TAlb. 
bass. in Facer)^ e vale Dar prima quel- 
la stessa carta su cui il giocatore ha 
messo danaro — Giugà a banch fal- 
lii. Giocare a banco fallito{*^or,) ^ 6 
vale continuare a giocare benché non 
vi sia più danaro sul banco — CJiia- 
mare la carta^ e vale nominar la carta 
sopra la quale si vuol giocare. 

Faraòuna. /Ui> di Àncda, Gaiuna, ecc. V. 

Fara(jst e FaraTÓst. Ferragosto, 

Dà el faravost. Dare la mancia per 
ferragosto. Dare la mancia , il ceppo 
in occasione, che ricorre il ferragosto. 
^ Fa faravost. Ferrare agosto. Stare 
in allegria e in conviti il primo gior- 
no d^ agosto, e tra noi quasi sempre 
fuor di porta , nelle osterie di cam- 
pagna e con una buona scorpacciata 
d^ anatre domestiche, volatili atti per 
eccellenza a ferrare agosto. 

Pianta del faravost Albero 

o gran ramo d^ albero verdeggiante 
che i muratori e i manovali sogliono 
inalberare il primo giorno d^ agosto 
sulla parte più alta od appariscente 
delle fabbriche alle quali stanno la- 
vorando in segnale di ferragosto e 
ricordo durevole per tutto il mese 
della mancia che in quel di si suol 
^ dare loro dai padroni delle fabbriche 
stesse onde lo possano ben feriare. 

Faravostju. Un pò* di ferragosto. 

Fàrcor. f^ Fàlcor. 

Fard. Fardo. Così chiamasi un collo di 
caifè di commercio. ifDiz. ven. Boer. 
(iu Zurlo) dice che a Venezia si no- 
mina Cardo , ma parmi eh** egli sba- 
gli ; e parimente credo che sbagli 
TAlb. enc. nel definire il suo Fardo 9 
se pure egli non ebbe occhio a tut- 
t"* altra specie di continente che non 
è il nostro Feu^do. 

Fardèlt Picciol fanlo. f^. Fard. 

Farce, r. Ferree in Fónsg. 



90) FAR 

Farfalla. F. Parpàj \ e fig. Un farfallino. 
Un cervello fatto a tornio, instabile. 
Fàrfer. gergo. ...» . Un frate. 
Farfój. Lo stesso che Farfojón. V. 

Farfój del pedrioeu. . . . Voce di 
gergo per Confortatore, f. in Zèrgh. 
Farfojà (che anche dicesi Ciarfojà). 
Cianciugliare. Ciangottare. Ciangolare, 
Affollarsi. Parlare in fretta e frastaglia- 
tamente. Il Fai fallar degli Spagnuoli. 
Farfój àda ( che anclie dicesi Ciarfojàda). 
Affollata (Varchi Ere.), Cioè parlata 
fatta in fretta e frastagliatamente. 
Farfoj()n e Ciarfojón. Ciangottone. Bro- 
glione. Il Farfidlon ' degli Spagnuoli. 
— In generale queste voci Farfojà ^ 
Farfojaday Farfojón si prendono anche 
in senso di Tartagliare, Tartagliata, ec. 
Farinàcc. V. Farinós. 
Farinàzz (Giugà a). Fare a parlacocco ? 
Fare a farinaccio ? È giuoco che sì fa 
con sei dadi , del quale esce vincitore 
dii giugne a fare ventuu punti non la- 
sciandosi addietro alcuno de" sei dadi. 
Farìnna. Farina. Sostanza de^semi fari- 
nacei macinata o trita. 

Farinna bianca o de infarina, gial- 
da, de segra, de frajna, de luin, d^ar- 
mandol, de castegn, de pomm de ter- 
ra , de linosa o de paoell , e simili. 
Farina di grano, di granturco^ di 
segale, di grano saraceno , di lupini , 
di mandorle y di castagne, di palaie, 
di linseme, ecc. ecc. 

La Farina di grano, che al primo 
uscir di sotto la macine diccsi T'aita 
farina o Farina greggia, abburattata 
e stacciata che sia , scende per la se- 
guente scala dal fiore al peggio: 
Sémola. Fior di farina. Fiore — /''a- 

rina da cialde. 
Masnaffacc. Semolino. 
Modonesa. Curcussii o Scurcussù, 
Farinna. Farina. 
Farinetta. Codetta. . 
Oradega o Farinna matta. Folàtica. 
Dopo queste farine seguono i da noi 
cosi detti Cascamm, cioè 

Rosgiolin o Tondeli. Spolvero, Pri- 
ma farina. 
Rosgioeu. Tritello. 
Cruscon. Cruscone. 
Crusca. Crtiscone. Crusca, Semola, 
Crus.(hetta. Cruschello, 



Digitized by 



Googk 



FAR (91 

Fa el boencc in la farinna per fa 
el pan. Fare la casa nella farina. 

La farinna del dia voi la Ta tutta 
in crusca. /^. in Diàvol. 

L^ è minga farinna del tal a fall. 
Non è da lui il farlo. 

Ve tutta farinna de fa gnocch. Gg. 
È tuita fava. Gli è quel medesimo 9 
la é una cosa medesima. 

Santa Gaterinna la porta on sacch 
de farinna. F, in Gaterinna. 

Vtss 'minga farinna del so sacch. 

iìg. Non esser farina del suo sacco. 

Non essere erba del suo orto, 

Farinée. Farinajuolo, Vcndilor di farina. 

Farinèll. v. a. del Var. Mil. . . . Uom 

della mano , perverso 9 omicida. 
Farinèll. F, Beolìn e Beolòtt. 
Farinèlla. Jd. </'Èrba. F. 
Farinétta. Codetta* V infima delle farine 

che casca dal frullone {fmration). 
Farinón. Farinttccio, Il fungo mangerec- 
cio detto Agaricus ovoides da BuUiard 
e Oronge bianche dai Fr. La voce Fo- 
rinone come anche quelle di (Suif hianch 
e Cocch bianch sinonime, non sono 
milanesi ma dell' Oltrepò pavese , di 
Voghera, ecc. Però le registro per^ 
elle questo fungo, che il eh. Vittadini 
dice non esistere fra noi 9 può essere 
portato con questi nomi pavesi od 
oltrepadani sui nostri mercati. 
Farinós o Farinàcc. Farinoso, Sfarinoso. 
Farinós. Sfarinato. Aggiunto di fruite 
Farinàcciolo.Sfarinàcciolo - Farinaceo. 
scipite e che mal reggono al dente. 
Farinósa. Jd. d* Uga cìxe altri dicono 

Molinàra. F, in Ùga. 
Fariceù. s, m. Ferrajuolo, Mantello, 
Fa on farioeu a vun. fig. £0 stesso 
che Fa on taharr fig. F. 
Farioeù(o Ferioeù o Stracòtl). Jd, di 

Quadrali. F. 
Fariolin. Ferrajoletio, Ferrajoìuccio, 
FariroBÙ e Farirolln. Dim di Yaréeipor' 

cino), F. in Fónsg. 
Farisée. Fariseo (Noy, Aut. san.). Fur- 
fante 9 truffatore 9 e simile. 
Farnasìa e Vavneah. Frenesia. F.Ternesìs. 
Farrée. /'". Ferree. 
Farsa. Farsa, 

Farsètta Breve farsa. 

Farsi. T. di Cuochi Vivanda che 

consiste generalmente in carni tagliuz- 



) FAS 

zate minvitissime cotte in alcun savore 
e regalate di di'oghe o erbe odorose. 
Dei farsi però ne sono infinite spe- 
cie secondo varietà di cucine. 
Farù oFerii.|«S£(CCio/a? Gastagna cotta^ 
Farùff. ) in acqua semplice in tem- 

po che per avere più mesi d'^età è 
già risecca. In altre parti del contado 
invece intendono per Farà le casta- 
gne da noi dette Peladej , cioè lesse e 
sbucciate. Anche a Cremona le dicono 
Fami o Fervuj 9 ed hanno altresì Pac- 
crescitivo i Farulòn{Lsinc, Voc. crem.). 
Fasàn. Fagiano. Uccel noto che è il 
Phasianus gallush. 

Fasan o Gali de montagna. Fagiano 
nero o alpestre. Gallo di monte. Il Te-- 
trao urogallush. — Altri intendono 
anche il Fagiano di monte o sia il 
Tetrao tetrixL. 

Fasan de la Ghina. Fagiano di co- 
lor d'oro della China. Il Pliasianus 
pietas degli ornitologi. 

Gott come on fasan .... Stracotto. 
Yess on fasan. . . . Dicesi di qua- 
lunque vivanda che sia ghiotta, squi- 
sita, saporita in sommo grado, forse 
perché nel fagiano, come dicono i 
Provenzali, si riconoscono fino a nove 
differenti sapori. (giano. 

Fasanèlla. Fagiana. La fcnunina del fa- 
Fasànna. Fagiana, 
Fasanòtt. Fagianotto. 
Fascicol. Fascicolo, 

Fascicola. T. degli Uffiij Distri- 
buire per fascicoli, riporre una carta 
nel fascicolo contenente le sue con- 
simili , cioè quelle di pari materia. 
Fascicolètt. Fascicoletto, 
Fasénd. Facendo. 

Fasnà. v. ant. Ammaliare. Affascinare » 
Per no fasnall soleau dire in antico 
a della del Var. mil. per lodare la 
bellezza d\in fanciullo. 
Fasoeù. Fagiuolo. 

Sgorbia. Baccello. Siliqua. Gagliuo- 
/ot=.Pell. G£«do(Targ. Toz. Ist. Ill,8a) 
«= Oggin. yiso. Occhio. Occhiolino. 
Fasoeu bianch. Fagiuolo bianco. 
Fasceu che fa i cornitt longh. Fa- 
gioli lunghi un braccio(l^rg. Toz, Ist 
in DoUchos sesquipedalis). 

Fasoeu che fa i cornitt senza firagu. 
F. pili sotto Fasteu scolar. 



Digitized by 



Googk 



FAS ( 

Fasoeu de brocca. Fagiolo bianco. 
Fagiolo romano. Il Phaseoliu sfulgaris 
albus Ilei botanici. 

Fasoeu de color. Fagiolo brizzolato. 
Fascea de T aquila. Fagiuolo roma- 
no? Specie di fagiuolo bislungo tutto 
bianco , fuorché presso air ilo o sia al 
viso, sopra al quale ha qualche screzia- 
tura avvinata e sotto una macchia del 
medesimo colore che ha qualche eìmi- 
gliauza con un corpo bialato. È detto 
Pkaseolus cilindricus bicolor dai bot. 
Fasoeu de Toeucc negher o Fasoeu 
de Toggin o Fasoeu piscinin o Fasoritt. 
Fagiuolo con V occhio(l.diSt. Op, IV, 
25 e pass.). Fagiuolo dall'occhio o 
gentile» Fagiuolo turco{hc OH. dir. in 
Dolichos Catiang.) Fagiolo con V oc- 
cìiio. Fagiolo ordinario. Fagiolo in 
vainiglia(TATg. Tozz. Ist). 

Fasoeu de Spagna. Fagiuoli della 
China o d'Egitto. Così il Targ. Toz. 
Ist, in Dolichos purpureus lablab. 

Fasoeu giald. Fagiòlo giallo {T dir ^. 
Toz. Diz. in Phaseolus vulgaris luteus). 
Fasoeu gris. Fagiuolo grigiolato. 
Fasoeu majoleghin. Fagiuolo majoli" 
cìiino ( Re OH. dir.). Specie di fagiuolo 
di colore avvinato cupo quasi simile a 
quello delle nostre tazze di majolica. 
Fasoeu nan. Fagiuolo verde. Fagiuo- 
lo peloso. Il Phaseolus Mungo de\bot. 
Fasoeu negher. Fagiuolo nero. Il 
Phaseolus vulgaris nìger dei botanici. 
Fasoeu oeuv de trula. V. in CEùy. 
Fasoeu quarantin. Fagiuolo rigato. 
(Re OH, dir, in Phaseolus zebra), Fa- 
giuolo cosi detto tra noi perchè si 
semina misto col granturco serotine 
che nominiamo quarantin. 

Fasoeu rampeghin- Fagiuolo rampi- 
chino{*pisU). Spezie di fagiuolo il cui 
nome botanico è Pìiaseolus vulgaris 
voluhilis — Una specie ve n'ha che 
fa in baccelli curvi detta Fagiuolo a 
sciabola o Fagiuolo rampichino a scia- 
òola{TRrg. Toz. Diz. in Phaseolus hi- 
natus). 

Fasoeu ross. Fagiuolo rosso. Il Pha- 
seolus vulgaris ruber de"* botanici. 

Fasoeu scolar o scolarin. Fagiuolo 
senza Jilo. Il Pìiaseolus vulgaris glo- 
hosus? de'bot. Specie di fagiuolo tondo 
cosi detto dall' essere bicolorato come i 



9a ) FAS 

gli abiti de*laudesi, cioè avvinato cupo 
e biancastro. 

Fasoeu stobbiaroen* Favolo cappo- 
ne? Fagiuolo cosi detto fra noi perchè 
seminato in quei campi dove riman- 
gono le stoppie del grano già segato. 
Fasoeu vares.... Il Ph. illiricus de'bot. 
Coss'^eel? s'^cioppa i fasoeu? f^a eg/< 
giù la vinaccia? {Cecchì Rivali III, a, 
in Prov. p. 102). Jhi non dai tempo 
al tempo. Tu hai piii filetta due chi 
muor di notte. 

Insacca fasoeu . fig. Disaccolare.T^icesi 
per ischerzo di chi cavalcando non 
istà saldo in sella , ma va diguazzan- 
dosi come fa spesso chi insacca legumi. 
Mangia in eoo i fasoeu. fig. Mangiar 
la toHa in capo. Soverchi ai'c. 

Monda i fasoeu. Svisare. Levare quel- 
Pocchiolino che i làgiuoli hanno da 
un de'^capi. 

On ris e fasoeu. K in Rb. 
Ris e fasoeu minestra de fioeu , ecc. 
y. in Ris. 
Fasoeu. T. di Mascalcia. Fagiuoli. I quat- 
tro denti che nascono al cavallo ii*a 
gli scaglioni e que' di mezzo quando 
ha quattr^anui. 
Fasoeu. ger. Sorgozzone. Sergozzone. Colpo 
dato sotto il mento col pugno rovescio. 
Fasoeu. v. cont. brianz. per Gòga. /^. 
Fasoeu. gergo. Pellegrino. V, Pioeùcc. 
Mazza in eoo i fasoeu dicono alcuni 
per Mangia in eoo i fasoeu. F. 

Fasoeu. T. de'Confett Specie di 

dolci con rosolio in forma di fagiuoli. 
Fasoeu in gergo scherz. Le Jave cappo- 

niche* I granelli de"* polli. 
Fasoràda. . . . Quantità di fagiuoli colti. 
Fasorèll per Trìicantón. V. ^ 

Fasorìn. Fagioletti. Dim. di Fagiuolo. 
Fasoritt per quelli botanic, detti Phaseoli 
nani e Dolichi catiang. V. in Fasoeu. 

Fasorón Dicesi di quasi tutti 

que^ fagiuoli che si arrampicano. 
Fasorón. Schiattone. SUatlone. Fantoc-- 
ciane. Uomo atticciato , membruto. 

Bon fasorón o fasorott. scherz. Pa- 
stricciano. Buon pastricciano. Bonaccia. 
Buon postaccio. 
Fasorònna. Schiattona. Stiationa. Grossot- 
tona. Badalona. Donna atticciata. 

Ona fasorònna. fig. Una dabbenaccia 
di donna. 



Digitized by 



Googk 



FAS ( 93 

Fasoròtt. V* in Fasorón. 

Fàss. Fascio. 

Andà in fass. T. di Slamp 

Scompaginarsi alcuna nga o pagina 
o forma di stampa. • 

Andà-là o Vollà-là come on fass 
de squell. Cadere in abbandonoi^^rni 
OH, in, ly 76). Cadere abbandonata-- 
mente , cioè senza procurar di evitare 
la caduta , per difetto di forze o vero 
dì modo o tempo da ciò. 

Fa d'^ogni erba fass. Far d^ogni erba 
Min /ascio. Far d'ogni lana un peso» 
(Confondere le lance colle mannaje. 

In d^on fass. In un /ascio, Jll' im- 
bracciata, 

Fdss. s. ro. Quintale. Peso nostrale per le 
legnC) pei marmi , per le pietre 9 ecc. 
Dividesi in dieci pesi(/7ef )v ogni peso 
in dieci libbre grosse(//r gross)^ cioè 
da Tento tr once T una , e corrispon- 
de a libbre nuove decimali '^S^iSiy, 
Fass de ferr. ... È libbre piccole 
trecento, cioè libbre grosse da vcn- 
totOonce ia8 e once 16. 

Fàss. Per fass et nefas. P", in Néfas. . 

Fàss. s. m. pi. Le /asce parlando di 
quelle da bambini, f^. anche Fassa. 

Fass con la eoa. . . . Quella specie 
di fasce assai lungbe, terminanti da 
un capo augnate 9 le quali servono per 
esterna o seconda fasciatura ai bam- 
bini già fasciati e adagiati nel cuscino. 

Fass intregb Quella specie 

di fasce di pan larghezza in ogni 
loro parte ^ le quali servono per in- 
terna o prima fasciatura ai bambini. 
£1 primm ann a brazz a brazz, el 
segond patte) e fass, el terz ann a 
cuu a cuu, el quart ann quanCè mai 
t'ho cognossuu. ^. in Cùu. 

El primm ann stringb e bindej, 
el segond fass e patte j. F. El primm 
ann in Cùu. ' 

Fàss. 8. f. pi. Fasce {T>ìz. mus.)* Negli 
strumenti da arco sono le assicelle 
collegatrici del coperchio col fondo. 

Fàss. T. arch. Brachettoni, Tutte quelle 
pietre che fasciano un arco e ne fanno 
r ornato. 

Fàss Nella vanga sono le due 

lastrine anteriore e posteriore che 
assicurano V incassatura (cajja) in cui 
entra il vangile(t'a/»g/ie/0. 



) FAS 

Fàss. y, in Fa. 

Fassa. Fascia, V, sopra Fàss sig» 4-* 
Ave conossuu de fassa o Ave ve- 
duu in fassa. Jver visto in /asce. Aver 
conosciuto dalle /asce* 
De fassa. In /asce. 

Fèssa per simiL Fascia» Ogni cosa che 
rassomigli fascia. 

Fassa in eros. . . . Quelle due stri- 
sciuole di carta fra le quali incrocic- 
chiate s^ imprigionano que^ libri o 
quelle carte che si spediscono altrui 
i^on sotto coperta suggellata, ma as- 
sestate per modo da lasciar ricono- 
scere la loro essenza a chi ne ha il 
diritto. I Piemontesi la dicono Crovaia. 

^àssa. T. de^ he^. di lib. Culatta. Pezzo 

di cartone, pergamena o simile con 

cui si cuopre il dorso di un libro per 

rinforzo o sostegno della legatura. 

Mett la fassa a on liber. Acculattare. 

Fassa per Frìs. Z'. 

Fassa. Fasciare, 

Fassa. . . . Metter le legne in fastella o 
fasci, e venirle pesando a quintali. 

Fassàa. s. m La quantità, il nu- 
mero dei quintali (,/a$5). 

Fassàa. Fasciato, 

Fassacóa^ Fasciacoda, Cuojo da tener 
ripiegata la coda delle bestie da soma. 

Fassadùra. . . Quantità di quintali (/àj5) 
di legne, fieni, manmi, ecc. Per es. 
La fassadùra Tè tant. Sono tanti quin- 
iali{fMa). 

Fassadùra. Fasciatura. 

Fassàscia Fascia grande e rozza. 

Fasséra {che anche dicono Pómia). Casci- 
no. Fiscella? Asserellino ó Scandorletta 
di legno dolce, alta 27 centimetri e 
snodata , la quale , accerchiellata che 
sia, riesce del diametro di circa 64 
centimetri. Serve per contenere la 
pasta recente del cacio lodigiano in 
tutto il tempo delP insalatura e dargli 
la forma di pratica. Se ne può vedere 
la figura nella Tavola annessa al Casei- 
fido del Cattaneo. Pei cascini d' ogni 
altra specie di cacio vedi Quaccìn, Ve 
n''ha di quadrate pei caci cosi detti 
Stracchini, I Frane, la dicono Eclisse^ 
e i Provenz. quasi come noi Feisselo. 
In una Memoria d''un Sarzanese inserita 
nel Giom. agr. VI , 298 leggesi Fasciar 
fxi, voce evidentemente lombarda. 



Digitized by 



Google 



FAS ( 

Fassètt. Fascetta, Fasciticcio. Fasciatelio. 

Fossétta Quella ^cÌDlufa in cui 

fanno capo le falde de^ grembiali , dei 
cìniim(sottanin)9 ecc. 

Fassètta Parte della cuffia, ed è 

quella che forma cerchiello al capo 
e in cui s' annesta il fondo della cuffia. 

Fassètta. /Vwcettfl(*volg. tose. — Tomas. 
Sin, p. 254 )• Specie di busto usato 
dalle donne ^er contenere la vita. 
La Bustirma è busto picciolo e stretto 
alla Tita quasi simile alla fascetta. 

Stecca. ... I Denanx. Petto? 5=- a De- 
drée i» Spallitt. SpatleiU » Li- 
sta de la stecca. Guaina? ta Chignoeu 
de sora o de stomegh. ...» Chignceu 
de bass. ...» Ghignolitt sott sel- 
la. . . . — Talora alla Lista già detta 
e ai Chignosu ^e &a^5 sostituisconsi.la 
Ventrera e i Fianch, 

Fassètta o Fassetlìnna. . . . QuelPanelletto 
rientrante o quella specie di strozzai- 
tura che hanno nel loro mezzo i boz- 
zoli pestellini ( 7a gaietta camozzina), 

Fassètta 9 e per lo più al pL Fassètt. 
Fascette. BoccìUni, Cerchielli che ador- 
nano il collo delle canne delle armi 
da fuoco di minor portata. 

Fassètta. T. de* Leg. di lib. Braca. Stri- 
scia di carta che si salda sopra un 
foglio stracciato. 

Passetta* T. de^ Leg. de** lib. Imbracare. 
Imbragare. Fortificare con una striscia 
di carta incollata i- fogli laceri. 

Fassettinna. Dim. di Fassètta sig. \.^ e 4.* 

Fassìn. v. cont. br. Fascetta . Fascinetta. 

Fassinin e al pi. Fassinilt. Fastella di 
sermenti ^^ Fastella in genere. 

Fassìnna(nome collettivo). Lo stesso che 
Legna menudra. K. in Legna. 

Fassinna. Fascina. 

Asperges di fassinn. scherz. Messer 
Batacchio, Bastone, fascio di verghe. 
Benedi con Y asperges di fassinn. 
Dar le fruita di frate Alberigo^ e 
fors*" anche Far V asperges colla gra- 
nata interpretato dal Minucci nelle 
note al Malmantile per Aspergere , 
spruzzare colla scopa. 

Fassinna con la soa schenna(c/i6 

più prop. dicesi Camarètta). Fascina 

col pezzo. {stellare. 

Fà-sù i fassinn. Fascinare — Affa- 

Meda de fassinn. F', in Mèda. 



94 ) FAS 

Sta a la fassinna di Spagnoeu. Stare 
a soleggiarsi(* How — Salvad. aS)* As- 
sonnarsi. V. anche in Spagnoeu. 
Fassindn ed anche Fassinna. T. di Fortif. 
Salsiccione. FasteUoue fatto di grossi 
rami d"* albero o di tronchi d** arbo- 
scelli legati insieme, il di cui uso è 
di coprir gli uomini e di servir a 
guisa di spallette. 
Fassinòtt. fVx^ci/totto(*fior.- Rim.aut.pis.}. 
Fassìlt pi. di Fassin. K. 
FassQiùra. Fascia, 

Bell in fassoeura, bruti in camisceura 
o in piazzoeura come dicono varj cont. 
brianz. V, in Camisosùra. 

In fassoeura. In fasce. Dalle fasce. 

Dalle prime fasce. Dalla culla, V hoo 

cognossuu in fassoeura. L'alto visto in 

fasce, 

Fassón. rocefr,(hcon) usata nelle frasi 

A la gran fasson. In gran gala. 

A la san fasson. Alla libera , senza 

etichette f senza cerimonie. Alla buona, 

Fassònna Gran fascia. 

Fassòtt. K. in Legna menudra. 
Fastidi. Fastidio, Impaccio. Briga — So- 
prossicello{Pr. fior. IV, in , 98)- 

A morì se va-foeura de tuti i fastidi. 
C^w muore esce d'affanniQILonos. i4i)- 
Doo fastidi? Giuisto io forse? {Tue. 
Dav. Caus. Perd. £1, 16). 

El mestee de pret o fraa Fagott Ve 
quell de toeuss fastidi de nagott. F'. in 
Frha. 

Fastidi fati" in là. Tanto Vuomo ha 
briga guanto elli se ne ^à(Sacch. Nov, 
126). Segua il peggio che può 9 non 
voglio giiai(Monìg. La J^ed. II, 6). Ei 
fugge il ranno caldo. Ei lascia andar ^ 
r acqua alla ciana. Ne di tempo né 
di signoria ei non si dà melanconia. 
È un cacapensieii ( I testi del Cccchi, 
del Machiavelli e del Caro addotti dai 
diz. ital. in questa ultima voce^ letti 
in fonte Tautorizzano anche in signi- 
ficato di Uomo di lieta vita, che non 
vuole darsi pensiero di cosa alcuna). 
Fastidi grass od anche Fastidi col 

buttér Brighe da nulla , spine 

imaginarie, guai da romanzo. 

Ghe n* è minga de sti fastidi o GhT è 
minga fastidi.. . . Nessuno me lo potrà 
apporre ; non sarà chi il possa dire dì 
me^ mal i^apponi^ non sono qual dici. 



Digitized by 



Googk 



FAX (9S 

I fastìdi hìn quij che fa deventà 
gris o vece. / pensieri fanno mettere i 
pé camUi{ÌILoxìos; pag. 49)- I pensieri 
fanììo invecchiare (id. i65). 

L^'otnm di fastidì. K più sotto Vess 
quell di trentatrii fastidi. 

Mandà'via i fastidi. Cavare i pen- 
^im(Cecchi Dissimili I, i). 

Pien de fastidi. Pe/Mi>ra^(Ceccbi 
Dissimili I9 i)- 

Toeiiss fastidi d^ona cossa. Darsi 
pensiero o briga di checchessia. Pren-^ 
der fatica di cliecchessia, ToBÙtten min- 
ga fastidi. Non te ne dare nulla fatica, 
Toeuss i fastidi del Ross o di olter. 
Torsi gV impacci del Rosso, Aver preso 
la gabella degV impacci o Aver preso 
a riscuotere la gabella degl* impacci. 
Dicesi d'uno che si affatica per questo 
e quello i al quale proposito si suol 
anche dire scherz. che le brache 
degli altri rompono il culm, 

Yegni grass in di fastidi. Ingrassar 
nelle briglie o nelle molestie, 

Vcss in d'on fastidi. Essere in imi- 
vaccio o in una briga. 

Yess quell di trentetrii fastidi. Aver 
da pettinare o da grattare. Aver da 
pettinare lana sardesca. Avere mille 
brighe , mille molestie. Essere il Fatica 
lupinajo(ìloiìos, p. 299). Dicesi di chi 
si dichiari sempre in un mare di guai. 
Fastidi. Fastidio, Noja. Straccaggine. 
Straccliezza. Stucchevolezza. 

Fa fastidi. Venire a noja. Fare afa. 
Dar ricadìa o recadìa. Essere rica- 
dioso^ stucchevole 9 rematiccio. Veni-- 
re a fastidio. Infastidire. 
Fastidi. Svenimento, Sfinimento. Basimen- 
to — Sìncope, Sdilinquimento. Smar- 
rimento di spiriti. 

Sentiss a vegnì fastidi. Sentirsi ve- 
nir meno svenire o svenirsi o basire, 
Vegnì on jpoo de fastidi. Avere un 
po'* di basimentuccio. 
Fastidiós. Fastidioso, Hicadioso. Che da- 
rebbe noja alla noja. Seccagginoso. 
Nojoso, Rincrescevole. 
Fatai. . . . D'estremo danno, rovinosis- 
simo^. 
Fatalista. . . . Che si affida al destino, 
che ogni cosa crede per fato im- 
mutabile. 
Fatahtàa. Fatalità. 



) FAT 

Faticato, s. m. . . . . L'^aaca del pollo 

fatta vivanda. 
Fàtov. Scondito {ìlomg. Pod. di Colog. 

I, la). Fàtuo, Sciocco. Scipito, 
Fàtov. fig. Fatuo. V. Badée. 
Fàtt. s. ra. Fatto. Evento. 

Catta sul fatt. Cogliere in fragranti. 

£l fa di fatt e minga di ciaccer. E' fa 
fatti e non novelle{Lor, Med.Canz. i35.*). 
Fa faccende e non dice parole. 
' Fa on fati. Fare.de fatto o di fatto. 
Operare di subito e senza le conve- 
nienti riflessioni. 

Ohe voeur di fatt, minga di ball 
o di ciaccer. V. in Ciàccera. 

Mett al fatt. Informare, 

On fatt de fatt. Fatto singolare ^ 
strepitoso , grande^ e le più volte im- 
plica altresì l'idea di subitaneo o im- 
perioso o tristo. 

Vesi al fatt Esser informato, {sto. 

Vess on {sXi. Constare. Esser manife- 

Fàitt. Fatto* Negozio, Faccenda. Anche 

noi usiamo questa voce intiera Fatto, 

ma nelle sole frasi Fatto sta, £l fatto 

è. Fatto sta che 9 ecc. 

A cerca el fatt so se fa tort a nis- 
sun. Chi fa i fatti suoi non fa torto 
a n«f^uno(Monos. pag. 25i). 

A fò i fatt soeu se sporca minga i 
man. dà fa i fatti suoi non s* imbratta 
le mani{ Monos. p. a4a). Chi fa i atti 
suoi merita laude(C9nV Carn. II , 5)4)' 

A la fin di fatt. Al postutto. 

Andà per i fatt soeù. Andarsene pei 
fatti suoi. Andar a fare i fatti suoi. 
Andare alle sue faccende. Partirsi. 
Andar via. 

Chi rcnonzia al fatt so prima de 
morì de nissun el merita d'ess com- 
patì, o vero Chi renonzia al fatt so 
prima ch'el maeura el merita a tra- 
vcrs al coppin ona taloeura o el me- 
rita sul eoo d'ona mazzoeum. Chi del 
suo si spodesta merta un maglio sulla 
testa. Dettato di piana intelligenza. 

Dà ci falt so o el fatto so o el fatte 
so. Dare il suo pieno o il suo giusto. 

El fatt so. // suo. Il propìio. 

El trà-Via el fatt so. met. La pa- 
della dice id pajuolo : Fatti in là che 
tu mi Ugni, Suol dirsi a chi riprende 
altrui d'alcun vizio di cui sìa mac- 
chiato egli stesso. 



Digitized by 



Google 



FAI ( 

Guarda el fati tò. Guarda la, gamba. 
Abbi ocdUo. Il latino Cave ! Modo d^am- 
iDonire altrui a starsi in guardia, frolla 
largo ai canti, Abbi cura ai mochi. 
Guarda di non essere gabbato - Guar- 
da ben el fatt lo! Guai a te! 

Intrigass di fatt di olter. Entrare 
né" fatti d* altri. 

La gent de ben no cerca i fatt di 
olter. Chi cerca i fatti d'altri non può 
esser buono{l>on\ Zucca, p. 7 verso). 
A questo mondo però sciaguratamente 

H Ferchè Mvè i face nost par che tace poscem, 
n £1 pò ««TÒ l'è stvè qnij del protsem m 
(ditse il Magg. Interni. II, 3xa). 

Manda per i fatt soeu. Mandare a 
far le sue faccende{}À^^\ Malm. XI, 54). 
Porta i fatt soeu in d'^on sit. Recarsi 
in alcun luogo in petto e in persona, 
Savè el fatt so. Esser uomo esper- 
to , pratico 9 dotto nella propria pro- 
fessione; ed anche in generale Essere 
accorto , avveduto 9 e scherz. Aver gli 
occhi dietro la collottola, 

Vorè el fatt so Anna in d^on gug- 
gl^ o finna a Fultem quattrin. Foler la 
poìie sua sino aljinoccliio, V. Quattrin. 

Fàtt per Fàa usiamo noi nella sola frase 
Ditt e fatt. Detto faUo, 

Fàtt. ad. Sciocco, Dolce di sale, Antic. 
di ce vasi anche Fado, Dal lat. Fatmis. 

Fàlt. Ad, di Formàgg. f^. 

Fàtt è usato anche dalle nostre donne 
in senso di Poco torto. Per es. Coton 
on poo fatt, Firisell on poo fattin , 
Seda fatta, Fir on poo fatt. Cotone 
poco torto 9 Sinighella poóo torta. Seta 
floscia o Pelo, Filo poco torto, 

Fàtt (in genere). Scipito. Insipido. Dissa-. 
porito ; e ant. Dissapito, Discipito, 
Dissavoroso. Dissipilo, 

Fatta. Compito. Lavoro assegnato altrui 
a fare in breve tempo determinato. 
La nostra voce è usata quasi esclusiva- 
mente fra le ragazze , e fra le madri 
o le maestre che assegnano loro il com- 
pito. Quando poi le fanciulle vogliono 
fra di loro gareggiare nel terminar 
prime alcuna parte di ^sso compito 
dicono d'avere a Fa fattin, cioè da 
compiere a gara in minor tempo un 
piccioi compito di loro arbitraria as- 
segnazione— fVi^to neMizionarj ital. 
vale sorta 9 qualità. 



96 ) FAT 

Ave fenìi la fatta. Aver finito, il peso. 

Dà la fatta o Fa la fatta. Dare o 

Fare il compito. < {dizione. 

Fatta. Fatta. Foggia. Sorta. Specie, Con- 
Piagh de sta fatta. Piaghe immense. 
Persegh o sim. de sta fatta. Pesche 
tanto fatte , o di questa posta o di 
questa fatta, E per lo più col gesto 
avviviamo quella fatta più o meno 
secondo il nostro sentire. 

Fattarèll. Casello, 

Fattarèll. Novelletta. 

Fatte. F. in Fàlt. 

Fattèzz. Fattezze, (tesse gentili. 

Fattezzinn. Fattezze dilicate molto. Fai- 

Fattìbil. Fattevole. Fattibile, 

Fattin (Fa). F. in Fatta. 

Fattin. ad. , . . Un po'" insipido^ alquanto 
sciocco -ed anche... Un po^poco torto. 

Fatto. F, in Fàtt. 

Fatto sta. Fatto sta che, ecc.(Day. 
Tac. Annali lì, 4a). 

Fattdn. v. Daz. Mere, venutaci forse dalla 
Sicilia (Fa<2um<). Capitone, V, in Strusa. 

Fattór. Fattore, 

Cosse me cuntee mai fattori Che 

diavol narri f Domine che mi dici mai ? 

Famm fattor trii agn, e se faroo 

maa, el sarà me dagn. Fammi fattore 

un anno e sarò ricco (Lastri Prov.)- 

FatlcSr. T. de^ Mugn Quello fra 

gli operai d'^un mulino che abhada 
ai conti delle mulende e le dirige. 

Fattór. T. de' Calz. . . Quell'operajo che 
accudisce solo a preparare i lavori e 
a servire gli avventori. 

Fattór. ... Il cozzone di noli di vetture, 

Fattór. T. aritm. Numeri moltiplicanti o 
producentH?SiC, Arit, 3 5 verso). Radiò. 
o Fattori del pro^tlo(Brunacci Eìem, 
di Algebra). Nome collettivo dei due 
termini della moltiplicazione, cioè del 
moltiplicando e del moltiplicatore. 

Fattóra. Pattoressa. La moglie del fattore. 

Fattura di monegh. FaUoressa assolut. 
(Fag. L'aver cura, ecc. I9 io -^ id. 
Genit, corretta, i). Servigiana. Fatta- 
ressa di monache* Donna secolare che 
serve le monache ne'' loro affari fuori 
del monastero. La Sposa Tarlesca delle 
Commedie del nostro Maggi. 

Fattóra. Ad, di Vacca. F. 

Fattoria. Fattorìa, 

Fattorìn Giovan fattore. 



Digitized by 



Googk 



FA-y ( 97 

Faltortana Giovine fattoressa* 

Fattùr. 5. f. pi. T. de^ Sarti. ... I lavori 
di raccomodatura. 

Giovcn di fattur(cAe altri dicono Tac- 
conée)? .... Quello tra i varj lavoranti 
d*una sartoria che distriga i soli la- 
vori di raccomodatura, a differenza 
dagli altri che lavorano di robe nuove. 

Fattùr. s. f. pi. T. de' Cappella] 

U dare pulimento ai cappelli. 

Coldéra dì fattùr. T. de'Cappellaj 

Quella (^aldaja d'acqua riscaldata nella 
quale s^ immergono iterat.* i cappelli 
già tinti per ripulirli da ogni macchia. 
Fattura. Fattura. 

Lavora a fattura. Fare a compito. 
Stare per opera. Lavorar con mercede 
pattuita pari air opera, a differenza 
del Lavorare per mercede giornaliera. 
Fattura. T. mere. Tariffa. Fattura, Nota 
dei prezzi assegnati a chi dee vendere. 
Fattura. Affatturare, Fatturare. Sofisticare 
— Far affaUurazione o affatiuramento. 

Fattura. T. de'Cappell Ripulire 

il cappello già tinto. K. in Fattùr. 
Fatturàa. Fatturato, Affatturato, Sofistica- 
to, Alchimiato, Archindato. Adulterato, 
Fatturàda. ... La lavoratura di cui sopra. 

Fatturai. T. mere Libro su cui 

si copiano dai mercanti le fatture. 
Abbiamo Copialettere e Messale; quindi 
pare che Copiajatture o Fatturale aves- 
sero a entrare un di nei diz. ital. 
Fatturànt. ..... 

Fatturétta e Fatturinna. Lavoretto' 
Fatùra , Faturàl , ecc, V, Fattura , ecc* 
Fatùtt. V, Stramàss. {d'uno. 

Vess el so Hi-tutt. Essere iljactodo 
Fava. Fava, In Milano la voce Fava al 
singolare rappresenta esclusivamente 
Fidea della vivanda che si fa colle 
fave secche, e corrisponde all'' italia- 
na Faverella , Favata o Fava, Al plu- 
rale la voce Fav ci rappresenta esclu- 
sivamente ridea della Fava cavalli- 
na ^ miiletta o da biada dei Toscani 
( yicia Faha minor ^ Féverole de' Fran- 
cesi). Le fave fresche poi sono chia- 
mate Basgiann (rida fiaba major), e 
corrispondono a Favefiresche^ Baccel" 
li. Bugiane di varj dialetti toscani — 
Nel contado ,. e in Brianza special- 
mente, la voce Fava singolare denota 
pure la Faverella; ed al plurale Fav 
rol. II, 



) FAV 

comprende tanto la fava cavallina, 
quanto le bagiane anzidette. 

Boffa su la fava. fig. Aver voce in 
capitolo. Dar le mosse ai tremuotì. 
Dar V orma ai topi. Avere superiorità 
ne' maneggi, nei consigli e sim. 

Cuntà-sù la ^ava e la fava. Dirs 
db che Berta filò (StLcch. Nov. ii5). 
Jtecere tutta guanta la cosa come è 
andata (Yag, Un vero amore ecc, in 
versi III, 7). Dar libro e carte. Rac- 
contare per filo e per segno alcuna 
cosa ; mostrarne tutte le circostanze ; 
addurne tutte le particolarità. 

De la rava a la fava. Per filo e per 
àegno. Filo per filo. Punto' per pun^ 
io. Dall' a alla zeta. Per appello e per 
appunto. Cioè dal principio alla fine. 
Fava americana o turca. . . . Frutto 
che ponsi nel tabacco per dargli buon 
odore. 

Fava inversa o grassetta. Orlino, 

Fave tardiòle{*ssin, - Gior. agr. X, aoS). 

Fava inen9tàiì.Faverella.Favata.Fava, 

V ha mangi aa i fav de la menò 

dicono i contadini brianzuoli alle mag- 
giori tra più sorelle quando si mari- 
tano prima di essit le minori. 

Savè ona cossa de la rava a la fava. 

Saperla per appello e per appunto o 

Saperla tutta o Saperla com* ella andò 

e come ella ftetóe(hedi Op. VI, 68). 

Vorè savè la rava e la fava. Voler 

udire V intero di una c05a(Assetta I, r). 

Favaccin. Beccabunga, Beccabunga, Sp. 

d'erba eh' è la Veronica beccabungaL. 

Favée. Ad, di Colómb. V, 

Favèlla. Favella, 

Leva la favella. Far perdere la fa- 
vella. Tórre lajavella. Il nostro è un 
riscontro di buona lingua ' comune 
nell'Alto Milanese .allorché nasce che 
altri per timore allibisca e si rimanga 
mutolo. Il Lupus vidit eum prior vi- 
vente tuttora iVa i boscajuoli briantci. 
Favètta dicono alcuni il Cacao Lisbona. 

V. in Cacào. 
Favitt. s. m. pi. . . . NeirAllo Mil. si 
chiamano cosi i frutti dello Spino 
bianco che noi cittadini diciamo Laz^ 
zaritt se^vadegh, F, 

Favo Malore noto. 

Fàvola. Favola. 
Favolètla. Favoletta. 

10 



Digitized by VjOOQ IC 



FAZ ( 

Favón dicono alcuni del contado per 
Basgiànha. f^, 

Favól*. Favore. 

Farorévoi. Favorevole- Fàusto, Propizio. 

Favori. Favorire, Favorare, Favoreggiare. 

Favori. Favorire in senso dì visitare 
( visere ). 

Favorii, s. ni. // mignone. La persona in 
favore. 

Favorii, s. m. pi. per Sciantiglión. f^. 

Favorii, partic. Favorito, 

FAxàìl P^auxhall, 

Faziòn (Fa). Far prò. Far utile. Far 
vantaggio - Far appariscenza - Esser 
rendevole ? 

Fazionàri. Sentinella — Chi è in /azione. 

Fàzzil. Facile — Molte nostre frasi nelle 
quali entra questa voce si voltano io un 
solo aggettivo italiano, come Faizil a 
inarsci. Corruttibile; a inrabbiss. Irasci- 
bile; Fazzil de impara. Apprendevole ; 
a inainorass. Cascato jo; de trova. Binr 
venibile; de fa. Facitojo. Fatievole, ec. 

¥àzziì. Probabile. Ve fazzil ch^el vegna. 
Probabilmente verrà. 

Fazzil ila. Facilitare, agevolare. 

Fazzililàa. s. f. Facilità, Agevolezza. 

Fazzilitàa. partic. Facilitato. Agevolato, 

Fazzilitón. Ser agevola? Ser accomoda? 
Uomo indulgente e facile. Corrisponde 
al Commode de'* Francesi. 

Fazzolètt. Fazzoletto, 

Fazzolett del ctAÌ* Fazzoletto da collo. 
Pezzuola da collo. V, anclie Mantel- 
lìnna, Collàrinna, Colar o Golar, Go- 
riglia, Fisciù, ecc. 

Fazzolett del nas. Moccichino. Pez^ 
zifola. 

Fa fazzolitt. Córre altrui la pezzuo- 
la , cioè rubargliela ; intomo a che 
è necessario avvertire che una parte 
della gralanteria de^ nostri masgalani 
del secolo scorso consisteva nel la- 
sciarsi nscb'e delle tasche deretane 
deir abito un buon terzo di pezzuola, 
il quale terzo rendeva men difficile che 
oggidì il negozio de"* ladroncelli di cal- 
ca; galanteria che ha ripreso alcnn 
pò* di vita fra noi dal i856 in qua. 

Fazzolettàda. Pezzolata{Hior. — Tomas. 
Sin,), Quanto può capire di roba en- 
tro a un fazzoletto. 

Fdzzolettàda Colpo dato con 

fazzoletto 



98 ) FED 

Fazzoiettàsc. Fazzolettaccio{tsicez. Piov. 

Ari. p. 60). Pezzolaccia(*&or, — Tomas. 

Sinon.), " (letto. 

F azzoìeilìn. Pezzoluecia. Dìm. di Fazzo- 

Fazzolettin del nas.Benduccio.QvtfiWo 
che 3* attacca alla cintura ai bambini. 

Fazzolettin del colL PezzolinaCGor. 
— Tomas. &*/i.). 

Fazzolettin del sudor. Pezzohu:cia 
(•fior. — Tomas. &n.% e nobilmente 
Sudariolo. 
Fazzolettón. . . . Gran fazzoletto, graa 

pezzuola. 
Febràr(<?/i« i contad. dicono Fevrée con 
voce romanza Febrér), Fehbrajo. Il 
Burchiello nel suo Son; 21 a lo disse 
anche Antimarzo, 

Genar fa i poot e febrar je romp. 
Gennajo fa il ponte e febbrajo lo roai'- 
^e(Monos. , pag. 378). 
Fechìn, ecc. K Fachìn, ?cc. 
Féà. Fede. Fe\ 

Avegh la vera fed. Stare a buona 
speranza. Sperar bene. Abbia la \eraL 
fed. Spera pure, yivi pure in tale spe- 
ranza. Datti pure a credere a questo 
modo; e per lo più ironicamente. 

Boeugna fa on att de fed 

Non mi par vero ancorché io lo veg- 
ga ; mi par incredibile ; e' ci vuole 
gran fede per crederlo. Dicesi d^o- 
gni cosa che rassembri fuor di natura 
o possibilità. 

Faa con la fed de povertaa. V. in 
^ overtàa. 

In bonna fed. Lealmente, Schiettéz- 
mente. Secondo onestà. In buona ere-- 
denza. Senza pensare più in là. 

Manca de fed. P''enir manco ad al- 
cuno(CBTO Am. post, 90). Esser fedifror- 
go. Romper la fede ad alctuio. 

No ave né legg né fed è come Vess 
on'^anema de caiton. f^. in Anema. 

No capi o No cognoss né legg né fed. 
r, in Légg. 

Omm de bonna fed Uomo 

che agisce schiettamente, lealmente, 
senza ombra di malizia — Talora an- 
che Credenzone. — Homme fait à la, 
bonne foi, Homme qui vit bien à la 
bonne foi dicono anche i Francesi. 

Tira a la fed. fig. Trarre il fio della 
camicia ad uno. Far piegare al prò- 
prio desiderio^ 



Digitized by 



Googk 



FEL ( 99 

Vess minga on artico! de fed. fìg. 
Non essere articolo di fede {Fticìoì. 
Diif. Prop, 9 pag. 3 verso ). 

Vess on articol de fed. ù^. Essere un 
articolo dijede(?ttu, Poet. Il, xxn, t5). 

Féd. Attestato. Fede(j^sca: Now. io.'). 
Breve scrittura colla quale da chi n^ha 
il diritto si faccia fede di nascite, 
nozze, mortorj, probità» povertà e siin. 

Féda(A). y. Fededìniìa. 

Fedascia. Superlativo di Féd die vale 
Fede viva , grandissima ^ e si usa par- 
ticolarmente nel dettato: Var pussce 
on poo de fedascia che tutt el lega 
de la barcascia. La fede è buona ^ e 
salva ciascuno die V ha — La fede 
nostra ci fa M^i(Sacch. iVòv'. 6o). 

Fedediaaa(cA£ ancìie dicesi A feda o 
Affeda). Affé. Affé di Dio.^Jededicci. 
Alla buona fe\ Esclaq) azione. 

Fedél. Fedele — Figc Gompass fedel. . . . 
Compasso di squisita esattezza. 

Fedelón e sch, Fedelòlt. Fedclacdo. 

¥càe\lk?i. Fedeltà, Fidatezza. 

Fedinna , ed andie Fedinna criminal. . . 
Attestazione dei non essere inscritto 
sui i-egistri delle sentenze criminali. 

Feghèj o Fighèj dicono i Brianzuoli ed 
andte alcuni f^eròanensi quello che 
noi chiamiamo Grìueu de nos; e Andà 
in feghe;, TAndà in griceu. f^. in Griceù. 

Fél(la). Il fiele. Il f eie; e lat. Felle. 
Mangia fel e spuà mei. y. in Mèi. 
Ycss senza fel. fig. Non averfefe. 
Essere un buon postaccio , una pasta 
d'' uovo 9t un uom di miele. 

FeHce e Felicitàa. r. Feliz» Felizitàa, ecc. 

Feiipp. Filippo. Nome d'^uomo e moneta. 
Giugà al felipp. F". in Giugà. 

Felìpp(o Tassa personal), v. cont. Testa" 
tico* Decima sopra la testa, 

Andà-giò del felipp. fr. cont.... Avere 
oltrepassato Tanno sessantesimo del- 
Tetà sua; perchè età in cui si cessa 
di pagare il testatico. 

Andà in sul felipp. fr. oont. . . Cor- 
rere sui quattordici anni; perchè età 
in cui s^incoroincia a pagare il testatico. 

Vess in sul felipp. fr. cont 

Avere compiuti i quattordici anni. 

Felipp [che anche dicesi Dòtta , Roman- 
zinna , Lavada de eoo , Merémur , Filà- 
da, on Cicolàlt).Cappe^o. Cappellaccio, 
Gridata, Rabbuffo, Lavata di capo. 



) PEL 

Dà on ft^lipp (cAe nel Basso MiL di- 
cono Mett-giò on ciocch). Dare una bot" 
tata un rttjffaccio(*io3c* -r- Toma.i, 
Sin.). Riscaldar gli orecchi a uno. Dare 
un cappdlo o un cappellaccio. Cantar 
la zolfa o la compieta o il vespro, ifn- 
sentar la scuffia. Scapponeare, Fare 
una risàacquata o un rovesci^ . BisciaC" 
quar un bttcato. Spellicciare. Rabbuf" 
fare. Dare una buona stregghiatura o 
una buona mano di stregghia , una 
spellicciatura , un grattacapo , una 
canata % un lavacapo o una lavata di 
capo. Dare o fare una sbarbazzata, 
una ripassata 9 un rivellino , una ram- 
manzina o ramanzina^ un romanzo ^ 
una sbrigliata 9 una gridata 9 un rab- 
buffo 9 uno scappone 9 una scopatura^ 
Mezz felipp.... lUnleggier rammanzo. 
Tosù-sù on felipp comifò. Toccai^ 
una ramanzina di musckio{hedì Qp. 
VI 9 a38) o una buona ripassata ^ ecc. 

Felippa Ferro che 1 contadini 

si mettono a cintola in sulle reni per 
raccomandarvi il pennato o il pota- 
tojo allorché lavorano in sulle piante 
o intomo ai pali o sira*, tenendosi 
cosi l'^astuccio da coie{codée) per di- 
nanzi» e per di dietro la Felippa, 
In alcune parti del contado 9 come a 
Gorgonzola questo ferro chiamasi il 
Pover omnu — Riscontro singolare. è 
questo che i Provenzali chiamano Fe^ 
lipoii il grimaldello; e per verità 
questa nostra Felippa cQiUadinesca ha 
una delle sue gambe che non rassem- 
bra male a cosiffatto strumento. 

Felippa o Fdìppola o Feripola dicono 
varj Brianz, per Lughèra (^favilla.) V. 

Feliz. Felice. Anche noi però diciamo 
Felice in alcune frasi, come vù^ Felice 
o Felicissima notte e simili. 

Felizitàa. Felicità. Prosperità. 

Fèlor e Fcloròtt /sier Ferola e Ferolòtt. f^. 

Félpa. Felpa. Drappo di seta o lana o 
pelo di capra con pelo lungo. 

Felpàa. ad. . . . Aggiunto di panno 9 stoflTa 
o simile lavorata a foggia di felpa. 

Felpètta La felpa di pelo più 

corto, non tanto fitto ne pesante. 

Felpón La felpa di pelo assai 

lungo, fitto ^ pesante. 

Fèlter. T. di Cartiera. Feltro, Pannello* 
Quel pezzo di panno lano su cui 



Digitized by 



Googk 



FEN ( I 

meltesi ogni foglio di carta di mano in 

mano che si va cavando della forma. 

Feltra. T. de* Cappell. Feltrare, ' 

Fellràda. T. di Cartiera. Feltro? Pannello? 

Una pezza intiera di feltro. 
Feltrìn. T. di Cappell. ... Il cappello 

di prima informazione. 
Fellrón. T. di Cari. Colalo/a. 
Felncca e Feluchèlla. Berghinella, Donna 

d'assai ironie. 
Felùcca. v. cont. br, per Bericchln e 

Scròcch. r, 
Fèmena in sig* di Donna o Femmina 
non è usalo nel nostro dialetto cit- 
tadinesco^ sentcsi però ancora nelle 
bocche dc^contadini dell'* Alto Milanese. 
Fèmena. JiL di Ciàv. K. 
Fén. Fieno. 

Avegh-giò i fen Aver Terbe 

segate e sparse in sui prati a oggetto 
di farle seccare e infienire. 

Bui el fen Il maturar del 

fieno di cui vedi Bui sig- 8.^ 

£1 temp di fen L"* epoca del 

falciare i fieni. La Fenaison dei Frane. 

Fa i fen. Tagliare o Segare il fieno. 

Fa o paja o fen. fig. Cavarne cappa o 
mantello. Venir a qualche conclusione. 

Fà-sù el fen. fig. f^, sotto Tajà-sù ecc. 

Fen brusaa. . . . Quel fieno che per 
eccessivo ribollìo rincuoce, annerisce 
e tormi pastura velenosa alle bestie. 

Fen de mala sort. . • • Mezzofieno 
(Gior." Georg. II, aaS ). Fieno non 
tutto tale, ma misto di stoppie. — In 
alcuni luoghi del Fiorentino chiauiasi 
Fieno lupino certa specie di fieno spon- 
taneo non inutile per le bestie vaccine. 

Fen fojos. Pieno Jbgliuto, 

Fen gross. Fieno grosso. 

Fen in andanna Quell'erba 

che riesce abbattuta per istrisce in 
sul prato dalla banda della costa del 
ferro dc^ falciatori , e che ivi rimane 
segno d^ogni falciata data di passo in 
passo in sino a che non se ne formino 
le strisce, prima ammontate continue 
lungo tutto il prato (andann de fen o 
Fen in andanna pure), e poscia divise 
in maragnole (capelUnn o maragnosù). 

Fen magengh. Fieno maggese. Fieno 
della prima segatura de'prali che a se- 
conda delle stagioni suol tagliarsi sul 
finir di aprile o a' primi di maggio. 



co) FEN 

Fen mezz seccfa. V. sotto Mezz fen. 

Fen ostan o agostan.' Grumereccio^ 
Gomareccio. Fieno serotino e più corto 
del maggese, ed è la seconda raccolta 
del fieno solita farsi in luglio o ai 
primi d'agosto. 

Fea piovattaa. Fieno fracido o fra- 
'dicio* Fieno imbevuto d' acqua per 
esservi caduta sopra troppa pioggia. 

Fen quarti roeu o àssol. Quartiro&ù... 
Fieno che si taglia per la quarta 
volta. K. Quarti roeù. 

Fen secch. Fieno secco. (lana. 

Fen sortumos. Fieno grosso di pan- 
Veti strasii. Fieno arido. 

Fen sultil. Fieno sottile. 

Fen terzoeu e assol, Terzoeù 

Fieno che si taglia per la terza volta. 
r. in Quartiroeù. 

Fen verd. ... B'ieno non ben r asciatto. 

Incontra on carr de fen. Bg. . . . 
Incontrare un qualche grave ostacolo; 
e per lo più si dice scherz. Coss' ed? 
et incontraa on carr dejrn? a rim- 
provero contro chi torni troppo tardi 
a noi da alcun luogo dove sia ito per 
nostra commessione^ e talvolta anche 
in ischerzo per indicare V incontro di 
una coppia amorosa. 

Mangia el fen in erba. F". in Èrba. 

Mett a fen o a praa. F". in Pràa. 

Mezz fen L'erba falciata a 

fieno, mezza risecca e mezza no. 

Ogni busca per lu Tè on carr de 
fen. F. in Càrr. 

Oh ben oh ben la mascarpa la paga 
el fen. fig. ... Si suol dire per accen- 
nare d'averla calata a chi ce l'accoccò 
già primo, d'avere resa la pariglia; 
per dire Sia pan per focaccia. 

Scoldass i fen Il primo gi^ado 

del ribollire de' fieni. F. Bui sig.. S.* 

Taj à-si\ el fen. posit . Tagliare il fieno. 
Segare il fieno, 

Tajà-sù o Menà-sù el fen o Fà-sù 
el fen o Restellà-sù el fen. fig. Ita- 
strellare. Fare un rastrelloiKttibrsL Fiir- 
to III, 5). Fare agresto. Fare del ben 
bellezza y cioè Far del bene assai, 
cioè lucrare e per lo più poco onesta- 
mente neir amministrare checchessia. 

Tegni i besti a fen. Governare a 
seccume^ cioè a foraggio secco(Giorn. 
Georg. II, aaa). 



Digitized by 



Google 



li-EN ' ( IO 

Trà-giò i andanti de fen. . . . Spai"- 
pagliare le slrUce delPerbe falciate 
e ammontafe per sovTolgerle e r»- 
sciuttarle a dovere. 

Vessegh aittoma di carr de fen. 

fìg Esservi ostacoli grandi. V. 

anche'' sopra Incontra on carr de fen. 
Volta el fen. . . Andar sovvolgendo 
l'erbe da fieno onde s^asciughino bene 
per intiero. I Francesi dicono Faner^ 
come Faneur e Faneuse i lavoratori. 

Fenàda. Ricolta del fieno. • 

Fennggià. T. coni. . . . Lavorare a sov- 
volgere, ammontare, rastrellare e in- 
carrare i fieni. 

Fenaggión. T. cont Quel fiena- 
iuolo che attende col forcone ad am- 
montare e «icurare i fieni sulle carra. 

Fencìsc. f, Infencisc. 

Feneàn. Scioperato. Sparapane. Perdi- 
giorno. Scioperone. Scioperonaccio. Poi" 
troncOzioso. Infingardo. Il £r,Fainéant. 

Fenèster dicono alcuni per (Eucc del 
mors. y. in (Eùcc. 

Fenè5{T9L{epià coltam. FmhXvSi). Finestra. 
Spali. Stipiti ta Scoss. Davanzale a* 
Squarc. trombatura » Architrav. Jr" 
chitrave. Lus. Vano » Pedegalla. ...» 
rè. Base7 Zòccolo? (Scarpón. 

D*on bus fa ona fenestra. K. in 
O mangia sta mcnestra o salla sta 
fenestra {die anche dicesi O el dent 
o la ganassa). J questo fiasco biso- 
gna bere o affogare ^ ed anche sem- 
plicemente bisogna bere. Dicesi a chi 
siano proposti due partiti e che sia 
forza accettarne uno. 

Sta a la fenestra. Starsi o Slare alla 
finestra, TrsiiXener\ì3Ì affacciato; e fig. 
Star allafinestraiVvn. Poet II, xiir, 4 1 )• 
Star a vedere; non agire in checches- 
sia, e piuttosto slare aspettando il 
bello o il destro d^agire ; il che fam. 
direbbesi talora Stare sulle volte. Aspet- 
tare il porco alla quercia o la palla 
che balzi. 

Fenestra. Finestra, Foro quadro o qua- 
drilungo che hanno in sé certe pin- 
zette , alcuni coltelli da cucina , i 
grossi infila<sippj e sim. i quali di- 
consi j^erciò fincstrati. 

Fenestra. Cruna ^ e ant. Cruno. Foro 
deir ago — Romp la fenestra d^ ona 
guggia. Scrunare un ago. 



i) FEN 

Fenestroeù. Finestrino, Finestrina. Fine- 
strello. Finestrella. Finestretta. Fine^ 
Fenestrón. Finestrone. (strazza, 

Fenestrorin. Finestrùcolo. 
Fenì{che i pia colti dicono piti volen" 
tieri Fini), Finire. Terminare. 

Dove vaia a fenì mo? Voue mo va 
ella a parare o a fiorire o a battere? 
Dove ha a riuscire questa involtura? 

Fcni la rocca. Sconocchiare. 

Fenilla-foeura. Definire. Dissolvere. 
Accapezzare. Spedire. Sbrigare. Finir 
la £2a/iza( Lasca Sibilla I, i). Conchiii- 
dere definitivamente. 

Fenilla o dent o foeura. Finirla, 
Farla finita. Cavarne cappa o mantello. 
O fatto o guasto. 

Fenilla pù. Dtire la stura al truo- 
go/o ( Za n. Hag. civ. Il , 4 )- Porla sul 
liuto. Menare il can per l'afa. Fare 
una lunghiera o una lungagnola. 

Fenimmela nen ! L' è vora de fenil- 
la . Su viafiniscila ! Fallafinita. Mai più. 

Ohe Toeur on sesin a coroenzà e on 
sold a fenì. V. in Sesin. 

In sul ftni de la giomada e sìm. 
In sullo o Nello, scorcio del dì, ecc. 

V è fenida. fig. Siamo spacciati o iti 
o per le fratte. Facciamne il pianto. 
Non è più rimedio. La pietra è caduta 

' nel burrone. 

V è minga nanmò fenida. fig. Dmni" 
melo morto. Il dì loda la. sera. F? non 
è ancora andato a letto chi lia ad avere 
la mala notte. 

No soo come Tandarà a fcni. Non 
ne vedo f€g/io(Bib. Caland. V, 9). 

Vuj on poo sta a vede come la va 
a fenì. Vo* vedere a quel che si riduce 
la cosa{Bìh. Cai. Ili, 11 e V, 5). 

Feni vun. Finir uno. Ucciderlo. 

Fenida. Ad. di Gà. r. 

Fenli. Finito — • Faa e fenii. Frase che 
aggiungiamo per lo più in mal senso 
a sostantivi corrispondenti ^ come per 
es: Birbo n faa e fenii , Asen faa e fe- 
nii , Giorgia fada e fenida , ecc. a de- 
notare eccellenza di tristizia^ scioc- 
chezza o simili. Briccone della terza 
cotta 9 He degli sciocchi e sim. 

Fenìl. Fienile. 

Busserà. Tromba » Usell. Abbaìno. 

Feniroiù... . . Spezie di cinipe(c^p^), 
insetto che fra noi trae questo nome 



Digitized by 



Google 



FER ( I 

dal suo frequentare x fienili allora 
quando vi sta il fieno raccolto di frc« 
SCO. Anche i Bolognesi lo dicono Fnaròl, 

Fenitiva(A la). Alla fine. A cose finite. 
A cose definite — In fin delle fini. Per 
conchiuderla, A rwfar/a ( Nelli VAstr, 
1, 8 ). Infine infine{hedì Op. VI, io5). 

Fenìzión. Fine. Finita — Definitiva» 

Fenòcc. Finocchio , e propriamente Fi- 
nòcclUo .dolce. Finocchione. 

Erba bonna fa fenocc. F. in Erba- 
bònna. 

Fenoccìlt. T. de' Ciambell Con- 
fetti che si nominano cosi dal seme 
di finocchio onde sono regalati. 

Fenòmen. . . Fra noi solo ì dotti usano 
la voce nel senso fisico ; i più se ne 
valgono per indicare ogni singolarità 
in genere. Ve on feuomen. La è cosa 
singolare. È mirabile a difesi. È una 
maraviglia. 

Fera. Fiera, Mercato di gran momento 
i cui maggiori pagamenti sono per a 
tempo o cambiar). 

Angonia de la fera. Fiera fredda. 
Scorcio di fiera. Dicesi ^quando i ne- 
gozj della fiera sono intorno al fine 9 
e la roba avanzata suol darsi più a 
piacere di quando essa è in fer- 
vore. 

Ganzon^ o Mincionà la fera. Min" 
thionar lafiera. Corbellare, canzonare. 
Fera de pocch. ^. Ferascioeùla. 
In sul bon de la fera. Mentre la 
fiera è in fervore. 

Fera noi diciamo per estensione anclie al 
mercato qualunque; per es. In di paes 
de fceura j>er la soa festa gh'han sem- 
per on poo de fera, in contado non 
è sagra senza un pò* di fiesia(cioè 
senza un po^ di mercatuzzo di robe 
per lo più mangiative solite vendersi 
lì presso il luogo dove si fa la festii). 
Ai fest de Pasqua gh^è la fera di na- 
ranz in Borgh di Grazi e a SanOAn- 
gioì. Per Pasqua d'uovo è gran mer- 
cato di melaroftoe alle Grazie e a 
Sani^ Angelo. A la Madonna dUgost 
gh' è la fera di melon a San Cels. Per 
V Assunta è la festa de* poponi a San 
Celso — y. anclie Porta a cà de fe- 
sta in Fèsta. 

Forestee che ven a la fera. F*e- 
raiòlo(Gior, agr. Vili, i86)- 



02 ) ^ FER 

Feràsc dicono in alcune parti del contado 
il Migliaccio (ssiugìie porcino colto). 

Ferascioeùla e Ferascioeùra. Fierùcola. 
Fiera di poche tavole ? 

Feri. Ferire» Far ferita ; e cont. Fedire. 
Feri in del viv. Ferir nel cuore. 

Feri assol. e Ferì la fantasia, met. Fe- 
rire. Pugnere. Destare. 

Ferìda. Ferita — Trafitta. 

Ona ferida de nagoll. Ferita Jievis- 
sima , e scberz. Una leccatura. 

Ferii. Ferito. / 

L'*è mej \ess ferii che mori. fig. È 
meglio cader dalla finestra die dal tetto. 
Tra mort e ferii gfa^è nissun. Non 
ci s^è azzoppata una ^a//ùui(Cecchi 
Assiuolo V, 3). Dicesi per indicare 
non esser in efletto succeduto a un 
batostarsi di parole alcun guajo cor- 
rispondente. In molti casi tradurrrh- 
besi anche per Assai parole e poche 
lance rotte — Autant de morts que 
de blesséz il ìCy eiU qu'un cìtapeem 
perdu (^oax DicL). 

Fericeù. Ad. di Quadrèll. F. 

Ferìpola o Felìpola. r. Lughéra. 

Fèria disse il Maggi(Vl , go) per Fèrola. /'. 

Férma, s. f. Fermo. Nome proprio usato 
nella frase Vess devott de san Fer- 
' ma. Far lepre vecchia o la lepre vec- 
chia. Dar addietro quando si vede 
qualche pericolo. 

Férma, s. £ . . . Appalto delle gabelle 
e rendite pubbliche. 

Ferma mista. • . . L^ appalto di cui 
sopra, diverso però da esso in questo 
che dove T appalto semplice è tutto 
affidato alFappal latore (fisrmér) , Tap- 
palto misto va a comune coi Dele* 
gati del pubblico. F. Ferroér. 

Férma, s. f. Fermata. Ferma. V. Fermata a. 
A la ferma. T. di Caccia. A fermo. 
Can de ferma. Can da fermo. 

Férma, s. f. Ilfetmo, Nelle arti dicesi 
così quel coso qualunque che eniri 
nc^var] lavori a oggetto di raltcnere* 
fermare, assicurare. Per es. Zainér 
con la ferma. Cerniere col fermo. 

Ferma. Fermare. Itattenere -Fevmik ferma 
.... Grido che si meUk onde siano rat- 
tenuti cocchj o cavalli correnti a furia- 
Ferma. Arrestare. Menar prigione — Fer- 
ma ferma. . . . Grido d^accorruomo 
onde s"* arresti alcun delinquente* 



Digitized by 



Googl 



e 



FER (i 

Ferma. Calzare. Imbiettare. 

Ferma. T. di Caccia. Puntare(Sei\] Or- 
nii. IT, i68). Fermare. 

Fermàa. Fermato. Fermo. Posato. 

Fermacadènn. T. d'Orolog. Fermacorde. 
Gitardacatene. Pezzo deiroriuolo da 
tasca» che serve a far sentire il fia 
della cateoa quando è finita di caricare. 

Fcrmàda. Fermata. Posata. Pausa. Re- 
sta. Ristata. Rimasa. Indugio — Fer* 
matura. Feìmamento. 

Ferniàda- T. Mus. Fermata. Corona. 

Fermadinna. Soffermata. Breve fermata. 

Fermàj. Fermaruota? Quadruccio di le- 
gno, sporgente fuori d'Hutto dei quarti 
superiori della ruota da campane, il 
quale urtando in un dato punto fer- 
Aa la ruota e non permette che col 
suo aggirarsi possa riuscire a dan- 
neggiare né la campana , né sé stessa , 
ne la risonanza. 

YermaménX. Fermamente. Di o Perjermo. 

Fcrniantipòrt Bietta o Dado di 

legno coi quali si calzano da piede 
gli usciall{fl7J/iy7orf) perchè stiano aper- 
ti quel più che un vuole. 

Fermapè Sp. di cordone che 

sta nello così dette Ramp d'assi, f^. 
in Rampa sig. 3.** 

Fermass on poo. Sostarsi. Soffermarsi. 
Fcrmass in sui duu pee. Fermarsi 
o Arrestarsi di botto o di colpo. Fermo 
le piante ristarsi. 

Fermass lì(i prezzi). Riposare. (vàa. 

Frrmént. Fermento. Fermentazione, V. Le- 

Ferniènt. ^%. Un bolli bolli. Un subbuglio. 

Fermenta. Fermentare. Lievitare — e lig. 
Ribollir^ Fermentare. Agitarsi. 

Fermentàa. Fermentato. Lieuilato — Birra 
fernientada. Rirra ben fermentata, 

Fermenlazión. Fermentazione, 

Fermér. Appaltatore. Chi s'assume l'in- 
carico di riscuotere a suo rischio le 
gabelle o le rendile pubbliche pa- 
gandone allo Stato una determinata 
somma di danaro. Questa voce Fer~ 
mer (d' origine franzese Fermier) ci 
era nota anche nel secolo decimose- 
sto, però con più ristretta ed esclu- 
siva significazione , giacché i nostri 
governatori chiamavano negli editti 
ìiskYiv^m Amministrator del sale quello 
che negli editti spagnuoli chiamavano 
Fermerò, 



o3 ) FER 

Fermézza. Fermezza, Saldezza. 
Férmo, s. ra. Arresto. Arrestamento, 
Férmo o Férma, ad. Fermo. 
Canto fermo. Canto fermo. 
Sta fermo. Statti fermo. Sta fermino, 
Vess mai ferma in d' on sit. Non 
asfer regno fermo{^icc. Mart. Let. 82). 
Fernabùcch. Fernambttcco. Legno del 
Rrasile, Ferzino? Il legno della Cce- 
salpinia echinata de' botanici. 
Fernesìa. Frenesia. Farnetico. Delirio, 
Andà in fernesìa. Dare in frenesia. 
Vess in fernesìa. Freneticare. Far- 
neticare. 

Férol. 5, f. pi Nella conocchia sono 

dette cosi tutte le liste in cui venne 
fesso il boccinolo penultimo verso 
il campo per darle l'uzza o il ventre 
su cui sostenere la materia da iilìtrsi. 
Fèrola, v. brianz. Verga. Dal latino 
Ferula. In oggi però comunemente i 
Brianzuoli dicono Fèrola o Feria e 
FerolòU quello che i più de' panieraj 
dicono Tàpp. V, 
Fèrola, v. br. Tondino da inferriate. 
Feronié. . . . Specie di borchia o fer- 
mezza onde alcune donne usano ma- 
scherarsi la fronte sconciandola se * 
candida e liscia , coprendone la rap- 
piastratura se d' altra fatta. 
Fèrr che anche fa scritto Faèr. Ferro. 
Questo metallo tal quale si ricava 
dalla fevrìer2L{cava delferr) dicesi 
Minerà de ferr. Ferro nativo. Vena 
da ferro. Miniera di ferro ^ della 
quale la non buona che a fare 
polvere da scritto dicesi con par- 
ticolar nome Agro; 
Dalla ferriera • sia dal forno (fusinna 
grossa) ove si cola esce in 

Ghisa o Ferr crud. Ferraccio{Jw%. 

Viag. Ili, 189). 
Ferr rccolt. Cotticci di ferro. 
Massellato e agguantato colla presa 
( tenaja destesa ) che sia , il ferro 
dalla incudine ove si lavora o dal 
maglio (maj) ove si batte esce in 
Ferrarezza. Ferrareccia. Ordinario 
di ferriera (cioè ferramenta gi-os- 
se come vanghe , vomeri , scu- 
ri , ecc. ). Modello* Lamiera, V. 
anche Serciarìa, ecc. 
Ferr lavoraa. Ferro sodo (Tariffe to- 
5cane)j e questo 



Digitized by 



Googk 



FÉR ( 104 

Dal distendino (may de sutiiladora) 
esce in 

Ferr pialt. Ferro sodo guadro (Tar. 
tose.)- Ferro in lastre é 

Ferr tond. Ferro sodo tondo. Ferro 
in verga (Tar. tose.)- 

Ferr oUngoI. Ferro sodo bistondo 
(Tar. tose). 

Ferr piega a. Ferro eapivolto (Tar. 
tose.)* Capivolto, CapivoUino, 
Dal distendino ( ciodirosida ) esce m 

Ciodarla. Ciùodagione, Chiovagione. 

Slacchetlaria. Bullettame -Mezzana 
delle quali vedi le sedi alfabetiche. 
Il Ferro sodo quadro (Jerr piati) si 
specifica poi secondo spessore cre- 
scendo in 

Laniera de Svezia o de Germania. 
Labaldone, Lamiera fina e grande. 

Lapiera bressanaa. Lamiera a colpii 
cioè quella non bene spianata su 
cui veggonsi i colpi del martello. 

Lamerìn. Lamierino» Lamiera per 
tubi da stufe e simili. 

Lamera. Lamiera. Lamiera mezzana. 

Lameron. Lamierone» Lamiera da 
fabbricar padelle, seghe e sim. 

Ferr sor o sold 

Lamierone grosso due punti del 
braccio nostrale, di cui si fa uso 
per casse di ferro, scrignoni e sim. 

Mojetta. F. in Piatta lissa. 

Reggia o Resgia o Rasgia d^asnin. 
HeggeUina ? ( mulo ? 

Reggia de muli. Lastra da ferii da 

Reggia de cavali. Lastra da ferri 
da cavallo? 

Piatti nna. Quadruccio stiacciato. 

Nastrino, Nastrino per grate, 

Bastardo — Bastardino. 

Quadrett. Quadretto — Quadruccio 
— Quadruccino. Noi lo dividiamo 
in Quadrett de duu, trii, quat- 
ter, ecc, pont^ cioè in Quadruccio 
da due 9 tre, quattix) punti di 
braccio milanese o sia da otto , ^- 
dici ^ sedici millimetri di spessore. 

Quader. Quadro di cui le magone 
toscane noverano più specie, co- 
me Quadro grosso 9 Quadro da 
letti. Quadro di soldo. Quadro di 
soldo e crazia, Qtuidro di quat- 
tro quattrini. Quadro di disten- 
dino, ecc. (e notisi che il soldo 



) FER 

di braccio fiorentino è diviso ia 
tre quattrini, ed equivale a circa 
tre centimetri). Noi invece specifi- 
chiamo il Quader dal numero 60 
al 56 decrescendo, e diciamo Qua- 
der de 60, de 5g, de 58 , ecc. 
Terenghetta. Reggetta? 
Terenga o Terenca o Tarengb. Beg- 

gettone ? 

Resg, Spresg, Vergell, Vergellon. 

Vedi njelle respettive sedi alfab. 

Il Ferro sodo tondo e bistondo (ferr 

tond e otangol) si specifica secondo 

grossezza crescendo in 

Ramctt cruiF, Ramett rccott, Bordìo- 
nin , Bordion suttil, Bordion mez- 
zan, Bordion gross.f^. in Fil de feri-. 
Tondinella de la prima. Tond0^, 
Verga sottile per ferri da portiera. 
Tondinella mezzanna. Ferga onUk* 
Tondinella grossa. Ferga grossa. 
Tondi n de 1 finna al 40 9 cioè da 
uno, due^ tre pezzi, ecc. per ogni 
fastello. Bastoni? 
Del ferro eapivolto si hanno 

Vergella piegada. Ferzello eapivolto, 

Capivolto, 
Tondinella piegada. Capivoltino? 
Il ferro poi si dice inoltre, secondo 
qualità e lavoratura , 

Ferr crud. Ferro agro, , 
Ferr ladin. Ferrx> dolce. 
Ferr mezz lavoraa. Ferro dirozzato, 
Ferr polii. Ferro lavorato, 
Ferr sfojos. Ferro faldoso, 
Ferr sgresg. Ferro grezzo, 
Ferr smorbi o dosmestegh. . • . Fer- 
ro grasso e spugnoso. 

Ferr violaa 

Ferr violett limato e brimilo. 

...... Ferro ramato, 

Ferro stagnato. 

Da Ferr si hanno i seguenti modi: 
Boadfèrr. Legno ferro{JvLTg, Fiag. 

IV, 20). Dal fr. Bois de fcr. 
Coronna de ferr. Corona di Jerro. 
Corona ferrea{Sioricì Italiani). Quella 
corona d' oro tempestata di gemme e 
rigirata internamente da una lamina 
di ferro venerata per uno dei cbìori 
coi quali fu confitto in croce il m>- 
Siro comun Redentore, la quale ser- 
basi da tempo assai antico nel Teso- 
ro della Cattedrale di Monza per le 



Digitized by 



Googk 



FER (i 

regie coronatÌQtiì. Da ewa ebbe nome 
• r Ordine cavallqreseo detto della Co- 
rona di ferro. Muratori , Fontanini » 
Cucchi* Giulini, Antolini sr^ÌMero am«- 
piamente di questa Corona: consulti 
le opere di qnei dotti chi ne desi- 
derasse maggiori notizie. 

De ferr. Ferriccio(hor» Med. canz. 
io5.*). Ferrigno. Robustissimo» fortis- 
simo. 

Digerì anca el ferr. Digerire ancìie 
i coltelU{?9n, PoeL II, xxit, 36). Ai^ere 
venire di struuolo. 

Fa ona carta de ferr Fare 

una scritta ineccepibile. 

La cala.! atta la tira ei ferr. fig. • . . 
Naturam seguitar quisque suam, 

Omm de ferr. fig. y, in Òmm. 

Perd i ferr. Sferrarsi pari, di cavalli. 

Pont de ferr. Ponte di ferro. Ponte 
a fili di Jerro (Gìorn. agr. tose, ove 
parla di quello fatto sulla Cecina, 
credo unico sinora in Italia). 

Sass ferr. K< in Sàss. 

Scoldass i ferr. fig Accen- 
dersi d^amore. 

Strada de ferr. Strada di ferro, 
Stf^ada ferraio. Strada a rotaje di ferro 
(Fogli ital. nel parlare in gene/e di 
tali strade , e in particolare di quella 
da l^lilano a Monza , unica sin qui in 
Italia ). 

Testa de. ferr. fig. F. in Tèsto. 

Vcss come T or e el ferr. V, in Òr. 

Vcss de ferr. fig. Esser di ferro. Aver 
le braccia diferro{ìHotìOS* 4^). Essere 
insUncabile — Esser ferrigno* K in 
Òmm, 

Vess minga de ferr. fig. . . . Es- 
sere uomo, e soggetto a stancarsi. N'é' 
tre pas defer dicono anche i Francesi. 
Fèrr(o Aneli). Appello, Xel giuoco del 
pallamaglio é quel cerchiello sul quale 
si pone la palla .innanzi batterla. 

Bon.5uono^»Gceubb o Cativ.Mamo.' 
Fèrr. Ferratura. Ferramento, Tutto il 
ferro che si mette in opera per ar- 
■r»are porte, imposte, carrS) carroz- 
ze , e simili lavori grossi. £1 legnamm 
el costa des, e el ferr cinqu, L'os- 
satura i/ùle dieci , la ferratura cinque. 
Fòrr o Ferr de bottia o.Ferr del me- 
stee. Ferramenti. Ferri» In generale 
diconsi cosi tutti gli strumenti di 
rof. IL 



o5 ) FER 

ferro proprj d'alcun** arte meccanica, 
come pure ogni . strumento da lavoro 
ancorché non di ferro. Talora hanno 
aggiunti particolari come tutti quelli 
che nominerò qui sotto ; e più spesso 
hanno nomi speciali dei quali veg- 
gansi le rispettive sedi alfabetiche. 
Fèrr. s. f. pi. T. de^ Mugn. . . . Pezzi di 
ferro i quali allorché non vi è più grano 
nella tramoggia cadono e avvertono di 
ciò il miignajo. Questi ferri mettono 
capo a certe nottole che noi diciamo 
Moriggiaeur e i diz. ital. Tentennelle. 
Fèrr. T. de' Sarti e Cappel. Ferro da 
spianare. Quadrello? (Aìh. enc. in Cra- 
chetta franzesismo da schivarsi). Ferro 
più stretto, più limgo e più grave 
di quello da dar la salda alle bian- 
cherie, col quale i sarti usano spia- 
nar le costure, e i cappellai lisciare 
i cappelli , montarne le tese , ecc. È 
la Craquette dei Francesi. 
Ferr a botton. T. de^ Manisc. . . . FeiTo 
per dare bottoni di fuoco a' cavalli. 
È quello che i Frane, dicono Boaton. 
Ferr a cantón. T. d'Intagl. in legno. 
Scarpello torto. %e ne fa uso per isbieco. 
Ferr a tàj. T. de* Manisc. Taglio? Ferro 
incisorio pe' cavalli ; quello che i 
Francesi dicono Couteau àfeu. 

Ferr a té Ferro che ha forma di 

T, il quale si usa per assicurare nel 
muro gli stipiti degli ìiscìaìi{antipòrt). 
Ferr de bànch. F. Corlell de banch. 

Ferr de bàst Ferro appuntato 

da un capo e piatto riquadrato dal- 
Pakro, col quale si ficca ben adden- 
tro la borra nei basti. È il Fer à od" 
tier dei Francesi. 
Ferr de boflfà in del foeugh. Salone. 
Ferr de borlón per Canon sig. i5.** f^. 
Ferr de bottia. K in Ferr qui contro. 
Ferr de brasca (cìte alcuni dicono anche 

Brascón) Gran palo lungo 

dai cinque a"* sei metri, per due terzi 
di legno, e per un buon terzo tutto 
di ferro, da capo del quale è confitto 
un quadruccio di lanyerone con rin- 
forzi di banddlette incrocicchiate, qua- 
druccio che è detto Tappa da' nostri 
fornaciai* Servonsi di esso' per ispi- 
gnere le brage sotto i quadrucci nella 
fornace. Lo credo il Poussoir dei 
Francesi. 

i4 



Digitized by 



Googk 



FER ( io6 

i4rr de busécca. Ferro da conciar le 
trippe {Sc9i^]^i Op. fig.). Strumento a 
punta di lancia da rinettar le trippe. 
Ferr de canettà. Ferri da arroceettare? 
Specie di lunghi spilloni più q men 
' grossi coi quali, bene accaldati, si 
arroccettano le guernizioni delle ca- 
mice, degli abiti, e simili. 
Ferr de cavali. Ferro» 

Binda. Lastra i= . . . Branche ?(hran- 
ches fr.) »... Talloni ?(éponges fr.) 
« Ce. Ciuva?(arc fr.) = Barbetta. Ri- 
9\folto ? Ribaditura ?(pince fr.) » Cava. 
Incaico ?{vQute fr.) « Bus. Buchi. Fori. 

Ferr a barbétta. Ferro a rivolto ? No- 
me di quella specie di ferrò da ca- 
vallo che ha un risalto alla cima del 
piede il quale rialza per di sopra al 
pie del cavallo. Talora si fanno anche 
ferri con due di questi risalti (Ferri 
a due rivolti?) ai due lati del ferro 
donde incomincia la curva di esso. È 
il Fer à pincon dei Francesi. 

Ferr a lunetta. Ferro a mezzaluna? 
Sp. di ferro da cavallo di branche 
corte. £ il Fer d lunette dei Fr. i quali 
hanno anche il Fer à demi-ìunetU. 

Ferr a pianella o Ferr a tavola. 
Fenv a pianella» Sp. di ferro da ca- 
mallo che si va sempre più sottigliando 
verso la cima. È il Fer à pantou/ie 
dei Francesi. 

Ferr a rampon. Ferro a ramponi 
(Alb. bass. in Crampon). Ferro da 
ghiaccio. Quella specie di ferri da 
cavallo ne** quali vedosi un orlo in- 
terno ai due capi per ajutare T an- 
dar del cavallo in sul ghiaccio , orlo 
diverso dal Bottón e da IP Oreggin de 
gait, È quello che i Francesi dicono 
Fer à crampon. 

Ferr a sgriflf. . . . Sp. di ferro da ca- 
vallo che ha un po^ di ribaditura detta 
Sgiiff per di dentro, la quale ag- 
guanta per di sotto il pie della be- 
stia e le rende sempre più cerio Tan- 
dare sul ghiaccio. 

Ferr a spii^etta. . . . Ferro da cavallo 
che ha i due orletti da capo detti bot- 
tón ribaditi superiormente, non per 
di sotto come sogliono essere ne'* ferri 
comuni. 

Ferr a spinetton o Ferr a la tur- 
ca. .,.. Sp. di ferro da cavallo a 



) PER 

branche corte usato co^ cavalli che 
hanno il difetto di tagliarsi(i>ila/af5). 
È il Fer à la turque dei Fr. 

Ferr cont i botton Quella 

specie di ferri da cavallo nei quali 
esista quella poca di prominenza in- 
terna che si fa loro ai due capi in 
foggia di bottone diversa dal Ramr 
pon e dall' Oreggin de gatt. F. 

FeiT con vun o duu o pih oreg- 
gin de gatt. . . . Quel ferro di ca- 
vallo in cui vedasi quel pò* di cor- 
netto che si fa ribadendo da' capi un 
angoletto della lastra del ferro stes- 
so. È diverso così dal Fer à botton 
come dal Ferr a rampon) ed è quello 
che i Fr. dicono Fer avec des cram- 
pons à oreille de liòvre. 

PeiT covert. . . . Specie di ferro 
da cavallo che ha pochissimo vano 
ed ha per cosi dire un mezzo sucflo 
per difendere dagli urti il pie dei 
cavalli zoppi o altrimenti infermi. È 
il Fer couveri dei Fr. — Uoa specie 
ve n'ha con meno suolo, la quale di- 
cesi dai Fr. Fer mi-couvert. 

Ferr curt de dent per el borsin. . . . 
Sp. di ferro da cavallo di brevissima 
punta che s' usa coi cavalli mala- 
mente abituati allorché stanno gìac- 
cioni a ficcarsi il piede ne' gomiti e 
cagionarvi que' tumori che i Fr. di- 
cono Loupes e noi Borsin. 

Ferr de bu]da. Ferro vecchio ? Quel 
ferro da cavallo che viene lavorato 
con due sfcrre(yèrr vece) ribollite. È 
una 8p. di Lopin o di Bassis dei Fr. 

P'erc de reggia. Ferro di lastra? 
Ferro nuovo?" 

Ferr largh de binda; Ferr strecc 

de binda Ferro da cavallo 

di lastra larga ; Ferro di lastra stret- 
ta ; giacché Binda e il nome che diamo 
alla larghezza di. tutto luogovia il 
ferro da cavallo stesso. 

Ferr mocc. Ferro a mezza irmnoa ? 
Ferro di brevissime branche che s'ausa 
pei cavalli soggetti a gravemente fa- 
giiarsi(a iniajass), 

Ferr senza botton Sp. di 

ferro da cavallo di lastra tutta liscia 
senza rivolti né ramponi uè proinì» 
nenze di specie alcuna. Corrisponde 
al Fer onUnaire dei Francesi. 



Digitized by 



Googl( 



PER ( I 

À ferr de cavali. A ferro di cavallo 
(volgi ilal.)* Di forma traente a quella 
d'Anna porzion maggiore d'^un ovato; 
i teatri sono le più volte di tale forma. 

Ave traa via on ferr Suol 

dirsi copertamente d^una giovane che 
ancora nuìbile abbia fatto fallo. 
Dondà i ferr. Chiocciare i ferri» 
Ferr de cavali rott o vece. Sferra, 
\tss on orb che ha ti^ovaa on fbrr 
de cavali. V, in Òrb. 

Ferr de cavali, in gergo Un roc* 

chio, una fetta di trota o simil pesce. 

Ferr de cerusìa. . Ferri chirurgici(yQlg. 

it.); in comphJrmoihentario chirurgico, 

Ferr de crespa. T. de" Parruc 

Ferro a mo^ dì cesoje le cui due lame 
sono piatte ed hanno tre o quattro 
slriature internamente. I parrucchieri 
se ne servono per accotonare i ca* 
pegli. È detto dai Fr. Fer à frìser. 

Ferr de fa fior Ne sono di più 

specie per ritagliare i fiori finti detti 
Ferr de taj , de incid o sloccà o goffrè, 
V, in Goffrè. 
Ferr de (a fceugh. Àttizzatojo* 
FcTT de fa-sù i TÌzz,f^> Ferr de ròlol. 
Ferr de filetta. T. di Slucciaì. Frollar 
iojo? Ferro che riscaldato segna ori ci- 
tatore e filetti negli astucci. È il Fer 
à Jileier dei Francesi che secondo 
più o men numero di strie dicono /"er 
simplcy Fer doublé^ Fer guadruple^ecc. 
Ferr del fieugh o del fogoraa. Paracene-' 
rc(*iior.). Semitelajo di ferro di cui 
si fa orlo al focolare d\in ct^punino 
per sostenere la cenere. 

Ferr de fusinna Lama di ferro 

aovata di cui si fa uso per rendere 
equabile il calore ai vasi, crogiuoli, ecc. 
È il Fer à forger o à creuset dei Fr. 

Ferr de ghilarée Ferri, altri 

tondi, altri piatti, dei quali servonsi 

i liutaj a racconciare le screpolature 

nelle assicelle degli strumenti da corde. 

Ferr de incassa o de sarà. T. de'^Giojell. 

Jficassatojo* V, Struccarampón. 

Ferr de la bicocca. Fuso. Quell'Iago che 

fa da perno airarcolajo(/a hico^ctk), 

Ferr de la canella. T. de^Confet. . . . 

Lama da ripulir la cannella della pietra. 

Ferr de la eoa. T. de'^Manisc 

Ferro che serve a cauterizzar nella 
coda i cavalli^ È il Brule-ipieue dei Fr. 



07) FER 

Ferr de la «trada. Liccic^uola, Chiave 
da allicciare la sega, 

Ferr del camin. s. ni. pi. Ganci, Quei 
ferri con ornamenti d'^ottone o bronzo 
a'' quali si raccomandano le molle è 
la pala ne^ camminetli. 

Ferr de ligador de liber Nome 

di quegli strumenti di rame» ottone, 
bronzo o ferro coi quali si stampa 
sulle coperte dei libri ogni specie 
d^ ornato* Vi sono i Ferr de ciapp^ 
Ferr del dars^ ecc. che tra i Fr. di- 
consi FersàpaleUes^ Fers à doSf Fers 
à rouletles^ à dorer^ à polir ^ ecc. 

Ferr del mestee. Armi, f^. in Mestée. 

Ferr del triapaja. Falcione, 

Ferr del zuccher candid Sp. di 

ganghero che usano i confettieri per 
attorcere lo zucchero candi o d^orzo. 

Ferr de macaron. F, in Macafón. 

Ferr de marca. T. de^ Fabbr. di carte da 
giuoco Punzoni taglienti , figu- 
rali a cuori, fiori, picche, ecc.» coi 
quali se ne profonda nelle carte da 
giuoco la figura da .poscia miniarsi. 

Ferr de moeula. T. tic' Coltellinai 

Lama di ferro riquadrata e fitta in/ 
un manico , della quale si fa uso per 
disugnere e ritondare la ruota su cui 
s' affilano i ferri taglienti. « 

Ferr de' muli. Ferro a pianella{* ùor,). 
Ferro largo si che divanza d^un orlo 
notabile tutto il contorno del pie del 
mulo, e specialmente la cima. È il Fer 
à mulel dei Francesi, di cui hanno 
due specie, la planche e ìùjlorenline. 

Ferr o Hampin de pajee Ferro 

manicato che finisce in una specie di 
uncino assai lungo, col quale i conta- 
dini traggono la paglia del pagliajo. 

Ferr de papigliotl. Ferro a 

mo' di cesoje le cui branche hanno 
da capo due tonde cucchiaje colle 
quali riscaldate sì abbrancano i ca- 
pegli avvolti nelle carte {i papigliotl) e 
si accaldano bene bene per dare con- 
sistenza e durevolezza alPaccotonatu- 
ra. I Frane, lo dicono Fer per eccel. 

Ferr de pela. T. de' Pellatt Ferro da 

spelar le pelli. Il Fer à repéler dei Fr. 

Ferr de praa. Lo stesso che Rànza. ^. 

Ferr de purga. T. de" Pellatt Ferro 

col quale si rinettano le pelli dalla 
calce. È il Fer rond à talon dei Fr. 



Digitized by 



Googk 



FER (1 

Fcrr de raspa. T. d«'PetUn. Paronet — 
Ferro da allargare. Strumento a due 
tagli e a due manichi per digrossar 
Tossa da fare i pettini. 

Fcrr de rcfud Ferro a due 

fondi e due manichi che ha il rilievo 

d''un Crocifisso con due Marie dai lati, 

e che è forma alle ostie da medicinali. 

Ciapp. Fondi? t» Manegh. Manichi? 

Ferr de ròtol {che anche dicesi Ferr 
de Ùrs\i i riz£ o i canellon» o Ferr 
de rizza, o Ferr de topè). Ferro; e 
dottr. Calamistro. Ferro che ha faccia 
d^un par di cesoje , in una delie cui 
lunghe branche accanalata entra Tal- 
Ira cilindrica. I parrucchieri se ne 
servono per arricciare i capelli e rivol- 
gerli air insù verso il cocuzzolo del 
capo. È detto anche dai Fr« Fer à toupet, 
1 Ferr de ^aldà. F, Saldadór. 

Ferr de soprèss. T. de^ Cappell 

Sp. di quadrello o ferro da spianare 
che si usa accaldato per ben lisciare 
i cappelli. È il Fer à repasser dei Fr. 

Ferr de soprèss. T. deM^arrucch. . . . 
Ferro terminante in una lastra piatta 
che moderatamente accaldata si fa pas- 
sar sidle trecce di capegli cuciti per 
ben assestarli. È una sp. di ferro da 
stirare che i Fr. chiamano Fer à passer, 

Ferr de soprèssa. Ferro. Liscia, Cuc- 
chiaia. Strumento che ben riscaldato 
si usa a distendere le biancherie. È di 
due specie : Tuno di tutto acciajo o di 
ferraccio sodo ; Paltro di acciajo voto 
o d^otlone e con anima che i Fr. spe- 
cificano per Fer à repasser en cage — 
V, anche Borlón, Canon, Ferrìtt, ecc. 

Ferr de spàrg Ferro lungo un 

braccio nostrale, grosso circa un dito, 
e terminante in una laòna a mezza 
lancia, col quale nelle sparagiaje si 
tagliano fra le due terre gli asparagi 
che si vogliono cogliere. 

Ferr de stuecà Specie di sal- 
datolo da stuccatori che finisce o ih 
un quadrelletto o'in una lanciuzza. 

Ferr de tajà Ferro cilindrico, 

tagliente per di sotto, è vano, che 
attrae a sé i bollini e i comunichini 
che ritaglia fuor delle cialde e li lascia 
uscire del vano superiore tolto che 
ne sia il i\iraccìoìo{staf}poron) ohe gli 
serve di guardamano. 



08 ) FER 

ferr de tajà i obbiadin Il 

ferro di cui sopra per ritagliare Toslie 
in bollini. 

Ferr de tajà i particol. ..... U 

ferro di cui sopra a uso di ritagliare 
i comimichini. 

Ferr di balènn. t. degli Occhialai. . . . 
Ferro che ha qualche somiglianza cci 
gi*isatojo(ran5m) de>etra), e di cui 
gli occhialai si servono per lavorare 
gli ossicini da balena dei quali fanno 
le casse da occhiali. 

Fcrr di brascioeu de cavriàda. Ferra- 
menti e palettatura de''puntoni(Vas. cif * 
dalTAlb. enc. in Ferramenti), 

Ferr di candirètt. T. ecdes. La bandella 
dei mpccoli votivi. 

FeiT di eoo che altri dicono Trefìla. 
T. de* Setajuoli. Filiera{Gìor, agr. li, 
394). TYafilaiìyi agS). Vera filiera di 
ferro con quattro o più fori pei quali 
passano i capi della seta nel trarla 
che si fa dalla caldaja per poscia dar 
loro la torta e riunirli in uno. 

Ferr di cópp. Lo stesso che Moeàd. T. 

Ferr d^'invedriée. ... Il ferro tondo e Tap- 
puntato onde i vetrai si servono per 
lavorare i piombi delle lastre. Per gli 
altri veggasi Ranzln, Saldadór, ecc. 

Ferr di ténd. Ferro da bandinelle? 

Ferr d^obbiaditt Forma delle 

ostie in bollini. 

Ferr d"* osti de méssa Quel ferro 

a due manichi e due fondi in cui 
rìlieva il monogramma IHS, e che 
serve per forma alle cialde d^ostie da 
messa ed ai comunichini. 

Ferr-dritt. T. degl* Intagl. in legno. . . . 
Nome generico di tutti gli scalpelli 
in is quadra quali sono la ^Mutsa^ la 
Spansetta^ ecc. /^. 

Ferr-drizz. T. de' Pellatt. Coltello da 
scamire. Ferro tagliente a due ma- 
nichi che usano a scarnire le pelli. 
È il Couteau a écharner dei Frane. 

Ferr per tajà i canimel Ferro 

incrocicchiato e tagliente con cui sì 
ritaghano le pastiglie così dette ca- 
nimel o caramèll, 

Ferr ròiì, FerragliaiJ^vi. art. -Diz. mil.Gr.) 
Andà per i ferr rott. f^. Tirare i pan- 
ni. Lo stesso che Andà al cagaralt. K. 
Entragh per ferr rott. averci tanta 
parte quanta ne ha ser Marcel/ino in 



Digitized by 



Googk 



TER (! 

paradiso{Bemi Ori. innam. LXV, a — 
Pr. fior.). Non ci avere paite alcuna. 
Mett in del cavagn di ferr rott. fig. 
Mettere nel dimenUcaiojo* Scartare* 
Qéell del ferr rolt. Ferragliere» 
Quell di ferr e strasc e veder rott. 
Ferravecchi. 

Vess nominaa nanca per ferr rott. 
. . t . . Essere da meno che le sferre ; 
ed anche Non aver nome alcuno, non 
aver fama. Nel fare gV inventar] delle 
masserizie di casa le ciarpe, le sferre 
e simili robacce si menzionano e prez- 
zano ÌD monte come ferro rotto senza 
partìtamente nominarle e prezzarle. 
Ecco donde è tratta la nostra metafora. 
Vorè nanca per ferr rott. JVon vo- 
ler checchessia o Non voler imo éT at- 
torno se 7 ^ì dovesse dare a sconto in 
tanta carne per la gatta(^omg» Serva 
Nob. Il, 5). 
Ferr-stòrt (che anche dicesi Butta vàn). 
Caccùtbotte, Scalpello a doccia che si 
adopera per far id>alzar via il legno 
negli sfondi. 
Ferr-stòrt T. de** PcUatt. Ferro (♦fior.). 
Specie di coltello a fil rovescio che s^a- 
doperà a finir di bene scarnire le pel- 
li. È YÉchamoir o la Drayoire de' Fr. 
Fèrr. s. f. pi. Ferri. Ceppi. Carcere. 
Condanà ai ferr in vitta. Condannare 
a prigione perpetua o a vita ^ e ant. 
Mettere in ^ naie prigione» 

Melt ai ferr o al ferri duri. Mettere 
inferro o al ferro o n^ fèrri alcuno. 
Ferra. Ferrare — Rinferrare. 
Ferràa. Ferrato — Einferrato. 
Ferrea, fig. . . . Che ha di molti danari. 
Ferràda. Grata. Inferrata. Ferrata. Infera 
Hata. Propriamente il cancello che si 
fa a finestre o balconi ; ehè le altre in- 
ferriate diconsi più particolarmente an- 
che da noi , tranne il caso di cui- pili 
sotto, Kestellàda,Linghéra, Restèll, ecc. 

Ferriata a cancello. Quella 

grata che ha i bastoni ritti. 

Ferriata a corpo. Quella 

grata d^una finestra o simile che 
sporta dal mezzo in giù. 

Ferriata a gabbia. Grata 

che sporta tutta in fuori. 

Ferri/Ua inginocchiata. Gru- 
in ripiegala in alcuna sua parte a 
guisa di ginocchio. 



09 ) FER 

Ferriata a mandorla o man- 
dorlata o ammandorlata. La grata fatta 
a rombi. ^ 

Tòndln. Bastoni tondi — Bastoni 
quadri ^ Bastoni ripresati. 

Andà cont el muson a la ferrada. 
Andar in luogo dove si vede il sole 
a scacchi. Andar alle bujose^ cioè in 
prigione. F. anclie in Presón. 

Ferràda. .... In Piazza Mercanti , da 
lato alla Loggia degli Osii dove oggidì 
è la Camera di commercio , era tren- 
ta anni fa un porticato tutto chiuso da 
altissime inferriate dove eseguivansi 
le vendite giudiziali ; residuo dell^an- 
tica usanza del Mettere i beni alle gride 
verso vespro in sulla Ringhiera della 
Loggia degli Osii introdottasi nel iSjg 
da Galeazzo e Bernabò Visconti in 
Milano. Di qui i dettati 

Andà a la Ferràda, Mandk a la 
Ferràda, Vend a la Ferràda. Esser 
venduto per autorità pubblica. 

Ferràda. T. d'Oref. Spezie di 

grata di legno con cui si cuopre il 
pttvimento delle botteghe d'orefici^, 
gioiellieri e simili per poter più fa- ' 
cilmente raccogliere quel che cade 
in terra. È il GriUage dell'* Encycl. 

Ferràda. Colpo di falce frullana{v9iìsz^. 
Falciata? Tagliata o Giro di falce. 

Ferràda (:)à ona). Dare una mano col 
ferro da stirare. 

Ferradèlla. ) Graticola. Dim. di Ferrà- 

Ferradin. $ da. F". Picciola grata come 
quella da cui si parla alle monache 
nel parlatorio. 

Fer radura. Ferratura. 

FerrajoBÙ. . . . Fabbro ferra jo di poche 
tavole, che fa poche faccende. 

Ferramént. Ferramento. Ferrerìa. 

Fer rarézza, s. m. Mercante di ferrarec- 
cia o di ferrerìa. Grossiere se non 
erra il testo. Venditore di fe^ri al- 
l'* ingrosso, come scuri, vanghe, cer- 
chioni , lamiere ed altri ad uso di 
agricoltori , botta} , magnani , fab- 
bri, ecc. — Ferrarezza sembra ab- 
breviazione di Mercant de ferrarezza ^ 
come altre volte dice vasi, per quanto 
appare dagli Statuti de' Paratici o 
sia delle Arti di Milano, e singolar- 
mente da un memoriale del 1767 fatto 
dai Calderai e Ramieri per dividersi 



Digitized by 



Google 



FER ( I 

dalPunÌTersita de'^Fen^ai — In Toscana 
la vendita dei ferri air ingrosso è 
proprietà privilegiata dello Stalo; in 
ogni città è quindi un magazzino ge- 
nerale chiamato la Magona a cui ri- 
' corrono i bisognosi di ferri air ili- 
grosso; ed ecco forse il motivo per 
cui nei dizionari italiani non v^ è 
parola corrispondente al nostro Fer- 
rarezza che i Francesi direbbero Fer- 
ron o Ferronier, 

Botlia de fer rarezza. MagoncinafTo- 
mas* Sin, p. 386). Picciolo magazzino 
di ferrerìa che anche in Toscana è con- 
cesso a qualche privato di tenere pel 
ti*affico minuto. 
Terrazza. Ferraccia^ Così chiamasi da- 
gli argentieri, orefici e doratori a 
fuoco una lamiera di ferro, tirata quasi 
a foggia di scatolino senza coperchio, 
in cui si pone Toro od anche l'ar- 
gento^ il platino ed altri metalli per 
incuocerli(yaf ross) prima di bian- 
chirli o di far loro subire altre mu- 
tazioni volute dalla circostanza del 
lavoro. 

Ferrazzètta Picciola ferraccia. K 

in Ferràzza. 

Ferree e Farrée. Ferra/o. Fabbro. Fabbro- 

Jerrajo, e ant. Ferratore o Ferrajuolo, 

Dal ferree no tocca, dal speziee 

no melt in bocca. K in Spe'ziée. 

Ferree, jéd. di Fónsg. Fungo porcino, F. 

in Fónsg. 
Ferrera. Ferraja. La moglie del ferrajo. 

y* in Ziléra. 
Ferrèlt. Ferretto, Ferruzzo, Ferrino, Fer- 

rolino, 
Ferrètt, , . . Terreno compostò di sab- 
bia agglutinata da un^ argilla carica 
di ferro idrato giallognolo, assai du- 
ro, che si trova in molti campi del 
nostro contado, e specialmente verso 
ouest-ouestrnord. £ pessimo incon- 
tro per gli agricoltori ai quali arreca 
anco maggiori danni che non arre- 
chi ai bassi colli della Brianza il loro 
Gessón. V, Chi ne bramasse notizia più 
specificata legga le pagg. 35, 55 e 54 
della Descrizione geologica della Pro- 
vincia di Milano delPeg. Scipione Breis- 
lak. Milano, I. R. Stamperia, 1822. 
Ferreltòn. . . . lì ferretto di cui sopra 
estremamente duro. 



IO ) FES 

Fcrrht. s. m. "pi Piccioli lerri 

d^acciajo da stivare. 
Ferrón de bauij. T. de* Carr. e Scll. 
Fermi di un baule. Ferri ripiegali fer- 
mali sopra Tasse di dietro dMla car- 
rozza perchè il baule non isdruccioli. 
Fèrs. Rosellìa. Morbilli, liosoUa, Malat- 
tia notissima. È la Bougeole dei Fr. 
^ Noi diciamo / Fers , e i coni. La Fèrsa, 
Dà-fceura i fers. Manifestarsi i mor- 
billi — Dà indent i fers. . . . Rien- 
trar i morbilli. 
Férsa(]a) v, cont, per l Fèrs. F"* 
Fertàda(c/i« anticamente dice*/asi Feria;, 
ed ora assai comunemente Frilàda). 
Frittata, Si usa in tutti i sensi sì al 
proprio come al figurato. V. Frittàda. 
Fertadìn. Frittatina. Dimin. di Frittata. 
Fertadònna. FriUatona, Àccr. di Frittata. 
Fei-ù. y. Farà. 

Fesa. Spiccliio, Una delle particelle della 
cipolla, deiraglio e simili che ne com- 
pongono il bulbo, ed anche ognuno 
degli spazj in cui dividoosi gli aranci 
e simili agrumi sbucciati che stano. 
Xa nostra voce procede forse dal cel- 
tico Fes ricevuto per mezzo dei Pro- 
venzali Fes(\o\iaì)* y. anche Fesm e 
Fesinocù. 

Faa a fes. SpiccIUulo. Formato a 
spicchi. 
Fesa. T. de' Macell. . . . Uno de' tagli 

di culaccio nel vitello. 
Fesa de fèrr. T. de' Torniai. ; . . Ferro 
che è come una specie/di mandorla a 
strie diagonali , il quale s'usa da^tor- 
niai per le accecature, ed è quel 
medesimo' che serve ne' macinelli a 
spolverizzare i semi del caffè. 
Fesa de narànz. T. de' Confet. . . Spic- 
chio d' arancio confetto o candito. 
y, anche Scorzètta. 
Fèsc. T. di St. . . . Cosi chiamasi una 
quantità di caratteri di varie qualità 
mescolali insieme, ed anche un foglio, 
una pagina o un pezzo di pagina per 
inavvertenza -o per caso andato iu 
fascio , come si suol dire dai nostri 
stampatori. L'Alb. enc. chiama Be, uso 
questo nostro Fesc ; ma io credo ch'e- 
gli abbia errato , giacché per quasi 
tutta ìiaìialiefus significa soltanto una 
lettera sbagliiita in una parola qua- 
lunque, ed è ciò che i Francesi con 



Digitized by 



Googk 



FES (II 

proprio nome ohiamano CoguilU» La 
nostra parola Fesc in vece corrisponde 
precisamente al volg. francese Pàtés^ 
che leggesi Ael Manuel de Vlmpri" 
meur d'^Ànton Francesco Memoro. 

Fescée o Martin fescée. f^. Fesciòn. 

Fèscìa. Feccia, 

Fescia de vassell o del vin. Fon-- 
diglìuolo. La Piànte dei Friulani. Fec- 
cia. Ogni posatura di vino — ed an- 
che Taso ili boUe. V, Grlpola e Gròp- 
pa de vassell. 

Fescia de P oeuli. Morchia. 

Fèscia. met. Infingardo. Poltrone. Ne- 
ghiUoso. Negghiente. Acciaiato, Tardo. 
Dicesi Fescia tanto a donna quanto 
ad uomo. L^ è ona fescia. È un dap~ 
poco — • È una dnppoca. 

De venta ona fescia. Infingardire* Im- 
pigrire. Anneghittire, 

Fesciàda Azione da infingardo. 

Fesciaria. Infirigardaggine. Infingardìa. 
Infingarderìa. Tardità. Poltronerìa. Pi- 
grizia. Torpedine. Torpore. Torpi- 
dezza. Pottronìa. Negghienza. Accidia. 
Dappocaggine. 

Fesci<eù. Dùn, di Fèscia nel sig. maschile. 

Fescioeùra. Dim. di Fèscia nel sig. fem- 
minile. 

Fesción(cAe anche dicesi Fescée). Infine 
gurdùccio. Dormalfuoco. Poitroncione. 
Negginente. Dappoco. 

Fcsciùnna. Infingarda. Poltrona. Poltron- 
dona. Dappoca. 

Fescìonón. He degV infingardi. 

Fesìn. Spicehietto. Biminiìùyo di Spicchio. 
Fesin d''aj. Cantuccio d'agto($aivini 
Annoi. Suonar. Fiera 480 col. 3 § ult. 
— Alb. enc. in' picchio). 

FesinosQ. SpiccìdeUino — Cantuccino? 

¥ès3». Sparato. Quella po^ d^ apertura per 
lo lungo che si fa nelle camice da 
uomo» nelle vesti donnesche e nelle 
gonnelle per dai*e campo a indossarle 
comodamente 9 o a innestarvi le ta- 
sche necessarie. 

F'essin. Dim. di Fèssa. Sparo(Aìb. enc. in 
Camicia). Fessitt del pedagn di ca- 
mis. Spari da piede » di manegh. Spoìi 
delle maniche — Fessa e Fessin sono 
voci evidentemente latine. 

Fést. s. f. pL . . . . iLe Pasque? ^otto 
il nome assoluto di Fest noi inten- 
diamo indistintamente quelle due a 



I ) FES 

tre feste che si sussieguono a coppia 
in 'Ognuna delle quattro ricorrenze 
solenni seguenti: 

I Fest de Pasqua , de Natal , de 
Pentecost(f^. Pàsqua, NatàU Pentecòst)» 
de Sant^ Àmbroeus (cioè le feste di 
Sant'Ambrogio e della Concezione ri- 
correnti in dicembre). Nei diz. e nei 
libri italiani pare che le Feste asso- 
lutamente non si usino mai al modo 
nostro^ ma sempre con alcun aggiun- 
to , e specialmente che esse denotino 
le Feste Natalizie dette per eccellenza 
le Sante Feste(ti€di Op. V, aQ6). 

Come t"* ee passaa i fest? Come hai 
tu ben pasguato? 

Dà i bonn fest. Dar la buona pa- 
squa? Augurare felicità per le pasque. 

Dà i bonn fest .... Dare alcuna 
mancia che serva alti*ui per ben pa- 
square. 

Dopo i fest. Fatto la pasqua? 

Fa i fest. Pasquare? Andà-fceura a fa 
i fest. Andare in campagna a pasquare? 

Per i fest Per le pasque? 

Per sti fest. Per pasqua prossima? 
£ vale per le feste ricorrenti a pa- 
squa (o d' uovo* o rosa o di ceppo 
che sia) la quale deve sopravvenire 
per la prima dt^o il tempo in cui si 
parla ^ od anche per quelle dei primi 
di dicembre. 

Tceù che te faree i bonn fesl. Ec- 
coti con che ben pasquare. 

Vestii di feat. f^estimenia pasquali. 
Pésto. Festa. 

Festa de ball, e anche assol. Fèsto. 
Ballo. Veglia. Veglione. 

Festo de ball in regola. Veglia for- 
mata. 

Festa de prezett. Festa comanilata 
o di precetto. " 

Festa mista* . . Propriamente quel 
Sallo a corte cui sia ammessa, non 
la sola nobiltà solita intervenirvi esclu- 
sivameule , ma anche la cittadi n a nz a. 
« Fee come i darnm io su U festa imsta. » 
( Art. po«t. p. 53. ) 

Andà a festa, v* cont. e spec. del- 
l'Alto Mil. . . L' andare alle case dei 
parenti a banchetto, e specialmente 
a convito nuziale ; e di qui Festaó 
o Festapó o Festarìn Tuomo, e Festa- 
dora Festaóra o Fesàarìnnn la donna 



Digitized by 



Googk 



FES ( I 

commensali a siffatti conviti \ novii che 
si portano nel tempo dell'* andarvi « 
delio starvi e del tornarne — Vess 
a festa. Mangiare fuUrecciamente ? — 
Porta a cà de -festa quajcossa ai seeu. 
Portare della fesit^ a que^di casacche 
Festa chiamano i diz. ital* la roha da 
mangiare solila darsi o vendersi dove 
sì fa festa ) — Forse il Defesta nostro 
di città trasse i natali da queste Fe- 
ste mangerecce dei nostri buoni vec- 
chi le quali poscia per la maggior im* 
. portanza loro in città passammo a no- 
minare Ferj come la Fera di naranz^ 
la Fera di melon^ ecc. 

Baston de la festa, f^. in Bastón. 

Chi lavora gh'*ha ona camisa, e 
chi fa festa gbe n^ha dò. f . in Camisa. 

Comanda i fast. Fare o-Dar le mosse 
iC tremitoti. Dar Vorma a' topi. Essere 
collii che dehbe dar fuoco alla giran- 
dola. Soffiare il naso alle galline. Gui- 
dar la ballata. Si dice di coloro, 
seàza la parola e T ordine dei quali 
non si comincia a metter mano, non 
. che a spedire cosa alcuna -*• Governa- 
re a baccìietta. Aver autorità assoluta. 

Conscià per i fest. Abburattar per 
lo modo{Ces^vì Sopraggiunta in Modo), 
Acconciare o Conciar pel di delle 
feste. 

Dà festa. Dar festa. Licenziare dal 
lavoro, dalla scuola e simili. 

De festa. A festa. Festerecciamente. 

De la festa, iron. iig. Di muschio. 
Val dì delle feste. Ona strapazzada 
de quij de la festa. Una rammanzina 
di musei Uo. 

De.quell de la festa. Squisito, Ec- 
cellente. Ottimo. Prelibato. Vinde qucll 
de la festa. Fino squisito. 

Di adree a vun la nomm di fest. 
Nominar alcuno pel suo nome. Dirgli 
i^illania. Dirgli un carro di villanìe. 

Fa festa. Feriare. Festeggiare, Guar- 
dar la festa. Festare. 

Fa festa. Oziare, Feriare — Fare 
festa? Starsi ozioso o scioperato. Non 
aver lavoro. 

Fa festa o legiia a vun. Ricevere 
festeggevolmente. Far festa o lieta fe- 
sta o lieta accoglienza a uno. Ricevere 
con festa uno. Fa ona festa de uo dì 
a vHtt. Fare maravigliosa festa a uno. 



la) FES 

Fa di gran fest. . Stare sulle foste 
(Benti voglio Lett. igo). 

Fa la festa. Far repulisti. Fa la 
fèsta a Qo polin. Mancarsi tuttf intiero 
un tace/lino — Talora Fare vento a 
checchessia , cioè rubar checchessia. 

Fass di adree U nomm di fest. Farsi 
dire villanìa. Farsi bandir la croce 
addosso. 

La festa del Corpusdomea. La festa 
della Pasqua dei Corpo di Cristo di- 
cevano gli antichi. // Corpusdomini. 

La festa T è fada per ti. iig 

Il temporale sta sul tuo capo ^ il colpo 
è diretto a te; il pigiato sarai tu. 

La Pifania tutt i fest je menna-via 
o je porta-via {che aUre^^olte^ aliotxhè 
si feriava tra noi anclCessa^ dicanosi 
La Cristoforia tuli i fest je porta via. 
Befanìa tutte lefeste le porta viai^ikov.). 

Ve minga tutt el dì festa. Non sem- 
pre si sguazza? Noi lo diciamo a modo 
di negativa alloml^ non vogliamo con- 
cedere altrui ciò che per ragionevole 
motivo o a periodi consueti si conce- 
deva altre volte. Nei diz. ital. il det- 
tato Ogni di non è festa equivale a 
dire che La fortuna suol cambiare, o 
vero che Le cose non vanno sempre 
a seconda del desiderio, proprio. 

Paga de festa. Pagar la festa{Mh. 
Bass. in Payer lafil^ Dare mancia o 
altro il giorno della propria festa, o 
sia il giorno in cui ricorre la festa 
del santo di cui si porta il nome. 

Passata la festa gabbato lo santo. 
Faiio le feste non si trova chi spicchi 
gli <in»si(La5ca Pinz. Ili, a). Fatta 
la festa e corso il pàlio ^ non^ ecc. 

Senza ti se fa minga la festa, fìg. 
Non si fa la festa senza di te, cioè 
Non si conclude quella cosa senza di te. 

Sona de festa. Sonare a festa. 

Vess consciaa per i fest. Essere ag- 
giustato. Essere concialo pel di ilelic 
feste y cioè stato trattato nude, diser- 
tato, ridotto a mal partito. 

Vestii de la festa. F. in Vestii. 
Festadóra, Festaò, Festaóra, Festarìn, 
Festarìnna. ì^". Àndà a festa in Fèsta- 
Festa joeiira. Festicciuola» . 
Festajoeùra o Mezza fèsta. FesiaJolo{(^'ior. 

agr. VII, 56). F. .Me«M-fèsta. 
Feslin. Festino, f^eglia. . 



Digitized by 



Googk 



FET (i 

Festin de roeuda. Festino pubblico ? 
Veglia bandita? Fra noi però dicesi 
comunemente di certe veglie dove si 
paga o poca moneta airirlgresso o an« 
cor più poca a ogni ballo, e sono 
ridotti ove non concorre che la plebe 
ìnfima della città. 

Festinètt. Fe^)no{VfÀ. Ingann, I, 4)* ^ 
festinitt. / f^eglìni{i\i I, 5). 

Festinna. FesUcciuola* 

Festòn Gran festa. 

Festón. Keg/i07f«(*fior.). Nome delle gran- 
di feste da ballo che si danno o in 
corte a tutta la cittadinanza 9O per au- 
torità pubblica nel maggior teatro della 
città. Diciamo altresì Festón per an- 
tonomasia quel veglione, tra i molti 
che si danno iu teatro al carnevale 9 
il quale suol essere ogni anno il più 
brillante ; a un di presso la Cai^alchina 
ò& Veneziani — Il Festone dei diz. il al. 
vale sorta d"* addobbo o di smerlatura. 

Fétt. Foce usata nella /rase 

^ Che feti che foj. F. in Fh. 

Fétta. Fetta; e ant. CaleUa. Ooa fetU 
de melon. Una fetta di popone, 

Ciappà ona fetta de paes. Venire a 
strisciate. Dicesi della grandine. 

Ciappa sta fetta. O castra questa. 
Finocchi, Modo basso che accompa- 
gnato da un gesto di spregio si usa 
verso colui al quale neghiamo alcun 
oggetto richiestoci. 

Dann ona fetta o ona succia. F» in 
Succia. 

Fà-foeura i felì.SfeUeggiareiA\leg,6'5). 
Fetta de pomm, de per, e sim.Spic^ 
ciào di mela 9 di pera e simili. ^ 

Tajà-giò a fett. affettare — e fig. 
Far rocchi o salsiccia o ciccioli d'uno. 
Tagliare injette. 

Fétta o Vèrs. T. delle Cave. Filare, Fi- 
lone, Strato* La disposizione a strati 
orizzontali delle pietre, a dilTerenza 
dei trovanti o dei filoni verticali che 
diciamo Trinciant. F. 

Fettàscia. . . . Grande e larga fetta. 

Fettin. Fettuccia. Fettolina. Tagliuolo. On 
fettin de pan. Un tagliuol di pane. 

Fettìnn. s. m. pi. T. di Cucina. Fettucce? 
(Fag. Rime IH, 52). Dicesi del vitello 
ridotto in picciole fette e cotto cosi in 
savore con drogherie o erbe^odorose. 

Fetlinceù. Picdola fettoUna, 
FoL 11. 



I3) FEV 

Fettinoeu de pan. TagUolìno di pane 
(*losc. — Tom. iSSJrt.). 

Fettòn o Fettònna Gran fetU, 

Fettón. T. di Uascalc. ^ Fettone ^ e atit. 
Bulésia o Bulésio. Eminenza biforcata, 
di sostanza cornea , che é come un 
fesso o una spaccatura del pie dei 
cavallo, dall^ unghia alla corona. 
Fettón. gergo. Tafanario. F. Cùu. 

Mena el fettón. Menar la lonza, Cu- 
leggiare; e metaf. Usar lo spadone a 
due gambe. Svignare. F, Tonda — Ta- 
lora vale anche Faticare. Lavorare. 
F. Stronzonnà. 
Fettón per Tajón. P\ 

Fettònna Gran fetta. 

Fé ver. ) Febbre, — Fenuta , Accessione , 

Pévera. ) Parossismo o Esacerbazion di 

febbre <i Stato o Forte o Colmo della 

febbre. Declinazione o Termini della 

febbre 9 Bimession di febbre. 

Fé vera barlolascia che cont on lega 
la se descascia. . . La febbre del pigro, 
e si rimprovera a chi per iscansarsi dal 
lavoro s"* infìnge rotto dalle febbri* 

Pevera calda. Febbre ardfinte. 

Pevera cutta. Febbre acuta. 

Pevera de bestia de cavali. Feb- 
bre da leone{*iosc. -— Rim. aut. pis.). 
Febbricone, 

Pevera del lalt Febbre puer- 

perale. 

Pevera freggia. Brividi di fèbbre — 
Vegni. la fé vera freggia. Abbrividar 
dalla febbre. 

Pevera manginna. . . • Dicesi per 

ischerzo a chi si lagna di febbre o 

malattia, ma' pacchia, ch*el gh'ha la 

f evera manginUa, febbre sorella della 

febre goulisardo dei Provenzali. 

Pevera pelachial. Febbre petecchiale. 

Pevera quar tanna. Febbre quartana. 

Pevera scarlattinna. Febbre scarlaU 
tina(TATg, Fiag, II, 196). 

Pevera terzanna. Febbì'e terzana. 

Avegh la fé vera adoss. Sentir di feb- 
bre. Aver la febbre. Febbricare. Feb^ 
bricitare. 

Besogna guarnà quejcoss o on quaj 
sold per la fuver. Bisogna farsi un 
pò* di capezzale per la vecchiaja{Mo' 
nos, pag. a-99). Chi sguazza per lefe^ 
ste stenta il di di /ai'orare(Gel]i Sporta 
IV, 4 *- Cr. in Sguazzare). Chi sguazza 

i5 



Digitized by 



Google 



FIA ( 114 

le feste stenta Udì di lavoro(9ìion, pag. 
174)' Proverbio che vale doversi sem- 
pre risparmiare e serbar qualche cosa 
per i bisogni futuri , ed è corrispon* 
dente al fr. Iljaut garder une poire o 
une pomme pour la 90if(kc^à.. frane.). 
Bon per la fé ver. Febbrifugo» 
Comenzà a mctt via per la fever. 
T. di Giuoco. Dar beccare alla putta. 
La fever continua la mazza l'omm. 
^g, Laf ebbre continua ammazza l'uomo 
(Monos. pag. a45). 
La fever la m* ha battuu come. La 
'febbre m'Aa er(to(Monos. pag. a5). 
La fé vera quartanna i gioven i e 
rcsanna» e per i vece la fa sona la 

campanna La quartana suol 

avere buon esito ne'' giovani, pessimo 
ne** vecchi. Fèbres quartanos n*on ja- 
mais fach sounar campanos dicono in 
genere i Provenzali con meno ippo- 
cratica verità del nostro dettato. 

Mett la fever. Dare la febbre. Inr 
generar febbre. 

Sentiss di sgrisor de feyerrSentire 

riprezzi bris^idi di febbre. 

Fé v eràscia (cÀe «7 Porta disse anche per 

licenza poetica Fevràscia). Febbrone. 

Febbricone, 

Feverètta. Febbretta. Febbricella. Feb- 

brazza. Diminutivo di Febbre. 
Fcverettìnna. Febbricina. Febbriciattola, 
Febbrettuccia — Febbrettucciaccia. — 
Ona feverettinna de tisegh. Una feb- 
bruzza etica o polmonare. 
Feverón. Febbrone. Febbricone. 
Feverds. Febbricoso. Febbrifco. Che in- 
duce febbre. 
Feverós. Febbrile. Febbroso. 

Cald feveros. Calar febbrile. 
Fevrée. e. cont. per Febràr. r. 
Fèud. Feudo. 
Feudetàri. Feudatario. 

Feudetari de Noveghen. Signor di 
maggio. Vale signor da burla, che 
ha i suoi castelli in aria , ohe ha suoi 
feudi negli spazj imaginarj (tu) veghen^ 
non averne). 
Fiàa. Fiato. Alito — Anelito. 
Ave el fiaa. Alitare. 
Bev a on tant al fìaa. F. in Bév. 
Ciappà fiaa. Pigliar fiato. Raccorre 
o incogliere il fato o l'alito ; e fig. 
Miavere il fato. Riapersi. Rinfrancarsi. 



) FIA 

Dà fiaa» Dare fiato. Dare tenpo. 
Dar comporto{Zain» Rag. civ. Ili, 4)* 
Pazientare , aspettare con pazienza. 

Fa bon el fiaa. Fare buon alito{Cne- 
gli Voc.caL iga). 

Fa tegaì el fiaa. Far alltmgare il 
collo(?m. Poet. II, V, 18), Fttrsi tirar 
per ilferrajolo. Ri lardare i pagamenti. 

Fin che gh^è fiaa ^k vitta. Chi 
ha tempo ha vita, 

Istrument de fiaa. Strumenti o Suoru 
di fato. 

Lassa ciappà fiaa. Dare fato. 

Leva o Toeù el fiaa. ilfoss^re il fiato. 

Mancanient de fiaa o de respir. 
Ansima. Affanno. 

No tra fiaa. Non alitare. Non fiatare. 

Oq fiaa d'^aria. Uno spiro diaria. 

On fiaa de vin. Un tratlarello {Voi. 
Ingann. IV, 4)* 

Pesa el fiaa o Spuzzà el fiaa. Essere 
f atoso o di tristo fiato. Aver pessimo 
fiato. Aver fiato grave. 

Spuzzà el fiaa pesg che ona canta.- 
ranna. Avere un fiato d* avello o clic 
ammorba. 

Sugass el fiaa. Sfiatarsi. 

Tegni a man el fiaa. fig. Non gettar 
parole. Sparagnare il fiato. 

Tegni el fiaa. pos Ritenersi 

dair alitare; e ùg. Dare pei tempi. 
Aspettare il pagamento. 

Tira el fiaa. Ansare. Anelare. Riaver 
r alilo; e ^g. Esserci fatto allungare 
il collo , cioè differito il pagamento. 

Tira el fiaa.^/tJÌmare(^tosc. ~ Tomas. 
^non. pag. 52). L^ alitare affannoso 
quando è difetto da natura ma minore 
dell'* aima. 

Tira r ultem fiaa. Fare l'ultime re- 
cate. Dare gli ultimi tratti. Fare le recate 
ilella morte. Mandare l'ultimo fiato o 
Vattimo respiro. Esalare lo spirito. 

Tirà-sù el fiaa del fond di calcagn. 
Ansimare. Alitare a gran fatica. 

Toeù el fiaa. fig. Serrare il basto 
addosso. Stringere altrui. Importuna- 
re , sollecitare uno a far checchessia. 

Toeù el fiaa. fig. . . . Quando al- 
cuno recita o favella male e stenta- 
tamente si dice L' è robba eh' el teca 
el fiaa. Egli ammazza. 

Toeù-sù a fiaa. Comperare pe* tempi. 
Trà-sù el ùm. Mandar P ultimo respiro 



Digitized by 



Googk 



FU (I 

Trà*TÌa el fiaa* Perdert iè fiato e il 
tempo. Predicare ai porri. Sfiatarsi 
senza prò — Jppkcar hres^i — Coniar 
le sue ragioni ai birri. 

Tutt in d'*Qn £iaa. In un fiato* D^un 
Jiaio, A un fiato. Tutto in un fiato* 
Sotto un rias/ere d'alito. Tout d'une 
haleine dicono anche i Francesi. 

Usmà el fìaa. fig. Veder dove si trovi 
uno 9 cioè in quale tempera di umore 

— Talora anche ..... Bichiedere 
del prezzo di checchessia, e dicesi 
quasi sempre parlando di cose il cui 
prezzo si sospetti eccedente. 

Tess de fiaa. Esser caduco o lahiìe. 
Semm ture de fiaa. Siamo caduchi ^ 
mortali^ soggetti a morte e simili. 

Ne$8 fiaa per fiaa. Essere pan per 
focaccia. Lo stesso ckfi Yess pan re- 
stituii. ^. in Pan. 

Yess li per trà-sù el fiaa. Essere a 
confitemini? Essere alle recate della 
morte, 
Fiàa. . . . pari, d^organi il Doni lo dis- 
se, e parmi hene, in plurale : ilfe/ter 
le mani sopra la tastatura senza fiata 
perdo il tempoiUonì Zucca^ p. 60 y crso). 
Fiàa. Bolsaggine^ Una delle malattie del 

cavallo. 
Fiàoca. s. f. Fiaccona{* fior. — Zanon. 
Itag. civ; I , I e altrove ). Fiacca e 
Fiaccdira(Zanoh./)ix. ). Lentezza. Len^ 
tare , ed anche Sfogliatura. Sì^oglia- 
taggine, Svenevolaggine *- La Fiacca 
dei diz. ital. vale strepito, fracasso. 

Cìappalla con tutta fiacca. Prender- 
seta a quattro soldi il braccio(*iosc. 

— Poem. ant. pis.). 

Parla cont ona certa fiacca. V. Parla. 

Fiacca, {cite eaidie dicesi €ót e Còtegh). 
Cocciuola. Scottatura. 

Fiacca (s. f. riferibile anche a donna). 
Svogliato — Svogliata. Talvolta si usa 
anche in senso di Faminción. V, 
Fa la fiacca. Fare lo svogliato. 

Fiacca (la) per Fiàccher. F. 

Fiacca. Penfigo? Specie* di vescica che 
viene sotto la pianta de' piedi a chi 
paté dal lungo viaggiar pedestre; la 
quale i Francesi chiamano Ampoule, 

Fiaccarée e Fiaccarìsta. F. FiaccherlsU. 

Fiàcch. s. m Quel vase nel 

quale cola Folio all^ uscire dallo stret- 
toio onde si venne esprimendo. 



i5) FU 

Fiàcch. s. m. Fescicaria. Palloncini. So- 
latro alicacaho, Mcacliengi officinale' 
Sorta di pianta che è la Physalis 
alkekengi de^ botanici. 
Fiàcch. ad. Fiacco. Debole. Fievole, 

Cimtalla fiacca Dicesi di 

cosa che dia poco a sperare in bene, 
che abbia cera di non riuscir a. pia- 
cere. 

Guntalla fiacca simle al^ altro Dà 
di reson magher. F. in Resón. 

De fiacch. Fiaccamente, 

PuLost fiacch* Fiaochetto. 

Sur Oràzi fiacch. V. in Oràzi. 
Fiàccb. Jd. di Làtt. r. 
Fiàccher. s. m. o Fiacca, s. f. • . . . . 
Nome di quelle carrozze da nolo ora- 
rio Bsso , distinte per numeri noti al 
buongoverno (a la polizia)^ che trovan- 
si in diversi piazzaletti della città 
' pronte ad ogni richiesta a pavtire in 
suir attimo. Il Martello nel suo Trai- 
tato della Tragedia p. 200 le chiama 
e scrive in corsivo Fiàccari. Noi avem- 
mo la voce insieme colP usanza dai 
Francesi i quali nominano Fiacres tali 
vetture o perché in origine stanzia- 
vano in Parigi presso la chiesa di san 
Fiacre, o perchè nel cosi nominarle 
voUero fare antitesi con quella car- 
rozza adorna di cristalli che i Sici- 
liani chiamano Fiacca, 
Fiaccherista o Fiaccarìsta o Fiaccarée. . . . 
Cosi chiamansi i conduttori àefiaeres. 
Dal volg. fr. Fiacriste. V, Fiàccher. 
Fiaccdn. Soppiattone. Soppiattonaecio, Fa" 
gnone. K. Faminción e Fiacca. 

De fiaccon. Sodone sodane, 
Fiadà. Fiatare. Rifiatare. 

£l podeva nanca fiadà del spaghett. 
Appena potea rifiatare dalla paura. 
Non poievfi riaver l'alito per la paura. 

Lassa fiadà i cavaj. Dare fiato ai 
cavalli. 
Fiadà. Respirare* Trapelare. Trapìassare. 
Sfiatare; e dotlr. Meare. Il poter tra- 
pelare aria per qualche spiracolo in 
alcun oggetto o nelle opere di legtio , 
di metallo o simili. Per es. Sta vessiga 
la fiada. Questa vescica sfiata. Sto boi- 
zer el fiada. Questo coso sfiata* 
Fiadàda. Fiatata{*tjosc. - e Poem. d'ui* 
autore pis.). Un respiro* Un rifiatare* 
Fiatamento, Un riaver d'alito. 



Digitized by 



Googk 



^ FIA ( I 

FÌAdadìnDa. Una Jiatatina(* tote,)* 

Fiado. T. de^Mur. Colato jo 7 Gemitìo? 
Sfiatato jo? Quel fessoli no cbe si lascia 
ad arte in certe mura per agevolare 
lo scolo alle acque. La fr. Chantepleure, 

Fiamenghìnna. Fiamminga, Fiammingltet' 
(a. Piatto per lo più centinaio ad uso 
di portar vivande. 

Fiamìa? f^oìpone — Fantino — Sorbo^ 
ne •— Mammamia, 

Ti&mma {che realmente al sing. noi pro- 
nunciamo Fiàma). Fiamma, 

Andà a foeugb e ÙBmm9u Andare a 
yUaco e fiamma. 

Faa a fìainm. Fiammato, A fiamma. 
Fa fiamma. Levar fiamma. Fiammare. 
Fiammeggiare, 

Sentiss ona fiamma al stomegb. . . . 

Sentirsi ardore o bruciore allo stomaco. 

Tra fiamm. Fiammeggiare, 

Vegni i fiamm a la faccia. Tingersi 

in volto d* infiammato rossore. Acéen- 

- dersi nel viso o nella faccia o nella 
vista. Fumar per lo viso come stizzon 
ardente di fuoco per ira. 

Fiamma, fig. Fiamma, Amala. V. Morósa. 

Fiamma. T. de^Manisc. Salasso, Stru- 
mento con lancetta da cavar sangue 
ai cavalli o ad altre bestie. 

Fiammàda. Fiammata{L9st, Op, II9 ii5 e 
pass.). Una baldoria o Una fiammata 
f Pananti). Fiamma. Lieta, Fuoco cbe 
si fa con una fascina o simili e cbe 
non darà molto. L'^Alb. enc. registra 
Fiamma per Lieta citando Min, Malm,<9 
e manda a veder Lieta cbe poi non 
ha tratta fuora alfabeticamente. 

Toeù'SÙ ona fiammada. Prendere un 
buon caldo(ljBscsk Cena I, nov. 10.* 
in fine ). Darsi una fiammata ( Targ. 
^wg. VI, 32). 

Fiammadìnna. Dim. di Fìamroàda. F'. 

Fiammadònna. Acer, di Fiammada. K 

Fiammànt. ad. Fiammeggiante. Fiam^ 
mante. Fiammato. Nceuv fiammànt. 
ffuovo di pezza. Nuovo che arde o che 
sfolgora. Novissimo. In alcuni casi 
Ituspo o Nuovo di zecca. 

■Fiammàscia Acer, dispr. di Fiamma. 

Fiammetta. Fiammetta. Fiammella, Fiam- 
micella. Fiammolina, 

Fiammònna. Fiamma gagliarda 9 vivace 9 
ardentissima* 

Fiancàda. r, Fianconàda. 



16) FIA , 

Fiànth. Fianco ^- generic. Lato — - sol- 
tintendendone l'osso, ^noa. 
Gross de fianch. y. Fiancuu. 
Mettes coni i man sui fianch. . . . 
Far come due anse al corpo appog^ 
gìando il dosso delle mani ai fianchi, 
e ciò le piti volte in aria di sdegno, 
imperiosità o simile. 

Sentissela in di fianch o a dà in 
dì fianch o a ball in di fianch. Sentir 
sonare la lunga. Lo stesso che Andà- 
giò i sere o la conscenuu y, in Sére. 
Senza fianch. Sgroppato. 
Slargass in di fianch. fig. aizzarsi 
a panca. Tornare in sella. Vale H- 
mettersi in essere. ' 

Sta ai fiancb o ai cost. Essere o 
Stare al fianco aduno. Tenergli con- 
tinuamente ricordato checcbessia. 
Voltass in fianch. Mutarsi in lato. 

Fianch. T. de'Cappell Il pelo 

della lacca prossima alle schiene. 

Fianch tajaa Lo stesso 

pelo stremato colle forbici. 

Fianch strappaa. ... Il pelo della 
Iucca prossima alle schiene strappato 
con lama o strumento da ciò ^ a dif- 
ferenza dal tajaa di cui sopra. 
Fiancbètt, e per lo più. al pi. Flancbìtt. 
T. dc'^Cappell. FiancheUo. Dipelo della 
lacca sottana, pelo più scelto onde 
sogliono coprire le parti piti appa- 
renti d^ un cappello. È una specie di 
Dorare dei cappellai francesi. 

Fiancón Gran fianco ; grand"* anca. 

Fianconàda. Fiancata, Sfiancata, Colpo 

forte nel fianco. 
Fiancùu. Jncacciuto(Vro8. fior. IV, iii, 

59). Fiancuto. Ben fiancuto. 
Fiandrìnna. K. Sfiandrinna. 
Fiàpp. Floscio. Molle, Debole* 
Fiàsca. Fiasca. 

Da on pè in la fiasca, fig. Lo stesso 
che Dà on pè in la seggia. ^. in Sèggia. 
Romp la fiasca, y, in Rump. 
Vardà in fiasòa. Guardar in cagnesco 
o a stracciasacco o a squarciasacco ^ 
cioè con occhio torvo e bieco. 
Fiàsca. Sninfia. Lentia, Dicesi di donna 
smorfiosa, leziosa, panche Vessiga tig. 
Fiascàda. ) Lezj. Smorfie» Svenevolag- 
Fiascaria. i gini» 

Fiàsch. Fiasco — Quantità di fiaschi 
diccsi Fiascheria; chi vende fiaschi 



Digitized by 



Googk 



FI A ( Il 

Fia3cajc\ il mettere in fiaschi li^- 
scare ; il fiasco da collo lungo e ritorto 
Borbottino ; il fiasco rotto ma tuttora 
nella sua veste Bassetta. 

£1 pan del servi Tè come el vin 
del fiascb, a la sira Tè bon e a la 
mattinna Ve guast. // servir del cor- 
tigiano la sera è buono y e la mattina , 
è x^ano» Signore ^ amor di meretrice e 
vin di Jiasco la mattina è buono j e 
la sera è guasto, 

Romp el fiasch se no te podet bev. 
fig. Chi non può pigliare uccelli mangi 
la civetta{J>oni Zucca p. S^). Chi non 
può dare alla palla , sconci* 

Vede el cuu al fiasch. Federe il fondo 
al Jiasco, y, in Cuu voi, i.* a p. SjS. 

Fiasch. fig. Cacata* 

Fa fiasch. Hg, Fare un buco nel- 
Vacqua. Far fico. Pisciarsi addosso. 
Dare in ceci o in tinche o in nulla o 
in budella. Fare wyi vescia. Abortire. 
Far la zuppa nel paniere. Dar del culo 
in un cavicchio, Fiaseheggiare. Perder 
la lisciatura. Trovarsi o JRimanere col 
culo in mano. Tornar zoppo. Tornar 
col dito nelVocchio(VT9Xico Sacchetti). 
Fare vescia. Ber bianco. Andare alla 
banda. Dare un tuffo. Averla bianca 
— Bicetta provata e non riuscita — 
Bene bene ma la mattina era morto. 
Suol dirsi di tutte quelle cose che si 
tenta di conseguire e non si conse- 
guono, o di quelle che altri intende- 
rebbe far bene e non fa o fa mala- 
mente. 

Fa fiasch. Far cecca(*iosc. — Rime 
d''un poeta pisano). Fare tavola par- 
lando delPatto carnale — Far Jiasco 
(Pananti Poet.) parlando d^opcre tea- 
trali non piacenti al pubblico. 

Fa fiasch in sul pù bon. Partirsi 
in sul fare del nodo al Jilo. Lasciare 
sul buono. Cader il presente sul t uscio. 

Fias^hètt. Finschetto — Fiaschettino. 

Fiaschetta. ...-*- Quella fiaschetta del 
vino che si portano i viandanti al 
fiancò dicesi Borraccia o Borraccina. 

Fiaschétta per Vessighètta. F'. 

Fiascón. Fiascone. Gran fiasco. 

Fiascdn e Fiasch . . . Parlandosi di rap- 
presentazioni teatrali vagliono quanto 
cattiva riuscita, ciò che i Francesi 
direbbero la ehute d'une pièce. 



7) 



IID 



Fiascón. leziosaccio. SMorfiMoeeio» 

TÌMCònn^iAccr. di Fik9ca{snin^a),Smoi^ 
Jiosaccia, Leziosaccio^ 

Fiàster, Figliastro. 

F'iàstra. Ftg/iaslm(Cecchi Dmi». .1, i» 
in Provi f05C.p. Sa). 

Fìbbia. Fibbia. 

àTdion,ArdiglLQnem<s9mheiX9,Staffa> 
DesUiTÒi \ fìkÀÀ.' ^bimre. 
Lazza i fibbi. Affibbiare. Fibbiare, 
Mezza fibbia. F. ^ezzafìbbih. 
Negozi de fibhi deiicompagn. F, in 
Negòzi. • 

Fìbbia, in gergo. Le Imjose* F. in Presón. 

Fibbiàsscla. Z.ei'/rWi^Sacch. JV^f . ;8). Bat- 
Ursela, BaUere il taccone. Svignare. 
Andarsene- Darla a gambe, 

Fibbiàlt. Fibbiajo. Chi fa o vende fibbie* 

Fibbìètta. Fiòbietta. 

Fibbieltinna. Fibbietfina. 

Fibbión, Vnujibbia sfoggiata. 

Ficanàs. Fiecanaso* Inframmettente* 

Ficaroeù. T. de' Panieraj Legno 

ripiegato che s'introduce fra stecca 
e stecca o gretola e gretola delle 
ceste, dei panieri e simili neiratto 
che si stanno lalvorando per fare la 
via alle altre stecche o gretole che 
occorrono per compierle. F. anche 
Manesctn. • 

Ficc. F. Flit - Tirà-sù el ficc. F. in FUt. 

Ficca. Foce usata nel dettato Fa la ficca. 
Fare una pedina^ una bassetta^ una ca- 
valletta^ un soprammano a uno. Im- 
pedire o torre altrui una cosa che 

• stava per conseguire. 

Ficcanàs, Ficcaroeù, Ficcòn, «ce F. 
Ficanàs, Ficaroeù, Ficón, ecc. 

Ficca. Lo stesso che Fraccà. F, 

Ficcià, Ficciàver, Ficciàvol, ecc. F. 
Fitta, Fittàvol, ecc 

Ficón* che altri dicono Pientón o Pa- 
rètt. Passone? Mozzicone che ficcasi in 
un canto delia stalletta da poderanti 
per raccomandarvi quella fune che 
accollata al lattonzolo lo tiene sotto 
custodia e della vacca e della chiare 
della stalla. 

Ligà al ficon. Appassonare {lasiri 
Op. Ili, agg). 

Ficón. T. agr. Foralerra? Piantatore? Ca- 
vicchio da piantar cereali o erbaggi. 

Fida dicono i coni, per Féd. F. 

Fida* Fidare. 



Digftized by 



Googk 



(.1 



FID 

FìààB. Fidato. Fido. Fedeie. 

Fidàss. Starsi securamente ad iiiK>(Catx) 

Jm^ post 87).- Confidarsi. Fidarsi. 

Averjidanza, Stare n fidanza d* alcuno. 
•Fidass' rèbeo' e no fidass Tè me). 

Clii sijida riman ingannato. Il Bui*- 

chìello diceva già fin da'* suoi tempi 

« La fede, l'amicitia e il parentado 
f» Si ttÌBMB poco nipetto ai dapari, 
I» .TaJ che gli è senn* fidarsi di rado.» 

Anche iieirO|>. dello Scappi pag. i 
Terso leggesi Chi inolio si Jida ri- 
mane ingannato 9 e questa mi pare la 
meglio variante del proverbio. 
Fidato e Fido. Occhio destro. Cuore. 
L'^amico più. intrinsico e fidato ; il Fi-* 
dus Achates dei Latini. 
Fidécomiss. Fidecommesso. ' Fedecomes- 
so. Fedecofnmesso. Fedecomndsso, f, 
Fittcommlss. 
Fidegh. Fégato. Curat€Ìla(ÀÌ\eg. p. 255) 
— - Clii paté di mal di fegato dicesi 
Fegatoso. 

Al. Lobi »» Popaeù. Lobulo ? Lobet- 

io «= Ponta. Apice ? 

' Avegh el fidegh guast 2 con quej- 

Avè marsc el fidegh ) ghedun. 

Aver in uggia alcuno» Aver P animo 

grosso con alcuno. 

'Goeuses o Toeuss o Mangiass o Mar- 
sciss el fidegh o el polmon. F'. Polmón. 
Uh* è minga pericol ch^ el se scalda 
el fidegh. iVo/i ne piglierà una scar^ 
mana. Dicesi ai flemmatici, ai don agiati 
in ogni afiare. // ne gagnera pas la 
pléurisie à force de se hdter dicono i 
Francesi. 

Maa de fidegh. y. in Màa. 
Salamm de fidegh. ^. in Salàmm. 
Vess dolz de fidegh o de Tritura, ùg. 
Esser tenero di calcagna o cascato jo , 
cioè facilissimo a innamorarsi. 

Ycss tutt cceur ma sema fidegh. 
y, in Cceùr. 
Fidegh'. ùg. Cuore. Occhio destro. Dicesi 

di persona carissima. 
Fideghin. Coratellina. Curatella. Cora- 
tella, Il fegato degli uccelli , de** pesci 
- e degli animali quadrupedi piccoli. 

Fidegdn Fegato grande. 

Fidél(voce cont. usata anche dal Mag. 

Cons. Men, 169). Fedele. 
Fidelitt. s. m. pi. Fermicelli. Cosi diconsi 
^ certe fila di pasta fatte a somiglianza 



iS*) FIG 

di venmcciuoli, e che cotti come lasa- 
gne si mangiano in luppa. Gli Spa^ 
gnuoli hanno Fideos in questo sen- 
so 9 ed i Provenz. Fidelier in quello 
di Fermicellajo ^ cioè fabbricato r dì 
vermicelli. V*è chi trae F etimologia 
di questa voce da Fidìculce de'^Latini. 
-— 1 vermicelli sottilissimi sono detti 
a Firenze e a Lucca Capellini^ ma 
sono più lunghi de^ vermicelli usuali 
fra noi. 

Fidelitt bianch. Vermicelli bianchi- 
Fidelitt giald. Vermicelli gialli. 
Fidelitt mezaan. Vermicelli mezzani. 
Fidelitt nostran. Ver. di pasta grossa. 
Fidelitt sorafinissim. Capellini. 
Fidelitt suttil. Vermicellelti. 
Fidelitt. met. Barbe. \ 

Andà a fidelitt. . . . Disfarsi in barbe. 
Fidelòtt. s. m. pi. Vermicelli grossi. 
Fido. Credenza. Fa fido. Dare a credenza. 
Vendere pei tempi. In Milano il nego- 
ziante^ il commerciante dice Fa fido 
' quello che il botteghiere e il volgo di- 
cono Dà a eretta^ perchè Fido implica 
idea di molta e ragguardevole merce ; 
Gretta di poca e di non molto valore. 
Fido. y. in Fidàa. 

Fieri. Voce lat. usata nella frase In Tieri. 
Jn Jien(P9ig. AsL bai. Ili , 18). Jn erba. 
Fiffa. nma. Paura. • V. Fóffa — Fifa 
nei diz. italiani vale quell'uccello che 
noi diciamo Vauètt. 
FilTda. Pauroso. Spauroso. 
Fiflbnna. Paurosa. 
Fiflbnón. Arcipauroso. 
Figàda. . . Colpo di fico ; un fico nel visa 

« Qaell ch'eva btao i figbae •• mista a rid. « 
(Mag. Prol. iti MkMotmale. / 

Figàsc. Ficaccio. 

Figàscia. V. cont. per Brusàda. f^. 

Figascioeàra. v. cont. per Brusadèlla. V. 

Figatèll, e al plur. Figatèj o Figatìj. Fe- 
gatello. 

Figh. Fico.Aìhero ; il Ficus carica dei boi- 

Figh. Fico. Frutto del fico suddetto- — 
Lor. de'Mediei nella sua Canzone a 
ballo 33.* disse anche Fi' apocopato 
per ischi vare un mal suono 9 e disse 
// fi chiuso — Ficami di bassa man^ 
disse il Caro (Coni. p. 4^) i Fichi di 
poro pregio 9 e in conseg. Ficami i 
fichi al collettivo — > Oltre alle specie 
di fichi che nominerò qui sotto » in 



Digitized by 



Googk 



FIG (1 

Toscana hanno ijichi asinacci^ \ fichi 
a listre^ì badaloni y \ bottaj o /arao-' 
niy ì cani, ì castagnuoli^ i carne di cer- 
vio , ì casini o segeni o sesinio ceslni 
o sffgìni o perticoni 9 i castresi, i ca^ 
vali eri o sanmartino tondi, i cordini, i 
corboUni, i corteccioni, i datteri, quei 
della giuncaja, della padrona , di Por^ 
togallo , ì donicali, i duracini, i frati 
o verdoni , gP incarichi , i làzteri , \ 
mariegiani, i melani, i meli, i na^ 
poleiani, i polentoni, i papali, ì pa" 
squali , i fichi pere , i poponi o pò- 
poncini, i piattellini, i piccioli, i pi- 
sanelli , i ricciolini , i rigati , i San- 
tamaria, i zòccoli o zeccoluti, i dot- 
tati, i dragoncelli, i garaoncini, t gen- 
tili, i grasselli, ì lampas, i rondoni 
pisani, i rondinini, gii scalogni , e 
col Burch. (Son. 6) i fichi aquilini; 
sotto i quali nomi però yanno forse 
meno specie che non paja perchè 
varj di essi mi sembrano sinonimi 
tratti dai diversi dialetti di Toscana 
e del Romano. 

Figh bianch. Fic^albo(kì\egv.). Fico 
grande e bianco. Il Ficus carica lu- 
teus dei pomologi. 

Figh brugiò. Fico brogiotto nero. 
Specie di fico assai delicato la cui 
polpa è di color rosso nero. Il Ficus 
carica bmschioUus niger dei pomologi. 

Figh che cascia-foeura la gotta. Fico 
che ha la lagrima, o che ha la lagri- 
ma al beccolo che piànge (Sacchetti), 
ojontanello o fontaniere* 

Figh che dcrva la bocca. Fico con 
la bocca a/7erta (Sacch.). Fico un p& 
apertofLorento de* Med. canz. 55), e se 
eccessivamente Fico aperione(ìà, - ivi). 

Figh fioron. Fiorone. Fico primar 
Uccio. Fico fiore» Nome de' primi fichi. 

Figh genoves. Fico zuccajolo? 

Figh madama. Fico lardajuolo o lar- 
dello. Fico pecciòlo. Fico assai gros- 
so, che fa due volte Tanno, la cui 
polpa trae al colore aurino , e che 
forse è quel Fico medesimo che il 
Tanara nel suo Economo in villa chia- 
ma Fico di Madama, lì Ficus carica 
lardarius de** pomologi. 

Figh marchian o marchianin. Fico 
verdino lungo. Fico bilontone? Fico 
sangiovanni ? Fico piccino Terde , 



9 ) FIG 

bislungo, moUe, che a pei*fetta malu- 
ranza assume fra noi il nome di Pas- 
sine ed è quel medesimo che a Va- 
rese e nei dintorni dicono Figh ciolin. 

Figh morellon. Fico corbo o sam- 
piero secondo. Il Ficus carica Sampie- 
rorum dei pomologi. 

Figh negher. Fico sanguinaccio. 

Figh nibbiaa. Fico rugoso o anneb- 
biato o afato o vieto. 

Figh osika.Fico settembrino o tardivo • 
lì Ficus carica serotina dei pomologi. 

Figh passiti o verdés. Fichi verdicci 
o verdini. V» sopra Figh marchian. 

Figh perseghin o berzeghin. r. Figh 
sciattcll piii sotto. 

Figh rimes o de rima o de rimen. 
Fico ro ssellino rosso. 

Figh roman. F^co romano. Il Ficus 
carica bruschioUus albus dei pomologi. 

Figh salvadegh. Caprifico. Il frutto 
deìFicus carica caprificus dei pomologi. 

Figh sciattell (c^e altri dicono Figh 
berzeghin o perseghin). Fico piattolo? 
Fico laggio? 

Figh secch. Ficosecco. Fico di barile 
(Scappi Op. p. 5 verso). Fico di filza — 
Fig. dicest di Persona mag rissima, se- 
galigna, risecca. 

Figh verdés dicono i Brianzuoli quelli 
che noi diciamo Figh passiti. V. sopra. 

Adree ai figh ghe voeur acqua. Al 
fico V acqua , ed alla pera vino* 

A r amigh pera el figh , al nemis 
pera el persegh. àW amico monda il 
fico e la persica al nemico. 

A san Michec la pianta Tè tua e 
i figh hin mee. F. in Michée. 

Ave del figh. Esser grosso, tondo ^ 
babbeo. Essere un cocomero, un %oc» 
colo e sim. y. Badée. 

Brusada con dent i figh. V. ìnBrusìda. 

Catta in sul figh. fig. . . • Cogliere 
in fragranti , sul fatto. 

De figh. Ficulneo voce dello stil 
sostenuto. 

Gandolitt di figh. Granelli di fico. 

I figh han de vess longh de coli 
e roti de peli. Tifico vuol avere collo 
da impiccato e camicia di fi*rfante. 

Indormentass sul figh. fig. Dormir 
sulla cavezza. Dormir colla fante* 

Infila i figh. Mettere in trecce o in 
filze i fichi. 



Digitized by 



Googk 



FIG ( I 

Lacc di figh. LaUificcio. Latte delle 

foglie o de* rami teneri delfico acerbo. 

No perà figh. Non mondar nespole» 

Si dice del non fare meno, del non 

essere da meno di un altro. 

No vari on figh secch. È simile «/- 
V altro No vari on eoo de rengh. F, in 
Béngh. 

Resta o Filza de figh. Rocchio di 
fichi? (Caro jim. post p. no). 
Salamm de figh. K. in Salàmm. 
Salva la panscia per i figh. Serbare 
il corpo m }5c;Ai(Lippi Malm. ìli 9 45)- 
, Serbar la' pancia ai fichi (Braccioì. 
Scherno falsi dei XIX, i5). Jl me- 
glio è di serbar la pancia ai fichi 
(Assetta II, 5). 

Togn pela rogn pela figh capitani 
di formigh. f^, in Tògn, 

Vivce de figh. Ficheto. Fichereto. 

Figh. Fico? Sp. di malattia nelle vacche; 

le fregano con funghi per guarirnele. 

Figh de Spagna. Fico d* India. Il Cactus 

opuntia de' boi. Il volgo toscano ne 

chiama Frittelle le foglie. 

Figh de Spagna. Aristolochia clematite. 

Aristologia, Erba nota. 
Fighée. Ficaja, Àlbero del fico. 
Fighée. Fichereto. Ficheto. Terreno dove 

siano piantati molti fichi. 
Fighèj. f^. Feghèj. 

Fighéra. v. dell'Alto Mil. Ficaja. Pro- 
priamente quél Fico il quale da un 
grosso ceppo terragnolo manda fuora 
molti e larghissimi bracciuoìi. È cosi 
detto per distinguerlo dall' albero da 
fico a pedale alto, il quale chiaofiiamo 
semplicemente Figh. V. 
Fighétt. met. Nasuccio. Naso schiacciato. 

Fighètt. j Ficolino. Picciol fico. 
Fighettìn. S 

Figòtt. . . . Fra i Brianiuoli vale Don- 
naccia mal messa, sciamannata, sciat- 
ta, presa l'idea da un fico piatlolo 
schiacciato. 
Figura. Figura. 

Andà a la figura o Studia la figura. 
Dare opera ai disegno di figura. . 
Brutta figura. Figura di sospetto. 
Fa lìella figura. Essere appariscente 
o apparente. Far compariscenza o com- 
parsa o apparenza. Campeggiar bene. 
Fa bonna figura. Ai*ere buon oc- 
chio* Parer bene — e in altro sig. 



20) ^ FIG 

Far buona figura. Comparire fra le 
genti onoratamente. Faine figure dans 
le monde dicono i Francesi. 

Fa cativa figura. Fare mala vista 
cattiva mostra — Fare cattiva figura. 

Fa fò brutta figura, r. in Sfigura. 

Fa figur de can Fare tristis- 
sime figure, scomparire. 

Fa la prima figura. Primeggiare, far 
figura. 

Fa ona bella figura, iron 

Far meschina figura. 

Fa ona figura de cicolattee. Far 
trista o cattiva o meschina figura. 

Figura de biribiss o gotica. Figurino 
del Callotta. Figurino del CallotU{CT. 
in Figurina e FigvSrino)- Figuraccia. Fi- 
gura strana. Mascherone o Figura da 
cembali. Fantoccio. Burattino. Fìgiirj 
del Calotta. Ceffautto. l Francesi di- 
cono i/ne plaisante figure iThomme — 
Un figuro. V. in Figuròlt. 

Incoeu in figura, doman in sepol- 
tura. Finché Vuonio ha denti in bocca 
non sa quello die gli tocca. 

La sesta figura del biribiss. F. pia 
sopra Figura del biribiss. 

Piltor de figura. Figurista. 

Robba de figura. Boba appariscente 
o apparente. 

Spegascià la figura Lordare 

il viso; e fig. Fare uno sfregio nel vh- 
so. Percuotere nel viso. 
Figura. Figurante. Ballerino che s'in- 
troduce ne' balletti de' teatri per rap- 
presentarne alcune parti accessorie. 

Mettes in figura Disporsi 

coi compagni di ballo in quella figura 
che si esige dalla qualità del ballo 
stesso. 
Figura, met. Finzione. 

Per figura. A mostra. 

Yess bon de figura o de ciaccer e 

nagott oller. Essere un carbone che 

tinge e non cnoce{Van. PoeL I , vii , 

1 1 ). Essere incliiostro che non tinge ? 

Figura. T. de'Gi occhi di carte. Figura — 

Be, Begina, Cavallo e Fante sono figure. 

Figura. ... I botteghini(/(7ttira?ù) danno 

questo nome a tutti i numeri del 

giuoco del lotto divisibili per uno 

stesso numero, come per es. lafigtira 

9 è 9, 18, 27, 56, 45, 63, 72, 81, 00. 

Figiir9i* Affronto, Ingiuria, F.ancIieXiwn. 



Digitized by 



Googk 



FIL (I 

Fa ona gran figura a Yun. JFVir/a 
altrui dijigtira « fargli grande ingiuria. 

Figura. Far bella mostra. 

Figura. Farjigura, Essere in posto emi- 
nente. Che pias a figura. Gli piace 
primeggiare. 

Figura con ytm Comparire 

insieme con alcuno^ e si dice spe- 
cialmente deiraccompagnarsi in pul>- 
blico donna e uomo galanteggianti. 

Figuràa. Figurato, 

Figurànt. T. teaìr. Figurante, Figura, 

Figu ràscia. Figuraccia, 

Figuràss! Ma pensate! Pensate i>oi{FBg, 
Aver curof ecc. Il, 6). Imaginateifi ! Oh 
pensa! Figuratevi! Figuriamoci! 

Figurétta. Figuretla, Figurino, 

Figure tt a Patto nel giuoco 

del faraone 9 per cui il giocatore pun- 
tando soltanto sopra Tasso o sul due 
o sul tre 9 pure vince qualunque di 
queste tre carte gli sia data favore- 
vole dal banchiere. 

Figurìn. Figuretla, Figurino. 

Figurin, Figurino{ZAnoh, Diz.). Picciola 
stampa in cui vedesi la moda del gior- 
no, incisione di tutta necessità per le 
modiste e per le genti del bel mondo. 
A^ tempi andati noi la dicevamo più 
comunemente La Pigòtta de Franzo 
perchè il modello ci veniva talora di 
là come un fantoccino da pittori^ 
oggidì noi siamo suggeritori di queste 
mode agli Italiani 9 e perciò abbiamo 
nobilitata V idea col disegno e colla 
voce novella di Figurìn, 

Figurinna. Figurétta, Figurino. 

Quell de le figurine. Stucchinajo — 
Il Rosini (iHò/i. (li Monza) scrisse Figa-- 
latore di gessi poco felicemente parmi. 

Figurinoeù. Figurettina, 

l'^igurìsla. Plasticatore, Plastico -^ Cero- 
plasta — Gessajuolo,Stucchinajoi^\\xcclk. 
tose.) — Figurisla(^\\iQrc), 

Figuròuna. Figurona{pouì Zucca p. i6a 
retro). Figurone. 

Fìguvònuaijig. nel solo dettato 

Fa ona figuronna. Far gran Jigura, 
gran mina 9 grande appariscenza. 

Figuròtt. Un Figùro{*&or, — Zan. Bitr, 
Figi. I, 2). Una bigutta figura. 

FU. Accia, Filo, U filato tal quale pro- 
cede dalla conocchia» che poi rattorto 
dicesi Mefe, 
Voi. IL 



ai ) FIL 

Fa buj el fil per purgali. Cuocer 

Paccja(F9Q, Bime J, cap. iS, p. òò). 

Fà-giò fil. Dipanare, 

Fil anmò de purga o minga pui'gaa. 

Jccia cruda. Filo crud!o(Alb. enc. in 

Accia). 

Fil de trà-dent. V Ordito, 
Fil purgaa. Filo cotto. 
Fil sbiancaa. Filo curato, 
Fil tengiuu. Accia tinta. 
Sbianca el fil. Imbiancar V accia. 
Scavalca el fil. Scavallare iljilo. 
Trova el fil de Taseia. met Rinver- 
gare la matassa, Ravviare o Ritrovare 
il bandolo. Trovar l'agevol bordo. In- 
cominciare a intender un rigiro 9 o a 
trovar il nodo di checchessia. 
Fìl(c/i£ il volgo e i conL dicono Fir; voce 
che in alcuni modi vuol essere così 
conservata ). Filo, 

A fil de mort. Injin di morte. Infine, 
De fil. Di filo, A marcia forza. Per 
filo. A marcio dispetto. Cioè forzatissi- 
mamente. 

Mettes in fir. Himpannucciarsi. Mi- 
gliorar condizione^ rimettetesi in ar- 
nese. 

Tira in fit o in forma. V, in Tira. 
Vess a fil con la cà. Cordeggiare 
colla ca5a(Magal. Lett, scient.lf 161). 
Vess in fil. Essere in arnese. 
Fil. Affilatura, Baffilaiura. Filo. 

Dà el fil. Affilare^ Raffilai'e. Inacu- 
tire. Dare il filo. 

Fil mort. V* Fil-mòrt piii innanzi. 
Fil per Coo. Capo. Filo, 

A duu 9 A trii fil. A due , A tre ca- 
pi. V, in Cóo. 

Andà per fil. Cucire a filo diritto, 
Mett in fil ona perucca. V, in Perùcca. 
Perd el fil del discors. Non rac- 
capezzar più filo che conduca innanzi 
— Ciappall. Ravviare il discorso. 
Sta in fil. Tenere il filo. 
Fll{yerme). V, Gringh. 
Fil. Zampillo, Schizzo, 

Fil d'ai'ia. Bava di vento, 

On fil de fé ver Un filolino 

di febbre. 
Fil per Filàper. T. 
FU. Filo di perle 9 coralli o simili. 
Fil. Tigli, PHlamenta, Fibre deMeguami. 
FiL T. de' Funaj. Trefolo, Quel filo pa- 
recchi dc^ quali formano il legnuolo. 

16 



Digitized by 



Google 



FIL ( I 

FU. T. di SUmp. Filo. Linea. 
Linia de iìl. r. in Linia. 
FU d** azzai passaa per trafila. T. degli 
' Orolog. Filo di rocchetta, 

Fil de Bologna. Jrchime{*yì&ì,). Salta- 
leone pei rosarj. P''. Argentia. 
Fil de ca&tègn. Resta di castagne. 
Fil-de-fèrr. Fil di ferro. Noi lo distin- 
guiamo, secondo grossezze crescendo , 
in Fil de ferr 9 Bamett cruff^ Ramett 
coti 9 Bordionin^ Bordion suttil ^ Bor- 
dion mezzan^ Bordion gross. Nelle 
magone di Toscana è distinto in «Sor- 
ferie numerate, dette Piombi dall'* i 
al g e Passaperla dal 10 a/ 5i decre- 
scendo in grossezza. Dal che giova 
credere che ai nostri Bordion e Ra-^ 
mett corrispondano i Piombi^ e agli 
altri Fil de ferr i Passaperla, 
Fil de vit. Anguillare. Filare. 

Fil zopp. . . . Nei vigneti si suol 
dare questo nome a ogni anguillare in 
cui manchi qua e là alcun vitigno. 
Fil d' òr. Gai^etta. Gaetta. Filo d'oro ti- 
rato ch'esce della prima filiera. 
Fil genovés. Spago. Funicina rinforzata. 

y. Straforzin. 
Fìl-mòit. Filo riccio. Filo morto ne' ra- 
so]. Il Morfil de' Francesi. 
Fil-mòrt. T. di Mascalcìa. Setoleì Sp. di 

malattia del piede ne' cavalli. 
Fila o Fira. Fila. Riga. 

Fila de cadregh e sim. Filatessa. 
Fila de monta gn. Giogaja, 
Fila de piaut. Filare, Fila. 
Fila de stanz. Riscontro di camere. 
Fila de vit. Anguillare. Filare. 
Fila di finester. IlfnestratoiydiS.Q^S). 
Andà-foeura de fila. Uscire difla. 
De fila o fìra. 1 Infila. Alla fila. Per 
In fila. ) filiera. 

Metles in fila. Affilarsi. Far fila. 
Ordinarsi in fila. Affilarsi uno as^atiti 
V altro. 

Ona fila de hosij. Filza di novelle. 
Infilzatura di bugie. 

Romp la fila. Sfilare, piarsi. 

Trii di a la che fila o Trii dì in fila 

in fila. Tre dì alialo allato {Sacch. 

Nov. 167). Tre dì a dilungo. 

Fila (che il volgo e i coni, dicono Firà, 

voce che vuol essere conservata in al- 

X cuni modi come si vedrà qui sotto). 

Filare — poel. Trarre la chioma alla 



aa ) FIL 

rocca — La donna che fila dlccsi Fi- 
latora o Filatrice ; Puomo Filatore — 
Finir di trarre il filo d'in sulla rocca 
dicesi SConoccIiiare-^^'E in proposilo 
di Filare è altresì da ricordarsi il 
proverhio che Clii fila e fa Jilait 
buona massaja si fa chiamare. 

Dà-via a fila. Dare a filare. 

Fila a fus. . . . Filare traendo il filo 
della conocchia e avvolgendo! sul fuso. 

Fila a morinell. Filare a filato jo. 
Il Filar a corletla ^deì Venez. dimen- 
ticato dnl Bocrio nel suo Diz.; cioè 
filare avvolgendo il filo che si trae 
della conocchia non ^ià sul fuso, ma 
per mezzo del filatojo sui rocchetti. 

Fila bavos. . . Filare per modo che 
il tiglio non bene unito mandi fuora 
sbavature e grovigliuoli in sul (ilo. 

Fila e fa colzett. hin duu mestce de 
morì de la famm. . . . Filare e far calze 
a mano danno picciolissimo guadagno. 

Fila el lazz. r. in Làzz. 

Fila fatt Filare imnìoliando 

la materia da filarsi coli* acqua e non 
colla sciali va. 

Fila fin o sultil. Filare sottilmente. 

Fila gross. Filar grosso. 

Filala guggiada longa.r.i/iGaggiàda. 

Fila malinguaa o desugual. FtVare 
sguagliato? 

Fila tond. Filare aggua^iatamenti- 

Fila vun, duu, trii fus. Filare m 
fuso , due, tre fusa. 

No fa né fila. fig. Stare infraddae- 
Né foo né fili e la caudila la brusa. 
Nonfo né un aspo ne un arcolajo. 
Non posso andare né pian ne raUo» 
V, anche in Fa. 
Fila. /VZarc(Paol. Oper. II, 192). Porla 
fila{W\ , 189 e altrove). Dicesi del vino 
scarso di principi alcoolici» basso, sotti- 
le , il quale allorché é sul guastarsi va 
riducendosi come oleoso. Anche i Fr. 
dicono di questa sp. di vino yu* tifila- 
Forse anche il testo dell'Ariosto recato 
dai diz. ital. con altra interpret* è da 
riferirsi a questo Filar oleoso del vino. 
Fila. Filare. Dicesi anche dei cacio l^ 
digiano grasso e moderatamente sta- 
gionato il quale, tagliato, metta di 
molte fila viscose e aderenti ai pewi 
che si slaccano dalla forma. È indiiio 
di squisitezza.' 



Digitized by 



Googk 



FIL (i 

Fila. Filare» Dicesi anche del tessere 
che fa il ragno la sua tela. 

Fila o Firà. T. de' Funajuoìi. Filare- Riu- 
nire sui rastrelli (/Yf^/ey) la quantità di 
canapa occorrente per farne i fili dei 
quali s^ hanno a rommettere i legnuoli 
componenti le funi — Filare alV a" 
sta — Filare all^cintola- 

Fila o Filàlla. F. Tii-àUa. 

Fila or, argent o sim. Filare, Avvolgere 
sulla seta Toro, Targento o simile in 
sottilissima lama. 

Fila seda. Trarre la seta ^ cioè cavarla dai 
bozzoli — Fila de tre, de quatter , ecc. 
gaiett . . . Trarre la seta cavando il 
filo di tre o quattro bozzoli riuniti — 
Fila de tre noeuv e vuna frusta. . . . 
Cavare il filo di tre bozzoli e un boz- 
zolaccio {gussetta) riuniti. 

Filàa. Filato, La cosa filala. 

El.filaa de cà o de Tann. Iljilato 
casalingo o dell'annata, 

FiUa d^or. • . . Filo d'auro con sotlo 
sala. Il fr. File, 

Fiiàa. Filato, Partic. pass, di Filare* 

Filàa. ad. Continuo, Successivo. Seguente, 
Di Jila, Voti dì filaa. Otto dX allato 
allatoiSuccheU Nov. 167). Otto dì a 
dilungo o alla distesa o di Jila. 

Filacortèj. . . . Arnese col quale si puli- 
scono e s'aflllano al tempo slesso le la- 
mine de"* coltelli senz"* arrotarle , così 
come si fa colla cote a^ rasoj e aUempe- 
rlni \ talora è una specie di mattoncello 
di terra tripolitana o simile che altri 
dicono Hedon ingles' 

Tì\kd2L,ìiabbuffo. ^ommanzo. f^.Felipp fi g. 

Fìladór. T.di Cesel., Oref.,ecc. Projilatojo. 
Proffilatojo, Strumento da proffilare. 

Fìladór de seda. Trattore di feto (Magai. 
LetL scient, XIV, p. a8i). Trattore 
(Laslri Opere V, i44 — Giorn. agr.). 

Filadorèll de seda. 2>a/tore//o(Giorn. 
agr. II, 5oi). 

Fìladùra. Filato. Filatura, La quantità di 
roba da filarsi. -FiVa to.L*atto del filare. 

Filafàs o FirafLis(voce us. dal Maggi nel 
Bar. di Birh, I, i). Ortolano. L'^uccello 
detto Sylvia hortulana dagli ornilologi. 
Specialmente neirAltu Milanese è così 
nominato con voce bergamasca dal suo 
Terso che assai si approssima a queste 
y oci:^,, ra Ji., ra Ji .. rajg rafu.,s 
iter piissimamente profferite* 



aS ) FiL 

Filagna. V. Ftragna. 

Filanda. Filanda(coìm9 oggi par che vo* 
glia chiamarsi anche dai Toscani dice 
il Gior. agr. I, 14 1 e V, 227, ed il Gior. 
Georg. XV, agS). K. in Seda, Molin, 
Tradóra, Menerà o Menaddra , Scara- 
biànta, Mondarinna, Fogarìn, ecc. 

Filanda de cent e passa molin. Fi- 
landa di cento, e tanti naspi? 

Assistent e Assistenta de filanda 

Uomo o Donna spertc nelParte che so- 
pran tendono al buon andamento della 
trattura della seta. 

Capp de la filanda. Direttor dijìlanda 
(Gior. agr. V , 227 )- 

Filandée. 7>a«or» ( Lastri Op.V ^ ì44). 
Filandée de pocch. F. Filadorèll. 

Filaòr. Filalòro, 

Fjlàpra. •{^/àccico. le Filàccica. Fila che 
spicciano da panno rotto o stracciato 
o tagliato, y, anche Sfilòzz. 

Filàpra(e {fuasì sempre al pi. Filliper, e 
cont.^ come anche ant secondo il Var. 
mil,y Filàpor). Faldella, Faldelle. Quai^ 
tità di fila sfilale per lo più del pan- 
nolino vecchio , sulle quali i cerusici 
sogliono distendere i loro unguenti. 

Filàpra. fig. Berghinella, Sgualdrinella, 
Pedina* V. Sguausgètta. 

Filaprént. Lo stesso che Sfilaprént. F. 

Filaprin. Un capello. Un pelolino, 

Filaprón. Cencioso, 

Filarmònegh o Filarmònica. F. Armòne^a. 

Filarócch Nome che parecchi 

contadini assegnano a quegrinsetli che 
ì naturalisti chiamano Tiptde olera^ 
cee^ ed anche a qualche altro simile. 

Filas per Fires. F, 

Filastròcca. Filastròcca, Filastròccola, 
Tiritèra, Fagiolata, Scilòma, Tantafera. 
Cinfomiata. Intemerata. Guntà^sù ona 
filastrocca eterna. Fare un cantar da 
cieco. Far le litanie pari, di nomi. 

Filatòj(in genere). Filato} o, 

Filalòj. Filatojo, Macchina composta di 
molti valichi per filare la seta, che 
altrimenti diciamo Molin, ^.«n Molin 
{anche per le parti come Èrbol o Piàn- 
ta, Fondlnna, Cochètta, Strofinàzz o 
Stramàzz, Voltinna, Fùs, ecc.). Seda, 
Vàlich, ecc. — Filatojo, Il luogo in cui 
esistono quc** valichi ed anche gli ad- 
doppiato] e gF incannato). F. Bina- 
dóra, Galettée, Incanadòra, ecc. ecc. 



Digitized by 



Googk 



PfL ( 

Chi ten filatoj de leda. Filatojajo* 
Filatojàda. Jd. di Seda. F. 
Filerà. Filatera. Filattera, Filaiessa, Fi- 
tarata. Filare. — fu filerà. Ptr filiera. 
Infila. Alla fila. 
Filerà. T. di Giuoco. Seguen%a(di carte). 
Filerà. Filatrice^ Filalora, Donna che 
fila a prezzo il lino, la lana, 1» sela 
e simili. 
Filerìnna. Filarino (Targ. fiag. Ili, 4'9)- 
Filètt. Filetto. 

Filèlt. Filetto, Filetto. Scilinguagnolo. Il 
filolino della lingua. 

Avegh tajaa ben el filett dj la len- 
gua. fig. Aver rotto o sciolto lo scilin- 
guagnolo. Non morire o Non rappal^^ 
loVolarsi a uno la lingua in bocca. 
Filètt. T. di St. . . Nome di quelle lastrine 
di metallo che negli stampati risultano 
linee separatrici di materie , finclie , 
colonnini. Sono dette Beglets o Filets 
anche dai Fr., e ve n^ha di più specie, 
a chiaroscuro , grosse , doppie , sottili 
che diciamo Filett ciar e scur , Filett 
de cuu, Filett doppi, Filett suttil. 
Filètt. Filetto. Ogni parte tutta ugual- 
mente sottile delle lettere di scritto o 
di stampa — Filetti di garbo diconsf 
quelli che vanno ingrossando per 
unirsi garbatamente colle aste. 
Filètt. Frenella, Parte del morso. 
Filètt. T. de'Macell. Filetto. Quel taglio 
del culaccio che resta sotto la groppa. 
Filètt e anche Filón o Firón. Schienale» 
Filetto {Alb. enc. in Mosciamà). Filo 
delle reni o della schiena. Qneir ani- 
mella che si trova nelle vertebre che 
sono lungo il dosso, e allora sola- 
mente quando n^é tratta per servir 
di cibo, n Filet de' Francesi. 
Filètt de ferr. FU di ferro. 
Filètt o Filetta de perla, o siMili. Vezzuc- 
cio(Giorn. agr. I, loo). Un vezzolino 
di perle (Pr. fior. IV, ni, g5). 
Filetta. T. de' Legn. Gattuccio. Sorta di 
sega a mano, stretta e senza telajo di 
legno,, ma con manico come quello 
degli scaq)elli da legno. Corrisponde 
precisamente al frane. Ergotine del- 
TEncycl. 

Filetta guzza. . . . Gattuccio a punta. 
Filetta. Filettare, Proffilare, 
Filctlàa. Filettato, Profilato. 
Filcttadùra. Projiìo. ' 



134) PIL 

Filettìn. Filolino. Filettino. Filuzia. 

Filettóui T. de' Legna juoli. Gattuccio 
grande. 

Filettón. r. Furia. 

FilettÒD(A). r. in Forzellinna. 

Filetta o Bridón. Briglione. Filetto. Sp. 
d' imbrigliatura semplicissima. 

Imboccadura. Sboccatura ■= Barbis* 
Ritti? a Manett. Campanelle? Stan- 
ghette? 

Fili, f^oce usata nel prov, stroppiato dal 
latino Talis patris, talis fili, che dicesi 
anche Talis pater talis filius. La scheg'^ 
già ritrae dal ceppo. Egli è figliuol 
di suo padre{M.onos. io4)» E' non tra- 
ligna {ivi io4)> Chi I suoi somiglia 
non traligna{i\'i io5). Dai pruni non 
nascono fichi brogiotti(J^»g. Av. pun. 
U II). 

Filidùra(« ant, Filiùra). Fessura. Fesso. 
Spiraglio, Spiràcolo — Fa maraviglia 
il trovare la nostra voce FiUdura 
pretta pretta nelle bocche de* conta- 
dini sardi come leggesi nel Diz. sardo 
del Porru. 

Aria de filidura aria de sepoltura. 
V. in Aria. 

In filidura. A f essolino? 

Filidurinna. Fessurina. DiminutÌTo di 
Fessura. 

Filigrànna. Filigrana. 

Carta con filigrànna Carta 

che ha in sé impronti di controllo. 
Lavora in filigrànna. Granagliare. 

Filiàra. v. a. Fesso. V, Filiditra. 

Filodramàtegh Curiosi riscontri 

di sorte si veggono pure quaggiù! 
I magnanimi disegni del nostro Gio- 
van Galeazzo Visconti sciaguratamente 
per ritalia tornarono vani, forse per- 
chè ei ne segnava le prime linee con 
mano ingiusta verso lo zio Bernabò; 
la memoria non pertanto delle molte 
virtù di lui sfida il tempo nella Certosa 
e nel Duomo. La crudeltà esecranda di 
Bernabò Visconti volle riprovate dal 
cielo non che l'opere sue fin quelle dei 
più meritevoli suoi attenenti; e come 
quella sua statua ch'ei s'aveva collo- 
cata dietro l'aitar maggiore della chiesa 
di San Giovanni in Conca relegò og* 
getto di curiosità derisiva nelle sale 
delle Belle Arti .in Brera \ quella me- 
desima chiesa ch'egli aveva abbellita 



Digitized by 



Googk 



FIL ( I 

Tolto iQ una rìmesfa da carroize; 
quella torre dì essa che ayea raffor- 
zata tramutò in un Osservatorio fisi- 
co; quel palazzo regale che s^ aveva 
fabbricato smembrò in più case cit- 
tadinesche ; così fin quella' chiesa di 
Santa Maria della Scala, che la saggia 
sua moglie Beatrice Scaligera aveva 
eretta, cangiò in un teatro. DelPavo 
suo Azzone invece, del virtuoso Az- 
zone, assai opere vivono tuttora quali 
uscirongli delle mani, e opere princi- 
pesche tuttora principesche si conser- 
vano. Per curioso riscontro di sorte 
adunque anche alla chiesa di San Da- 
miano , prossima a Santa Maria della 
Scala, toccò una medesima fortuna, 
che nel 1^96 fn tramutata in un teatro 
il quale da prima fu nominato Teatro 
patriottico^ e quindi Teatro de" Filo- 
drammatici. E forse per gratitudine a 
quella scelta Società che spende il pro- 
prio danaro e le proprie fatiche per 
divertire istruendo, il nostro popolo 
(che da natura è poco volenteroso ac- 
cattatore delle voci dottrinali e spe- 
cialmente de^ grecismi , e fra tutti i 
rampolli del (ti'keiù annestatisi nella 
lingua italiana, e fattisi comuni anche 
nel parlar semi vernacolo dei nostri 
dotti , solo conserva quelK di Filotéa^ 
Fitoména , Filarmbnegh e Filòsqf tra- 
volgendone però il significato ) ha 
fatto buona accoglienza anche a questo 
di Filodramategh F<7o^/Yrm/i/ic/(Marchi 
Diz.) , dimostrando poi apertamente il 
suo contraggenio agFibridismi dottri- 
nali coD^asscgnare ad alcuni teatrini 
privati imitatori di quel primo i nomi 
burlevoli ài Filogàmber^ FHqfustón^ 
Fihnauàsc , perchè prossimi a luo- 
ghi ricchi o d^nsegne di gamberi o 
di torsi di cavolo , o di que' trogo- 
loni agrarj che nominiamo navàsc. 

Filun. T. de^ Macella], ecc. Lo stesso che 
Filctt. r. — Per Firón. r. 

Filón. T. idr. Filone. Spirito della cor- 
rente d* un fiume % 

Filòsef. fig. Fitòsofo in signif. d'uomo 
astratto, ed anche di Cinico, o di Stra- 
vagante che ama agire a rovescio del 
comime. £ forse percliè povera e nuda 
va filosofia come Povera e nuda va la 
poesia, il volgo nostro chiama Filóso/ 



aS ) FIN 

o Stòich e Poètta ogni persona la quale 
o nel vestire o nel parlare o neira- 
gire sembri ad esso dipartirsi dal co- 
mune e tener alquanto di straccurato 
e lunatico. 

1>e filosef. Sbalestratamente, ioda- 
tamente. Spensieratamente. Inconside- 
ratamente. 

Filòsef nelle scuole diconsi gli Studenti 
della classe di filosofia, come Filoso- 
f\a la classe medesima. 

Filosèll per Firisèll. V. 

Filosofia. T. di Stamp. Filosofia. Sp. di 
carattere da stampa che è di mezzo 
fra la lettura e il garamone. GP In- 
glesi lo chiamano Sntal-Pica» 

Filosofdn. Arcifilosofo nel senso figurato. 

Filosomia. Fisonomìa^ e con una stor- 
piatura arlecchinesca, come dice il 
Monti, Filosomia. 

Filòtt. T. di Giuoco di Bigi. . . . Certa 
combinazione nel giuoco de''birilli sul 
bigliardo per cui con una delle tre 
palle colle quali si giuoca si vengono 
ad abbattere tutti e tre i birilli di 
mezzo. In Toscana ho sentito dire 

^fà filott. Far la fila di mezzo(*ùor.). 

Fnza. Filza. Mett in filza. Infilzare. 

Filze tta. Digiuno? Uno dei budelli porcini. 

Filzceù. Trafusolina ?{Zan. Gelos. Crez. 
I, a). Moltissimi ^/sflpii si esigono per 
costituire un"* ascella (matassetta) , e 
molti più per un"* <z5c/d(matassa). 

Filzociì de cavij. Ciocchelta. 

Filzorìn. Dim. di Filzoeù. F". 

Filzorin de cavij. Ciocchettina. 

Fin. s. f. Fine. Finita. Termine — Esito. 
Terminazione. Estremo ^ e ant. Finan- 
za -^ Il finire. 

A la fin. Alla perfine. Finalmente. 
Infine. Mia fine. 

A la fin di falt. Alla fin delle fini. 
Alla fin fine. Infine infine. 

Andà in fin d*ona robba. Ridursi 
alV ultimo di checchessia; e fam. £f- 
sere al verde. 

Aveghcn mai a fin. Non rifinire 
o Non rifinare. Non finare. Non ri- 
stare. 

Benna fin e bon prenzipi 

Augurio comune che ci sogliam fare 
reciprocamente al far di capo d'an- 
no. Corrisponde a Le auguro nella 
rìnnovazion dell'anno ogni pia vero 



Digitized by 



Googk 



FIN ( I 

eonienlo congiunto con perfetta sanità 
€ lunghezza di Wto(Redi Op. V 9 lao ). 
Fa bonna fin. Far buona ^ne. 
Fa cativa fin. Far mala fine. Far 
trista fine. 

In fin. In somma» In conclusione. 
Che si fa egli? 

In fin di fin o In fin dì fatt. Infine, 
Perfine» Mia fine. In quel fondo. Alla 
fin delle fini, AlV ultimo degli ultimi. 
Alla fin fine. Al far de* conti. 

La vedaremm o La cuntaremm in 
fin. Da ultimo sarà bel tempo. Dam- 
melo morto. 

No ghe vedi né prenzipi né fin. F, 
in Prenzipi. 

Su la fin. In sul finire. Verso il fine. 
Su la fin de gìugn. Uscente il giugno 
(Gresceuzi). 

Tutt coss gh^ha fin. Ogni cosa è 
finitis^a. 

Vess in fin d'ona robba. Essere al- 
VultimOf e fam. al verde di checcliessia. 
Fin. s. ni. Fine, Intento, Intenzion finale, 
A ogni bon fin. Per ogni buon ri- 
spetto. V. in Glint. 

Fa a fin de ben. Far per bene o^a 
buon fine. 

Segond fin. Secondo fine(Faf^,- Non 
bisogna in amor ecc. I9 3). 
Fin per Finna. V. 

Fin cbe. Finché, Finattantochè. Fin 
che. Fino a tanta che. 
Fin. ad. Fine. Fino. Sottile, Minuto. 
Fin. ad. Perfetto. Squisito, 

De quella finna ironie, sottinten- 
dendo lue De la plusfinne 

(merde) dicono anche i Francesi. 
Fin. ad. Sottile. Accorto. Fine, Astuto, 

Sagace. Acuto. 
Fin. Ad. di Golór. T. 
Fina. V. Finna. 

Fini. T. di Zecca. Affinare, Affinire. 
Purificare oro^ argento o sim. Il fr. 
Affiner. 
Finadèss. Finora. Fin ora. Infino a que- 
sto punto. Insino a questo tempo. Fino 
a qui. 
FinM. s, m. La finale d^un dramma o sim. 
Final. ... I bo Lt eghia i(/o(b'rcpu) danno 
questo nome a tulli que** numeri che 
terminano per una stessa cifra. Per 
es. S, 18, 58, 4^ nel loro linguag- 
gio diconsi Final, 



a6 ) FIN 

Fioalètt. La finale del primo atto d'un 
dramma musicale. 

Finalniént. Finalmente* In fine. Alla firn. 
Alla per fine. AlV ultimo. Uliimamn- 
te. Da ultimo, 

Finalón. La finale ultima d'un drammi 
musicale. 

Fina ma i.^/ sommo. Sommamente. MI' ul- 
timo segno. Quanto mai. El me pìas 
finamai. Mi aggrada sommamente. 

Finamài. Perfino. Insino. Finamai cli'cl 
vegna. Insino a eh' ei venga, 

Finànz. s. f. pi. Gli averi. Le sosUaiu, 
Le rendite. Le entrale — Finanza par- 
lando delle rendite dello Stato. 

I so finanz el porten minga. Non 
ha modo da ciò. Gli manca il modo 
da ciò. Gli è oltre il suo avere. 

Finanza. Finanza. Nome di doppia acce- 
zione fra noi: Tuna generale, i'alira 
speciale. La Finanza in generale, che 
a' tempi del Regno d^ Italia imparammo 
a conoscere dai Francesi, significava 
come presso loro rAmminiitraiionc 
delle rendite del pubblico quali ch'elle 
fossero, e corrispondeva a qualche iia- 
lianamente si direbbe Camera, Quindi 
così il Genso, come le Dogane, le Pn- 
vative del pubblico , le Poste, le Zec- 
che, TErario, i Monti pubblici erano 
soggetto di quest^Ammìnistrazionc tut- 
ta affidata ad un Ministeri de Jinan:^ 
al quale presedeva un Minister de 
finanza, delle cui importanti opera- 
zioni ci rimangono splendidissimo te- 
stimonio i dieci Budget de finanza 
impressi in Milana dal i8o4 «1 'y^ 
e la più parte nella R. Stamperia ì 
Budget la cui pubblicazione , assog- 
gettando e amrainistraton' e ammini- 
strati airimpero ineluttabile della ra- 
gione, non concedeva luogo in alcuno 
all'apatia per la cosa pubblica. Que- 
sta voce di Finanza , morta fra «0^ 
in quest** accezione generica col ces- 
sare del Regno d'Italia, ci è rimasU 
oggidì nello speciale senso di^ww«*' 
strazione delle dogane e degli <f0^ 
di proprietà privilegiata del pubblico^ 
uno dei molli rami del pubblico avere 
cui accudisce V Ammimstrazioa came- 
rale dell'Impero a cui siamo ogg'd' 
soggetti; e in questo specifico senso 
abbiamo tuttora vivi i modi segueati; 



Digitized by 



Googk 



FIN (i 

Andà a la finanza Andare 

alia dogana maggiore. 

Cassa de finanza Cassa pub* 

blica delle dogane. 

Gener de finanza Cosi diconsi 

il tabacco, il sale, la carta bollata, 
perchè di Tendita privilegiata a prò 
del pubblico erario. 

Giudizi de finanza Tribu- 
nale composto di giudici in parte fo- 
rensi ed in parte camerali, che porta 
sentenza sui processi per frodo o sim. 
Guardia de finanza Doga- 
niere, gabelliere. Queste Guardie si 
specificano poi in Daziée o Presentìn, 
Borlandòlt e Guardi de confin. y, 

Impiegaa in finanza. . . . Impiegato 

nella\zienda delle dogane pubbliche. 

Intendeni de finanza, e anche asso^ 

latamente Intcndent Il capo 

della magistratura di cui sotto. 

Intendenza de finanza Ma- 
gistratura che in ogni provincia del 
Regno Lombardo -Veneto accudisce 
in prima istanza agli oggetti proprj 
delle dogane o di vendita privilegiata 
del pubblico. 

Legg de finanza Statuti 

delle dogane. 

Finanziàri, ad Che pertiene alle 

finanze nel senso generico. 

Finanziér. Finanziere, Ministro (cioè im- 
piegato che amministra in genere) 
tielle finanze, ^'el senso generico cor- 
risponde a Persona che s^ occupa delle 
rendite pubbliche dello Stato, ed an- 
che al Pubblico Economista ; nello 
speciale è sinonimo d^ Impiegaa de 
Jinanza e di Guardia de finanza. V, 

Finanzièra o Financéra. T. di Stamp. . . . 
Specie di carattere cosi detto dal fran- 
cese FinnncièrCf ed è di questa forma: 
^azattete fiuauyieta. 

Finazión. T. di Zecca. Affinamento. VJfi' 
finage de* Francesi. 

Finca. Colonnino. Colonnina, Colonne^ 
lo. Casellino. 

Finèstra, Finestroeù , Finestrón, Fine- 
strorin dicono le persone colle per Fé- 
nèstra, Fenestroeù, Fenestrón, ecc. V. 

Finézza. Finezza. Squisitezza. 

Finézza. Finezza, Fattore. Atto di cortesia. 

Finezza. Sottigliezza. Tenmtà. 

Finézza. Accortezza. Destrezza. Sagàcia. 



27 ) FIO 

Fhig. Fingere. Andar finto. Procedere 
con finzione. Fare finta — ^Simulare. 
Chi no sa fing no sa regna. Chi 
non sa simulare non sa regnare{Do- 
rocnichi Facez. , p. 263 ). E nota che 
il prov. ital. non mira già a doppiezza, 
ma a quel mero dissimulare o mostrar 
di non avvedersi eh* è spesso utile 
ripiego in società ; mira in somma al 
negativo anzi che al positivo. 

Finì, ecc. dicono i piii colti per Feni, ecc. 

Finitù per Fornito. F. 

Finn a o Fina. Fino. Sino. 

Finna a tant che. Fin a che. Fin- 
ché. Mentre che. Finaitaniochè. Fino 
a tanto che. 

Finnafinòrum. AlV infinito % Infinitamen- 
te. Per es. Sta robba la va finnafinò- 
rum. Questa faccenda va all'infinito 
o alle calende greche. 

Finosomia idiot. per Fisonomia. F. 

Fint. Finto. Doppio. Simulato. Infinto. 

Fint. Fittizio. Fitlivo. Porta finta, Fene- 
stra finta. Porta fittizia. Simulacro tU 
finestra. 

Fìnta. Finta. Fintaggine. Infinta. Infinto. 

Fìnta. T. de' Sarti. Finta. Parte dclPabito 
che fa finimento alle tasche. 

Finta. T. arìim. Infinta? Operazione che 
si fa non per tenerne conto, ma per 
facilitare la via al giudizio d'alcun'al- 
tra vera operazione. Per es. nel molti- 
plicare allorché si calcolano ì valori 
delle parti aliquante , accadendo che 
una di queste difficolti T operazione 
per mala rispondenza colle sue an- 
tecedenti, si fa una finta, cioè si com- 
puta una parte più rispondente che 
poi si distrugge, e la vera parte si 
adegua a questa simulata. 

Fintarla. Fintàggine. Finzione, emula- 
zione. Simulatezza. Infinta. Infinzione. 
Infingimento. Infintura. Doppiezza. Du- 
plicilà. Falsità. 

Fintón. Uomo fintissimo. Infintaccio. 

Fintònna. Donna fintissima. Fintaccia. 

Fio(Pagà el). Pagare il fio. Portarla pena. 

Fiocca. Neve. F. in Fiocca. 

Con la fiocca su la barba. Colla barba 
fioccala di neve. 

La fiocca desembrinna per trii mes 

la contìnua Proverbio con cui 

si vuol dare a comprendere quanto 
duri in terra la neve che cade in 



Digitized by 



Googk 



FIO (i 

dicembre. 1 diz. italiani in vece non 
lianno che il pror. Così durasse la 
mala vicina qitanio dura la neve mar^ 
xolina, per denotare che la neve cadu- 
ta di marzo suol durare poco in terra. 

Pan, vin e occa o gnocca,c s'el voeur 
fiocca , ch^ el fioeca. Né di tempo né 
di signoria non ti dar malinconia, Prov. 
di eh. sign. ; ed anche Legala bene e 
lasciala trarre- Provvedi bene, acco- 
moda ben le cose, e segua che vuole. 
Fiacca. Nevicare. Nevare, Metter neve» 
Quando la neve viene a gran fiocchi, 
dicesi Fioccata, Fenir già la neve a 
fiocca a fiocca. Far fiocco o ilfioC" 
co. Nevicare gagliardamente. 
Fiocca. fig. Spessare, Spesseggiare. Piovere. 

Fiocca legnad. Fiocca bott. Spes- 
seggiar legnate y Spesseggiare colpi o 
percosse. Cioè replicare spesse fiate 
le percosse, i colpi. Il volgo fioren- 
tino direbbe anche Piover legnate, ecc. 
-— Fioccar le cause 9 i corvi ^ ecc. 
Fiòcch. Fiocco -— Fare in fiocchi dicesi 
Sfioccare; adornar di iìocchìinfioccare, 

Fiocch de la niella (o Dragònna). 
Cicisbeo. Quel fiocco che suole ap- 
pendersi air elsa della spada. 

Fiocch de la zipria. iVa^/7a(secon- 
do il Tom. ne* Sin, 9 p. 4oi). Piumino, 
Fiocco da polvere o da impolverare. 
La Houppe de' Francesi. 

Fiocch de tenda , de balducchin , 
de campanin , de zenta de pret o de 
scolar o de banda d^ofiiziaj. Nappa 
(Tom. Sin. , p. 4oi )• Fiocco, 

Fiocch di bander. Nappe{*i08c. •— 
poem. aut. pis.). 

Fiocch di scarp , del redin , del ca- 
pell. Fiocco{Kìh, enc. - Tom. Sin,, 4© ')• 

Andà cont i fiocch. Hg, Andar di 
rondone o di vanga. Cioè andar' assai 
bene, a seconda, prosperamente. 

Borobas in fiocch. Bambagia in falde. 

Fa el fiocch. Fare un fiocco ad uno. 
(Varchi Suoc, 1 , 5). Fare vento a chec- 
chessia ^ cioè furare, rubare. 

Ona passada de fiocch. Una nap' 
patina (Pan. Poet. I, xviii , 3i). 

On felipp cont i fiocch. Una ram^ 

manzina di nmschio(hedi Op, VI, aoS). 

Fiòcch. Fiore. La prima qualità di sini- 

ghella(^rt5e^) dopo quella di bozzoli 

di stmt(£aleita real), F. in Seda. 



a8 ) FIO 

Fiòcch Le filatrici danno questo 

nome a quel po^ di risvolta che fanno 
al pennecchio per accomodarlo sotto 
la pergamena; risvolta che abbatuf- 
folando la roccata fu quella per av- 
Tcntura la quale trasse in inganno il 
Tommaseo per ciò che dice ne^suoi 
Sinonimi in Appennecchiare, 
Fiòcch. Ca//o(Scappi Op., p. i3 e pass.). 
Quella grascia soda che trovasi in 
capo alla punta del petto delle be- 
stie bovine , simile a quella materia 
quasi gelatinosa che anche i chirurgi 
dicono Callo. 
Fiòcch. Barbetta. Fiocco di pelo che 
ha il cavallo nella parte posteriore 
delle gambe verso raltaccatura del 
piede. 
Fiocchètt. Fiocchetto, e secondo i casi 
accennati in Fiòcch Nappetta. 

Fiocchiti de tlAtoàr. Nappine* Nap- 
pette, 

Tutt a fiocchitt. Fiocchettato, 
Fiocchettìn. Fiocchettino , e secondo i 
casi accennati in Fiòcch Nappettina. 
Fioccón. Fioccone ; e secpndo i casi ac- 
cennati in Fiòcch Nappone. 
Fioccón. s. m. pi. T. de^Carroz. Cordoni. 
Que** fiocchi che son posti dietro alle 
carrozze per ritegno de^ servitori. 
Fioeù. . . . Voce che ha due sensi: Tudo 
speciale, cioè d^ Essere in relazione 
coi proprj genitori ; Taltro generico , 
cioè di Essere in età fanciullesca, il 
nostro Tós o Bagàj. F. 
Fì<£Ù(in ispecie). Figlio. Figliuolo. 
Ficeu adottiv. Figlio adottivo. 
Fioeu bastard. Figlio bastardo , ille- 
gittimo, 

Fioeu bastard. Figlio naturale, 
Fioeu bastard. Figlio adulterino 
spurio. 

Fioeu desbastardaa.fVg/io legittimato. 
Fioeu legitem. Figlio legittimo. 
Fioeù maggior. Figlio maggiore, 
Fioeu(primm). Figliuolo primogeni- 
tore nota che // primo è figliuolo del- 
Vamore^ e V ultimo dell' uggia e dclU 
fiaccona{ZsLn. Rag, civ. I, 1). 

Avegh di fioeu che ghe marza i 

pioeucc in eoo Aver figliuoli 

già adulti; e chi gli ha tali non si 
dimentichi mai il dettato che Chi ha 
figliuoli bisogna che per insino a un 



Digitized by 



Googk 



FIO ( 139 

cerio che li tenga per JigliuoU^ P^'^J 
un altro certo che di tempo per fra- 
telli ^ e da indi in là per padriffiec-' 
chi Dissim. V , a ) ; molti fanno questa 
scala a rovescio, e si pentono da sezzo. 
Avegh dì ficeu che vegnen via co- 
me i cann de Porghen Avere 

una filattera di figli che dalla statura 
loro si riconoscano susseguitisi Pun 
r altro d'anno in anno. 

Baratta el fioeu in la cunna. V. in 
Cùnna. 

Chi gh'ha di fioeu tutt i boccon hin 
minga soeu* Chi ha figliuoli tutti i boc- 
con non son suoiiJAonos» pag. i4i)« 

Chi gVha minga di soeu ficsu ca- 
rezza tropp quij di olter. Chi non ha 
figliuoli fa troppi vezzi a quelli d'ai- 
ln*(Cecchi Dissim. I » i ). 

Chi sont mi ? sont fors fioeu ^e la 
serva? F'. in Serva. 

Donna giovena arent a on vece 
gh^è ficeu finna in sul tecc F* in Dònna. 
£1 fi oeu de la mal madregna. F. in 
Madrègna. 

El fioeu de me pader el dis minga 
insci. // Jigliuol di mio padre non 
dice così(V«a. Poet I, xvi» i3). Così 
non vuol madonna (*ùor.). Così non 
canta Giorgio; e vale come dire: Io 
non la intendo a questo modo. 

El me car ficeu. Figliuol mio. Caro 
Jlglio. Modi che scusano anche con 
chi non è nostro figlio né in età fan- 
ciullesca » ma per semplice espressione 
di amorevolezza. 

£1 par nanca fioeu de so pader. 
£* non somiglia.suo padre(SLonos, io5). 
Ficeu che vun no porta Polter. . . 
Bimbi tutti in tenerissima età. 

Ficeu de tetta. Bimbo di latte. Bim- 
bo lattante' 

Fioeu soli o unich. Unìgeno, Unige- 
niU>. 

Fioeuj de Dia. K in Dia. 
Fioeuì d^ona negra! Fioeu d^ona 
montagna! Oh fioeu d^^on biss o d^on 
gceubb ! Oh diascane ! Pojffar il mondo ! 
I fioeu hin dolor de eoo. ClU disse 
figliuoli disse pene e duoli{Zaai. Rag. 
civ. HI» 2). 

L^ é fioeu de so pader. La scìieggia 
ritrae dal ceppo* Il lupo non caca 
agnelli — // cstfils de son pere di- 
FoL JJ. 



) FIO 

cono proverbialmente anche i Fran- 
cesi. F. a^he in Fili. 

Mantegni el fioeu a cà de la comaa. 
fig. Far cliecchessia alla macchia, 

Mort mi. Tè mort el pà di mee 
fioeu. La mia mamma di me non ne 
fa più(Pan. Poet, I, vi, g). 

No ave né fioeu né cagnoeu. Esser 
solo 9 libero 9 sciolto 9 senza impegni; 
quel che gringlesi dicono Bave nei" 
iher kin nor kin, e i Tedeschi weder 
Kind weder Rind. 

Ogni fioeu el porta adree el so ca- 
vagnoeu. F, in Cavagnoeù. 

Pader, fioeu e Stevenin. F. in Ste- 
venin. 

Semm tucc fioeu di nost azion. Ognur 
no è figliuolo delle sue azioni{Zan. 
Rag, civ. II, 5). Ogni uomo , ancor- 
ché non nato nobile , può dimostrarsi 
tale se usa nobiltà di azioni. Genti- 
lezza 9 diceva Federigo di Svevia, è 
antica ricchezza e bei costumi, Jl na- 
scer grande è caso e non virtù disse 
Metastasio. È gran sorte il nascer 
grande per chi sa continuare la no- 
biltà ereditaria con quella delle pro- 
prie azioni; a chi noi sa é sfortuna. 

Spass che dà el diavol ai so fioeu. 
F, in Diàvol. 

Torna a reconoss per fioeu. Rinfi- 
gliolare{Gìgl. Don Pilone se. ult.). 

Vess fioeu de gaijnna bianca. F. ut 
Gaijnna. 

Vesa fioeu de nissun o de la serva* 
Restar nel dimenticatojo o nel chiàp^ 
polo, V' anche in Serva. 

Vess minga fioeu d^on fraa. F, in 
Fràa. 

Voré insegna a soa mader a là 
fioeu. F. in Màder. 
Fioeù(in genere). Figlio, Fanciullo, Ra- 
gazzo. Putto — Bimbo, — F, anche 
Bagàj, Tós, Popò, ecc. 

A regola fioeu Té minga farinna 
de tucc. Jver cura di putii non è me- 
stier da tutti(yLonos, p. 556). 

Bonna de fa fioeu. FigUaUccia. 

De fioeù. Bambinesco, Puerile. Fan- 
ciullesco. 

Fa come i fioeu o Fa el fioeu. Fare 
afanciullo^kioibrsi Cofan. IV, 8). Fare 
abbambini. Volere e rivolere; non 
i^jtare al eonccrtato. 

»7 



Digitized by 



Google 



FIO . ( I 

Fa fioeu. Figliare. Esser Jigliante, 
Fare o Menar Ji^iuoli, — Torn^ a 
fa iSoeu. Bifigliare, 

Fa i ficea a duu a duu. Binare. 
Gemellare ? 

Fioeu e puj toeujen-fiù tutt i ire- 
guj. y. in Pùj. 

I fioeu besogna trattaj de fioeu .... 
Al positivo equivale a dire che ai 
fanciulli non bisogna mancare del ca- 
stigo all'occoiTenza \ al Ì\^. dicesi della 
necessità di far pentire chiunque non 
istia al concertato nello cose. Nel pri- 
mo sig. correrà talora bene il dire : 
I figliuoli si vogliono allevare in modo 
che non ti odiino e però ti temano 
( Cecchi Dissim. 1 9 i ) » nel secondo 
A tal labbra tal lattuga, 

€>n stronzellin o on ranin o on la- 
Torin o on lavorsell d^on fioeu. Un 
marmoccfiino 9 un bamboccino. 

Kis e fasoeu minestra de fioeu, ris e 
basgiann minestra de tosann. F.in Rìs. 

Te'see minga pù on fioeu. Tu sei 
ormai uscito di fanciullo. 

Torna a dcyentà fioeu. Bimbambire. 

Vegni-sù insemma de fioeu. Esser 
rilevato insiem€{Ystg, Jst. bai. I, 7). 

Yess come i fioeu, za el me bebell 
che vuj giugà pù. Esser Martino di 
colle die dà la roba e poi la ritolte; 
e alle genti siffatte si suol dire Chi 
dà e ritoglie il diavol lo raccoglie^ o 
vero Citi dà e raccoglie mette il capo 
tra le foglie, 
Ficeù o Bagàj. ùg. Bacldllone, Bambo. 

Zufolone. Gocciolone. V. Badée. 
Fitóù. Figliatura. Prole. Parto. Portato 
in genere; Catelli de' cani; Pulcini o 
Guascherini de' volatili. 

£l temp de fa i fioeù o de melt- 
giò. Figliatura, 
Fioeù.* T. d'Agr. Figliuolo. Rimessiticcio. 

Fa fioeù. Cestire. Accestire. Germo^ 
gliare — Ingramignare. 
Fioeù. Figliolanza{Gìor. agr. I, i35). 1 
Toscani danno questo nome alle spi- 
ghe terze, quane del grano e minori 
della maggiore. 
Fioeù. Figliolanze(ìd. XII, 3 18). Gli steli 
o getti laterali delle viole garofanate e 
simé - Anche i Prov. li dicono Fiiholos. 
Fioeù. Barbatella di carciofo. 
Fioeul d'Iona bolgiiònna! Poffar bacco! 



3o ) FIO 

•Floeùla. Fancitdla. Zita. Zitella. 

Fioeùla o Fioeùra. Figliuola. Figlia. 
Dill a la fioeura perchè intenda la 
noeura. F. in Noeùra. 

La mader pietosa la fa la fioeula 
legnosa, f^. in Màdcr. 

Fiòl. r. in Fioeù. 

Fiòla mia( Vess on). Essere un fantino ^^^ 
un bambin di Bavenna, un aggirato- 
re. Aver cotto il culo ne* ceci rossi, o 
pisciato in più iTuna neve, o scopato 
più di un cero. Avere gli occhi nella 
collottola o f7 diavolo in testa. Sapere 
a quanti dì è san Biagio o dove il dia- 
volo tien la coda. Essere putta scodata 
o gazza con pelata la coda. Essere 
bagnato e cimalo. Essere astutissimo. 

Fiolà. r. Fiora. 

Fiolà. Accestire. Cestire.Si dice del grano. 

F'iolàda o Fioràda. BambinataQiou. La 
Fed. I, 17 — Pros. fior. IV, i, i23). 
Bagazzata. Puerilità. Fanciullaggine. 
Bambinaggine. Bambocccria. Bamboli- 
naggine. V. Bagajàda — Talora Invè^ 
nie. Smorfie. Quelle. 

Fa di fiolad. Fanciulleggiare. Bam- 
bineggiare. Far bambine. Pigliar gli 
uccellini. Atteggiare, Bamboleggiare. 

Fìolànza. Figliolanza. Figliuolanza. 

Fiolàss per Fioràss. y. 

Fiòlda o Fioldìnna voce cont. del t Alto 
Mil. per Sambrùcca. F". 

Fiòlda. V. cont. br. . . .- Quel coLno sulle 
misure che noi diciamo Montagna, f^. 

F/oIdn. Figliuolone, K Fiorón. 

Fiolon d'ona montagna! Poffare il 
mondo ! Poffar VAntea ! Corpo di me ! 

Fiolòtt. Bagazzetto? 

Piómba. Indiana(^ùoT.). Paravento. Mo- 
bile fatto di carta o tela dipinta stese 
su più telai di legno congiunti fra loro 
per modo eh' e"* si possono ripiegare 
più e più volte , di cui come se fosse 
una parete si fa uso nelle stanze per 
ripararsi dall'aria delle porte e delle 
finestre, o per appartare quella por- 
zione di stanza in cui siano letti o mo- 
bili che si vogliano celare alla vista di 
chi passa per essa. In tutta la fami- 
glia delle bussole, delle portiere, degli 
usci, degli usciali, e dei paraventi 
che il Tommaseo mi condusse innanzi 
ne' suoi Sinon. a pag. 96 io non ho 
potuto raffigurare pienamente né la 



Digitized by 



Googk 



FIO ( i3 

nostra Flamba né la nostra PaUonna; , 
a ogni modo Paravento sembra la yoce 
più opportuna. 
Fior. Fiore. — Il nome collettivo de' fiori 
è /Fiorrwm(Targ, ^iag. I,58i e pass.). 
Foeuj. Labbra o Pètali r Gamba o 
Picoll o Canon. Gambo, Gambetto. Pe- ] 
dicciuolo. Pedicello. Peduncolo — «Ste- 
lo s= Botton. Boccia, Bottone-^ e doltr. 
Calice o Periàntio » Goronna ? Co- 
rolla ta . . . . Stami con Borsetta o 
Antera o Tasca e Filamenti » Poi- 
verinna.. Pòlline , Puli^tscolo , Farina 
fecondante « . . . . Pistilli con Ova- 
rio^ Stilo e Stimma o Bollo «=.... 

Bicetiacolo » Nettar}. 

Faa a fior. Ombrellifero, Umbellifero, 
L'^erbabonna Tè fada a fior. UJinoc- 
chio è tra le piante ombrellìfere. 
Fior che eroda. Moritura. 
Fior de capuscin. Nasturzio. Nastur- 
ciò. Il fiore del Lepidittm sativumLin, 
Fior de cedro. Fiore citrino. 
Fior del cocd dicono alcuni con 
nome forasfiero la Scisciàttola. K. 

Fior de loff dicono alcuni quello 
che altri dicono Insalatta d'^asen. Scar^ 
diccione sabatico. VOnopordon acan- 
tlàum de^ botanici. 

Fior de mori. Fiorrancio. Calendula. 
Fior de paradis. Siringa, L^arbustf 
detto Philadelphus coronarius da' boi. 
Fior de pasqua. F'. in Pàsqua. 
Fior de passion. F. Passionin. 
Fior de pissa. Nome che alcuni danno 
alla Scisciàttola. F. (lausto. 

Fior de ponungranaa. Balausta. Ba- 
Fior d' inverna dicono alcuni con 
nome forestiero il Zafranón. F, 
Fior di oliv. Mignoli, 
Fior doppi. Fiore doppio. 

Fior matt Alcuni ortolani 

cbiamano cosi i fiori infecondi delle 
piante cucurbitacee. 

Fior sempi. Fiore scempio. 
Fior senza gamba. Fiore sgambato o 
nano o sedente o sèssileCTavg. Toz.Ist), 
Fior stradoppi. Fiore stradoppio{ìd,). 
Fior tigraa. Fior brizzolato. 
Disegn de fior {die alcuni dicono 

Fioristega) Disegno di fiori. 

Malt per i fior. Fiorista, Grand'ama- 
lorc e coltivator di fiori — ed ancbe 
Che va matto di fiori senza coltivarli. 



I ) FIO 

• On fior el fa minga primavera, ftg. 
Un fiore non fa ghirlanda. Un fiore o 
Una rondine non fa primavera. Non 
si dee portar giudizio d'alcuno da 
una o poche sue azioni. 

Pittor de ùor.Pittor fiorista. Fiorista, 
Quatta de ùoy. Infiorare. Infierire, 
Fiorir di fiori » Far la minuzzata. 
Sparger mortella. Spargere in terra 
fiori e frondi minute in occasione di- 
feste, processioni e simili. 

WM Fior fini o matt Fiori finti , 

fiori artefatti, e ne sono di più specie, 
come 

Fior de carta fatti colla carta. 

Fior de gaietta. Fiori di bozzolo. 
(Tar. tose). Specie di fiori finti, fatti 
colle fila de'bozzoli. 

Fior de lama. ..... fatti con ver- 

niglia d'oro o d'argento. 

Fior de lana fatti con lana. 

Fior de penna fatti con piu- 
mino d'uccelli. 

Fior de pezza. Fiori secchi o éU 
telaifiìOT. Geor. I, 102). 

Fior de seda fatti con pelo 

o seta. 

Fior de tila. Fiori di tela{0\ov, Geor. 
1 , 1 02), cioè fatti con ritagli di tela. 

Fior de velù fatti con ton- 

dature di velluto. 

Fa fior. ..(... Lavorar fiori finti. 

Fior, fig.^ Fiore. Fioretto, La parte più 

squisita di checchessia. -— Fior di 

ferro — Fior del rame — Fior del 

sale. 

Fior de calcinna. Calcina viva. Fior 
di calcina o di calce. Cloruro, 

Fior de canaja.5c*Aiiima di furfante. 
Caffo degli scellerati. 

Fior de canella. T. dei Drpgh. JPior 
di cannella. 

Fior de cassia. Polpa di cassia. La 
cassia estratta dai suoi baccelli e 
raggrumata. 

Fior de robba. Fior di roba vanr 
tagglata e rara. 

Fior de violetta. V, in Violétta. 
Fior de virtù, iron. Mala giarda* 
Malbigatto. Il libro intitolato Fior di 
virtùt che tratta di tutti i vizj amar 
niy ecc. ci ha prestala la frase. 

Fior de zoflfregh. Fior di zolfo. Zolfo 
sublimato. 



Digitized by 



Googk 



FIO (I 

> Fior d^omm. CTbmo nel fiore delVetà» 
Pan de fior. Pane di fior di farina. 
r. in Pan. 

Vess minga sto fior de xucch. ^. in 
Zucca. 

Vess on bon fior de locc. F. in Lòggia . 

Fior. T. di Giuoco. Fiori. Uno de^semi 
delle calte da tressetti. Il fr. TreffU. 

Fior. Mandola » e talyolUi anche Fiore. 
Quello delle calze. 

Fioràa. Fiorito. Affiorato. 

Fioràa. Fiorito(pw, JpoL i6i). Affiorato. 
Aggiunto di drappi o stoffe. 

Fioràa. Affiorato^ Tondin fioràa » Bfajo- 
lega fiorada. Piattello a fiori? Majo- 
lica a fiori? 

Fioràa. K in Màa. 

Fioràa. Che ha figliolanza» Ben fìoraa. 
Che ha buoni figliuoli. 

Fioràda. Bambinaia. V. Fiolàda. 

Fioràda. T. dei Tint. Fioraia. Crespo. 
Schiuma galleggiante sul Tagello ri- 
posato. 

Fioràrom Diconsì così certi vasi di 

fiori finti, fatti per lo più di metallo 
o di talco 9 i quali si mettono sugli 
altari fra un candelabro e Taltro per 

* ornamento. I Sic. li chiamano Ramette. 

Floràsc. FìgUolaccio. 

Pover fiorasc. Povero figUolaccio, 

Fioràscia. Fanciullona, e pleb. Ottona. 

Floràss. Adottare in figlio. 

Fiorée Fabbricator di fiori finti. 

Fiorella in gergo Il fienile. 

Fiorerà. Fioraja. Venditrice di fiori. 

Fiorerà. Vaso dafiorì{^. bass. in Bou- 
gueiier). Vaso di più forme e materie 
in cui si allogano i fiori già colti che 
tengonsi per vaghezza sui cammini o 
tavolini delle proprie camere. 

Fiorerà Grande canestra, per 

lo più tonda o aovata , che si suol al- 
logare nei collìcelli o sui rialzi nei 
giardini tutta seminata di piante fio- 
rifere, o che s** impianta sui tavolini 
per averne fiorì nelle stanze. 

Fiorerà. . . . Fabbricatrice di fiorì finti. 

Fiorètt. Fioretto. Fiorello^ e dot. FlòsciUo. 

Fiorétt FioreUo?(TaTg. Toz. Hodo di 
far gii erbarj nelle Istit. hot ) Sp. di 
carta. ^. anche in Carta. 

Fiorètt per Passètt. K. 

Fiorètt. Fiore. Nuberella o umor rugia- 
doso che aderisce alla pellicola de^pe- 



3a ) FIO 

ricarpj polposi, cioè che ricopre le 
prugne, le pesche, gli acini delibava 
e simili allorché sono in piena ma- 
turanza, e che al menomo toccarlo 
svanisce. Il Gallesio con altrì pomo- 
logi lo chiama Puhescen%a delle frutti; 
i Siciliani lo dicono Panna. 

Fiorètt. Fiore. Minutissimi (rammenti 
di quella muffa che i bot. chiamano 
Mycoderma mesenterieum o M. lagena 
o M. ifinii i quali veggonsi nel vino 
allorché la botte è in sul finire o 
quando il vino è viziato. Di questo 
fiore fu detto che Ogni fior piace ec- 
ceUo quel del pino - Quell vin el gh'ha- 
sù el fiorètt. Quei vino è fiorito o ha 
il fiore. 

Fiorètt. y. in Màa. 

Fiorètt. Ad. di Zùccher. V. 

Fioretta. T. music. Jtifioiire. Abbellire; 
e fig. Dare infioretti o in rifiorimen- 
ti; lo Sfiorixar de* Veneziani. 

Fioretta. T. di Ball. Far fioretti^ cioè 
certi passi che diconsi poi, secondo 
specie y Fioretti semplici , Fioretti in 
iscacciato^ Fioretti in gittatoj ecc. 

Fiorett}n. Fiorellino. 

Fioretto o Florétos .... Sp. di stoffa. 

Fiorettón de robba, de gent e sinu Ci- 
ma delle cime in una specie di cose 

• (Lasca La Strega V, 8). 

Vess fiorettón. ^per2e sette curaieUe. 

Fiorettón. Ad. di Zùccher. F'. 

Fiori. Fiorire. Fiorì i oliv. Mignolare. 

Fiorì. Shullettare. V. in Galcinirceà. 
Fiorì la colcinna. Sbullettare. 
Fiorì i medon. Sputare il fiore. 

Fiorida. Fioritura. I botanici la distin- 
guono in Infiorazione, cioè Tapparire, 
e Fioritura y cioè il prìmo aprir del 
fiore, lo sbocciare del fiore. 

Fiorii. Fiorito. 

L*uga Ve fiorida. La vigna è in fiori. 

Fiorii (pari, di pannilini). Candido^ 

Fiorii(parl. di stoffe di seta). Fiorito? 
Rifiorito ? Indanajato ? Picchiettato. 
Chiazzato. Toccato. TvXXo spruzzolato 
di macchiette gialligne. 

Fiorin o Fiorii o Fiori. T. de'Cacia) 

Residuo di latte che si ricava dal siero 
dopo trattane la forma del' cacio lo- 
digiano. Al suo primo comparire sulla 
superficie del siero, e finché dora li- 
quescente porta questo nome ; coceudo 



Digitized by 



Googk 



FIR ( i 

e rassodandosi^ lo cambia in quello di 
Mascarpa dolza. Altri poi chiamano 
Fiorin tutta- indistintamente la parte 
sierosa che resta nella caldaja dopo 
trattane la forma, giallo-verdognola, 
acidetta, densastra, piena di grumetti 
di latte. Il Lacceti dei Brianzuoli è 
simile al Fiorin. 

Fiorhi. Figiiolìno. V, Bagàjn, e ogg. Barn- 
bmuccio. Bambinello . Zitino. Bimbo, 
Bombo; ant. Faniigino; nobil. Pargo- 
letto i al vezxeg. Naccherino, Màmmolo, 
Mammolino; scherz. Marmocckino. 

Fiorin* Fiorino. Gi^iato. Moneta cosi 
d^oro come d'argento che nata già in 
Italia Ti è risuscitata oggidì col valore 
di tre lire lombarde decimali. 

Fiorìnna. K Tosètta. (Uccio. 

Fiordn. Fiorane. Fico fiore. Fico primor 

Fiorón éUce qualcuno con voce forestiera 
per Scud de Franza. F. in Scùd. 

Fiorón. V. in Articiòcch. 

Fiorón I contadini danno questo 

nome a ogni cosa precoce come il 
fico fiore. 

Fiorón. ..... Quel baco da seta che 

s^avvia primaticcio al bosco. 

Fiorón I bacaj brianzuoli idioti 

se veggono un baco da seta avere 
unico il cosi detto mal del calcino.^ di- 
cono cV esso è un fiorón, e sciocca- 
mente lo tengono per buon augurio. 

Fiorón. Figliuolone. Gtione. Figliolone 
da compensarne Bacco e Carnevale. 
Gran figliuolo. 

Fìòzz. Figlioccio. Quel ch'^è tenuto a 
battesimo^ cosi detto solamente in 
relazione a chi lo tiene. 

Fìòzza. Figlioccia. 

FTouuK /Vg/ioccxno(Firenz. 0/7. VI, i46). 

Fir. F, FU. 

Pìr I funajnoli danno questo 

nome a ognuno di quc* grossi fili di 
canapa già attorti, tre de* quali fanno 
un legnuolo. 

FìT. gerg. Tema. Paura. Filo. 

Noi gh'ha fir de nissun. E^non gli 
crocchia il ferro. Si dice degl' impà- 
vidi in ogni genere. - "Non è secondo 
a chìccliessia. Si dice di chi ha molto 
merito nella propria professione. 

Fira. Fila. F. Ftta. 

Firi. r. Fila. 

Firafus. F. Filafòs. 



33 ) ^IR 

Firàgn. Fila. 

Fa firagn. Far le fila. Dicesi del 
cacio quando fila. 

Firàgn o Firàgna o Filagna 

Filo lungo con attaccati di molti ami 
per far pesca di pesce minuto. 

Firàgn o Firàgna o Filagna. AnguUlare. 
Filare. Filarata di viti che si fa nei 
campi, 

Firàgna. F. Firàgn - Per Giughiroeùla. F. 

Firàgna Lenza di cui si fa uso per 

cordeggiare diritti i solchi nei campi. 

Firagnòcch. Dappoco. Baggeo. F. Badée; 
M ostacc de firagnòcch. f^. in Moslàcc 

Firató. Filatojajo. Colui che lavora al 
filatojo da seta. 

Firèll. Filatojo, V. Morinèll. 

Firèll Sp. di filatojo poi*tarocchetti. 

Firéra. Filatrice. Noi abbiamo una can- 
zone popolare che incomincia per le 
parole Lafirera del Cordus, ecc. 

Flres* s. m. Felce^ Felice. Arbusto ch^è 
YAspidium filex de^bot. Sotto nome 
di Fìres vanno fra noi tutte le varie 
specie d^Aspidj, meno il maggiore che 
diciamo Firesèssa. V. 

Semenza de fires. Seme di felce il 
quale fra i contadini brìanzuoli è te- 
nuto per un portentoso filtro amatorio. 

Firesèssa. Felce maggiore. F. ramosa, 
F, da ricoite. F. capannaja. F. grande. 
F. da porci; e doltr. jtqtdlina (Targ. 
Toz. Diz.). È la Pteris aquilina!,.^ cioè 
la Fougère femelle dei Francesi. 

Firifìss. Gìiirìgòro. Giricòcolo. Girigògolo. 
Tratteggio o intreccio di linee faM 
a capriccio di penna. Fra noi dicesL 
per lo più di quello che si fa nelle 
firme, e anche più propriamente la 
firma stessa che appongono i notaj 
agli atti pubblici , alla quale solevano 
altre volte preporre il Fidisse fieri; 
latiname che il nostro volgo storpiò 
in Firifiss. 

Firisèll {che pare corruzione di Filo se- 
rico). Filatìccio. Filo di seta che si 
trae dai bozzoli di seme {gaietta real 
o de semenza) , dalle borre di seta o 
dalle sbroccature(5Vits)9 o dai boz- 
2o\9iCC\{ gussètt schiscètt) cardati o 
stracciati che si dicano. Pnma che sia 
filato si chiama Sinichella o Sirighella. 
Anche i Francesi lo chiamano Filoselie 
e i Pi*0 veniali Filouselo ; e Filosello 



Digitized by 



Google 



FIS . ( 1 

scrìvono anche i nostri allorché vo- 
gliono uscir di milanesi, e lombardeg- 
giando mentre credono italianizzare -- 
V' anche in Seda - Si specifica dal 
meglio al peggio in 

Firisell de gaietta reaL Filaticcio di 
bozzoli di seme o di bozzoli sfarfallati, 
Firisell fiocch. F/or^(Gior. Georg. 
XIII 9 i3i ) che si fila in manett, 

Firisell de schiscett o Segondin. 
Filaticcio di palla. 

Firisell strusa. Borra di seta. Bavella. 
SbroccaUire. ' 

Firisell gross o pettenuzz o rocca- 
din o de terza e quarta man o terzi- 

roeu Filaticcio d^infima qualità 

che si fila in beroit o gkindann. 
Firisell. gergo. dUaro, lì vino. 
Firisèlla. Panno di Jilaliccio? Stoffa con 
ordito di lino o canapa e tessuto di 
sinighelle filate. 
Firisèlla. 3 v. cqnt. Gonnella di Jila^ 
Flrisellàda. S Uccio. 

Fa de la firisellada. Impannnre le si- 
nighelle fìlate(Gior. Georg. ^III, i56). 
Firisellìn. Filatore diJilaUccio. Chi strac- 
cia i bozzolaccl per farne filaticcio. 
Firlafórla. Trapano, Trapano ad archetto. 
La nostra è voce imitativa del remore 
che fa qHCSt"* aiuiese aggirato ; un eti- 
mologista romanzesco la direbbe figlia 
del romano Furio o Sasso forato. 
Firma. Firma. 

Per onor de firma, fig. Per onor 
di lettera , cioè per apparenza. 
, Toeù o Leva la firma. Levar la penna 
(Pan. Pìag, Barb. II, aao). 
Firma. Firmare. 

Firón o Firon de la s^cenna. Filo della 
schiena o delle reni. Spina. Filo; dottr. 
Fèrtebre. Spònduli. Spòndili, 
Firón. T. de^Macell.,Piczic. e simili. Schie- 
nale. Il complesso delle vertebre com- 
ponenti il filo della schiena delle be- 
stie da macello, allestito per vendersi. 
Fìs. y. Flss. 
Fiscal. Fiscale. 

Fiscalizza. Fiscaleggiare, Sottilizzare, 
Fisch. Fisco. 

Andà al fi sch. Andare in o neljlsco. 

Fis^cià. Dar VurloiJ^ Kgmolì Jiime I, 264). 

Dare lo sirillo(^9igè[,Lett.sc,^.H^\^'ò). 

Far le fischiate. (Fichus. 

Fisciù e Fissù. /'«c«w(Alb. enc). Dal fr. 



34) FIT 

Fisegh. Fisico. 

Sta ùse^ {che anche diciamo Sta 
fresch in di patti] ). Star fresco. Avere 
alcun guajo grosso. 

Fisonomìa, e idiot. Finosomìa. Fisionomìa. 
Fisonomìa^ e scherz. Locherà. 

Fisonoroìsta. Fisonomista, Fisionomista. 
Fisiònomo. 

Fiss o FL». avv. contad. d^origìne berga- 
masca e comune nell'Alto Mih Molto. 
Assai. V, Sossènn. 

>i Ti^và quceicoss che te spiasess ben £<s * 
(Maggi Inttrmexzi II 2x4.) 

Fìss. ad. Fisso. 

Aria fissa Soffio d^aere che 

vi dia addosso diretto e continuo. 
"V Aria fissa dei diz. ital. vale altro. 
Fissa. Fissare (Min.). Stabilire, Determi' 
nare. 

Fissa el ciod o Fissass. Fermare il 
chiodo. Ostinarsi in un proposito. 
Fissa (in faccia). Affisare, Fisare. ìtimirar 
fiso xì fissamente o fisamente ofsojiso. 
Fisar gli occhi addosso - Ai^er Vocclùo 
fisso in alcuno. 
Fissazión. Fissazione — > Monomania. £l 
gh^ha ona fissazión. È un pazzo di 
fissazione, (nazione. 

Fissazión. Caparhierìa. Caponerìa, Osti- 
Fistola. Fistola. 

Formassegh ona fistola. Infistolirsi. 
Fistolare. Divenir fistola. Farsi fisto- 
lazione. 
Fistuscià. V, a. del Far. Mil. Intopparsi 
nel parlare — Invilupparsi nel far qual- 
che cosa. Oggidì nel primo senso è 
voce disusala tra noi^ nel secondo 
diciamo più volentieri Fustuscià. V, 
Fit — Che fit o Che fet che foj.,^. in Fa 
Fitt incile i contadini e il volgo dicono 
Fìcc, voce che vuol essere serbata 
così in alcuni modi volgari, come si 
vedrà sotto). Fitto. 

Cerca el cunt di ficc. Bg. Tenere 
a sindacato. Bivedere il pelo. Far ren- 
dere conto altrui del suo operato. 

Dà a fitt. Dare a fitto. Affittare. Al- 
logare a fitto, 

El ficc noi tempesta. Del fitto non 
ne beccan le passere, 

Ficc di dance. Censo, Interessi, 
Fitt de cà. Pigione. 
Fitt de cà. me't. Cesso? Ogni oggetto 
che obblighi a frequenti spese per 



tligitized by 



Googk 



FIT ( 1 

tssere conservato. Per es. Per lo pù i 
pendol bin fitt de cà. ,. . . . Gli oro- 
logi a 'pendolo botto botto son guasti. 

Fitt de la terra. Terratico. ' 

Guarda cb^'el gVba el ficc 

Cosi sogliono dire parecchi contadini 
aliorcbè imprestano coltello , potatojo 
o 8im. ad alcuno, come per usura 
chiamandosi a parte di ciò cb^ei sta 
per cogliere adoprandoli. 

Tirà-sù el ficc. ^^, Tirare il Jtato 
per le narici (Alb. bass. in Jìenijler). E 
fra noi prop. Aspirando rattener nelle 
narici quel moccio cbe sta per colarne. 

Tirà-sù i £cc Riscuotere i 

fitti , il terratico , le pigioni. 

ToBÙ a fitt. Pigliare o Tórre o Pren- 
dere a pigione o in affitto o a fitto. 

Fitt Aggravio ordinario. Per es. 

L''è on fitt; besogna dagbel de bev. 
Gli è censo ^ dagli bere. 
Fitta e Ficcià. Affittare, Appigionare. 

A\è fittaa via i mezzanitt. fig. Avere 
spigionato il pian di sopra. Non aver 
punto di zucca. Aver appiccato alla 
testa un appigionasi(Lì]^piMalm,lVyi5). 

Fitta a danee Tè maa o Tè on sas- 
sinà i fondi. Chi affitta ^^^(Paoletti 
Oper. — Gior. Georg. Ili, 65 — Gior, 
agr. I , III). Dettato veritiero in gene- 
re , ancorcbè non in ogni circostanza. 

L^ è de fitta. È scena vota{Vsig, Am, 
non op. a caso II, i8), cioè è Donna 
senz^araante o senza marito. 

Torna a fitta. Biallogare. 
Fittànza. Fitto. Voltà-giò ona fittanza o 

ona fìltarescia. Rinnovare unjitto, 
Fittarèscia o Fittarèzza. Fitto. Posses- 
sione affittata. Fattorìa. Tenuta di 
beni e poderi dati altrui in affitto. 
Anche i Bolognesi dicono A^ttarezza 
esclusivamente i fitti delle valli o pa- 
ludi del loro territorio. 
Fittàvol e Ficciàvol. Fittajuolo. Affitta^ 
juolo. Fittuario. Conduttor di fondi e 
specialmente rurali. 

Capell de fitta voi Cappello di 

testa bassa e tesa assai larga e piana , 
cosi detto per essere simile a quelli 
cbe sogliono portare i fitta] uoli rurali. 

Capell de mezz fittavol Cap- 
pello di tesa men larga e testa men 
bassa di quello detto qui sopra, an- 
corché ti'aente alla stessa forma. 



35) FLA 

Fittavol de ris fittavol de paradis. 
F. in Paradis. 

Fondi a fittavol fondi al diavol 
o vero Terren in man a fittavol , ter* 

"" ren in man del diavol. Chi affitta sfitta, 
V, pia addietro in Fitta. 
Ris butaa-giò fittavol in pee. V. in Ris. 

Fittavol. gergo. 5«/io(GalfÌ. Saggi). Co- 
lombo da pelare. Piccion tenero. Dio- 
cesi d\mo che sia comodo e non molto 
astuto in giocando, cosicché facilmente 
resta, come suol dirsi, il pigiato, e 
perde; ed anche in genere Fra Fazio^ 
cioè Chi paga per altri. 

Ave trovaa el fittavol o el barba o 
el polacch o el miscee o simili. Aver 
trovato Fra Fazio, 

Fittavol. T. di Giuoco. F". in Foméra. 

Fittàvola. Fittajuola. Cosi cbiamasi la 
moglie del fittajuolo. 

Fitta volaria per Fittarèscia. F". 

Fittavolinna. Dimin. di Fittàvola. K. 

Fittavolònna. Acer, di Fittàvola. F, in 
Fiaserón. 

Fittcomiss. Fidecommisso, — Asso fermo, 

Fittón. Fitto grande, 

Fiùmm. s. m. che in campagna e spec* 
nell'Alto Mil, diventa siist. fem. dicen^ 
dosi ivi La fiumm. Fiume. 

Fiumm giò de corda.) reggasi VAp^ 
Fiurom in corda. ) pendice. 
Fiumm stravaccaa. Fiume inondante. 
Fiume uscito de*siu)i termini. Fiumara. 
Fiumaja, Fiumana. 

Fiùmm. T. di Scult Nome di quelle 

statue incoronate d^alga o di altre 
' piante acquatiche giaccioni o sedenti 
Je più volte a gomitello sur un'^urna 
donde sgorgano acque , le quali rap- 
presentano divinità fiumatighe o per 
lo più i figli di Tetide e dcirOceano 
in figura di vecchioni con barba e 
oapei molli, e pongonsi ad ornamento 
in sugli archi trionfali e simili» I Fiumm 
de l'Arco del Sempion. 

Fìxa. Fio, Nomi idiotici di quella lettera 
deirai fabeto che le persone colte di- 
cono Ipsilonne, 

Flacón. T. de** Profum. , Chincagl. , ecc. 
Boccetta da essenze. Dal fr. Fla^on, 

Flagiolè. y. Fragiolètl. 

Flàn. T. di Cuochi, . . . Specie di pic- 
ciola tartara fatta con crema e carni 
o verdure piste. Dal &• Flan, 



Digitized by 



Googl 



e- 



FLO ( 

Piatto. Flato. 

Flatlós. Flatuoso. Flatt^ento. Flatulente, 

Flattositàa. Flatuosità. 

Flàiit o Filila. Flauto; contad. Fiòtola; 
con voce equivoca e parmi da schi- 
varsi benché usata dal Chiabrera Fiuto, 
Il flauto travei*siere, strumento da fiato 
dello Fldte anche dai Francesi. 

Tesla != Pompa. Imboccatu- 
ra «= Pezz de mezz. Pezzo medio «=» 
Primm pezz. Pezzo medio altro «* 
Trombin. Piede, . . . = Ciav. Chiavi, 
Àut aut o on zlfol o on flaut. O 
Cesare o Niccolò — O fallo o guasto, 
Sonador de flaut. Flautino, 

Flaulàda. jéd, di Nòtta. r, 

Flebòtom incomincia a dirsi dalle pet^ 
sone colte per quello die altre volte 
dicevamo hairhée(cavasangue), 

Fiemàtegh. Flemmatico. 

Flemategón< Arcijlemmatico, 

Flèmma, s. f. Flemma, Torpidezza, 

Ona flemma porca sostantivamente* 
Injingardaccio, Un torpidaccio, un 
pigraccio. 

Flicch flacch flùcch. ) • • • Suoni, non 

Flipp flopp flùpp. \ voci, che usiamo 
per indicar ogni parlare a noi ignoto , 
e speciahnente il germanico. E dicia- 
mo cosi deli' ultimo perchè sentiamo 
frequenti in bocca di chi lo parla le 
combinazioni sillabiche Flach^Jlich, 
Jluckf fra noi di nessun uso. 

Flizz. Fitta, Trajitta, Dolore pungente 
e intermittente. 

Fll2za (die i più colti dicono Fréccia). 
Freccia, 

Piuma. Vale(Tasa, Gerus, Uh, Xf^ 
40 t= Ponta. Ferro. 

Flizzón. Arciere. Colui che va richie- 
dendo le genti di denari in prestanza. 
»- Fa el flizzon. Frecciare, Dar la freccia* 

Floeùi*. Fiore, La nostra è voce usata 
in Acqua de mila floeur. Acqua di cento 
o^ri(Pan. PoeU II, xiii, 71 ). 

Flòra(ParI ona Dea). . . . Essere tutta lìn- 
dura^ e dicesi delle donne ^ segnata- 
mente allorché nelle loro acconciature 
hanno dovizia di fiori o veri o fìnti. 

Florànsg. FolasseC^ox,). Spezie di stoffa 
di seta detta anche dai Francesi Flo^ 
rence o Fiorentine, 

Flòre(in). In fiore — Talora anche è sin. 
d' In auge, V, — Pretto latinismo — 



i36 ) FO 

Mi si assicura che in qualche parte 
della Brianza dicano con lieve diver- 
sità d' inflessione ma con pari valore 
Infiorò o Infiora, 

Andà in flore. Fiorire met. Prospe- 
rare, 

Toma in flore. Rifiorire met. 
Vess in flore. Esser in fiort met. 
Esser in fiondo (Magai. ). 

Florétos. .... Sp. di stoffa di seta. 

Flòss. s. m. Bava? Sp. di seta. V,in Seda. 

Flòss. ad. Flòscio, Flòscido, Ricascan- 
te. Flàccido, Leno. Snervato. Lonzo. 
Languido — Deventà floss. Sneri^arsi. 
Infievolire, Illanguidire — De floM. 
Flosciamente. Languidamente, Fiacca- 
mente, 

Seda flossa. Lo stesso che Flòss sust. 
F. in Seda. 

Flossón. Languidissimo, Tutto langiùda- 
re. Tutto fioscezza. 

Flótta. Frotta. Calca. Pressa. 

Fluscià. Frusciare, 

Fluscià. Incitare. Aizzare. Pungere, 

« E eoi preghier e coi moinn la flascn 
m £1 te» e ci qaart lesta e maligna in tatt •■ 
(Bai. Gwas). 

Flùss. T. di Giuoco. Frussi, Frusso, Spe- 
zie di combinazione al giuoco di pri- 
miera, y, in Priméra. 

Andà a fluss. Stare a frussi, cioè 
cercare di far frussi. 
Fa fluss in duu. Far la pariglia. 

Flùss. Flusso. Mal di pondi. Dissenieriai 
e per estensione Scorrenza Soccor- 
renza. y. Gagarellà. 

Flùss. T. di Mascalc. Aragàico ne' cavalli. 

Fluss e riflùss. Un fiosso e riflusso , cioè 
un continuo movimento a andirÌTieDi> 

Flussiòn. Flussione. 

Flussionàscia Grave flussione. 

Flussionètta. . . . Una lieve flussione, 
una flussioncella ? 

Fiuta, s. f. diciamo assai comunemerdB 
• per Flaut. F. 

Fò. Faggio. Albero noto che è il Fa^^ 
silvestrisL. e che anche i Fr. chiamano 
volg. Fau e Futteau(Veàì Strafico Di:- 
di mar. Append,), La coccola il frollo 
eh* ci produce dicesi Faggina, 

La legna de fò per el primm ann 
Tè or, per el segond Tè argeot. 
per d terz la var nicnt. ... Le lego^ 
di fiiggio tagliate da un anno sono il» 



Digitized by 



Googk 



FOD 



(»37) 



F(EU 



Ottima qualità, da due» sono di mex- 
zana, e da tre, di cattiva riuscita. 
Bosch de fó. Faggeta {Turg. ^^' 

IV, 59). Faggeta? 

Fò bianch. Fi]^gio(comune). 

Fò ross Varietà del faggio che 

La le foglie d' un color rosso cupo. . 

Fnitt del fó. /Viggxa(Targ. Ist, in 
Fagus sil^estris). Faggina, Faggiuola, 

Fóce ( Giugà al) Specie di giuoco 

che si fa colle carte da minchiate. 
^. in Taròcch. 
Focciùu per ischivar di dire Fottùu. F. 
Fodrà. Foderare — Soppannare. 

Fedra d'ass. Intavolare? , e ant. In- 
castagnare. 
Fodràa. Foderato — > Soppannato, 

Avegh el canaruzz fodraa de co- 
rauim o de tolia. r. in Canaruzz. 

Avegh i oregg fodraa de peli d' in- 
guilla. F, in Greggia. 

Avegh la borsa fodrada de peli de 
dia voi. K. in Bórsa. 

Parla fodraa. Favellar collo strascico. 

V, Parla con la foeudra in Focùdra. 
Fodràzz. . . . Coda di viteUo o simile ri- 
secca e forata dall' un de^ capi , in cui 
5** intromette ognuno dei ferri' da far 
calze che di mano in mano si vanno 
succedendo nel ricevere sopra di sé 
ogni girar di maglie. Oggidì questa 
specie di punto d** appoggio è andata 
in disuso , e se gli è sostituita quella 
cannuccia di bossolo o slmile che di- 
eiamo Canèlta. ^.; o vero alla franzese 
s"* appoggia il ferro ricevente le ma- 
glie alla fbrcatura che è tra il pol- 
lice e r indice della man destra della 
donna che lavora di calze a mano. 

Fodrerìa* v. cont. dell* Alto Milanese* 
Frode. Maracìiella, 

Fodrètta. Federa. Vesticciuola, Il Caro 
{fjett.Jam, II, 168) usò anche Foderetla 
nel sig. di Federa. Sopraccoperta di 
pannolino, fatta a guisa di sacchet- 
to, nella quale si mettono i guanciali. 
Mctlnsù i fodrett sui cossin. /?<Ve- 
stire i guanciali(kreU Ipoc. f. 589). In- 
Jederare^Todii'^ìò i toàveit. Sfederare, 

Fodrettìnna. Federelta. Dim. di Federa. 

Fodrettón. s. m. . . . . Federa lunga 
pei capezzali. 

Fodriéra. T. dei Cappell. Pezza da ini' 
bastire? Pezza di tela nuova e forte 
Fol IL 



nella quale s* involtano le falde per 
feltrarle a caldo — Dal fr. Feutrière. 

Fodrinàa. . . . Aggiunto d'^imposte o si- 
mili rinforzate con anime o contr^assi. 

Fodrinna. Jnima. Fondo. Il sodo dei- 
Tintela) atura d^una porta, d^un^ im- 
posta e sim. ; quel che i Francesi di- 
cono Panneau : e di qui i nostri Panò 
riquadrati degP imbiancatori. 

Mett a post i fodrinn d^on sara- 
ment. Incanalar le anime ^un* imposta. 

Fodrinna. Contr'asse. Fondo. Asse che 

. serve come di fodera interiore alla 
pianta della cassa delle carrozze e 
d^ altrettali lavori. 

Incastrin de fodrinn. F. Incastrln. 

Fodrinna. Foderetla. Leggiera fodera. 

Foètt. Scudiscio o Sculiscio da cavalcare 
(Targ. Istit. II, 18 e 3o4). Frustino 
(Tar. fior.). Scuriscio. Frusta corta con 
manico impiombato , che i Francesi 
chiamano Cravache. La nostra voce 
Foètt però è d^origine franzese essa 
pure, cioè trae da /bue/ (frusta). 

Foettàda. Colpo di scuriscio o scudiscio. 

Foettà-siji. Scudisciare. Scurisciare. 

Foetlin. . . . Breve e sottile scuriscio. 

Foettón. Scuriscione. Scudiscione ? 

Foeù. e. cont. per Foeùra. F. 

Foeùder. Fodero. Guaina; poet. Vagina. 
Fceuder del sciabel. Fodero di sciar- 
boia. Le sue parti sono 

Pontal. Puntale ^ Bottonin del pon- 
tal. Bottoncino del puntale <» Cusidura. 
Cucitura^ Imboccadura. Bocca » . . . . 
Cappa sai ... . Bottone della cappa — 
e in quello da cavalleria. . .' . Boc- 

clietta » . . . . Cresta » Fa- 

scette «-Anelitt. Campanelle{Dìz. artig.). 

Foeùder. gergo U letto. Ande in 

del fceuder Andare a letto. 

Foeùder. s. f. pi. T. de^Calz. Fasciiwle. 
Fascette. Formarne. Strisce d"" alluda 
con cui si soppanna in giro Torlo 
interiore de** quartieri delle scarpe. 

Foeùdra. Fòdera — Fodero. Fodro — 
'Soppanno. 

Mett in foeudra. T. àe"* SsìtìI Fode- 
rare. Soppannare ; e propriamente Im- 
bastir panno e soppanno per ben fo- 
derare le vesti e simili. 

Parla con la foeudra. Favellar collo 
strascico: Si dice di chi o allunga 
troppo le vocali , o ribalte le sillabe , 

18 



Digitized by 



Googk 



F(EU .( i36 

• replica le parole in fin del periodo 
o degl'incisi. È una specie di hai* 
tologia di cui si hanno troppi esempi 
nelle Poesie rusticali fiorentine per 
non ritenerla mendo comune anche 
oltre TApennino ^- Gli accompagna- 
verhi servono talora con grazia ad 
una specie di parlar ycMiraa. Per es. 
Te credet de savenn pussee de mi ti. 
Credi tu saper più di me ùu 

ToBÙ-via i foeuder. Sfoderare. 
Foeùdra. GtfjCiO. In voltura di materasse 9 
guanciali, sedili di scranne, e simili. 
Foeùdra de ponta. T. de^ Calzolaj. Cap^ 
pelletto. Pezzo di cuojo grosso posto 
internamente in fondo della scarpa 
a sostenere il tomajo. 
Foeùggia. V. Foeùsgia. 
Foeùgh. Fuoco ; poet. Fòco; al pi. Fuo- 
chi; e antic. Le Fuocora-Hoì diciamo 
anche Foco ma nel solo det. che usia- 
mo talora alF italiana Un legno non 
fa foco , due ne fa poco , ire un Jbcor 
retto 9 quattro un foco bello 9 cinque 
un focone , e sei un diavolone* V, Lègn. 

Arma de foeugh. Arma da fuoco. 

Avegh el foeugh al cuu. fig. Avere 
U fuoco al culo. Affrettarsi in chec- 
chessia come si affretta il cavallo re- 
stio a correre quando ha la paglia ac- 
cesa al culo. // court comune s'il avail 
le feu au cui dicono i Francesi. El par 
semper ch^el gh^ abbia el fceugh al 
euu. Egli è un caca/retta. 

Brusà come on foeugh i man, i did 
o sim. Sentire un fuoco nelle mani 9 alle 
dita o sim* — • (la pissa) Pisciar fuoco. 

Chi ha besogn del foeugh slonga el 
berna2z o sporgia el bernazz. iig. Jn 
bocca chiusa non entra mai mosca. Chi 
va lecca e cìd sui si secca. C/U s'ajuta 
Dio l'ajuta. Adoprati se vuoi ottenere. 

Chi no sa fa a fa foeugh no sa fa cà. 
Chi vuol conoscere un dappoco , gli 
faccia accendere il lume e il fuoco 
(Magalotti Lettera scient, IX." a p. i34 
— Honos. a pag. 56a). Trito asdoma 
che si troverà ben rare volte mendace. 

Ciappà foeugh. fig. Pigliar fuoco. 
JncoUorirsi. Adirarsi* Entrar in col- 
lera, 

Coeuses al foeugh. Covare il fuoco. 
Crogiolarsi. Stare o Sedere lungo tempo 
al fuoco. Pigliare il crògiolo. 



) F«U 

Dà el foeugh a pian o in furia. FI più 
innanù ap.i Sg, riga 1 3.' Tacca foeugh. 

Di robba de foeugh. Dir cose di 
fuoco; sparlare grandemente. 

El foeugh €Ì mangia el cagg. f^. Càgg. 
^ Esercizi a foeugh. T. milit. Eserciij 
« a fuoco? Dicesi di quelli che si fanno 
con le armi tirando a roto con soli 
polvere per differenziarli da quelli 
che si fanno senza sparare — VE- 
serciù a fcBugfi con balla dicesi par- 
ticolarmente Tira a segn. K 

Fa el foeugh d'Arlechin 

Al positivo significa Allestire il fuoco 
allogando le legne gros$e per disotto 
alle minute, è rendendo cosi difficilis- 
simo per non dir impossibile raccen- 
derlo.— In senso fìg. equivale al prov. 
riferito dal Gher.(roc. voi. I , p. lai , 
col. i." in fine ) Far come Schiizone 
che prima finiva e poi abbozza/va^ cioè 
fare le cose a rovescio. 

Fa foeugh o Foga. Attizzare il fuoco. 

Fa foeugh. Dare o Far fuoco. Sparare. 

Fa foeugh. fig. f^. Fà-sott foeugh. 

Fà-giò del foeugh Attizzare 

il fuoco e dar nelle legne coUe molli 
o colla pala per averne brage a suo 
uso. Corrisponda nelle legne a quel 
che lo Sbraciare nella brace. 

Fà-inanz el foeugh. Rattizzare. Far 
fuoco fresco o buon fuoco. Riordinare 
i tizzoni per averne maggior fuoco. 

Fa sott £ain^. Rattizzare. Attizzare. 
Far fuoco sotto pos. e fig.(AIachiav. 
Op. V, 197). Fare fuoco. Accalorare. 
Incitare. Sollecitare. Incalzare. Aggiur- 
gner legne al fuoco. Il lat. Faees sub- 
dere. Mettere al punta. 

Fà-sù on foeugh de cà del diavd. 
Accendere ima fornace di fuoco che U 
pare un inferno (Zt^noni Rag. cu*. I» i). 
Fare un fuoco grandissimo. Fare un 
fuoco dilione^ òiiìxwtAi.Tnfemifocare. 

Foeugh a pian. V.pià oltre a pag, 
159, riga la.» Tacca foeugh. 

Foeugh de la misericordia o Foeugh 
di pover mort o vero Ona niiseria 

d'on foeugh Due tizzoncelli 

appena ^ un po^ di tizzoncino ; un fo- 
colino assai povero. 

Foeugh de paja. Fioraglia. Il latino 
Fiamma de stipula — Al fi^. Fuoco 
di paglia , cioè Cosa che dura poco. 



Digitized by 



Googk 



F<BU (i 

Fomgh de Miif Antoni. S^rpìgÌMe. 
Foeugh di Spagnceu. Lo stesso che 
Faasinna di Spagnoeu. f\ in Pteakina. 

Fceugli in furia, f^. nétta col. a.' riga 
1 a lift questa stessa pt^. Tacca foeugb. 

Fcengh salyadegh. Fuoco salvatico. 
Fiamma salsa. 

Gìk* è el gatt sul foeugh. In casa è 
pia cattivo ordine che il venerdì santo 
(Fin ìaìc. I9 a)» cioè Non ti si vede 
indizio di cucinare. 

Indora a foeugh. V. in Indora. 

L^andaraT in del fceugh per mi. 
Per me si metterebbe nel /uoco{Pud. 
Poet, I, XXXIX» a). Per me si spore* 
rebbe. Il se mettrait au fea pour son 
ami dicono anche i Francesi. 

Lengua de foeugh. F. in Léngua. 

Mett acqua sul foeugh. fig. Spegnere 
9Ì fuoco* Metter buone parole. Metter 
pace, Rappaciare, Racconciare, 

Mett a foeugh o Mett-sù. Mettere a 
fuoco, (y. in Man. 

MettarcT ona man in del foeugh. 

Mett foeugh. V. F»-sòit foeugh fig. 

Mettegh el foeugh al cuu a vun. fig. 
Mettere 1 cani alle costole d'uno. Pres- 
sarlo a fare checchessia. 

Mett troppa cama a fosugh. fig. ilfe^ 
iere troppa carne a fuoco. Imprendere 
troppe cose; ad un tratto. 

No ave né foeugh né loeugh. Non 
aver né luogo né fuoco. 

Pari slaa a foeugh. scherz 

Dicesi di cibo che scotti. 

Pien de foeugh. fig. Subitaneo, Tutto 
subitezza. Che ha caldo o fuoco. Int- 
petuoso. Focosissimo. D* animo caldo, 

Pizza-sù el foeugh. Accendere il fuoco. 

Pizza mai foeugh. ^g. Non mangiar 
mai di cotto, 

Quand el foeugh el crìa dedree» o 
robba o dance \ Quand el foeugh el 
cria di part, forestee a la casa; Quand 
el feeugh el cria denanz» t> geni o 
parent o el patron malcontent(c/ie o/- 
tri dicono o gent al present , ecc, , ed 
altri o gent o present, ecc. 9 ed altri 
Jtnal, robba de piang) • • • Fila di idee 
superstiziose benché innocenti vivissì- 
me tra noi che par non siamo Parsi 9 
senza che milioni di mentite col fatto 
abbiano mai potuto spegnerle. 

liefò i codegh cont el foeugii. r>*Kefò. 



3g ) F<EU 

Romentà el foeugh. Coprire o dddoi^ 
mentore il fuoco. V, Romentà. 

Ruga el foeugh. Stuzzicare o &rar 
dare o Cercare il fuoco. 

Smorza el foeugh. Spegnere o Smor^ 
Mare o Ammorzare o Ammortare o 
Estìnguere il fuoco. 

Sta semper a cavali al foeugh. ES" 
sere im colombo di gesso(ÌHonoB, lyS), 
Covar la cenere. Starsi continuamente 
al fuoco. 

Tacca foeugh. T. de^Fornac 

Metter fuoco alla fornace; il che si 
fa da prima a pian ^ cioè blandamente, 
o come dicono i Francesi à petìtfeu 9 
per prosciugare alquanto la cotta, e 
da poi in furia f cioè con gran ibrza, 
o à grandfeu com'*essi dicono, per 
cnocerla da vero senno. 

Tocca col foeugh. F, in Tocca. 

Toeù-foeora foeugh, F» Stoppà-sà. 

Tra foeugh. Sfavillar fuoco. 

Tra foeugh. Far fuoco coi ferri{A3h, 
enc. in Fuoco). Dicesi del cavallo che 
trae coi ferri scintille di fuoco daUe 
pietre sulle quali corre. 

Vess come la paja attacch al foeugh. 
Accostarsi alla carne come il giunco, 
(Poem. d"* un aut. corton. Ili , yZ ). 

Vess tutt foeugh. F, in Foghòtt. 
Foeugh. Incendio, Fuoco, Per es. Che 
foeugh gh^è mai staa ! Oh quale incendio! 

Dà-dent el foeugh. Incendiarsi — 
fig. È lo stesso che Vessegh dent el 
foeugh di più sotto. V, 

Dà el foeugh a ona cà o sim. Appiè» 
care o Mettere o Figger fuoco a o in 
una casa o simile. 

Dà fosugh a la robba. fig. Far baldo- 
ria ofalò. Far del bene bellezza. Colare 
il suo. bruciare a usqita. Sprecare. 

Dà foeagh #1 pezz. posit. Allumare 
-* Stoppinare — - fig. Dar fuoco alla 
girandola. Dar le vele ai venti, 

Ona cà che cria fgeugh. F. in Cà. 

Sona de foeugh. Sonare a fuoco(J>9X\ 
Lep. 75). 

Tacca foeugh. Incendiarsi. Appren^ 
dersi il fuoco. Appigliarsi fuoco. Pren» 
der fuoco. 

Vessegh dent el foeugh (in d*ona 

mercanzia). Andar via a ruba. Anche i 

Fr.dtconole/éiie^là cetfe marchandise. 

Ffleugh(n«* vini). Ffioco(Soder. Colt 187). 



Digitized by 



Googk 



F<EU ( I 

Àvè del foeugh. Aver del/uoeo(9oàeT, 
ivi). Principiar il vino a inacetire. 

Giappà del foeug^. Prendere il fuoco 
o il settembrino(GioT» Georg. Vili, 22a). 
Pigliare un poco di punta. 

Foeùgb. Fuoco, Famiglia, Da noi la voce 
in questo sig. dura solo in campagna ^ 
e con buona ragione che ivi per so- 
lito ogni famiglia non ha che un fuoco 
unico in casa; in città i più fuochi 
usati in una medesima famiglia hanno 
fatto sì che si spenga la voce in tale 
sig.; perciò al contadinesco Semm tanti 
fasugh corrisponde in città il Semm 
tanti, vesin^ 

Foeùgh. Cuscuta. V, Gringh. 

Foeògh. T. degli Otlici./Vioco. Il fr. Foyer. 

Foeàgh artifizial. Fuoco arlifiziato. Fuoco 
lavorato. Dicesi Fuoco di gioja se usato 
a festività, di guerra se ad offesa, 
muto se non iscoppietta. 

Pianta de foeugh. f^. in Piànta. 

Foeugh àrz. Fuoco fatuo i e precisamente 
quello che in forma di fiammella sbalza 
ne* luoghi bassi, pantanosi, umidi, e 
va radendo terra terra. Secondo paesi 
è detto anche Cuàn o Cuà$ o Culàss 
o CEf/òzs, e nelle menti pregiudicate è 
parente stretto della Tregenda 9 del- 
rondata 9 della MenatafpAuii, p. 1 16). 

Foeùj. Foglio. 

A foeuj per fceu]. J foglio a foglio. 
Foglio per foglio. 

Dì Toffizi di quaranta foeuj. y. Li- 
ber desligaa in Liber. 

Foeuj d^ingann. Inganno(Zanoh.Dii.), 
Così chiamasi dai calligrafi e dai di- 
segnatori quel Foglio unico su di cui 
siano scritti o disegnati biglietti, fi- 
gure, carte geografiche, carte da 
giuoco e simili i quali si nascondano 
Tun Taltro in alcuna ioro parte come 
se vi fossero gettati sopra a caso. 

Sporca o Smerda el foeuj. Sconciare 
la ballata. Guastare un negozio -* Ta- 
lora Sgocciolare il barletto* V. Squajà. 

Foeùj, cht anche dicesi Foeuj de stam- 
pa o Foeùja. Foglio, Foglio di stampa. 
(Alb. bass. in Feuille) — È quel 
complesso di sedici pagine se in otta- 
vo, di quattro se in foglio, di otto 
se in quarto, ecc. che corre sotto una 
delle varie lettere di registro. La metà 
di questo foglio diciamo propriamente 



40 ) F<EU 

Forma; e due Form 9 cioè Bianca e 
rotta 9 compongono il foglio intiero. 
Vedi le voci. 

Bianca. Carta bianca ta Volt& Carta 
volta. Bitirazione. 

£l foeuj rè in torc. Il foglio è in 
torchio. 

On in foeuj. Un in foglio — On 
Foeuj in otiav, in quart, ecc. Un Fo- 
glio in ottavo 9 in quarto ^ ecc. 
Foeùj. s. m. sing. e pi. La gazzetta — l 
fogli ptUfbUci{Zsin, Di*.). /^. Gazzétta. 
Foeùj o Fojàsc. s. f. pi. Cartocci (Alb. 
enc. in Formentone). Sfogli o Sfoglie 
o CartoccUOiom. Georg. II, 229). Le 
grandi glume della spiga del grano 
turco colle quali per lo più si em- 
piono i sacconi (i;7a/ajc). In Brianza 
chiamano Slovazz o Spoloil le esterne 
più grosse, Fojett le inteme che danno 
spesso a mangiare alle bestie bovine. 

Quell di foeuj. V. in QuèD. 
Foeùja, e in qualche dett, anche Fòglia. 
Foglia. Fronda o Fronde (quesTultima 
voce appo i hot. ha però sig. speciale). 
Le fogli 3 sono distinte in caduche, 
perenni, semplici, composte, piccino- 
late , cuoriformi , pelose , ispide , ecc. 
Gli aggiunti siffatti veggansi special- 
mente nelle IsUtazioni botamdte del 
Targioni Tozzetti , Firenze, i8a5, 
t. T.^, da p. ^8 a p. laS. 

A la crodada di foeuj o di frasch. 
V. in Frasca. 

Cascia i foeuj. Infogliarsi, Frondeg- 
giare. Frondire, Fronzire^e ant. Fo- 
gliare. 

Color de foeùja morta. Internato. 
V. ancìie in Color. {glie. 

Crodà i foeuj. Sfogliarsi. Cader le fo- 
le k i foeuj. Frondeggiare. Frondire. 

Foeuj de làvor Molle così 

dette dalla loro forma , che murate 
da* lati delle finestre o simili servono 
di ritegno per le persiane. 

Foeuj disper. T. bot. Foglie disin- 
contrate{PT. fior. IV, 111,912). Foglie 
alterne. 

Foeuj matt. Foglie seminalUTarg. 
Toz. Ist. I, 58). I cotiledoni del seme 
comunicanti immediate colla radicella 
ch*ei mette, o sia Quelle due foglie 
gialloline che spuntano dal seme al- 
lorché l^ermoglia, indi verdeggiano. 



Digitized by 



Googk 



F<EU ( I 

e àm ultimo , fornita che ala la pianta 
delle vere foglie , cadono. 

Fceuja d^acqua Cosi chiamano 

i nostri disegnatori una particolare 
specie di foglia d^oraato perchè trae 
alla forma delle foglie di qualche pian- 
ta acquatica come sarebbe la romice. 

Foeuja de fior, labbro. Pètalo — 
Tira-via i fceuj ai fior. Spicciolare ijiori, 

Foeuja de vit. Pompano, Pàmpana, 
No gh' è che feeuj. Assai pampani e 
poc'uva. È vile pàmpanosa o pampa" 
naia — Tira-via i foeuj ai vid. Spam- 
panar le viti, 

Fceuja senza picoll. Foglia sèssile, 

Gallofer de cinqu fceuj. ger. Schiaf- 
fo, V, Slavión. 

Lima a foeuja d^ oliva. V, in Lima. 

O pan moijn o pan moeuj , se no 
liin frasch hin foeuj. F. in Pan. 

Pera i foeuj. Sbrucare. 

Tceù-via i fceuj. Disfo^iare* 

Trema come ona fceuja. TVemor cO" 
me una pefrìce(Man. f^egl, II, 5 — 
Boccac. Nov,). Tremar come una bub- 
bola o come una verga o a verga a 
verga* Buibolare, Tremar grandemen- 
te, y. anche in Trema. 
¥<BÙ\a(che altri dicono Piuma o Pènna 
o Bròcca). Franca (Gior. agr. V, 385). 
La messa d^ogni annata nelle piante 
cedue cosi dolci come forti , della qua- 
le si fanno fascine. 

Fceuja del fass de legna. C/iioma 
(Bnrch. Son. aog). 

Oq alev de cinqu foeuj Un ramo 

quinquenne d^ una pianta qualunque. 

On taj de vott foeuj. .... Un ta- 
glio di piante aventi otto anni di età. 
Foeùja. Foglia dicesi anche assolutamente 
di quella de^gelsi con che si nutricano 
i bachi da seta. V, anche in Morón. 

Fceuja de scart o cativa o vanzada. 
Fogliaccia {Sod. Colt, f^ii, pag. 107). 

Fceuja de segonda casciada o met- 
luda o buttada , o vero La segonda. . . . 
La foglia che rigermoglia dopo la 
prima brucatura fattasi durante la 
prima età dei bachi da seta. 

Fceuja dosmestega. Foglia arancina 
(Laslri Op. I , a86). 

Fceuja giazzceula. . . . Quella che 
si trae dai gelsi cosi detti fta noi 
piasentin. F» in Morón. 



41 ) PiEU 

Fceuja tncartada.' Fo^ia incariata 
(Lastri Op, l , a86), ed anche Foglia 
cartaginósa come con voce poco bella 
se non travedo la chiama il Gior. 
Georg. XV» ag/f. 

Fceuja salvadega. Foglia di moro- 
salvatico* 

Foeuj a sm aggi ad a o che ha ciappaa 
de la smaggia. Foglia arrugginita? 
Quella foglia di gelso che per nebbie» 
roelumi, seccori, lievi tocchi di gran- 
dine od altro riesce in alcutia parte 
di sé come stremenzita e risecca — 
Foeuja smaggiada gaietta mai falada. 
F. in Gaiétta. 

Mangia la foeuja. fig. Ammascare un 
discorso. Addarsi, Aver Pintesa — Sa- 
persela bene — ÀTè mangiaa la foeuja. 
Aver avuto il Wno(Àmbra Furto II > 8). 
Aver compreso ove ella ha a battere 
-— Aver conosciuta la imbeccata, 

Foeùja Boccinolo foggiato a ca- 
lice polifillo che abbraccia e contiene 
il fuso (/a /osella) dei candelabri e 
candellieri da chiesa. 

Foeùja per Cidètt de caliz. F. 

Foeùja. Foglio. Carta; e abus. Pagina. 
Volta foeuja. Foltar carta, 

Foeùja. T. di Stamp. e Libr. Lo stesso cite 
Foeuj sig. Q.* 

Foeùja. Foglietta. Sp. di tabacco. 

Foeùja. Foglia. Sfoglia. Dicesi dell'acro, 
dell'* argento o d^altro metallo ridotto 
a forma e sottigliezza di foglio di carta. 

Foeùja. Foglia. Quello stagno mescolato 
con argento vivo che si applica' dietro 
a^ vetri o ai cristalli per farne specchi. 

Foeuja-drìtta. T. de'Falegn.' Pialla da 
gola diritta o da scima o da onda o 
da sima o da goletta ? Sp. di pialla 
che sci*ve a fare quelle modanature 
nei lavori di legname che i Fr« chia- 
mano Feuillures* L*Alb. Bass. in Fei«7- 
leret la chiama Sponderuola con voce 
evidentemente veneziana e mantovana. 

Foeuja-rovèrsa. T. dc*Falegn. Intavolato, 
Sp. di pialla col taglio fatto a simir 
glianza della gola rovescia architet.* 

Foeùra, che in campagna dicesi anche 
Foeù. Fuori, Fuora. Fuor, Fuore. Fora, 
Fòre, Fòri, 

Andà dent e fceura. Trapassare, An- 
dar dentro e fuora - ^g. Non istare 
in proposito. Non istare in cervello. 



Digitized by 



Google 



FdU ( 

Fort a che fé dentro B che Vhjuorù, 
Fare a tira e tdlenUu Dire e disdire, 
non istare al già detto; al quale pro- 
posito direbbest 

Dondolò^ dondoli dondolò. 

Che r» deatro • che Tè firn, 
Ta da te eh* io non et fo. 

(Lor. Med. Cani. 68). 

Andà foeara. Andare di faori. An- 
dare fuor della città o della terra 
murata in campagna. 

Andà foeura , e m alcune parti del 
contado Andà foeu. Menare a pasco» 
Ò>ndurre a/ pascolo le bestie. 

Andà foeura. T. di Giuoco.-. . . . 
Vincere tutti i punti della partita. 

Andà foeura de cervell. Uscir di 
senno o di cervello. Giravoltare, 

Andà foeura del eoo, de loeugh, de 
piopnb, de propositi di pee, ecc, F. in 
Cóo, Loeùgh, Piómb» Propòsit , Fé, ecc, 

Andà fceura in altre /rasi dipen* 
denti veggasi in Andà. 

A sti or foeura de Tacqua? f^. in Óra. 

Avegh foeura di dance. F'. in Danée. 

Bó-e-foeura. Io iie55o che Bolgirdn. F, 

Gantalla foeura di dent. F in DénU 

Giamass-foeura. T. di Giuoco. • . • 
Accusarsi vincitore della partita. 

Ciamass foeura. fig. Poterne Jar fuori 
(Cecchi Sib, II9 5). Non ci aver parte. 

Cusass foeura. y. Cusà e Gentilòmro. 

Dà-foeura colle frasi dipendenti t^g- 
gasi in Dà. 

Deryii foeura 9 lassella andà. Por' ne- 
na y che lo Sbracia armeggia. V. anche 
in Dervi. 

El de-foeura. L'esteriore, Il di fuori, 

Fà-foeura 9 Falla foeura e stm. frasi 
dipendenti veggansi in Fa. 

Fa o dent o foeura* Risolvere o den~ 
tro o fuora. Cavarne cappa o Fnan^ 
tello. Venire a qualche conclusione. 

Fa on oeuv foeura de la cavagna. 
K in (Eùv. 

Fa vegni foeura el dottor. Chiamare 
il medico. Mandare pel medico, ha, 
nostra frase indica alu*esl più spec. 
il mandare pel medico di condotta. 

Foeura del boscli a fa legna, f^Lègna. 

Foeura del vada. F. Vada. 

Foeura per el di. Fra giorno. F.in Di. 

Foeura per Pann o sim. Nell'anno, 
L'hanno o sim. 



Ha ) F«U 

Giugà de foeura. f^. in Gingà. 

No andà né dent né foeura. Star R 
lemme lemme(V»n, PoeL li, xxv, 5a). 
- Star fra le due acque. Dante disse Ten- 
zonare sì e no nel capo. V. anche in 
Dént 

On dent e foeura. Giravolta. Riusci- 
ta. Andirivieni — fig. Involtare di pa- 
role. Andirivieni o Anderivieni. 

Portalla fceurtt.Camparla, Scamparla. 
Se la porti foeura. Se campo di questa, 

Saltà-foeura cont ona proposixion. 
Uscir addosso con un discorso. 

Sta semper foeura. Masticare, Vivere 
in villa ^ in campagna. 

Tira foeura del birlo o de la graxia 
de Dio. F. in Birlo e Dio. 

Tira foeura di pioeucc. K. in Pioeùcc 

Tirft«foeura el so taroccb. y. in Ta- 
ròcch. • . 

Toeù-foeura colle frasi dipendenti 
veggasi in Toiù(yerbo). 

Trà-foeura e Tràss-foeura colte fmsi 
dipendenti veggasi in Tra e Tràss. 

Vegninn-foeura e frasi dipendenti 
veggansi in Vegn). 

Vegni-foeura cont on descors. Uscir 
in un parlare. 

Vess foeura. fig. Esser sulle furie. 
V, ancìie Andà foeura de la grazia di 
Dio ùi Dio. 

VesA foeura affacc. V. in Affàcc. 

Vess foeura de cà. F*. m Cà. 

\^SA foeura de cà de noce. Esser 
fuori di nolte(Magal. Let. scienL 1, 94)* 

Veis foeura de In. Essere addalo- 
ratissimo. Essere fuor di sé dal do- 
lore ò simili. 

Vess foeura o foeù de tant. Essere 
in disimborso di una tal somma, 

Vess on dent-e-foeura. Lo stesso che 
Yess on su-e-giò. F. in Giò. 

Vun de foeura. Forese, 
Foeura! iSki/ Parla! Escine! Dalla fuora! 
Foeuravia o De foeura via. Ab ^Cna(Redi 
Op. VI , 95 ). Di fuora via{Oiro Lei, 
ined. I, 175 — Aret. Ipocr, II, 5). Per 
cereboUana, C4>me non fosse suo fatto. 
Indirettamente , incidentemente. 

Compra de foeura via. Comperare 

di scarriera 9 cioè occultamente > di 

. furto — Talora anche semplicemente 

.... Comperare non già alla bottega 

o al mercato* ma per altra via. 



Digitized by 



Google 



FOG ( 

Tend de foBura via. Tèndere alla 
macchia — Tendere per ufa trasversa ? 

Foeùsgia. y . a. Foggia , e al dim. Foggetta. 
FoggeUino. Specie di berrettino schiac- 
ciato che si usava attempi antichi. 

Fceùsgia(A). A foggia. Per es. A foeusgia 
de caliz. A foggia di calice, A m& di 
ealice. 

Foeùsgia o Fqeùggia.' v. dell'ai. M. Cér» 
cine. Un ravvolto di panno a foggia 
di cerchio , usato da chi porta de' pesi 
in capo per salvarlo dall'* offesa del 
peso. 

FófF. gergo. Culo. K Cùu. 

Ave strengiuu-sù el foff o el peve- 
rin. y, Peverln. 

Fóff. 1 BaUisoffiola. Cusoffiola. Paura. 

Fóflfa. ) Tema. Timore ; pedantesc For- 
wrùdine. V* Spaghètt fig. 

Fólla, fig. Marame. Scegliticcio, Pisciar- 
dura. La parte più cattiva di chec- 
chessia. 

Fdfia. Tabaccaccion Tabacco cattivo. 

FofiìgQ. s. m. Baratterìa. Frode. Inganno, 

m El cornmett donù foffign, atur, laillia 
ioglnstirzi. » (Gar. Tob.) 

Foifìgn. ad. Pauroso, Timoroso. 

Folfón. Pauraccia, Cusóffiola, 

Foga. Aizzare. V. Fa foeugh in Foeùgh. 

Foga. T. de^Fornaciaj Far fuoco, 

metter legne al fuoco. Hoo fogaa meua 
ona noce. Eo seguitato più di mezza 
Mina notte a far fuoco alla fornace, 

Fogàa. Infocato. Affocato. 

Fogàa. RisctUdaio. Scarmanato, 

Fogarin. fliocartiio(Targ. P^iag. IV, 536). 
jFMDcAir(a(voce non bella perchè am- 
bigua del Gior. agr. II, 397). Persona 
che accudisce a far fuoco ai fornelli 
dove si trae la seta \ la qual persona 
se è donn^ da noi si dice 

Fogarmna. Fuocarina? 

Fogarceù. Cacaf retta. Subitaneo, Impetuo- 
so. Precipitoso, che ha il fuoco al culo. 

Fogàss. Binfocolarsi. Nei diz. ilal. Fo^ 
gare ha sig. diverso. 

Fogàss. Jìiscaldarsi. Scarmanarsi in chec 
chessia^ Pigliar foga, 

Fogazión. jUiscaldamento, Scarmàna, 
.Foghée (in genere ).Fo/7ie//o- Tizzonajo. 

Foghée o Foghéra, T. de^Castag. For- 
ndlo(jàh, enc. in Bruciatajo). Spezie di 
fornello portatile al cui fuoco si fanno 
cuocere le castagne dai bruciatai. 



143 ) FOG 

Foghént. Focoso. Infocato. Affocai^. 
' Foghéra. F. Foghée. 

Foghéra. T. de'Cerajuoli, PasUj , ecc. 
Focara? Specie di braciere. 

Foghéri. Focone. Gran fuoco. 

Foghètt. Focherello, Focolino. 

Vess on foghett o YezB tutt foeugh. 
fig. Esser focosetto, £ssere spiritosissi- 
mo, ed anche Essere ardentetto^ cioè 
impetuoso, subitano. 

Foghe ttin. Focherellino. , 

Foghlsta. Bazzajo. Artefice che lavora 
razzi ed altri fuochi artifiziati da festa. 

Foghi tt. s. ra. pi. Fuocìti artifiziati da 
festa , e più particolarmente Saltarelli. 

Fòglia. Foglia. Usiamo questa voce solo 
nel dettato No casca foglia che Dio 
non voglia. Senza la pros^idenza e vo- 
lontà del Signore non cade foglia d^al- 
bore {Vile de' Santi Padri I, 4). Non 
si muove pur una foglia senza voler 
del cxe/o( Nozze di Maca II, i). f^. on- 
che in Dìo. 

Fogliàa. s. m. T. di Libr. Stamp. , ecc. . . . 
La quantità, il numero dei fogli di 
stampa. 

Fògn. /ViZ^//ccs2a (Ambra Cofan. I, 3). 
Fuffigno. /V7^g7io(*lucch.). Incannata, 
Cabala. Raggiro, Intrigo. Viluppo- Fra 
noi Fogn vale anche più propria- 
mente un'azione qualsisia fatta di sop- 
piatto. Si dirà per esempio: Coss* eel 
staa quell fogn die f ee faa incesa ? , 
Quella ciambellina alla nascosta d*oggi 
che fui cioè che cosa hai tu fatto 
quest'oggi celataroente, di nascosto? 
y. anche FognètL 

Fògn. Soffoggiata ( Cecchi Ass. III , 1 ). 
Guattarello(h%rg, Intron. Pe//egr.I V, 3). 
Per es. Coss* eel quell fogn che te gkee 
lì S0U9 cioè che cosa è che hai na- 
scosto, o celato, appiattato li sotto ? 
De fogn. Furtivamente, Di soppiatto. 
Di nascosto. Soppiattone, Celatamerde; 
ant. D*imbolìo; e con voce antica 
ma bella Dinvòlo D'involo. 

Fogna. Armeggiare(F»g. Am. esp. II, 3). 
Rovistare, Frugare quasi di soppiatto. 

Fogna, e più comunemente Fognà-via. 
Affogare checchessia. Soppiattare, Ce- 
lare* Nascondere, E notisi che questi 
Fògn e Fogna con tutta la loro di- 
scendenza implicano sempre idea di 
naseonditura e viluppo ; e spesso anche 



Digitized by 



Googk 



FOJ (1 

Scasano in significato i^ine ali* italiano 
Fognar degli uccelli. 

Fognass dent. Ficcarsi* Cacciarsi* 

Fogna. Parlar nel naso. Quel che i La- 
tini diceano Balba de nare loquL II 
Fognare dei diz. ital. equivale al 
nostro Moccià i parolL K in Moccià. 

Fognàa. JtimpinuUo* Colmo. Zeppo, 

Fognàa. Nascosto, Celato, 

Fognattà. Frugacchiare* Rovistare, Jnr 
dare alla rifrusta, 

Fognattón. f^oce die s'ausa nella Jrase 
Andà a fognatton(cAe anche dicesi i«idà 
a fognon). Bopistare, Frugare, y. Fogna. 

Fognattón. 2 . . . . Persona che ha per 

Fognattònna. ) abito di far checchessia 
alla nascosta, e di celar robe, ciba- 
rie, eoe. alla vista altrui. 

Fognètt. Ciambellina alla nascosta(Zanon. 
Crez. rinc. Ili, 4)* Rigiro , viluppo ; 
ritrovio o colloquio furtivo. 

Fognin Chi parla nel naso. 

Fognón. Frugatone. Che fruga. 

Fognón. Soppiattone. Soppiationaccio, 
Persona simulata e doppia che non 
dice la cos;i com^ella sta. 

Fognón (Andà a). K. in Fognattón. 

Fogolà. i». hrianz. per Infogà e Brasca. V. 

Fogón. Focone, Gran fuoco. 

Fogón così detto ambiguamente^ o vero 
Bassinètt. Scodellino. 

Svasadura. Bacinetto «=> Braga. Bru" 
chetta S3 Gambetta o Braga. Brachetta 
con foro per la vite della martellina 
»=» Spalletta. Spondei la. 

Fogoràa. Focolare ^ e ant. Fochéttolo, 
Centro del cammino dove si fa fuoco. 
La bocca e el fogoraa ciappen quell 
che ghe ven daa. Stringi gola^ e passa 
ora(Gelli Sporta IV, 4)» ^l corpo pi- 
glia quel die tu gli ^i(Modos. i4^)* 
Ricco , Q non ricco , è come Vuom s'av' 
vezza^ Povertà lieta è gran ricchezza 
(Àdim. Sonetto fra i burchielleschi 277). 

Fogoràa, Braciajuola? — 2^zzonajo{ikei 
fornelli) — Jttizzatojo{nelìe fornaci). 

Fogorént. Infocato. Focoso, affocato. 

Fogós. Focoso. Subitano. Impetuoso. 

Fó]. A'bce usata nei dettati 

Che feti o Che fit che foj. K in Fa. 
Dà el foj de gatt. Lo stesso che Dà 
on buratlon sig. 2.* p'. 

Dà el foj de gatt diccsi andte da 
alcuni per Dà el rugh. Dare lo sfratto. 



44) FOI 

Mtandà o Tira a fof. T. di Giuoco. 
Freddare uno. Sòusare, Vincere altrui 
tutti i suoi danari i tirar al verde in 
giuoco. 

Fojàda.^^^. d't^sk. V, 

Fojàmm. Fo^iame, Frondura — Foglia^ 
metti. 

Fojàsc. s. m. pi. T. di Stamp. MezzeUo, 
Carta difettosa \ fogli orlati , strappa^ 
ti, ragnati o altramente difettosi; e 
perchè di questi ordinariamente si 
fanno le prime prove di torchio, 

Fojàsc. s. m. pi. Fogliacci diconsi tra lito- 
grafi e stampatori anche i primi fogli 
che si stampano per passar poi alla tira- 
tura delle copie buone. Di qui suol dir- 
si, quando un^operaha grande spac- 
cio, che se n*è daa via anch i fojàsc ^'^ 
cioè che se ne sono vendute anche le 
prove, i primi fogli di torchio i quali 
per ordinario, come difettosi e cat- 
tivi, si gettan via. I diz. ital. hanno 
Fogliacci per quelli che non son buo- 
ni ad altro uso che ad involgere ca- 
cio 9 salame e simili. 

Fojàsc di risma.. Cosi chia- 
mano i cartai que^ fogliacci che ser- 
vono d^involtura alle risme della caria 
e che i Francesi dicono Jrmures. 

Fojàsc per Foeùj. y, 

Fojasción. Ciarpiere. Ciarpone.Abborrac- 
datore, jécciarpatore. Suol dirsi di co- 
lui che fa le cose con fretta , in di- 
sordine, malamente. 

Foj asci ònna. Foglione. Gran foglia. 

Fojèll. s. f pi. Cartocci. V- in Fcbùj sig. 4-* 

Fojètt. s. m.Foglietto — I foitt. f^.GazzèUa. 

Fojctt. T. music. Foglietto ( Diz. mus.). 
Specie di spartito contenente talli i 
passi obbligati deirorchestra, il qua- 
le si suol dare alla parie del primo 
violino capo d'orchestra ripetitore 
dei balli. 

Fojètta. Frondetla. Foglietta, FogUuzztu 

Fojètla. T. de**Torniai,Falegn. ecc. Fo- 
glia. Ferro da scorniciare e da tor- 
nire , conformato a guisa di fogliolina. 

Fojètta. F. in Caradà. 

Fojettìnna. Fogliolina. FoglietUna. 

Foin (che varj coni, dicono ìàkvlov).Fabia. 
Animaletto che è la Mustela faina'L, 
(Eucc de foin. f. in (Elìce. 

Foìu. metaf. Serpentello. Fistolo. Ragazzo 
vispo air cccess«^ y. Pésta. 



Digitized by 



Googk 



FOL (o 

rojti. F^gUéèio. Piccìoi Toglie. .: 

Foinéra (che in BtiattM dieoiw Tajttùra). 
*Tai^a? CuÌMUioU?Scaqf€Uo («dlrato 
nei nostri dìz« ital. ia grazia- dallo 
Scarbelltts del Creseansio latino lib. X» 
cap. 38). Specie di Uluppala ,di ferico' 
fatta^'con due archi, per lo pia den^ 
tati, infra i quali ai pone il aibo cui 
venendo per prendere le bestie, vi 
restano strette pel scolto.' Fraine» è 
detta Fchtéra dalle faifie(^n) ckecan 
essa sogliamo aceniappare. GorHspon- 
de preeisameotii ADra t / mm ud deUa 
Encyd., e se ne faofciQ. di .grandi e 
di picciolo; le priitft ^^ prendere, 
lupi» laina, ooCm ^ M MCOndo per 
pigliare uccelli* . „ss\ 

Foinéll. i 

Foìoètta ; SerpaUeUo. V. in Foln e Pesta. 

Fcuamu ) . 

Foinna? • * . . • Battello spiatore d^an 
ponte v€hAit(d*on pati sui ^wnm-)* 

Fbìceù. T. de^Mac.O/tioiy^/e* Jl terso sto- 
maco degli aniinidi ruminaotì, quello 
cioè cl»e rice^Q il cibo dalla trippa e 
io manda alU mollotla. 

Fojceù. Cipolline. FigUuali delle cipolle. 
Quelle cipolluzte che i botanici di- 
rebbero jUii apptB-plantulw, 

Fojònna. Fog/ioii«( Caro Com. p. 58). 
Gpan foglia. 

Fo}Ó5. Jd. di Fén* F* 

Fòira si sente spesso U% loeca. del.mon^ , 
tanari svizzeri che vengono tra noi a 
^seniiare V arU del ctoccola^tiere , del 
ìaUajo^ ecc. per Soccorrenza*. diarrea; 
poce provenzale e frane. 9 fouiro^ foire. 

Fòla o lòia, che anche. dioesi Fòlla oFòll. 
T. di varie arti. .• . 4.»^. I^imasuglto 
della, latina FuUotUca indicate ^em- ; 
pre calcatojo , cioè a 'dir^ luogo o 
vase in cut si calca e addensa e 
raffittisce alcuna materia, come lana , 
cenoiy pck>9 ecc^ per ricavarne mani- 
iatture di panmlani^ carta, cappel- , 
li, ecc. £cò9ii^ le più comuni ;r 

Fòla o Fòlla. Gualclùera, £diGzio o mac- 
china che mossa per forza d^ acqua 
pesta «^ seda il paone. 

Fòla Fòlla* . (SorCisra. Fabbrica dove 
si fa la cartai 

Fòla o Fòlla. T. di Cari. Pila. Vaao 
in cui met^Qvsì i cenci a macerare; 
ed anche vaso tati quaU si pestano. 
* roL //. 



45). FOL 

Felle che lava. Pila: a etnei, PrimtL 
pila* Kome di quelle oesche neUe 
' quali s^ incamiftcia> a pestare i ceitcil 
da far carta*, e che i Francesi obia- 
mane PUes^drapeauatk 

Folla che tria ó Fòli. Pila a ripesila. 
JSÈCondA.piÙL Nome di quelle condM • 
•nelle quali si ' vigono raffinando i 
cenci da far carta. I Francesi le chia- 
mano PiJes drap ó PUesJlaran o Piles 
.à effilocher o Piles à affiner. 

.'F0ÌI& 'finada. Pila 'sfiorata. Pila a 

sfibrato* Nome di quella conca nella 

. quale i cenci sono ridotti a posta ii- 

- quida ed atta immediatamente a fame 

carta: 1 Fr. la chiaraaho^ile de rmc* 

vrier o PUa à^ffleurer. • 

Fòla o Fòlla. T. de*. Cappellai. . . . Quel' 
luogo dove si foUaoo i ieìtwì da cap- 
pelli. La Faalerie dei Francesi. ..m 

Fòla o Fòlla. T. de^Qàppellai. ' . .io. 
Tavola inclinala, e posala sur una 
caldaia in cui è 'le grama di botte 
calda e sfattp , sulla quale si. follano 
i feltri per sfarne i cappelli. 

Coldera de la fola. La caldafo ' 

di .cui sopra che anche i Fr. dicotto { 
Chandière de la'.foule. 

Fola o Folla. T. d- AgHc* ktfMROStofv. 
Pigiare Vuva nd tino* • >» • 

Fola o CoUà. T. de'Gappel. Fallare. Fel- 
trare. Premere iLifeltro da caplpeljkirie 
dargli corpe' bagnandolo. e rimaneg- 
. glandolo in miUe .votasi j^r conden- 
sarne il pelo e sodarlo. •){ i 

Fola o FolUu T. de^Pann. Feltrare. Guai' 
care. Sodare. Raffittire il panno a gui« 
sa di feltro. Il Fauler de^ Fi^anoem. 

Foia o FoUà. T. die' Pellico ed altri. Col- . 
care che alcuni autori scrissero. anche 
.Calciare; e vale pigiar forte la pelle 
o il ciiojo co^piedi per agguagliarli. • 

Folèa^ o Follàa. Gualcato ^Felirata--^ 
Caieaio. Amnuntaià -^ ^ffolUéo. 

Foladin e Folladin. Follone. Purgatora^ : 
lavator di panni. U Fotdon Fotdoà^ r 
mer dei Francesi.* 

Foladin o FoUadm. . . . NeUe cafticTe è 
Toperajo che bada alle prime pile, 

Foladór e Folladòr* Cartafo. Fabbricatùr 
di carta. . » ' ' 

Foladór {elèe* aùn dicono Calcen di 4a- 

. gase). Ammoeiaiojo. Anche la Cin^à- 

na F.é usa specie di «mmostatoio. 

»9 



Digitized by 



Gopgk 



FOL ( 

BdadÀr o FoUaddr. QualMeraJiK' Chi 
jioprìalieiide alla gaalcbìera da panni. 

Holadùrao PoUadùra. T. de^Caf^el. Fel- 
traiura. L'aauone di feltrarci 

Foladùra o Folladùra. Ammoslàtmra?" 

Folàsa^ o Follàss. AffolìarsL 

F^ (^ehe in contado cìiiamano. andie 
. J^Ansoia, RanMJLÒtt^ Gerciòtt^ Hampi- 

' Jietlón, ecc.). Falce. Falcia» >' 

. . Rampin de la fole. Capo deUafaiee? 

La palle «ricurva ddla fìalce ^ qaeUa 

chiB i Latini dicevano Sinùs falcis, 

\! .Ta}air*gtò con Ja fole o coiit el fol- 

cion. 6g. Dirozzato col piccone (così 

nella Novella 16^^ di F. Sacchetti fi- 

-Jdh. toe«in Dirozzare). Tagliato alia 

grossa, mal fatto,, mal disposto. • 

Fòlc% .......'. Ai formai rappi^esenia ' 

- |sn'asce.ond€ si servono per digrossate 

il legname da (arne forme da scarpe 

. o stivali. È hk Hdche à nmin -dei Fr. 

Fàlc de tajà i strasc. T. di Cari. Slrac- 
vciatora. Esdceo Specie di coltello fisso 
i;in 'una> panoh[ina col ipiale si strac- 
ciano i cenci da fame carta. 

Folcètt. r. Fdcìtt. 

Fokètta. . . ^ . . Ai bdecai rappresenta 

propriamente la coltella quadra mi- 

uoiie del' coltellaccio (yb/adn) e con 

manico di legno, eoHa quale es9Ì fan- 

• no^ il taglio principale nc'buoi (int»}) • 

:)e^eUo ddle gaitibe, del capo, ecc. 

~È propriamente ìL F^eàd^ir dei Frane. 

elle inclinerei a tradurre ^endUojo* 

Folcettà. Mariolare. Far fraudi nel giuo* 

^3A^FMrefracciriUo{ZsD..Diz.)Mì&àààt 

' le carte artatamente e in modo che le 

migliori: tocchino a séo al compagno. 

Folcettée. Mttriuolo? Colui che in giuoco 
la spesso delie mariuolerie (dìJbleiU), 
Conispande.psrfettamente alfrJ^i/year 

Folciàda. Faiciaia. Un. menar di falce. 

Fekki'^GJbe in-eoniado chiamano Podiroeù 
o Ksnm^^n^n), FaUeiio» Fakiuola* - 

Foloinètt. Dim. di Folein. F. 

Feleión e Foloiòtt. CoUellaeclo? Qoella 
gran coltella che beccai , pizzicagnoli 
e cuochi adoprano a tagliare le ossa 
e i poftzi grossi de^buoi, nuijali, ecc. 
j^ divcr^ dalla Manéra^ e non. ha ohe 
fare col suo nome, giacché dove è 
carattere deUe falci avere Taugnatnra, 
Fàdiinco» questo yb/c^ao* maceUesco 
è tutto piano e pari. Ha anche il ina* 



146 ) FOL 

nico di lerroe taglio sbieco; e parai! 
il Couperet dei Francesi. 

Vess tajaa*gìò oont el folcion o con 
la- fole. fig. ^. in Fòle. 

FoloiòU. F. Folcidn. 

Folcttt %e da alcuni Foìcèii) ,> Piastricei. 
Mariolerìe» Inganni, per lo più nel 
giuocof. CorrifipMide al £r, Piperie. 
Fa di folcitt. Mariolare. V, Folcettà. 

FòM. s/ f.'pLT.' de^6artiv Falde, Quarti, 

Quelle parti deretane degli abiti e 

Qqellepartf in genere dei soprabiti che 

> dalla cintoff^^pendono sifno alle gambe. 

' ^toi^ss in di fold'.-fig. F. in Slarga. 

Fòlda o Fàld^ T* de^Cappel. Fdiitf (Alb. 
' etkOjhi'Cakatoja , 'Pezza da imbastire^ 
Imbastire ^ ecc., quantunque in Falde 
dia tutl'altra definizione ed errata). 
Quella porzione • d) lana o di pelo 
battuta ad arco che raffittita sì spiana 
' in figura dtnn tondo, e cho addossata 
ad altra pari porzione siAiilmente con- 
'ibrmnta, si lavora di poi incappello. 
' boe falde, che i Francesi chiamano 
Capades^ separate dalla pezza da im- 
bastire (yb^inera) fra loro ealropostt 
costituiscono il cappello. 

Fòlda. ...... Quella tanta parte di 

fieno die in fbrma quadrata si recìdei 
dalla catasta del fieno ammontate in 
tettoja (caf.r de fon) per fame uso. 

Foldón. Faldone, Accr^ di Falda. 

Foldón. fig. SSazzèronè, Uomo aWentics 
o alt antlcùìccia, 

Foldonna. fig Donna aWaniiea. 

Fólega* Fóidga*!^ uccello detto Fidicti 
atra dagli ornitologi. 

Fólega. Diayol dà mare. La Fvdica ater- 
rima degli ornitologi. 

Fólega. fi{f. . .'. Scaltro, desto, vivace. 
' FolèU. Folletto. 

Folètt. ^^. Nabisso. SerpenÈelto* V, Pèsl«. 

Oq folett d"* on bagafj , d^ ona tosa. 

Un serpentello* UnfistoU^. Un diatfoletw^ 

Folett, i>/ica(Targ. /s«f<^Ill, 409). Spe- 
zie di malattia de^eav«aUi. 

Folètt. .... Sp. di malattia del grano. 

Folètt Le modiste,! piumisti, le 

donne chiamano co^ ana specie di 
pennacchiera tutta rotonda'; così detta 
perchè spesso di piuma matta ^ e ciò 
per omaggio al Poiljbllet dei Fr. 

Folettìii. Dim, di Folètt sig. 3.- e 5/ 

Folettón. A€€9\di tVrfètttWg. 5,* . 



Digitized by 



Googk 



FON ( 147 

Folfer. T. a. Scaltro, jkcorto. Desino, 
Full. s. f. pL Busse. BoUe. BaiUtmre. 
Dà di- foli. Percuotere. Dar delle 
busse> Dar le /rutta dijrate Mòerigo. 
Fòli. 8. m. T^ma. Paura. K FoSa. 
Fòli per Fòla. r. 

FòU. T. de'^Tiut. Lo stesso che Batlìraù- 
Fòlla. FoUa. (la. T. 

Balaà la folla. ^Uare{*EiOT. - Min»). 
Diradarsi la folla. 

Fa foUa» F€U' fuoco ofofga. Far im- 
pegno per ottenere checcheaaìa. 
Fòlla» FoHà» Follàa, FoUadòr, ecc. K 

Fòla, Fola, Folàa, Foladòr, e»;. 
Follón. Paura. Tema. 
FoUón. Pauroso. Cacacciano. V. Spagu- 

resgión. 
Fólt. Folio. Da noi è usato solo par- 
lando di ciglia e di capegli. 
Food. Fondo* Affondo. Profondila. 

Andii a fond. Affondare. V. Fondò. 
Andagb al fond. fig. Andare al fondo. 
Toccare U fondo. Pescare al fondo. 
Sapere a fondo. Scoprire il vero. 

Andà in fond di cokon. fig. Sentir 
sonare la lunga. Aver gran fame. 

El bon r è in fond. / pesci grossi 
stanno al fondo. Il meglio viene da 
ultimo. 

In fond. In sostanza. In fond o In 
fondo Tè minga bativ. ...... Di 

carattere non è cattivo. 
In fond de torr. y. in Tórr. 

In fond in fond Nell^ul^ 

timo fondo ^ e met. In quel fondo. In 
Jin delle Jini. Infine infine. 
In snl fond del pozz. All'arca. 
Ve già finna in fond di caicagn 
(el mangia). È oramai smaltito il cibo 
preso. L'è smaltitissimo. 

Manda a fond. Mandare a fondo. 
Manda a fond i gnocch. r.in Gnòcch. 
Sentissi a andà-giò in fond di cai- 
cagn. J^drsiiiZ/imgare i>eniio/i(Poem. 
ant. pis.). 

TìrJHsù el fìaa del fond di caicagn. 
P'. in Fiàa. 
Fónd (che alcuni dicono ancìuf Coltura). 
Fondo. La terra vegetale, V humus. 

Avegh del fond o sossenn fond. 
JSsserfondaio. Dicesi di podere o ter- 
reno in cui la terra vegetale si trovi 
continua a molta profondità. 

Ave poceb fond. Esser poco fo^daio? 



) FON 

- Dagh del fond a en camp o Fagli 
el ikmd. Rèchiedere la terra. Vanire 
o Arare ben addentro. 
Fónd. y. Vòtìào{capitale) e Fóndi. 
Fónd o GiìUt Fondo. In genere è la parte 
bassa, estrema o di base dei varj 
lavori. 
Food. Carpo. Nella, lucerna a mano {fa 
lumm ) è la parte in cui giace Tolio. 
Fónd per Dormión. y. 

Fónd Nelle staffe è quel pesto 

SU cui posa immediate il piede. 
Fónd. Fondo. Ne^ mobili, nelle casse, 
ne^canterani e simili è Tasse di fondo. 
Andà sul fond de la cassa, y. in Gassa. 
Fónd. Fondo. Nella barche è quella 
parte che è costituita dalle stamì^re 
(cagn o trapitt o bar) e dalla fo^a 
che è a conUtto deU'^acqua. Sopr'^ease 
è il fondo intemo o pagUuolo che 
noi diciamo Stemo. F. 
Fónd. Oanipo. Foiido(Zanob. ìEXm* ^- Alb. 
bass. in Fond). Dicesi nelle stofie 
il tessuto primitivo o il color prin- 
cipale in cui s^ introducano tessuti o 
colori accessorj. 

FóndoCùu Nelle ceste, nelle 

zane, ne* panieri è la parte di fon^o. 
Fónd per Fóndi. V. 

Cà faa e fond desfaa. V. in Cà. 
Fónd. s. m. pi. T. de^Bott. Fondi. Cosi 
cbiamansi le due parti di una botte 
incastrate nelle doghe. 

Fond. Fondo anteriore •* Cubbi. 
Fondo posteriore. 
Fónd. T. degli StrumenUi. Fondo (Alb. 
enc. in Anima. — Diz» mus.). Quella 
tavola , che alle volte è ancbe divisa 
in due pezzi , la quale forma la pan- 
cia, per dir cost^ d^un violino o al- 
tro simile strumento da arco. 
Fónd. T. d'Àrchit. e Mur. Asticeiuola. 
Tirante. Primo fondo. Nome di quei 
travi cbe si posano lungo via sulle 
creste delle muraglie degli edifizj a 
base delle cavtJlature e dei tettL In 
luogo di Fond alcuni dicono Badis. 
Fónd. T. d^Armajuoli. Camera. 

In sul fond del s'^ciópp. Nella cof 
mera del fucile. 

Streng el fond. Incamerare. 
Fónd. Pianie. Pedanino. Quel legname 
cbe forma ì' intelaiatura da piede 
della oassa(scocca) delle carrozze* 



Digitized by 



Googk 



FON • ( 

IfÓnd. T. éé* Muratori e Conciatcttì. Co- 
naUtto{*\ncch.y, Ogni te^€ÌÌMkù{copp) 
posato per cotiTeaso a serrir come 

canale io sui ietti. Mett i fond 

Posare i filari dei canaletti 
Fónd. T. d^ Incisori. Campo, 
Fónd. Capitale. ' 

Fond de religion. r, in Eellgión. 
Fdnd (che anche dicono Fondèll). T. 
de^Mugn., Fatlojai e simili. Fondo, 
La macina orizsontale che foima il 
fondo della macine o dell^ infrantojo 
sulla quale giacciono i grani o i semi 
oleiferi che la macina verticale Ta fran- 
gendo neiraggirarsi sovr^esso fondo. 

Fónd. T. de^Parriu:ch Reticella 

di seta sulla quale si montano le trecce 

e si cuciono tutti i capegli componenti 

una parrucca. È quella che i Frane 

* chiamano Coiffe o Coiffe à perrwpu. 

Fónd* Bimasugìio, Besiduo. Resto, 

Fond de bottega. Fondaccio di botte- 
ga, Diconsi le ciarpe, gli scampoli, ecc. 
che restano in bottega , e corrisponde 
' al Iraneese Garde-bouUtfue, 

Fond de cassa, pos. efig. FI in Cassa. 

Liber de fond , Mercanzia de fond. 

V. in Llber. 

Fónd. Posatura. Fondata, Fondo del vino. 

Bey i fond di Tasse j. Bere infino 

alPahaktre delle botti(JSìcc, Mart. let. 

70 retro). 

Fa el fond o Dà-gìò. Sedare. Posarsi. 
Fónd. Fondata. Il residuo la posatura 
che resta nelle fornaci , cnldaje, ecc. 
Fónd- o Città. Colare, Gettare, Fondere. 
Torna a fond. Bigetiare. Rifondere, 
Fonda. Affondare, Sprofondare. Profon- 
dare. 

Fondà-dent tanti dance Vo- 

leryici i quattrini a monti. 
Torna a fondi. Baffondare. 
Fonda. T. di Tint. Lo stesso die Scuri. K 
Vondé^ù. Poderino{Ceechi Dote II, 5). 
Fà-foeura di fondajoeu. Appoderare 
^her. f^oc) DÌTÌdere in picciolo quan- 
tità una gran tenuta. 
Fondamént. Fondamento, 

Cpn bon fondamene Fondatamente, 
Fondamentalmente, Con fondamento. 
¥k i fondament. Fondare. Gettare le 
fondamenta. 

Senza fottdanent. Sema fondamento, 
d eredenta, FaUaeemenU, Àureamente. 



14S y FON 

Fcmdaria. Fonderia, Oflkina dove si fon- 
dono metalli per fame monete, arti- 
glierìe, csimpane, caratteri, ecc. 
Fottdàss. Fondarsi. Affondarsi, Fttr ca- 
pitale. Farsi caliere iPana coe^ So- 
stenersi, Appoggiarsi, 
Fóndegh. Fondaco, (ghe 

Fondeghée. Drogliiere, Venditor di dro- 
Fondeghéra. Drogìùera. F,in SSléra. 
Fondeghètt. Fondachetto. 
Fondegbiroeù Droghiere di po- 
che tavole. 
Fondèll per Fond de molin o de fran* 

già d^olì. F. Fónd sig. a3.* 
Fondéri. Fonda. Fondaco, Fonderia, Mi- 
niera* Infinità, Subbisso. Quantiid* 

« Tanei verta 

9 Hio on bwgùto, on fiiMidori. (Bai. Bìbl ). 
Fóndi, s. m. pi. e talora anche al sin- 
golare On fondo. Fondi. Notisi pero 
che dove questa voce italiana Fondi 
è gencrìca indicatrice de^ beni stabili 
qualunque, la nostra milanese è par- 
ticolare ed esclusiva sinonima ddl* it. 
Tenuta o Podere - Questi poderì rurali 
neir aspetto catastale o censuario mi- 
lanese che si dica dividonsi in Fondi 
de prima ^ segonda, tenta ^ quarta 
squadra o stazion^ e squadra unica ^ 
secondo che sono di maggiore o mi- 
nor produzione nella specie loro ri- 
spettiva ; e nel linguaggio connine 
dividonsi anzi tutto in 
. Fondi a la Bassa* .... Possessioni 
nella parte bassa del contado. 
Fondi in coUinna. Poderi di colle. 
Fondi in montagna. Poderi di monte 
(Targ. IsHt. 11, 4o). Poderi di 
montogiia ( ivi 68). 
Fondi in pianura. Poderi di piitno. 
Possessioni, Tem^e, 
Suddividonsr poi in 
Campagn. Campagna, Campagne, 

Campi in genere. 
Campagnon. Campo Udissimo, 
Grost o Quatter crost. QrnUro zol- 
le, Poderuzzi da poco o. nulla.' 
Latifóndi, latifondio, 
LoBugh. Podere. Complesso di più 

campi con casa da lovoratore. 
Loghett. Poderetio. Foderino, Pode^ 

ruzso, 
Possessioa o Tegnuda. Possessione, 
I Tenuta, Complesso di più poderi. 



Digitized by 



Googk 



-FON ( 149 

PoMeMÌon«Ua» Posseui&nceUa, Te» 
niàiella, 

Scolodra. ^riilaja. Podere sterile. 

l^rra. Thrra in genere ^ 
« SBcldistiiignìamo poi in 
«—aratori. Terreno lavoruiìo o lavo» 
raiivo o /af^oni(o/oi Terra sementata 
a cereali o a lino 9 e solo in qaalche 
anno lasciata erbajo. 

Aratori a caneva stabil. Canapajo. 

Aratori a caneva a vicenda 

Terra coltivata tal anno a canapa jo, 
e tal altro a cereali o lino. 

Aratori con fmt. Terrerto laporaùo 
/ruttato. 

Aratori cent oliv. Terreno latforatìo 
ìtUnfoio. 

Aratori daquatori. Terreno lavora- 
tojo irrigato. * 

Aratori de montagna Ter- 
reno lavoratio di monte cosparso d'as- 
sai mpi o macigni. 

Aratori moronea. Terreno lavoratio 
^ con gelsi , e ool Gior. Georg, gelsatg, 

Brveù. Frutteto* Brolo , e ant. Brucio, 

Brovazs. « . . Frutteto grandetto. 

Brovaxzell. ì «. . , ^ 

Brovctt. 1 • • • ^**^^*°^ ^'^""^^°- 

Camp o Aratori sempi. Podere se- 
J!Rfii£ato(Targ. Ragionam. Jgric, tose. 
pag. 46). Campo. Luogo imbiadato. 
Campo salivo* Terra sementota per 
lo più a soli cereali e non irrigata. 

Campagna. Coltivato. Colto. Culto — - 
Fiìia. 

Campagnetta. ) Filleita. VillicciuC' 

Campagnceu. ) la. Fillino* 

CampeU. ) Campicello. Campitello. 

Campett. i Campiurello. 

Giardini Giardino 9 e ant. Verziere. 

Lceugh o Aratori vidaa. . . . Terra 
lavoraloja avvignata. 

Logbett. . . . Poca terra come sopra. 

Ort. Orto* 

Oriaja. Ortaglia, e ant. Ortale. 

OrteseU. ) ^^. ,, ^_. . 
Orto 1 Orticello. Orticmo. 

Risera. Bisaja, 

Risera aratoria. Risaja ara&a. 

Risera a vicenda. . • . Terra se- 
minata ora a riso ed ora a ce- 
reali ò lino o simili. 

Risera a sappa o valliva. Bisaja 
di palle. QveUa che non si 



) FON 

può arare^ ma cke essendo 

^ padulesca da natura si coltiva 
sempre a riso vangandola con 
quella specie di lunghissime 
vanghette che i Mantovani chia- 
mano Sitte. 
Risera stabil. . . . Risaja costan- 
temente seminata a riso. 

Someneri. Seminarig. Seminato, 

Vivee. Nesteta{T9Tg. ,AU Ac. Gm. 
Ili, la). Nestajola, 
«M» Bosch. Bòsco, Selva* Foresta ; e 
pedantescamente Salto, 

Bosch cedov. Bosco ceduo. Quel 
bosco le cui piante si sogliono, schio- 
mare e scapitozzare per. averne fa- 
scine e legno da ardere. 

Bosch de pia ut de scimma o d'alto 

fusi Bosco di piante che si 

lasciano crescere a tutt^ altexca. 

Bosch dolz. « . . Bosco di piante dolci. 

Bosch fort . . . Bosco di piante forti. 

Bosch mist. « . / . Bosco di piante 
in parte dolci in parte forti. 

Boschett. Boschetto. Selvetta, 

Boscon o Boscasc. Boscaglia -*- Sei- 
vaccia. 

Castanil. Bosco da paUna. V. Casta- 
nil «g. 3.* * 

Gronda Ripa o Costa boscata \ 

ogni striscia di bosco assai più lunga 
che lata. V, in Grónda. 

Gronda dolza Ripa o Costa 

boscata di piante dolci. 

Gronda forfa Ripa o Costa 

boscata o boscosa o boscagliosa o sei* 
vosa o silvosa di piante forti. 

Gronda mista.' .... Ripa o Costa 
boscata di piante forti e dolci. 

Selva. Castagneto <— Marroneto. 

Scivett e Seivettm Picciol 

castagneto. 
•M» Brughera. Scopeto, Stipeto. 

Boschinna o Brughera cespuj^a. 
Macchia; e ant. Buscione. 

Brughera boscada. Macchione. 
■>»• Padù o Padnmm. Padule. Palude, 
ralle? 

Argcn. Argine. 

Argen a praa. Argine appratito^ 

Argen a boschinna o ccspnjaa. Ar- 
gine macchioso. 

Argen boscaa. Argine hoHuio. 

Canee* Canneto. 



Digitized by 



Google 



FON .( 1 

PaduQ liscos. .... Padule pien di 
sala o scfaianza. 

Paduu somenaa. Padule sementato, 
. Pedìde aohnaio e ridotto a sementa, 

Paduu sals. Falle salsa? 

StagQ. Stagno. 

Stagn de pesca. Stagno pescoso, 
V» Pascol. Pasco. Pascolo. Pastura, 
Campo comppsctto, 

Aip o Alpee. Alpe, V, Alpée. 

Pascol boscaa. Pascolo òoscaio» 

Pascol cespujaa. Pascolo macchioso. 
mmm Praa. Prato, 

Carecc o Lìscbee o- Praa liscos. 
Giuncaja, Giuncheto, 

Erfaadegb, Erbajo. 

liarscida o Praa de marscida. Pmto 
marcito/o, Manila, 

Praa a TÌcenda Terra per 

due o tre anni coltirata a prato 9 e 
per altrettanti a cereali* 

Praa cont olir. Prato uliuato. 

Praa con frut. Prato fruttaio, 

Praa daquatori. Prato irrigato, 

Praa de rampon o Spianada. . . . 
Prato naturale. 

Praa moronaa. Prato con gelsi. 

Praa sortumos. Prato uligginoso, 

Praa stahil o de codega veggìa. . . . 
Terra coltivata a prato sempre o per 
assai lungo tempo. 

Praa vidaa. Prato vignato o a^i- 
gnato, (sai prati. 

Pradaria. Praterìa, Complesso di as- 

Prajell. Pratello. Praticello, 
^^ Vidor. Podere Wlato(Targ. Ragion. 
Jgrie, tose. p. 46)* Terreno a¥vitito ? 

Aratori vidaa. Campo lanforaùo av^ 
vignalo. (glioni. 

Ronca j a Serie di vigneti a sca- 

Roncasc Vigneto esteso a 

scaglioni con viti e gelsi. 

Ronck. Figna di poggio. Vigneto 
a ripiani o a terrazze o a gradini o 
alla lucchese^ cioè a scaglioni e con 
viti e gelsi. ' 

Roncb prativ o coltiv e con riva 

codegada, o cont i murej 

Vigneto a gradini appratito o lavoratio 
e con ripe appratite o % muraglie. 

Ronchett Pìeciol vigneto a 

gradini con viti e geì^ 

Vigna. Pigna. Vignajo* Fìgneto. Fi- 
gnazzo. Terra a sole viti. 



So ) FON 

Vigna coltiva. Figna lavoraik. 

Vigna con frut. Figna frullata. 

Vigna cont oliv. Figna tdivala. 
' Vigna moronada. Figna con gdsi. 

Vigna pradiva. Figna praii»tL 

Vignetta. 'ì 

Vignoeu. > Figneda, Fignuok, 

Vignoeola. i 
mmm 2erb o Zerbid. Sodo, Sodaglia, Ter- 
reno sodo. 

Gerà boscada. Ghiajeto macchioso. 

Gera gorinada. .Fetnàajo, f^incaja, 
Fincheto. 

Gera nuda. Ghiajeto. Greto. 

Sabbia nuda. Renajo. 

Sass nnd. Roccia, Rupe, Maei^. 

Zerb boscaa. Sodaglia macchioso, 

Zerb pascoliv. Sodaglia erhota, 
«■» Avegb di fondi in d'^on coiimn. 
jfver che fare {Cecchi Dote III, a). 
L'^ba a cbe la o £l gb^ba dì foncli iì 
attaocb. F'ha a far vicino (iyi). 

Cà faa e fond desfaa. F. in Cà. 

Rotonda i so fondi. Riquadrar k 
/iiUori«(Targ. Fiag, VI, 17). 

Tosù di fondi. Entrare in beni ^ 
bili{Vr. fior. IV, in, 100)0 m poàn. 
Fondin. Fondello, Anima del bo^ne. 
Fondln. T. de' Filatoi di seta. Lo sUsso 

che Fondinna sig, a.® F, 
Fondlnna. Fonda, Nome di ognuna di 
quelle specie di buste fatte di conine 
assai grosso e appiccate all'arcione 
della sella nelle quali si allogano le 
pistole nude o involte ne' loro fo- 
deri di pelle o di tela. Alcune sono 
ricoperte di pelliccia ordinaria , una 
parte della quale (detta QuattapiM) 
serve a cbiudere la bocca della fonda. 
Fondinna o Fondin. T. de' Filatoi di 

seta Quella specie di fondello 

copoluto e di vetro nel quale pò» 
il fuso in cui è fitto il roccbctlo carico 
di seta nel filatojo. Ogai fuso di roc- 
chetto posa in uno di questi fondelli. 
Fóndita. Fusione, 

Fondita ricca. T. di Zecca. Ftiàm 
al maggior titolo* 
Foaditór. T. di Zecca. FondUort. 
Fóndo. F, Fóndi. 
Fóndo usiamo anche nètte fra» 

Vess bon de fondo, Vess nringa 
cativ de" fondo e wn. Essere di Aw» 
carattere f di carattere non cattilo e si* 



Digitized by 



Googk 



FON (i5r 

la fondo* In iostanuu Siatantùd^ 
mente. In fondo el gh^aveva reson. In 
Jine infine egli a^mva ragione. 

Mondo rolondo chi no sa navigar 
presto va al fondo, y, in M<5nd» 

Fóndo. Capitale, Fa i fondi. . . . Somml- 
Btsnrare» disporre il danaro occorrente. 

Fondoeùr. Fonditore. Fonditor di carat" 
ieri da stampa, 

Fondùda Crema fatta con cacio dolce 

stemperato e cotto con acqua e tuorli 
d^aoYa di cui spesso regalansi tar- 
tufi simili. Il cacio imperio{?w;ì. PoeC, 
I, X3LXT, 39 nota) è una specie di 
Fonduda^ alquanto diversa però da 
tjuesta nostra che ci fu insegnata col 
noine(FofM2&a) dai Piemontesi. 

Fondùsc. Ponda/:ciOy presso i chimici 
Captìmorio, 
Fondusc de P acqua. Belletta, 

Fondita. Fondo, Fondato, Boschinna fon- 
dùda. Macchia Jbndata, 

Fonddu. Ftiso. Strutto. Fonduto, 

Fondnu. Profondo, Fondoluto (Bellincio- 
ni. y, in Legnamée). 

Fóng. p dicono alcuni del contado e 

FoDgée. ^ special, i Briansuoli con mi-' 

Fongiàtt. 3 glior pronuncia che noi cit" 
ladini per Fónsg , Fonsgiàtt , eoe, 

Fongós. Fungoso, 

FÓDSg. Fungo. — Molte sono le spezie di 
funghi^ ed oltre a quelle che trarrò 
fuori qui sotto è d» avvertirsi che noi 
ne chiamiamo parecchi dal nome del- 
Talbero a cui nascono da piede; e cosi 
Fonsgde castan^ Fonsg de rogher, ecc. 
diclamo, senz*altra distinzione di sor- 
ta, que** funghi che nascono a pie dei 
castagni, delle querce, ecc. — Le 
partì del fungo sono 

Gamba. Gam^^o » Capella. Cappello 
» Colarin o Golarin. Anello, G/ìiera, 
Cortina. Collare» Collarino •■ Mòli o 
Harrainna. Lamelle. MéC laminettet^CoU 
Mtta. yolwt. Borsa. Sacco*^ .i, Pori^ ... 
Papille tsi .. . Pimte o B^inii^ . . , Peri-^ 
dio.VestetEm. ... /meiiio(Targ. Ist. 1, 454). 
Fonsg harbis o barbio. Lo slesso 
che Barbisin. F. 

Fonsg bon o Fonsg bon de mangia. 
Fìmgo &iiono(Targ. Op. pass.). Fungo 
' ffuingereccio ; e dottr. Fungo edide. 

Fonsg bnigoroBii. Fuugherelh di 
scopeto. 



) FON 

Fonsg basgMdaa dicono in qualche 
parte del contado per Spongt^nceim, V, 

Fonsg casgnoeu o lusircni o troppeti 
o de moroD. CeppaUilli{\A&\x\ Opere 
V, 176). Famigliòie{*uTei, — Vocab. 
aret.). Famigliole biancìie buone{TtLTg. 
JH».), Specie di piccoli funghi bian- 
chi i quali , nascendo vicinissimi Tun 
r altro , sembrano quasi vivere e coa- 
bitare in famtgKa. In Brianza gli ho 
veduti comunissimi a pie de^gelsi e 
specialmente di qae^morticini o scapi- 
tozzati; e mi parvero* senapre una cosa 
medesima coi nostn Gabbirceu o Fonsg 
de motta -Forse Ca^gnoeu per sincope 
di castegnoeà o corruzione di gasgncsu, 
gaslèU «— Vdgarieus mutaldlisL. 

Fonsg cioviroeu o ciodin. Steccherino. 
Pungo cosi detto fra noi forse dalia 
stia forma quasi quella di un aguto. 
Vo^ioBsi mangerecci solo lo Stecche-- 
rino odorato o ^rYtfo(Hydnum repui- 
dum) e lo Stecclierino bianco (Hydnum 
imbricatum) dei nttcologi. . 

Fonsg. cocòh., deitOitdlorchb è nella 
voha (BMy{cucco) yfuor d'essa S'èiop- 
-pón spalla d*uo\;olo)^fuor d^ essa af- 
fatto affatto e con capocchia assai di- 
stesa e lamellata Capellón. Votolo. 
Spezie di fungo che ha gran simili- 
tudine coir uovo finché novellino è 
chiuso nella volva, ed è VJgarkus 
ccesareus de"* micologi. 

Fonsg cooch bianch. V, Mascarpdn. 

Fonsg cocch matt. Ovolaccio. Uo- 
volo malefico. Tignosa dorata. Specie 
di fungo velenoso che simula Fuovolo 
oomiine (còccà), raà facile a distin- 
guersi da quello per le verruche onde 
ha sparso il cappello. Ne abbiamo nei 
bosdii delia cosiddetta Grosrana^ e 
ne. ho trovati anche in Brianza verso 
Maresso. È Vdgaricus muscarius di Lin. 
. Foàsg codogn. Porcino bastardo. Pi- 
naccio buono pelosiccio* Specie di fungo 
mangereccio ehe è il Boletus fragrans 
del eh. Vi t ladini. 

Fonsg de colletta o Capellinna o To- 
bietta.' Pratajuolo. Fungo bianco con 
gambo alto anellato, acDappello liscio, 
frequente negli erbati^ ne'trafoglio- 
IÌ5 ecc. ed èVjigarici^s campestcis dei 
micologi. 

Fousg de lo. 0<;tie/a(*pÌ5t*)* 



Digitized by 



Google 



FON . ( iS2 

' Fonif; , del frécc Giekmè o Cehne? 
(Ganti Carn. H» 370). Fungo che ho 
sentito nominare cosi in Brianza» ma 
che non ho vedato e non posso bene 
asseverare se sia per avventura il 
. nostro Fonsg ferree ins^emengh. K 

Fonsg de ìisc^. Fungo da far esca» 
Il Boleùis igniariusL, 

Fonsg de moron. y, Fonsg casgnodu. 

Fonsg de motta o de mazz. Ceppa- 
tello (altro) del Mich.? Speùe di funghi 
assai comuni tra^ salci, f. addietro 
Fonsg casgnoeu. 

Fonsg de pobbia o Pobbiett o Al- 
barèj. Funghi pióppini(*pÌ3<). Merini. 
Funghi comuni a pie dei pioppi che 
dubito una cosa stessa coi Beolìtt dei 
quali più innanzi* K 

Fonsg de primavera. Prugnuòlo. 
Specie di fungo odorosissimo e d^ot* 
tima qualitiiche suol venire alle prime 
pioggie dcIPaprile. VAgaricus pruneo^ 
lus de^ micologi. I luoghi dove questi 
funghi si trovano frequenti diconsi 
Frugnolare 'dal Targ. yiag. Ml^ 297. 

Fonsg de rogor. Fungo leccìna gial" 
lo, VJgaricus icterious di Scopi — 
Bigiolino{*(ior,),VJgaricttsgttercinush, 

Fonsg de sceppada. Funghi di ceppo? 

Fonsg farree o feri^ee {che sul Lago 
Maggiore i^rso Brissago ecc. dicono 
Oablòtt 9 verso Soma Fonsg de pescia , 
nel Comasco Capdfót» sul Pavese Va- 
Troeòr, e in altri paesi del Regno Le- 
vrin 9 Legorsèla 9 Brisòlo , Bianchi n , 
Porchì, Nòna). Fango porcino» Ghezto^ 
Ceppatello buono di- selva. Moreccio, 
PorcinB, Fungo di color lionato » eh? è 
il Boletus hovinus o esculentus de^bot. 

Fousg ferree itivernengh. Fungo di 
/Mito (Buon. Tancia III 9 iS). Porcino 
il^ autunno? Gielone o Gelone? Varietà 
di porcino frequente nei pineti» . 

Fonsg ferree matt o ross* Pomino 
fmxlejico. Fungo cambiacolore. li Bo^ 
Ictus CQnscriptus di Persoon. 

Fonsg ^nhhìrceu*Ceppatello del Mici). 
Propriamente quello che nàsee ne*^ pe- 
dali degli albei'i e sii|golai*mente di 
quelli scapitozzati da noi detti gabb. 
Fonsg gabb iroen matt* * . . .- VAga- 
ricus anularius di alcuni micologi. 

Fonsg gasgnoeu. y. Fousg caégnosti. 
Fonsg lusirceu. K Fonsg casgnceii. J 



) FON 

Fonsg maggengh. r. S^imiroiù. 

Fonsg matt. Furifgìd maUfià. Fun^ 
di risehio. Funghi caaiM(Mich.). Nome 
generico di tutt^ i funghi non esculenti. 

Fonsg matt che tra del bleu. Gru- 
mati, 'Ne . sono di più specie. 

Fonsg matt che tra lacc. Lattajoli. 
Ne sono di più sp. » dolce « forte , if 
state dorato, lapacendro^ pepino tùn- 
bulinò^ eGC.(Targ. Toz.I^is.in^ganciu). 

Fonsg negher o de raff. Pismmt 
cattivo. Spegnitoio dilegine(T»t%. DU. 
in Agaricus fmetarius e gakriculaias]. 

Fonsg nosiroeu o nosarceu/ Ceppa- 
tello ? Spezie di fungo che suol cre- 
scere a pie dei noci e dei legnami 
morticini, o mi pare pressoché simile 
all''altro da noi detto gabbirwu, V, 

Fonsg pelliscion. F, Pellisción. 

Fonsg per nigaa . Tignosa bigia risaia. 
Specie di fango che vegeta neir au- 
tunno innoltrato e che è detto Aga- 
rico maculalo da Schaefier e Jgarim 
pantlterinus da DecandoUe. 

Fonsg pradicoeu. Fungo pnUajoh 
PratoUno; e corrottamente Pntajoh 
(Targ. Dis. in Àgaricus campestris). 

Fonsg rosser>o tx>esin, BóssoleOiìé. 
•—Gabinetto fisico di Firenze— Targ. 
Diz,). Specie di fungo cosi denomÌData 
dal suo colore che trae ^1 rosso ro^eo. 
E VJgaricus russala dei micologi. 

Fonsg rossin malt. Fungo canéiaco- 
lore. È il Boletus mutabilis de^mìcolo^i- 

Fonsg secch. Funghi seccaii(TiT^' 
Istit. m» 55 1). 

Fonsg senza gamba. Peùu, 

Fonsg spinaroeu o sprignoeù. P«- 
gnolo, V, Fonsg^ de primavera p 
sopra — Fonsg spinaroeu mail, i*/** 
gnuolo venefico. 

Fotisg strapazzon Fungo vec- 
chio, mucido, di pessima condiiioae. 

Fonsg stravargaa. Fungo sopraffatti 
o troppo faÌlo{CsjA. Carn. 11 , oÒ9)' 

Fonsg troppett. F". Fonsg casgooen. 

Fonsg vcrd. Funghi freschi (IH- 
Istit. IH, 55i). 

Beolitt Funghi che nascono 

presso le betulle, detti Funcia d'aivuU 

dai Siciliani e Agarici betuHnià^^- 

' CapeUa(lra' Verban.). to»"^^'» ^ 

bianco, lì Phallus impmdUus dei bot- 

Capeliinna. T. Fonsg de colsetli. 



Digitized by 



Googk 



FON ( 

CBraìniia o Caraetta o Camelia o 
Grassiona. Qcciola, V, Camèlia. 

Deocitl. Lo stesso che Gajoceura spi- 
nosa* y. in Oajnoeùra. 

Dtdella o Didala o Didaiioa o Di- 
deli o Manetta o Didìae o Dide de 
passera. F. Didèlla, 

Pobbiètta. F, Fonsg de pobbia. 

Poeula. K Toròbbi. 

TobièUa. F, Fonsg de colletta . 

Coloffibinna^ Fàrìuon \ Gajnoeura \ 
Oreggella^ Orlett; Tett o l'etton de 
lofif; Sabbioeu; Scudellinna ; Spongi- 
goGBura^ Torobbi, 6CC. ecc* veggansi 
nelle sedi aljabeiìclie respettive, 

Cress come i fonsg. Crescere come i 
funghi (volg. ital.). Crescere da vedere 
a non Tedere, come fanno i fungbi — 
Anche i Francesi parlando di un uomo 
che siasi ianaUato in breve tempo a 
qualche dignità, dicono Qu*il est trenti 
en une mài cornine un cìiampignon. 

Fa nass i fonsg. fig. Stare inciscran- 
nato 9 cioè stare seduto troppo a lun- 
go.^. Vegni el cuu quader in Cùu. 

Fa secca i fonsg. Seccare i funghi 
(Targ. IstiL III, 53 1). 

I fonsg hin gustos. Son gidotta cosa 
i funghi. 

In d^on ann o A vora d'^on ann o 
simili eo po'* insci nass di fonsg. // 
tempo è padre ilei ca5o(Machiav. Op. 
VI, 564)* Prima ili un anno posson 
nascer cento funghi. (Sotto yénn non 
mi sovvenne questo dettato che è il 
vero equivalente del nostrale.) Molte 
cose possono intervenire col tempo; 
il tempo dà campo a di molto. 

Masaraa come on fonsg. 7''utto molle. 

Mett-giò i fonsg in Toli. Mettere i 
funglù soWolio. 

On sii pien de fonsg. Una fungaja, 

Vegni-su i fonsg. Divenir fungoso. 
Fónsg {che in alcune parli del contado 
dicesi Mòra). Moccolo/ a(Gior. georg. 
^f 191)* Fungo. Escrescenza in cui dà 
il lucignolo de^ lumi che non si smoc- 
colano a tempo. 
Fónsg. raet. Sedere. Tafanario, F. Cùu. 
Funsg, fig. Pentolone. Uomo che va adagio. 
Fónsg ed anche Sercio» o Póngh ( voci 

di lingua gorga). ... Il cappello. 
Fóusg. iii€t. /ra, stiz2a — ed anche 
Capèll fig. ,F. 

Voi. //. 



i53) FON ^ 

Fa yegid el fonsg. Muo^re a sUnza. 
Yegnì el fonsg. Pigliar muffa{Seììi 
Vecchi Rivali I, \Ì). ^Montar in sulla 
bica. V. Ciappà capell in Gapèll ^g. 

Fónsg. T. de'^Confett Specie di 

dolce figurato a funghetto. 

Fónsg. T. delle Arti. Fungo. Nome ge- 
nerico di quei ferri o strumenti che 
sono conformati a cappel di fungo 
per uso di battervi sopra i lavori 
onde addirizzarli o incavarli a dovere. 
Gli orologiai per esempio hanno il 
Fungo e il Mezzofungo che sono spe- 
cie di ancudinette sulle quali addi- 
rizzar le casse degli orinoli' da tasca. 

«Fónsg. T. de'^Calz Ferro col quale 

si lisciano e lustrano i talloni delle 
scarpe, degli stivali, ecc. 

Fónsg. T. de"* Sell. Lisciato jo. Strumento 
d^osso da Ksciare cuoi e costure. 

Fonsgètt. Briciuolo(*Voc, urei.). Nis duolo 
(*8anese). Fignoletto. Piccini ciccione. 

Fonsgiaria. Fungaja? Copia di funghi. 
Fonsgiarla carestia. Anno fungalo 
anno tribolato, 

Fonsgiàtt, Cercaior di funghi ( Àllegr. 
p. 3o5). In campagna i cercatori di 
funghi sono i contadini ; e perciò più 
comunemente 

Fonsgiàtt nell'Alto Milanese chia- 

mansi tanto il Negoziante di funghi 
secchi quanto il Rivendugliolo di fun- 
ghi freschi. 

Fonsgìn. Funghetto? Fungherello? 

Fonsgin (che ancìie dicesi Bruschètt). 
Afta. Grancia. Ulceretta che nasce in 
bocca alle bestie bovine. 

Fonsgiòtt {che andie dicesi Polpettón). 

Tonfacchiotio — e se donna Un Fon- 

^iig(Lasca li, 4 p. a64). TonfacchioUa. 

Uomo o donna assai grassi e piccioli. 

Fonsgirolìn. Fungiierellino ? 

Fonsgltt. s. m. pi. Fimghetti — Funghi 
in salamoja. Ftmgld sott'olio? 

Fonsò. T. de'Morsaì. Fondelli (Bh. art.). 
Specie di controribaditure a crocerà 
le quali formano F imboccatura del 
morso colle aste. Dal fr. Fohceaux, 

Fontanée. Fontaniere. 

Fontanèlla. Fontanella. Fonticella. 

Fontanella. Polla. F. (ttùcc. 

Fontanil. ì Fontina? (Tat^. Viag. Il, 

Fontanìn. l iiq). /'o/z^no.'CMoscheni 
Bagni di Iucca). Luogo più o men 



Digitized by 



Google 



FOP ( 1 

prof<mdamente scavato ad arte in cui 
si raccoglie Pacqua che ivi rampolla 
dalla terra 9 a fine di diramarla nelle 
campagne vicine. Quella parte d^esso 
luogo in cui propriamente s"* aduna 

. Tacqua dicesi da noi TTesta; quella 
cbe riceve lo scolo di essa testa Mia ; 
il prolungamento di quest* asta Cknal^ 
che è il diramatore delP acqua ; ^ucc 
o Scistern a Fontanell diciamo le 
Polle dell'* acqua sorgiva; e Tinn le 
botti cilindriche sfondate , colle quali 
allacciamo e serbiamo tali polle. 

Fa ona testa de fontani n. Mlacdar 
Vacgua, 

Testa de fontanin. Capo delV acqua* 
Polla, Fena, 

FoQtanìn. Fontanella, Dim. di Fontana. 
Il Fonlanino dei diz. it. è addiettivo. 

Fontanin. Stagno, 

Fontànna. -Fontana, Fonte, 

De fontànna. Fontano, Fontàneo, 
Fontanevole, Fontanino. Fontanoso. 

Fonticol. Cauterio. Inceso, Hotlorio, Emis-' 

Fonzióu. Processione, (sario, 

Andà i bnsocch in fonxion. K. in 
Busécca. 

An^à in fonzion. Andare a proces^ 
sione. Processionare. 

Begolador di fonzion. Ramarro, 

Fonzión Dicesi fig. per Filata 

tera di esseri che vadano sosseguen- 
temente concorrendo in alcun luogo. 
C'est une processión dicono anche i Fr, 

Fonzión. s. f. pi. / divini uffizj, 

Fonzionà. Celebrare ^ cioè dir la messa 
o il divino uffizio. {blico, 

Fonzionàri. Magistrato, Impiegato pub* 

Fòpp. s. m. V. cont. br. Gozzo d'acqua 
(Gior. agr. 1, i5i). Fossa, Buca, 

Fòpp a. Buca, Fossa, Sepoltura, 

Andà in la foppa. Andare in buca, 

* Venir seppellito. 

Avegh i pee in la foppa. fig. Esser 
colla morte in bacca. Tenere il piede 
nel sepolcro, Ai^r la bocca sulla bara. 
Piatir coi cimiteri. Essere alle venti- 
tré Oib« Essere vicino a morire, es- 
sere molto avanzato in età. Avoir un 
pied dans la fosse dicono anche i Fr. 

Fòppa, Buca, Fossa. 

Andà-giò per i fopp de vall'Am* 
broensa. fig. È simile aW altro Andà* 
giò per la melga. F. in McJga. 



54 ) FO? 

Fa dent la foppa in del lece. Affon- 
darsi nel letto. 

Lasse in di fopp. ,fig. È simile alM- 
tro Lassa in di pettol. F'- in PèttoU. 
Tirass forara di fopp. fig. Uscir del 
fango o del pecoreccio^ Trarre il ed 
ilei fango. Uscir d'intrigo, di guai. 
Fòppa. Pozza, Pozzangheca ; e scberz. 
Osteria dei cani. Si dice propriamente 
alle buche delle strade ripiene di 
acqua piovana. 
Fòppa. T. deTornac Sp. di ba- 
cino riquadrato iu cui si mette T ar- 
gilla da mattoni a imbeversi d'^acqua, 
e dove per forza di marra o di piedi 
si va tramestando per araroaDQtrla al 
formatore. È il Mareheux dei Francesi. 
Fòppa. T. de' Fornac. Bagno ? Buca di 
lato alle bocche della tegolaja o mat- 
tona ja, talora con entro acqua 9 nelU 
quale i fornaciai mettono a freddare 
i tizzonaj , ecc. ecc. e a spegnersi le 
brage che cavano dalla fornace. 
Fòppa. Formella, Fossa — Fogna se 
fognata — Buca da piantarvi gelsi 
altri alberi. 

Fopp in quader. Fosse a formella 

(Galliz. in Jnn, Agric, del Re, nu- 

Vcmb. 1809, pag. i85). 

Fopp a la longa. Fosse andaniH\y'\)' 

Fòppa, Truogolo. Quella fossa dove si 

lascia la calce a rinvigorire. 
Fòppa de vii. Fossa da viti{GrioT, Georg. 

XII, 190 e passim). Fossatelia. 
Fòppa dei ledamra. Sterquilinio. Letamjo^ 
Foppànna. Ad. d* Àneda. F. 
Foppàscia. Bucacela, 
Foppirll. Buchetta, Fosserella, Fossero. 
Fossicella, Fossicina, Dim. di Fossa. 
Foppèll. Pozza. Pozzànghera. V. Fòppa- 
Giugà ai foppej(cAe altrimenti di- 
cesi Gìuf^à a spazzafoppell). Fare allt 
buclierelle o a//e Z>/icAelte(Toinas. &4 
Giocar alle buclus. Fare alle buche. 
Giocare facendo diverse buche m ter- 
ra, e tirandovi entro noccioli pali« 
con diverse date convenzioni. In To- 
scana per lo più fanno sette vera' 
metile nove di queste buche le q»^" 
sono tassate o prezzate per determi- 
nare la vincita dei noccioli che v» w 
fanno entrare. Passi anche questo giuo- 
co con una palla , e vi si S^^^^^ 
denari. Sono termini di questo giuoco 



Digitized by 



Googk 



POR ( I 

Buffare^ che è il soffiare in un nocciolo 
che al primo tiro non è entrato nelle 
bucbe per condurvelo dentro; idmare^ 
che Yale spinge nrelo nello atesso caso 
col dito indice ^ e Buca del Nifio , 
cioè quella delle sette buche che non 
fa vincere perchè non tassata. 

Foppell de la gora. Fontanella, Farcela 
la. Quella parte della gola nelFuomo 
dove ha principio la canna. 

Foppellin. FossereUa, Fbssieella. Fossi" 
dna — }n Brianza dicesi anche talora 
per un po' di Terrenuccio ottimo. 

Foppóo. Cimitero. Camposanto'^ e pro- 
priamente nome di un vastissimo fah- 
hn'cato deUa nostra città destinato, 
amicamente 9 per cimitero pubblico 
e ne^ tempi più prossimi, a Camajo, 
cioè a cimitero dei morti nello Spedai 
maggiore. 

Andà al Foppon ed anche al Fop- 
pooin. jfndare a rìncal%are un cinù" 
fero. Morire. ^. Cagaràtt. 

FoppooÌD.* Dìm* di Foppóo Nome 

di uno de** cimiteri della nostra città. 
Audà ai Fopponin. y, in Foppón. 

Fora-fóra. s. ro. Serra serra. Parapiglia, 
Voce con che si esprìme subita e nu- 
merosa confusion di persone. 

Fora fora, mf avv. Jn caccia e ^n furia. 

Fa fora fora. Fare affbltata o un^af- 

f oliala. Fare a furori , in gran fretta. 

Fora fora in quatter di han faa tutt- 

coss. In caccia e 'n furia fecero ogni 

cosa in quattro dì, 

Forafòra. s. m. J/è on forafóra. Egli è 
un buon hottegajo, Diccsi per ischerzo 
a chi fa le cose frettolosamente. 

Foràgg. Foraggio. 

Foraggia, gergo. Svignarsela. 

Foràja.T.d''Arro.. ., Ferro da pertugiai'e. 

Foràni. Ad. di Vicàri. V, 

Fòrbes. v. cont. Fòrbice, V. Foresètta. 

Fòrbes. s. m. . . . Quel forbicione che 
^ adopera a tosar gli animali vellu- 
ti, a scorticar le ranocchie» ecc. ecc. 

Forbesètta. v. hr,per Foresèlta(irMeao}. f^. 

Forbesèlta. V, Tabardn. 

Forbesinna dicono i cont. delVA. 21. per 
loresèiU( forbice). F. 

Forbesón. v. a. Colascione. 

» Sai forbesón canUva a la deiUsa. • (Mag.)* 

Fórca. Forca - Bidente, Tridente, (nico, 

RampoB. Denti,BMjs^U9axegh,Ma- 



55 ) FOR 

Fa la forca » che anche dicesi Fa 
canna canna. Far le Jiche o le castra- 
fiche 9 ed anche Far lima lima. 

Fa la forca, fig. Farla vedere in con- 
dela. Vale far che succeda alcuna cosa 
contro il desiderio altrui. Lo stesso 
che Fa la ficca, f^. in Ficca. 

Faa a forca. Biforcato. Triforcato. 
Triforcato. 
Fórca. La Forca» Le Fohhe, Patibolo/; 
e in gergo la Maddalena o il Lettola 
tre colonne o il Colonnino 9 cioè il com- 
plesso dei travi componenti la forca*. 
Faccia de forca. Capestro. Cape" 
struzzo. V. in Fàccia. 
Pendent de forca. V, in Pendént. 
Piente la forca. Binare o Drizzare 
o Piantar le forche. 

Te voeutt feni su ìb, forca. // caso 
tuo nella ^ne sarà un dondolo{LBSca. 
Sibilla IH , I). 

Va in su la forcai Fa alle forche! 
Fórca, fig. Putta scodata. Golpone scoz- 
zonato. Forca. Mascagno. Jstutaccioi 
CaJierito, Trincato. 
Fórca, met. Capestro. V. Bai e Gognln. 
Forcàa. T. de' Fornaciai di calce. For^ 
calo. Lo stesso che Forchètt sig, a.' F^ 
Forcàda. Forcata. Quantità di paglia o 

simile levata a un tratto da una forca. . 
Forcàda. Rebbiata. Colpo di rchbj dt 

forca, y. Forconàda? 
Forcèll. s. m. Forca da fieno{T^Tg» Istit. 
Ili, 590). Bidente di legno e spesso 
di nocione ( nos matta) da lavorar 
ne'' fieni -Sp. di biforco. F. m Forcèlla. 
Forcèll. s.m. . ., Nell'^Alto Mil. chiamano 
cosi una specie di forcinetta non più 
lunga d'un palmo fatta di un» vet- 
tuzza biforcata di castagno ed elasti-* 
ca, di cui.servonsi per raccogliere di 
terra le castagne chiuse nei ricci af- 
fine di non si punzecchiar le mani. 
Il Voc reg.(in Giova ) la chiama Molle 
di legno senza citar fonte»- 
Forcèlla. Forchettone{UiBi. Op. I, a47)« 
Biforco. Forcella. Palo o Legno bifor- 
cuto. Serve ai contadini per sostenere 
piante, ai bucatai per sorreggere le 
funi sulle quali stanno le biancherie 
lavate a rasciugarsi, e siro. 

Che fa forcella. Forchettuto. Cavij 

che fa forcella. Capegli forchettttti(Vr. 

Il fior. IV, ui, 55). 



Digitized by 



Google 



FOR C I 

Fa forcella. Bi/orearsL Forcheg- 
giare. Far forca* lioi lo diciamo spe- 
cialmente de^capegli allorché nella 
loro punta si vengono biforcando. 

Forcèlla. r/7Ui/f<i(Galil. Op. I » 558). Quel 
ferro biforcato in cui s* assesta T ago 
delle bilance. 

Forcèlla. Forcma(Panant. Poti, I , xixiii, 
4 — Zanob. Diz,\ Ferretto da capelli 
(*fior.). Filolino di ferro ripiegato a 
mo^di una forchetta a due rcbbj e 
senza manico col quale si sostengono 
i ricci e le trecce nelle acconciature 
del cape. È il tedesco Hàarnadel. 

Forcèlla , che neWjlto Mil. dicono Mar- 
garitta e altrove Vermen devott. Manr 
io. Insetto che s^ accosta di mollo alla 
locusta, ma il cui corpo è assai più 
affilato» e che ha le gambe lunghissime. 

Forcèlla. Biforco* Bidente di ferro con 
manico di legno. 

Forcèlla. T. de'Carroi. ForcftéUo. Lungo 
pezzo di legno , armato di due punte 
di ferro , attaccato alla stanga delle 
carrozze , che si manda giù nelle sa- 
lile acciò non si possa dare indietro. 

Forcelllnna. f^. ForzelUnna. 

Forcellón (Dante Fers, ined. del Porta 
cont. V.) Forca, Biforcatura grande, 

Forchètt. Forchétto. Biforco, 

Forcbètt. . . . Biforco di ferro con manico 
di legno che ulano i fornaciai di calce 
per ficcar heti addentro nella calcara 
le fascine, e attizzare il fuoco. 

Forchèlt. ì mef. Gognolino, Cap^struz- 

Forchétta. S zo, Capestruolo, Fòrcuzta. 

Forchétta Arnese che usano i 

macella? per incavigliare. 

Forchétta per Forchettón. f^. 

Forchettàda.... Una forcata di fieno o sim. 

Forchettón. Forciji(?iie(Zanob. Dit, ). For- 
chettone, Quella forchetta grande che 
va a coppia col trinciante; e siccome 
le posate da trinciante non usano che 
per le tavole dei ricchi o degli agiati , 
cosi per esser eglino usualmente più 
colti non Foneìlinon ma Forchettón 
dicono questo arnese , come da essi 
impararono i cuochi a dir pure For^ 
thetton il loro Forcinon da cucina. 

Forcón. Forcone — Triema e Cinquèttna 
sono specie di fbrconi , la prima di tre 
(tridente) 9 la seconda di cinque rebbj. 

Forcón. Fórcolo* 



5^) FOR 

Forconida. Bebbiata{Cltd Des» e .S^. 1,9 « 
Alb. enc. ). 

Forconé-sù. Bebbiare, Percnotere a reb- 
biate 9 cioè a colpi di forca sim. 

Foréll. Forame. V, Cùu. 

Strenges-su el forell. fig. Fort <{ 
cui tappe lappe. Aver gran paura. 

B'oréns. Forese, Che sta fuori della città 
o della terra, abitator di contado. 

Forér , e per lo più Caponi forer. . . . 
Foriere ? Foriere ? Foriero ? Quel basso 
ufficiale nelle fanterie che corrisponde 
al Maresciallo d'alloggi nella caval- 
leria , ed è grado di mezzo fra il ca- 
porale e il sergente. 

Fóres{el). La forbiciaJi^iosc, — Targ. Mt 
II, 24^)- Crossi forbicioni coi quali si 
fagliano i rami di certi alberi e i\ 
dà loro quel garbo che pia djletb. 
Si usa specialmente pc^ viali, perle 
siepi , ecc. , come altresì per tagliare il 
pelo ai cavalli. F, anche in Foresettda. 

Foresètta. Forbice, Arnese notissimu. j 
Manegh. Aste t^ Anej o Oggisù. j 
Anelli c" Lamm. Lame (divise in Piano 
e Dorso) » Ciod o Brocca. Impernia- 
tura o Chiodo passante, 

Dagh dent la foresètta. Dargli ài 
forbice* Il fr. Metire les cistaux dedans. 
Foresètta che biassa. Forbice che 
trincia. Forbice cattiva , che frastaglia- 
Giugà a forosetu o a foresètta ba- 
retta , che altri dicono Giugà ai qttat- 
ter canton. Giocare a prestami /« 
forbice(Don, Zac. ). Giuoco che si fi 
da cinque o sette o pi& pcrsoiìe,ra» 
sempre in modo che il numero dei 
giocatori sia dispari. Consiste nel gi- 
rare che fa uno ( il quale sta sotto e 
dicesi La Stria? e dai FWincest il Poi 
de chambre) intorno agli altri cbe lo 
circondano , fra i quali , mentre gira- 
no essi pure intorno a lui, egli pn>- 
cura di prender posto , e preso che 
1' ha , quello fra i primi che lo cir- 
condavano che rimane fuor del ce^ 
chio , è perdente , va in mezzo e n- 
comincia il giuoco. Questo giuoco e 
quel medesimo che i Francesi chia- 
mano volgarmente Les ijuatre coù^^ 
come si può vedere ned libro intitolaw 
Les jetix des quatre saisons, 

Foresètta. fig Lingua maledici; 

e in gener.ile perchè è facile àét 



Digitized by 



Googk 



FOR ( 

ciarle trascendere al monnòrare » . • . . 
Lingua ciarliera e Lingua femminina. 
Il Zanob. Dis. dice chiamarsi ForbUio- 
ni anche quei luoghi ove é crocchio 
usuale di maldicenia e mormoraùoois 
Maneggia ben la foresetta. fig. . • . 
Essere buon satìrico. F, Foresetta. 

Foresetta, T. de' Confett Sp. di 

confetto imitante una forbicina « le 
più volte regalato con rosolio. 

Foresetta. Forfecchia, Bacherozzolo di 

coda biforcata a guisa di forbici^ che 

particolarmente si nasconde net fichi. 

Vin di foresett o forbesett. f^ in Vìn. 

Foresetta. ^boUoneggiare, Tagliar le calze 
ed il giubbone o i panni* Lavare il 
capo col ranno caldo o freddo ^ coi 
ciottoli i colle frombole. Sformorare,* 
Dir male d* altrui. 

Foresett&da. Forficiata, Colpo di forbice» 

Foresetiée. Foiiiciaro. 

Forcsettìnna. Forbicine, Forbicetia, Dim. 
di Forbice. 

Forcsettón.Fdrfrfc/oite.Àccres. di Forbice. 

Foresetton de sces» de frut, ecc, 

Mollette da agrwni{Gìor. Georg. XV, 

a7()). Forbici da potar agrumi, f^. 

anche Fòres. 

foTeseiión{che alcuni del contado fini- 
timi al Novarese chiamano Forbsón o 
Fmsón). Nepa cinericcia. Insetto as- 
sai dannoso al grano germogliante che 
è la Nepa cinereàL. 

Forestaria. Foresteria. Forestaria. Fore- 
steria, 

Andà io foresteria, v. cont. Andare 
Mesterò. Viaggiare, 

Foresiaria. 1'. monastico. Foresteria — 
Forestario(VfkS. 486) dicesi U Frate 
che bada alla forestieria. 

Forestée. Forestiere. Forestiero * Straniero. 
Fa el forestée. Farsi straniero d'una 
cosa. Far l'indiano^ il nescio, lo gnor- 
W. Cioè infingersi di non saperla. 
Forestée in casa. F. in Foeù^« 

Porcstée. Gente di fuora^ cioè gente 
non dalla famiglia. Per es. Incoeu 
scinm doma nun a disnà , gh** è min- 
ga de forestée. Oggi a pranzo slam 
«>ft', non Q^è gente di fuora. 

forestée tra i Vetturali significa il Mskg- 
gialore che nella loro vettura si reca 



da 



paese a paese. 



Forestée. gergo. ^. Guercio da un occhio. 



157) FOR 

Forestèr^ K Forestée. 

Foi*estér. Esòtico; e idioticamente Zòtico, 

Forfknt. Voce die tra noi ha ceduto il 
luogo a ^ithón {Furfante). A* tempi 
andati era in uso^ e il Màggi fece dire 

•■ L* è fall ohe noBus a iant 

n Mottrà «1 «Bur coi forfant. 

(Fai. FiL I, 6). 

Forgón. . . . Sp. di carro coperto che 
si usa specialmente fra gli eserciti 
per trasportare le robe di qualclie 
pregio. Dal francese Fourgon. 

Forgonin Sp. di carro copeito 

simile al sud.** ma assai più picciolo. 

Fòri. Fuora? La nostra voce è esclu- 
sivamente teatrale 9 e si usa tumul- 
tuariamente dagli spettatori per ri- 
chiamare gli alteri dalle scene a) palco 
onde applaudirli. 

Forlàn. Friulanp. — fig. Forlàn e For- 
lan<kì sin. di Scapusciòtt. V. 

Forlàn. Calcagno. Voci che in lingua 
furbesca vaglion monello » borsa juolo. 

Forlànna. Ftfr/ai?a(Algar. Op — 

Diz. mus.). Specie di danza, che per 
quanto pare, trae il suo nome dal 
Friuli dove fu inventata. 

Forloccà. Fari ingollare . Parlar tedesco, 
e per lo più malamente ; e in senso 
Gg. Anfanare. Aff oliare, cioè parlar 
molto e male. 1 Piemontesi hanno an<p 
ch^ essi il verbo Terdochè nel senso 
positivo di parlar tedesco. Da qual- 
cuno del volgo fior, ho sentito dire 
Intedescare. 

Forloccàda Parlata in. tedesco; . 

e Gg. Anfanamento. Affoliata. Orsola. 

Forlón. Cuìiseo. Tafanario. V. Cùu. 

Forlònif (Fa). Baìlonzare. BallonaoUur ; 
ed anche semplicemente Galluztare. 

Form ( che tinche diconsi Càiss o Masgio* 

rin o Slrención )• 3. m. pi 

Nome di que^due pezzi di legno di 
bosso che si fanno combaciare esat- 
tamente e collegati con bandellette di 
ferro in varj punti , i quali formano 
come un secondo strettoino nello stret- 
toio da olio, e compressi dal piastrone 
{rnasgiaeu) su cui agisce la vile dello 
strettojo esprimono V olio dai semi 
oleiferi nosti nel vase di esso. 

Fórma. Forma* Nella arti in. genere ogni ^ 
Noima o Regolo materiale su cui si 
formi alcun lavorio 9 come Forma da 



Digitized by 



Google 



POR ( I 

bocconi « Forma da vetrai , Forma da 
mastietti o da boccheUe 9 Forma da 
cappelli^ ecc. ' 

La forma del gìppon, ecc. V, in 
Gippón, ecc. (mare, 

Mett in forma. T. delibarti. Infor» 

Tira in forma. ^/?a5&vmare; e fìg. 
Ridurre a stecchetto. 
Fórma. Pi7A(Gagl. Voc. agr.). Cosi chia- 
masi nei brillatoi da riso quel vaso 
di, pietra in cui si pesta il riso ve- 
stito per brillarlo. 
Fórma. T. degli Acquacedratai. Forma 
da gelati (A\b. enc. in Gelato). Quel- 
Tarnese in cui si pongono a pigliar 
forma di frutto 9 mattonella o simile 
i liquori congelati. 
Fórma. T. de^ Calzolai, Formai e sim. 
Forma — Le forme da scarpe si ascia- 
no, si puliscono, si raspano, si ra- 
schiano , si limano -< F. anclie Cortèll , 
Ras^cètt, Scapollà, Prepara, ecc. 

Forma s^ceppa. Forma ironca{*ùoT.). 
Forma da allargare ? Ordegno che met- 
t£si nelle scarpe per allargarle intro- 

• ducendo nelle due parti onde si com- 
pone una lunga bietta. Corrisponde 
alla Forme brisée dell' Encyclop. 

Toeù-giò de la forma i scarp , e 

simili. Sformare. 
Fórma. T. de'^Cart. Bronzina {Aìb. enc. 

in ). Forma. Telajo guer- 

nito di piccioli fili di ottone assai fitti 

e ritenuti dalla treccinola sul quale 

si forma il foglio di carta. 

Svergell. Filato » Ligadura. TreC' 

ciucia B» Pontisej. Colonnelli » Cassa 

o Coverc. Caccio. 
Fórma. T. de"* Cascin. Cascino. Ip stesso 

die passera. F. 
Fórma. T. de'Gett. di caral. Forma. 

Ordegno in cui si gettano i caratteri 

da stampa. 

Gìtt Guscio o Guscetto » Placch o 

Cartell. Piastre » Peli per la mader. 

Cojetto. 
Fórma. T. de' Formaggiai. Forma, 

Forma de forma j de granna. Cascia 

• ('*'tosc.). Forma di parmigiano. Disco 
di cacio a due facce piane, alto circa 
due quinti del suo diametro. Una for- 
ma larga dieci once del braccio mi- 
lanese riesce alta quattr'once o in 

' . quel torno -^ Propriamente parlando 



38 ) FOR 

noi la didamo FormaggM sinché non 
è assodata e Insalata, e Forma d'allo- 
ra in poi — I dìz. ital. la dicono For- 
ma in ambi gli stadj. Le sue parti sono 

Bocca. Faccia superiore «= Codegh. 
Croste la Scalz o Fassa. Circonferejt- 
za :=s Spigor. Spigolo «= Vestii. Itocàa. 

Forma averta (o Forma de bolla). 
Forma cappata {forse scappata Targ. 
Bagion. Agric, tose. pag. 180). Quella 
forma di cacio lodigiano nel cui in- 
terno compariscano delle sfaldature 
air epoca del pnmo suo stagionare. 

Forma boccarda. . . . Quella forma 
di cacio lodigiano chs nella parte su- 
periore, o sia nella così detta bocca, 
è segnata di quel colore ferrugi|;no 
che molti chiamano milò , cioè, color 
serpentino ( del coluber miio). 

Forma cajrorada. Forma intarlata 
o tarlata. 

Forma che pissa. . . . Quella forma 
di cacio lodigiano che per decompo- 
sizione della parte caseosa stilla sie- 
rosità acre e puzzolente. F. sotto. 

Forma che suda, ...... Quella 

forma di éacio lodigiano che per di- 
fetto di latte e quagliatura trasuda 
una certa sierosità acre e puzzolente, 
la quale se geme in maggior copia e 
scola , cangia il nome alla forma e le 
dà quello di Forma che pissa. 

Forma ciara o con T oeucc o oggia- 
da. Forma alluminata? Forma di ca- 
cio lodigiano che per aver ricevuto 
poco presame e poca cottura di grana 
riesce tutta occhi. 

Forma cont odor, o de scaffin, o 
che sa de pee o che spuzza. Forma 
cìie sente di te/i/ò(Targ, Bag, Agr. 
tose. p. i68). Forma che sente di ri- 
scaldato (ivi). Forma di cacio lodigiano 
che per latte troppo grasso o maturo, 
o per crema mal sceverata dal latte 
e rimasta in esso per inavverlenz», 
manda un odore fetente simile a quel- 
lo del sudiciume de' piedi umani. 

Forma de botta. F. sopra Forma 
averta. 

Forma de bus. . . . Nome di quelle 
. forme di cacio lodigiano le quali 
danno sintomi di carie co^bnchi più 
o men larghi e fondi che vanno com- 
parendo nella loro circonferenza. 



Digitized by 



Googk 



FOR ( I 

Forma doka. . . • Nome di quelle 
forme dì cacio lodigiauo che o per 
latte troppo riposato o per eccesso 
di presame o per quagliaiura a fuoco 
men forte del bisogno vanno sempre 
enfiando allorché si stagionano , e 
martellate oscillano lungamente per 
difetto di compattezza* 

Forma o Formaggia ingrugnada. . . . 
Quella forma di cacio lodigiano che 
malamente si può staccare dal cascino 
(de la fossero) e che è di pasta en- 
fiata, mal compatta y slegata. 

FoaKia invernenga. ... La forma 
di cacio lodigiano vernlo , cioè fatta 
in alcuno dei mesi di ottobre, no- 
Tembre, dicembre, gennajo, febbra- 
io, marzo ed aprile. 

Forma lisa Quella forma di 

cacio lodigiano che per latte fiocco o 
eccessivamente sfiorato o per troppo 
maturato presame riesce leggiera ol- 
tre modo a confronto del volume , 
ha la circonferenza (eZ sc(d%) rettili- 
nea, e martellata rende suono 'cupo. 

Forma m adura Queliti forma 

di cacio lodigiano, per Ib più estiva, 
che per latte troppo maturato o per 
lavorazione troppo, dilungata è riu- 
scita di pasta croja^ agroamarognola 
suirandar della nespola matura, e di 
crosta screziata di color bigiccio. 

Forma magenga. «... La forma 
del cacio lodigiano lavorato nella 
stagione estiva, cioè dal maggio al 
settembre. 

Forma postada Quella forma 

di cacio lodigiano che alP uscire della 
caldaja nella quale fu lavorata ha 
meno volume di quello che ragione- 
volmente si dovea sperare dalla quan- 
tità del latte impiegato per ottenerla, 
e premuta colla mano si dà a cono- 
scere di pasta già molto addensala e 
resistente. 

Forma rasida. Forma cappata? Quel- 
la forma di ca.cio lodigiano che, com- 
posta in parte di latte munto da 
vacche in tempo che si lasciano di- 
vezzare , è tutta crepacci nella crosta 
delle facce, e a male innoltrato anche 
iu quella della fascia^ da'quali crepac- 
ci, natavi una muffa verdognola, gemq 
un umore viscoso, acre e coirosivo. 



59 ) • POR 

Forma sana Chi s^ impaccia 

di cacio lodigiano chiama cosi la 
forma di esso cacio che ^ venne fah* 
brìcata con latte sano e perfetto e 
che si conservò tale in tutti i periodi 
deUa sua tramulazione in cacio. 

Forma sborsa I lavoratori e 

i trafficanti di cacio lodigiano chia-. 
roano cosi quella forma di esso cacio 
la cui circonferenza (ifca/2) presenta 
una linea più o meno convessa da 
spigolo a spigolo. 

Forma varolada Forma di 

cacio lodigiano che ha in sé quel 
guasto che diciamo f^aroeùia. V» 

Dà indree a la forma Ra- 
schiare leggermente le croste(cd<3?egA) 
della forma di cacio lodigiano per 
ripulirle dal sudiciume. 

La forma la bofia Così di- 
cono i nostri caciai quando la foi'ma 
del cacio lodigiano, riuscita gonfia 
per mala amministrazione del pre- 
same, sforacchiata colPago spira l'a- 
ria rinchiusa ne'^suoi enfiati. 
Fórma. T. degli Occhialai. Bacino, Piatto. 
Pezzo di bronzo, concavo, convesso 
o piano sul quale coll'arena di varia 
grossezza alternata si sofFregano, pu- 
liscono e riducono a più o meno 
convessità secondo che si vuole i 
cristalli da occhiali , telescopj , ecc. 
Altrcvolte questi bacini usavansi di 
piombo , rame o ferro , ed anche di 
cristallo greggio. Le forme della prìma 
specie convesse o concave diconsi dai 
Francesi Bassins ^ quelle delP ultima 
Bassins de giace. 

Forma piana. Piatto piano. Quello 
da soflTregarvi-sù i vetri da cannoc- 
chiali, ecc. che hanno a riuscire pia- 
ni. I Francesi la chiamano Rondeau, 
Fórma. T. de' Pastai. Forma{k\h. enc. 
in arganello). Quel lastrone che colla 
forma de' suoi pertugi conforma a can- 
noncini, cannoni, ecc. le paste-che vi si 
fanno passare. I FrlC la dicono Moule, 
Fórma. T. degli Scultori, ecc. Forma, 
Cat'o(6aldinucci Fbc, dis,). 

Forma persa. Contrafforma. 
Fórma. T. di Slamp. Forma, lì mezzo 
foglio di stampa composto e impagina- 
to, o quella composizione ^qualunque 
di più pigine che occupi uu torchia 



Digitized by 



Google 



FOR ( I 

Derv\ 1« forma. Allargare o Allen- 
tare la forma? Il Desserrer dei Fr. 

Mett a la via la forma. Guemir la 
formai Circondare le pagine d^ una 
stampa delle margini c^portuae e 
imbiettarle nel telajo del torchio. Il 
francese Gamir. 

Sarà la forma. &rignere la forma? 
Il francese Serre r. 

Fórma. T. di Zecca. .... Matrice in 
cui si gettano Toro e T argento per 
farne verghe dalle quali poscia trar- 
ne lastre e tondini da monetare. 

Fórma , e spesso Forma de Tapis 

I litografi chiamano così una lastra 
d'unitone bipartita e con fori riscon- 
tramisi nella quale gettano per cosi 
dire il loro lapis composto litografico. 

Formàa. T. di Stamp. e Librai. Sesto, 
La lunghezza e larghezza di un libro. 
In foglio. In quarto. In ottavo, ecc. 

Formàa. Ad, di Garàter che si usa ari- 
cite sustantiìfamente. V, Caràter. 

Formaddr. 5lfiiccAiiia/o(*lucch.). 

FormagèUa. V, in Formaggin. 

Formagélla Specie di matton 

tondo che si suol usare nei pavimenti. 

Formagélla. Fenditojo, Formella di bos- 
solo, ulivo o altrettale legno resisten- 
te per uso di fendervi sopra le penne. 

Forma^gée. Caciajuolo.Formaggiajo (non 
usato in Toscana). Vcnditor di cacio. 

Formaggéra. Caciajttola. 

Formaggéra Vaso o Piattello sul 

quale si porta il cacio in tavola. 

Formaggerinna. Dim. di Formaggéra in 
ambi i significati, 

Formàgg. K Forma j. 

Formàggia. Forma di cacio. La forma 
f del cacio lodi giano sinché non è as- 
sodata* Assodata che sia, dicesi Forma, 
Nel parlar comune però mòlli con- 
fondono le due idee e le due voci. 

Formaggin. Cuciuo/o ( Facezie Piov. Ari* 
pag. 88). Caciuola, Formella di cacio. 
Cacio schiacciato di forma comune- 
mente rotonda. Assodato che sia , as- 
sume con proprietà di linguaggio il 
nome di Robbiorìn , come ne^ caci 
grossi la Formàggia assume quello di 
Forma, La Cella de formaggiti avva- 
lora questa mia asserzione ; pure nel- 
Tuso si confondono le due idee e le 
due voci cosi pei caci piccini come pei 



60 ) FOR 

grandi» Noi togliamo fart qualche 
distinzione tra Formaggin e Formar- 
gella ancorché pajano quasi *voci si- 
nonime. Chiamiamo Formaggiti quelle 
caciuole piccine di latte pecorino , 
caprino, vaccino o misto che ci so- 
glioa venire dai colli di Brianza o 
dai monti lariensi, lecceosi, verba- 
nensi, per lo pia circolari e talora 
anche quadrate , il cui diametro o la 
cui diagonale dipassa rare volte le due 
once milanesi e Taltezza run'*oncia o 
le due« Chiamiamo invece Formagell 
le caciuole maggiori del doppio o del 
triplo in grandezza , e per lo più di 
latte vaccino , che fabbricano i nostri 
latti vendoli in città o i pastori nei 
monti già detti. Forse Caciuola è il 
Formaggin , e Caciotto (usato dal Caro 
Ut. Fam, Guid, III, -jSG) é la For- 
magélla. 

Colla de formaggitt. f^ in Còlla. 

Formaggi tt fatt Caciuole 

non ancora insalate* 

Vardà in su Tassa di forn»aggitt 
{che i Briant, dicono Vardà in ber- 
lusch). a^. Guardar di sestile. Guardar 
torto. Guardar a tnwerso. Si dice di ' 
chi ha gli occhi scompagnati , e fra 
noi singolarmente di chi guarda losco. 
In Toscana parmi anche aver sentito 
dire in questo senso Guardar l' orto. ' 
Forma ggtrid. F, Formajtrij. 
Forma) (cAs i pia civili dicono Formàgg). 
Cacio, Formaggio — Cacioso o Caseoso 
dicesi ciò che ha natura di cacio. 
Forma) bianch o de lattee, f^ solio, 
Formaj de Battelmatt. V, Battehnàtt. 
Formaj- de cavra(cAe talvolta con vo- 
ce svitzera dicesi Cren). GuUo caprino? 
Formaj de grana (o Forma] giald o 
Formaj lodesan o Granon). Cacio par- 
migiano(Bìirch, Aime). Formaggio par- 
mfgi<uto(Boccaccio I^ov.) // Parmigiano 
assol.(Sacc. Bim, — Prezzi mercantili 
di Livorno — Rime d^un poet. pis. | 
— *tosc.). Càcio pannigiano{¥3LC. Piov. 
Ari. p. i35 ove si vede simigliaate 
d^uso fra i nostri pizzicagnoli e que^di 
Firenze). Quel cacio che si fa*in gros- 
sissime forme dalle 5o alle 100 lib- 
bre ciascuna e colorato giallo collo 
zafferano. E qui sia detto per inci- j 
den%L, hanno gran toiio gP Italiani 



Digitized by 



Googk 



FOR ( 1 

non che gli stranieri 9 chiamando per 
eccellèaza parmigiauo questo cacio, 
quando die. Tenendo esso fabbricato 
sui territorio di'* è tra Lodi, Piacenza 
e Milano, dovrebbe portare il nome di 
alcuno fra questi paesi anziché quello 
di Parma : uè V imitazione che se ne 
ft in altri luoghi, come a Sennide nel 
Mantovano o in alcune terre del Par- 
migiano ; né ciò che dice su di ciò il 
Font, in Formaggio pare che scusi 
bastevolmcnte Tuso di simile dizione. 
Secondo ciò che io dissi nella Prefa- 
zione di questo mio libro a pag. xxxvii 
io aveva disposto una sinossi delle 
persone e delle cose inerenti alla 
lavorazione del formaggio che noi di- 
ciamo di grana, come quello che forma 
UDO dei prìmarj ed esclusivi prodotti 
della nostra industria agricola. ]^a pub- 
blicazione però delle due belle Me- 
morie sul caseificio di Cattaneo e Pel- 
legrini, e soprattutto quella del pri- 
mo esimia nel riguardo della casca- 
ria pratica 9 mi consigliano ad omet- 
tere tale sinossi, e rimandare alle, 
dette opere chi desiderasse più estese 
cognizioni in proposito. 

Formaj de grana de mezz-temp. 

Parmigiano alla stagione(*Xosc, 

— Prezzi mercant. di Livorno). 

Formai de grana straveggion. Par- 

' migiano slrauecchio (* tosc.-id.) , 

Forma] de grana veggion. Parmi^ 

giano PCC<:A«o(*tosc.-Prezzi id.). 

Forma] de Grujèr o Gruéra. . . Cacio 

così detto da Gruyères^ villaggio nel 

cantone di Friborgo dove si fabbrica. 

Formaj de la paja. Cacio sappiente? 

Formaj de lattee. Cacio bacellone 

{*losc. — Gior. Georg. X , 298). For- . 

maggio fatto col latte sburrato dai 

nostri lattiyendoli di ci^tà. 

Formaj de sbrinz ed anche assolut. 

Sbrinz. Sbrinzo{*^or,). Cacio insalato 

che si fabbrica a Brienz nei Grigio ni e 

che ì Tedeschi nominano Primsenkàse. 

Formaj de sbrinz de mezz temp. 

Sbrinzo allastagione? Lo sbrinzo 

di cui sopra tli fabbricazione 

quasi recente e poco insalato. 

Formaj de sbrinz vece. Sbrinzo 

vecchio? Lo sbrinzo di cui sopra 

vecchio e sappieute. 

Voi. li. 



61 ) . FOR 

Formaj dolz. Cacio dolee. Quello 
fatto col presame vegetale. 

Formaj d'*Orsera. . . . Cacio così detto 
dal paese d'*Orsera dove si fabbrica. 

Formaj faa col cacc. Cacio forte, . 

Formaj grass. Cacio gm(5o(Scappi 
Op» p. 4 che cita la voce come milanese). 

Formaj nilz. f^ in Nìlz. 

Formaj pien de bceucc. Cacio pien 
d'occhi (J^wg. Rag, Jgr, tose. p. 160 
e segg,). Cacio sforacchiato o vespa- 
joso o spugnoso» 

Formaj salaa (per ani.). Cacio forte, 

Formaj senza boeucc Cacio serrato 
e 5enz'occAi(Targ. Rag.Agr. iosc.p, 181). 

Formaj senza boeucc, pan coi boeucc, 
e vin che solta ai oeuc£. Pane allumi" 
nato e cacio cieco e vin che smaglia o 
c/ie brilla o che sclUzza, Dettato con 
cui ii vuol denotare le prerogative 
che debbono avere queste tre derrate. 

L** è on cinqu quattrin o vero V è 
on sold de formaj. F, in Quattrin. 

Mangia el formaj insci, minga grat- 
taa. Mangiar del cacio sodo , non 
gmltofo(Targ. Rag. Jgr, tose. p. 161). 

Me tt-sù el formaj . Incaciare . Caciare. 

Vegni el formaj sui macaron. r. in 
Macarón. 
Formajtrij e Formaggtrìd. Cacio grattato 
(Alb. enc. in Grattato)-, e fra noi Par- 
migiano grattato j non usando noi co- 
me altre * genti grattar caci d** altra 
specie per condirne le vivande. 
Formalista. Formalista. 
Formalitàa. Formalità* 
Formalizàss. Formalizzarsi. 
Formalmént. Formalmente. 
Formèlla, che altri dicono comunemente 
Ciappón. Formella. Dureaca o soprosso 
o tumore calloso che viene talora al 
cavallo nelle pMìo\e {pasturaj), 
Formént. Grano, Formento. Frumento 

— Il formento segato che sia si am« 
massa prima in manipoli ( mane// ), ' 
poi in coyon\(cceuv) , con venti o più 
dei quali fassi la cavalletta (capa// , 
eavaletta , staffetta) 9 e con moltissime - 
di queste poi la bica(m«^ capalla) 

— Quando il grano è bene asciutto e 
scorre per mo^ di favellare in mano , 
quei del mestiere sogliono dire che 
esso ha buona mano — - Il grano si 
divide in Grano duro {di granello 

ai 



Digitized by 



byGOOgk 



FOR ( 162 

pe8aDt«9 magro, trasparente, giallo- 
gnolo , duro , di fraltura vetrina scu- 
riccia , renoso) e in Grano nostrale (di 
granel tozzo, pieno, leggiere, bion- 
dastro, pelosetto alla cima, non tras- 
parente , di frattura facile , candida , 
farinacea ) che suddividesi poi in 
Grano gentile e Grano grosso. 

Canna. Erba^ indi Paglia » Goss 
^ o Gosell. InvoluciK) della spigai Spiga. 
Spiga » Barbis. Resta » Granna. Gra- 
nello s Aesca. Pula, Loppa, Lolla. 

Forment a mazz o di grasp. Grano 
a mazzetti o a grappoli o del miracolo 
o a pigna. Il Triticwn composiUim L, 

Forment biauch.Gra/i(7 grosso bianco, 

Forment •biondell. Tosetlo rosso 
senza resta? 

Forment borlin. Grano bottoncino ? 
(Lastri Op. V, 23). Grano di granel 
tondo, arjstato. 

Forment carlon. Grano duro rauar- 
nesel Grano con reste assai limgbe, 
di granello brunetto, e di poco pregio. 

Forment coi barbis. Grano aristato. 

Forment coi barbis bianch. Grano 
gentile dalla resta? 

Forment coi barbis ross. Cascola 
rossa con la resta? 

Forment d^ Odessa. Grano duro o 
Grano marzolo d'^Odessa{GioT. Georg.), 

Forment invernengh. Grano vernino. 
. Forment marzengb o' Forment in. 
Grano marzuolo. Spezie di grano che 
si semina a marfo, ed è il Triticuin 
itstivum o Zea verna da'* botanici , ed 
il Grano trimestre o sitanio dei Greci. 

Forment mondell o roseli o tosell. 
Grano calvello o carvcllino o gentile 
o tosetto bianco senza resta. 

Forment ross. Grano grosso rosso. 

Forment senza barbis. Grano mutico, 

Forment, . . . Grano bizzarro. Quello 
lunghetto, grinzoso, di scorza rustica 
e che dà molta crusca ^ forse una spe- 
cie di Forment carlon come addieti'o. 

Oltre queste specie i Toscani co- 
noscono altresì tutte le seg. che no- 
mina il Giorn. Georg. Il, 4^24 e altrove.. 
Grano gentile bianco — Grano gen^ 
tile bastardo — Grano gentile rosso — 
Carlentino o lustrante — Grano duro 
di Sicilia — Grano grosso o Civitella — 
Grano mazzocckino •— Grano Cicalino 



) FOR 

o Lammas — • Grano lupo — Spelda o 
Farro — Grano grosso o calabrese — 
Farro rosso — Farro mazzocckino — 
Spelda piccola — Farro bianco — 
Farro di Pollonia — Grano majellese 
Nap — Grano della regina peloso Xap 

— Grano ras/anese Nap — Grano pe- 
loso tondo Nap — Gratw rojia Nap 

— Grano di Chianti — ' Grano rosso 
d'Alessandria — Grano pollacchetlo 

— Farro di montagna Rom. — Farro 
lustrante detto peloso — Farro Ltipo 
di Spagna — Farro Lammas o Cica- 
lino — Lammas o Grano rossa ingiù' 
se — Grano marzolo primaticcio — 
Grano Tangarock — Grtmo settanti- 
no ( che viene in 70 di ) — Grano 
gigante di SanV Elena — Grano Pe- 
tunielle di 4 specie; cioè Petunielle 
rosso 9 Petunielle blb o bla conico de- 
gP Inglesi 9 Petunielle nero^ Petunielle 
bianco d'Oriente — Grano di Danùca, 
che si vuole una cosa sola eoi gigante 
di SoìiV Elena — Grano littoria — 
Grano di Barberta ^- Grano mischiato 

— Grano segalaio — Grano vecciato 
(Lastri Op. I, 173) — Galbigia, 

Mo» Forment bus. Grano intoncldato o 
intignato o gorgo^iato o sfarfallalo. 

Forment brutt de paja. Grano nude 
impagliato 9 cioè di paglia rada. 

Forment che gh** ha bella paja. Gra- 
no, ben impagliato , spesso di paglia. 

Forment cuccb. Grtmo an^bbialo. 
Quello che, essendo sopra la terra ^ 
. si è seccato prima del debito tempo 
per soverchio caldo. 

Forment mare. Grano golpato. 

Forment somcnaa in d^oQ tcrren 

dove ghe n** è mai staa. Frumento di 

prima liarba{Gìor. Georg. Vili, 525 ,«. 

— • Ave del forment secch de vend. Jl- 

teggiare. ^, Ave de l'aria fig. 

Chi somenna el forment in di ronch 
melt el vin sul grauce. y. in Vìn. 

Dà per forment secch. fig. Accertare. 
Far COSA certa. Djir per certo, per 
cosa sicura, immancabile. 

£i forment quand el deventa smor- 
bi el perd i barbis e el dcventa mou- 
dell. // rigoglio fa direstare i grani 
(Targ. Rag. Agr. tose. p. 139). 

Gennar polverent pecca paja e ta&t 
foi*ment. f^. in Màriu 



Digitized by 



Googk 



POR 



(i63) 



FOR 



Netta o Monda el fomient. Scerbare 
(*niarem. san. pis. — Gìor. Agr. X, 5o). 
Bipulir 4all^erbacce i grani nel campo, 
il quale ripulire 5Ì dice La^rbatura 
(ivi 5a — Giorn. Georg. VII , ii , 6a). 
Terra negra fa bon forment. f^.Tèrra. 

Formcnt roatt(^a alcuni detto anche Spi- 
ghétta). Qrano canino. Cosi il Targ. 
Toz. in Hordeum murinwn clfè il 
nome botanico di questa pianta. 

Formentìn dicono in qualche parte del 
Milanese 9 come p. es. a Gallarate^ per 
Scionsgìn. ^. 

Formentìn. v. a. degli Statuti degli OlTel- 
lari Milanesi p. i6. Specie di Pasta la- 
vorata forse in Capellini? 

Formentìn(c/2e anche diciamo Forment 
marzengb ). Grano marzuolo. 

Formentìn. Così chiamano alcuni la 
Fràina. V. 

Formentìn.. add Dicesi di certo 

colore del laestiame bovino, ed è il 
bianchiccio sparuto. 

Formentón./brmtf/i/o/te. Granturco. Gran- 
4Ìciliano{Omor. Georg, II» 4^)9 ^ presso 
i negozianti Granone(ìd. - Zanob. Diz)* 
y, per le specie e per le parti Mel- 
gdn e Mel^òtt. 

Formcntón aegber chiamano m varie 
parti delV^lto Mil la Fràina, r. 

Formentonàa « ) . . . . Campo sementato 

Formentonée. ) a grano turco. 

Formenlonìn o Formentonìn ostanell o 
quarantin. Siciliano rosso. Il 2^a mayz 
varietas himestris cbe in alcune parti 
del contado si suol seminare al prin- 
cipio di luglio in quei luoghi donde 
fu già raccolto il grano. 

Formètta. s. m Chi fabbrica le 

bronzine ( i form ) de' cartai. 

Formètta. s. m.' Formajo. Colui cbc fa 
forme da scarpe, stivali, ecc. 

Formìga. Formica. 

Maa de la formiga. V. in Màa. 
Togn pela rogn pela.figh capitani 
di forroigh. F'. Tògn. 
Formiga. in gergo. . . Soldato, Fante. 

Formtgh. s. f. Informicolamenlo. Dolore 
eh' è simile alle morsure di molle 
formiche , ed è una sorta di granchio. 
Ave i formigb. Informicolare, 

Formi ghéri. Formicajo. Formicolajo — 

de gent, Formicajo* Brulicame* 
Fórmola. Férmola, 



Formolàri. FormolariOé 
Fórna. F, Fórno. 

Foi-nàda. Infornata, ' 

Foruàé. Fornace. Il luogo dove si spia-* 
nano i mattoni e dove è la fornaco 
da cuocerli. 
Fornàs. Fornace. Ogni forno dove si 
cuociano mattoni, tegoli, embrici, sto- 
viglie, vetri, ecc. La fornace da mat- 
toni è detta da noi per eccellenza For- 
. nas (dai Francesi Four) quando ha 
il vase conterminato- da mura stabili ; 
e quando è fatta di matton crudi,, 
quand^è fornace per cosi dire improv- 
visata noi la diciamo Pignón e i Fran- 
cesi Foumeau. Quella fornace che co- 
cesse soli mattoni direbbesi MaUonaja; 
quella che soli tegoli Tegolaja; quella 
che sola calce Calcara {F. Calcherà) j 
quella che soli vetri Vetriera o Fetraja. 
V. Fàbrica del veder in Veder — Le 
parti esterne della mattonaja sono: 

Murazz o Murasc. Murai ^ Murell 
o Parapett. Davanutle? «= Porta o 

Us'ccra « Bocca. Abboccatojo, 

Bocca — e le interne 

Vas. . . . . • *= Canalon Canel- 

lon « Banchinna •=• 

Attizzatoio. Tizzonajo. 

Fa andà ona fornas. Fare una for- 
Race(Lasca Nov* p. 162). 
Fornasà dicono alcuni per Coeùs. F. 
Fornasàda. /n/bf7iaciato(Targ. Viag. IV, 
339). Fornaciata {^'lyì 54a — Giorn. 
Georg. II, 77, 78 e segg. id. VII, a48). 
Fornasàlt. ) Fornaciajo- Chi lavora alla 
Fornasée. S fornace. Noi confondiamo 
sotto i nomi di Fornasàlt e di For^ 
nasée cosi i preparatori de'' lavori di 
terra da cuocersi , come quelli che li 
cuoconoi quei dell' arte però asse- 
gnano nomi speciali ai diversi mano- 
vali che ajulano in siffatte opeiazioni, 
come verrò specificando. 

— I preparatori, che costituiscono 
quella che noi diclamo Ona compagnia^ 
ed i Francesi una Table de brique, 
sì suddividono in 

Moltiroeu. . * . . . Colui che colla 
marra (zappa) o col piede prepara la 
creta, detto Batteur o Deméleur o Mar- 
cheur dai Francesi. 

^ Moltiroeu (altro) Colui, che 

più per minuto va stemperando colle 



Digitized by 



Googk 



FOR (i 

mani la craU già dàposU colla marra 
o col piede dalFaltro. È il fr. Van^BW, 

Louiroeu o Lavorant. Màttoniere — 
Tegolajo, Colai che forma o apiana 
i mattoni o i tegoli (che diconsi Loti 
finché non cotti) ; lo Spianatore detto 
Mouleur da' Francesi. 

Coppirceu o Garzqn. PiMzarolo? 
(Targ. Viag, IV, 3 19 e seguenti). Chi 
trasporta sullo spazzo i laTori del mat- 
toniere e del tegolajo; il Porteur dei Fr. 

vLavorant de gambetta. •.. Chi alloga 
a catasta i lavori ; VEnhayeur o Beie- 
ptur o Metleur en hajre dei Francesi. 

— « I cottori, i quali costituiscono 
ciò che i Francesi dicono una Main 
de htiqueieurs^ si suddividono in 

Fomasee* Fuocarìno ( Targ. Viag. 
IV9 Sig e seguenti). Il regolator del 
fuoco 9 il fomaciaro per eccellenza ; 
quello che i Francesi dicono Cuiseur 
b ÙkaujJ^eur, 

Layorant che infornasa Quelli 

che allogano nella fornace i lavori 
da cuocersi; gli En/bumeurs dei Fr. 

Oarzon Quelli che allo sbocco 

della fbrnace prendono i materiali dai 
piazzaroli e li porgono ai fornaciari 
neir interno; i francesi Entre-deux. 

QniJ de la careUa. Piazzaroli? Quelli 
che dallo spazzo recano « o in car- 
rìnola o a braccia, i lavorì alla for- 
nace e ivi li datino ai garzoni ; sono 
i Rechercheurs o Rotdeurs o Brouei- 
teurs dei Francesi. 

Fomasée Dove il lavoro dei 

forni fusorj delle fornaci o calcare 
é assai vivido, e perciò suddiviso fra 
opertlori diversi , possono anche ve- 
nire in taglio i seguenti nomi regi- 
strati dal Targ. nei Viaggi Tom. IV, 
5 19 e seguenti: 

Fadnn o JPortalegna. Portaìegne. 

Omen che spurga. Sfmrghìni. 

Omen di colder. Calderai, 

PiCozz Lavorant de picch. Picco- 
nieri. 

Scernasass. Capatori o Capasassi, 
Tajador. Fendilori, 
Fornasètta. Fomacino (Neri Art. J^elr. 
ì66). Fomacetta, FomacellaFomacina. 
Fomasln. Fomaciajo, Mattonierù. Fab- 

bricalor di mattoni. — Tegolajo. 
Fomaa<>n Gran fornace. 



64 ) FOR 

Fomée o S^cesond. Fomajo? Infomaput^ 
ne? Quello fra i lavoranti in un forno 
di cui è particolar uflkio T infornare* 

FomèU. Fornello, 

Bocca.'. . • • • ^ Fogoraa. Brada' 
juola? » Ferr. Gratella? » Sottfogo- 
rM,..,{cendrier fr.)» Sit del cadbon 

Fornéll de filanda. Fornello da ^filanda 
(Giorn. agr. pass.). 

Bocca de sora » F<^;oraa. 

Braciaiuola? cs Bocca del fogoraa. Boc- 
cftetia? ea Us^cioeù. Uscinolo? » Nas. 
.... « Gradiscia o Graiscia o Gra- 
di zza o Ferr. Grata? ma Sottfogorma 

Fomèlla. s. f. Fomellone. 

Fornellin. Fomelletto. Fomellinù. For- 
nellina, 

Fornellista. Chi fabbrica forni 

e fornelli di cotto. Il fr. Foumaiiste. 

Fornellista. T. degli Acquacedratai. . . . 
Dicesi di quello fra i garzoni di un 
calle che bada ai fornelli. 

Fomellón. Fomellone? 

Fornéra. Fomaja, Oggidì noi diciamo 
comunemente Prestinéra; anticamente 
però anche Fornirà doveva essere 
comune, che ce lo testificano i dettali 
Giughi a fornera. Fare al tordo. Fare 
al pagaloste (I Fiorentini usano il 
primo, i Lucchesi il secondo di questi 
modi). F'edi Giugà a fornera in Bòg- 
gia , e aggiungi che II nostro FiUà' 
uol del giuoco di Fornirà equivale 
al Tordo dei Fiorentini, e significa 
il pagatore, quello che ha a pagar 
r oste. Del resto chi volesse vedere 
quale picciola varietà passi Ira il no- 
stro Giugà a fornera e il Fare al tordo 
fiorentino legga la nota alla stanza 
75 del 3.^ cantare del Malmantile del 
Lippi (pagg. 166 e 167 ed. clas. mil.) 
ove ti'overà pure altri modi di dire 
proprj del giuoco. 

'S^ess come el pan de la fornera 
locca, el cerchen in la marna e Tè in 
del forna , equivalente a Cerca T aseo 
e vessegh a cavali. F, in Àsen. 

Fornì. Finire. V. Fenì. 

FomiHa ona voeulta. Jbccor déltL 
fine. Ridar le nulle parole in una. 

Fornì. Bardamenlare. 

Fomimént. T. di Stamp. Le margim(JJh' 
bass. in Oamiture). Il complesso di 
tutte quelle margini e di tutti quei 



Digitized by 



Googk 



POR (i 

cunti die separano pagina da pagina 
delle forme dì st«mpa e circondan- 
dole le tengono ferme nel telajo in 
torchio. Ve ne «ono altresì di metrilo 
detti specialmente Lingò' Anche gFln- 
glesi chiamano questo complesso di 
margini Tlte Fumiiure» 
Foraimént. T. di Sellai, Carr. ecc. /*or- 
nimenio. Finimento '^ Bardaium, Ogni 
arnese che si mette alle bestie vetturine 
per attaccarle aUe vetture. #^. Braga » 
Tiràat, Sottpànscin, Sottcóa, ecc» ecc. 
Fomitór. s. m. Fom//ore (Zanob. Dìm.). 
Arrendatore, Chi somministra per ap- 
palto viveri» vestiari, combustibili 9 
attrezzi 9 ecc. alle pubbliche aimiìini- 
strationi, e in ispecialità al militare. 
Fornitù. Fornimento» Finimento» Forni- 
tura, Arredo^ Guamititra* 

Fornita de tavola. Fomimenlo. For- 
nitura, 
Fornitura. /br9ii/iin(i(Zanob. Dix,). Uas- 
sunto del fornitore. P. es. L^ha toh 
la fornitura di scarp. .Si è accollata 
la fornitura deJle scarpe. 
Fórno o Póma. Forno- 

S'*cesà o Freja o Ciuson. Lastrone. 
Chiusino » Baocàa. Altare tm Pilastritt 

di medon. Pilastrini p^ Seg- 

giolina sostenente i tambelloni =« Volta. 

Cielo va. Raggiera ta Caldanoa. 

Smalto «a Bocchetta. Sfogato jo «a . . . . 
Focdare^.... i?ani//ii(Gior.Georg.XV, 
376) la riempitura che si fa del vano 
d^un forno per costruirvi sopra la 
voi la ^ ed il cosi riempierlo dicesi Ba- 
rullare {ÌYÌ). — r. Scoàsc, PàJa, Tira- 
brasca, Marna, Lusiroeù, Stùa, ecc, 

Cott al forno. Cotto inforno. 

Dà el foeugh al forno. Caricare il 
forno — JHvecckiare il forno cioè ri- 
scaldarlo la prima yolta(Gior. Georg. 
XV, 275). 

Forno del bescoit. Biscotterìa, 

On forno de pan. Un*infomaia* Una 
fornata, 

Scoldà a forno. JRiscaidare « bocca 

l^oro Smantellate che furono 

nel 1801 le fort>ftcaKÌoni delP antico 
nostro Castello'^ e ridotte a spianata 
le fosse che io circonda Vttio, esimio 
pensiero nacque nelle menti di alcuni 
illustri Milanesi di tr«mutare quello 
spazzo in «w Foro cii'colare del dia* 



65) POR 

metro di circa 633 metri, e voltata 
r attuale Caserma di Castello in Pa« 
lagio del Capo dello Stato farle cei"- 
chio a ben 3oo metri di largo d^una 
' continua serie di fabbricati di gran- 
' diosa uniforme architettura , in parte 
* dei quali raccogliere tutti gli uffizj 
delle varie amministrazioni dello Stato, 
ed in parte ogni genere di edifizj com- 
merciali e cittadineschi. La meschiilità 
di alcuni esseri educati a reputare ma- 
gnificenza di patria le sole miserie dei 
secoli bassi mandò a voto Tesimio pro- 
getto , e appena lasciò che qudla idea 
tutta romana si struggesse in un labi- 
rinto di viali nelle cui ombre poter 
aggirarsi aggirati quegli odiatori di 
ogni luce d'*autonomia italiana* Del 
Progetto ci rimasero unici testimoni 
i bei disegni deirarchitetto Giovanni 
Antolini, e i modi di dire seguenti: 

On Foro Moneta d^ argento 

coniatasi nel tSoi in memoria del 
Foro elle si doveva ergere; era del 
valore di soldi trenta milanesi con 
eifigie donnesca cimata da un lato 
ricinta dal nome di Repubblica Cisal- 
pina , e dall' altro colla leggenda Pace 
celebrala — Foro Bonapariejbndato -* 
Anno IX, Molte di cpieate monete fu- 
rono messe sotto la prima pietra dd 
Foro gettatasi in quella parte della 
Piazza Castello che quasi rasenta la 
città verso Via Cusani. 

Te podet aodà sul Foro. Pìwi ire 
in cìUasso^ in bordello^ alle forche. 

Vunna del Foi-o (che altre volte 
dicevamo Vunna del Guast). Una stra^ 
dina(Àl\eg, 1 29). Una padella di piazza 
(Alleg. 96). Prostituta infimissima; il 
latino Sterais curite Glamcia, Une cow 
reuse de remparis dicono i Francesi. 
Fòrsi. Fórse. Pòrsi. 

Forsi si forsi no. Forse che «i, forse 
che no. 
Fòrt. Forte, 

Fass fori. T. mere* Venire in isiato 
o in grado. Arricchirsi. Crescere im 
mezzi, in danari, in averi mercantili. 
— Il 2MWÈoh.Dìu Ha far forU akuno 
per ajutarlo con danari e protezione* 

Fort come on tron. Atonie della 
persona. Forte su* picciuoli* Che hm 
forte nerbo. Forzuto, Goliardo. 



Digitized by 



Googk 



FOR ( 1 

Fori minga maL ForieUo. ForiieeUo. 
GagUanUUo. Alquanto T.igoroso. 

Metles al forU Metiercisi coir arco 
deW osso. Arrecarvisi di buona gamt. 
Àccignersi di proposito a checchessia 
— Mettersi alla dura. Star fermo nel 
▼olere checchessia. 

Sta fort. Zittire, Stare zilfo(SalTÌati 
^HM IV, 8). 

Sta fort. Chetarsi. Posarsi. Sta fort 
donca. f^ia! sia cheto^ sta fermo. 
Tegni man forta. V. in Man. 
\^ws el 9Ò fort. Essere il suo forte 
(Magai. Lei, seleni. 1 , 218 - Fag. Rime 
1,62). 
Fort. Agro. Acetoso. Forte. Infortito^ e 
al diro. FortiizzO' Fortenvtzo. Fortigno. 
Fortino. Agretto. 

Deventà fort o Giappà del fort. In- 
fortire, 
FÀrt. Ad. di Acqua, Carbón, Legna. F. 
Fòrt. avv. Forte, Fortemente. Con forza. 
Chi va pian va san, chi va fort 
va a la mort. F. in Mòrt. 
Fòrti Fia, Fattene via. ^ia di ^ua. Fa 
via. Dal tedesco /^urCA, che vale lo 
stesso quanto Tura via. F. in Tura' 
Fortézza. Fortezza. Gagliardìa. 
Fortézza. Forte, Fortezza. Castello. 
Fortézza per Contrafòrt. F, 
Fortifica. Fortificare. 

Fortifica ci stomegh. Jìoborare o 
Corroborare o Fortificare lo stomaco. 
Forlìn. T. mil. Fortino^ e ant. Fortilizio 
(Targ. Fiag. IJ, 383, 399 e 4i3 egli 
stesso — id. II 571 colle parole del 
Volterrano &iòv anelli). 
Fortinèlt. T. roil Picciol forti- 
no; una bicocca di fortilizio. 
Fortuna a. Fortunato. 

Fortunaa come on dia voi o come 
on muli. Lo stesso che Caviggión sig. 
3.' F. 

Son tant fortunaa che me bagoarev 

el cuu anca che fuss seltaa. F. in Cùu. 

Vcss fortunaa come i can in gesa. 

F, in Càn. 

Fortunàscia. Sortacela (vedi-il testo male 

spiegato dai diz. ital.). Gran sorte. 

Gran ventura, — Noi non usiamo For- 

tunaccia nel significato della mala 

sorte, della Foriunaccia dei diz. ital. 

Fortunélta. Fortunetta{VaJì9nX[ Poeta I, 

u, 5), Fortunella, 



66) FOK 

On omm che gh*faa semper dì (or- 

tnneft Dioesi speciaUnente 

di chi abbia frequenti incoiitri d^a- 
moretti. Vhomme à bomnes fartttnts 
dei Francesi. 
Fortunin. Persona afforttmatissima o che 
tiene la fortuna pel ciuffèUo, F. in 
Caviggión ^g. e in Fortùnna. 
Fortùnna (che comunemente diciamo an- 
die Cavìcc). Fortuna, Sorte. 

A fortùnna. jì sorte. A caso. A o 
Per fortuna. Forttaiosamente. Di ven- 
tura. Per sorte. Alla ventura. Fortm- 
tamente. A ventura. Per ventura. Ca- 
sualmente, Accidentalmente. 

A la fortùnna. A bandiera. 

Andà a cerca fortunaa. Andare alla 
ventura. 

A sto mond ghe> voeur fortuana. 
Forttma e dormi. L'uomo ordisce e 
la fortuna tesse. Fai più un' oncia di 
fortuna che una libbra di sapere. Cld 
ha a aver bene dormendo gli viene. 
Di fortuna una stilla innanzi io vo- 
glio che di prudenza un doglio. Assai 
ben balla a chi ventura o fortuna suona. 

Avegh fortunaa à maridass. Incon- 
irttr buona fortuna nel matrimonio; 
e comicr Aver digiunalo la vigilia di 
santa Caterina. 

Avegh la fortùnna che ghe giuga 
adree. Essere nel eolmo della rtufta di 
fortuna. Aver la fortuna che gli si fu 
incontro col viso lieto e col grembo 
aperto. Tenere la fortuna pel ciuffetto. 
Èssere infortuna. Aver gran fortuna. 

Ciappà la fortùnna per i cavii. Pi- 
gliare la fortuna pel ciuffetto^ 

Desgrazia del can fortùnna del loC 
F. in Càn. 

F& fortùnna. Prosperare. Fortunare. 
Far fortuna. 

Fortuna che! o Fortùnna del Signor 
che! Sorte che! Fortuna die! Per buona 
sorte che! F* Bònna che. 

Fortùnna de hocc. Foriunaccia. Mala 
ventura. "Mala sorte, 

Ghe corr adree tutt'^i fortunn o 
vero L*è on fortunin. La fortunali 
€wride o gli balza in mano o gli balza 
in sul tetto. Ha il vento in poppa u 
in fil di ruota. Gli cade o cola o tra- 
bocca lo zucchero alla caldaja. La ven- 
tura gli pioi^e in g7vm^(Bib. Caland. 



Digitized by 



Googk 



FOR ( I 

I, 8). la fortuna gli si sbigoncia, V. 
anche Fortunin. 

La fortunna la va e la iren, o la fa 
di sbalz. La fortuna in un punto e 
parie e toi7ra(Mon. Toc. ed Am, III, 
7). La fortuna fa de^ saliscendi. Fal- 
lace fortuna dà e toglie, È fede insta-- 
bile quella della fortuna. 

La nostra fortunna se la femm non. 
Ognuno a sé di sua fortuna è fabbro. 
Proverbio mela vero metà falso; e 
di cui sembra più yerìtiero il dettato 
italiano Sua ventura ha ciascun dal dì 
die nasce. 

Per fortunna. Per ventura. Per caso. 
A caso, A f Oriana, 

Porta fortunna. Avventurare, Felici- 
tare. Prosperare, Rendere avventuroso. 

Seoza fortunna se fa nagott. Senza 
beneficio di fortuna ^ non si fa cosa 
alcuna di buono, I Siciliani dicono che 
Ci vuol fortuna insino a frigger l'uova. 

Trova la soa fortunna Ab- 
battersi in cosa avventurosa; e scherz. 
.... Dare in cosa derisibile o spre- 
gevole o da nulla. 
FortÙDna del cavali. Plica polonica (con 
voce dottrinale). Quella malattia per 
cui tutti i crini d^un cavallo ingros- 
sano molto e s^ appiccicano insieme 
formando una specie di sarcoma peri- 
glioso a tagliarsi. È diversa dal Folètt 
che è semplice intrecciatura di crini 
seoza sarcoma o mucosità. Il Targ. 
Toi.(f^iaggi IV9 a) ci testimonia che 
anche in Toscana questa Plica è detta 
e creduta superstiziosamente Fortuna 
del coi^allo, 
Fòrz. s. f. pi. Forze, Girimèi* 

Fa i fora. Far le forze d' Ercole? 
Fòrza. Forza, Figore, Possa, Gagliardìa, 
Robustezza, Possanza, Lena; e anlic. 
Gina o Agìna, 

A forza de cicci?rà, o sim, Bagio* 
nando ragionando(LsLScst Sib» ìli, 5). 

Cala i forz. Mancar le forze — Aver 
prostrazione di forze, 

Ciappà forza. Ravvivarsi, ìUnvigO" 
rirsi. Ingagliardire* Invigorire^ Minga- 
gliardire, Binforzarsi, Ricuperare o 
fdvocare le forze. Ritornare le forze, 

per amor o per forza. O per forza 
o per amore(Targ. Fiag* I » 4^)* Spinte o 
sponte{?an, Poel, Ir* j 9)» - Per amore 



67) FOS 

significa anche di pei^ se f^oìontaria- 

mente^ di sua natura , come nel testo 

del Magalotti (JLett, Ateismo II, 191). 

Perd la forza. Disvigorirsi, 

Perd i forz. Smarrir le forze, 

Robba fada per forza no là var ona 

scorza Quel che è fatto per 

forza o a contraggenio non vale nulla 
o non ha merito alcuno. Il Diz. sicii. 
dice Cosa fatta per^ forza non vale 
una scorza senza citar fonte. 

Sanmarch per forza, y, Sanmàrch. 
Tegniss in forza. Tenersi nelle sue 
forze. 
Fòrza diciamo noi per Militare , Trup- 
pa, Guardie., 

Manda a toeù la forza. Mandare per 
le guardie, 
Forzellinàda. Forchettata{*&or,), Quanto 
si leva del piattello in una sola volta 
colla forchetta. 

Fonellinàda Colpo di forchetta. 

Forzellinètta. Dim, di Forzellinna. f^, 
Forzellinna. Forchetta, Forcina; e ant. 
Fascinola, Arnese notissimo. 

Pont. Rampini, Rebbj, Punte » Ma- 
negh. Codolo. 

Forzellinna a filetton. For-* 

chetta a manico cordonato o striato. 

Forzellinna a paletta For« 

chetta a manico piano. 

Sta Sii la ponta de la forzellinna. ilg. 
Slare a punta di forchetta, 
Forzellinna. T. de^Falegn. Forcella* Sorta 

di pialla col taglio simile a un C, 
Forzièri (A). Latinismo. Tanto pili, Fie 

maggiormente, F'ie pia, Fia più, 
Forzós. Ad, di Spés. K 
Fósch. s. m. Fosco, L"* ombra prodotta 

da foltezza d^ alberi , rami , ecc. 
Fósch. ad. v. dell'Alto Mil. Fosco, Bujo, 

Fosch foschisc. Bujo pesto, 
Foschisc. «f^. in Fósch. 

Fòsfur Vasetto da fosforo che 

4 Francesi dicono con poco bella tras- 
lazione Briquet phosphorique ( batti- 
fuoco fosforico). 
Fòss. Fosso, 

Avegh ona camisa adoss e Poltra 
al fos5. y> in Camisa. 

Chi lavora adrce ai foss o a netta i 
foss. Fossa jòlo, 

Foss mort Quel fosso in 

cui non isc^rre acqtift e che è seavate 



Digitized by 



Googk 



FOS 



(i68) 



FOT 



kolo per fejpiale divisorio « per riparo 
alalie bestie, o per difesa militare. 

Foss colador o scolador. Scolatòjo, 
Fossa fatta per lo scolo delle acque. 
VÉcheau de^Francesi, 

Morbo e Morbo de foss.Afor^. Detto 
di persona per ingiuria. Fi libererete 
da guasto morbo di questa vostra mo" 
g/ie(Ainbra Furto V, iS). F. in Mòrbo. 

Netta ì foss. incavare ì/ossì{LbsU 
Op. II. io). 

^ Re de foss e Re de fossin* K Re- 
defòss e Redefossin. 

Sta a cavali al foss. fig. Stare a 
canfollo al fosso — Tener il piede in 
due staffe. Attenersi a due ancore — 
Dare un colpo alla botte e uno al 
cerchio. Frasi affini ma non identiche, 
dinotanti però sempre lo stato di chi 
la destreggia, di chi non si dichiara 
aifatto , di chi si tiene pronto ad affer- 
rare fra due o più partiti quello che 
gli tornerà meglio. 
Fòss. Fosso diciamo talora anche noi 
per Navìli. P^, 

Adree al foss o Adree ai foss. . . .. 
Rasente il nostro così detto Naviglio. 

Andà al foss Andar a lavare 

checchessia ali^acque del Naviglio. 
Fòssa. Fossa. Noi usiamo questa voce 
soltanto nei nomi proprj di canali, 
come per es. la Fossa interna , o nel 
significato architettonico militare , nel 
quale però s^é quasi spenta la voce 
dopo la demolizione del nostro Ca- 
stello , e appena sentcsi dire per ac- 
cennare la Fossa interiore della Caser- 
ma Castello : in ogni altro caso di- 
ciamo Fòppa, 
Fòssa per Fòppa. r. 

Fossa dacquadora. Fossa acqua/a? 
La maggiore delle fosse fatte ad arte 
in un prato marcitojo per inacquarlo. 

Fossa de zecca. Cassa, Buca tonda 
fatta in terra argillosa sotto al forno 
di zecca, nella quale come in un cro- 
giuolo si fondono il rame e il biglione 
per le monete. , 

Fossa majestra Nome di 

ognuna di quelle fossette che in un 
prato marcitojo ricevono dalla fossa 
dacquadora le acque e le vengono 
uguagliatamente spargendo sulF intie- 
ra superficie delle ale del prato stesso^ 



in 



Fossàa (voce viva in Brianza). Possaici 
Fossatello. 

Manda a Tabaa Fossaa. F'.^in Abàa. 

Fossàa. Acqua jo. Solco acquajo. È qudla 
specie di fossatello artefatto che i con- 
tadini fanno ne' campi di terra forte 
e tenace per dare sfogo alle acque. 

Fossa jèll. I V. cont. briaaz. Fossatello, 

Fosseràl. i Chiassajuola, 

Fossètt. FossartUo. Fossatello. Diminu* 
tivo di Fosso. 

Fòssil (Carbòn) incominciano a direjra 
ftoi le persone colte ancorché non dotte 
per quello che il volgo dice Carbon 
de saas. K. 

Fossitt, iVtfPo/a/(Targ. Fiag. 1, Z6r). 
Qwe* fossatelli che hanno acqua solo 
quando ne viene loro dalle nuvole, 
cioè per le piogge. 

Caccia ai fossitt. r, in Càccia* 

Fott V. bassa. Fare, Cosare, Lo stesso 
che Bolgirà. F •— Cosse fottet? Oic 
fai? Che allappi? Che impiastricci? 

Fólta. Collera. Lo stesso che Bdlgira 
sig. 7** nel voL i .** pag. i a5 col. i 

Fa vegnì la fotta. Far montare 
collera, F.eome sopra in BóIgira sig. y* 
La fotta che gh^ hoo mi V è questi. 
Questo è il dente che maggiormente mi 
duole{Alìeg. pag. 8i). 

Vegnl la fotta. Fenire il cosso. An- 
dare in fisima, F. in Bòlgira coirne sopra. 

Fotta. Cacciare. Balzare. Ficcare. 

Te fotti in platea ve. Ti balta in 
platea sai! El fottaran in preson. Lo 
ficcheranno in domopetri, 

Fólter. V. bass. sust. Coso. Negozio. Fac- 
cenda. Che fotter Ve que$t-|:hì? Che 
arnese è questo? Che coso è questo? 
Dal francese Foutre; e dicesi di ogni 
cosa di cui non conosciamo il nome 
e che di primo aspetto ci sembri poco 
pregevole. 

On fotter d*on robb. Uno sconcio 
d^un coso. Un certo coso. 

Fottìggia. Chiarello. Cerboneca* Cerbo-^ 
nea. Fino delle centuna botti. Vino 
cattivissimo. 

Fottón. Bizza. Rabbiacda. Veleno. M'è 
vegnuu on fotton de no di» Montai 
in fisima daih^ero., Mi rodeva da ma^ 
ladetto senno. 

Fottùda. V. bassa. Zombamento. BivdUr^ 
no. V. Buraltóa fig« 



Digitized by VjOOQIC 



FRA ( 169 

Dà p DsHVÌa otta fotUuIa. Zombare. 
Dare un zombamento^ un riveìlino^ Dar 
delle busse, percuotere — Toeulla-sù. 
Toccare un %Qmhamenio ecc. Toccarne, 
Fotiùu. voce bassa e da «chivarsi. Jd^ 
di Btrbón, Mincióa» Pòrch e sìbiìIì 
voci d'ira o dì schérno. Brìccon col" 
Peffe. Minchione delia terza cotta, 

Vess ouDga foltuu de fa fé 9 o sìm, 
modo basso. • * . Non poter conse- 
guire che altri faceia o sim. 
Fràa. Fmte, Fra. 

Fraa Capuscin. Cappuccino, 
Fraa Gercolf. Mendicante. Ceìvante. 
Fraa Certosin. Certosino» 
Fraa de • . • • Benedettino. Monaco 
nero. (dense. 

Fraa de GiaravaJI. Monaco cister- 
Fraa de cor. Frate. Laico. Converso. 
Fratello. 

Fraa dei caviggioeu. Padre del notto^ 
imo(*fior.). Padredel cavic€lÙ0{^\vLcch.). 
11 fr. BecoUeU U BraocioliniC&A. dC" 
gli Dei) descrivendo Tabbì glia mento 
del Negromaale cui ricorre Venere 
per aver nuove d'Amore » dice della 
zimarra ch^^gli aveva indosso che 
SoppA il peuo r affibbia un aottoluM» 
Cha pasM foor per un occbiello rotto. 

Fraa del Carmen. Carmelitano, Re- 
noiosa del Monte Carmelo. 

f>*aa del corensgin del zcnturon. 
Coreggiante. 

Fraa del Giardin* Minor riformato. 

Fraa del sacch. Frale delle sacca 
(Firenz. Op. 1 , 38 ). 

Fraa de messa. Padre, 

Fraa de san Damian ai Monfort. 
Padre o Frate del riscatto. 2>initario. 

Fraa de san Fran^esch grand. Fran- 
cescano. Frate minore. Frate di san 
Fìaneesco^ 

Fraa de sant'Àgustin. agostiniano. 
Canonico regolare di aaut^ Agostino — 
Eremitano. 

Fraa de «ant'Aliasander o de san 
Barnaba. Barnabita, Ckerico regolare 
di san Paolo. 

Fraa de sant'ÀngioL Francescano. 

Fraa de sant'Antoni. Antoniano. Afo*- 
««co di sanC Antonio eremita. 

Fraa de santa Teresa. Teresiano. 

Fraa de san Vittor. (Hivetano. 

Fraa dì Crositt. Crociera. 

Voi. II. 



) JFRA 

Fraa di Graai. Domenicano, Frate 
predicatore. 

Fraa dì Frati. Padre di S, Già, di Dio. 

Fr9itk\'dich.Converso,Servigiidek Tor^ 
zone. Laico. Fratello, ' 

Fraa Paolott o de san Franzesch 
de Paola. Minimo. 

Fraa Somasch. Padre Somasco. 

Fraa Zoccorott. Zoccolante. 

Dal renumerazione qui fatta si rile- 
verà di per sé che noi solevamo desi- 
gnare i frati più presto col nome del 
maggior convento che possedevano in 
città che non con quello del loro ordine. 
"» Ciocchin o'Baciocchin de fraa. F. 
Baciocchin. \ 

£1 mestee de fraa fagott Tè de toeuss 
fastidi de nagott. Attaccare l pensieri 
alla campanella dell' uscio. Essere ser 
Agiato da Val di riposo. 

Fa el fraa. Far lo gnorri o l'indiano 
o il fagnone. 

Fa el*fraa. gergo. Fare vento a 
checchessia. Commettere un furto* 

Fa el fraa cerco! t. Fare il cercante 
(Magai. Op. ]56). Suol dirsi dì uno 
che sia solito ricercare altrui sfron- 
tatamente dì checchessia , che sia un 
lat. Petax ; e talora anche di uno cui 
piaccia molto il pigliare quello d'al- 
tri, ciò che in italiano direbbesi Es-' 
sere un piluccone. V. sòt(o Fraa ciappa. 

Fraa Brceuda o Fraa del conchin 
o Fraa Scopazzagatt o Fraa Gianda. 
Sacciator di broda {^ìm, d^unpoet. 
pis.y. Bro^dn>(idem). Brodajo, Broda- 
iuolo, Torzone, Servigialc. Torzoncello, 
Frate brodajo o brodajuolo. 

Fraa Ciappa. Unguento da cancheri. 
Arrotino. Piluccone. Scroccone. Tale 
che piglierebbe per san Giovanni. Uno 
die fa come il ramarro, f^enalissimo» 

Fraa Ciappa el sta in convenl, Fraa 
Dà Tè foeura de cà. Al pigliar si va 
a nozze , al pagar si va al mortorio. 

Fraa Mbdest no deventé mai prior. 
// mondo è di chi se lo piglia. Del 
mondo piti n* ha chi più ne pigHa 
(Mach. Conied. in versi li, 3). // mando 
ò tutto de' parassiti e dei presontuosi 
{Cccchi Servig. IV, S). Gli sfacciati 
anche immeritevoli olteng)[^no ciò che 
non è dato ai modesti meritevoli^ gli 
arditi ottengono ciò che vogliono. 

22 



Digitized by 



Google 



FRA ( 

Ghs n*è anch per i-frat de san 
Rocch. dett. br. Eocene a cafisso^ in 
copia '^ eoe. V. in Cavali. 

I l)all de fraa Giuli. Le zucche ma- 
rine! Baje! FroUole! Celici Ragioni 
insulse » scipite , ecc. 

Insalatta de fraa » bombon de mo- 
negh fan seroper dori d stomegh. In- 
salata di monache eh ! E' si spende 
più a mangiarne a capo d' anno che 
non si farebbe a mangiare stame e 
yàgiani(Gelli Sporta III » 4 )• 

Lavora per i fraa. F, Lavora per 
santa Coronna in Gorònna. 

Hatt per i fraa. Fratajo. 

Mort on fraa roti on boccaa. . . . 
La morte d^un frate non mette in 
guajo nessun convento ^ d^ frali non 
appena uno è morto che se n^ hanno 
due à tenerne luogo. 

Pazieuziatt el diseva fraa Gandiott 
quand^el perdeva i dance de la messa. 
Sia con Dio. Modo d'in^care pitsna 
rassegnazione in qualunque evento. 

Per on fraa ha minga de pati el 
convént. Per m frate non deve star 
moie il conventoijMsX. Op, III , 5^8 ). 
Per un malvagio non deve andar a 
male una società od una famiglia. 

Pules de fraa dicono alcuni Lariensi 
per Lughér. Faville, Scintille^ 

Respond.i fraa come ha intonaa 
Tabaa, In parlamento quello che po^ 
chi intuonano gli altri canlano{Tac* 
Dav. Jnn, II» 5). La gamba fa quel 
che vuole il ginocchio{M.Qaos. p, a45). 

Segnass come i fraa del caviggioeu. 
Segnarsi a questo modo : sen%a pen-* 
sieri » senza amori^ senza liti^ e senza 
affanni{?9in, Poet. II, p. 355 nota a.*). 

Segond el fraa se glie fa la cap« 
pa. A tal labbra tal lattuga. A tal santo 
tale offerta. Qual guaina tal coltello. 
Qaal gamba tal calza, Qual piede tale 
scarpa. Qual cervello tal cappello. Qual 
buco tal cavicchio 9 e in modo basso 
Tal culo tal brache{Mon. 5o6) — Talora 
anche Si fa la veste secondo il panno ? 

Seren d^in verna» ni voi d^estaa» amor 
de donna, de pi et e de fraa, guaja. 
Seren di verno e nugolo di state e vec" 
chia proiperitate durano poco. 

Son minga où fraa <^.Son minga 
fi«u d^on fraa, JYoi non siam di mag- 



lio) FRA 

pò. Suol dirsi quando noi) si vuol 
ridire più Toke ima medesima cosa. 
Vess come a cercagh i pistoll ai 
fraa. Essere come leccar marmo. Esser 
come cercar di funghi in Amof^sa 
^elos. y, 7). Essere un cercare deìk 
discrezionefra ledomte{¥ir.Luc.\]^\). 
Usi) in man de ficeu, dona iu man 
de-soldaa,'e cavaj in man de fraa, 

guaja Si dice per indicare 

quale sciupio soglian /are di questi 
oggetti cosiffatte «dassi di persone. 

Fràa o Gnòcch o Gnocchltt. Grumi. Di- 
cesi di que"* grumoletti che talvolta si 
veggono nella vivanda fra noi cono- 
sciuta sotto il nome di polenta. Uo 
poeta pisano le chiamò Zolle Jarùuh 
se. Mi viene asseverato che i Luc- 
chesi li chiamino volgarmente Biòc- 
coli e per celia Pulcinelloni ; una loro 
Farinata col pidcindloni equivarrebbe 
a una nostra Pólt tutta pienna de fraa, 
I Parmigiani li dicono Farinelli. 

Fràa. Monaco ? Cosi dicono alcuoi mi- 
natori quel pezzo d'esca accartocciata 
che pongono a coprire Tinnescalura 
della mina per aver tempo di allon- 
tanarsi accesa che T abbiano. 

Fràa che altri dicono Sahafma o Banna 

di praa Sp. di rana cosi deUa dai 

colore monachino onde ha ricoperto 
il dorso, la quale spreca graa salii» 
ed è la Bana temporariah. 

Fràa. T. di Stamp. Frate. Parte di stam- 
pato pei* inavvertenza del torcoliere 
rimasta in bianco o cosi male ini- 
pressa che non si può leggere e jpar 
quasi bianca. 

Falbalà (c^ oggigiorno dicono Volani). 
Falbalà. Falpalà. Balza. Guarnizione 

' o sia ornamento incresf>ato intorno al 
mezzo o da pie delle gonnelle don- 
nesche come un fregio o balzana i 
fatto per lo più della stessa roba della 
gonnella medesima. Il /hi^/à oggidì 
semiantico mi pare che simigli molto 
air antico Gnciglione. 

Frabolàn che altri dicono Farabolàn. f^^ 
vielà vieloro. 

Frabolàima o Farabolànna. Botacchiuola 
(Nelli Serv. padr. 1 , 9). Una baggea 
. la quale per dabbenaggine fa o dice 
di quei che noki dovrebbe. 

Fracà, v. a. del rar. iìompere. Speizart- 



Digitized by 



Googk 



FRA C I 

Fraccà per Friccà^ F. 

Fràcch Specie di pastrano cosi 

detto d»U' iog. Frack. 
Fraccb si usa anche Jig^ in ' 

Dà oa fraccb de legaad o ona frega 
o on fr.egolt.de legnad. Far passare 
sotto tin ponte di /egBo(Fag. Un vero 
untore ecc. in vem IH , 4 )• Fare un 
fodero di baslQnate{ìiooi03. pag. 71). 
Dare ma rovescio o.un carico di le- 
gnaie o di òasion^te^ Dare un carpic- 
elo o un buonxcarpiccioo un rifrusto 
o un rivellino di mazzate. Dare una, 
bas0aatura dilania ragione. Scuoter 
la polvere, ad uno» 
Fradèll. Fratello. 

Amor de fradcll amor de coriell. 
Tre/raidli tre castelli? {^BU^nii PoeU J, 
XIII j 8). Prov. che suol dirsi per de- 
notare quanto siano rari quei fratelli 
che si amino -di cuore. I diz. italiani 
hanno soltanto Corruccio di fratelli fa 
più .che due flagelli per esprimere 
che rodio fra parenti stretti è più 
fiero d^ogni altro. 

Fradell bastard. Fratello naturale. 
Fradell de latt. Collattaneo, 
Fradell dri zz o gì ust., Fratel germano. 
Fratello carnale. Nato da ambi i me^ 
desimi genitori. 

yess come duu iradij. . E^ser fra- 
telli giurati. 
Fradèll. Fratello, Confratello. Della me- 
desima confralernila. 
Fradellàss. Affratellarsi. 
Fradellàster. Fratello uterino. Fratello 
di madre. — Fratello di padre e non 
di madre, ed anche Fratello assoluta- 
mente — • Opportuna è la distinzione 
italiana tra le due specie di fradella* 
ster; ma è difetto della lingua il non 
avere come noi un nome generico il 
quale abbracciando queste due specie^ 
dia tosto idea(ch<^ tale non la dà Tas- 
aoluto Fratello) di questa sorta di pa-» 
rentela* Non farebbe però gran pec- 
calo 9 credalo, chi usasse Fratellastro 9 
Sorellastra 9 giacché arricchirebbe la 
lingua di due voci, sto per dir neces- 
. sarie 9 e coniate perfettamente sul ^usto 
delle loro germane Figliastro e Figlia- 
stra, e colle quali si verrebbe anzi 
ad avere Topposto del Germano stesso. 
Fradeliin. Fratellino. Fratelluccia, 



71 ) ERA 

Fragànza. Fragranza* Fra^ràhaia. O^etiO* 
Fràgùi. ..... Scaglia nel ferro; 

Fràgil. Fragile. Frate* 
Fragili làa. Fragilità* Fraleztd, 
Fragioiètt o.Flagiolè. Zufolo. Zufolino* 

Zampogna. Dal frane. Flageolet 
Fràgol. V. coni. Fràgile. 
FrÀiter, voce tedesca equivalente a Sot^ 
. iocaporale 9 grado ignoto negli eser- 
citi del cessato Regno d"* Italia 9 ma 
noto in alcuni Istituti civiK italiani 5 
come per es. nello Spedale di- Santa 
Maria Nova a Firenze (/>^. Targ* Jt* 
Ac. dm. Ili 9 58 1). 
Frà^a(c/i« alcuni dicono ancìie Fo^man-* 
ton negher o F-ormenlin )* Erba ìe^ 
prina{T!tTg. Rag* Agric. to^ci p» i5)* 
Grano di Tartaria, Grano saraceno, o 
saracenico ; e dottvin. Fagopiro. . Il 
Zanob. nel suo Diz. chiama apche 
Frajna questa pianta cereale .aolitar 
coltivarsi nei luoghi montani e detta 
dai bot. Poljrgonum fagopiìHun* . i 
Fràjna ha il f^ar. mil. per Célia. J^ur- 
.la — Dà la frajna. Dar la berta* 
Frajnùsc dicono verso il Comasco lo Ste- 
lo del fagopiro(/a paja de la fràjnà), 
'FrsimdMÓn.FranmassoneJLibero miuratore. 
Framassonaria. ... La setta dei franmasr- 

Franca, avv. V. Frànch. ( soni.- 

Franca. Assicurare.Franclieggiare.Ajffran" 
care. Fermare. Assodare, 

Francà-dent Assodar enti*a 

checchessia, fermare in checchessia. 
Francà-giò...Ferraare in checchessia. 
Franca • Iettar. Francar le lettere. 
' Franca on livelU Affrancare un li- 
vello o un cànone. Forse dal lat. bar- 
baro Afranchire del Ducange* 
Francadùra. T. postale. Francatura, 
Francamént. Francamente. Con fran^ 

chezza, 
Francàss in la lezion o sim. Imparare 

a fondo la lezione o sim. 
Franceschìnna o Franzeschinna. Linguet' 
ta? Fischio daPulcinella(b2xe\\x Frusta). 
Sp. di iischio, formalo per Ìo più di 
due pezzettini di latta uniti insieme 
con un po' di nastra avvoltovi sopra^ 
del quale si servono i buraltinaj per 
alterar la voce secondo gli attori che 
fanno parlare nelle loro commedie. 
Frànch. s. m. Franca. Sp. di moneta 
d'identico valore eolia Lira italianna.^* 



Digitized by 



Gòogk 



FRA ( I 

Fràiìcli» add. Franco, Fermo, 

Del frftocb. Per certo. Del iicuro» 
Fass francli. ImpraUchirsim 
Franch come ooa tòrr. K in Tórr. 
■ Sta franch del dent. T. in Déot. 

Fràhcb. Franco per esente usiamo noi 
nelle frasi 

Franch de bocca Esente da 

spese di cibaria; cibato all^altnii speée. 
Franch de cuu Frase pro- 
pria dc^ corrieri ^ viaggiatori , ecc. ; 
e vale Esente da spese di vettura o 
cavalcatura per la propria persona. 

Franch per Francón« K. 

Franch e Franca, aw. Per certo. Di cer- 
io* Certo* Certamente» J certo. M cer- 
to. Per h eérto* Chiaramente, Di dùa-- 
ro» Certortamente. Di cenano. 

Franchézza* Franchetta, Seeurià. 

Francfaèvka. Sfrontatezza, Sfacciataggtne. 

F^àMiàda verso il Comasco per Mastgòtt 
'{macco), r. 

Franciàmm. t. cont. hrianz. FUmtumi. 

Frànciérai v. cont. . . . . Grossa pie- 
tra , con due manichi o anche senza, 
che s* adopei^ - o soppestare le fave e 
i fagiuoli da farne favata o macco 
(masigott)^ o le stiacciate (;Mime(/) da 
apprestarsi in cibo alle bestie. 

Fk*anclìn. Camminetto aUaJranklin[*^OT.), 
'Sp. di camminetto di moderna fattura, 
cosi detto dal nome deir inventore. 

Francolin. Francolino di monte. Uccello 
che é il Tetrao bonitsinL. - Altri inten- 
dono sotto questo nome il Francolino^ 
cioè il Tétrao Jrancolinus di Gmelin 
o la Perdix jrrancoUnus di Latham. 

Franca e 'Franch. Fì*aneone(JSe\\ì F'eecìd 
rivali HI, i5). Frontoso, Audace. Ar- 
dito. Sfrontato. Sfacciato. Frontiero. 
Temerario, 

Francònna. Ardita. Froniosa, 

Frang. v. brianz. Frangere. Fragnere. 
Infrangere, fìifragnere, Frang la saa. 
Soppestare il sale, y, Franciùra. 

Fraugént. Frangente, 

Fràngia(cA6 anche dicesi Màsna o Moeóla). 
Jnfrantojo, Fattojo. Frantojo, Quella 
macchina in un fattojo (tòrc d'oli), che 
serve per la macinatura dei semi olei- 
f(^rì. È quella che ì Francesi dicono 
Moulin à huile. Le sue parti sono : 

Moeula ó Molazza. Macina verticale » 
Fond o Fondell. Pondo ? » Àrborin 



7a ) FRA 

o f\\ìQtia o Fus(coji polez e piletta 
€ busserà). Albero. Fuso, Fusaio a 
Stanga e Brasò. ;,.•.■» Pai e Pab'n 
de ferr. Braccio ^Menaat e Servitor 
o Menant e Regola. ....«■ Vas o 
Pila Mortee o Pilon. Pila» 

I Francesi osano anche infragaere 
le ulive con una traretta scanalata per 
di sotto che chiamano DétriUrir allor- 
ché vogliono spogliarle della pc^pa 
senza romperne il nocciolo. 

Fratfgiùda. Jnfrantojata^Tsirg, Viag.), 

Franguéll. Fringuello. Pmeione. Al feni. 
Fringuella{Assetta 1. 7). £ la FHngilla 
coflebsL*9 uccello notissimo il cui verso 
dicesi Sfringuellare — Spincione è il 
fringuello non cieco e richiamo di pa- 
retajo*- Ftr ctociblo.i^iiiciofurre il verso 
che £i(Cecchi Prov* p« io5). 

Franguéll montan. f^ Montàa. 

Frantó)a{c/«e anche dicono Francidra e 
Sfrantója). Maciulla. F. Sfraniòja. 

Franto] à. Machulìare. 

Franto] àda Colpo ^ maciulla. 

Frànza(coD z dolce). Frangia. Bigftere? 
Fa franza. Lavorar di frange — 
Sfrangiare. Sfrangiato. Sfrangiatura. 
Guarnì de franza o Melt la frauza. 
Frangiare. Contornare con frangia. 

Taccagh o Mettegh la franza o Fa 
la franza. fig. Fare le frange. Metter di 
^ hocca. Fare il comento o V appendice. 
Farvi la giuntarella, come da quei 
prov. volg. toscano La novella non è 
bella se non v*è la giuntarella. 

Franza (con z dolce). Penerata. Cerro 
della tela. F. anche in Sibbi. 

Fa la franza ai roantin.i^ccerrnre i io- 
vagtiolini(^ng. Sordo fot. sentir ec. 1, i). 

Franza (con * dolce). T. de'Tessit. In- 
corsatura, I fili cui si raccomanda 
Tordito da avviar la tela. 

Franza (con z dura). Francia. Gai/ia. 
Fa pussee che Cari' inFranza. f^Càrlo. 

Fi-auzée. Bigherajo ? Lavorator di frange. 

Franzéra. .... Lavoratrice di frange. 

Franzcs. Francese. 

Andà via a la franzesa. Partirsi in- 
salutato ospite{AmeT. Fiag. 47)- An- 
darsene senza dire a Dio né al dìa- 
volo{Bocc. Decam. giurn. Vili, nov. 7). 
Patiirsi senza dire addio. Partirsi senza 
addio[X\hg. p. a55). — Dare un canto 
in pagamento. 



Digitized by 



Googk 



FRA { 1 

Franzes de Biella Turco da- 

Perefo/a(^k»i<g. jÉm. e The. Illy-S no* 
le). Dicesi per ìseherzo a colui che 
franzeseggia sema pratica della Hogaa. 
Furia franzesa. f^. in Fùria. 
Frames. Fante* Pellegrino, Vod di gergo 
per Pidocchio. I deboli soverchiati 
badano poco al vero nel loro epite- 
tare; si perdoni quindi la vooc al 
nostro dialetto, y, Pioràgg. 
Franzèsch. Francesco, 

Andà sul cavali de san Fransesdi.- 

Andare sai confai iW cappttccini{pdin, 

PoeU I9 xxxv, 18). K anche in Cavali. 

Franzesin. Ad. di Ciòd. /". 

Frau£ètta. . . . Breve frangia. Francett 

di tend , ditova}, dì fass e sim. Pèneri. 

Franzettlnna Brevissima frangia. 

Franz<Sn e Franzònna Gran frangia* 

Fràola, Fraólinna e Fraolòtta Mo- 
glie o figlia di soldato. Dai tedesco 
Frau^ Frauiein* 
Fras. Frase. Locuzione, 
Fràs a un* di presso per quel medesimo 

che Partii /g. r. 
Frasàri, s. ra. Frasario, 
Fi*àsca. Frasca, 

A la crodada di iìrasch o di fata']. 
Al cader delle foghe. Allo sfrondarsi 
degli aiheri. Anche i Francesi dicono 
// s^en ira oi^c lesjeuilles pronosti- 
cando il mancar di qualche infermo 
col cadere delF autunno. 

Frasca de vid. Pampino. Pampa- 
no, Pampana. 

Frasca e palpee hin Tajutt del cer- 
velee. V, in Cervelée. 

O suppa o pan monj » se no hin 
frasch, hin foeuj. V» in Foeilkja. 
Quell di frasch. y. in Quèll. 

Frasca Nome di que* cosetti di 

latta o dì carta pesta fatti come una 
corona di frasche le quali si mettono 
in luogo di padeilino(/o/m) sui can- 
dellieri da tavolino perchè vi si rac- 
colgano le gocciolature delle candele. 
Frasca. / cont, brianz. intendono con 
questo nome il ramoscello , la vera 
Frasca italiana. 
Frascàdo. Frasca, Insegna da taverna 
vilieresca — Chi non vuol l* osteria 
levi la frasca, 
Frascàda. Frascato, Tetto o pergola di 
frasche per lo più innanzi alle osterie 



3 ) FRA 

di campagna, fatta per comodità drchi 
vuole star a bere e a mangiare alParia. 

Frascaroeù Nome di que^ fasci- 

nuuli di fronde che i contadini usano 
in traporre fra suolo e suolo di certe 
frutte, e talora anche sovrapporre 
à"* tralci carichi d** uva credendosi cosi 
salvarli dalla grandine; usanza son 
per dire sciocca, che se grandina 
il frascarotu è un paragrandine da 
nulla, e se non grandina è un vero 
paramalùranza. 

Fr«ischéra. Cernito) o. V. Crosìn sxg, S.* 

Fraschétta. Fraschetta, — Fuscèllo* 

Fraschétta. Frasconcino, 

Fraschétta. Fraschettuola, fig. Planerella, 

Fraschétta. Fischierella? {Oììud). Specie 
di fischio da uccbllatovi. 

Fraschétta Ognuno di que"* ra- 
moscelli secchi i quali interpongonsi 
alle piante leguminose o solanifere, o 
aggiungosi ai pali da vite per dar 
campo alle messe di avvìticchiarvisi 
e cosi maritate venire in bella cre- 
scenza. Noi dividiamo la famiglia delle 
Fraschett in Frasehètt e Fraschettón; 
i Toscani in Frasche o Frasconi f Fra- 
scatelli 9 e Frascati, 

Fraschétta. T. di Stamp. Fraschetta, Tela- 
retto di ferro su cui è appastata una 
carta con adattati sparti menti la qnale 
va a dare di riscontro sulla furma 
inchiostrata da stamparsi, acciocché 
ciò che nella stampa ha da rimaner 
bianco non venga macchiato. 

Lenguetfa. Manopola » Pont. Regi- 
stri, 

Mett a la via la fraschetta. Montare 
la fraschetta? Incollai-%'i la carta che 
infinestrata deve lasciar slampare le 
sole pagine in sui fogli, e unirla al 
timpano. Il fr. Monter la frisf/uette. 

Fraschetta, in genere. Ipfrascare{GìoT, 
Georg. VII, if 9 giacché usa Infrasca- 
tura in questo senso). 

Fraschetta i vit. Porre frasconi alle vigne. 
Porre i cornetti o 1 comicelU Aggiu- 
gnere per da capo ai pali sostenitori 
delle viti un bronconcello non rimon- 
do affinché i tralci possano salir in alto 
sui rametti di esso e avvìticchiarvisi. 

Fraschettin. Frasca. V, in Fraschétta. 

traschettóu. Frascato. Ramo più robusto 
del frascone che si adopera a uu egual 



Digitized by 



Googk 



FRA. ( I 

tiopo. La vite s^MoontenU 41 qveftlo 
solo appoggio finché non sì pala o si 
marita' ooll'^olmo. K. ancke in Fraschét- 
ta. Una sptcie di FnuchcUon è anche 
il Comioello che la mia Cr. anon. de- 
finisce cosi: L^no lungo circa un brac- 
cio che si ficca nella parte superiore 

' della colonna o del broncone par reg- 
gere i tralci della vite. 

Frascón. ùg, Fraschiere, Gèròola» Frasca. 

Frascón o Frascàu. j4tL di Pònun« K 

Frèsia. . . . Specie d** ulivo. F* in Oliva. 

Fràssen. r. JSiós matta. 

Fràta. Piuòcchéra. Pinzòcchera, — Le 
montanare abitanti in Fai Marobia so- 
pra Dongo e presso Gravedona sul 
Lago di. Como ai chiamano Frate da 
quella specie di abito pinaocchereaco 
eh** elle jusano per voto fatto dai loro 
antenati; abito in cui la donvcsca gen- 
tilesta sa però annestare merletti ed 
«ri se ha i meati da ciò. In gran parte 
. es^t ^ s^simigliano alle Pinaocchcre 
palermitane di vote di santa Rosalia. 

Fratada. FraUiia, azione da frale. 

Fratarìa. iF>i(i/ìeWa(Magltab. in *Pr.J%or, 
IV9 |, 106). Complesso di frati. 

Fratàsc. Fraiaccio ; e talora anche Fm- 

• iaechione. 

Fratàza e FratazK longh. T. dei Hnr^ppia- 
nalo/a ?(Leon Ballista Alberti jércJUt. 

. p. ao4). Sp. di strnmento quadrilungo 
e di legno con cui si agguaglia ed ap- 
piana la calce gettata sul muro. Farmi 
il lai. lÀaculum ed il piemont. Talòcia. 

Fratazzà. T. de** Mur. i^iAmire(Canti car- 
nasc. I, 186). Pialletiare(RìCci toscano 
Agg. air Opera di G. Pozzi Del Vino^ 
delle sue malattie^ ecc. Firenze, Piat- 
ti 1816» pag. 4^). Appianare coIPap- 
pianatola la calce gettala sul muro. 

Fratazzin. T. de' Mur. PialleUo(Leon Bat- 
tista Alberti Jrchit — *tosc.)« iVc/te- 
to/a. Rettangolo di legno con manico 
orizzontale da tener in mano, e serve 
come lo sparviero a temervi la calcina 
più fina da rintonacare, e particolar- 
mente per ispianarla sul muro» 

FrtLÌèrnBJìammanzinaJ*redica.Bimbrotto, 

Fraternizà. PànfratéllarsL La nostra é 
voce che fu di gran moda nel trien- 
nio repubblicano che chiuse fra noi il 
secolo decimottayo, ma fa tosto spenta 

• con quello. 



74 ) PRE 

FrAti (I). Padri di stm Gioran di Dia. 
-^ Le Fatel^tfesarelk ' $OOQ una spe- 
cie di religiose dette io Francia So- 
. relle btge o Figlie deUa Cariti o Serre 
dei poveri infermi, le quali danno il 
nome allo Spedale .che la veraroenle 
. illustre contessa. Laura Visconti di Mo- 
- drone vedova Visconti Ciceri con 

. munificenza più che privata ha tkìio 
sorgere anche fra noi* 

Fratln. Fratino. Fraticello, Fraticino. 

FiSalÌB« che alami dicono anche Gianin a 

. Gianna o Zanin. Gorgoglione. Tonchio. 
Pinzacchio» Specie di baco o insetto 
che infesta i legumi e il grano e li 
Imca , ed é il Curcalio granariusL. — 
ìnionchiare dicesi dei grani o legumi 
che si guastano a motivo di tali insetti» 

Fratin chiamano in alcune parli del con- 
Èodo l' uccello detto Kiottin. f^. 

Fratinna.... Sp. di bicchierino da sorbetti. 

Fratìnna per Boarìnna. F. 

Fratinna (che anche dicesi Moneghìnna). 
Cincia bigia- lì Parus paluitrish, 

Fratinna. Ad. di Scàia. F. 

Fratòcc e Fratòccio. FraioUo. Fraioccio. 

Fralòcol. Monacello. 

Fratdn. Fratone. Gran frate. 

Frati. V. ant. Ottimo. Squisito. Eccellente. 

Frazidn. T. aritm* Frazione. Botto, Fn- 
zion ordinaria, decimai, propria, 
impropria , apparenta , mista. Frazion 
volgare 9 decimale ^ genuina ^ spuria ^ 
apparente s mista. 

Frazionàri Di frazione. 

Frasionétta. . . Picciola frazione che ha 
numeratore e denominator semplice. 

Frecàss. Fracasso. Bomore. Strepita. 

Fa frecass.F<ar/rKtciii5o(Zanob.i>à.). 

Dicesi di cose o persone che levino 

gran romore di sé. (Tréala. 

Fa on frecass dei trenta pari. F. in 

Vess minga sto frecass. £r. cont 

bri ani. Non essersfcne fracasso ^ cioè 

non esservene quantità grande. 

Vun Tè ni3sun, duu Té on spass, 
e trìi Té on frecass. F. in Vùn. 

Frecasséri. Fracassio. 

Frècc. F. Frégg. 

Fréga<Ves8 in). Essere o Andare injrn^ 
o in fregola del pesce. 

Fréga de legnad ecc. F. in Fràcch. 

Frega. Fregare. Sfregare. Strofinare. Stn^ 
picciarC' 



Digitized by 



Googk 



PUB ( I 

E frega ebe te frega. Stropiccia rìitro^ 
|^cia(Magal. Ldt seient I, 3a4). 

Frega adasi o a praa. Soffregare. 
Sfrtgacciolare. Fregaceioiare, 

Frega con la sabbia, jémenare. 

FregJHgiò. . . . Fregare a di lungo. 
• Fregà-via. . . . Aipulire fregando. 

Frega insemraa. Confricare. 

Frega ì pee. Scalpicciare, Scalpitar 
TV. Lo stropiccio de* piedi. 

Frega la coldera. T. di Tintori. Lc" 
nare, Accetu:iare. 

Frega la eoa al diayol. Lisciar la 
coda aldia^folo. Gettar la fatica con uno. 

Fregass adree a vun. Sofflregarsi ad 
damo o intomo a uno. Fare delle 
fregagioni ad uno. Fregarsi attorno 
ad alcuno. 

Fregass come fa i a$eii tra de lor. 

^^ Lodarsi a vicenda ; lodare 

per esser lodato. 

Fregnsa i man. F'. in Man. 

Fregass i oeucc del sogn. Stropio^ 
darsi gli ocelli. 

Fregass i ceucc cont i scigoll 

Piagnere artatamente. (ciare. 

Torna a frega. Bifregare. Bistropic- 
Fregàa. Fregato. 

Fregàda. Fregagione. Fregamento. Fregar 

tura " Fregata ne^diz. ilal. è voce mar. 

Fregadinna. Fregagioncella, Fregadna. 

Dirti, di Fregagione. 
Fieganèsch. 0^oce usata, nel dettato 

Manda a Freganesch. Mandare a 
Legnaja o a Sasseto. Bastonare. 
Fregaoeùcc. F'. in Did. (dura. 

Frègg o Frècc. s. m. Il freddo, tafred- 

Anda-via el nas del fregg,' Gela via 
i did 'di pee del fregg^ o simili. Mo- 
rirsi di freddo. Avere gran freddo al 
naso, appiedi e simili. 

A sanl'Andreja monta el fregg in 
cardcga^ o vero come dicono i Brianr 
iuoli A sant^Àndreja el fregg te nega. 

Prov. assai comune fra noi , 

denotante che alPentrar del dicembre 
il freddo incomincia a far le sue prove. 

Cascià-vià el ^reg%.Scacciar il freddo, 

El fregg e el cold le mangia minga 
el lótf. Nò caldo né gielo non rimase 
"w* in cielo{Mon. 1 7 1 ). K anche in Lóff. 

Fa fregg. Affreddare. Far freddo. 

Impresari del fregg. Freddoloso, V. 
Sgènée. 



75 ) PRE 

\ prlmm fregg" o I fregg fbnra ds 
temp.- 1 freddi primaftcd(Gelli Errore 
III, 3). 

L* è poBÙ minga nanmò sto fregg. 
Non sono ancora gli stridori. E? non 
si fasciano ancora i melaranci. 

Mclt fregg. Far rabbrividire. 

Mola el fregg. Addolcire. Addolcare. 
Partirsi o Dileguarsi il freddo. 

No fa né fregg né eold.' .... Es- 
sere un tempo dolce. 

No fa ne fregg né cold. fig, Non intr 
" portare. Non calere. l\ Petrarca disse 
in questo sen^o Nò dentro sento né 
di fuor gran caldo. , 

On poo fregg. Freddiccio, 

Be del fregg. Cosi chiamano alcuni 
' queir uccellino che comunemente dicia- 
mo Riottin. y. 
Frègg o Frècc. add. Freddo. 

Ave o No ave fregg i pee. F. in Pè. 

Dalla freggia Mostrare indiffe* 

rema. V. in Dà. Il Satire froid de'Fr. 

Fa fregg on capon , on polin , on 
piatt. Far repulisti* Mangiarsi tutto 
un cappone o un tacchino 9 divorarsi 
tutta una pietanza. 

Fa fregg vun. Freddare uno. Man^ 
dar uno in pellicceria o al rezzo o n 
patrasso. Porre o Posare uno sulle la'- 
stre. Ammazzarlo. 

Fa ona robba freggia freggia. Far 
checchessia o Riuscire checchessia col- 
V acqua fredda., cioè di poco valore 
(Guicciard. nelle Opere del Machia- 
velli IX, *68). 

Fa vegnl fregg o Mett fregg. Far 
fremere chi vedei^^g. Rime III» 119). 
Far ribrezzo. 

Fregg come on biss. Gelato da quanto 
un marmo. Freddissimo. Freddo come 
ghiaccio. — Froìd comme giace dicono 
anche i Francesi. 

Fregg freggisc. Voce superlat. cont. 
Freddissimo. 

Lassa minga vegni fregg. Non la- 
sciar freddare una cosa. Farla subito, 
farla in sui primi calori. 

Liló Illa rha fregg i pee. f^. in Pè. 
. Bicev vun fregg fregg. Fa^^ utCao^ 
coglienza diacciata{Fsig. Marito alla 
moda U 9 6 ). 

Sentias a vegni fregg. Rabbrividart. ^ 
Rabbrividire* • 



Digitized by 



Googk 



FR? (ì 

Todtilla fileggia. ÌV|Anaive/tf(MoQÌg. 
Toc, ed am, I» ai). Pigliarsela conso- 
lata, (megfa. 
yess fregg de stomegb. r, in Stò- 
Vess on^ anima Treggia. PafVìv il 
Jreddo e la malinconia del mondo 
(Vas. pag. 806). 

Umor fregg. f . m Umor. 

Treg^ée. Freddoloso, Freddoso,rSgenée, 

Freggce dicono i Brianx. per Frìgée. V» 

Freggiumént. Freddamente, 

FreggiÒQ o Fregg de cao. Gelone. Freddo 
die pela» Freddo strinato o aspro o 
pungente. Stridori di Jreddo. 

Fregglsc. K. in Frègg. 

Freggiùr. .... Indozze ^ reumatismi , 
flussioni per cui intristisce tutta la 
persona. Diconsi anche Gaiton^ e sono 
lo stesso che Umór-fregg. y. 

Freggiùra. Freddo, Freddura, 

San Lorenz la gran caldura , san 
Vincenz la gran freggiùra ; vunna e 
r oltra pocch la dura, y, in Vincénz. 

Freggiùra. Freddura» Caricatura. 

Frègh. s. f. pi. Fregagioni. Freghe, Quella 
fregatura o confricazione che si fa sul 
corpo ad alcuno 'per guarirlo di rcu^ 
mi, dolori, e simili. 

Freghètta. Fregagioncella, Una piacevole 
fregagione, 

Freghirueù. Ad. di Pèss. V. 

ÌPrégio or intagliatori in legno 

chiamano così queirornato d** intaglio 
che intendono allogare nel vero fregio 
architrarele 9 per opposizione agli or- 
nati da porsi in altre parti di lavoro 
che chiamano Guamiùón. V» 

Fregòi dicono sui monti di Nof^a per 
Fregùj (miccino). 

Flregón. Canaif accio. Pezzo di panno 
grossetto col quale si asciugano le 
roani, si spolvera, ecc. 

Fregón. T. de' Mattonai. Orso. Arnese 

■ oon cui si ripuliscono i pavimenti 
sudici, e si lisciano i marmali (x pasfi- 
meni a scafcBula). 

Fregòtt. Subisso. DUtwio^ Nugolo. Mer- 
cato. Gran quantità. 

Fregòtt per Fràcch. F', 

Freguént. j Frequente. - Frequenta. Da 

Freguénza. ) noi queste voci si usano 
soltanto nel sig. medico relativo ai polsi. 

Fregùir-s. m. Un poco, Alquanto, Miccino. 
Un miccino. Alcun poca, Alctoìa cosa. 



76) JRE 

Ogni fregnj. 0^ momenie. Ogni 

istanle. Ad Ogni tratto. BoUó botto. 

' Lolò. ^^ssissimo, 

Freguisi,BriCiola.Brìcia, Minùzzolo. Micco. 

Andà tutt a freguj. Andare in mi- 

. wszzoli. Sminuzzolarsi. 

Pass a freguj per f^ servizj jyr 
TUO. Mettersi per -sedile di botte per 
• ifn0(NeUi p^ecch. Biv. Il, 1 4 )• Spoglimi 
injarsetio per far servigio. Spanni 
per alcuno^ 

Fioeu e puj tceujenrsù tult i fre^'. 
F. in Pùj. 
Mantegni a freguj de hescottio. Og. 
. . Tenere in ^rasso^ Dar latte di gallina. 
Tenere in panciolle* Nudrir lautamente. 
Sbatt-giò i freguj de la tovaja. iSco- 
tere in terra i minuzzoli avanzati so- 
pra la tovagliodV. fior. IV, in, 71). 
Sentiss a. andà ci coeur a freguj. 
F. in Coeùr. 
Fregiija. Jìosume, JRosura. 
Freguin. Miccino» Poclùno, 

Aveghen nanch on freguin. Non 
averjilo ojiore di checchessia. 
Freguinin. Tantinelto (Guadag. Pots. I, 

103). Micolino* Pqcolino. 
Freguinna. Briciolina. Dim, di Briciola. 
Frésca. Ad. di Pò&ia(di cacio). F. 
Frésca. Ad. di Vacca. F. 
Frèscb. s. m. Fresco. 

Ave in frcsch quejcossa Aver 

checchessia pronto a suo desio. El 
gh' ha in fresch la sposa. Ha di già 
la fidanzata» 

Ciappà el fresch. Prendere il frcs'.9. 

Melt in fresch Mettere ia 

acqua Adesca il vino, le dfecozioni» ecc. 
Pittura a fresch, Pittor a fresch. 
F. in Pittura e Pittdr. 

Si domanmattinna sul fresch. i^ 
mani ! cioè non mai. 
Fresch. ad. Fresco. 

Fre^h come ona rosusa coroc on 
CBuv o come ona gioncada. Fn^^ 
qùal rosa. 

Giugà a frosch i pomm brugnau. 

V. in Briìgaceù. 

Se no io ghVl.ollcr, te stee fresch 

• aitch ti. Se non Juù allH moccoli^ cn^ 

tu uogli andare a letto al i»«/o(Fag. iVo» 

bisogna in amor.correre af^ria 1, 9^ 

Sta fpcach (<» Sta frpsrJi coinc el 

bulter stantii o Sia fresch indipal^'J)* 



Digitized by 



Google 



FRI ( 1 

È simile aWaltto Sta lisegh. f^.)* '^'' 
fresco come un infrèscaiojo, {ce. 

Stoo fresch. Jo stojresco. Gran mer^ 
Frèsch. ad. Fresco. Recente. (Euv fresch, 
Pan fresch e sim. Uovo fresco 9 Pan 
fresco e si in. «^ 

Fresch de malattia. Cetwahscente. 

Fresch di studi. Fresco degli studi 
(Fag. Ing. lod. I, la — Pan. PoeU I, 
1XII9 i5). 

Ve la cunti fresca fresca. . '. . • 

Ve la narro uovellina novellina. 

fresch. add. Fresco della persona. Di 

bella età; cent. Frescoso ; vezzegg. 

Frescoccio. Arzillo. Jtubesto. RovìzzoIq. 

Freschin. > , ^. _. „ 

ir k .. l Freschetto. Ditti, di Fresco, 

Fresco me tt. ) 

Fressacoeùr. T. de^ MacelJ. . . • Quella 
grascia che attornia il cuore nelle be- 
stie naoellate. 

Fressac(KÙr(altro). ... Il complesso di 
quelle pellacce che avvicinano la co- 
rona del cuore nelle bestie macellate. 

Fressàmm. Boiiame* 

Fiessàmm e Frissànun. Frattaglie. Mina- 
taglie, Le interiora nelle bestie macel* 
late che anche i Fr. dicono Fressure. 

Fretàzz, Fretazzìn, Fretazzà, ecc. per 
Fralàzz, Fratazzìn, Fratàzzà , ecc. V. 

Fricandò. T. de*" Cuoc- Braciuola. La no- 
stra è voce pretta francese. 

Fricassé. T. de' Cuoc. Fricassea. Spezie 
dì vivanda noia» così detta dal francese. 

Frìcca. Cavalletta. 

Fa la fricca a vùn. Farla di holea. 

Friccàlla* o Falla o Fraccàlla o Ficcai- 
la. Ficcarla. Ggnerla. Accoccarla. So^ 
noria. AUaccarliu Piantarla. Calarla. 
Appiccarla. Fare a chicchessia quaN 
che danno o dispiacere o beffa* 

Frìcco(Giugà al). F. Giugà a la mora 
in Mòra. 

Fricò. Carpicelo. Zombamento^ Bifrusto. 
Dk el fricò. Dar la mancia(Pdn. 
Poet. II , XIV j 18 ). Far le freghe ad 
tino ironie. (Zanob. Di&). Dame ad al- 
cuno perunopasto(Sskcchei{ìNoif» 11 3). 
Tceù-sù el fricò. Toccarne. 

fp'igée{cke altri diconp Freggée). Bago- 
la. Il frutto del bagolaro (Lotitf ex- 
ceìsaL.) 

frigée per Sgenée(freddoloso). F. 

^'*igg. friggere. 

Fa frigg. Friggere, V. Ko5tL 
l'oU 11. 



77 ) FRI 

Frigna. Lamentone{^io*Q).Pigolon€.Co9k 
chiamasi una persona rincroacìosa e 
che sempre si lagni o mostri aver bi- 
sogno di mille cose. 

Fà4a frigna. Fare il dinoccolato. 
Ch'eoi faga minga la frigna a dimm 
che Tè debol. Nò faccia il dinocco* 
lato col dire ckè deboleif^eòÀ), 

Frigna. Nicchiare, Miagolare. Friggere, 
Il rammaricarsi che fanno i feaciul* 
lini quando desiderano checchessìa. 

Frignb./WgiMiivC^pis.). Fignolare. Essere 
infrigno. Dicesì di chi per malattia si 
rammarichi -MccAtare è proprio delle 
donne quando son vicine al parto. 

Frignàda. n Friggìbuchi. Certo ram- 

Frignadùra. > marichio che cogliono 

FrigArta. j fare le persone cagio- 
nose e infermicce — Si suole anche 
• prendere per Lezio. Leziosità, 

Frignètta e Frignin. Dim. di Frigna. f^« 

Frignòccola. Cavalletta, 

Fa la frignòccola. ... I Sardi chia- 
mano Fregnòcidu o Fragnòculu il sal- 
timbanco 9 il ciurmatore , il giocator 
di mano; e siccome questo suol esser 
r uomo dalle frignòccole per eccel- 
lenza , così noi ne ritraemmo la voce. 

Frignón. Pigolone. Lamentane . Suol dirsi 
di chi sempre si lamenta. 

Frignònna. Pigolona? Madonna tenerina 
che si slembava a tirare un peto. 

Frin frin. Ziro £Ìro(Pananti Poeta I, ii» 8). 
Voci irridenti il suono del violino. 

Frìs. Frego. F. Sfrìs. 

Frìs. Fregio, Il francese Friso. 

Frìs. T. d'Archil. Fregio. Zofforo^e in 
gener. jFrcgi(Targ. AL Ac. Cim. 1,4*8). 

Fris. T. degli Slamp. Fregio. Ornalo 
con cui si rigirano le pagine di fron- 
tispizio» cop'erta e simili. 

Fris. T. de' Car. Cerchio del mozzo d'una 
ruota{h\h. bàss. in Frette). 

Fris (In). Rasente. A pelo. Per es. In fris 
al Navigli. A pelo o A livello del Na- 
viglio — Melt in frts. Allive(/are. Per 
es. Mett in fris a la rosgia on ron- 
sgin. ^Allivellare il gorello alla gora. 

Frisa. . . . Sp. di nastro di filaticcio « seta. 
Corrisponde al fr. Buban de Boulogne 
o Fleuret'y ed airingl. Ferret-ribbon. 
Dagh de fnsa. Mettercisi coli' arco 
dell' osso. Menar le mani come i ber» 
rettai, 

s5 



Digitized by 



Googk 



FRI ( 1 

Dagh de frisa pari, di campane. 
Sbattof^iare. Fare scampanìo. 

Guarda che bella frisa ! . . • Dkesi 
a** nanerottoli per barlarli coperta- 
mente del loro difetto corporale. 
Frisón per Sfrisón. y» 
Vrìsów die varj f^erbanensi chiamano 
S^ctappagìànd. Frisone» Frosone, Fru^ 
sane, L^ uccello l^xia caccothraustesL. 
Frìspola. v. a. Scintilla. V, Lughéra. 
Frtssàmm o Fressàmm. Ptottame, 
Fritàda. Frittala. ^. Fertàda. 

Fritada a la Certosinna. . . . Frittata 
montata^ Y OmeieUe soufflee dei Fr. 
Fritada cont el sala min o rognosa. 
Frittata in zoccoli, 

Fritada cont i erb amar Frit- 
tata regalata coir erba santam#ia. 

Fritada cont i scigoll. Frittata * con 
le czpo//e(Alleg. 64)* Pesce tPnosfo co(t le 
. cipolle{iyi). La proveni* Meissouniero, 
Ona Yoltadinna de fritada. iron. Una 
rivoltura di frittata, V* in Yoltadinna. 
Te-a-ta fatta la frittata, r j ta frit- 
fato(Nelli f^ecchl rivali III, aa). Jb- 
biam fritto. Ella è fritta. 
Fritàda. fig. . . • Scempiata , baggianata. 
Fritàda* in gergo. • • • • Aborto. 
Frìtola. Frittella, 

Fritùra {che i più idioti dicono ancìie 
Frutùra). Frittura. Fritto. 
. Fa in f ritura o Fà-giò in lìritura. 
Friggere, Cucinare fritto, 

Fritura crocché. . . . Fritto di car- 
ni trite impanate e cotte nello strutto. 
Fritura de coradella. Pasto fritto. 
Polmon fritto. 

Fntura de latt o de panerà. Frit^ 
ielle di crema{CÀioco maceratese). 

Fritura de pess, de gamber, de raun. 
Pesce fritto^ Granelli f ritti j Bone fritte, 
Fritura de pomm de terra, de sci- 
goll. Patate fritte 9 Cipolle fritte, 

Fritura de pomm , de persegh, de 
zucchett. Fritto di mele , di pesche , 
di sucqhette, 

Ftitura de fidegh, de vi teli» de 
manz. Frittura di fegato^ Frittura di 
fegato, di vitello ^ di fegato di manzo, 
Fritura de zini velia o de laccett. 
Fritto di cervella o d^anirhelle ; e col.® 
Frittura 6ianca(Nelli Suoc. e Nuor. 1, 4)* 
Fntura mista. Fritto di polmone e 
fegato 90 di cervella e fegato 5 e sim. 



78 ) FRO 

Fritura piccada o picchè.'. . . Fritto 
di vitella lardellata. 

Vess dolz de fritura. K. in Fidegh. 

Friturlnna.... Un le^ier fritto ; due boc- 
concini d^ fritto^ utt pochitt di frittura. 

Frizión. Fregagione, 

Frizzànt. Frizzante, Aria frizzanta. Brezza. 

Fròld. V. idraulica che sentest verso il 
Po e il Ticino. Ripa a picco^ SoggroUa- 
tura, L^ Alb. enc. registra anche Froldo* 

FròU. Trito. Frollo --P^Xbì frolla, f^. PàsU. 

Frolla. Frollare — Frullare, 

FT:o\\édsi.Fro\\9idìnn9k.Fnillata.Fndlatina, 

FroUìn. Frullino. 

Fron fìrón(Fà)* Tornire. Far lefusa{Pm. 
Poet. II, xiv,.a4)- Dicesi del gatto. 

Front. Fronte s. m. e f. 

A front de tutt qnesL Malgrado 
A malgrado di tutto ciò. 

Giappà 'de front. Prendere le cose di 
petto{?ai. Viag. Barò, I , S6).. (porsi. 
Fa froht. Far o Mostrar fronte, Op- 
Fà front ai so impegn. • . . Sod- 
disfare a"* proprj debiti. 

Sta a front. Fronteggiare. Stare af- 
frontato. 

Frontà. Affrontare, Affacciare, Fare af- 
fronto o sopruso — Raffrontare, 

Frontàa. Frontale, Quella parte della 
briglia per cui passano- sopraccapo , 
sguance e soggólo. 

Frontal-biànch. Cometa. Quella macchia 
che è in alcuni cavalli dalle orecchie 
alle labbra, larga da capo e appun- 
tata da pie. Il cavallo cosi macchiato 
noi chiamiamo Cavali che bev in bianch. 

Frontalèlt. Frontale, Queir ornato che 
sta di faccia alla tastiera de* pianforti. 

Frontalin. Corona, Gocciolato jo,\}naL delle 
parti del cornicione architettonico. 

Front espìzzì. Frontispizio, Frontespicio. 
Prontespìzzi mort. T. di Stamp. e 
de^Lib. Antiporta{fi9LVcAì9k Serie de" testi 
di lingua e altri bibliografi). Pagina 
che si suol anteporre al frontispizio 
dei libri, con un cenno brevissimo 
del frontispizio stesso. Corrisponde al 
francese Fausse-page o Faux-titre 
Avant-Utre , ed al tedesco Schmustitd. 
On beli fronlespizzi. fig. Bella cera, 

Fronlesplzzi.... Voce che usano i nostri 
muratori, scarpellini, ecc. per indi- 
care ciò che gli architetti dicono Tim- 

Fronlin. fronticina, ^ {pano. 



Digitized by 



Googk 



PRU ( 1 

Frontln. Finta} FintinfidMìoh. Diz), Ca~ 
pinascente? Specie di parrucchino che 
ricopre solo il sinciput, cioè la parte 
anteriore del capo, e che i Fr. ch^a* 
mano volg. Faux^UmpeU 

Frontista. Frontista, Possessore J'rontisia, 

Frontònna. Frontone* Accresc. dì Fronte. 

Fròsna e Fròssina. T. di Pescat. Fiòcina, 
Pettinelia, Ordigno di ferro che è una 
specie di forca con molte punte, cia- 
scuna delle quali ha una barbuccia a 
guisa di freccia, e serve a cacciare 
i pesci che vengono alla superficie 
dell' acqua. Talora è soltanto un le- 
gno con*da capo un ferro auncinato , 
e s' usa di notte con chiaror di fuoco 
allo stesso fine. 

Frottola. Baja, V, Lappa e Bàlia fig. 
Dà d'^intend di frotol. Piantare o 
Ficcar carote* 

Fnist. s. DI. f/. conL deìV Alto MiL per 
Oiaréa. V. 

Frùsl. ad. Lógoro, Frusto, 
Zila frusta. F. in ZUa. 

Frusta. Frusta. Ferza. Sferza* 

Mauegh. Manico t=^Ponial, Puntale t^ 
Vera. BapereUa^ Anéih Anello o Gas- 
sa B Straforzin o CovUi. Scuriatdlo, 
Mozzone. Frustino, 

Frusta. Frustare. Sferzare. 

Frusta. Frustare* Logorare. Conswfore, 

Fruslàa. Frustato — Rifrustato, 

Frustra. Logorato, Consunto* ^ 

Frustàda. .... Colpo di frusta. 

Frustàda. ... Logoramento, logoratura. 

Frustadinna • . . Leggier colpo di frusta. 

Frustadìnna. ... Un po^ di logoratura 
Per es. I camis noeuv fin che no se 
gh' è daa ona frustadinna fan on poo 
roaa a la peU. Le camice finché le 
non sono alquanto usate sempre inco- 
modano la pelle con gùel rozzo che 
s'' hanno, 

Frastadùra. Logoratura. 

Frustascàgn. Straccasedie(¥zg. Mar. alla 
moda II , 7 ) — FrustamaUoni — Scat- 
dahanchi. ^ 

Fruslée. Fabbricator di sferze, 

Frustin, Frustino, 

Frustón. Frustone, 

Frùt. s. m. Albero pomifero o/rutti/ero* 
Pianta /rutti/era^ ed anche assoluta- 
mente Frutto per pianta da frutto 
come nell' indovinello del Gior» agr. 



79 ) PRU 

tosc.(IV, s5i) I fruiti sono caricìd 
di fiori — Il nome collettivo di Frutti 
é FruUamiCtsiVg, Fiag. Ili, 3ti). 

A frut. Fruttato(T9iTg* Fiag. Ili, 309). 
Teren a frut. Terreno fruttato (ivi). 
Frùt. Frutto. V. in Frutta. 

Fioretton d^on fnit. Frutto sfoggiato. 

Frut de mar. F* in Mar. 

Sorbett de frut. F. in Sorbétt 

Zucch e melon ogni frut a la soa 
stagion. fìg. • • . Proverbio che suol 
dirsi per denotare che ogni età dei* 
r uomo ha certe proprie abitudini le 
quali quando sono di stagione sono 
comportàbili, e non così quando le 
vengono fuor della volta loro. 
Frùt. T. di Confett. . . . Dolci in figura 
di frutti coloriti col dragante o re- 
galati di rosolio. 

Fruì candii. Frutte candite o acconce. 
Frùta. F. Frutta. 
Frutà. Fruttare* Fruttificare* 
Frut èra. Fruttiera, 
Frutta o Frùta. Frutte. Frutti. 

Frutta che sta li. Frutti serbatoi o 
che bastano. Frutte serbatoje o serbe- 
poli o serbabili. 

Frutta con dent la camola o el caa. 
Frutte intonchiate o gorgogliate. 

Frutta cotta. Frutti coto'(Redi Op* VI, 
i3t>) — Fruttata dioonsi le frutte 
cotte e intrise. 

FrutU d^estaa. Fru/fe da estate(0\oT. 
Geor. IV, 116). 

Frutta d"* inverna. Frutte da inverno 
(id. ivi). 

Frutta fada secca o Frutta secca. 
Seccumi. 

Frutta giuleppada. Frutte giulebbate. 

Frutta in conserva. Frutte acconce 
o riconce o confettate o in composta. 

FrutU moscatella. Frutte moscadelle 
— F. mezze o ammezziu o ammezuUe. 

Frutta nibbiada» Frutte afate o an- 
nebbiate o afatutze o tristanzuole o 
arrabbiate. 

Fruita passada. Frutte mezze. 

Frutta pelosa.l^>i«<ie vellose o villose* 

Frutta Urdida. Fruite serotini o se- 
rotine. 

FrutU Uroporida. Frutte precoci o 
primaticce* 

Frutta verda o azerba. Frutte ab- 
bozzate o acerbe. 



Digitized by 



Googk 



PCM (i 

On poo de frotu. CerU /rutterelie 
(Pr. fior. IV, III, 45). 

Toeù per fratta, fìg. Jver come frutta 
di poi Iettata la mensa{A.meT. Vesp. 
yiag. 65). 

Vess a la fratta, iìg. Ijser al verde* 
Esser condoHo al verde o al basso 9 
cioè air estremo , al fine. 
Frutti. FruUire. Frullare, Fruttificare, 
FrvLtiiraBÙ.FnUlajuolo.yenàiXor di frutta. 
Fruttirceùla. FruUajuolal 
Fuga. Fuga. 

Brazz de fuga. Braccia andanti? 
(Gior. agr. VI, 374 )• P"- in Bràtzz. 

Dà la fuga.* Incacciare. Incalzare, 
Jncalùare. Fugare, Dar la caccia. Mei-' 
ter in fuga — E fig. Dar la caccia 
(Castigl. Ckfrtig, ) , cioè CorSellare 
altrui più o meo copertamente per 
dare un po^ di cruccio. F. in Voga. 
De fuga. Andante. Trenta brazza 
de fuga. Trenta braccia andanti. 

Fuga de stanz. Fuga o Riscontro 
di stanze» 

Porta ben la fuga. Reggere la celia. 
Fàga. T. de"^ Mugn. Risciacquatojo, Canale 
per cui i mugnai danno la via annac- 
qua quando non vogliono macinare. 
Fiìga. T. music. Fuga. Riditta. Conse- 
guenza. Imitazione. Nella Fuga si os^ 
servano Tema o Soggetto o Proposta 
o Guida o Antecedente ; Risposta o 
Conseguente; Contrassoggetto; Riper- 
cussione ; Episodj ; e talora Stretta — 
Delle Fughe altre diconsi Fughe ri" 
gorose, altre /l'òere, altre doppie^ al- 
tre ricercate^ altre a tre o quattro 
soggetti 9 altre alla seconda^ terza o 
sesta y altre Fughe contrarie, altre Fu- 
g^ contrarie rovesce , altre Fughe 
Mio/te , ecc. ecc« f£str. dal Diz. mus.) 
Fugón, • « • • . I nostri idraalici chia- 
mano cosi i risciacquatoi assai grandi 
(/^. Fàga T« de^ Magnai più sopra.)-, per 
es. El Fugon de la Tbrr de Vlmpe- 
rator^ scaricalojo presso al Bocchello 
della Vettabbia in Porta Ticinese. 
Fùlmen che pia com. diciamo Sajèlla. F, 

A fulmen. A folate, A fulmini* 
Fulminànt. s. m Nome de* zolfa- 
nelli fosforiòi accendentisi per attrito. 
Fulminànt. Ad, di Dólz e CapsùlL V. 
Fulminéri. Fulmine di. gente o sim. 
Fuma. s. f. Pipa, V, Plppa. 



8c ) PUM 

Ftimà. Fumare» Fwnmare. Mandar f uà 
Far jumo, 

Camin che fuma. Camnùno fumoso^ 

Fuma come on caldar. Fumare il 

fwnajol della testa; e Io so^am dire 

di chi sudatissimo abbia il capo che 

fumichi. 

Fumagh 1* anima Essere 

squisito , ottimo , avvistato , di grande 
appariscenza nel suo genere. 
Fuma per Pipa. V. 
Fnmàda e Fnmadinna per Pipàda e Pi- 

padlnna. V, 
Fumadàzza. 2 Acer, di Fnmàda. F". ut 
Fumadònna. ) Pipàda. 
Fumadór. Fumatore (Guadag. Poes, II, 
186 — Poem. aut. pis.). Chi fuma ta- 
bacco. 
Fumadóra Donna che fumi tabac- 
co o per medicina o per capriccio. 
Fumana, v. cont. deirAlto Mil. Futnmo, 

Nebbione, 
Fumee e Fumèrì. Quantità di fumo. Gran 
filmo \ e talora Ftmio denso 9 oscuro 9 
negro , crasso , grave. 
Fumént. Fomento. Fomenta, 
Fuméri. F. Fumee. 

Fumista. . . • Chi fa professione di ac- 
comodare i cammini per modo che 
non mandino fumo nelle stanze. Dal 
fru Funùste. 
Fùmm. Fumo. Fummo, 

Andà in fumm (che nel contado di- 
cono anche Anda^ù per i brocch). fig. 
Andare o Convertirsi o Risolversi in 
fumo. Svanire — Andare a Scio, 

El fumm el va adree ai leccard. Il 
fumo va al pia bello{*^or. «« Monos. 
pag. 100). 

£l fumm r impieniss minga la pan- 
scia. Manco fumo e più brace, Mrao 
onori e più modi. 
Fa fumm. Fumare. 
Fa fumm'i candir Lo di- 
ciamo pronostico di pioggia vicina. 

L^è on camin che fa fumm. È com- 
mino che maXda fumo in istanza ; e 
scherz. È cammino maestro di far 
l'arme de* Pucci (Doni Zucca ^ p. iSg 
verso ). 

Leva el fumm a on camin 

Raggiustare un cammino per moda 
che non mandi fumo nella stanza in coi 
trovasi. 



Digitized by 



Google 



PUR ( 

Mènestra rescoldàda la sa de fcimin. 
V. in Menèstra. 

Pati el fumm. ... Blandar fummo 
fuor del canale destinato. ' Sto camio 
el patiss el fumm; Sta cusìnna la pa- 
tiss el fumm. Quésto cammina manda 
Jmno in istanza. In questa cucina il 
cammino fumica male, 

Robba che sa de fumm. Fummo» 
Teng a fumm de candirà , de lu- 
cerna 9 o sim, Affumare col lume della 
candela o della lucerna o 6Ìm. 

Vede vuu come el fomm ai oeucc. 
Non pqter patire alcuno, Aiperlo a no* 
ja 9 Don lo poter vedere. 
Ftimm. fig. Fumo* Fummo, Alterezza, V, 
Ària fìg. 

Avegh del fiimm o de Taria. Stare 
in ana(Pan. Poet I, xxxviii, 4)* ^^ 
ser fumoso^ cioè altiero. 

Ayegh pussee fumm che rost. ^^, 
Ai^er molto fumo e poco arrosto, 
Fùmm. Fumajolo» Legnnzzo o Carbone 
mal cotto che, per non essere inte- 
ramente affocato, tra T altre brace fa 
fumo. Per es. In quella braserà gh'è on 
fumm. In quel braciere è unfumajolo, 
Fumm de ras. Negro fumo, Nero di fumo, 
Funeràl(i). Il funerale. 
Fùria. Furia, 

A furia de dance , e sim. A furia 
o A forza di danari e sim. 

Andà de furia. Andare a furia o 
in furia o precipitosamente. 

Andà in di furi o Dà in di furi. 
Andare in furia o sulle furie. Dare 
nelle o sulle furie. 

De furia. Furiosamente, Furìalmen- 
ie. Infuriatamente. 

Fa i robb de furìa. Affollarsi, 
Furia franzesa. Furia franzese(Mo' 
nos. pag. 358). Furiaccia. 

Pari ona Furia. Simigliar ima Furia, 
Yess in di furi. Furibondare, Fu- 
riare, Infuriare, Esser furente* 

Yess in furia i cayaler . . . Dicesi 
allorché i bachi da seta » dopo d^ aver 
dormito in su la grossa ( 1^6 la quar- 
ta)^ sono voracissimi e tutti intenti 
a prepararsi pel bozzolo. 
Fària(a donna). Demone incarnato. Fu- 
ria. Arpìa. Draga. Donna serpentosa. 
Fùria. Fonda* In agost gh^'è la fiiria di 
mclon- In agosto suol essere la fonda 



i8i) FDS 

dei poponi. È da notarsi che queida 
. frase^ usiamo in città quasi esclusiva- 
mente pei poponi ; e siccome essa è 
bergamasca, e il più e il meglio di 
tali frutti suol venire a noi da Cara- 
vaggio , paese del Bergamasco , cosi 
è facile che di là ci sia stata portata 
insieme colla derrata anche la frase. 
In Brianza in vece estendono la voce 
anche, ad altri oggetti , e dicono Fu- 
ria di dord, di persegh, di verz, ecc. 
Furia o Folata di tordi ^ di pesche 9 ecc. 
Fùria de la gent. Calca. Pressa, Furia. 
Fùria o Filettòn. . . . Sega manicata la 
quale si adopera per segare quelle 
assi che superano di larghezza il te- 
lojo delle seghe ordinarie. La Briffe 
dei Franzesi. 
Furièlta. Furiosetto, Ardentetto, Arden-^ 

tello, 
Fariètla de la costa. Sega da volgere? 
(del Baldinucci). Sega che risalta; 
forse la Scie d ckevilles dei Francesi. 

Furièlta senza costa Picciola sega 

manicata che però non risalta. 
Furiós. Furioso. » Furibondo. Furente, 
Furiosón. Furiosissimo, 
Furóncol. Furùncolo, Pignolo* Ciccione, 
Furor. Furore, 

A furor de popol. A furia o grida 
di popolo. 

Fa furor o furori, e per isch. Fa fu- 
róncol. Far furorei*hoY,). Far fona-' 
tismo o romore? 

Furor uterin. Ninfomanìa. 
Oa furor de gent. Unfulmin di gente, 
Furugàda. ) Parapiglia. Serra serra. 
Furugòzz. ) Chiasso. Bomore. Forse 

dal sicil. Furgata^ cioè Furiata. 
Fùs. Fuso; al pi. Ifusi e Le fusa. Ar- 
nesetto sul quale si viene avvolgendo 
il filo di mano in mano che si sco- 
nocchia. Le sue parti sono: 

Botta. Bottaccio ? {V eaìBBì 9 il ven- 
tre del fuso) » Ponta. Puntai Cóc- 
cora. Cocca. 

Andà adree come la matta al fus 
o Yess come la rocca e el fus. Es-- 
ser come la chiave e il materozzolo. 
Essere pane e cacio. 

Andà in preson drizz come on fus. 

Andarne al bargello ripiegato ripiegato, 

Drizz come on fus. Affusolato. Di' 

filalo. Diritto diritto come un fuso. 



Digiti-zed by 



Googk 



FUS ( 1 

L* è andaa-rà driiz come on Ibs. Salì 
affusolato, V è vegnuu-via drizz come 
on fus. Se ne venne difilato. 

Fà-giò i fus. Annaspare. Inaspare, 
Dalle fusa cavare il filo in suiraspo 
e ammatassarlo. 

Fà-giò i fus. fif^. Fare lo spiano. 
Fà-giò i fus. ù^. Fare come le cam- 
pane di san Jtufello. 

Fà-sù la guggiada sul fus. Av^lgere 
il passo del filato al fuso. 

Firann on fus. fig. . . • Fare un 
soprammano ^ una cavalletta , una so- 
perchierìa. 

Fus de coccora o Fus de torg 

Quel fuso che ha la cocca non rimes- 
sa» ma in sé stesso. 

Fus de ^xòi. Fuso da /ìlare, 
Marz duu fus scars, Àvril on fus 
gentil , Masg el eoo sul piumasc. . . . 
Così dicono i nostri contadini , e spe- 
cialmente nelPAlto Milanese, per in- 
dicare come airaprirsì della stagione 
venga vie via scemando sin che fini- 
sca affatto il lavoro della conocchia 
solito farsi nelle ore notturne. 

Fùs. T. d'Agr. Fittone. Lo stesso die Ma- 
drón. r. 

Fùs. T. di Stamp. Fii5o(*tosc. — Zanob. 
Diz.). Fregio in figura di fuso, o liscio 
o lavorato che sìa, il quale serve o a 
separar titoli e .capitoli , o per fre- 
gi uzzo finale. 

Fùs. Guastada? Spezie dì bottìglia cosi 
detta fra noi dalla sua forma, e serve 
per lo più a tenervi entro conserve, 
decotti , o piante bulbifere da averne 
precocìa di fiori. 

Fùs Queir asta che porta ogni 

rocchetto nel filatojo da seta. 

Fùs e Giugà al fus dicono in alcune 
parti deWÀlto Mil. per quello che noi 
diciamo Gìugà a la rella o a la lippa. 
r- in Rèlla. 

Fùs de capioeu. F'. in Gapìoeù. 

Fusa. Fóndita. Fusione? Quel tanto oro 
o argento o sim. che si fonde in una 
volta per farne moneta od altro — 
Ona fusa grossa. Una fondita copiosa. 

Fusaroeù. T. d^Archit* Fusajuolo. • 

Fuscl (Vess). V. br. cont. Aver fallito ^ 
non avere fruttificato^ F. in Fallasse. 

Fuséll. T. de'Giojel. ed Oref. 6tecc«(Cel- 
lini Orefic), Mazzuolo di legno stuc- 



8a ) FUS 

calo o impeciato sul quale incollmisi 
le minuterie per lavohurle. Corrìspoa- 
de alla Poignée d t;^menC delP Encyd. 

Fusèlla Pezzo di legno, di 

forma triangolare e forato nel mezzo, 
che si adatta a un de* capi delta fune 
colla quale i facchini sogliooo legare 
ì fasci delle legne e simili , e per coi 
si fa passare V altro capo della fune 
stessa per istringere il fascio e fer- 
marlo con varj nodi che ci si fanno 
sopra. I Bolognesi chiamano questo 
arnese Zigognolaf o Zeghgnbla , e t 
Francesi Liasse* , 

Pìentà-li sóccb e sacch e fuseUa. 
(che i contadini dicono Pientà-li Tand 
e el camp). Pfon istare a dire al ad 
Vienne. Corrisponde al fr. lYousser 
son 9ac et ses guilles , ed al latioo 
Nulla interjecta mora discedere. 

Fusèlla. K Fusétta. 

Fusèlla. Fuso. La parte più affosolafa 
de^ candellieri da chiesa e de^cande- 
labri che sta fra il Cannin e la FcBUJa. 

Fuse\\ìi».Ajffusato.Affitsolato.f^.inOmhi. 

Fuséra. Fusiera(^fior.). Tavola di legno j 
o di canna , o impagliata , le più volle 
di forma triangolare, sulla quale» 
ripongono i fusi cosi vuoti come pieni 
di filato. 

Fuséra. F. Fusètta. 

Fuserócch. Fusajo. Fabbrìcator di fusi. 
Noi lo diciamo Fuserócch dai fasi e 
dalle rocche che suol vendere. 

Fusètt. T. di Sump. Fusello(*tosc. - 
Zanob. Diz.), Fregiuzzo in forma di 
pìcciol fuso. 

Fusètta o Fusèlla o Fuséra. Fod ed 
contado per Sghiràtt. Scojatlolo. 

Fusilà. Fucilare(A\h. enc). 

Fusilàda. Fucilata(Aìh, enc). 

FusJliér. Fuciliere, 

Fnslll. Facile. F. S?ciòpp. 

Fusin. Fusellino. Piccìol fuso. 

Fusinètta Picciola fucina. 

Fuslnna. Fucina. — Fucina da raffinai 
il ferro o Ferriera — Fucituk stabile - 
Fucina volante. Le parti di quesle 
ultime si veggano nel Diz. art. a pa- 
gine io8, 109 e Ilo. 

Master de fusìnna grossa. T. Màster. 

Fusión. Infusione. 

Mett-gìò. in fusion. MètUre in in/f»- 
sione. 



Digitized by 



Googk 



FUS ( 1 

FiuÓD Gran fuso. 

Fùst. Fuslo. 

Fùst. Lettiera. Cassa* Intelajatara di le- 
gnami in cut «ODO poste T assi che 
reggoQO il S9C€iont{el pajasc) e le 
materasse del letto. 

Fùst. aM;cia(Targ. Jt. Ac. Cim, III , a34). 
Lettiera, L^ ititela j atura dei sofìu 
Sbaron. ^aire?»Test. Testiere? 

Vasi T. de^^aleg. Anima. Il sodo dell'* in- 
telajatura d'Attila porta,. imposta e sim. 

Fast. FuslOu Intelajatura de^ basti. 

Assett o Arch o Arson o Urcioo. 

Jruomi » Copp « Ferr de 

mesz. ....•> Paletl xebaltuu. PaletU ? 
»» Sedee. . • . • • 

Fùst. Fksto della selia{fdb. enc. in Bu" 
rello). 

Fùst. . . . Nelle scranne è T ossatura. 

Fùst Cosi chiamasi Talbero del 

torchio di zecca detto Arare dai Fr. 

Fuslàgo. F/itf lagno (Lodovico Guicciar- 
dini Descrizione dei Paesi Bassi' An- 
versa \55y). Fustàno* 

A la Vedrà ghe va doma i colzon 
de fustagQ. Ladro che ,ruba assai non 
è fmpiccalo(Monig. Am, e Toc. I, 17). 
Chi ha buona cappa Jacilmente scappa 
(Monos. pag. 55o). Equivale al fr. Le 
^bet liest Jaii que pour les malheu" 
reux^ al provengale Fourcos noun 
sooun que per leis peouilhos^ al sici- 
liano LafìMTCa è fatta pri lu povera, 
£ proverbio usato. a denotare che il 
delitto suol andar impunito nei ric- 
chi ; proverbio ch^ ebbe però di mol- 
te e molte eccezioni ogni volta che 
il Capo dello Stato seppe esser tale — 
y* in Vedrà la ragion locale del no- 
stro dettato. 

Fustagnée. Venditor dijrustagno. 

Fustagnln. Dim, di Fustàgn. F, 

Fustèlla. T.de'* Calz.,Stom^a(Gior. agr. II, 

. ^aS). Stampo, Stella, F«rro col quale 



83) FUS 

si fa una specie di stampa sopra il 
buco della bulletta che ha fermato 
il suolo nelle scarpe o negli stivali 9 
e che si ad<^ora anche a forare i 
becchetti delle scarpe o per altri 
simili usi. * 

Fa i bus con la fustella. Stampare 
(Gior. agr. U, aaS). 

Fustèlla. T. de' Sarti Cannuccia 

di ferro che posa sur un dado pure 
di ferro, la quale si adopera per fare 
i fori tondi da ucchiellini da stringhe. 

Fastón. Torso. Tórsolo, Fusto d'alcuna 
pianta > e si dice più comunen»ente 
di quello de' cavoli. 

Stima tant come on filhston de vei^s. 
Stimar quanto il cavolo a merenda 9 
o quanto il terzo piede. ^ 

Fustón per Musón ( de loeuv de for^ 
meoton). F. 

Fustonàda. Torsolata, 

Fa corr a fustonad. F', Fa corr a 
pomm in Pòmm. 

Fustonin. Torsoletto. 

Fusi use. Ciarpa, Arnese stracciato, vile, 
vecchio, da nulla. 

Pustùsc. Parpaglione» Sparpaf^ione, Ciar^ 
piere, Ciarpone. Acciarpatore, ìmbro-* 
glione. Imbrpgliatore, ImpigUatore, Co- 
lui che opera con prestezza ma senza 
veruna diligenza. 

Fustùsc. > ,, « .» ■• 

„ ^ , . \ F, Fuslusciàda. 
Fustusceri. > 

Fuslascià (e Fistuscià secondo il Faron 
mil.). Ciarfiarc' Acciarpare. AòborraC" 
dare. Acciabattare, Operar con pre- 
stezza, ma senza veruna diligenza. 

Fustusciàda. Abborracciamento, Acciabat' 
tomento» 

Fustusción. Abborraccione (Alg. X, 345). 
Ciarpiere, V- sopra Fustusc sig, a.* 

Fustusciònna Donna che opera 

presto, e impiglia molto» ma fa le 
cose male. 



Digitized by 



Googk 



VJFàba o Gabba , ed wteha ou Gàhb. Co- 
' pitoma ? { Targ. ^iag. VI , 49 9 «e pur 
non é errato e da dirsi CapUozza) 
e' in via di simiiit. Pianta schericata. 
Pianta che giunta a qualche età viene 
scapezzata o scapitozzata o sia ta- 
gliata a corona, y. Gabarìa. I Centesi 
la dicono Caitàzz, 

Ignorant come ona gaba o come 
on gabb. Baccellone da sgranar con 
ìoC accetUu V, Badée. 
Gàba o Gabba per Sàres. y. 

Gàba o Gabba. 4. f. ^g* Tambellone. 
Ghiandone, y, Marzòcch e Badée. 

Gabà y> Gabba. Decapitare (Targ. Via^, 
IV, 3o8). domare ? (Gior. agr. VI, 
6t2 , se pur non è errore e da dirsi 
Scoronare). 2'agliare a capitozza{T9LT^, 
Ragion» Agric, tose* p. 17). ,Tagliar'e 
a scamozzo{*ioac. — Gior. Georg. X , 
36 1 ). Tappare , far toppi ( *lucch. ). 

- Stuellare, Scapezzare. Scoronare. Sca» 
pitozzare. Tagliar a corona. Tagliare 
. i rami agii alberi fino alla forcatura 
del tronco , o Spogliare tutto il tronco 
della ramatura. Quasi Decapare dice 
il Ferrari, o fors"* anche il basso la- 
tino Deglabare provegnente per av- 
ventura da Glabrare. 

Gabà o Gabba. Gabbare , e scherz. Met- 
tere al gabbione. Trappolare, giunta- 
re, iuganoare. 

Gabàa o Gabbàa. Scapitozzato. 

Gabàa o Gabbàa. Gaùbato, Giuntato* Re- 
sta gabaa. Restar gabbato ; e fam. /H- 
manér giunto o al gabbione. 

Gabàda o Gabbàda . . . Filare di piante 
scapitozzate *, quantità di piante state 
scoronate o sia tagliate a corona. 

Gabadór. Gabbatore. Gabbamondo, Gab- 
bacompagno. Giuntatore. Fraudatore. 

Gabadòra. Gabbatrice. Fraudatrice. 

Gabadùra o Gabbadùra. Scapezzatura, 

Gabàn o Gabbàn. Gabbano, Calandrano 
— Gabbanella. 

^cqua de vilan che la passa el ga- 
ban. Acqua del mal villano, che pare 
non piova e passa il gabbano (Tavg, 
yiag. IV, Sa). F, anche in Acqua pag. S. 

Gabauin. Capanhetto(C9iVo LetAW ^ 126). 

Gabanin che anche dicesi Gabanòtt. T. 



, di Gacda. Capannuòcio. Bertesca. Ca- 
panno. Quel frascato o quei chiusiao 
di frasche e paglie piantato presso 
gli alberi pia vistosi nei quale si 
nasconde T uccellatore per pigliar gli - 
uccelli al pavetajo o alle reti aperte 
od anche al fucile. Dicesi Capaiuia 
volante it si trasporti qua e là. 
Gabànna. Capanna, La gabanaa del pre- 
sepi. La capannuccia. F, Presèpi. 
Gabanòtt. Tetioja, Banco. £i gabauott 
de r Ospedaa .... Il Barco prossimo 
ai nostro Ospedal maggiore. 
Gabaré, Gabareràda, Gabarerìn. Lo stesso 
che Cabarè , Cabareràda , Cabarerìn./'^. 

Gabarerón Gran vassojo. 

Gabaria Nome collettivo delle 

piante cedue riservate per legnc da 
fuoco. Divi desi *la Gabbana in dolza 
eforta^ e si specifica 
— crescendo di grossezza in 

Pienton o Alev. ... Ha la gros- 
sezza di diametro. 

Gabettinna Pianta cedua il 

cui diametro è minore di a 5 cen- 
timetri. 
Gabetta .... Pianta cedua il cui 
diametro è dalle once 3 alle 4 
sia dai i5 centimetri a 2 deciin. 

Gaba e Gaba ordenaria 

Pianta cedua il cui diametro è 
dalle once 4 alle 5 «/. o da 2 
decimetri a circa due e mezzo. 

Gaba grossa PianU cedua 

il cui diametro è dalle once 5 7' 
aUe 7. 

Gaba matronna Pianta cedua 

il cui diametro è dalle once 7 
in là. 
=: e decrescendo d^ altezza in 

Gaba alta Quella che ha dalle 

6 alle 8 braccia di pedale circa. 

Gaba ordenaria Quella che 

ha dalle 4 alle 8 braccia milanesi 
di pedale circa. 

Gaba bassa Quella che ha 

dalle a alle 8 braccia milanesi 
di pedale circa. 
Pai, Palon, Cantir, Cantiron, Ter- 
zera, Somee, De onza fedansi 
in Piànta. 



Digitized by 



Googk 



GAB ( I 

Gabàzs. T.de*Murat. Capisteo{*nr^i. — 
Voc. arét.). Giormilo. f^assojo. Se?dfo. 
Strumentò di legno , dì figura qua- 
drangolare ) alquanto cupo , su cui i 
muratori l«ngtmo pronta la secchiata 
della calcina quando stanno murando. 
I Provenaali lo ckiamaoo Gamaio. 

Gabauin. T. de* Murai. Gianieiletto. Schi- 
fetta? 

Gàbb. s. m. f^. Gùba. 

Ignorant come on gabh. f^» in Gàba, 
Jgnurèot, Badée* 

Gabba, Gabba, Gabbàda , Gabbarla, ecc. 
f^. Gàba, Gabà, Gabàda, Gabaria, ecc. 

Gabbaviiàn. Ad. di Per. K 

Gabbée. P^ùce usata nel modo seguente 
Bosch a gabbee. • • . Dicesi di bosco 
che si Venga tagliando a capitoiu. 

Gabbia noi diciaìho soltanto nei sig. Jig. 
equivalenti a Presón e a Badéc y. 9 
nel dett. Dna gabl)ia de matt, f^. in 
Màtt e nel seg. -- In ogni altro sig. 
diciamo Càpia. F» 

Gabbia. T. de' Calzett. ^ . . . Quel con- 
gegno di ferro, cbe è parte priucipa- 
lissima del telajo da far calse, il quale 
si mette e si leva dal fusto di esso 
tclajot ed è per appunto Fordigno che 
mosso dal calza juolo le viene facendo. 
È retto di peso da un ferro die i no- 
stri calzajuoH dicono Alzoìi^ e chia- 
masi Cage anche dai Francesi. Veggasì 
in Telar la denominazione e descri- 
zione delle sae parti. 

Gabbiàn. Merlotto. Saggio. V. Badée. 

Cabbianàda. Corbellerìa. Minchioneria. 

Gabbiànna. Bagge'a. Goffona. 

Gal)bioeù(A). T. d'Agric Si dice 

di quella disposizione delle vili che 
si eseguisce tirando i tralci per ogni 
verso e raccomandandoli a paletti 
che formino circolo alla pianta. 

Gabbioeù. T. di Caccia. Frascato. Quel 
coperto di fresche che il cacciatore 
si fa al paretajo o che vedesi negli 
uccellari , in cui celatamente attende 
alia caccia. 

Gahbioeù. T. de^Manif. di tabacchi. Ca- 
sielìo ? Congegno di telai a più ordini 
per uso di prosciugarvi al coperto le 
farine da tabacco o i sigari. 

Geltbiòla. gerg. Brigata, Compagnia. 

Gabbiòlt(o Gabbia o Gabbiàn). lig. Met^ 
lotto, y, Badèe. 
Voi IL 



85 ) CAB 

Gabbiottàda. Mincldoneria* Snetnpiata. 

Gabbiottón. Ignoceone. V. Badée. 

Gabbìroeù. s. m. assol. o Fonsg gabbi- 
roeu. Famiglia bu»na{ltianca e leonata). 
Sp. di fungo mangereccio detto dottrin. 
Agarico mele che è VAgaricus pofymy- 
ces di Persoon e la Téte de Meduse 
dei Fr. Cresce a cespi voluminosi da 
j>iè de* salci , dei noci , dei pioppi , 
• de'*gelsi , degli olmi, degli ontani tron- 
cati o morti. Di qui il nome di Gabbia 
lYPÙ dai gabb^ di Nosiroek dai tios^ ecc. - 

Gabèlla. Gabèlla. Luogo dove si vettde 
alcuna cosa per conto del pubblico. 
Noi però usiamo la voce solo in 

La Gabella de la saa. La Gabella 
del sale{LBae9i Ifov. Il , 2 » ag). // gì'a- 
najo del sale. 

Gabèlla, fig. Cesso. Aggravio, obbligo, 
debituzzo o altra simil cosa picciola, 
ma nojosa. 

Gabèlla. ^^. Bozza. Bozzone. Brenna^ Ca- 
vallaccio. 

Gabèlla. Sferra. Uom dappoco - Uom ha'* 
calo o bacaticcio , malandato di salute. 

Gabèlla V. Malpàga. 

Gabellóu. GabeNotto? Moneta procedente 
dal' Mantovano che ebbe corso anti- 
canaente anche fra noi. 

Gabètt e Gabètta. V. in Gabaria. 

Gabettfaina. Dim. di Gabètta. F. 

Gebeùtt. Poltrone.Sealzacane. Infingardo. 
« Hin stnpelUa , infeneUc , g«be«iU, £ffbik w . 
(Bai. Ger. )• 

Ghbia , Gabiàn , ecc. V. Gabbia , ecc. 
Gabinètt. Gabinetto — Sgabuzzino. 

Coo de gabinètt. Statista* Mitico^ 
ne. Uom di stato. 

Corer de gabinètt. Oorrier di gabi- 
netto. Corriere che porta gli spacci 
de^ gabinetti di Stato. 

Gabinètt de verdura. ... Cerchiala 
o pergolato fatti a guisa di stanzuc- 
cia per istarvi al rezzo a goder^si. 
Luogo indispensabile nelle osterìe di 
campagna , vi si yede per lo più ri- 
coperto col carpine ; luogo di piacere 
ne' giardini, vi si vede ricoperto pure 
d* altre erbe scandenti o dì gclsomi- 
^ ni, di passiAore e simili. Anche i 
Francesi dicono Cabinet de verdure. 

Gabinètt numismalcgh. Gabinetto 
delle medaglie. Medagliere. Gabinetto 
numismatico. Surse auspice il Governo 

ai 



Digitized by 



Google 



CAD - <i 

italiano e curante T egregio suo di- 
rettore attuale Gaetano Cattaneo fin 
dal ì8o3« nella nostra Zecca coi nu* 
mismi degni di conservazione sottratti 
alle fusioni monetarie. Nel i$o8 de- 
nominato R. Gabinetto delle medaglie, 
fu arricchito posteriormente coi nu- 
mismi avuti dai Musei Corigliano- 
Caronni ^ Milllngen , Anguissola , San- 
clemente. Canonici, Collalto e Bot- 
tari, ecc. È corredato da scelta e ricca 
Biblioteca nella quale primeggiano le 
Schede monetarie del Zanetti coordi* 
nate dal dotto e benemerito Direttor 
censuario Francesco Sellati e da esso 
donategli, e la Raccolta dei monu- 
menti egizj del Denon. 

Secretar! de gabtnett. Segreiario di 
gabinetto, 

Gabinètt dicono alcuni o schen. o per 
civiltà il Càmer. K. 

Gabinettin Picciol gabinetto. 

GabiGeù, ecc. V. GabbioBÙ, ecc. 

Gàbol e Gàbola. Coso. Bordello, Arnese. 
Suol dirsi da chiunque vuol indicare 
alcun oggetto di cui o non sa o non 
si ricorda il nome. Per es. Coss'*ecl 
. quell gabol lì? . . . . Tè on garibol- 
din. CìC è egli quel coso ? . , ». è un 
grimaldello, 

Gàbola. Cabala — Raggiro, Viluppo. 
La gàbola del lott. Cabala del lotto, 

Gàbola. Pateracchio. Affaraccio. Faccenda 
disgustosa e difficile a sbrigare ; onde 
È fatto questo pateracchio vale È con- 
cluso alla meglio questo cattivo ne- 
gozio, questo affaraccio. 

Gabolà. Gabbare. Truffare t e sch. Giun- 
gere o Mettere al gabbione. V. ancìie 
Fà-sii. 

Gabolàa. Giuntato. Gabbato. Aggirato. 

Gabc»ladòr e Gabolìsta. Gabbatore. In- 
gannatore. Giuntatore. 

Gaboladóra. Gabbairice. Ingannatrice. 

Gabolin. s. m. Cabaletta. 

Gabolìsta. <&aro. Giuntatore. F.Gaboladór. 

Gabolitt. s. m. pi. lìaggiri. Filuppi. 

Gabriolé Specie di sediola con 

mantice, f^. anche in Lègn - È singolare 
che i Napol. chiamano Crapiolè una 
sp. di cappotto con manidie — La 
nostra voce procede dal fr. Cabriolet. 
Capell a gabriolé. y, in Capèll. 

Gadùn. Gabbiano, Baggiano. F. Badée. 



86) GAI 

L^ è de gadan a vorè ciappà i mo- 
sch col fabrìan. K in Mósca. 

Grafia, voce di gergo per Fattura. 

Gagin. Ad. d' <Eàcc(iie' capalU ). V. 

Gagliarda dicon alcuni per GsLrtimonim..y. 

Gàja (Ghiaja) usiamo nella sola voce 
Zappa de gaja. y, Gaijn qui sotto. 

Gajàrd. Goliardo, Possente, Forxnto. 

Gaijn o Zappa de gaja o Zappa de gaijn. 
Gravina? {y^Tg. Fìag. IV, 519). Banca 
da stipare (secondo la Crusca che 
probabilmente colpi giusto intenden- 
do da fare stipa brugh). Monca da 
stirpare (secondo il Monti che proba- 
bilmente giocò a indovinare franten- 
dendo quello stipate^ fa brugh, per 
estirpare). Beccastrino? Piccone a lin- 
gua di botta? Marra scopajola? Sp. 
di piccone o marrone che ha due 
bracci; Puno a taglio di scure. Tal- 
tro a mo^di piccone, atto ahresi a 
cavar sassi. F. anche Pìcch. 

Gaijnàscia voce conL jìcr Galinàzza- /^* 

Gaijuée. F. in Gali e in Grugnettón. 

Gaijnètta. Gallinetta. 

Gaijnètla d*or o de la Madonna. Eruca. 
Lo stesso die Cariigh o Caràgol. /^. 

Gaijnna {che anche fu scritto Gaìnna e 
Gajna). Gallina. 

Àndà a dormi a Torà di gaijnn che 
andie dicesi a Torà di tegoo&ar. An- 
dare a letto come i polli ^ cioè assai 
per tempo. 

Avegh ona sciampa de gaijnna. fig. 
Scrivere peggio delle galline ( Pr. fior. 
Ili, II, i55). K anche ir^ Rampin. 

Ave mangi aa el cuu de la gajinna 
che in contado dicono Yess él cól del 
lacc. Tenere i segreti del petto pro- 
prio non altrimetUi che il paniere o 
il vaglio V acqua(fiocc^ccìo Corbaccio 
330-33 1 ). Non saper tenere un coco- 
mero air erta. Aver la cacajuola nella 
lingua. Non saper tenere il segreto. 
Che te posset mori del maa di 
gaijnn! Tu possa far la morie gazza- 
lina!{*wei. — Voc. aret.) O che li 
venga il grosso /(Cecchi Incant. 1^4) 
Che venir ti possa il mal deltaffo- 
gaggine ! 

Chi è nassuu de la gaijnna semper 
ruspa in la poUinna. C/U di gallina 
nasce convien die razzoli o raspi. U 
lat. IVaturam scqtdtur quisque suam* . 



I 



Digitized by 



Googk 



GAI ( i 

Chi maogia la gaìjnna di oller ìin- 
pegna la soa. fig Detlato fre- 
quente fra i contadini tra i quali un 
po^ risolamenlo, uà -po^ l'abito ren- 
dono frequentissime le picciole pre- 
stanze di cil>arie. 

Dò donn e ona gaijnna fan on itaer- 
caa tutta mattinna {che altri dicono 
Dò donn e dò gaijnn fan marcaa per 
tre matlinn, o vero Dò donn e duu 
gaj el marcaa Tè beli e faj>. 2>e donne 
fanno un mercato. 

Fa el cuu de gaijnna. V, in Gùu. 

Fa el vers di gaijnn. Schianuuaare. 
r. anche Scrottà e Galèscli. 

Gaijnna che gh^ha sirene el cuu. 
Gattina che V ha ristreito(fr. contad. 
mata dal Baldovini nel Lamento di 
Cecco da Vari ungo). 

Gaijnoa che muda i penn. Gallina 
che muda, 

Gaijnna che scrotta o che voeur 
cova. Gallina covaticcia. 

Gaijnna che va a cattann o che 
va sempr^ attorna. Gallina vagante. 

Gaijnna con la scesta acoi'onna.GaZ- 
Una di cresta a paniera o a corona. 

Gaijnna coni el zufil Gallina cap- 
pelluta. 

Gaijnna faraonna. Gallina faraona 
o numidia o affricana o di Guinea. 
Sp. di gallina di color cenerino briz- 
zolato 9 che è il Phasianus MeleagrisL, 

Gaijnna mejaroeula. fìg. Gallina mu» 
gettese. Chi dimostra meno anni di 
quelli che ha. 

Gaijnna montada del gali. Gallina 
calcata dal gallo. 

Gaijnna nanna. Gallina nana. 

Gaijnna padovanna. Gallina pado^ 
vana. Gallina di Spolvererà. 

Gaìjnna rìzza. Gallina ricciuta. 

Gaijnna tigrada. Gallina brizzolata 
o varia* 

Gaijnna veggia o de Gorla. fig. Putta 
scodata. Volpe vecchia. Lo stesso che 
Fiola mia. V. in Fidia. 

Gaijnna veggia fa bon broeud; fìg. 
Gallina vecchia Ja buon brodo. Capra 
vecchia bene sbrocca; e come si suol 
dire che a siffatte galline La farina 
s'è convertita in crusca, cosi anche 
diccsi che talora alcuna di esse Fende 
piti la crusca che la farina. 



87) GAI 

Lacc de gaijnna. F. in Làcc. 

La gaijnna che va per eli V impiss 
el goss che nissun le sa. fig. Gallinetia 
va jfcr casa o ch'ella becca o ch'ella 
ha beccato. Proverbio che s'ausa per 
far intendere che non è da prendersi 
fastidio se una donna mangia poco a 
tavola, perchè Chi non mangia al desco 
Ila mangiato di ft^escoiJAxmos. p. 36i). 

La prima gaijnna che canta Tè 
quella che ha faa Toeny. fig. Za gal- 
lina che sclUamazta è quella che ha 
faJdo l'uovo. Chi spontaneo assevera 
sé non aver fatta alcuna cosa le piìk 
volte è quel che la fece per appunto. 

L^é mej ona magra gaijnna incoeu 
che on grass capon doman» e presso 
altri Ve mej on oeuv incoeu che ona 
gaijnna doman. Egli è meglio un tien 
tieni che cento piglia pif^afùoni Zucca 
p. 178 verso). Me^io è pincione o 
fringuello ut mano che tordo infrasca. 
È meglio un asino oggi che un bar" 
bero a San Giovanni. Il francese Un 
tiens vautmieux que deux tu Vauras. 

No cantasscn pù o No savenn pù 
né gali né gaijnna. F. in GàU. 

Perà la gaijnna senza falla cria. fig. 
Pelar la gazza e non farla stridere. 
Cavar ^uccello dal nidio eenza eh' egli 
strida. Anche i Fr: dicono Plumer la 
poule sans crier o stms la faire crier» 

Pioeuv pioeuv, la gaijnna la fa Toeuv; 
fiocca fiocca» la gaijnna la fa Tocca. 
.... Lo dicono i fanciulli quasi per 
invocar continuata la neve allorché 
ne veggono già alcun segno e si fi- 
gurano d^averne a trarre mille diletti, 
< e lo dicono le contadine come augurio 
di molte uova se il tempo va dolco. 

Roba gaijnn. Sgallinare, 

Stà-li a fii-giò la crusca ai gaijnn, fig. 
&ar pulcelloni. V. anclw in Rèff. 

Tutt^ognun gh^ha la soa gaijnna de 
pela. fig. Ognuno ha il suo impiccalo 
all' uscio. 

Vess fioeu de la gaijnna bianca. 6g, 
Essere figliuol dell' oca bianea{ìAono5. 
pag. 21 3). Jvere U vento in poppa. 
Aver ogni cosa fortunevole e seconda. 
Prov. tratto dal ìsLU'Mbof gallincefilias. 
Gaijnna de montagna dicono alcuni il 
Gallo o Fagiano alpestre minore. Pie- 
dolo tetraone. lì Tetrao UtrixL. 



Digitized by 



Googk 



GAL ( 1 

Gaijnna o Gaiintia veggia. fig. Gallina 
%»€cchifl^ Donna attempata* 

Oaijaiia. '6g Parruccaccia. La 

Tignasse de^Francesi. 

GaiJQfleùr. Plèjadì^ V. Gallooeùr. 

OaijnoBÙra. GaHetto{ZfiU, Diz), Fungo gal- 

, Unaccio^ Gallinaccio. Capo gallo* Gal- 
linficeio huono. Gallinaccio color di 
tuorio <rHOvo(Targ. JPi».}. Spwic di 
fungo qHo ha il cappello fsaio quasi 
oorae u«9 creata di gallina e di color 
rancio. Ne ho trovato fra Cà Banano 
' e Oliva di Lomaiiiga 9 ed é VAgaricus 
cantarellus h» e Vj^ancuf miraniius 
dello ScopoU, È mangereccio , e viene 
detto in alcuni luoghi Pinfsn o Fin- 
J^. o GiàldXn o Fonsg giald^ Ha un 
odore ohe trae a quello indistinto di 
cuoyo tfoncìo < di prugne. 

Osdinoeura spinosa che altri dicono 
Dencitl. Ga//iiCCÌ(*tosc*). Denlino(*j^X. 
**** Targ. 4^ 4cad. dm. III). Steccherino 
« o Deì9ltin0^ odorato biuono. £ VHydnum 
repatidum di Sehaaffer » altra specie di 
(kmg^ mangereccio* 

Qiafiu^.Scaltrita4fciO' Furbaecio. Lo stes- 
so che FiojU mia. K in Fiòla. 

Oaijnòttna* Grossa gallina. 

Gajò0«. .Saccaie/a. T^i^^a. Saccuccia, 
Mett in gB)QS%Jntascare, Imbisaccia- 
re. Tirà-foeura de gajolTa. Sbisacciare. 

^j^ffàMi ona rob.ba( Porta Bim, iiud. 
p. 97). htiascare. Mettere in tasca, 

Gajoffin. Tinsclìino. Dim* di Tasca. 

G^ìofTÓA^ Tk^9CQne^ 

Gajnmm* e. dell' JUo MiL per Dèrla o 
Derl^n.r, - Ed anche il Perigònio equa- 
moso o SÌA la scorza verde delle noe- 

Gàia. r. Galla, (cinoJc; 

GaUndorw Allorché si vuol 

alzare un muro o un tavolato inter- 
medio fra due viuri o tavolati late- 
rali , chi dirige la fabbrica segna in 
arabi questi lUtimi i- punti di contatto 
d^l nuovo maro o tavolato da alzarsi: 
ove sono questi segni i muratori la- 
sciano cadere da alto in basso due 
funicelle con pesi a perpendicolo 9 e 
con una teriA funicella qhe orizzon- 
tale scorre dalP una alPaltra delle già 
dette perpendicolari vanno regohmdo 
la dirittura deiralzamento. Quelle due 
funicelle laterali sono dette / Galànder. 

Galànga. Galofiga, Vjélpùda galoìtg^L, | 



88), GAL 

ÌGaUnt. s. m. ra^igggino. Damerino- Ci- 
vettone. Zerbino. 

Fa de galani. Galanteggiai* Galan- 
tiare. Fare il galante o il ganzo o il 
Mio o il zerbino JGanzare*Jmoreggiare, 
Galantadònna. Leal donna* 
Galantarla* Galanterìa, Galantéo, 

Sta su la galantarìa. Galanitggiare. 
Fare il galante. Seguir le dame. Star 
sulla idta amoroeO' Gala/itiare, Cici- 
sbeare* Donneare* Far tatiillato. 
Galantarìa. GiojeUetto. Giojetta. Galante- 
ria, Mereanziuola di lusso. 

Galantinna Specie di mortadella 

o soppressato di carni gentili regalato 
di pistacchi, spezie» cedrati, ecc. — 
Galantina nei diz.itaL è soprannome 
di chiocciola o martinaccio. Anche 
nello Scappi(0;r. p. 66) la Galauti/ia 
' è un tutfaltro oggetto, e va a numero 
colle salse e co^ savori. 

Galantinna d^animal (che anche di- 
cesi Sopressàda). Soppressati. È lutto 
di carni porcine. 

Galantinna de capon. * . Soppressalo 
in cui entrano i lombatelli e le carni 
porciae sì, ma per la maggior prie 
le polpicine e la grascia di cappone. 
Galantinna de pess Soppres- 
sato di polpe d'^anguilla, di luccio, 
pesce persico e simili. 
Galantomàsc. Amorevolaccio? Dabbenac- 
eUx ? Un buon uomo , un dabben 
uomo, un buon galantuomo. 
Galantomésim. 
Galantomìsmo. 
Galantòmm. Galantuomo* 

A fa el galantomm se deveuta nniogt 
scior. IH bene in diritto non s'arnc- 
chisce{¥ng. Non bisogna in amor cor^ 
rere a ' furia I , io). // Jiume non 
ingrossa d"" acqua chiara* È cosa rara 
rarricchire eoa arti oneste^ il latino 
Dii^es aut iniquus aut iniqtii heres. 

De galantomm. Candidamente, Leal- 
mente. Dattero, Da ones^uomo. Da 
galantuotno. Da upmo dabbene, 
El temp Tè galantomm. f^. ut Témp. 
ì^ tratta de gajaolomm Tè on boccon 

de leccarda L^agir da onesi'uo- 

mo è bf neviso a tutti ed è cosa rara. 
Falla de galantomm. Agire da galan- 
tuomo; e %. Giocar di buono* Far 
buon gitufco. 



^' I Probità* Onestà* Lealtà. 



Digitized by 



Googk 



GAL ( 

Gdantoimn de spallerà. /^.Spallerà. 

On certo galantomm Un 

certo figuro ^ uaa ^erta Iiichera d'uo- 
mo; e dtcesi ia sigoificató equivoco. 
Podè alk deuanz a qualun^ie ga- 
laDtoinm. .... Diccsi di persona o 
cosa di bella e buona condizione nel 
proprio genere « e tale che non deb- 
ba ragionevolmente incontrar rìtìulo. 
Poverelt ma galantomm. Poverino ^ 
ma dabbene{¥9g. Jst. bai. II, 8). 

Re di galantomen. Galantuomo di 
ifuei di seggio. Il fior de^ galanluomi- 
ni; una goccia d'aero; una peTla. 
Se gh*é OH ^lantomm el merita de 

vess brusaa Il vero onest''uomo 

è una fenice; de^ gnlantuoniini veri 
s^è quasi spento il seme. 

Galantomm. scberz. Compare. Ma el ga- 
lantomm el se l^era ijbbiada. Ma ito 
in altra parie il compar era. 

Galantomón. Galantuomo di quei di seggio. 
( F«g. Bifne IV, 280 ). Galantuomonc 
(\e)li Pecchi Bivali scena ultima). 

Galantòrbo in ischerzo , e talora scherzo 
equiipoco , per Galantomm. K 

Galaràa. Galì^rate. Nome di paese usato 
nel dett. Oh Ta on poo su la bru- 
cherà de Galaraa. ^. in Brughéra. 

Galarla. Gallerìa, Pinacoteca, 

Galaria. r. Bazàr. 

Galarìa, Antiporto» Antiporta. Jndito{G\kfiv. 
Voc). Andito immettente alla porta 
di una città. 

Malaria Nome di quel tratto di 

via maestra che si tagli nel seno dì 
un monte 9 così detto per rieacire di 
natura sua ad archivolto. I Galarij del 
Sempìon, La Galaria d'iole, e simili. 

Oalàsc. Gallaslròne. Gallo grosso. 

Fa el galasc. Galluzzare. Ingollata 
care. liingaUuzzarsL BaUUre. Baldan- 
^g^iare. 

Ross come on galasc. Dijitoco. Bosso 
^ fuoco. V. anche in Ross, 

Galasc. Ga/ljon^. Cappone mal capponato. 
^- Galoiùs. 

Gaiàsc^ Cai>allina. Uomo soverchiamente 
libidi aoso. 

Galateo. Galateo. Opera nota die roeto- 
"imicaroente prendiamo per Creama. 
Chi Oha inscgnaa el Galateo? C/w 
''*« insegnate U G^ateo?{tìoè le 
crearne ^ Pan. Poet. Il, xvni, 28) 



189) GAL 

Savè minga el Galateo. Non safier§ 

, o Non avere ietto il Galateo{Pttn. Poet 

lì 9 p* 558 nota 6.*}. Essere screanzato. 

Galavèrna. y. de'^barcajuoli verbanensi 

originana veneziana e registrata anche 

dallo Stratico, ma con sig. diverso.... 

Ognuno di quei quattro sei madicri 

che dai lati delia barca escono cun Un 

bracciuolo fuor d'^essa e sostengono 

i listelli ne^ quali incastrano i cercbj 

del copertine (arscionàa scerseèj). 

Galavèrna sinon. verban, di Garaèlla. K 

Galavrlnna. Capriccio. Foglia» Ticchio. 

Galavrinna per Garavlnna. F 

Galavrdn. CaJahrone , e con vece latina 

Crabrone. lasetto noto che è la Mu" 

sca crabro degli entomologi. 

Galavrón. fìg. itòocco/te (Leopardi Pàme 

62). r. Mosrón^g. 
Gàlba. gergo. Basìna. V. Henèstra. 
Galbée. Rigogolo, Uccello noto che è 
VOriohis galbidah, '— Galbce femena. 
Bigbgola{¥a^, Mime VI, 19^). 

Giald come on galbec. Giallissimo* 
Maa del galbee. F. in Màa. 
Ross come on galbee. Con un tnso 
rubicondo che par di rame. 'Che paro 
un rigogolo piuttòsto che personà(S%c^ 
chetti JVov. 74). 
Galbée. Ad. di Pèrsegh. F. 
Galberin. Bigoletùf. Migogoletio. 
Galbìnna (cAe titri dicono Sciresoeùia o 
Arbarceùla o Gandioeùra). Ciliegio' 
salvatico ? Quello che produce cilie- 
gine tutte nòeeielo. Il Pfvnus avùimlà. 
Galbinna. Ciliegia dolce? La ciliegina 
biancasti*a, diafana, dolce che è la 
Cerasa alba dukis di Ba^hin. 
Galdhi. Nome di un nostro santo arci" 
vescOiH) che si usa fra noi nei seg* dett-: 

El pan de san Galdin In. 

passato chiamatasi così fra noi quel 
pane che si limosinava ai carcerati , 
forse perchè In origine largito loro 
da san Galdino; e di qui 

Mangia ci pan de san Galdin o Yess 
mantegnuu col pan de san Galdin. Star 
alle ha Jose 9 dove h capre- non c^z- 
%tmo , o dove si vede il sole a scacchi 9 
cioè Esser prigione* f^. an^lte Presdln. 
Galdin. Sasso, Macigno. 

« Che cl« lootan riva on galdin do pes, 
» Lcvaodel de I* impegn de heu^^htencot. « 
I (iLl. Cer) 



Digitized by 



Google 



GAL ( 190 

Galèec. q> brianz.pef Galéseh. K 

Galédora. voce comuca. Gabbiano? L'oc- 
cello detto Lotus cantiM dagli ornitologi. 

Galee (che anche dicesi Piém). T. di Pellatt. 
Canale. Mortajo, Luogo dovè si ten- 
gono le pelli in concia. 

Galeggià. Sgalletiare, Sbizzarrire. Fare U 
bello - Far galloria. Gallare' Gallazzare 
— Corvettare. Brat^eggiare ( i cavalli). 

Galeòtt. Galeotto. 

Galér. s. m Sp. di soffitU di 

rami frondosi 9 piana o a volta , che 
si suol fare ai viottoli della ragnaja 
{del ròccol). È quella che nel Foc, 
berg. viene detta ^Oga/^r dol tond e 
de la pasada dol ròcoL 

Galèra. Galèa, Galera. 

Vend in galera vun. Rivendere uno. 
Sopraffare uno. 

Vess minga venduu in galera. . . • 
Non essere schiavo alla catena ; non 
si voler soggettare a lavori disorbi- 
tanti , esosi o indebiti. 

Galèra, fig Occupazione disor^ 

bitante, schiavesca; ed anche Luogo 
dove un si trovi a tale modo occupato. 

Galèra. . : . ; Nome che danno gli strada- 
juoli a quella specie di treggia della 
quale si servono per carreggiare la 
terra^ strascicandola a braccia e spalle. 
£ un po*^ diversa dalla così detta Bàg^ 
già V. Forse la voce%a origine da 
quella Galera o Galeda^ cioè treggia di 
legno, colla quale il Passalabqua ci dice 
nella seconda delle s\\e Lettere isteri- 
che (p. 345) che i Chiavennaschi car- 
reggiano il vino dai grottoni alle case. 

Galèra? Buspa. Arnese di legno che imita 
in qualche modo una cassa da spaz- 
zature hBSioiiti(portaraff), il quale 
tranato pel manico da buoi serve a 
r accorr e(ruj;9are) la terra smossa nei 
campi e distribuirla ove più si voglia. 
Se ne vede il modello nella Tav. V, 
fig. 5 e 6 del tomo i.** del Gior. agr. 
toscano, e la descrizione a pag. 5oo 
e seguenti dello stesso tomo. 

Galèsch. Gdllesco? (non è nei diz. ital., 
ma essi hanno pure pappagallesco). 

. Pertinente a gallo. 

,Cantà in galesch.'. . . . Fare il verso 
del gallo ; il volg. frane. Coqueriquer. 
Canta in galesch come i musegh. 
Strinare? Stridfre^ 



) GAL 

Canta in galesch i gaijim. GmdUart 
(Cini Desid. Ili, 8). Dicesi allorché le 
galline fanno per caso il cantar dd 
gallo, cosa che. dalle donnicciuole di 
contado è avuta per augurio sinistro 
e letale. 

Fa canta in galesch Far 

dire altrui della violina 9 fare strillare 

altrui per forza di mali trattamenti. 

Galètt. T. .di Mascalcia. F. in Galettóa. 

Galétt. Ga//etto, e per induxione daGalloi. 

zare Galluzso. Picciolo o giovine gallo. 

Giugà al galett È giuoco delle 

oontadinette brianzuole. S'^accoccolano 
in due, e Puna dice air altra 

Hai troTato il mio galletto?; 

e quella risponde 

Come r era &a T ; 
E r altra dice il come a piacere; 
poscia risponde la cercatrice 

Sì che rè qneli, n cbe Tè quellj 

e cosi accoccolate saltellansi l'una 
dietro V altra fino a che reggon loro 
le forze, e quale di ess» perde prinn 
P equilibrio quella è la perdente — 
Altre volte dicono 

Hai Tcdato il mio galletto f . . . — 

Sì . . In doTè? ..... Sv U preji (iel 

pOKZrtiO . • . — * 

Cow*el mangiava? ... — Bis e rafetto . . • -* 
Coss'el berera ? . . . -~ On biccer de -ria. . - 
Sì che Ve quell , sì che l'è qoell del mancnio. 

Quand canU i galitt o el gali el 
voeur pioeuv o Tè segn de piaur. . • 
Il canto de** galletti è per molti se- 
gnale di pioggia vicina. F* w» ^' 

Galètt per Parpàj. V* 

Galètt. T. deUe Arti. GalltsUo. Specie 
di nwdrevite con due aliettc le qnali 
servono di maniglie per apnre 
8ti*ingere la vile. 

Gaiétta. Bòzzolo , e coi Sancsi Bòcc^' 
Gomitolo ovato che il baco filugello 
tesse dintorno a sé stesso per incris»- 
lidarvisi, e di cui Tuomo tracp<tfo* 
la seta.' 11 C«ro{Àpol. ioa) lo disse al- 
tresì Buccitiolo ■— La Gaietta dei im- 
itai, sta per biscotto marinaresco, e ^« 
Galletta per una certa specie d'uva- 
Anche i Francesi dicono volgannefltó 
Gaiette nel nostro significato. 

Gaietta bergamasca che altri dico^^ 
Gaietta spagnceula o Gaietta de 1» 
somenza de Cavrin Specie 



Digitized by 



Googk 



GAL (191 

Iwzzolo brev«, roumdot di color gial- 
lo focato* e di cui ne Tanno oltre 
quattro centi per ogni libbra nostrale. 
Ebbe tra noi i suoi nomi o dalla Spa- 
gna donde la dicono venutaci t o dal 
Bergamasco ove suol essere la predi- 
letta* o da Caprino nella Val San Bf^r- 
tino ove se -ne spaccia molto seme. 

Gaietta bianca o de la Chinna o de 
Novi. Bozzoli d^ bachi della China? 
Bozzoli biancastri? 

Gaietta busa. Bozzolo follato? Boz- 
zolo stato forato dall^ insetto. 

Gaietta camozzinna. Bozzolo pestel- 
lino di color persiclUno ? Bozzolo pic- 
cino con una specie di strozzatura o 
d'anelletto rientrante nel suo mezzo 
(V. Fossétta o FassetÙnna)^ di cui ne 
vanno da cinque a sei centi per libbra. 
1 contadini pensano che siauo i boz- 
zoli delle femmine dei bachi da seta. 
Forse la diciamo Gaietta camozzinna 
da C(unoscino[morhià6) o da Camo- 
scio o Gomufo (schiacciato). 

Gaietta camozzinna spagnceula o Ga- 
ietta spagnoletta. Bozzolo pestellino 
iwanciato? Specie di bozzolo simile in 
tutto (fuorché nel colore e pel dare 
più poca sbroccatura) al pestellino 
di cui sopra. 

Gaietta che tra del vcrd. Bozzoli 
verdognoli. 

Gaietta cont el smaggin 

Bozzoli che, per essere di tessuto non 
fitto a un modo iù ogni loro parte* dopo 
breve immersione nell'^ acqua calda 
mostrano in alcuni punti un colore 
più intenso* e per quelli danno poi 
adito all'acqua e inzuppatiAe si pre- 
stano meno al moto della trattura e 
riescono più facilmente bacacci(recoa). 
. Gaietta de la Chinna. F» pia sopra 
Gaietta bianca. 

Gaietta del segn. Bozzoli col riar- 
w?(Giom. Georg. XVI, 5 19). Que'boz- 
zoU che hanno in sé il bacaccio morto 
dai cosi detto calcino (maa del segn). 

Gaietta de Novi. f^. più sopra Ga- 
ietta bianca o de la Chinna. 

Caletta fossombronna. y. pia sotto 
Gaietta romagnceula. 

^^eU9LmortA,Bozzolì stufati? Quelli 
«ne hanno in sé il bacaccio morto 
dalla stufatura. 



) GAL 

Gaietta uostranna o pajarinna* i^oz- 
zolo paglierino, Sp« di bouolo che 4 
il più comune fra noi, bislungo, di 
colore traente al carnicino * con quasi 
nessun anello nel mezzo , e di cui ne 
va meno di un quattro centi per ogni 
lijsbra nostrale di ventott" once< 
, Gaietta pontada. Bozzoli collo spunto 
(Gior, Georg. XVI, Zig e segg. e 
passim.). I bozzoli mal lavora^ nel 
due capi. 

Gaietta real o de semenza. Bozzoli 
sfarfallati* Bozzoli di seme, l bozzoli 
donde s* è lasciato uscir V insetto (el 
parpaj) per Taccoppiatura occorrente 
ad averne il seme, e dei quali si suol 
fare filaticcio fiore (Jirisell de gaietta 
real). 

Gaietta romagnoeula o fossombronna 
Bozzoli di Fossomhrone? Bozzoli zol' 
Jini? Specie di bozzoli grossi, diffor- 
mi , senza anello nel mezzo , e di to- 
lor. giallo carico, cosi detti forse pcf- 
che venutici di seme da Fossombrone. 

Gaietta smaggiada o gìx^siSL, Bozzolo 
macdiiato{Giox. agr. tose VII, 4?}« 
Bozzoli il cui tessuto riesce imbratta- 
to neir interno, e talora anche ester- 
namente* dal baco mortovi sopra la- 
voro e annerato. In Romagna sono 
detti Bozzoli scolmati. 

Gaietta soffegada. Bozzolo morto? 
S^é trovaa tanta gaietta solfegada. / 
bozzoli si sono trovati con molto morto 
(Giorn. Georg. XVI, 3x9 e passim.). 

Gaietta spagnoeula. F'. più sopra 
Gaietta bergamasca e in Gaietta . ca- 
mozzinna spagnoeula. 

Gaietta spagnoletta. F'. pia sopra 
Gaietta camozzinna spagnoeula. 

Gaietta viva. Bozzolo non ancora 
stufato ? lì bozzolo che ha il bacaccio 
tuttora vivo. 
«■ Con dent di bocconitt de gaietta. 
Bo<uoluto{Gior. Georg. XII, )• 

Catta i galctt. Sbozzolare. Sfra- 
scare. 

Coconera de galett^ico/ioo/cu/ti con 
voce piemontese la Caletterà. F. , 

Fa mori i galett in stua. Stufare i 
bozzoli(Oìov, agr. II , 393). Più autic. 
dicevasi Macerar i [ro^zo/i (Bando fcr- 
dinandeo toscano 11 giugno i654)« 

Fu;»s de la galetU. Abbozzolarsi. 



Digitized by 



Google 



GAL il 

Pastetta o Fasaettinna de la ealetta. 
Strozuitum per stmiUtudt(Targ. IsiiL 
p^ 5if). Anelìo{Gìov. agr. tose)* 
Fior de gaietta. F. in Fldr. 
Foeuja smaggiada» gaietta mai fai- 
lada. . . . Dettato briantuolo ehe equi- 
vale a dire Foggia risecca l^ozsoii buoni^ 
forse perchè avendo la foglia alcun 
po^dt riarso qua e là, conviene sia 
cresbiuta col seccore» e perciò ra- 
sciutta sperami Peducature dei bachi 
da seta di buon nodrimento ai mede- 
' simi ;' o fors^ anclie perchè ai fil«»adieri 
la foglia cosi risecca dia speranza di 
bozzoli ]^esanti meno di bacaccio e più 
di tessuto; giacché in questo mondo 
ognuno spera sempre a favor suo. 

Fondusc de galett. Fondate delle 
caìdaje da trar la «eto(Bando fbrdi- 
nandco toscano ii giugno i654 )• 

Mezza-galet t a . Boz zoli trovali di poca 
carta{Qr\ora, Georg. XVI, Sig e pass.). 
• Nass di galett. Sfarfallare, 
Gaiétta. T. degli Smaltatori. . . . Lastnic- 
eia petrosa che fa T uffizio di ferrac- 
cia per que* lavori di smalto che si 
hanno a sottoporre air azione del 
fuoco. Pare voce franzese d'origine 
{galet piastrella, o ga/e</e' focaccia). 
Gaiétta. Ad, d't^z. V, (zoli. 

Galettàmm. Bozzólame» Quantità di boz- 
Galettéra. Bo%zoliera(Oìom, agr. Vili» 
ia5). Stanza dove i filandieri tengono 
in serbo i bozzoli; il magazzino del boz* 
zoli nei filatoi e nelle filande; quello 
che i Piemontesi dicono Coconera, 
Galettin. Ga//e//£/io(Bel]iucioni Son. fra 

i Burch, 256). Picciol galletto. 
Galellinna. Bozzoletto(Redi Op, VI, 3i). 
Galettón. . . . Bozzolo grosso , ma floscio 
e di tessuto rozzo • fatto da un solo 
baco: è diverso dal Dobbion che è il 
bozzolo grosso fatto da due bachi. 
Ga]etl<hi e Galett. T. di Mascalcia. Galle, 
Malore che viene nelle gambe ai cavalli. 
Galfión. r, Sgalfión. 
Galin. Cappietto, Dim. di Cappio. ^. Galla .- 
Galinàzza che i contad. dicono Guijnà- 
scia. Acceggia, Beccaccia. Specie di 
uccello che gli ornitologi chiamano 
Scolopax gallihagO. 

Galinàzza cont i spcron. met. Gal- 
lina veccìììa. Si dice scherz. per de- 
noture>uua donna che sia suirclà. 



93 ) GAL 

Galinètt de- la Madonna. F. Gujaètt 

Galinètta. Cenionchio ro^o(Targ. Ist.). 
Anagallide maschio del Vattiolo. 

Galinoeùr. s. f. pi. Gallinelle, Gàlktle.Cm 
chiamasi dai ooatsrdini quel grappo 
di stelle cui gli astronomi dicoao U 
Plejadi é i poeti anche Le Pliaà 
Le Jadi o Le Stelle jade, 

GelHt e fra i coni. delPAlto Mil. Galìcegh 
o Gaikegh. Sollético. Dilético, IHleti- 
camento, Diliticafnento, 

Fa i galitt. Solleticare. Dileticm. Dì- 
liticare, Stazzicare altrui leggermente 
in alcune parti del corpo che cosi 
stuzzicate incitano a rìdere e sguii- 
tire. Il greco ympyaXi^ià. 

Pati i galitt. Ifon poter patin i/ 
solletico, 

Galitt. Gallón%oli. Broccoli di rapa, Bnc- 
colini. BroccoleHUTarg, IsdL III, a5, 
34 ® 35). I talli delle rape. 

Galitt) v. cont. e spec. dell'Alto Afiian. 

I talli di cavolo eoa alcune 

po^ di foglie senza grumolo; i gtdhit- 
zoli dei diz. ital. , con questa diversi- 
tà ch*es6Ì li riferi^couo alle sole rape. 

Galittà disse forse troppo anUUunenic 
il Porta per Fa galitt. F, , anck 
per Frugare» Rovistare, Armeggiare, 
Cercar per di fuori. 

Gali. GtUlo. Il Plìasianus gallus degli 
ornitologi. £sso ha cre5ìB{scèsta\ bar- 
gigli(^<iH^/i), e6proni(j/70ro/i); quando 
é in furore rigna; al tri mente fa delie 
chicchiriate o sia canta ciùricchiccliì. 
Gali d' India. Gallo lanaio iti 
Giappone, 

Gali de montagna. Fagiano nero 
alpestre. Il Tetrao urogallusl- — ^^ 
anche il Fagiano di monte che alin 
dicono Gai j una de montagna. A^- 

Gali gaiiuee. Gtdlo gallinaccio -'^P^ 
si usa per denotare un Uom cavaUinOì 
cioè soverchiameule libidinoso. 

Gali padovi^i. Gallo padovano à 
Spoherara, 

' Gali nzz.GatlodiFrisiaoGalloncao. 

— A l'ora che canta el gali. Al i^^ 
licinio.' 

A Natal el sbagg d' on gali. // à 
di san 2'ommè cresce il di guanto d 
gaUo alza il pièi*iù5C, - Last. Pw. Vi 
260 — Vettori Colti*^, Ulivi pag- ^^^ 
noia 2.'). r. anche in Nalàl < ii«ì»' 



Digitized by 



Google 



GAL 



('93) 



GAL 



No cantasMB pù né gnll né gallìiina 
o gajjiuia. Non se ne saper pia bruscol 
né bruciaticcio (F«g. Astulo Mordo , 
J, vi). Non av«r più nuova alcuna di 
checcbessiat non sentirne più motto *— 
£d anche E$ser messo o lasciato nel 
dimenUcatojo* Spegnersi il seme ( di 
checchessia ) come de* cani gialli^ cioè ' 
uscir d^uso una cosa, andare in di- 
menticanza. 

Pari «I gali de madonna Checca. 
Essere il gallo di Menajiore (foiose per 
error di stampa e da dirsi Monajiore; 
•fior. — Pan. Poet, 1, xxxvi, 1 1). Es- 
sere il gallo di Afadonna Fiorai Rime 
aut. pis.). appiccar il majo ad ogni 
casa o ad ogni uscio» Innamorai'si da 
per tutto ; fare il graaiaso con tutte le 
dame; essere TAdone di tutte le belle. 
Quand canta el gali el dessegna de 
pÌGRUY. Quando il gallo canta a poi- 
lajo aspetta Pac^ua nel grondajo{*ìo5C. 
— List. Prot^> V, a57). 

Boss come on gali cAe anche dicesi 
Ross come ona brasa de foeugh.. Ac^ 
ceso in viso, V* anche in Ross. 

Vess duu gaj in d' on pollee. fig. 
Essere due ghiotti ad un tagliere. 

Gali. Gallo, Nome proprio usato nei det. 
Se fa beli la festa o el di de san 
Gali, el fa beli o dura el beli finna 
a Xatall. . • . Prunostico 4^ tempo , 
«spesso fallace* il quale però tra le 
genti di Brianza frutta un bel privile- 
gio siile donne, poiché se nel giorno di 
san Gallo il tramonto del sole è sereno 
le chiavi del granaja sono affidate alla 
moglie capoccia(a/a resgiora)'^ mentre 
lì* è torbido le serba il capoccia stesso 
pel* indicare necessità di risparmio. 

GùlI. Ghiova? Gran tappo di creta col 
quale si tura la bocca della fornace 
perchè non ne esca la colata. 

Giill di giardiu. Tanaceto^ 

Guli o Spinèll. T. de^Manisc. Galle. V. 
Oalettón. • 

Gràlla. Galla. Nome proprio — ^^ìm come 
la tila de santa Galla. V. ih Tila. 

Galla. Cappio. Galano. Nastro accappiato 

che serve d^ornamento alle vesti e sim. 

l^ggier come ona gall9>^* <a ^^gg^^r. 

Galla. Galla. Àndà a galla. Galleggiare. 
Vegni a galla dò o tré voeult prima 
de nega. /><»/« i tifl/i, 

rei ir 



GaMa. Gala» Parata — Star sulle gale -^ 
Essere in gala -^ In gran o tutta gala. 

Galla e Galk d* Istria. Gafla d'Istria, 

Galla. Gallare. Galla i ceuv. Gallare o 
Fecondar le uova. 

Gallàa. Ad. <f (Eùt. F. 

GaUadùra. Ingallamenta. Punto saltante. 

Gallese. Gallasirone. 

Galleggia. Corvettare. Bufweg^are. Gayal! 
che galleggia. Cavallo corvettatore. 

Gàlièsch, Gallètt, Galletthi , ecc. F» Ga- 
lèsch, Galètt, Galettìn, ecc. 

Gallètt. V a. Daz. Mere. Galla d'Istria. 

Gallètt. Galle, r. Galettón. 

Gallòfer o Gallòfor o GaròfoL Pìola pi^ 
sana o Fior garofano (Borgh. Riposo 
I , 380 ). Garofano. Fiala garofana' 
ta. Glterqfano. Grqfano. Fiore notissi- 
mo dei var j Dianti de* bot -— F. anche 
S^cioppón , Damiana , Rosa d** Olan- 
da,, ect*. 

Gallofer de cinqu foBUJ. Violine, 
Viole scempie o di cinque foglie. Il 
Dianthus caryophjrllus dei botanici — * 
Fig. Schiaffo. V. SlaVión. 

Gallofer moscaa^ Garofani vergati -^ 
Garofani briz%olati. 

Gallofer s'cioppon de quìj pù avert. 

mei. Persona sdUetta ^ leale ^ incera. 

On verz che par ou gallofer. F. Vérz. 

Galloferìn. ) Dim. di Gallofer. Fioletia. 

Gallofrin. 1 Violina. 

GallofrÓQ Viola grande. « 

Gallón per Garon (cojcca). V. 

Gallón. Gallone. Guamiiiobe d^uro, d^ar- 

genio o di seta tessuta a mo** di nastro. 

Sopressà el gallón sui cusidur» iig. 

Bilrovare o lìagguagliare o Spianar le 

costure. Bastonare. 

Gallón de Levunt. Gallone. Sp. di galla. 

Gallonò. Gallonarci Listare. 

Gallona a. Gallonato? Listato. 

Gallonée. Fenditor di galloni. Fabbri- 
cator di galloni'. 

Gallòria(ln). Ingalluzzito. In gallòria» 

Gallòuer. Foce usata nella frase 

StÀ sui gallozzer che anc/te dicesi 
Sta sul quinci e quindi. Aver fummo a 
albagia. Stare in sull'onorevole o sai 
gramle o in sul grande 9 in sul grave^ 
in sul severo 9 in sul mille. Tenere una 
certa gravità più che non conviene 
al 5110 grudo, così nel parlare come 
ncli'' andare e in ogiii propria azione. 

25 



Digitized by 



Googk 



GAM ( 194 

Galoeiis. Gallervne(^eài Op, III, 189, 
nota, elle è di mano toscana). GalUofie, 
Gallo mal capponato il quale si rico- 
nosce dairavere spesso alcun residuo 
di cresta che gli fa come tigna in sul 
capo. ' , 

L* è on galoeus. Non è un cappon di" 
ritto{*direl. — Voc. aret.); cioè non fu 
privato affatto iffatto d^ambi i granelli. 

Galonà , Galonia. F* Gallona f Gallonàa, 

Galonòtt. K Garonòtt. 

Galòpp. Galoppo y che si distingue in 
foìso^ giusto e dvnmito, 

Andà o Corr de galopp. Andar di 
galoppo* Galoppare. 

Galoppa. • ... in gergo per Minestra. V> 

Galoppa. Galoppare parlando di cavalli \ 
e fig. parlandosi di persone Menar le 
seste ^ Camminar di fretta, 

Galoppàda. Galoppala,^ e fig 

Gran camminata. 

Dagh ona galoppàda. Galoppare, 

Galoppé. s. m. Ga/op;7a?(*lior.). Specie 
di ballo ungherese, cosi detto dal- 
r imitare quasi il galoppar de*cavalli. 

Galoppin Picciol galoppob, una 

delle andature del cavallo. 

Galoppin, Servito ruzzo. Servigiale. Gio- 
▼anetto che si manda in qua e in là 
per varj servigi; il fra^c^se Galopin 
— Cursore, 

Galòs. Gàllionei V, Galceùs. 

Galùpp. Garzone. 

Galuppèlt. Garzonetio. 

Galuppòtt Garzonotto. 

Galìitz. p. hrianz. per Carùspi. . y. 

Gamaùtt. Gamniautte. Gammaut, Specie 
di Ferro chirurgico. 

Gamba. Gamba ^ e in gergo Calastra. 
y* anche Gambòtt. 
Schinca. Stinco » Polpa. Polpaccio, 
A. gamba levada. Di tutte gambe, 
A gambe, A t^tio corso, A corso pieno. 
A mezza gamba. A mezzo stinco. A 
mezza gamba(Cini Desid. IV, io) — > 
ùg. V. ancìte pia sotto Crompà , ecc; 
Andà a gamb avert. Andare a sciaC" 
q^abarUi;'e questi tali che così cam- 
minano fra di noi diconsi Marchionn 
di gamb avert. y. in Squanquanà. 

Andà de gamba. ... I caciai dicono 
che M laU el va de gamba allorché 
per essere ben maturo percorre alla 
presta 1 var] periodi della caseificaz.* 



) GAM 

Andà-via con la eoa in mexz ai 
gamb. fig. Mettersi la coda o Andar- 
sene colla coda tra le gambe. 

Avegh bonna gamba. Esser bene in 
gambe — Avegh bonna gamba per 
canta. Aver buona gamba a cantare 
(*fior. — Pan. Poet. II, xxxiu , 35). 
Quel che i Fr. dicono Avoir la nuùn 
bonne pour chanUr^ et la i^oix pour 
écrire. 

Avegh i gamb che fan giacom giacom 
o jacom jacom o lipp lapp. ^v«r le 
gambe che ci fanno jacomo jacomo 
(Monig. Serva nob. I, 21). Far jacomo 
jacomo i to//oni(LaIli En. trav. IX ott. 
ult.). Aver le cosce clic ci si ripiegan 
soUO{laAC9i Strega IV , i). Avere gran 
paura o debolezza. 

Avegh i gamb de strasc o che pa- 
ren duu strasc. . . . . Avere le gambe 
di cartapesta. 

Avegh i gamb faa a ixa o a zetta. 
Avere le gambe a bcdestrucci^ cioè 
storte. Il Crudeli disse 

« QutDci si f«c« innanzi don Vulcano 

« Cb« camtninikndo rappreteiiU un zèta. » 

Avegh pà de gamb. Essere spedato , 
stracco oltre modo. 

Avegh roti i gamb. Aver tronche le 
gambe. Star male in sui picciuoli. 

Ave sott gamba vun. Ridersela. Far^ 
gabbo o Non si pigliar pensiero di uno 
— Jouer quelqu^un sous jambe dicono 
anche i Francesi, y. altresì in Possèss. 

Ave sott gamba ona robba. Aver 
c/iecchessia come ber un uovo. Pigliarsi 
in giuQCo o ischerzo o a gabbo una cosa. 
Aver cliecchessia per baja o per beffa. 

Cont i gamb vunna sora Toltra. 
OfUe gambe soprapposte(Was). Con una 
gamba sopra all'altra{¥ag.ìiim£ Il^SSj). 

Corr a gamba le vada. />aWa a gambe. 

Crompà a mezza gamba. Comperare 
a pregiòlo(Tar^. yiag, VI, 5). Oym- 
perare a mezzo prezzo{2anon. GeL Crei. 
I , a ). ^vere per un tozzo di pane — 
Avoir quelque chose pour une pièce de 
pain dicono anche i Francesi. 

Dà-via o Vend a mezza gamba, yen- 
dere a mezzo prezzo, yedi sopra. 

Drizz come i gamb d^oti caa. y. in 
Drizz. 

Faccia franca, bosia pronta, e gamba 
lesta Al mondo non ha buona 



Digitized by 



Googk 



GAM ( 195 

sorte chi non ha prqnte le hagie« 
pronta la gainha, e fronte invetriata. 

Fa el t>ass adatUa a la gamba, fig. 
Misurarsi, Essere uomo assegnato. Be- 
sogna fa el pass segond la gamba, fig. 
Bisogna fare i bocconi a misura della 
bocca 9 cioè misurare le spese colle 
entrate. 

Fa el pass pussee longh de la gamba, 
fig. Imporla o Intonarla tropp'alta^ 
cioè Tenere vita da più che non com- 
portino le proprie facoltà -— Talvolta 
vale MeUere troppa carne a fuoco — 
Tal altra volta Non misurarsi;' mettersi 
a impresa clte non sia da noi^ o della 
quale non possiamo riuscire ad onore* 

Fa gamba. Fargamba{Cre%fXitì%iAgr, 
111, io). Bingambat^Fag. Av.punA^ 3). 
Far buona gamba. Addestrar la gamba 
a far viaggio, rendersi più atto a cam- 
minare Goireserciuo. 

Fa gamba o Fa i gamb. Borea gambe. 
Darla a gambe* Fuggire a tutte gambe; 
scherz. Giocar di piedi. Usar lo spa- 
done a due gambe; ant. Ingambare — > 
Per lo più CIù non ha cuore ha gambe. 

Fin che la va la gVha i gamb o 
vero La va la va fin che la gh' hai gamb. 
Clie ella duri diceva Gian Bracone 
(Redi Op. Ili, p. 217). Fin che laiHi 
l'è t'iVa(Monig. Il Pazzo per /orza 
II, 3). Ogni cosa dura quanto può 
(Adimari Son. fra i burchielleschi a 
p. 373). Cile la duri disse quello c/ie 
aisc4ZPa(Cini Vesid^ I» 3). Tutti modi 
che si.usano a denotare che una data 
cosa non è per avere gran durata , e 
che debbe o un di o T altro mutarsi. 

Gamb fusellaa. Gambe affusate o 
affusolate. Gambe sottili e schiette. 

Gamb slort. Gambe a ò{7ia(Fag. Bime 
V5 Lod. Brutti). Bìlie. F. Sciàbel^g. 

Gamb che paren duu stecch. Gambe 
spolpate. Balestri. Fuscelli. Dueflidei. 
Gambe dijinjoccìd. 

Gamba de ferr. Gamberuolo. 

Gamba de lego. Schiaccia. 

Gamba impiagada. Gamheraccia. 

Gamba juttem o Gambetta juttem. 
Gamba mia non è vergogna il fuggir 
quando e bisogna(*ùoT. — Zanon. Bag. 
van. p. 5a). 

Gamba In lece e brasc al coli. Gamba 
« lefio e braccio al petto? A guarire 



) GAM 

i malori delle braccia e delle gambe 
anzi tutto vuol essere posarsi; per- 
ciò braccio fasciato e posato , e gamba 
posata in letto. Le Ut est Vécharpe de 
la jumbe dicono anche i Francesi. 

Gamba snella. Gomita lesta 9 leggie-- 
ra^ veloce i svelta ^ snella. 

Gamba succia o sutta. Gamba scar- 
setta , scarsa , scarica , schietta -— 
pari, di cavalli Scarico di gamba. 

Gamba zoppa. Ciaiu;a(Rim. Aut pis.). 

Gamb e garon je po^ vede ogni min- 

cion Dettato contadii^esco 

denotante che le faccende campestri 
accordano a chiunque facilità di ve- 
der nudi gli arti inferiori, senza che 
ciò dia luogo a quello scandalo che da- 
rebbe in città. 

Incroseggià i gamb Incrocic- 
chiar le gambe; far delle gambe croce. 

Lamentass de gamba atnkSi.Lamenfarsi 
di tre per cardo {P^uìi Modi p. 291)9 
cioè lagnarsi di trovare sole tre ca- 
stagne in ogni cardo o riccio, mentre 
quel numero è il più che vi soglia 
essere). Lamentarsi di Brodo grasso 
adi gamba sanaifiionos. ]p. io). Uccel- 
lare o Pigolar per grassezzp.. Barn- 
mancarsi o Dolersi di gamba sana, f . 
ancfie Fiangin. 

Menai gamb. Sgambettare. Gambet- 
tare^ e famig. Sonar le campane. 

Mena la gamba. Tentennarla. Lei- 
larla. Ninnarla. Dondolarsela. Sdon- 
zellarsela. Sdonsellarsi* Donzellare. 
Grattarsi la pancia. Stare a man giun- 
te o a grattaci culo o cortese o ajato 
o a dondolo. Tenersi le mani o St€ur 
colle mani a cintola. Imbottar la neb- 
bia. Stare in ozio o a diporto. Consu- 
mare il tempo senza, far nulla — 
Fare il bello in piazza^ Piazzeggiare. 

Mettts in gamba. Far gamba — fig. 
Allestirsi. Accignersi. Prepararsi. 

Mett i gamb in spalla, fig. Metter Valle 
(Lasca Gelos. II, 4)« Correre in giub- 
bone. Mettersi o Cacciarsi la via tra 
gambe. Impennar il piede. Metter Vali 
alle piante o Vali al piede. Menar le 
mani a correre. Affrettarsi grandemente 
a correre. Prendre sesjanibes à son eoa 
dicono anche i Fr.(Roux Dict.). Meta- 
fore lutle quante forse troppo ardile. 

Mett la eoa in mezz ai gamb. r. Cóa. 



Digitized by 



Google 



CAM ( I 

Podè mingtt raxè-adree i gamb. Wi^fr 
' tronche le gamhe; e m per inaUttia 
Portare i frasconi. 

Racomandass ai gamb o Fa i gamb. 
Diore o Darla a gambe* Fuggire. 

Romp i gamb. Rompere k gambe 
(Vas. 5i) parlandosi deir effetto cbe 
saol produrre sulle nostre gambe il 
salire per una'erta o per iscale ripide. 

Seatiss in gamba. Sentirsi bene in 
g^am&e (Politi ìngann. I, i). 

Senza gaiìib. Sgambuto. 

Sta ben de gamb. ) Essere o Sen^ 

Sta ben in gamba. S tirsi bene in 
gambe. Essere forte sui picciuoli ; e fig. 
Essere uomo che sta su due piedi, cioè 
cbe è in istato fermo , s<rfido , sicuro. 

Sta francb in gamba. Tenere agli 
arcioni o Tenersi agli «ndtoiu(Barbe- 
rino Documenti d'amore VìC, i). Ba- 
dar bene a quello cbe si fa. 

Sta maa de gamb. i Esser debole 

Sta maa in gamba, i sui picciuoli. 
Non poter la vita o le polizze. Portar 
i frasconi. Inciampar né* ragnateli^ e 
fig. Rendere mal suono. 

Tajà i gamb. Tagliar le gambe; in 
gergo Einfonder le calastre — fig. 
Dar sulle mani o sulla dita o sulle 
nocca altrui. Dare alle gambe. Dare 
il gambetto. Dar di bianco'. Attraversar 
i negozj ad alcuno , interrompere gli 
altrui avanzamenti. 

Tajass i gamb lor de per lor o sim. 
Darsi del dito nell'occhio. F. in Zappa. 

Vess in gamba o Ves^ de bonna 
gamba. Essere bene in gambe; e scberz. 
Esser forte in sui picciuoli — Talora 
vale pure Aver sempre ago e fio; cioè 
esser sempre alPordine. 

Ve&s on vioron de gamba de sona 
cont on stanghetl. F. in Vì'orón. 

Via a gamb. E uia a tutte gambe! 
Gamba. Fusto delle piante in genere; 
Calde delPcrbe e degli arbusti ; Canna 
o Cjulmo delle gi-aminacec ; Scapo del- 
le llliacee ; Stipite de* funghi ; Tronco 
degli alberi ramosi e legnosi; Gam- 
bale della vile ; Stelo 

Gamb de vescia. ^eccm/«( *pis. — 
Gior. Georg. H, aSa). 

Gamb di fasoeu. /Vigio/a/ì(*pis. -ivi). 
Gamba nelle arti y. Gambétta a.' sig. 
Gamba Nome di quelle gruc- 



96) CAM 

cette cbe reggono lungo vìa le pareti 
il filo dei cempanelK da stanza. 

Gamba. T. di Calligr. Asta^ e per lo più 
Asta discendente. La gamba del pee. 
L'asta del pi. 

Gamba. Gamba(Di%. nus.). Qudla linea 
delle note di musica che s^ attacca alla 
testa e scende o ascende pel rigo. 

Gamba. Asta. P\isto(ì>iz. art. in Cldodó). 
L^ago del chiodo che i Fr. dicono Lawx. 

Gamba Nome di ognuno di qne'due 

bracciuoli d^ uno sperone cbe abbran- 
cano lo stivale ed hanno un bottoncino 
colla fibbia da allacciare i sovattoli. 

Gamba de compass. Piè(Bart. Mis. 81 
e pass*). Braecio(ÈÌb. enc. in Nocella). 
^^te(Galil. Del compasso). — Gaiiilw 
tajenta de compass. Tagliacerchio. 

Gamba), s. m. pi. GambiereC^or.), Gam- 
bali(*t09c» — Zanob. ih'».). Forma da 
allargare. Gamba di legno bipartita 
che s* introduce negli Stivali per allar- 
garli» forzando i due pezzi con una 
lunga bietta. Il fr. Embauchoir — Gam- 
beUe nei diz. ital. significa soltanto 
pedale d^ albero — Dividonsi in 

Polpa. Grosso » Denans. Stinco = 
Ghignoeu. Pianta o Bietta. 

Gambaj desnodaa. Forma snodata. 

Mett in gamba I Introdurre i 

gambali negli stivali per aver agio di 
ripuliti, o per farli slare in forma. 

Gambaràda. Gioggiata. Scempiata, 

Gambarànna. F. Cà e Casa. 

Gambai^e. Gronchia jo. Raccoglitore 
venditore di granchi. 

Gambaréra Vivajo di granchi. 

Gamba réra Sp. di picciola rete 

di maglia stretta che si manda io 
acqua con sugheri e sassi. 

Gambarèssa. Granchiessa ? 

Gambarèssa. T. d^Agric Specie 

di vangile alquanto diverso però da 
quello che chiamiamo Gàmber. Fr, 
e la diversità è questa. Il Gamber a 
è Stecca infitta nel manico della vanga 
a qualche altezza e isolata da essa; 
o è una Lastra piatta di ferro racco- 
mandala per un lato al manico della 
vanga e per T altro alia vanga stessa 
a cui aderisce immediatamente lungo 
tutto quello de^ suoi lati sul quale 
premesi col piede» facilitandosi così 
la pressione e difendendosi U piede 



Digitized by 



Google 



CAM ( I 

stesso dal Uglienle superiore della 
VttDgà. La GamàareSiéL ÀnYeee è Lastra 
di ferro uguale al Gamber e «avente lo 
stesso scopo ) ina è collocata ijn modo 
che dista qualche dito dal tuglietite 
superiore della vanga ed ha inoltre lo 
scopo di allungar per cosi dire una 
y»nga logora, vecchia, corta, e im- 
pedire a questa di affondar sé e il 
piede premente nel terreno. Il Gam- 
ber quando è di legno si assùmiglia 
nello scopo alla Gambaressa. - 
Gambarìn. Granchùfo{Vouì Zucca^ p* i5l 
retro). Gamberello. Granckietto. Gran- 
chiolino* Dim. di Granchio. 
Gambarmp^rGàmher salvadegh o roaft.r. 
GaoibarÌD.met.OraiicAÌ0fio? e ooh. Jòba-- 
^/iu?so( Brace. Rin. /><a/. 5i . Gher./'7)c.}. 

Ganibarìo. fìg Rò;!iza, rozzella. 

Gambarón. posit* e lig* Granchione pò- 

sit. e fig.(Caro Apol, pag. 191 )» 
GtmbùTÓnMahbioneJHerendone, V. Badce. 
Gàmber. Gambero. Granchio» 

Andà inanz come i gamber. Fare 
come il gambero» Muos^ersi coinè il 
gambero. Dar addietro, ire a ritroso. 

Ciappù o ¥k ou gamber. fìg. Pigliare 
m granchio. Pigliare un granchio a 
secco ^ un granciporro. Ingannarsi, pi- 
gliar errore. 

Ciappa di gamber. Fare un mazzo di 
granchi; e nob. Pigliare degli abbagli 
(Cccchi Com. ined. p. 53. Gher. Fcc). 

Cov de gallar. Code di gamberi{Tnn» 
Econ. p. 535). Noi usiamo regalarne le 
luppe di riso, i cappon magri e sim. 

Erba cruda e gamber cott no las- 
sea mai dormi tutta la nott. F". in Èrba. 

Gamber boaa. Granchi teneri o mu" 
ta/{{$cappi Op. p. 157 e pass.). Anche 
il Magalotti(£ett. scient li, 109 e no) 
chiama Granchio duro il Gamber, e 
Granclùo tenero il Boàa. 

Gamber boaa rostii. Granchi /ritti. 

Gamber cott dicevansi per isch. gli 
Alunni del Seminario elvetico perchè 
incedevano in sottana rossa. Anche in 
Palermo chiamano Lagusti ( gamberi 
aragoste) i chierici della cattedrale 
perchè vestono zimarra rossa. 

Gamber d* acqua dolza. Gambero 
fluviatile* Il Cancer astacuslt» 

Gamber de mar. Gambero marino. 
Il Caneer crangonL. 



97 ) GAM 

QLucc de gamber. F. in (Eùcc. 

Pari on gamber cott* £$ser rosso 

come un gambero Coito (ÌHonos. j;5). 

Parere in viso un gambero arrostito. 

Boss come on gamber. Roèso come 

un gambero{*&w. — poem. aut. pis.). 

Ross come on gam)>er. . « . . Dicesi 

anche dei drappi neri che hanno smar** 

rifa la primitiva nerezsm. 

Gàmber I contadini chiamano cosi 

quella costellazione che gli astronomi 
dicono Orione. 

Gàmber. tìg. Un fagiolajo{V^n. PoetAl, 
XXIV, i3\ Un corbellone. V. Badée. 

Gàmber nelle arti ha spesso il sign. ge- 
nerico dell' italiano Uncino , Graffio. 

Gàmber. T. de" Falcg. Granchio. Ferro 
o Legno piegato, forcuto, dentato, il 
gambo del quale è conficcato nel pan- 
cone da lavoro , e serve ad appuntel- 
lare ì legnami perchè non iscorrano 
mentre si vuole piaUarli. 

Gàmber. T. dMntagl. in legno 

Nome di que" due ferri dentati simili 
a barletli coi quali si fermano i così 
detti bancal sul banco da lavoro. 

Gàmber che anche dicesi Gambarìn fig. . . 
Rózza , rozzetla , cavallaccio. 

Gkmber. Fangile, Stecca. Presacchio. Quel 
ferro o qqel legno che si mette nel ma- 
nico della vanga , e sul quale chi sta 
vangando pi*eme con un piede a tìne 
d"* aggravare la vanga e profondarla 
bene nel terreno* F* anche Gambarèssa. 

Gàmber. T. di Stamp. Duplicato. Vuf)li- 
catara. Ciò che il compositore iuav- 
vertcateroenle raddoppia. 

Gàmbei\ s. m. pi. T. di Stamp. Carrucole. 
Gnx/^ ( Chambers Encid.). Uncini di 
ferro, d** acciaio o di bronzo che, ia^ 
chiodati sotto alla cassa del torchio 
da stampa, scorrono sulle spade(ca- 
rensg), e traggono sotto al pirrone tutto 
il carro del torchio stesso. Gì' Inglesi 
li chiamano Cramp-irons^ e i Fran- 
cesi Paites o Crampons. 

Gàmber de la scìloria> . . . Uncino th^è 
in eapo al burettoj 2riira) deir aratro 
p«r attaccare T anello ove sono ac- 
coppiati i buoi o i cavalli. 

Gàmber de terra o matt o salvadcgh 
dello anche da alcuni ZuccardBÙla o 
Ganibarin. Zuccajuola. Grillotalpa. In- 
setto che i Pisani chiamano Rìifola^ 



Digiflzed by 



Googk 



CAM •( 

akuni autori Talpa deW Imperato ^ e 
gli entom. Gryllus acketa grfllotalpa. 

Gambètt. . . . Negli ergastoli si chiamano 
così i ferri in cui mettonsi i condannati. 

Gambétta- Gambetta. Gamhuccia. 

Fa i gaiQbett. Daria a gam^ .Fuggire* 
Gambetta juttem. 1^. in Gamba. 

Gambétta o Gamba (secondo grossesza).^ 
Gambo» Pieeiaolo, Dicesi gen. dagli ar- 
tigiani a qnelia parte di un arnese che 
serve a reggerlo e a poterlo adope- 
rare. Così per es. nei bottoni dicesi 
Gambétta {gambo o picciuolo) quello 
per cui si attaccano ai vestiti; negli 
spillettoni da petto Gambetta (ago?) 
quello per cui s^ infilano nelle cami- 
ce, nelle cravatte, nei gilè. 

Gambétta. Staffa. Quella traversa nelle 
fibbie che ha in sé infilzato Tardiglione. 

Gambétta. Coda, Parte dello scatto. 

Gambétta. .... Parte del bacinetto. 

Gambétta. T. de' Fomaciaj. ... La cin- 
qtiina addoppiala in altezza , cioè 
la fila de* matton crudi posti a ra- 
scii^are alFarìa aperta , composta di 
cento e nfille se vuoisi per lungo , 
ma sempre di dieci sovrapposti Tun 
r altro per V alto. 

Gambetta a bocca de loff. . • La cin* 

quina suddetta a testate quasi vuote. 

Gambetta a bocca pienna. . . Quella 

a testate quasi del tutto otturate. 

G8mbelta(Caregà a), p^, in Caregà. 

Gambétta. T. di Cart. Stanga, Quella 
parte de"* mazzi delle piie(y^//) la 
quale, premuta dal fvLseììo{ste^etta) 
battuto alla volta sua dalle pale {par 
leu) dcir albero, fa cadere i mazzi 
medesimi entro gli stracci per pestarli. 

Gambln. Gambuccia. Dim. di Gamba. 

Gambhi. Segrenna, Malescio. Scrialo. Ar- 
fasatto, Uomo di debole complessione, 
che sta male in gambe. 

Gambln > dicono in alcune parti del 

Gainhiroeù i contado e della Brianui per 
Bure{Gìor. Georg. V, 4 > ^ ^^SgO* ^<'~ 
m. f^, Burètt.. . 

Gambiroeùla. Gambetto. Sgambetto. Gam- 
betta. V attraversare improvvisamente 
alle gambe di chi cammina un piede 
o altro per farlo cadere. 

Dà ona gambiroeula. Fare o Dare^ 
il gambetto o la gambetta. 

Gambirolilt. &. m« pi. Due elidei. 



198) GAM 

Gambi^a. T. cent. Collare? Collana cbe 
si mette al collo alle vacche per as- 
sicurarsene. Consiste in un randello 
rimondo arcuato a fuoco ancor ver- 
de. È diverso dalla Canàvra. #^. 

Gambolò. . '. . Nome d'^un paese deD' C^- 
trepò pavese che s* usa nel detU seg. 
£1 ciirat de Gambolò. F. Pjfpp. 

Gambón. 9. m. . . . Uom gambemto, uomo 
che ha gambe grosse e malatic^e. 

Gambòn. s. m L'^asta del cosi detto 

retteli dei funajuoli(r«/eav). 

Gambón. s. m. pi. Gambe mazzuole 9 cioè 
tonde ed enfiate per eccesso di fatica. 

Gambòtt. s. f. pi. Colonne €\g. Vezzegg. 
di Gàmb. Dò bej gambott. Gambe bea 
dintomateiCtLTo Jm. post 97). Due 
belle colonne. 

Gamb-sècch. Fungo color d'FuMÒelUu 

' Sp. di fungo mangereccio , poco nolo 
fra noi benché comune , detto Nagel- 
sehwamm dai Tedeschi e Utousseron 
d*automne dai Fr. — Assaggialo crudo 
ha sapore di chiovi ' di garofani ; e 
perciò fu detto bene da Schaefier Ago- 
ricws eariophyllaus. 

Gambùs. Cavolo cappuccio o bianco. 
Gambagio{*VìV. — Zanob. Diz.). Sorta 
di gran cavolo bianco che fa il suo 
cesto molto sodo e raccolto, per lo che 
alcuni lo dicono anche Cavolo a palla. 
Forse dal Choux cabus dei Francesi. 
Il Re(Orro/. dir. p, io4 e segg.) novera 
più specie di Cavolo a palla, doé 
Cappuccio nostrale o piacentino^ O 
primaticcio , C. rosso , C. venato , C- 
ovale o genovese y C maltese^ C. tren-. 
tino o tedesco^ C negro^ Cpavonazzo 
o di Fiandra^ C. di Reggio di Calabria^ 

' -C. detto Paesandla. 

A proposet de gambus. Le Juran 
buone legne. Dicesi a chi non rispon- 
de a tenor della domanda. 

Coss^ha a che fa i gambus cont t 
• polpett? Che ha a far la luna co* gran- 
chi? Si dice del far paragone tra due 
cose sproporzionate. 

Gambùs. fig. Baggeo. F. Badée. 

Gamhusin. Dim. di Gambùs. F- 

Gambnsótt. Acer, di Gambùs. K. 

Gamèlla. . . ; Scodelb ài latta che ogni 
militare ha nel proprio equipaggio 
per iscodiJIarvi zuppa e rancio, simile, 
se non erro , alla Gamella marinaresca. 



Digitized by 



Googk 



GAN i 

GamìonaL che altri dicono Ghemintia. 
Complotto, La nostra voce deriva forse 
dal tedesco Cemeind in significato di 
Società segreta o sospetta. 
Gamìr. Gómena. Gómena. Gàmina, Cà- 
uopo. Menale. Canfo. Ogni fune gros- 
sissima da taglie e per uso d^ alzar 
travi, pietrami, ecc. negli edifizj. 
Ganàss. s. f. pi. Branche. Nelle tanaglie 
sono que^ due loro capi tra* quali le 
afferrano gli oggetti. 
Ganàssa. Guancia. Gota. Ganascia^ 

Bonna ganassa. Buona bocca. Ab^ 
boccato. Persona di gran pasto, che 
mangia assai e di ogni cosa. 

Fa dondà o Fa balla i ganass. Far 
ballare i denti. Dare il portante ai denti, 

Fassa e desfassa , e el temp che té 

vanza menna la ganassa Chi 

allatta deve mangiare soventi volte e 
non occuparsi d' altro che del pro- 
prio allievo. 

Ganass che paren pomm popin. 
Due gote che pajon j7ie/ero5e ( Pan. 
Poet. I, XXX, 26). 

Ganass loffi loffi. Guance appassite 
die sembrano due sprenuUe melarance 
(Fag. Mime V, 88 ed. lucch. ). Guance 
cadenti^ mence^ lonze. 

Mangia a quatter ganass che anche 
dicesi Strascià o flangia a garon de 
poUin o Mena i ganass a paccii. Me^ 
nar le mes{ole{Ysig. Ast. bui. Ili , 4 )• 
Macinar a due palmenti. Mangiar a 
crepapelle. Cavar il corpo di grinze. 
Taffiare. Cuffiare. Scuffiare. Dilw^iare. 
Magnare. Foderarsi* Morjire. Sbasof" 
fiare. Pacchiare. Strippare. 

el dent o la ganassa. F. in Dént. 

St»-li coni el s^ciopp a la ganassa. 
V. in SViòpp. . 

Yess alt de ciel de bocca e spazios 
de ganass. y. Mangiòn. 
Ganàssa. T. de* Pettinagnoli. Mascella 
(Alb. enc. in Pettine)* Nome di cia- 
scuno di que* due listelli , per dir 
cosi, che tengono in mezzo i denti 
di un pettine. 
Ganassàl. Ad. di Dént. Mascellare. La 
voce Tale cosi pei denti umani come 
per gli equini ; e si usa anche su- 
stantivamente I Ganassal. Jxrttisce//an'* 
Ganassm. T. deVMacell. e de^ Cuochi. 
Gtta«ciò/|i(Cuoco macer* p. 68 e pas^.)' 



199) GAN 

Mascella} La guancia di vitello, por- 
co o simile ridotta vivanda. 

Ganassìn , e per lo più al plurale Ga- 
nassìtt. T. de^Calligr. ... I due ca- 
vetti del vomere nella p'enna da scrì- 
vere temperata. 

Ganassìn. T. de* Sellai.. Sguancia. Una 
delle parti di cui è composta la bri- 
glia , e a cui s* attacca il portamorso. 

Ganassìnna. Gotuzza{Chì»ht. Rime). Go- 
tellina. Mascellina^ Diminutivo di Gota. 

Ganassòn. s. m. pi. . . . Fra gli artigiani è 
nome di que* listoni di legno per lo più. 
sbiecati i quaH servono a rassodare 
dalle bande un corpo di m^zzo qua- 
lunque bisognoso di essere ì^a raf? 
forzato. Nelle cicogne da campane per 
es. i Ganassòn dono assicura lorì del 
ceppo propriamente detto , e perciò 
anche lastrati di ferro. Nei tprchi di 
più specie si chiamano Ganassòn quei 
pezzi grossi di travicelli che mettonsi 
fra le cosce e i diacili* 

Ganassòn. s« m. pi Ne** cavalli si 

dicono cosi i Dentónt f^. 

Ganaissòn. s. m. sing. Sergozzone. Gana-^ 
sciane. 

Ganassònna. Colone. Mascellone. Accresc. 
di Gota. 

Gtfnassòtt. Gotozze(Polììì Ingann* IX, a). 

Gandailn. v. br. Ghiandellino. Micino. 
Pocolino. Micolina. Tantino. 

Gandalorin dicono alcuni delVAlto Mil. 
per Dandalò. F. 

Gandioeù. Ciriegio salvatico(Sodey. Colt, 
ifit. ao6). Cameceraso? V. Galbinna. 

Gandioaù. Frutto del ciliegio selvatico — 
Dicesi anche dell* assetto che hanno 
dentro le ciliege. Nocciolina. Noccio- 
letto. 

Gandiun. OreccUoni. Gattoni. ParòtidL 
Sénici. Sorta di malattia che viene 
alle glandole degli orecchi , e che diffi- 
colta sommamente il masticare. La no- 
stra voce è forse una corruzione ^ di 
Glandolone, cioè glandola grossa ed 
enfiata. 

Gaudio It. Voce usata nel dett. PazÌMi-« 

. ziàtt el diseva fraa Gandiott quand el 
perdeva i dance de la niessa^^.in Fràa. 

Gàndol. s. f. pi. Glandole enfiate. 

Gàndola. Glandola. Ghiandola. > 

GandóUa. Nòcciolo. Osso ,• e per esten- 
sione Seme.- Anima. Osso nelle pecche. 



Digitized by 



Google 



GAN ( aoo 

tubine e simili -deatro al qnale si 
couser va il seme donde nasce P al- 
bero. Da GUmSy Gianduia dice con 
buona ragione il P^aron nùlanes, 

Coo de romp gandolL F. in CAo. 

Giiigà ai gandoU. Giocare o Fare ai 
noccioli. Specie di giuoco fanciullesco 
che si fa in molte maniere. Le prin- 
cipali sono le seguenti^ come in parte 
si leggono descritte nolla nota alla st. 
5^.* del 3.** cantare dd Malmantile: 

A gaslin o ai p ignee u. Alh caselle 
o caponnelle o castellina, ed è quando 
si fa una massa di tre noccioli, noci 
o simili posti in triangolo , ai quali è 
sovrapposta una quarta noce o simile 
in cui si tira da lontano con altro 
nocciolo chiamato fra noi BoU ( e a 
Lucca Coccio o Cocciole) , e vince chi 
coglie. In questo giuoco i ragazzi 
soglion dire che bisogna tirare il 
nocciolo a pie pari ^ e in 'panciolle ^ 
cioè stando ritto 9 co' piedi in pari e 
colla pancia che sporti in fuori. 

A tocchetta. A traccino. Si fa ti- 
rando un nocciolo o simile in terra, 
cui un altro tira pure un nocciolo , 
e cogliendolo vince \ altrimenti il pri- 
mo raccoglie il suo , e lo tira a quello 
che tirò T avversano , e cosi si va 
continuando a vicenda finché sia colto 
e vinto. «M A questa specie di giuoco 
appartiene pure quelPaltro che fanno 
spesse volte i nostri fanciulli mettendo 
un nocciolo in terra, sul quale uno ' 
de' giocatori, itovi rasente , e miratolo 
d'^alto in basso , lascia cadere verti- 
calmente un altro nocciolo : se coglie, 
vince; se no, perde il proprio nocciolo. 

Al cobbis(c^e anche dicesi A pien- 
te). Alla serpe* Sì fa con molli noc- 
cioli disposti pel lungo o in figura di 
serpe; e il primo nocciolo, che si pian- 
ta per ritto, a differenza degli altri 
che sono a giacere, è da noi chiamato 
Cobis o CoBhis — Fra noi allorché 
in questo stesso giuoco s' adoperano 
delle noci intiere iu luogo di noc- 
cioli, si dice Giugd a no sin; e quando 
in luogo .di noccioli o di noci si usi- 
no mezzi gusci di noci colle monete 
(iopravi, dicesi Giugà ai gussett, 

. . : . a cOifolca. .S'accordano due o 
più 9 e tirano sopra un piano i noe- 



) GAN 

cicli a un per uno , e tanti ne f esulta- 
no a tirare , quanto stiano a far salire 
sopr^agli altri tirati un nocciolo che 
vi resti sopra e si regga senia toc- 
care altro che noccioli : e colui che 
ha tirato il nocciolo rimasto sopra ., 
vince e leva via tutti i noccioli tiralL 

A bagneita o A pedinna. A ripigli" 
no* Pigliano i fanciulli quella quantità 
di noccioli che convengono : e tiran- 
doli ail^aria li ripigliano colla parte 
della mano opposta alla palma: e se 
in tal atto sopr* alla mano non resta 
alcun nocciolo, quegli al quale ciò 
accade perde la gita , e tira colui 
che segue : e così si va seguitando 
fino che resti sopra detto luogo della 
mano qualche nocciolo; e questo al 
quale è rimasto il nocciolo , dee di 
quivi tirarlo air aria , e ripigliarla 
colla pahna : e non lo ripigliando , 
perde la gita. Se ne restasse più d''uno 
sopra alla mano , può colui fame sca- 
lare quapti gli piace, purché uè re- 
sti uno j che se non restasscT « perde 
la gita. Kipigliato il nocciolo la se- 
conda volta, dee costui tirarlo all'«i- 
ria , ed in quel mentre pigliare uno 
o più de^ no£cioli cascati, e con essi 
in mano ripigliar per aria quello chs 
tirò : e non seguendo , posa i noc- 
cioli presi e perde la gita: e se ne 
ha pigliato qualcheduno seoza lare 
errori , restano suoi : e si seguita il 
giuoco fino a che sieno levati tutti. 

-a sbrescia. È lo stesso 

che ripiglino; se non che nella terza 
ripigliata devonsi ripigliare quei noc- 
cioli che cascarono in terra la se- 
conda volta , non a uno o due per 
volta , ma tutti a un tratto » il che 
si dice fare sbrescia : e lasciaudovene 
pui' uno, o cascandone, perdesi la 
gita : e ciò finché un li raccolga tutti. 

.... a cavare. Infilano i fanciulli un 
nocciolo con una setola di crine di ca- 
vallo , alla qual setola , ridotta in for- 
ma di campanella o anelletto % legano 
uno spago : dipoi , segnato un circolo 
in terra , vi mettono i noccioli che 
son d^accprdo: e colui al quale è 
toccato in sorlc,,dee, girando in ruota 
con quello spo^o il nocciolo infilato, 
tal girare) buttar con esso ooccìolo 



Digitized by 



Googk 



GAN 



(201) 



GAR 



fuori del circolo uno o più noccioli 
di quelli che sono dentro al circolo , 
e vince quelli che cava: e se col 
nocciolo che gira tocca terra , perde 
la gita, ma guadagna i noccioli ca- 
vati 9 e dà il nocciolo da girare a un 
altro. E cosi si va seguitando fino a 
che siano cavati tutti i noccioli. 

A pari e dispari. A sbriecki quanti. 
V» Giugà a pari e dispari in Pari. 

Ai foppej. Alle buche, V, Giugà ai 

foppej in Foppèll.' (dèe. V. 

Pader GaudoUa. Lo stesso che Ba- 

Perse gh senza gandolla.^.f/K Pèrsegh. 

Rosoli de gandoU de persegh. y, in 

Rosòli. 

Gandólla. T. d^ Oref. Ghiandina. 

Gandólla. fig ' Sasso 9 ciottolo. 

Gandólla per Masgiceù. F, 
Gandólla. tìg. Caròta. Fiaba, 

Cascia gandoll e Cascia ball. Ficcar 
carote^ fiabe ., pantane 9 frottole. 

Cascia gandoll. Far' le parplozze o 
le paroline. Dar soje e caccabaldole o 
per ingannare o per entrar in grazia 
di chicchessia. 
GandoUin. Gocciolino. Jfoccioìetto. Quel- 
rossetto che hanno in sé le ciliegie 9 
le amarasche e simili. 
GandoUin clic in contado dicono meglio 
Vinascioeù. F'inacciuolo. Granello. Noe 
dolo. Acino. Quel granelletto sodo 
che si trova dentro gli acini o gra- 
uplii delPuve^ ed è il seme, della vite. 
GandoUin. 5'eme(Alb. enc in Lattata). 
Kome di quei granelletti che trovansi 
in grandissima quantità entro ai popo> 
ni, e di cui si sogliono fare lattate 
{orzad o semad). 
GandoUin. Seme. Granello, li seme deUe 
mele, delle pere e d'altri simili frutti. 
- GandoUin dicono alcuni conladini per 
CarÙ8pi(pomo d* Adamo). , 
GandoUinna. G/Uanduccia, Gliiandutza. 
Gandolótt dicono alcuni dell'Alto Mil. 

per Dandalò. V. 
Ganga e cont. Ghénga. Cessino (Trinci 
Agric. 1, 340)* Bottino^ e con un gergo 
speciale fiorent. resosi comune fra gli 
scrittori La Contessa a Cii^illari o La 
Contessa di Civillari , cioè la vqtatura 
de' cessi , lo sterco che si trae dai 
cessi e che s' usa per concime — La 
Ganga dei diz. ital. è la matrice dei 
rol. IL 



metalU «-« La voce tedesca Bang in sig. 
d'Andata, che in italiano sta traslati- 
vamente per soccorrenta , avrà pro- 
babilmente dato origine a questa no- 
stra Ganga. 

Baston de mena la ganga. Borda" 
tojoi^e Ortol. dirosz. diz.). 

Vas de la ganga. Bottino. Quel luo- 
go ne' campi ove si aUoga il cessino 
per ridurlo a letame. 

Ganiméd o Ganiniédo. Bellimbusto. Gor 
mmede{Fag. Bim.). V. Stocchin. 

Ganimedin. Ganimeduzzoi^^Lg. Rim^. Sti 
Ganimeditt. Questi acconci^ questi spe- 
laiellìi?o\iù Ingann. Prol.). 

GanivèU o Gavinèll. Banderuola. Uomo 
leggiere. V. Biridoeù. 

GanivèU. Serpentello. 

Ganivellin. Marmoccliino viuace. 

Gànsc e Ganscin. Voci contadinesche 
per Gancio e Gancetto. 

Ganzèrra. v. ant. . . . Specie di nave 
veliera a circa 5o remi, e tutta difesa 
da assi , torricelle e macchine guer- 
resche , ch'era in uso fra noi verso il 
i35i. Forse la grandezza e altezza di 
queste navi dette ganzerre^ che por- 
tavano dei 5 ai 6uo uomini d'arme, 
diede origine ai nostro Sganzèrla. F. 
— Se ne veggano maggiori notizie 
nel Giuliui V, 194 e X, 409 e, 4*0' 

Gausa. T. di Ferriera. Ga^ozza. 

Garàbbi dicono alcuni mattoiùeri e for^ 
naciaiy forse per voce imparata dai 
forestieri e specialmente dagli Svizzeri 
che vengono a lavorar di mattoni nel 
RUlanese , qtuilla Specie di rostro che 
i nostri fornaciai dicono Roàbbi. y.; 
e così Garabbià o Garabbià-indree 
Pappianare la terra con esso rostro. 

Garamón. Garamone. Carattere di stampa 
che è di mezzo tra la Glosofia e d 
garamoncino, cosi nominato dal Fran- 
cese Garamond che primo lo incise. 

Garamonzin. Garamoncino. Carattere di 
stampa che è di mezzo fra il gara- 
mone e il testino , ed è inferiore d'un 
grado a queUo che ognuno ha sot- 
t' occhio nel presente Vocabolario. 
Altri Io dicono anche Gagliarda 9 dal 
fr. Gaillarde^ abbenchè talora questa 
Gagliarda presso alcuni incisori con- 
sista in un'altra lieve gradazione di 
mezzo fra garamone e garamoncino. 

a6 



Digitized by 



Googk 



GAR 



( aoa ) 



GAR 



Gtf rampànna (Veggia). Fecehia bofwsa p 
brodolosa, ^ecctda della fortuna, ^ec- 
fkia scagnarda o grinta. 

Garàot. Garante, 

Garanti. Guarentire. Garantire, — Gar 
raotissi mi. Abbimi per garante. Me 
nefo mcdlevadore. Prometto io. Ella 
è óosì in fede mia. Sulla mia fede- 

Garaatìi. Guarentito, 

Garanaia. Garan&a, Guarentìa. Guaren- 
tigia. 

Oifisi de garanzia È queir uf- 
ficio aelia noslra zecca nel quale $i 
appone il bullo di ricognizione dcl^ 
titolo agli ori, e agli argenti lavorati. 

Garatola. Cariùw. U Cercis siliguastrus 
dei botanici. 

Garavànna. Caroi^ana. Voce che fra noi 
non si usa generalmente che nei sensi 
figurati di 

Ave faa la soà garavànna. Aver 
folta la sua carovana. Cioè aver fatto 

' il noviziato! aver preso pratica in 
checchessia. 

Traila in garavànna che anche di" 
cesi Tntlla in rid. Hietterìa in can- 
zonella{*iior. - Zanon.Cn^s. ìinc. paGa). 
Prendere a ciancia checcliessia. Met- 
tersela in baja^ in burla ^ in canzo- 
na , in chiasso , in fanferina. Far la 
fanferina. 

Garavìnna. Ad. di Castègna. F', 

Garbùj o Garbujaméut. i Garbuglio, Fi" 

Garbujéra. S lappo. Intrigo. 

Garbujón. Impiccione, AwUuppatore, 

Garbuséll. voce brianz. Nasello, Bonci- 
nello, V, Bolzòn. 

Gardamógn. v. a. Daz. Mere. Cardamomo. 

Gardinàl. Cardinale. 

Gardinalètt» che altri dicono Cardinalin 

■ o Gardinalìn 9 ed altri Fanellin de 
montagna. Organetto, Sp. d'^uccello che 
è la FringiUa rufescens degli ornit. 

Gardinalèti (insetto), lo stesso che Sci- 
bignceù. /^. 

Gardinalètt, e per lo pili al pi. Gardinalìtt. 
.... I fiorellini della Primula verisL, 

Cardinalin ( o FancUin de montagna o 
Cardinalin). p^, Gardtnalètt. 

Gardinalìtt. s. m. pi. Fior di cardinale 
(Targ. Ist in Lobelia cardinalis), 

Gardizzón Voce forestiera usur- 
pala da taluno de"* nostri caciai per 
'fodicai'c quella Specie d^ armadio so- 



vrapposto al fornello dove si lavora 
il cacio lodigiano » nel quale si suole 
porre in serbo la ricotta (ntascnr^)* 
insalata che sia 9 per uso delia famiglia. 

Garèlla. . . . Andà io garella o in gavel- 
la dicono in molte parti delVAlto Mil, 
quello che altrove dicono Andà in fe- 
ghej f e noi in città Andà in g ricca. 
r. GricBÙ. 

Garétta. Casotto, Casone. Quel caselìioo 
o stabile o posticcio che serve di ri- 
covero alle vedette o alle sentinelle. 
Il Diz. mil. del Grassi e il Diz. art. lo 
dicono anche Casello e Casino. La no- 
stra Garetta è voce che ci lasciarono 
probabilmente gliSpagnaoli nella loro 
catalana Garita 9 e che ci riconferma- 
rono i Francesi colla loro Guérite. 

Garettón. T. de^ Macell. . . . Nome dei 
garretti delle gambe posteriori nelle 
bestie bovine. 

Garganèll. Mergone. GarganeUo ( Stor. 
Uccelli e Sav) Oìti.), Il Mergus mergan- 
serh* Sotto questo nome di Garga- 
nèll si confondono altresì fra noi dai 
non ornitologi V Alzatola , cioè YAnas 
creccàL,, la Carrucola o Mar&ajola^ 
cioè VAnas querqueduloL. ed anche il 
Morettone^ cioè VAnas clangulàU(fcm. 
e il giovane 9 che anclte noi al mascltio 
e alt adulto diriamo Quattr^OBucc). 

Garga rtsmo. Gargarismo . 

Gargòtta. Taverna, Osterìa da persone 
vili; voce tolta di peso dal fr. Gargole. 

Gariboldin. Grimaldello, Ferro rìtorto 
da un capo 9 il quale serve per aprir 
le serrature senza la chiave. 

Gariboldin. fig. Raggiro. Cabala, Barat- 
teria, Filuppo, Glterminella, 

Gariboldin. fig. Caramogio. Uomo storpio 
e contraffatto. 

Garlgola Uccello. 

Garin Chi ha le, gambe o le 

ginocchia volte in dentro e i pie volti 
in fuora. Probabilmente dal lat. Fa- 
rus(garu5 9 garin ). Quello che noi 
diciamo Genoggin è in parte si ma 
non in pieno J Garin. 

Garin e anc/te Fronzesin o Tacchin. . • . 
-Con pan 'idea applicasi anche a"* ca- 
valli e ai buoi. 

Garindóu. Fuseragnolo, Uomo sovcrrhia- 
inente lungo e magro. I Francesi han- 
no Guériddh per candelabro. 



Digitized by 



Googk 



GAR 

Garlètt per V«rlètt. W, 

GAròfol. K. GallòSer. 

Q9XÒM.Garofano,Gherofano> Droga nota. 

Gerofotà- Garofanare. 0ar T odore o il 
gusto del garofano. 

Garofolàa. Garofanale, 

Garofolàa. Ad, di Pévér. f^. 

Garofolàda. T. dei Orogh. Garofanaia, Ga- 
rofanato. Eìha henedeUa. GkerofaneUa, 

GaroColhi. Margheritina, Fior del eucur 
Ho. Pianta arvense di cui ai coltiva 
negli orti una varietà a fior doppio 
cLe dai Pavesi è detta Pamoj ^ ed è 
il fiore della Lichnisjios cucWiL. 

Garofolltt. s. m. pi. T. de* Raztai 

Fuochi artifìziati imitanti le viole. 

Garólf.^lo stesso che Ghèir. r» 

Garón. Coscia. — Il Gallone dei die. ital. 
vale pia propriamente 6anco ^-- L* in- 
terno delle cosce é chiamato Parte 
domestica delle cosce dal Redi Op. 
V,2G6. 

Gamb e garon je po^ vede ogni min- 
cion. F. in Gàniha. 

Mangia a garon de poi in. Lo stesso 
cìie Mangia a quatter ganass. f^. in 
Ganàssa. 
Rompes o Slogass i goron. Scosciarsi^ 

Garón. Coscìna(*iosc,^^ Tom» Sin. p. a58). 
Quella dei polli , dei tacchini e si- 
mili che suddividesi in 
Garon. Fitsolo. Tamborin. Cuscino. 
Gascià-dent i garon. Acconciare?(!&Qer 
cac. Dee. VI, 4). Accosciare? Ripie- 
gare contro il busto i coscìni dei polli 
allorché si allestiscono per cuocerli. 

Garonin. Coscina{Touì. Sin. p. a38). 

Garonòtt. Cosce membnUe{Laiic9i Sp.lU 5). 

Garòlola e Gurotdìn per Caròlola e Ca- 
T9iio]in(da mascherponij. V. 

Garróv(voce comasca). Pescaja, Quel- 
r ammasso dì pietrami e travature af- 
fondato neir acqua in cui d^ inverno ' 
annidano i pesci 9 e specialmente le 
tinche. I pescatori cingono allora 
di reti questo ammasso» e gettandovi 
della calce obbligano i pesci a sta- 
name e a dar semivivi nelle reti 
stesse. È singolare la vicinità di questa 
voce Gdrrdv «1 latino Garum che ognu- 
no conosce, forse la voce comasca 
trae origine da esso, se pur non la 
trasse dal torrente Garro presso Cer- 
nobbio ove T attuai Villa d^Este fu 



(ao3)^ GA 

già A tempo del suo primo edificatore il 
cardinale Gallio denominata Garrovo» 

Gèna. Gazza(liknoh. D».). Quel Telo che 
altri dicevano già Felo della re^pa. 
V*è ancbe il Gassone(Zanob. Diz,) 
che noi diciamo Sciambrì. V. 

Garza. de seda. Garzo? Bigherino? 

Garzèlla. Scarabeo stridalo. Cosi dùa- 
niasi dagli scrittori di storia naturale 
questo insetto che credo sia VHanne" 
ton dei Francesi , e cV è di certo Io 
Scarabteus dubius della Fauna insù* 
brica dello Soopoli. 

Garzèlla dicono edcuni la jCarùga. F» 

Garzerà Macchina' da garzare i 

panni. 

Garzoeù(in genere). PoUészola. 

Garzoen de fcenja. AinlB(Gior. agr. 
tose. 1 9 aoa ). 

Garzoeù. Tenerume di vite , o simile. 

Garzolà. Sfarfallar gli occhi(}j^irì Op.Vt 
i56). Levar dalle gemme le IbgliettÌDe 
prime che ne vanno spuntando. Fa- 
cendosi ciò colla foglia di gelso per 
levarne le punte (e ganeeù) che dico- 
no strozzare i bachi direbbeai ^|pu»- 
lare(Gior. agr. tose. I» aoa). 

Garzón e Garzon de bottìa. Garrone, 
Fattore. Garzon di bottega» 

Garzon de cusinna. £ecc^fal/i(Nelli 
Fecchi Biv. I9 II). 

Garzon del boja. ... Il gurzon del 
carnefice , il soltoboja se è lecito cosi 
dire. 

Garzon de legnamee. Marangone del 
legnaiuolo. 

Tocca de fa Timpiccea, el boja e 
e] gtirzon del bojà. /^. in Bòja. 

Garzón. T. contad. 6iirzo/ie(Fag. ^. pwi, 
I9 I *- Gior. Geoi-g. XII, i5o). Lavo- 
rante che il mezzadro chiama talora 

. a sé con salario giornaliero o annuo 
per supplire a mancanza di braccia 
famigliari nel disbrigo delle faccende 
della sua società colonica. 

Garzón. Cicerbita. Crespine, Grispignolo. 
Erba di cui sono molto ghiotti i coni- 
gli e che dai botanici dicesi Sonchus 
oleraceus, 

Garzón (v. di qualche parte del contado). 
Stoppione, Jstone, La Serratala arven* 
sisL. che adoprasi a garzare i panni. 

Garzonscèll. Garzoncello* FaUonno, 

Garzonscelliu. Un picciol fattorino. 



Digitized by 



Googk 



GAS ( 

Gasciàn e Gasdanà. F. Gajgìjkn e Ga- 

sgianà. 
Gasciéra(Fà). Chilificare. Far chilo. Goal 
panni che si possa inferire da quei 
Tersi in cui parlandosi di ano sfac- 
cendato che si daya grandemente i^la 
crapula» viene detto che, dopo avere 
ben bene scoiipacciato , 

•« AI •• Usaara andà, 
« StraTaccand la teÌTen, 
a I^dre* «a la eardega a fa gaccMra ». 
( Mag. CoM. jli<n. ) 

Gàsg. s, f. pi. Sonaglieli, Danari, (^U 
trini, y, in Danée. Fa canta i gasg in 
sacoccia. V, Sacòceia. 
Gasgètla. Lo stesso che Stragàzza. V> 
Gàsgla.Gaxxa.Gfl«sfera.Cecca(Savj Omit), 
Uccello che è il Corpus picàL. 

Pari el nid di gasg o di slrij. F, 
in Strìa. 
Gàsgia. figi QVtWìero. Cornacchia, Grac- 
chia, Gracchione, Taccolino, Chi parla 
assai e seni'alcun fondamento. Fra noi 
si dice Gasgia anche una donna ciar- 
liera, une Fesciona, 
GÀsgia de mar. Ghiandaja marina. Gatta 
marina. Uccello detto da Lin. Coracias 
garrula. Al pari della bubbola fa 
nido che pule ne^ buchi delle piante 
vecchie, e mangia topi, bisce, ecc. 
È grosso quanto la gazzera nostrale, 
ha il collo color verdemare. 
Gasgiàn (e Gasciàn sec, il Far. mil.). 

Gabbiano. Baggeo. V, Badée. 
Gasgiàn. Gaggiano. Nome proprio di 
paese che qui si registra perchè dà 
luogo ai dettati seguenti: 

Baltramm de Gasgian. F, Baltràmm 
e Badée. 

Vess de Gasgian. flg. Non sapere 

guante dita sventrino in uno stivale. 

Esser tondo di pelo. Essere battezzato 

in domenica, F, in Badée. 

Gasgianà (e secondo il Far. mil, Gascia- 

nà). Dar la baja. Burlare. Celiare* 
Gasgiòtt. Gazterotto. Gazzerotta. Gozzo- 
Ione, 
Gasgiòtt. fig. Gazterotto, Merlotto. F. 
Badée. (zeroUo. 

Gasgiottéll e Gasgioltin Tenero gaz- 

GasgnoBÙ. P''. in Fónsg. 

^^s^a La Quatraine dei Fran* 

cesi, e dicesi per lo più di quattro 
noci o simili. F, Gaslirr. 



ao4) GAT 

Gasiate Gaalln. Castsllima, Casella. Muc- 
chio di tre noccioli con uno sopra 
per giocare. P"^, Giugà ai gandoll ia 
Gandulla. Queste voci Gàsla^ Gaslètt^ 
GasUn sono d''origÌBe romanzo-svìzzera 
{Caschlett mucchio di quattro cose) re- 
galateci per avventura dai Lerentinesi, 
daiBlenniesi , dai Aiverani che vengono 
fra noi a lavorar di cioccolata. 
Giugà a gaslin. F. in Gandólla. 
Ogni nos la jutta a (k gaslett. F, Nós. 

Gaslétt Croccliio.Crocchietio, Capannella. 
Quest^ ultimo dicesi più particolar- 
mente per radunanza di uomini discor- 
renti in luogo pubblico fra di loro. 

Gaspara. Porre cinque e leuarsei. Rubare. 

Gasparin. Dim, di Gàsper in sig. di Bor- 
sirceù. F. 

Gàsper. Gaspare,' Tiome proprio d^uomo 
usato fig. per Borsajuolo. F. Gkxijìg. 

Gàss. Gas, Gaz, 

Inluminazion a gass. Quella che si fa 
per forza di gas, e della quale il va- 
lente ingegnere Brey ci diede bellissimo 
saggio nella Galleria De Cristoforis al 
primo suo aprirsi. 

Gassa Quella traversa del così 

détto resiell da funajuoli in cui sono 
fitti i rebbj o denti (cawggùpu). 

Gàst, 5. f. pi. Covate- Trame, PraUc/te 
segrete. Raggiri. Cabale, 

« 6h' è i gait Mcralt del gitsugh. » (Bai. Rim.) 

Gàstrica, s. f. . . . . Febbre gastrica-, 
malattia gastrica. 

Gatarin. Catarrino. Dim. di Gatàrr. F- 

Gatarós/ Caùtrroso. 

Gatàr. Catarro. 

Gatàr. ùg. Ticchio, Capriccio, 

Ave di gatar. Aver delle pretensioni. 
Sol là el gatan Saltar il ticchio. Lo 
stesso che Soltà la matta* F, 

Gatarùsc. Caiarronaccio. Catarro ricor- 
rente. 

Gàtt {che anc/te diciamo Mósc, Manàn, 
Mise, el Gnàu, el Minàu e scherz, Legora 
de tecc). Gatto, e con voce infantile 
Micio — Il russar del gatto si dice 
Tornire^ e quel quasi rugghiare in 
cui dà quando vuole farci festa dicesi 

• Far le /i«a(*fior.); del qual rugghiare 

disse il Pananti(i'oe«. IL, a^iv, 24), 

mezzo all'italiana e mezzo alla franzese, 

«« Che -fa le fasa e non lon fasa torte, 

>• Ed il perfetto amor sembra che £K. » 



Digitized by 



Googk 



GAT . (aoS 

li galto si chiama a sé coi baci -disse 
pure il medesimo TtM.(Poet. II, 2^) e 
prima di lui il Fag.(/?iine II, 148 e 1.). 
perchè a chiamarlo mandiamo quel 
suono che sentesi neir iterar dei baci ;. 
suono che il Cdro(jim. pasi^ III, laa) 
denominò Scoppio. 

Gatt d'^À.agora. Gatto d* angora. 

Gatt de Temma o de la Madonna. 
Gatto persiantHO o soriano, f^.in Èmtoa. 

Gatt majnon. Gattomammone. 

Gatt pezzaa Gatto che ha il 

pelame a grandi macchie di color vmrio. 

Galt sorian. Gcdlo persianino. V. 
sopra. 
— Amor de galt. Amore arrabbiato. 

Àndà-via come on gatt scottaa. Mei" 
tersi la coda tra le gambe. Fuggir più 
cìte di furia. 

Ave Uccaa lit coi gatt Di- 
cesi a chi vediamo graffiato in viso. 
// a joué avec les chais dicono anche 
i Francesi. 
* Besogna guardass ben dai gatt 6araa« 
dcnt in d"* ona stanza. Gatto rinchiuso 
divenia leone^P^u. Poet. II, xiv, 18). 
Al positivo si dice del gatto che impri- 
gionato inferocisce in modo terribile^ 
e al fig. dicesi per indicare che Anche 
i pacifici troppo torturati infuriano. 

Cervell de gatt o Coo de gatt. Or/ve/ 
di gatta salvàtica(Aììcgr. p. aao). Capo 
di rapa. V. anche in Cóo e Cervell. 

Gojon de gatt. f^. Perseghitt(con/e//i). 

Dà el foj di gatt Mettere in 

fuga a furia di busse. 

Drovà la sciampa del gatt per tirà- 

foeura i eastegn de la bornis 

Qr<e//o che i Latini dicevano De corio 
alieno ludere. y. in Bornis. 

£1 bus di gatt. Gattajuola. V. anche 
in PoUiroeùla. 

£1 mes di gatt. r. in Més. 

Fa i sogn del gatt. F. in Sògn. 

Fa sacch de galt. Mandare in t^o- 
vina^ in perdizione. 

Gh' è reslaa qualler galt. Ci son n- 
masti quattro fiati ^ cioè quattro per- 
sone, e parlandosi di gente armata, 
si direbbe quattro lendini o quattro 
scaisagatti. 

Inamoraa come on gatt o come ona 
gatta. Ingattito. Innamorato fradicio, 
f^» in Còti melaf. 



) GAT 

Là musega. di gatt. Musica ili gatti ^ 
cioè disarmonica. — Noi lo diciamo 
anche per ischerzo della Musica che 
sentiamo ogni di nella nostra Caile- 
drale» la quale, benché da^ pratici sia 
conosciuta per atòai bella musica ec- 
clesiastica, pure agli orecchi comuni 
sembra poco armoniosa. 

Magher come .on gatt che abbia 
mangìaa lusei^^ o Pari on galt che 
abbia mangiaa lusert. Sembrare un 
gatto che ha mangiato le lucerte{* cori. 
<— poem. d'^un poet. corton.). 

Maladelt come la pissa di gatt. 
TYisto pia cìte un famiglio d'Otto. 

Memoria de gatt. y. in Memòria. 

Merda de gatt. Esclam, simile alVal" 
.tra Acqua de belegott! V. in Acqua. 

Ougia de gatt. Héseda, V. in Óngia. 

Oreggin de gatU T. de** Maniscalchi. 
y. in Oreggin e Fcrr de cavali. 

Quand el gatt el se lecca sora i orecc 

el voeur pioeuv • Uno dei tanti 

segnali pronosticatori di pioggia a cui 
la natura de''gatli sensibilissima alFelet- 
Iricismo suol dare spesse volte ragione. 
Anche il Fag.(/?m»e JI, i49 e. l.) disse 

EU in questo osservate col zampino 
Se si passa Torecchioj e dite pare 
Che «ara pioggia perchè egli è indorino. 

Sali de gatt. V. in Sali. 

Sta in barba de gatt. Slare^ in bar- 
ba di micio. Andare benissimo, a ca-* 
pello(Mag. FflZ yZ/. Ili, i). 

Tegui on oeucc al gatt e l'oUr^a 
la padella, fig. Avere un occhio alla 
padella e l* altro alla gatta. SUre 
vigilante^ andar cauto. 

Trova nanca on gatt o nanca on 
can. Non trovare né can né gatta ^ 
cioè neppur una persona. 

Vcss alesi come on gali de marmor. 
Muoversi come ima gatta di piombo. 
Esser destro come una cassapanca. Im- 
piombare. 

Vessegh-sù ci gatt. fig. Esser nel 
ronco. Voil per ti de scriv gh^è-sù 
el gali! Io ho inteso; a scrìvere tu 
se"* nel ronco{¥sLg. Ing. lod. Il , 9). — 
Non esservi da ficcar chiodo{Mon\gi. 
III, i5). 

Vcssegh el gatt sul foeugh. r. in 
Fon'igh. » (Ràtt. 

Vcss on ral'l in bocca al gatt. y. in 



Digifized by 



Googl 



e 



GAT (2. 

Vess o. Pari can e gatt. Essere 
amici come cani e gatti. 

Vere insegna ai gali o a la gatta 
a rampegà. f^ in Gatta. 
Gàtt. fìg. Borsajuoio, Ladro, Jsciugaber- 
rette. Mariolo, Tagliaborse. Trajorello, 
Trafurello, Calcagno, 
Gatta che anche diciamo Móscia , Manà- 
na» Mosciinna. Gatta, Micia. Macia. 
Moscia — Il Cktoì Jpol, 4) usa Ma- 
cia nello special senso di Gatta ca- 
salinga e mansueta. 
, Andk a toeuss di gatt de pela. Darsi 
f^' impacci del fiosso. 

Ave robaa el lard a la gatta. Ji^r 
la biscia morso il ciarlatano. 

Compra gatta in saccli. Comprar 
gatta in sacco. Ricevere checchessia 
senza prima chiarirsene bette. 

Dagli a la gatta de cura el lard. 
Dar le pecore in guardia al lupo. Dar 
la lattuga in guardia ai paperi. Fidar 
una cosa a chi ne sia avido. 

Gatta reggia, fig. Putta scodata. 

Giugà a gatta leccarda. . . . Specie 
di giuoco il quale si eseguisce come 
sicguc: Su cinque cartoline si scri- 
vono i nomi di Gatta ^ Leccarda^ Ile 9 
Sbirr, e Boston, Dì queste una viene 
presa a sorte da ciascun giocatore; e 
quegli cui tocca Ja cartolina sulla quale 
sta' scritto Gatta 9 deve far a indovi- 
nare cui sìa toccata la Leccarda; e 
prendendo errore , chi ha il He co- 
manda a chi ha Io Sbirr che la Gatta 
venga castigata , e lo SÒirr e il fia- 
ston eseguiscono gli ordini. 

Insegna a la gatta o ai gatt a ram- 
pegà o a roba el lard. Insegnar ram- 
: picare ai gfttti{?Bg. Trad. jfed. 7). tn^ 
segnar notar j ai pesci. Voler istruire 
alcuno di cosa in cui sia già esperto. 

La gatta pressosa la fa i gattilt orb. 
Gatta J'r'Cttolosa Ja i mttcini cicchi o 
orbi. La cagna frettolosa Ja i catelli- 
ni ciechi; e nobilmente Guasta ogni 
cosa spes.so chija in Jret(a{Canl. carn. 
1 9 67). C//I Ja alcuna cosa in Jretta la 
Ja male{Kni\ Borg. Am,Jur, III, p. io). 
• In Jretta cosa mal non si assetta che 
stia ^e/tc(Machiav. Op. IH, i). 

Vess pesg d'Iona gatta sorianna. 
Esser tenera di calcagna. Ksserc don- 
na facile a innamorarsi. 



06) GAT 

' Via la gatta , balb t rati. fig. Dopt 
non ò gatta o dove non pan gaUe i 
topi vi ballano* Quando la gatta non 
è in paese i topi ballano, 

G^tta. . . . Ogni ruca, e specialmente 
se grossa, f''. in Gattlnna. 

Gatta (cavalér). A^.' Gattlnna. 

Gatta per Gattinna(am^irto). f^. 

Gatta. Lo stesso che Grippa, f^. 

Gattàda. Levaldìna. Rubamento, Furio. 

Galtamòrgna. Fagnone, Sortone. Gatta 
morta. Gatta di Masino. Uo che finge 
il semjdice e non è. 

GattèlL Sorgoztone(Mon. 4p9)« Asdalone. 
Beccatello, Scedone. Mensola o peduc- 
cio che si pone per sostegno solfo i 
capi delle travi fitte lìel muro e sotto 
i terrazzini ; ed anche Quella menso- 
letta che s^ inchioda sulle abeteIle(rA]i- 
tir) de^ ponti da fabbrica o simili. 

Gattèll. Contraspìone. Fusto di ferro a vi- 
te su cut posa la biella delle carrozze. 

Gattèll. T. idr Doccia di terra 

cotta o di legno per cui scorre UDÌt« 
Tacqua. Questa voce procede o dal 
nostro Salt de gati^ 6 dal parmigiano 
Gat che fa gattèll cioè mensola all'a- 
cqua reggendola, o dal ferrarese Gatd 
per acquedotto, o dal veneto GaUolo 
per Tromba , chiavica 9 ecc. 

Gattèll d'^estaa I nostri idrau- 
lici chiamano cosi quella doccia' cbe 
serve per le magre estive. 

Gattèll d* inverna La doccia 

che serve per le piene vemie. 

Gattèll (cavaler). F* Gattìnn. 

Gatlellà. .... Livellare esatto il bat- 
tente alle bocche d^estrazione d^acqua 
dei canali. 

Gattellazión... La livellazione di cui sopra. 

Gattcllntt Beccatello grossotto. 

GattiVa. M. (T Èrba. K. 

Gattósg. Foce usata nel dettato Andà ia 
gattcsg. Andare in gattesco, jindait 
alle femmine. 

Gattin {che anche diciamo Minln, Bfincll, 
Miscln, Moscin e sim.). Gattino. Mi- 
cino. Mucino» 

La gatta pressosa la fa i gaUitt orb» 
f . ut GMta. 

Pari on gattin scoltaa. Esserle mo 
scriatellOf un neee. 

Gattin. fig. Monello. Traforellimo. TU- 
furellino. Ladroncello, 



Digitized by 



Googk 



GAT 

GalUn (cavalcr). V. in Cav»Iér. 

Gattlo. ,M., Nome schcrz. d' ogni pel- 
liccia o roba guernita dì pelliccia; 
perciò dicesì Gattin quello che altri 
dicono Boìn^ e Gattin il manicotto 
(man izza) di seta con pelo bianco per 
di dentro che fa mostra di se alle 
due rimboccature, ecc. 

Gali ina. Baggaitinare ? {Fagmoii ^ JRime 
ìli 9 i6i» beocliè da lui usato ad 
alir^uopo). Recidere i virgulti e le 
frasche che vanno nascendo da piede 
dallato io sui tronchi di quegli al- 
beri che SODO destinati a crescenza. 

Gatllon. s. f. pi. Que* bachi da 

seta che intristiscono novellini e de- 
generano in brucioluzzi da gettar via. 

Gattìnna che ancate diciamo Mininna 9 Mi- 
scìnna» Uoscinna» Minella. Gattina 9 
Mucina, 

Caitìnnn. iìiica. Eruca. Ruga^ e per esten- 
sione Bruco^ Baco. Generalmente par- 
lando noi chiamiamo Gatta o Gattìnna 
o Gattaia (ruca) la larva delle falene, 
e pare quasi che ne sia carattere gene- 
rico la pelosità o generale o parziale. 
AlPopposito nominiamo Can o Cagnon 
(bruco, baco) la larva degli scarabei, 
di cui pare distintivo V assenza d^ogni 
pelo e la simiglianza al tatto colla 
nudità vermicolare. 

Galtitina. v. br. Gatto. Gatiino^ e con vo- 
ce dottrinale Jmento. Inliorescenza 
di certe piante consistente in infìniti 
fiori apetali unisessuali disposti lungo 
un asse comune detto Rachide^ pen- 
dente, molle, pieghevole, prolungato. 
L amento vedesi per esempio nel sal- 
cio, nel castagno, nel nocciuolo, ecc.,. 
piante che perciò si dicono dai bot. 
oftìentacee, 

Gìitlol(Wdo). y. Mognón. 

Gàttola, Gattolón., Gattolòtt. v. hr. per 
Galla o Gattìnna ( orfico , bracone ^ 
truciolane), y. 

Galton che anche diciamo Minón e Mo- 
sción. Gattaccio. 

Oaiioa de refettori. Gatton gaUone, 
^atta di Masino. 

^»"«». fig Ladrone. 

C««tón. s.m. pi. Pecorelle? I contadini 
df Ir Alto Mil. chiamano cosi quelle nu- 
"l^glie conglobate, spesso quasi equi- 



distanti, le quali a orizzonte apparcu- 



(ao7) GAY 

te rasentano talora i monti, e non 
mostrando staccarsi dal mezzo loro 
sono a quelle genti presagio di piog- 
. già vicina. 

Gattdn(5<i/rio). f^ ftfìgna o Mognón. 

Gattóu. s.m. pi. rivale. Malattia de^cavalli. 

Gattón (AV Carpone. Coi'poni, Brancone* 
Brancolone, 

Andà a gatton. Andare in quattro. 
Anche gli Spago noli hanno in questo 
scuso Ear a gatas, (nà. f* 

Gattona. Lo stesso che Grippa e Sgatto- 

Gattonàss. Jggattonarsi. Audar carpone. 

Gattòzz. V. hriauz. f^e;*moc<:/H'o(Gior. agr. 
tose). Il bacaccio de"* bozzoli allora 
che è morto. » 

Gavàda. T. de^Ferr. Arzingc^ Specie di 
gran tanaglia da ferriere*' 

Gavàscia , ecc, 'y. Gavàsgia , ecc. 

Gavhsg, ed anclie Gavasgión v. a. del 
Far. Mil. Ciarliero, Linguardo, Lin^ 
gnacciuio. 

Gavàsg. Y. a. del Far. mil. Diluzione. 
Pacchione, Liircone. Gran mangiato- 
re. 11 rar. stesso lo deriva dal greco 
}iàpx:;}i(cdttx , incxplemis). 

Gbvàsgta, die altri dicono Gavàscia o 
Sgavlisgia. Goliiccia, Bocca svi\fagnata ; 
ed ancho semplic. Bocca - 1 Provenzali 
dicendo Garagi intendono il gozzo 
degli uccelli; essi dicono pure iS"e/i- 
gavagear nel nostro senso diJngossass. 
Stà-li con la gavàsgia averta. Stare 
a bocca aperta m atto di maraviglia 
o attenzione o desiderio di checchessia. 

Gavasgin. Dim, di Gavàsgia. F. 

Gàvcll. Grappa. Spranga di ferro ripie- 
gala dai due capi che serve per col- 
legare pietre, morelli, ecc. 

Gavcll e più comunemente al plur. Ga- 
vij. Qaarti {A\h, enc. in Cerchione e 
in Trespolo — Alb. bass. in Jantes ). 
GA('i(Biring. Pirotec. lib. 7). Quei 
quarti di cercliio di legno ne* quali 
incastrano i razzi delle ruote e sui 
quali 8* inchiodano i cerchioni di ferro. 

Gavèila. F. in Garélla. 

Gavellìtt de sterza de carr. Quarticini ^ 
(*tosc. — Diz. artig.). 

Gavétta. Gw^tta di iil di ferro (nvntf/i). 

Gavij. F. Gavèll (quarto eli ruota). 

GaviucU. Astofino. Falchetta di torre. 
Gheppio. Jcertello, Foltivento. Uccello 
di ra[ji uu che fa per le torri ed altre 



Digitized by 



Coogle 



' &EL ( io8 ) 

fabbriche 9 ed è il Falco tinnuncuìttsL. 
Anche i Veronesi io dicono Gavinèi, 

Gavinèll per Ganivèll. f^. 

Gavòtta. Gauotia, Aria musicale da ballo, 
e ballo in su tal aria. 

Gaudeamus. Foce usata nel dettato Andà 
in gaudeamus. Essere in gnudeamo 
(Nelli becchi Riv. 11,24). Esser in giòlito. 

GdZH. F, Sgàza. 

Gazèha. Gazzetta, Foglietti. Gli avvisi* 

Fann de quij de andà in gazetta. 

Fame di quelle co W ulivo. Farle mar- 

chiane. (I, a. 

Gazettée. Gazzetiante{Faf^. Coni. Bitcot 

Gazettìn. Foglietti segreti. 

Vess «1 gazzettìn. fìg. Essere il no- 
velliero ,* cioè il rapportatore degli 
aneddoti, Tuom dei foglietti segreti, 
che sa e riferisce le novelle. 

Gazia. Gaggìa, l^anta nota. 

Gè. Gì. La settima lettera dcir alfabeto 
italiano. 

Gèa o Gèja. t>tn .' (*losc. — Last. Prov. 
V, a 58). Pela] a. La buccia .interiore 
. e più sottile che riveste immediata- 
mente la castagna. Alcuni Lariensi , 
come i Menagini, la dicono Fóffa* 

La geja fìnna ai genoeucc , e la famm 
finna ai oeucc. A^. in Fàmm. 

Gecchìi. V. dell'A. Mil. Intristito, Indoz- 
Ulto. Morbisciato. Invecchiuzzito. Im- 
bozzacchito — lìg. jiggecchito. Avvili- 
to. Accacchiato — Gecchito. Dimesso, 
Umiliato. 

Gecchiss. v. dell' A. Mil. Intristire. Invec- 
chiuzzire — L^aut. ital. Aggecchirsi ha 
affinità con questo lombardo Gecchiss. 

Gèl. Gelo. Gielo, Gelone, 

Gel di man , Gel di pee. Pedignone. 
Gelone. Buganze, Bugance. Infiamma- 
' zione che per cagion del freddo si 
genera specialmente nei calcagni e 
nelle dita delle mani e dei piedi. 
Engelure dei Francesi. I geloni de''cal- 
cngnl fra noi diconsi più comunemente 
Muli, forse dal fr. Mules di pari sig. 



Pati el gel. Soffrir di geloni. 
Gela. Gelare. Giclaie. Aggelata — Cow- 
gidaré. Bappigliare. Asscvai*e — Par- 
lando delia minestra e simili Raf" 
' freddarsi o Freddare. 

Comenza a gela. Fclare. Far velo. 

Colà del fregg. Agghiadare. Aggrez- 

zarsi daW eccessivo freddo. Aggran- 



GEL 

chire. Indolenzire. Indoìehtire. Intor» 
mentire. ' Assiderare. Addormentarsi 
quasi il senso delle membra pel freddo. 
Gela el sangu adoss. Gelarsi il san- 
gue. Sentirsi tutto rimescolarCm Farsi 
il sangue di ghiaccio. Agghiacciarsi 
o Agghiadare di paura, Bincercomre. 
Dicesi del sangue quando si altera 
improvvisamente per vedere o ricor- 
dare cosa odiosa e spaventosa — 
Avere un caporiccio o un raccapric-' 
ciamento o un raccapticcìo , cioè un 
arricciamento de' capelli che significhi 
paura. Capriccio od Orrore si dice 
Quel tremore che scorre per le carni 
per orrore di che che sia. Freddo 
gelo; Freddo tremore. 

Gela i cornacc. iron. Cascano i corii 
dal fredflo(Pro3. fior. IV, 111 p. S5). 
Gelà-via i man, i did, ecc. del fregg. 
F". in Frègg. 

Gelàa. s. m. ed anclte al pi. I Gelati. 
Gelato. Gielato. K Sorbètt. Nome col- 
lettivo di ogni spezie di conserve 
frutti in gelo. Acque gelate. 

Gelàa. Ad. di Stracchili. F. 

Geladinna. Gelatina. Gielatìna* Gieiadina. 
Con su la geladinna. Gelatinoso. 
Fà-sù la geladinna. Dii^entar gela- 
tinoso. 

Gelée. T. di Giuoco. Giulé. Gilè, Somi- 
glianza di due carte nel giuoco. 

Gelée per Sgenée. y. 

Geleràda. Gigliata{^iìOT.). Suol dirsi di 
quella bazzica in cui concorra giulc. 

Gelerón. Giuleone. Somiglianza di tre 
carte nel giuoco di bazzica. 

Gelós. Geloso. 

Afare gelos. Affare o Negozio gelose. 
Gelos de la soa ombrìa. Gelosissime. 

Gelosia. Gelosia. L* esser geloso. 

Gelosia. Persiana. Gelosia. 1 Gcdosij. Le 
Imposte alla persiana{lAkst. Op, 11, i49>* 
Le parli delle gelosie sono 

Guid* Guide? t^ Travers. TTraversi? 
«= Assett. Stecche t^Cu\eit o CaTetlino. 
Incavi? e» Gordon. Bastoncini? Ton- 
dini? «= Coramàn ■= Cantra 

con baletta. Cantonate con = 

Canton con polez e piletta. Canton^^ 
con bilichi e dadi ? ;= Spagnoletta. Sor 
Uscendo *« Sallarej. Molle? 

Gclosii a coliss Le persiane 

accaualate nc^muri laterali alle iinestrt. 



Digìtized by 



Google 



GEN . (ao9) 

Tegni bvdaa i gelos». Tìsnerle ge- 
losìe socchiuseiCr, in Socchiuso), 

Gelosìa. J}isciptine. h'Jmaranthus pani- 
cuiatus dei, botanici. 

Gelosia. Fiorveliuto, Sciamìio» Nappe di 
cardinale* La Ceiosia cristata dei^bot. 

Gelusiée Chi ,lavora di far ge- 
losie per carrozze. 

Gelosón. Getosaccio, -Gelosissimo, . 

GelsumÌD. f^. Giussumin. 

GemèlL Gemello, Binato, Nato a un corpo. 
Fa duu geme]. Binare — Il fatto 
Binascenza -— Gemellipara chi li fa. 

GemcUàa. Ad, di Piànt. r. 

Gèni ma. Gemma, Gioja, 

Gemma falsa. Diamante penutodaMur 
rano(Poem. aut pia.). ^. Cuu de biccér. 

Gèmma. Occhio, Gemma, 

Insedi a gemma. Innestare a occliio. 
Inoculare, F, Insedi. 

Gèmma. Phlica, Pùliga, Bolla, Sonaglio» 
Giugà a (k i gemm. Fare alle bolle di 
sapone(*fìor.). Far le bontòole(*\ucch.). 
Far sonagli{Don, Zac,). Attrarre con 
una cannuccia un pò* di saponata posta 
io qualche Taso, e soffiando quindi 
fortemente 9 mandarne in aria de^ glo- 
hetti o sonagli che in breve momento 
si convertono in nulla. È quello che i 
Bergamaschi dicono Fa i bocalocc. Si 
hanno delle stampe francesi nelle quali 
esistono curiosissimi calemboargs fra 
queste bolle ed altre di fabbrica diversa. 

Geranià. v« cont. Gemmare, 

Geromàda (Pianta). Occhiuta, 

Gemmònn Bolle grandi. 

Gemón chiamano alcuni (7ZiÌfolòtt(ficc.).n 

Genàr. Gennajo, Gennaro • . 

Genar fa i pont e febrar je romp. 
Gennajo fa il ponte 9 e febbraio lo 
rt>wpe(Monos. p. SjS). — Di Gennajo 
dicesi altresì che Gennajo ejebbrajo 
o empie o vota il granajoQAon, ivi)» 
che Gennajo fa il peccato , e maggio 
n*è incolpato {là,) 9 che II mese di gen- 
najo non lascia gallina a pollajo o vero 
Gennajo ovàjo(id,) perchè in gennajo 
Tozio rende frequenti gli spogli dei 
pollai o legittimi o ladroneschi; che 
Getmajo secco lo villan ricco(\à, S80), 
che Polsfére di gennajo Carica il solajo 
o che Quando il gennajo fa polvere 9 
'^ g>'an si fa da iwcre(id.), che Quando 
gennajo mette erha^ se hai grano e 
Voi, II. ^ 



GEN 

Ih lo jerbaCTajaìàrm Economo in vUU 
p. 537), cioè che gennajo uaudo è 
presagio di annata sterile, come pure 
che Se la mosca si vede il gennajo^ 
contadino serva il pagliajo(\à, 5ay) 9 
cioè che genoajo caldo, è presagio di 
vernala lunga. 

Getidàrma. K. Giandàrma. 

Genée e Canta génee. F, Sgenée. 

«Cor e pano bon]wr^eiiee*(Mag.JRim.VI,xaa). 

Genèffa. Palchetto{*ùor,), Asse corniciata 
nella quale, sta fitto quel ferro in .cui 
s^iniìlano le campanelle che sostex^eno 
le cortine di finestre, balconi siin. 
Intorno intomp a quest'asse gira quella 
specie di falbalà che noi chiamiamo 
Mantovanna, Gasparo Gozzi nella sua 
versione òeìV Esopo in città (IV, 5) 
la chiama Buonagrazia con voce ve- 
neziana e mantovana applicabile, al 
detto falbalà. 

Gèner. Genere, Usiamo la voce i» 

In gener de crost o sim./n fatto 
di croste o simili. 

In gener, numer, e cas. y, in Cès, 

Gèner. Capo di mercanziai(^agBÌ. Operei, 
p. 5i). />erm<a - Molti usano identica- 
mente i collettivi Gèner e orfico/; prop. 
pari, però noi chiamiamo Gener(derra^ 
te) le cibarie^ Articol{capi) le merci. 
Gener coloniai. Derrate coloniali, 

Gèuer. Genero, Correlativo di Suocerot 

Genera. Generare. Ingenerare. 

General (Batt la). T. mil. tolto di peso 
dal franzese. Chiamare o Sonar a rac- 
colta. Sonar raccolta la raccolta. 

General. Generale, 

General in capo. F. Generalbsem. 

General. Gi*ì^<are(*marem.). Porcaro. 
Chi guida i porci. (regolai^e. 

General. Generale, Capo d'una Congreg.* 

General, ^f^, sch. Freddoloso. 

General, ad. Generale. 

In general. Generalmente, Al ge^e» 
rale. In generale. In genere ; e con \\a 
idiotismo contadinesco Per ingenito. 

Sta sui general. Generaleggiare. Star 
sulle generali, tacciar per le gene^ 
rati o sul generale, V opposto di Par- 

' ticolareggiare; la dottrina dei satutto* 

Generalissem o General in capo o in 
capite. Capo dell' armi{Gr^sAÌ Diz. mil.). 
IlGcnorai supremo; ilMaggtorCapitano. 

Generalitàa, ... Il corpo dei generali. 

37 



Digitized by 



Google 



GEN (ai 

tveneruiéii. Genertmione. D*ogni genera- 
^ sion. D'ogni generazione o razza o sorto. 
Generòs. Generoso* {ralità. 

Generosi tàa. Generosità. Largftetta. Libe- 
Genèfltar e Genéstra. f^. Ginèstra. 
Genestrée (fonsg). V. Gtnestroeù. 
Genevrio. . • . . Specie di dolce. 
Gèni e aiilrc. Ugèni. «. m. IneUnazione^ 
Genio, Simpa&a» Affetto da natura. 

Andà a geni o Vesa de bò geni. 
Andare a genio* Dar nel genio. Andare 
a stonuico ; e schers. Andare a genere 
(Kon. Ser.nohAil^ i3). Piacere «easere 
conforme la propria inclinazione. 

Avegh minga geni per ona coasa. 

Non inclinare a checdussia. 

Fa con geni» Far genialmente, 

. Gèni. 8. m.« .. Ifel ceaaato Aegno d'' Italia 

era chiamalo così » con voce fr. collet* 

Uya , il Corpo dcgP Ingegneri militari. 

Battojon del Geni. • . • Battaglione 

di Barrajuoli, soldati materiali esecuto* 

ri degli ordini ^egringegneri militari. 

Guardia del Geni 

GeniAl. Ad, di Fàccia, r. 
Gen<eùcc e Genosàgg. Ginocchio. Al pi. 
/ Ginocchi o Le Ginocchia» 

Andà e Mett o Manda in genoeucc. 
Andare o Mandar ginocehioni (per 
castigo di scaola). 

Dà la borella in di genoeucc. fìg. Cà^ 
scar il cacio sta maccheroni. Disse il BaL 
« In sto cu, par detgracU, o p«r fertima 
» Che BM da«t h borelU in dì gvnceucc. » 

Picgaa come a genoeucc. Ginocchiato 
(Targ. IsUt. II, 70); dottr. Genicolato, 

Genoeucc. T. de^ Torn. Quel punto dove 
il fusoIo(a/Zror) del tornio si ripiega. 

Genceuggiàda. Colpo di ginoccìùo. Dà- 
dènt ona genoggiada. Toccare una 
botta nel ginocchio, 

Genoeuggiatòri. Inginocchiatojo. Arnese 
di legno per inginocchiarvisi;<sù. 

^^oggér. Bollini da cavalcare, 

Genoggm Fa genoggin o Vess 

garin. .... Dicesi di chi ha le gambe 
storte, le ginocchia volte indentro. 
Il latino Compemis, 

Genoginn. Ad. di Viceùr. r, in Vioeùra. 

Genoggión. inginocchione, Inginocchioni, 

Genoggltt. s. m. pi Cosi chiamano 

nell'^A.M. varie graminacee genicolate. 

Genova. Qnesto nome serve per aggiun- 
to a varie frutte e sim- provenute 



o) GEN 

proregnentt da quella capitale della 
Liguria o da* contomi; per cs. Ani- 
docch, Basgiann t Erbion, Figh , Fior 
de Genova. Carciqfini, Baccelli, Pi- 
selli 9 FiclU^ Fiori, di Genova. 

Genova oGenovinna. s. f. Genovìna. Ge- 
novino. La doppia di Genova. 

Genovésa (Cadenàzz , Salsa , ecc. a la). T. 

Genovìnna. K. Genova sig» ^P 

Gént. Genie* Al teater gh'*era de la geni 
o ghVra minga de gent. In teatro 
v^era molta o nessuna gente. 

Bassa o Povera gent, o Geni bass de 
tacch. GeRfere//e(Cecchi Dissim. I , a). 
, Geni come se sia. Gentaglia. 

La geni de ben no cerca i fatt di 
olter. y. in Fàtt. 

O geni o parent o el patron roal- 
content. F', in Foeàgh. 

Gént. a. f. pi. Genitóri* I soeu gent 
assolut. 1 soeù. / sttoi parenti. 

Gentàja. Gentaglia. Gentaccia* Gentaccia, 
Gentame* Scldatiomaglia. Plebaccia, 
Gentéa »— Gentaja b(^gironna. Genta- 
gliaccia. Gente di calca o di scarriera. 

Gentil. Ad* di Scépp. F. 

Usij del becch gentil. F. in UsoU. 

Gentil per Menudrin o Nubilìn. F, 

Gentilin. Cimitero^ e propr. nome di uno 

tra i varj cimiteri della nostra città. 

Andà al G«ntilin. Morire, f^* Gagaràtt. 

Pari la mori del Gentilin* Essere 

un arfasatto^ un nece. 

Gentilómm. T. di Giuoco. £ig'/iore(*Iior.). 
Quegli fra cinque che convengono a 
giocare , il quale viene escluso a sorte 
dal numero voluto per comporre la 
partita , che d^ordinario non oltrepas- 
sa i quattro , e partecipa non ostante 
degli utili del giuoco» Alcuni Toscani 
lo dicono Bardotto^ i Francesi Beat 
(Roux DicU), 

\eas gentilómm che anche dicesi 
Cusass foeura. ùg. Star da canto al 
giuoco(Cecchi Servig, III, 3 - Celi. Fit*)- 
Non se n* intrigare, Non aver parie 
in checchessia, lavarsene le mani 

Genuggiatòri, Genuggilt, ecc. F. Genoeug- 
giatòri, Genoggltt. 

Genuggiàj. Ginocchielli^ Nome di quei 
due cenci a più doppj e tutti rattop- 
pati onde lo spazzacammino si copre 
sovra i calzoni le ginocchia per difeo- 
dciie dagli attrili nel puntare che fa 



Digitized by 



Googk 



.GER ( ai 

con esse contro le pareti'della goU del 
cammino. aUorchò vi sale a spassarla. 
Geogràfegli. Gecgrafico. 
Geografia. Geograjùu 
Geòmetra. TmHfUdare ( *aret. «— Vòeab. 
aret.). Colui che taTola* che fa lataYo- 
latnra, che misura i terreni lavorati. 
Geometria. Geometria. 
Gèppa che anche dicesi Baalètta* Boaxo. 

Mento arricciato e volto ali* insù. 
Geppin..*Un poMi bassa, una breve bazza. 
Geppón. Baxuuttei^^T,). Cosi cbiamasi 
quegli che ha Ù difetto di avere il 
méiito arricciato e volto airinsà. 
Géra o Gev&a. s. m. Greto, IL rigetto 
della ghiaja dei fiumi, canali e siro. 
Il lat. Regesttofu I Mantovani , i Cre- 
moneai e altri Circumpadani Io dicono 
Restara '^ gli Aretini Hestiene. 
Géra. Ghiaja* Ghiara,^ Dividesi in Ghiaja 
di fiume , Ghiaja di Udo e Ghiaja di 
cava 9 e auddividesi in Ghiaja 9 Ghia- 
jottolÌ9 Ghtajuseet Itene* 

Batt la gera Gamminar pri- 
mi sulle strade inghiajate di fVesco. 
Quatta de gera. Inghiarare, . 
Gerà. Gelare^ ^ggidaeciarsi* 
Geria. ad. Gelalo. Jgghiacciato, 
Geradàdda. Chiara d*Jdda* Nome di un 
tratto di paese in Lombardia usato in 
Andà finna in Geradàdda. Lo stesso 
che Andà finna in Calicùtt. r» 

Colcinna forta o de Geradàdda. Hoc- 
eia calcarea ^ Calce di Chiara d'Adda* 
Geràni di mòrt. f^. in Mòrt e Giràni. 
Gerarchia. Gerarclùa, 
Gèrb. Soda^{G\ov. agr. XUl , 80). T. 

anche Zèrb. 
Gèrb. // verde. Ferdta^e? Il gambo ver* 
deggiante delie piante cereali, grami- 
nacee, ecc* 
Gèrb per Navèscb. K 
Gcrètt per Girètt. K 
Genetta. Ghiajtuza. Lapilli. 
Geretlinna..^ Sottil ghiajuzza , lapilluzzi. 
Gèrgb. Gergo. Lingua janadatticao fur- 
besca. Favellar per gramuffa. Parlar 
gergone o in gergo. V. Zèrgb. 
Geriv. add. Ghiajoso. 
Gèrla, s. m. che altri dicono el Gèrle 

e in Brianza la Gèrla. Gerla. 
^^la in campagna è anche misura semi- 
convenuta; ivi si suol dire che una 
barozza(carrp) di letame è dieci gerle. 



I) CES 

Felor. ^'fl^e ? » Pelorott. Misse 
Cuu. Fondo ^ Palennaa. Asserelle dei 

. manichi? mm Péìènnl Manichi. 
Romp el gerla, f^. ùi Rómp. 

Gerlàda* Piena una gerla. 

Gerlètt. . ... Picciola gerla. 

Gerlettln. » . • Picciolissima gerla. 

QéAo. V. Gèrla. 

Germanòtt Nome che ^li abitanti 

dei contorni di Varese sogliono dare 
a quella sp. d^ Anatra la quale nel 
Basso Mil. chiamiamo Coll-lóngh. V. 

Germèj o Germceùj. Germoglio. CuonCifio 
{Corculum Bertani Diz. hot.). 

Cascià-foeura o Tranvia o Trà-f<eara 
el germoeuj. Snighittirsi. Uscir del 

• manico* Fare più che non si suole. > 

Germejà. v. contad. br, Germo^iare. 

. Germinare. PuUullare. Il pullular dei 
semi; che quello degli svematoi di- 
cesi più volentieri. Butta o Cascia o 

Germosùj. K Germèj. (Moeùv.^. 

Gerolifegh. Jeroglifico. 

Gerón. s, m. pi. Geloni. 

Gerón. s. m. Ghiarone. Ghiajottofi -« 
Sabbione. Calcestruzzo. Cai^istruzzo. 

Gecón. T. de^ Murai. Getto. Smalto di 
calce e ghiaja. Quando si lisa a smal- 
tare i palchi delle soffitte (5oree) noi 
lo diciamo con nome spec. Caldànna. V, 

Gei'óndi. T. gram. Gerundio. 

Gerds. Ghiajoso. 

Gésa. Chiesa; nob. Tempio; fig. La casa 
di Domeneddia{ Sacc. Bime) -* V. anche 
BasUega, Capèlla^ Dòmm, Oratòri, 
Santuàri, ecc. ecc. 

Ctamà gesa. T« di Giuoco 

Chiamar securtà, dirsi in luogo se- 
curo, neutrale. 

Dì vun o vc&unna in gesa 

Proclamare dal pergamo i fidanzati. 

Fa di in gesa. Far bandire chec- 
chessia in chiesti. 

Fa (oVisità) i sett ges per devozion.... 
Fare la visita delle sette basiliche 
sUzionali , o delle sette chiese a quel^ 
le parificate per simil devozione. 

La gesa granda , e ppcch i sant. fig. 

..... Dicesi d^ogni contenuto cIm 

riesca poca cosa rispetto fd, suo con^ 

tenente. Il virgiliano Jppareni rari 

. nantes in gurgite vasto. 

Lavora per la gesa de Vaver o per 
santa Coronna. F. in Corònna. 



Digitized by 



Googk 



GES (2 

L* è naneh mIy o Ei te salva nanca 
in gesa. Non lo eampefbbe V uovo 
deWAsswìdoneiSMìv, Granchio II, 5). 

Omm de geaa. f^p in òinin. 

Pescador de santa gesa. K. Pescadór. 

On poo per la gesa e oa poo per 

"el santìssém se tira-U benissem 

Dalle elemosine che si sogliono aecal- 
tare a sostegno delie chiese e delle 
fraternità parrocchiali del SS. SS. il 
nostro popolo ha c;avalo questo modo 
di dire per denotar ogni Campare 
' siifficiente che altri faceta raccoxzando 
varj picciolt guadagni. 

Qaand no ghe iC è patiss anca la 
gesa. fig. Di rapa sangue non si può 
catare — Dounte Va rèn lou rèy perde 
seis drets dicono anche i Provenzali. 

San March Té ona bella gesa. K 
in March. (Sànt. 

Sant in gesa e dia voi in cà. y* in 

• ■ Trè-giò per la gesa. sch. . . • Bandire 
dal pergamo le promesse matrimonia- 
li , i fidanzati. ( f^ in Càn. 

Tess fortunas o#me i can in gesa^ 

Vess in 'gesa. fig. Essere me%%o morto 

e metto sotterrato. Stare poco a rin^ 

calzare il Jico{Fa^. Rim. Ili, i5o). 

Aver la bocca in su la bara. Essere 

• gravemente ammalato, 

\^s mezz in gesa. fig. Essere ba- 
cato o mezzobacato, cioè malaticcio. 
Véss tutt gesa o tutta gesa. 'f'^ens 
ehiesólastico o chiesastra. 

Vorè andà in gesa a dispett di sant. 
F. in Sànt. 

Gésa o Confortatòri. CappeÌla(*3Bn.), 
Chiesetta o Chiesina(*fìov*). Quel luo- 
go, benché non chiesa, in cui i con- 

' dannati all^ estremo supplizio si pre- 
parano cristianamente alla morte.' 

Vess in gesa< Essere in cappella 
(*san. — Nelli Dottoressa leziosa 111,9). 

Gesiàtt. ehiesólastico. Colui che frequenta 
affettatamente la chiesa. 

t^siàtta. Óùesastra, Ùonna come sopra. 

Gesioeù e GésiieOra. Chiesino, Chiesiuola, 

Gesrorm. Tempierello, Picciola chiesetta. 

GeSoeàla. f. cont, e brianz, per Gesioeù. n 

GésÓQ.J; Gran clfiesa, tempio assai vasto. 

Gesorèùlt. T. M\is. Gisolf^utte, 

Gt'ss. Gesso — Il gesso è o lamelloso , 
o setoso^ o fibroso , o nivi/orme, V ha 
il Gesso nativo; ìì Gesso da Jiu* presa 



}X) GH 

!o da muraÌon{TTg. PUg. II, ^^y e 
35i ) ; e il Gesso da sarti o Micio o 
Melitite o Galatiiie(Turg.riag. Il, i55 
e altrove). F'. Bianchèlt ; il Gesso da 
imbiancatori o Bianco; e il Gesso da 
ybrmai«(figulatoria -«Redi Op, III , 77). 
Gess de pitor. Gesso da oro. Gesso 
di ro/(erra(Baldtn* Diz* del disJ). 
Gcs% in pan. Gesso nativo {Jlmr^. 

riag. n, 347)* 

Resta de f^tss* Restar di gessoiForùf^. 

Mie. IX , 18). Mestar di ja/e(Pan. A7ag. 

Barb, I, 70). (P*Ppa- 

Stà-11 come on pappa de gcss/f^. in 

Gèss. T. di Belle Arti Ogni statua 

o rilievo di gesso che aerva per mo- 
dello o per ornamento '— • Copia del 
gess. . . . Copiar dai modelli di gesso. 

Gessée. Gessa/uolo. 

Gesserà. Gessa/uola. Fem. di Gessée. r. 

Gessiv. Ad. di Terén. Gassoso. 

Gessòn. Pancone? ArgiSitt rossiceia» carica 
di ferro idrato , indurita e schistosa , 
assai comune nei colli della BassaBrian- 
i^. È simile negli effetti al Ferrtti^ 
quantnncpie di na(,ura un po' diversa. 

Gessumln. f^. Giussumin. 

Gèst. Gesto. 

Gesti. Gestire. Gestegjgiare* Atteggiare. 

Gesù gesà, Gesà geiù(Pan. Av. I, a5 ). 
Esclam. riprovati va. F^.^ancheinTortìk. 

Gètt. T. d^ArmajaoH Fèrro da 

scalpellar ferri, forare, ecc. 

Gettàda Anticamente fu sino- 
nimo di Trabucco, e procedeva, come 
dice il Giulini(XI, i6a), da nn trar di 
terra fatto con badile o simile; oggidì 
vale Doppio trabucco. 1^. ù» Trebùcch. 

Gettaréll. Lo stesso che Scossùra. r. 

Gettón. ..... Nome che varj punzo- 

nisti di caratteri da stampa d'anno a 
quelle squadrette di ferro o di rame 
delle quali usano per giustificare le 
matrici de"* caratteri e riconoscere se 
ogni tipo sia ben allineato con tutti i 
singoli suoi compagni. Dal fr. Jetton. 

Gh. Sincope di Ghe. Si usa inùùale di- 
nanzi fHPcale o K finale affissa ai verbi. 
Gh^ andaroo , Gh*" eel , Gh^ intri , Oh' 
hai, GK^orobrii, Gh^nsmi; Mettegb 
la fadiga, Mettegh el bareitin. F' an- 
drò 9 F*è egli 9 Centro 9 Ha igti^ Om- 
breggio , Odoro ; Mettervi la fatica . 
Mettigli il berretto. 



Digitized by 



Googk 



GHE ( a 

Che. Gli, J lui; e antic. /. Gh;? credi 
DO. ThH gli credo, DagheL Daglielo. 
Dallo a lui, 

Gbe. Loro. A loro. Se i jQceu kìn bon, 
mi ghe vuj ben» Se i /anciuIH son 
buoni, io porto loro ttmore. I coroitt 
hm leccard ; te gbe détl mai aasee 
buter. JJagioUtU amano l'unlo^per 
essi il burro non. è mai troppo. 

Ghe. £e. A lei. Ghe la canti-giò*. Gliela 
spiffero* Ghe ja.doo^ao. A lei non la 
do, Ghe vuj beo. Le voglio bene,. 

Ghe. CL Ce. Fi. Ghe voo. Ci pò. Gh^ eel? 
Ce egli? Ghe vel? Fi vai in? Ghe 
n'è-no. Jfon ce n'^. . 

Gheba dicono verso il Co'tnasco per Gh»- 
ba Ghibéra. F. , 

Gbéda, e nel contado specialmente brian*- 
wolo Ghèja. Gherone. Guéuzerone. 
Pezzo dì tela o stoffa ritagliato a pi* 
ramide triangolare acuta che e" inne- 
sta o ritto o rovescio nelle camice, 
nelle vesti e simili per fare ' sì che 
possano ben adattarsi al ooi*po di chi 
deve indossarle. 

Faa a ghed. Glteronato, Ingh&xmato. 
Jggheronaio. Sgheronato. 

Oheàìnnu. Gheroncino, Dìm. di Gherone. 

Ghedònna. • • . . Gran gherone. 

Ghèja. r..Ghéda. 

Ghél(Ghe el). Glielo.Gheì doo. Glielo do. 

Ghèlf, Ghdfón e alfem. Ghelfònna 

Astuto, mascagno, doppio, simulato. 
Voci rimasteci testimonio de' miseri 
tempi del parteggiare italiano* 

^^^W.Quattrinaccio. Quattrinello. Un mise- 
rab,quattrinuccio.E\ var uanch onghell. 
iVb/i vale un quattrinaccio(¥^g. Zing.). 
Bann gnaoca on ghell o on ghicc. 
iVon ne dareuna stringa ^ un lupino , 
un baghero 9 un bagattino, un Jil di 
paglia^ un ghiabaldano^ un ghieu, lui 
pelacuccìiino o paracucchino , unbu%» 
«ago, una lisca* Dìcesi per mostrare 
la DuUità di alcuna cosa e il nessu- 
nissimo conto che se ne faccia. 

Gheminna o Gaminna. Complotto, Gher- 
minella. Cabala, Raggiro. Trama. 
«Bove gh't gaaj, ghenima, •! g1i« te tace». « 
(BaL Gén) 

Gheiubina. Sceda. Smorfia, Muso. 

« Con sa boikibd , oenoii e colombriiiD , 
• E nùllia ciaffolittafi gheminii. » (Bai. Gtr.) 

Ghènga. F. Ganga. 



i3) GHI 

GfaèU. ff. m. Ghétto, Piaua G(ittbaP(AUeg« 
aSg — Lalli En, trav. Uh, io/). 
Pari el ghett di Ebrej. F. Sinagòga^ 

Ghètt. s. f. pi. Ghetle(^(ÌQT.). Uosa. Stivar 
letti.FrjQuétreS'-Glietta nei àiz. ital. vale 
una sorta di litargirio. F, in Strìvalìn. 

Ghettlnn .... « Plcciole uosa. 

QhètZt che in qualche parie deWAlto Mil, 

: e verso il Comasco dicesi Lingosùri. 
Mamarrù, Kettile che è la Lacerta vi- 

. ' ridissimah. I. Napoletani la dissero Xi»- 

. ceriola verminara ; e cosi debb^essere 
delta comuntniente anche in qualche 
parte di Toscana , poiché senza più 
la spiega per tale il T^rg. Fiag. T, 

• 44^* Dagli uni o dagli altri la prese 
anche' il Boccaccio nel Decani, gior- 
nata 10.* novella io.% usandola nella 
frase di cui sotto — - Ghezto nei diz. 
ital. è addiettivodift]ngo,dicoi*vo, ecc. 
Vess verd eom e <m g hezz. Parere una 
lucertola verminara , cioè un ramarro. 
Vess verd come on ghezz. fig. Esser 
tinto o pia verde die una ruga^ cioè 

' cambiato di colore per cagion «d^ ira. 
E cosi noi diciamo pure Fa vegnì verd, 
negiier o gris de la rabbia. F. Ràbbia. 

Ghi. Glieli, Ghi poss dà. Glieli posso dare.- 

Ghìa. Sagrata. Sagratina. Sacratina, Sor 
' oratona. Fame di quella sagrata o di . 
quella sagratina — La Ghia dei diz. 
ital. è fermine marinaresco. 

Gbi'àa. Pungolo. Pungiglione* Pungetto. 
Pugnetto. Stimolo, Lungo bastone in cui 
è fìtta dalPun dei capi una punta, 

- del quale si servono i bifolchi per lo 
più per far canmrinare i buoi pungen- 
doli con esso. Il bastoncello a sem- 
plice pungolo è suddistinto' do molti 
fra noi col nome di Ghìarell o Ghiavell 
per diversificarlo dal bastone che ha 
pungolo e nettavomere il quale dai 
più è detto Ghiàa e da molti anòhe 
Ghièra, F, Forse la nostra voce pro- 
viene dallo spagnuolo Guiary guidare. 
Besogna casciall cont el ghì'aa. fig. . . 
£^ non va se non ispinto a tutta forza ; 
non fa cosa alcuna se non per forza* 

Ghièra. .... In alcune parti del Mi- 
lanese è sinonimo di Ghtàa. F, , ma 
più particolarmente di quella specie 
di pungetto che è un lungo bastone 
il quale da un capo ha il pungolo 
{stómbol), e dairaltro il nettavomere 



Digitized by 



Googl( 



CHI (^ 

(ràspùma o pahtta), V. anche Stdmbol 

e P&lètta. 

• OliYaràda» .... « Colpo di pUngetto. 

Ohiaréll e Ghiaréll. ' f^. Ghiàa infine, 

Gklba. V. cont. dólPAlto Mil. Neìfbia 
^acciaia(JKeà\ Op. V» i44)* Nebbia o 
Brina ghiacciata che si ferma m Bugli 

' oggetti esposti allearla aperta. Ha loa- 

. Uoa parentela colla Bqfia di Dante , 
e da .alcuno fu anche detta Griso. 

Xìhiba e Ghibéra dioesi anche in genere da 
molti contadini per Nebbia. Nebbione, 

Ghìberàa* v* cont. br. Annebbiato* 

Ghiberìnna. v. cont. br. JfebbioUna, 

Ghicc. lo stesso che Sesin. V. 

Abaa-ghicc. ChiericuAzo. V. in Abàa. 
È Io stesso come chi dicesse i^&^ia d^on 
ghicc, cioè che non vale più che un 
• mezxo soldo» 

No dann gnaaca o No stima o No 
Tari on ghicc Non istimare o Nén va- 
lere un hagattino oum Jil di paglia, 
y* aneke in QhèlL 

Gkìcc Bg, Sedere, Forame» F, Gùu* 
Trema el ghicc* Quasi simile alPal- 
irò Trema el pinciroeu. y, in Piocirttù. 

Ghicc ghicc! . • • > .Voce che iterata 
mettiamo per.iscacciare i gatti. 

Ghicc! Cocojaì Su huja! Bf> ìtoja! Esci* 

Ghicch Sorta di càlc3so.*^«.in 

Lègn(<;<tiTOic»a). 

Ghidón ( Foce procedente dal francese 
e fattasi comune nel cessato nostro 
esercito italiano), Giudone(Zvxoh, Diz,), 
Specie di fiamma à^ un solo colore che, 

, serve per allinear le guide e su que- 
ste le compagnie dei battaglioni. 

Ghieli^inna. . . • . Dei fatti della cosi 
detta Beata Guglidmina veggasi il 
Cerio nella Storia di Milano a^ fogli 
119 retro e lao verso. Forse dopo 
che furono discoperte le turpi azioni 
di quella falsa devota. si trasportò- fra 
noi la voce Ghielmlnna a denotare 
Maccatella, Cabala, Eaggiro. F'iluppo, 
Intrigo. Garbuglio, 

Ghigliottinna. Ghigliottina ( Alb. bass. 
SuppL). Specie di supplizio da noi 
detto altrimeute Baspa. ^. -— La voce 
è frane. GuiUotine, 

Ghigllolirnna. T. di Stamp Ta- 
gliente fermo in un ciocco portatile 
onde servonsi i compositori per ag- 
guagliare o tagliare in date misure 



14) CHI 

' le liàee di piombo che occorrono loro 

• nelle diverse composizioni da stampa. 
G-hìgna. Luchéra, Cera,Labbia. lucherìa. 

Fa ghigna. Far gangola(*ùoT,). Passe 

* sott a la morosa eont on* oUra donna 
per fagh ghigna. Passar di sotto dk 

'■ finestre delt amante a braccio é^dtn 
donna per farle gangola{Zuiùù, Ba^. 
van, I, i). 

Fa ghigna. Far te fiche o eastrafi- 

^' che o le castagne o cilecca o naturi 
vescia o gitarda. Mostrar di dare al* 

* trui checobessia , e non glielo dare. 

Ghigna de can. Cera da ladront 
da boja o simile. F.in Fàccia. 
. Ghigna ghigna. V» Igna. 
Ghigpin. Ghignetto, 
Ghignón. Stizza, Muffa, 

Faccia de ghignon. Fiso antipatìco» 
Ghignón. Disdetta, Sfortuna nel giuoco. 

• .Anche i Francesi dicono in questo 

senso Guignon. 
Ghinild(voce morta oggidì fira noi quan- 
tunque viva tuttora nelle Marche). 
Astuto, Scaltro. Avveduto* Scaltrito, 

m. Mh f • gbinftlda , tbolglreifta e firn 
» Pn asqiuit de Tanna cb« cognoMt idL » 
(JUL Gfr). 
Ghindàana. Guidana((»\or^ Georg. X Vi, 
57). Giudana (forse per errore benché 
iteratissimo — id. XVI, Srg, 620 e 
seguenti). Gia<£(iiia(Atti Georg. i85S, 
pag. 55)* Matassa di x»*oTa del titolo 
della seta. F. anche in fclza. 
Ghindes. v> a. Guindolo. Arcolajo, Dai 
francese Guindre, 

« Tra i cavaller e i damm, quanti a rcptti 
' » Correo attoma in qQell di come |hiiiéei.» 
(BaL Siau)- 
« A «eotir che Y e ehi 
9 hm T110I oorr con' oa ghindet. » 

• ( Mag. Miuuomàlt}. 

GhinèlIa(Fà el cavali del), j&^r /'aiì»). 
Far come le secchie. Il Varchi nel- 
r Ercolano disse in pari senso: » £' 
hisognereU)e che io fossi la Faeeacàa 
a dire e far tante cose in un giorno *'. 
f^. ancìie in GavàlL 
Ghinghiroeùla ì (Tegnl la)« Racconti 
Ghingiròla i bioccoli, Spì'eggiare. 
Ghiribèlla per Ciappa-ciàppa. #^ 

Ghiringhèll In Gollarate danno 

questo nome ad una specie di tah<Jii 
, (tricch e ^accA)colla quale que'ragasii 



Digitized by 



Googl( 



Gìk (a 

sogliono romoreggianio fefileggmre in 
quella terra la loro GiubbieUa o Ginb^ 
liana che sia. A^. 

Ghiringhèll (Pader). Fraffaùo^ 

GhirJDghès^a che in Brionia dicono Gì^ 
nestroeiL T. d.e' Tini* GinesireUa* Gì- 
neslraggine.Gincstrina. Baccellina' Gua- 
do selvatico^ Pianta de^ cut fiori gialli 
si fa uso per certe tinte» ed èja Oe- 
nula tincloriaL* 

Ghisa. Ferraccio. Ferro crudo in gefH 
(Tar. tose). Ferro fuso e non accora 
appurato. ) Fr. lo dicono Fer de fonie 
ed anche Gueuse, ed i Prpv. G^iso. 

Ghitàra, ClUiarra, . , , 

Ghitara a arpin. Jrpaneita? (Dlz. 

TMìs,), Angelica? Strumento musicfdle il 

quale è una specie di lento o sia di 

chitarra raddoppiata. (lascione. 

Ghitara a Pitalianna. Colascione. Ca^ 

Ghitara franzesa. Chitarra francese 

(Diz. nius.). Ha sei corde > tre metal-i 

hche t e tre minuge. 

' Ghitara spagnoeula. Chitarrina alla 

spagnuola(P^, Bime li, i4o e. !.)• 

Uà cinque ordini di, corde. 

Romp la ghitara* %• Lo stesso che 
Romp la devozion e sim, V, in Rómp. 

Ghitarée. Strumentajo, Colui il cui me-, 
stiere è di far liuti ed allrì strumenti 
musicali di corde; e anche più pro- 
priamente Fabbricator di chitarre. 

GhitarÌD. Chitarrino^ Dim* di Chitarra. 
Ghitarin de canna. Citerà di sag- 
ginali» 

GhitlÓQ. V. a. del F'ar. miL Finto, Simulato* 
Guarda de ghitton. v. a. del f^ar. 
nùL Guardar cattivamente» . 

Già. Così sta. Bene sta. Sì. Così è. Certo. 
Per cs.Te vegnel?... già. Fieni?.,, vengo. 

Già. Già. Già tempo. Per es. L" è già on 
mes. È già un mesfi. 

Già. Gzà. Di già. Ormai. Ornai. El so 
l' era già so. Era già surto il sole. 

De già che. G^acdiè.. Per es. De 
già ch^ el san. Giace/tè lo sarmo. 

GiH(con certa infl^on di voce prolunr 
gata irrepresentabile con lettere e 
^notante afferma ti va d"* ironia o di 
*mare^a). Eh fiì. Certo. Per apjnmio. 
Ma già. Certo che sì. 

Già. Jfon pertanto. Npndiineno. Già. . 

Giacca. M. d'Èrha. F. 

Giacca. V. a. del Far. Chioccare. V. Sgiaccà. 



i5 ) GIÀ 

Giàceol » c&e cìtri dicono T^rèU 

U mazzocchio della vetta(^co.s.ncra) del 
coreggìato(i'e/^ o batta). 

fiàccola (Giugà a la).-. . . 5p. di giuoco 
usitelo in contado e quasi simile alPal-- 
irò detto del paUamaglio(/^anzmd/). F'. 

Giaccplà. T. contad. ..... Il sibilare 

del coreggiato(fe/^« o batta). 

Giaccorèll. T. contad.,. . . PiccioI ma^- 

. MccYììoigiàccol) di vetta di coreggiate. 

Giacobìff. Antimonarchico. BepubMicone? 

. D.emocratico. Giacobino {Aìh.hass.Su:p.). 
, Tuttp però .ne\ sig. di Persona infana- 
tichita del repubblicani^mo, non il Re- 

. . pubb]ic«''pQr. ragion di governo legale. 

Giacohìntkrìa. Bepubblicherla.Democnma. 

Giacobìnna. BepubblicanafomUica. ' 

Giaeobinòn. Acer, dispreg. di Giacobm. F. 

Giàcom* Nomfi proprio, d' uomo che si 
usa nel dctt. Ave f gamb che fan già* 
. Gom giacom. F. in Gamba. 

Giaconètt. • . . Sp. di stoffa di cotone. 

. Dal francese Jaconet 

Giàld. s. m. Giallo. Il color giallo. Giallo 
aurino y citrino ^ giuf^iolino ^ chiaro^ 
pallido 9 dilavato --^Giallo di zaffera- 
no ^ d' orpimento , d' areica — Giallo 

( santo di spincervino , di terra , di 
terra abbruciata ^ di vetro ^ ecc. 

1£X giald o £1 smort el manten » el 
ross el va e el ven. F> in Ross. 

Giàld. ad. Giallo; e anttc. anche Gialdo. 
Ave i pee giald. F. in Pè. 
Brugn giald. Susine gialline. 
Deventà giald. Ingiallire. Ingiallare. 
Giald come el zaffran o come el gal- 
bee. Giallissimo. F. in Galbée e Zaifràn. 
Giald come on pett. Lividastro. 
Tra del giald. Gialleggiare. Tendere 
al giallo. Essere gialleggiante. 

Gialdàsc. Giallaccio{Tw^. Fiag. Vf^iii). 

Gialdin. Gialletto. Gialliccio* Gialligno. 
Giallino. Gialluccio. Gialloso. GiaUo- 
'gno. Giallognolo. Gialluzzo. 

Gialdìnna che anche dicesi Erba gial- 
dìnna o Somenzinna. Miagro. Miaro. 

. Camellina. Dorella. Lutéola. Béseda. 
Sorta d^erbach'^è il Myagrum saUvumt. 
e dà olio e frasca pe^ bachi da seta. 

Gialdìnna. Serretta.Cerretta. Serètt^{Twg. 
Ist.). Altra erba che èvl# Serratula 
tìnùtorialà. 

Gialditt. s. m. pi. Occìd di civetta. Di 
ifìte^giallUCecchx), Cosi chiama il volgo 



Digitized by 



Googl 



e 



GIÀ (a 

ì danari dPoro e. anche più cóimino* 

mente fra noi gif zecchini. /^. in Danée. 

^GialdoHn e anche Gialdolin de Napoli. 

• Giallorino, Sp. dì color giallo inifier.* 

Gialdón che altri dicono Gialdiimm. s. m. 

Invacchùnento ? Malore per cui i liaehì 

- da seta 9 presi che ne siano, ingiallii' 
no, intristiscono e non si conducono a 
fare il bozzolo. È mal mortale, e pro- 
cede da afa, cioè da arie solTogate 
o temporalesche le quali taìito pldr 
nuocciono quanto più il baco è adulto. 
• Cavaler coni el gialdon. rocche 
(•tose. — Giorn. Georg. XVI, Bi 3): 

Giappà el gialdon. [nvacchire(GU}r> 
agr* to9c. f , 54 1 ). 

Gialdón. sust. Ginliogno? Vk vi^-gialdon 
porch. Escimi dattorno giallor mio? 

Gialdòmm. gergo. Occhi di difetta. IH 
qu^ gialli. Monete d'oro. ^ 

Gialdòmm per Gialdón. ^. (sttcida. 

Gialdùsc. Giallore. Giallume, Giallezza 

Giambèlla. tìambella? Segno come dub- 
bia questa voce perchè secondo i diz* 
ital. r oggetto per essa rappreseìitato 
diversi fica da quello che addita la vor 
ce nostrale. Noi per Giambeìla inten- 
diamo o un panetto quasi elitlico 
regalato di burro, o una pasta dolce 
quasi ovale e con due ricciolini dai 
lati; i diz. ital. per Ciambella inten- 
dono invece una pasta dolce anulare, 
e i Fiorentini colle loro Ciambelle 
svitzere , alla fiorentina , alla frasca- 
tana , e coi loro Ciambélloni alla ve* 
netiana , e colle loro CiamhelleUe alla 
fiamminga , alP infante e della regina , 
paste e confetture d^ altra specie. 

Giambelllnna. Ciambellelta? Ciambelli- 
na? Ciambellino? 

Giambo ^H)ce di scìierzoper Giàndàrma. f^, 

Giambón che altri dicono PersiiXX. Coscio 
di prosciutto{Néì\i AlL di Fed, I» i)> 
Prosciutto» PresciiUio. Dai fr. Jambon. 

Giambonln. Prosciuttino ? 
. Giamo. Di già. Già,- A questa ora. V è 
giamo vegnuu. È già venuto — Te 
set giamo chi ? ^ presto arrivi ? 

6iàn(Dass a). Darsi alle bertucce^ ai 
cani^ al diavolo ^ alla fortuna ^ tdla 
versiena ,- alle streghe. Dar /' anima 
al diavolo o al nemico. Disperarsi. 

Gianchètt. avannotti. Nonnati. Bian- 
chetti^ e alla genovese JanehetU. Jac- 



16) GIÀ 

c/U/Df. 7ancAef «ne. Pesciolini che sono 
YAphya o Apua vera degrilliologi— 1 
Alcuni confondono i GiancheU coi I 
Centinbocca{latterini) , ma a torto. 1 

Gianchètt. Pan fé d^ aghi ? (*iosc,). Sp.di I 

pasta che altri dicono anche Binolk. 1 

Gianchètt btanch, Gianchètt glald, ' 

' Giaiichett d^ oeuv I pastami di l 

cui sopra , secondo che sono di farina 
di grano bianca , gialla , eoa uovo. 1 

Glànda. Ghianda, lì frutto degli alberi 
ghìandiferi come quercia, lcccio{rd- | 
gor^ luzzìn ) , ecc. 

Gianda di isccrr. CtefTw(Last.0p.V,a6). , 

Giànda per Seme usiamo noi soltanto in 

Acqua de gì and de zeder. Jc^ di 

tatto cedro?{Targ. Tot. IsL IH, la;}. 

Lattada de giand de zeder. V, in 

Lattàda. 

Giànda e Giandlnna. . . . Lavoro di rica- 
mo così detto perchè imita le ghiande. 

Giandàrma.(jtan£/arme(Pan./'oe(.1,u,ai). 

(i\diiiàinxì9^X3hiandellinoJGIùandina<Gìdoar 
duccia, Ghiandttzza — Mandorietta. , 

Giandlnna d^odor. G/danda. GfiiandiM. 
Cosetto tornito a mo' di ghianda per 
contener essenze odorose , ecc. 

Giandón. Granitone; e propriam. queUo 
che si trova in massi erratici a grossi 
feldispati ricco di mica^ e talora an- 
' che con qualche titanio sui feldispati 
anzidetti. L' ho veduto frequente nò 
primi colli diBrianza verso Casate, ec. 

Gianètta. Giannetta. Bastoncino drappeg- 
gio per lo pia di canna dMndia; 

Gianetlàda. Giannettata? Colpo di gian- 
netta o sia dr mazzetta d* appoggio- 

Gianettiniìa. Gìannettina, 

Giangiàn. Scempione. Sabbione, ^.Badée. 

Giangiàna. Scempiona. Baderla, 

Gianlo e al pi, Gianìtt. Tonclùo. Baco che 
sciupa il grano; ti Corcai io granarinsi. 

Grauln dicono anche in varie parti ad 
Contado que* bachi del cacio che nsi 
diciamo Càn ò Ca&noeù. F 

Gianna. Tonchio. V. Fratln. 

Giàdna.. .. Moneta di rame moiiferrina 
coll'feJRgie del dùca di Kanlova dà 
' una parte, e dalfaltra il motto /Va- 
tìdam servata. Fu coniata in tcrop» 
x:hc i duchi di Mantova posscdcra- 
no il Monferrato, ed è mentoraU i« 
più gride monetarie milanesi , « ^P*" 
clalwente in quelle del 19 dicembre 



Digitized by 



Googk 



cu (% 

1608 « del f€t 1 . Valeva cinque qnat^ 
trini nostrali allorché ne'^^secolf 16.*" 
e 17.* era in córso anche fra di xml. 

Gt»ns«n)snìo; Giansenismo, 

Gim^enisfa. Giansenista. 

Giàr. s. m. Aro, Cacherò. Gìearo: Pan di 
serpe. Pie vitellino, Barbaaron. Erba 
stretta. Lingua di serpe. Erba da pia- 
ghe, V Jrwn maeulatam de* bot. 

Giàr. s. m. pi. T. de* Cappe!. . . . Cosi dt* 
consi con nome fran'Zese(/are ojarre) 
qvie' peli grigiastri , rozKÌ , yaui che si 
levano colle pinzette dai feltri perchè 
non rendano deforme un cappello. 

Giarilìn(cAe nell'Alto MiL dicono ifolen* 
fieri Zardìa), Giardino. 
Gali di giardin. r. ih GàlL 
Giardtn a Tinglesa. Giardino all'in-- 
g/e^(Silva Tratt). (pubblico. 

Giardin publich.Giar^iAO aperto al 
Giardin Tojaborsin. ... Il giardi- 
naggio costa, molto 9 e dal diletto in 
fuora frntta poco. 
, L^ Italia r è el grardin del mond. 
V Italia è il giardin dell'imperio disse 
Dante -- Milan Ve «1 giardi» de Pi- 
talia diciamo noi Mìlaoesi, come i Fio' 
rentini sogliono dire Firenze essere 
il giardino d'Italia. 

Mett a giardin. Aggiardiniate? Ri- 
durre una- terra a giardino. 

Pari on giardin Dired di 

terre cosi bellamente coHiv»le da as- 
sembrare giardini. 

Tutt a giardin-. Ingiardinato. Giar-. 
dinoto, Jiggiardiaaio. Pieno di giardini. 

Oiardinàda. Ad, di Calaaaàcdrìa. P". 

Giacdinée. Giurdistiere. Giardinaio, 

Giardinara. Giardiniera. 

GiaBdlnéra per Fiorerà 3.* jig.' K 

Giardineria T.d'Or«f.G«infi«£ehi. Sp. di 
. coUana oade sogliono ornarsi le donne. 

Giardiiléia.T. degli Acquacedrat . Caciotta 
(*^wt.).iIaékmeliai^àor,^AÌb. enc. 
io Gelata}.' Specie «di gelalo nòtissimo. 

GiardinermnaJStfii^»»v«.iii€iwtiiiiéra;r. 

^ia^dinèlL Giafdinetto. 

<^»i^tt Gftflw6i»(Z«iobr/)t'tf.) Fra gli 
ostile i JdTtq arventort indica ruHimo 

• penato ^el>pnlnao inditidoale, consi- 
steiMe sa uà piatlctto Su an* Tanno 
a compagnia cacivy», fruita e 'doiei. • 

Giardinenb. ; . . PkcfoRsÀimo giardino. 

^iatdiikm Vasto giurditto, . 

f'oL IL 



17 ) GIÀ 

Giarètt. Garetta: Garretto. Garretto, Quel- 
la parte della gamba che dalla po^pa 
> va al* calcagno»^ e si riferisce propria- 
mente solo ai coTalli , buoi e simili. 

Giargón. Giargone. Giacinto bianco, Sp. 
di gtoja artefatta. 

Giar<£ù(M7ce die sentesi verso il Coma- 
sco e elle altrove si volta in Giroeù). 
Gambecchio, Cuiitto{SsiY} 0/7i»<.) Uccel- 
lo che è la l^rynga cynclus degli omit* 

Giàsc. V, coni, per Giàzz« F". 

Giuscée <Ucono i Fegevùni. per Vedrét- 
ta. /^. — È voce che si sente in Sfi- 
lano per bocca degli spauacammini. 

Giassoeù c/tiamano nel. Basso Milanese 
quel serpentello che nell'Alto Mil. di- 
cesi Orbisoeù e Tobisoeùra. F. 

Giav^n. Merendone. Eì gh^ha.on.ia de 
giavan ch^ el consoUa. È un gran hoc- 
. cello o. ueeellacciO' f. Gìmàcch. 

GiavaAà. Sciocc/ieggiare% Cilappà. 

Giaranèda^ Baggianata, B€iggUuìerm. 

G^ayanèlK Scempiatello* 

Giavanna. Bachillona, Scempiona. 

Giavanón. Bachillone, V. liadée. 

Giavàrd. Giarda. Giardoae, Enfiato che 
Tiene accavalli nel garretto ^ nache' 
dai Francesi detto Javart. . . 

Giavàrd. Spinella, Il malore di cui sopra 

. allorché viene al di sotto dei. garetto. 

GiavàzaL. Giavat^zo. Ambra abbruciata. 

Giayèrra voce brianzuala sirìonima della 
nostra A<cquaròa& e sorella spuria della 
Zavorra italiana, V. Acquaròtz. 

Giavón. v. cont. br. Glandole enjiate .— « 
ed anche per Gandión. F, 

Giavón. Mercorella. Sorta . d' erba che 
è la Mercurialis annuale, 

Giazìnt dicono i contadini dell'Alto Mih 
{con bella voce ital. Giacinto , Jacinto) 
^iie//o che noi diciamo Campanìn no^ 
minando il giacinto dalle sue partii 
cioè dalle sue campanelle — Giacinto 
di i56 cam/ia/ic//e( Magai, in Targ. AL 
Ac, Cito.. HI, 74). . 

Giazint (gemma). Giacinto — > Grisbliio, 

Giàez» Gfiiaocio ; alla fior. Diaccio ,* an- 

tie^m^ Ghiaccia, Talora anche Gielo. 

Acqua ini giast. Acqua ^lata. SUac- 

ciatina{*ùor.y.Lai Nivata aqua dei Latini. 

Andà al giazz. .idffl^a#r0 allts" gfime^ 

:£iaja^ e lo dicono. tulli. que^ bottegai 

; ohe' hanno o mandano carnami osim. 

a serbare jieUe ghtacciaje artificiali. 

28 



Digitized by 



Google 



GIÀ (i 

Birra oVio dms ia gktt.i?ìrrB« 
/^i/io o limile ghiacciati 9 cioè messi 
a rinfrescare n^l ghiaccio o- nella neve. 
Ciappà la legor al giazz. f^. in Légor. 
€iod de giazz. Rampone acciajato 
(Gr. Diz, mìL). Diacciuolo? Diacciò- 
/a?(YOci di pronunzia fiorentina). 

Fa giàzz o Vess temp de Hi giazz..... 
Delle colte d^acquti fare ghiaccio. 

Romp el giazz(in genere), met. /iont- 
pere il guado. Essere il primo a fare 
o a tentar di fare alcuna cosa — Bom^ 
pere il ghiaccio. Fare la strada altrui 
in alcuna cosa 9 cominciandola W trat- 
tare e agevolandone T intelligenza. - 
Romp el giazz (in ispecie). met. . • . 
Parlare dopo essere stato gran pezza 
taciturno e timoroso. Se dégeler dicono 
i Francesi» 

Vess al giaaz. fig% JSr^ers arso^ ab- 
bruciato f4d verde; cioè senza danari. 
Vess OB giazz. fig. Essere gktaecia^ 
to 9 cioè freddissimo oOme chi sviene 
o muorsi , o simili. Il est froid comnte 
g/oce dicono anche i Francesi. 

Gìàzz dicono alcuni cont brian*. per 
t)òitzHifiburno). V, 

Giàzza. T. de^Confett. Piaccio intacche- 
7Vkft>(Panciatichi nelle Pros. fior. IV, 
I, 9j). GAiaeof a ( Cuoco maceratése). 
Xtt5/iYi2<l('*^siciliaho). Fior di farìna, 
zucchero» chiara d^uova e sugo di 
limoni o lamponi onde si fa crostata 
addolci. 

Giazzà. Jgghiacciare. Ghiacciare, Jgghia' 
dare* Gelare» Aggelare* Congelare ; e 
con voci dì pronimzia fiorentina Jd^ 
diacciare. Diacciare, 

Giazz&a o Giazzént. ad* Ghiaccio, Ghiac^ 
doso. Ghiacciato, Jg^Uacciato, Gelato, 

GiazzÀda. Agghiacciamento. Agghiada- 

mento ^^ Assideratone, (cidio, 

Giazzada de piant. Gelicidio, Gieli- 

Giazzadln. V, Giazzé. 

Giazzadinna. Ad, <rÈii)a. V, 

Giazzé o Giazzadin. • . • Filo d^oro o 
d^ argento in sulla seta e a filigrana* 

Giazzée Chi vende ghiaccio o 

Chi accudisoe alle ^hiaociaje artificiali. 

Giazzént. £0 stesso cAeGiazxàa. f". 

Giazzéra. Ghiaeciaja, 

. VcBS ona giazcera* fig. Essere ima 
ghiacciaia ( Fag. Rime V Rosaxio ). 
Essere un luogo freddissimo.- v:; , 



18 ) CIB I 

Gianéra» Ghiacciaja(fiìùr. Qewg. XV, 
' 387); e alla fiorentina i>iaccMya(Lastri 
•Op, V, t54)- Serbatoio di ghiaccio 
nevi nel quale si ripongono le carni 
simili per averle incorrotte anche nel 
maggior bollore deirestate. 1 Siciliani 
con molta sagacia chiamano Jazsera U 
ghiaedaja., il serbatoio del ghiaccio, 
e Nivera qu^io della neve gelata. 

Giazzoeù. Vetrino. Marmolino, Alla fior.' 
Diacciuolo. Ad. di Dente sensibilissi- 
mo air azione del freddo e del caldo. 

OÌHZia(h,.Ad, di Morón, Ris^ ecc. V, 

Gìazzoeula. Aà. li'Èrba, Óngia,ecc. T. 

Giazzorìn. • . .' . Quella piccola ghiao- 
ciaja casalinga che si fa in una can- 
tina o simile pei* ivi conservare il 
. ghiaccio di cui si ha bisogno da un 
momento all'* altro. 

Gibèrna, y, Patrònna. 

Gibiàn. Tempellone, Chiurlo. F* Badée. 

Gibianàda. Scempiaggine, 

Gibianà , che anclie dicesi Ginbianà e 

. Gibigiana. Civetlare, Petiègoleg^are, 

Gibiànna. Scioccano, f^, Gnòcca. 

Gibianóa» Mereudonaccio, Scempiane, 

Gibiéra. f^. Zibiéra. 

Gibigiàn (Fa el). Lo stesso che Gibianà. T. 

Gibigiàn. Ganzo, V, Morós. 

Gibigiana. Lo stesso che Gibianà. f^, 

Gibigiànna {che ti Balestn Ger. lib. 1,71 
ilisse anche .Sgiubbiànna)..^/iao< pic- 
ciol sdLe). Colombina(^or. dice il Gb. 
yoc,\ Indovinello* Illumineiio, Sgaiir 
wasole. Bagliore, Barbogio, Occhìha- 
gù'o/o(tntte voci*iosc.)* Riverbero me- 
diato di sole che le. pia volte p^r 
giuoco si fa dare addosso altrui af- 
facciando alla spera • del sole specchi, 
vetri , secchi d^acqua o simili. La no- 
stra Gibigianna è la Luccloùt éià. Cor- 
si 9 la PaimneUa dei Napoletani, il 
Sarvàn o Setvan o la Fòocia dei Cre- 
monési ^-dei Mantovani^ deìJKemoo- 
tesi^'lo Spirito /olletiq dei iftodanesi, 
la>£oam dei FranocR* 

Fa la gibigianna. /Vins speaJùetio 
' <*luCQh.)i^- Prosastióiménte descrire 
questo nostro .£à la gibigianna Fra 
Giordano nelle sue; Prediche là dove 
pariaftdo .di èerta. tavola ingessata, 
dÌ0e:>che.f< se la terrai per ischis^ 
t'i manderai Im luce del soie per k 
'»» casa ove non è, *t Così^urc fl Ciro 



Digitized by 



Googk 



CIB 



(S«p|il. agir Aa: pvt.p. 19S)' UmAc 
che ...in ceit» . ; . CMfttne feriva riper- 
eofendo èaUa dùéfetui MPétc^tui nelle 
^oìie di sopra faceva di continuo lant" 
peggiamenii e increspamene di oerU 
splendori imcidissiinU 
-** DescrikìoDi poetiche di essa si Jian- 
no nei lesti ùgttcmis. 

CfMM (t«*ii40.ddrrv;({ii« e. dallo tpacebio 
Salta lo fQ^ m }\9V9^^ parte. 

. .(I>*»i« Purgof. %y^ ;6) 
• •«..Chi è ìd qaesta lamiera 
Ch« qnì appresso ma cau scintilla 
Coma raggio di sola in acqua nera?. 

, (Dania \P«ra^ It, ^8) 
Qoal d*aòqaà cÀiara iT tramolaiita luna 
Dal lol percOMk 6'd*i'3lottnniÌ rai ' 
Per gli ampli iatti va eon Itugo talf^ 
A dattra adaNdutaa « bataa od alto. 

(▲riocta Orl'fur.\Ult 71) 
Co« ruggii, cba ap0«cUo nobil feru 
Fw la gryn «ala or foa or Uai scherza. 
(PoIiaianQ Stante) 
Intanto il sol oli e dai celesti campi 
Va più sempre aranzando e in alto ascende 
L*arma percoto | '• ne trae €amma e lampi 
Tkrcmnli e cUlarl onda là TÌtte ofFendé. 

(Tatéo Geitcf. //|;l, 71) 
SSoooftoa il ]«ma« tremulo doiroada 
Ripaaeoaio .dal «ola* o daH* imnago 
Dalla candida hwa i luoghi iniomo 
Ferir si mira , e gli dal bosco al moro , 
E già dal moro in solFaerao tetto 
Vedilo alsar qua e là raggiando a salti. 
(MarteUi nel Femia li, a) 
.... quale in no momento 
Da mosso spaglio il s)io «hiaror traduca 
Birarberata loca 
Senza fàtiea iti cento parti e caftto 9 

(Parini Ode — • La M*gi$$ratiinO 
Cibila. K Gibillà. 

Oibilée dicono gl^idioti per Giubilée. F. 

Gibìlée. Disadatto. Moccicone. V. Badée. 

Gibllibus^ (dal hvs»o latino In agibilibust 

cioè negli affari), f^oce usata nelle frasi 

ÀTegb minga de gibilìbos. Jfon es^ 

sere abile a ne§09Ìare in agibilibus 

<Nicc. Mart. leU. 66). 

Besogna vede el gibilibus. Dìscop» 
rere de agibèlibus(ATet. Tal. II , 19). 
Sa^è el gibilibus o Sa ve de gibilibus 
mandi o Savè de giribus mundi. Esser 
dotto in agiòilibus{Sìcc. Mart.£ell« 59). 
' j4ver pisciato in pia d^una neve. Sapere 
a guanti dì è san Biagio. Aver cotto 
il culo né* ceci rossi. Esser pratico del 
mondo 9 aver esperienza nelle cose. 



(ai9) 



GIL 



Gibilìn* r. ik Màrter. 

Gibillà •€ Gihillà tutt. nider rocchio ad 
uno{Ti^. Mim. IH, iSa). Giubilare. Giub- 
bilare. Esser giubbilante o giubbiloso 
o in giubilo o in giubillo. Gongolare- 
Gongolacohiàre. 

Gibilléri. Gìubilamento, * Giubbilamento. 
• Giubilp. Giubbilo. GiuhiTiQ. Giubila- 
' ùone. 'Giubbilaziane., • 

Giblàs. Baggeo, Ignoccone. F. Badée« 

Gibótt. Lo stesso che Boll eGibolladùra. r. 
Dà di giboU. Frase ant. del .Far. 
mil. cbe la spiega pel^ Z>fir^ bolliture 
in modo che ne appaja il segno. 

Gibollà. Jmmacóai^, •— Macolare* 

GiboUàa. Ammaccato — Macohto. Dicesi 

delle frutte percossa dal vento, o dal 

bacchiot o guaste per attriti qualunque. 

> Tutt gibollaa o Tutt a gibbo). Tutto 

cossi o cozzi o cornetti, 

Gibolladùra o GibOU o BóU. Cimbòtto 
(Sacch. Nov..a39). Cbma(Fag* Bime ÌV9 
i36). Cosso. Co^oQ. Cornetto. FiUa. 

• • Ammaccatura vnel. corpo di qualche 

. vaso cagionata da taduta o percossa 

Giccol. Grido. Guajo. V. Sgàr. 

Giccolà. Gridare Guaire. V. Sgarl. 

Gicsus I Gie5ii5/ (Lasca Sih, Il 9 6).' Esclama 

Gtgànt. Gigante; e ant Giogante o Giur^ 
gante. 

Andò a pass de gigant. Progredire, 
in fretta; e talora Giganteggiare. 

Pee o sim» de gigant. Piedi o ,sim. 
giganteschi gigantèi giganUni. 

Pari on gigant. Giganteggiare. So- 
orasfare come gigante. 

Gigantón. Giganlone(hedì Op. V9 5). Qi- 
gantaccio. 

Gigantònna. Gigantessa. . 

Gigò de moton. Cosciotto di* castrato; e 
alla franzese Gigotlo o ZigoUo{$c^^. 
Op. p. ai 4 e pass.). 
Manegh a la gigò. f^. in Mànega. 

Gigoltà per S^gigottà. K. 

Gigottasù. Giga. Specie di ballo volgare. 

Gilardlnna. Gallinella acquatica. SutrO'» 
Uccello notissimo cbe è lo Seolopax 
gal limila degli ornitologi. 

Gilardìnna galinera. f^. in Grugnettón 
ga}née. 

Gilè.* Panciotto. Farsetto. Una delle tre 
parli del cosi detto sottabito 9 cioè 
Giubbettino senza maniche il quale 
serve a ricoprire qpasi tutto l'imbust09 



Digitized by 



Google 



GIN 



(»ao> 



OIN 



e va iininedii^e solita 3 giubbone o 
la cosi detta marsina. ' VAUjertl eoe* 
ift Panciotto aTìFerto che var) Toacani 
dicono anche Gilè, 

Saccoccitt Taschini » Coli. Colìetto 

»= Denanz. Pelti. *» Dedrée. Sc/ùene » 

'Fofttider. Fodere. ' (pi^appo^tì^ 

' G4)é aaraa*. . . Pancioftn a petti so- 

Gilé a duu diavanK. . : 4 'Pauciotto 

a 'due petti. 

Cile dritt .« i . . . Spi, dt panciotto 

** accollato « a «petti poralkli* 

Gilè a sciali.. V Sp« dj paticiotto scol- 
lacciato e a petti arroveaciat»da cima. 
Gilerìn. FurseÙino. Oidlfbertliò, 
Gileròn: Acer, di Gilè. y. 
Ótlibracliih. V, Vh-abacchìn^ 
GìmSicca. Baderìa, f'emmÌDa scempia. 
Gifiìkoa. Scioccheggiare,' Chi^cfùrUlare, 

Lo stesso che Gilappà. F'* ' 
Gimaccàda. CaPo/<slrt(Néllr Jil. di Fed. 
"^I,'^). Granelìerìa, Corbellerìa. Scem- 
■ •tìictla, ÉaggioHakt, GiaggùUa. docciata. 
Gitni^ceh. ScempUme. Cimarlo. Citndio* 
' Tritìeila. Merendone. /^.Cilàpp e Badée. 
Gimàccb. Gtuizo. Drudo. F, Morós. 
GimaccKèn. ScempiaUUo{Sé\\ Ali. dì 

"red.'n, a). 

Gjtntìccón. ^occo/ò>fe(NelH Ali. di Fed, 
I, a). Merendonaccio, Uccellaccio. 

Gina Giona ^ealp.x Qmn. T. de^Bottai. 

Capruggine. Intaccatura delle doghe 

"entro a cui si commettono i fondi delle 

' bòtti esimìK-Nei di^. ital. TaDtiquato 
*^ina vale forra , podere e simili — 
I nostri bottai sembrano orobici per 
' eccellenza e conservatori scrupolosi 
del loro antico linguaggio^ essendo 
che la nostra Gina proviene, a quanto 
f a^e , dal greco yvye ( femmina ) , che 
femmina dicesi in altri lavori da fale- 
gname ogni incavo su quelPandare — 
Anche i Sic. chiamano Jina la caprug- 
gine ^ G Gina la dicono pure i Sardi. 
ti i ginfi. COprugginare. 

Ginadór.T. de^Bolt. Caprugginatojo. F. 

' Legoràtt e Spazsoeù. 

Ginagiànna. jF^ooe usata in 

G^ugà a giua gianna va in la tanna. 
Fare alle tre predelline? (Don. Zuq.). 

' Spècie di l^iuoco fanciuUesco in cui 
presa una moneta e iti sur una scri- 
nata dove siano almeno triS .gradini, 
da questi in tante volte convenute si 



apiftgé eoUMndìee U. moneta aìoo al- 
Tiultimu .gradino» e .vince chi più si 
.avvicina airalira fwmeta ddravver- 
. serio ch''è già in fondo. AUri lo ffiimo 
. apignenllaxon tre colpi {gma^ gianma^ 
marcia in iannA) una moneta in un 
cck*cfa» acgnato in piana temu A lAicca 
viene detto Bedimaégdanai^ vi^ iana 

• comel^gistm lo Spadafora nella sua 
Prosodia, ed «tiche Bediccioriòedoc- 
doti ^a in cOcCiòH, In Sicilia dìccsi 
la Gaddelta —^ Forse la nostra fi-ase 
proviene dalla moneta mònferrina 
detta Gianna, F. 

Gin^si. Ginnasio, Nei parlar comune dì 
tutl^ Italia questa voce è sinonìnta in 

, genere di scuola letteraria o scscntifì- 
ca-: in ispecie e tra noi aignifìca Scuola 
che tiene ' il mesto fra le scuole ele- 
mentari e i Kcei, ed ove s^ insegnano 
specialmente i rndimeì&li di latinità 9 
grecità e belle lettere. Che anche iu 
questo nostro significato la voce Gùt- 
nasio si -possa usurpare ce lo dice 
VArchiginpQsio romano che leggesi iu 

.. mille libri, .and^e di scrittori toscaui. 
r dizionarj italiani però- sono fermi 
nel regiatrare queata voce nel aoLo sì- 
gni6ca!to antico di edifizio ginnastico, 
benché da secoli siasi in quasi tutta 
Europa rivolto in cattedratico: voglia 
il cielo che questa loro fermezza sia 
presàgio di risorgimento delle buone 
abitudini pedagogiche rimaste soffo- 
cate sotto i cenci del medio evo. 

Giuasiàl. ..... Attenente a ginnasio. 

Ginée, Canta ginée, ecc. F. in Sgence. 

GigicBÙra o Gigioeùla o Gigiolètta(Por- 

. tà in). Portare a ctt^allaccio. 

Ginèstra. Ginestra. Ginestro. Ginestra 
da' carbonai. Scornabecco, La Genista 
scoparia Lin« 

Boschinna de glneatrav Ginestrajo, 
Ginestreto.^ Basco g^aestre^wle. 
Tila de ginestra. Panno ginestrino. 

Gtneatrà. Fasciare con ginestra. Nei no- 
stri colli usano ingiaestrare , cioè 
iasciAre colla ginestra, i gelsi. Ginestra 

•. i nio'ron nove), 4ocingerfi con lenta 
ginestra i^gelsini* . 

GinesiroBÙ. s, ni* Ginestrunsa. Ginestra^- 
ne(Targ. Ba§^ Agr. tose p. la). Gine- 

. strella. Ginestrina* Baccellina. Guado 
salìfalico* La Genista tinctoriah. 



Digitized by 



Googk 



GI0 (aai 

GiDfsIrtBd ó OéBeétitée. Ftmgo eambia^ | 
colore. È cosi detto in qualche parte 1 
del nostro contad» pèrche Irequente | 
neigitteslreti; più com. però si chia* 
mt Fcnsgjèrree riuAU V.^ 

GràgéoOiriD^é. 7>i&acoo /eriiig^'Hvorii. 
^ Fres. mere dì Lìt.)ì iii^iil(All». esc). 
Sp. di «ibacco di color gialiariiio e di 
concia moderatiastma*' 

Giir|;«Ra e Oingella-fa-lùiiiiné s. in. • Lo 
sfes$0' eke Gunàeck e Gìmàcca. f^^ 

Gingiq. PuIinmnii(Bwg, Intr. Pelìegr. 
IH 9 7 ). J^4i/ejtiianu(id. iri). Itmamo* 
rrtfwo($alv. Granch, I » a ). Dileggino 
(Buonar. TWiicta Ili « ^ ). £Aii2c c«/or 
che fan $era e maiìina la sentinella 
a pie à^ una finestra , 4 si mangiano 
I gitanti per Cocchina — Vagheggino 
a (>ofo(AHegr. pag. i83). Sùggettino, 
Friìtfino» Frinflino* Oerbalfi, Figurino: 
Vagheggino» Maffètto, Profumino* Ca^ 
canòeito. Bel eece. BeW imbiuto. I 
Francesi hanno (Tesi um esprit bien 
ginguet per picciolo spirito, f^. anche 
in Gìogéo. 

Gingiaà. iVtii/è^ian;(Tass. Secchu IX, 4^). 
Donneare. Cieisbei^i. Far la ninfa. 
Scauellarem Frasch^giare, Star sulla 
vita amorosa 9 e in alctii^i oasi anche 
Tenere a ciancia o in ciance alcuno 
senza venir a fine onesto d&saoi amori 
(Ariosi. Far» 4>» 4!l)« intere in aja 
con intensione di nàn batten. 

GÌDginàtt Lo stesso che Gtogìa. r. 

Gioginèn. JUieggiatorino^ 

GinguMta. Frinfrina* 

Giogìnc'm. Cùtettone,^ Oceellaeeio^. 

Gingioàri o SgiasgittàrL GongfdtfO.. Zé»^ 
zero. Aroma noto col quale si faceva 
già la confitlttur a detta Gengeiferata^ 

Gi&;;iuftri qoostos. %. Unfraecurado 
sènza Muuiir0(Àllegr. p* 5^). Uom kin- 
go e sciocco i ed anche Doicione. Uomo 
àekione* Uòmo dolce di sale* Sciope- 
rone. Tensione. Sdoecone. V. Badée. 
Oh tt r è on beli giogiuari! Oh sì 
gli è un bel rosolaccioUFuf^. Mar. alla 
Moda IH, 3). 

Ginna^Gùiisagiàiiva. F. Ghia,<9kÌDagièaiia. 

Oiòy e eontad. Sgià- Gtdk;.aila iorentina 
Giite; anlii^ Qimso e Gioso» 

Axidà-giÒ4 Crollalo. Cadere. VUta an- 
daa^iò mtt i iigh. Ifidu sono scossi 
iiUti. 



) GIO 

' Jndà-giò ameba. F.in Andà -sforna 
» aadè-giè. jKdar già ( Fag. Qtlng. 
Idrf.'ìl, a), fticac^r ammalato. 

• Attdà*^ €011 tdirefittsi dipendenti 
Oeggansi in Andà ed anche in Btool, 
Conscénza, Sércy Su, Usà^sa, ecc. 

Avegh^iè r^vera^ f^. in Ovéra. 

• Beir^ò. Fi m Boy* 

Borlà^giòk fig» jénwes€iarsi(éheré 
Voc. crt. il Cedòhi). Cèdere, venir 
nel volere altrui -^ K» ojto&e per altre 
Jhasi in Bo^Uu 

Cnsdà->gìò. .... dicono i maneg- 
giatori di bestie da som» d^ogaige-^ 
aere aUurel^ elle spurgano per le 
gambe — • F. anche pCr aìtre/nui in 
Cascia. 

Chi-giò. Huaggià. 

Color che va minga gìò. Colore sfa- 
bile {Ts^rg. IstiL lU, 4^ >. r. anche 
. in Coldr. . . 

. Dàrglò. Indaszare* Disvenire.. Mispe^ 
nitt, Afefùre, Venir meno* Sdilinquire. 
J>imagrare.. Dare indietro o addietro, 

Dè-giò. J?f/iouiire(Birìngaccio jPiIyt* 
SsdbMia,pag. i5i, riga a.*). Il deporre 
le fecce che fanno i liquidi lasciati 
in. riposo. F, anche in Dà* . 

Dl^giò. Dtur gUu Esser per terra 
(Targ. Ai. Je. dm. HI» 3qo). Decadere. 

Bà-giò de orh. Zombare o Menare 
a. mosca cieca. 

Dà-giò i acqu. Abbassare, Scemare. 

Bà-giò i or, i campann,.ecc. Scoccare. 

Dà-giò con altre Jraii dipendenti 
. F, in Dà. 

De lè-giò. Quindi già. 
. Del tant in giò. Dalla cintura in 
giù(Firenx. iVop.)- 

Dì-giò. F. in DI. 

Fà-giò. Affettare. Fà-glò t rav» Af- 
fiaitar le rape. 

Fàggio e altre frasi dipendenti V* 
in FtL 

Fà-giò i busc|>, i mosch, ecc. f^. in 
Busca, M^sca, ecc. 

Giò de cera, Griò de mau,Giò de 
moda , Giè di pont , Giò de 6t«ada^ ecc. 
y.'Ot Géra,ftlàn» Moda» IVint, S4rà- 
dn, eoe. 

Giò vifi e t/^ cmfcer o parolài F. ¥in. 

in giò< in giù. Ingiù. Dai tra ooz 
in giò. Da meno di ire once. 

Lk'gìò. Laggiiu Colaggio. ColàggiMSO. 



Digitized by 



Googk 



GIO 

laiBBÌt^^ò'Bjr. dipendi K ^ Lassa. 
Mendàcio efr. dip. V* ih Itfandà. 
Mett-gìò Mhforj suoi sig* K.* in Mòtt. 
• Mett^iò imnca , Mctt*-giò eà f eoo , 
• 9f6tl-gìò i art» ecc. f^* Banca, Cóo, ecc. 
Pettà-igìò. r. 1/1 PcMà. 
'PoccK su poech gìò; i>a/ pia al me- 
no. In quel tomo. Poco più poco meno* 
Stà-gtò' C'fren dipendenti* V., in Sta. 

• Su « giò.' Di già di su. 
•Tìrà-gìò e frasi dipendenti V. in Tira. 
Trà-gìò e /rasi dipendenti F. in Tra. 
Vegiìì-giò colle frasi che ne dipen- 

' dono f^. «n Vegni. 

VegB^giò a noi rappresenta il ifenir 
dalVAlto Milanese alla città^ come Ve- 
gni su il venirvi dal Basso Milanese. 
Avegh-giò la bajla « «l fìcea , el fattor 

• • . • . ÀTcre ÌQ casa la kalìa, il barn- 
Inno 9 il fattore 9 ecc. venuti a noi dal- 
l'* Alto Milanese. Fa vegnì-giò i cav^ìj. 
• .. rse vengono dairAlto Mìl. «^ Fai 
regnì-sù se vengono dal Basso. 

Vess già de canchen » Vess giò de 
' IcBugh, ecc* y* ih Canchen, Loeùgh, ecc, 

Vesi giò on fiumm; Essere ingros- 
sato o- ringrossaio unjlume. 

Vess on sè-e^giò o Vess tult on sù- 

e-giò Esser luogo tutto dirupi , 

non piano 9 scabroso; e fìg. (che an- 
dieesi altresì 'V^s on dent e fòsura). 
Essere un bergolo , un uomo leggieno , 
una fraschetta^ ed -anche un tecOmeco. 

Vess >sempar su e giò. S^are fra *l 
letto e il lettlcciuolo. 

Vollà-giò colle frasi che ne dipen- 
dono. V. i/i Volta. 
Giò* • > • serve anche a dare un parti- 
colar signiGcato ad alcuni verbi i quali 
cosi da se significherebbero tutt^altro, 
come Boria Ruzzolare , e Borlà-giò 
Cadere; - e talvolta a denotare anche 
certa maggior forza ^ come Pend e 
Pend-giò Pendere, e simili; imitandosi 
con ciò nel nostro dialetto le lingue 
tedesca ed inglese le quali con simili 
particelle danno varie significazioni ai 
verbi primitivi. Egnale proprietà han- 
no tra noi anche le particella Su^ Là^ 
ecc. In tale caso però le preposizioni 
- sono fra noi sempre pospositive , ed 
• io le scrivo con* un segno indicante 
Tunion loro col verbo per distinguerle 
dalle preposizioni aventi altra fopa , | 



<:ì!ia) GI<E 

- oome per esempio Oimt»-9ik di ball- 
• Haccontam • delle fretiùlt^ e Conta sn 

' di )>aU. Fondarsi m sulle frottole. 

Giòbb.. Giobbe. (A Paziènza. 

Avegh o Voregh lapaztenzad^Gtobb. 
In tocch come Giobb. Spiantato neik 
barbé(F9tg* Conte di Bueot l^ 7). Bo- 
> vinato di salute; ed anche Trito, mal- 
concio , malassetto. 

Gioelér. Gìojeiiiere. Legator di gioje — 
Minutiere Chi lavora in minuterìe d^oro 
« — Lapidario^ e volgar. Pietrajo chi 
taglia e lustra le pietre preziose. 

Gio^léra. .... MogKc di giojelliere, 
Botiegaja che traffica di gioje. 

Gio9Ùbbia. v.>a. Giovedì. Giove. Il Bembo 
usò anche Giobbia. -^ 

Giceubbia grass. Giovedì grasso{Mh. 
enc.)., L*" ultimo giovedì di carnevale 

. •— I Tos<^ni hanno il Berlingaccio che 
corrisponde al nostro Giovedì antigrass 

• per motivo del nostro Carnevalone che 
a noi fa GiooedX grass del primo gio- 
vedì quaresimale degli altri popoli; 
ed il Berlingaccino che .per T ugual 
rispetto corrisponde al nostro terzul- 
timo giovedì d^camevale. 

Gìoeùdeu dicono in qualche parte dd 
Comasco il Lorión. /^. 

Gioeùgh. Giuoco. Gioco. Treeea. Tacco- 

. la. Spasso. Passatempo. Scherso. 

On gioengh per v£ss beli. Tha de 
dura poech. Ogni bel giuoco vuoi du- 
rar poco o rincresce. 

Per gioeugh. Per giuoco* d gasoco. 
Per baja. Per burla. Da scherao. Gie- 
cìievolmente. Sólierzevolmente* 

Gioeùgh. Giuoco — I giuochi sono di sorte 
o rischio come carte, dadi 9 ecc.; di 
destrezza o abilità come pallacorda, 
maglio, bigliardo , ecc»; d*^ ingegno 

- come scacchi , dama , ecc. — Bisca è 
il luogo pubblico dovo si gioca; Bt- 
scazziere chi Io «tieoc ; Bisoajuoio chi lo 
frequenta ; Biscazzare il frequentarlo. 

A che gioeugh giughein ? fig. J che 
gittoco giocldam noi .^(Fag. Afor. mod* 
III, 2 — Monig. Tac. ed Am. Ili, si ^ 
. Pazzo per forza I , la — « Fortig. Bic- 
i ciard.lY^ 64) cioè-, come la facciamo; 
il vostro trattare è vario ^ è- ambiguo, 
mutabile; che pensate fare? conviene 
finirla , ridursi a un partito ; così a 
sproposito non s^ha a fare. 



Digitized by 



Googk 



GIS 



<aa3) 



Oidi 



A pam^h loagb. /» pr^grUio di 
giuooo? e fig. MlaHitngéi. 

A la fin del giaeiigh..|Kis.r » ig^ \l 
€Étp(y del giuoco» 

ATegii cativ giflMigh o cathr gMMigh 
m man. pos. e lìg» ^er inifto ùa ivioro 
(Fioren^. O^itfne VI» l5o)^^a«r lr»<o 
gciioco m mano* 

Avegh el vixi )del.gi«ugb»'^.4Mfir 
l^asso nel ventriglio, Aàtre il giuoco 
nelle ossa. 

Avegk in maa boa gicenigh. poft* ft fig* 
Jver intono in mano. Jveiìe. bel gktoco. 

Avegh on gcaik giaogh ìù.aì9^n*J\fer 
pieno UJuso,dDtereimcifighi»tu:éa,mula. 

ìk>n gicBcigh. KSungiflRÌgh £ìagg. 
Pare che H Btumgimòtfii dolljk s«eMi3.* 
della Catrina del Berni abbia c|t]|ilcbe 
corrispondenza col .nostro B,angi(ìeugh 
—Domanda bon gieeogh. Chieder buon 
giuochi {VBirchì Suoc. IH, a).' 

Chi è ibrtnnaa in aoior é desfor» 
tuoaa in giceogh* Chi è ^ffbrtun^to 
nekì^ amore è sfortunato mei giuoco 
(Pag. Qen. cor. IH, 7) 

Danee de gìicttgh tegnen: minga 
loeugh. F^ in -Ban^. . 

Fa bon gioeugb. po«« a fig. Far ^agn 
giuoco {Dmvi Toc, FiL .Agric. fyì -r* 
Amer. Fiag. p. aS ). 

Fa givBiigh. . .. , ,\ lomimìpcMireiil 
gimco; e nel giuuco d^ombi» ln»,itare. 

Fa gicengh. fig. Far gijiKMo(MaQbiay. 
Op. V,.a48 — MeUi Fecrii»^ I» 4)« &ser 
carta valevole m quiiloMa ìu giuoco. 

GioBttgb de biisserott. Giuoco di ba- 
ga<te//e(Geccbi Assiuolo UH ^ 1 )• 

GioBugh de inan t gioeiugh de vilan» 
y. in Vilàn. 

Gi«iogh d6 p«cohL Giuoco di poche 
tavole, 

Gioeiigli di. «art Casioeùno. 

Gioeugb d^invit. Giuoco di posta* 

Giixiigh e'iitbin tuiUxonà, Il giuoco 
ingenepa brigae ira e odio. . .. 

Vjk in del gioeugb che se coooss 
el naturai do Ik gebt... .« Il giuooOf 
còsa di poco aumento.» non- induce 
Tuomo a mascherarsi ooDie<SttoI .fare 
neMe cose d^ inporlmùa y . e quindi la- 
scia facile campo a riconosowe di 
quale tempeia siano le persofie.' 

Muèh glceugb. pos. è fig.. Mutar 
giuoco id. . : .' 



■ . 'PìttilCf4)el-fisNig|lk'f>U<s» stàd« 

giugà» Partirm - o • JLe^andt da i giuoco, 

Sasaiaà el giteugb* J^catjU^o giuoco^ 

Trà-'vis itttteoss al giceugh, Bisca^ 

< tare. Biscazzare e Jondete H sup iuii^re 

. o la sua ^fecoUàp. , 

Gieeiìgh. fig. Giuoco. 4fù» Art^fiziq. Bug- 

gUo,. Intrigo. — . ir,..Btribèra, 
Gioeugb*. T/xviaò^ dàspe^foet inofin^ì- 
Fà.corr i gioeugb*.. » .. F*w accort 
. xere le guardie .del Afoco coUe ioro 

trombe per ispe^nere uu .incendio. 
Gtflràgh* J.^d'^AriuaiuQH, Noce. Parta 

deli' acciarino^' F*. in Nfis* . . 
Gi«0à^> T» de^Pani<irai, ..;..$>trttmj^uto 

col quale s* ajutono- • a? biXau gU . orli 

Gioeògh. T. di Caccia, jiie.^ Ti^Ato il cor- . 

- . redo 'degli ueoeUi- eanterioi pel psarer 
• lajo -?? e. ira noi anohe U sito ov^è 

- slabiUto il'paretajo stesso.^ 

Gioeugb de quaj. Qi/ag/Asra/o(Savj 
OmiL Jl» aea).- Lo siòUo colle gab- 
bie 'delle quaglie cautenne « la.pai*a- 
iella «.e. il triangolo di saggina coi 
quali si fa caccia di quaglie. 

Okengh^ di- .pientèn. .... Tutto il 
' complesso .di quei paniuzzt che sono 

r riposti nel paniacdo o fodero di carta- 

pecora « e coi quali si;fa quella caccia 

• d* uccelli silvani che dicesi del chi^C'' 

> ooìé o^MhJisiifirella od^^lafraschetta. 

Gmùgh. T^ de'CMunbel. e de^ Pastai. Mit- 
lineilo,- Molinello. Ordegno col quale 
si lavora di biscottini e di paste-* 
Il Càto{dpóL pag. i55) assomiglia il 
cervello del Castelvetro > a un Moli- 
nello' da far vermicelli e lasagne da 
pasta 9 e le membraue cerebrali di 
esso u'paamcoU. 

Qìoiiigh d^acqua^ Scherzi d'.aG^un{SodfiT. 
Agr. rSg '— id. Orti e giafd^ì^Giuo^ 
chi d^acqua{Aììb'^nc. àt. Magai, e ^\f 
gar.) — Que^ zampilli che schizzano in 
arift dalle bodbhe <ie^ dragoni o simili 
nelle fontane si dicono * Lari/i^ .se 
poco!lfirghi e piuttosto densi i Féli 
se larghi -e sottili. 

Gioeùgk de cart. Mazzo di carte. Anche 
i Francesi dicono Un jeu de cartes. ^ 

Gioeugb de gucc. . . Cosi chiamasi fra noi 
un- numero di cinque ferri da far calze. 

Gicengb del balon.-. « « Il luogo dove 
si giuoca al pallonf . 



Digitized by 



Googk 



CIO (iifl4) 

Gìtieùgh; . • ( Qud congegno da cai pen- 
doM> ì campaneUì da camera. 

G7ogéo(FS el €kFà del). Amoreggiare. 
Oalantiare. Cicisbeare — • FVa Gìngiuà 
^ e Fa el giogéo corre diversità- s il 
primo è più propriamente il Civetta- 
re , il Tagheggiare dalla lontana , e il 
secondo è propriamente il Fare il ga- 
lante 9 il dioneggiare a gonnella. 

Gioghèssa. Giocando, n|al gioco.- GiuO' 
emessa nei dit. It. Tale beffai scherno. 

Gìoghètt. r. Oiughètt. 

Giògno(Fà de). Fftre il grande* Stare 
in sul groi^ o in sul mHie, * 

Giogón. jiccr. e migliorai di Gi«ràgli» 
• V.'in Piaseróff. 

Gioì. Gioire. La gìoìss tutta. JÌ ftc^ gio- 

' fante' <3f giojosa. • ' 

Giòja* Gioja. Pietra pretiosa -^ Oioje in 

' tavola sotto ■quelle tntte piane e afAc- 
cettate solo negli orli. Le parti delle 
gìoje sono 

..... Padiglione «a . . . , Faccetta 
•^ . • • . Bordo >=•.... 2huola. 

Desligà i gioj. Dislegare o Sfasciare 
le gioje. 

Gioja de fìi brillanta per man del 
boja* Gioja o Bella gioja. Si dice iron. 
*a persone maliziose o viziose. 

Ligè i gioj. Legare o Incastonare 
le gioje, (sposa, 

' • Toeù i gioj. Comperar le gioje^alla 
Torà i gioj. Sgommare^ Disanellare, 

Gioja. Giojeilo, Lavoro di gtojeHerìa; 

Giòja. ironie. Gioja, Malblgalto, 
' ' Cara la mia gioja; Cara la gioja 
mia. Detto vezx.9 e spesso ancUe ironie. 

Giòja. in gergo . . . • per G<»zzo. 

Giojè(dna donna). Giojellare? Ingiojel- 
lare. Adornare di gemme tma donna, 
ed anche in genere il Donarle orli 
Htgeniìf gioielli nuziali qualunque. 

Giojàda. Gemmata, Ingenimaift» Ingiojel- 
lata. Gioiellata} 

Giojàl. Gioviale^ Ilare, iHacevolcBenigno. 

Giojalitàa. Giwialitd: llaritùi 

Giojcll. Giojeélo, Car el roè giojell o Che 
beli giojell che te seei iran. SI die 
lagtoja è bella! Oh gioja nUa! 

Gfojèll. in gergo per Gozzo. • 

Gtojelliér. K Gioelér. 

G concèda. Giuneataf Felciata. Latte rap- 
' preso ' che senza insalare al pone, tra . 
i giunchi o tra le foglie , le felci.» ^c. 



GIO 

onn- gìèncada. 



r.i» 



Tèner- 
Giónch. Giunco — K dt più iqitalità co- 
me il Giunco da sto fé 9ÌÌ G»da gian- 
•€aie , il Gw dal midollo per gli stop- 
pini perpetui ^^co, (giimeo, 
Baatonin de gionch. Bùtxtetta di 
Gionchilia. Giunchiglia,, 
Gidaghtr. a. jn.. pi. . . . . Lacci giogali} 
• que* cUoi -che fanno offizk» di gombi- 
na pjB^buoi aggiogati. 
Giónghera. T^ile'Sell. e Carros. Catena 
(*^*,y. Striscia di cuojo o Catenella 
' che dalla testala del timone viene 1 
fissarsi nel pettorale de^ cavalli « ed 
. é la Chaàtiette dell^ Gncyd. Id questo 
il cav. ' Monti usò Gombina 

m ...... poscia cK nove 

» OaUiì tratu la rvgal gMbbiua. 
» 'At liapò AòcoBUidar dal testa «ama 
» AocaociataiéDte , . . . » j » (JffWtf 4il>. 14); 
ina che il Salvini nello stesso 
passo tradusse // giogal laccio, 
Gionghérin e Giougorìn. .... Nome di 

que'^cuoi che congiungono i bUancim 
alla bilancia d^ un carro da carroua. 
Sono quattro^ dóe per bilaocino. 
Oióngbla. K; Giónghera. 
Giónta. Gimta,Soprassbma* Faniaggio. 

Arrota, 
Giónta. Giunta* Anania. Aumento* 
Dà*sé de gionta. Z>ans giunta* 
De gionta. Per giunta ; o maeoLGùaUa, 
£ pei* gtonu. E per ristoro, Gh'aTe- 
ya set, e peir gionta m^hnn daa tutti 
'k*obba salada. Io era assetato^ s per 
^ ristòfti jehbi a cibo tutte carni insalate. 
Giunta. .... .Nelle arti è in genere 

Ogni pezzo che s^ aggiunga ad uà 

•lavoro od oggetio qualunque per dar 

gli maggior estensione. 

Giónta. Cosiofo», I giont di nanegb, di 

■ ghed 9' ecc. Xtf' costure deUe maniche t 

dei gheroni^ »éec. I giònt dì colletta 

telar, le costure delie CaUe fatU a 

télajo,- 

Gióntsu 6iiiitto. 'Magistlratùrà collegi«l& 

•Noi conosciamo questo nome per opera 

' del ^twseano ' Pompeo Neri che h ^ 

i ptfiftifo caq>o detta nostra Gionta cesr 

•' suatia^t^ del censitnant^ magisintara 

cha ■ proom-ò la dJatribuaÌMan più eqiu 

\ . possibile dei carichi p«d»blici sui iou' 

di stabili^ del Milanese fiu dalla wà 



Digitized by 



Googk 



GIO ( aaS ) 

dd secolo teono» e citt rìsorlA u* no- 
stri giorni fa altrettanto ha. ogni parte 
del Regno -Lombardo- Veneto. 
GiÓDia. Jggùmki. Oitmia. Ogni ooaa che 
s^aggtunga alle boue di stampa già 
composta ; sorgente di guai fra autori 
e stampatori ogni volta ehe sia fatta 
a -materie impaginate. Il fr. Jjouié» 
Giunta o Giónta de la^ carna. GiwUa. TV»- 
nmleito. . Quella carne scadente o qne« 
gli ossami che il maceUajo suol dare 
in parte dì carne buona aUorchè Tende 
quest' ultima a tariffa. I Frane, la dicono 
Rejoìdsstmee, 

Carne con la gionta. Ctunt eolla 
guitta? (giuntai 

Carna senxa gionta. Ctirne senza 

Dà-sù la gionta. Dare la giunta. 

Ve pussee la gionta che la c^vna 
o ch^el rost. fig. È più o prima la 
giunta che la derrata^ È piii la salsa 
che la lampreda, L' anti/bna <é pia 
lunga del salmo. 

Vaga la cama per no avegh la gionta. 
r. in Cima. 
Giunta. Scapito, Danno, Perdita, Disa- 
vanzo, Discapito, -Avegh de la gionta. 
Scapitarci, JUmetterci. Perderci. 
Gtontà. Giuntare, Aggiùgnere, Giugnere, 
i^ht>geiy.Besogna gionti^gh arnnò quej- 
coss. Coni^ieTte aggiungervi ancora guai" 
che cosa. Torna a gionta. Raccrescere* 
GioDtà. Commetiere* Unire. Congiungere. 
Giugnere i e secondo modi Cucire^ Ca- 
lettare^ Jncapigliare^ecc, Gionta quij 
«ss. Commetti quelle assi. Gionta qnij 
altezz. Unisci que^ teli. Gionta quij 
cord. Annoda quelle funi. 

Oionla i eoo. Annodare, 

Gionta i ù\. Accomandolare. 

Toma a gionta. Riconnettere. 
Gionta. Scapitare^ Discapitare. Disavanza^ 
f^ *— Vììnì. ant. Giuntare yale truffare. 

Ghe gionti quell che te voeù se. . • 
^ri/armio se , . , A rifar sia di mio se . , 

Giontagh del sé. Scapitare o Disca- 
pitare o Rimetterci di capitale. 

Giontagh del so. Perdere 

fama , credito , onore. 

Giontagh el< rest. Perdere il tutto. 

Giontagh i oss» la peli , ecc. V. in 
Òss.Pèll, ecc. 

Giontagh-sora o Giontagh-sù. Sca- 
Pi^^i^ RimetUrcL 



GIO 

Giontagh* sa la moneda. V. in Mo* 
néda. 

S^avesi de giontaf^ anca el eoo. .Se 
me n'andasse da qui in su{Cecctd Dote 
III, 5); 
Giontàa. Aggiunto — Connesso — An- 
nodato — Accomandolato *^ Cuòio -« 
- Perduto. 
Gìontada. Congiunzione^ Congiungimento. 

Congiugnimento, 
Giontadùra. Giunta* 
Giontin. P'. in Sott-^giontln. 
Giontin e Giontìnna. • . • . Breve costura; 
Giontinna. Giaii£ars//a(^osc* Incch.). lie- 
. ve aggiunta. 

Giontó. T. de"* Falegnami, Ebanisti, ecCk 
Sergente, Ordegno che i Francesi 
dicono Davier o Sergente nel quale 
stringonsi que^ legnami lavorati che 
si vogliono connettere e incollare a 
dente, a coda di rondine o siigyle. 

Gionta di angalett buttaa-giò. • • • . 
Sergente a giacere per le calettature 
a ugnatura. 

Giontò di angalett in pee. • • . Ser- 
gente in* akata per le calettature a 
ugnatura. 

Giontò di cov de rondena. . . • Ser- 
gente per le calettature a coda di 
rondine. 
Giontó su Passa. ..... Sergente 

per le calettature nascoste? 
Giontùr. s. f. pL Articoli. Giunture. Conr 
giunturcé Articolazioni. Commessure. 
Commettàure. Nodelli -^ Arti. Menar 
ture — Nocca — Suture. 
Giontùra. Nocca. Nodello ne^ cavalli. 
Deserà de la giontùra. Braccio. 
Desott. Antibraccio. 
Giòrg. Giorno. Nome proprio che qui si 
registra perchè dà luogo alle frasi segg^ 

Andà a fa san Giorg Uscir 

di città il di a4 à* aprile e andar alle 
cascine suburbane a festeggiarne la 
ricerrenu con buone scorpacciate di 
latte. (Arm&a. 

Arroaa come on san Giorg. m. br. y. 
A san Giorg dà la volta al tros. 
K in Tròs. 
Giorgia. Baccellone. Babbeo, P'. Badée. 
Giorgia de massee. Un baccello dei 
maggior che facesse mai Legnaia{Cec- 
chi Servìg. Ili, 3). Trionfo de^bab- 
6firi^5i(Gecchi Incant. IV, i). 

29 



Digitized by 



Googk 



GIO (aa6 

Giorgia udì diciamo quel sifone 

che termina a cannon pertugiato d'^an- 
naiCatojo, il quale esce di certe botti 
lunghe tutte piene d^acqua colla quale 
6^ adacquano i luoghi più frequentati 
della città per ammorzarvi la polvere. 

Mena la giorgia Fare T ac- 

quarolo-^e fig. Starsi ozioso; o for- 
a* anche lo Starsi a menar la riUa 
(Aret. ra/. IV, 17). 

Quell che menna la giorgia. Jogua-^ 
Giorgìn per Gilappin. y. (rblo* 

Giorginna Ad. di Formella di 

cacio fatto nelP aprile ^ mese in cui 
ricorre la festa di san Gioi*gio. 
Gìorgìoléna. ) Giuggiolena. Il Sesamum 
Giorgiolinna. ( indicum de''bot. 
Gioi'gìón per Cilappón. y. 
Glornàda.. Giornata, Dì. Die. y. anche Dì. 

Fa giornada o Fa giomada intrega 
in^W sit. . ^, . . Starci tutto il di. 

Giornada rotta. • •• . Dì interrotto» 
intramezzato o da feriare o da ope- 
re insolite , e non tutto consacrabile 
a una data occupazione. 

In d^ooa giornada. In un girar di 
soie. In un eli. 

In giornada. Jl presente, A questi 
di. In ' giornada V impicgadell se T è 
galantomm el pò pù viv. A questi dì 
r impiegaùmcio 9 se onesto ^ ò per le 
fratte o vero non regge alla spesa. 

Sta in giornada o Viv in giornada. 
yivere dì per dì. Fare come lo span- 
viercy dì per dì o di dì in dì. 

Sta in giomada dicesi 

anche in senso più largo per Non 
trascorrere con i conti e pagamenti 
alla lunga; quello che dircbbesi mer- 
cantilmente Fare ogni capo d* anno » 
cioè pagar entro Tanno. 

Sta in giornada di novitaa. Star 
sulle nuove o sulle novelle. Stare av- 
vertito alle notizie del giorno. 
Giornada. Giornata, lì lavorò d^una 
giornata. 

Andà-via a giornada. ^lufar/rer opra 
(Fag. p'irtii vince avarizia 5 — Cini 
Des. e Spen- 1 , 1 ). Andar a lavorare 
per o;'«/*a( Baldo vini Lam, yarl. 3i). 

Giomada a la scarsa Giornata 

di lavoro pagata con solo danaro. 

Giornada con la spesa Giornata 

di lavoro pagata con danaro e cibaria. 



) GIO 

Gìomadade patron e de peadoà.... 
Giornata aenaa paga, opera di patti, 
per distinguerla dall'* opera pagata. 

Lavora a giornada. Laivorare per 
opera^ 

Toeù a giornada. Prender per opra 
(Cini Des, e Sp» I9 i). 
Tceù i giornad al pont. y, ìm Pónt. 
Vess-via a giornada a mangia, bev, 

fa, di, e simili Mangiare» bere, 

fare, dire a rotta^ a ricisa, con eccesso. 

Giornada per VOperajo stesso che lavora, 
a giornale. V. Giornadée* 

Giornadée. Operante od 0/7raAle(Gior. 
agr. tose. 1, i55 e passim.). Pigionale 
(*losc.). Giornaliero, Opera. 

Giornad ìnna, Giomatelia* 

GiornadfSu. ) . . . Bel gioiniay bellissi- 

Giornadùnna. ] ma giornata > di sereno. 

Giomàl. Giornale, 

Giornàl per Gazètta e Tacoln. y^ 

Giornalctt. Giornaletto, 

Giornalètt. per Gazettin e Taooinètt. T. 

Giornalelt di damm Giornale 

della moda. Ebbe i suoi, natali fra noi 
del 1 806 per cura di Carolina Lattanzi» 
e continua tuttavia. 

Giornaliér. s. m. Giornaliero. Opera -Yn 

. Giornaliér e Giornadée o Giomada 
corre questa diversità che il primo 
si riferisce dai cittadini ai lavoranti di 
città « gli altri due dai ctopagnuoli 
a quelli di campagna. 

Giornaliér. ad. Giornaliero, Quotidiano. 
Cotidiano. 

Giornaliér. ad. Giomaliero(BuonsiT. deal. 
in Pros.Jior. Ili, 1., 35 dicendola perù 
frase francese). Aggiunto di cbi in 
certi dì ha viso florido e venusto, e 
in certi altri tutto il contrario, senza 
che si conosca di ciò alcuna causa 
morbosa — £ aggiunto pure di chi 
non risponde a sé steaiso ogni dì, e 
oggi fa bene e doman male — r II Mon- 
tecuccoli (1, 346) usò in senso affinissi- 
mo al nostro questa frase «< Non biso- 
>* gna nella perdita smarrirsi ^anima 
99 perchè le armi son giornaliere. *» 

Giornalista. GiomaOsta. Scrittor di gior- 
nale, cosi gazzetta come foglio leUer.* 

Giórno. Noi usiamo questa voce ^ se ben mi 
ricordo , solo nelle Jrasi che soggiuff^ 
rò ; in ogni alùx) caso diciamo Dì. A'* 
A giorno, y. Sgiór. 



Digitized by 



Googk 



GlO ("7) 

lolaonnazìoii a giorno. V^ Inhimi- 
nacìóti. 

Mett a giorno. Informarti Menare 
o HimeUere in giorno. 

Sta al giorno. Stare in giorno» Star 
arrertito delle cose die accadono alla 
giornata. 

Sta in giorno, ^are in giorno. Spe- 
dire t proprj affari alla giornata. 

Yess in giorno. .£Srjer in giorno. Aver 
spedito ogni cosa sna alla giornata. 
Gi^tra. Giostra — Sgraziatamente del- 
rantjche Giostre non ci è rimasto che 
ilGingà a la giostra <Ct>rrere all'anello 
o Correre in chitUana)^ specie dì giuo- 
co che si fa da piti persone le ^ali, 
sedute sopra cavallucci di legno che 
girano intomo ad un palo di mexzo 
a cui sono attaccati « cercano dMnfi- 
lare e portar via un anello de'varj 
che stanno appesi ad un^asta spor- 
gente da un fianco del luogo ove si 
giacca , e ciò nel mentre che i ca- 
valli girano con tutta rapidità per la 
scossa che vien data loro in principio 
del giuoco stesso. (cere. 

InGlà fanell. Dar neltanello e vin- 
Giottón. Gittone. Giitajone. Gitterone, 
Gif. GHh. Nigella. Melantro. Mettetia- 
ne. Mazzancolla. Bosciòla^ e col Targ. 
Tot. Diz. e Ist. anche Licnide. Giglio 
nero. Gettone. Gettajone. È la Lychnis 
giihago dello Scopoli o VJgrostemma 
githago di Lin. ; pianta che ho osser- 
vala bene, e perciò ne riferisco al- 
cune particolarità trascurate parmi dai 
botanici. Vho veduta nascere fra le 
biade e specialmente fra M grano; tra 
noi fiorisce in maggio o giugno. Il 
seme allorché è maturo è nero per 
di fuori, e bianco, farinaceo, calci- 
noso internamente: ptima della ma- 
turanza è di color violaceo cupo , 
striato e irregolarmente conforme. 

Giotton salvadegh. Bubbolini. Strin- 
goli, Mezzetiini. Mazzancollo. Been 
Manco. Pianta arvense detta dai bo- 
tauiei Cucuhalus behen. 

Giotton salvadegh(a)tro). Erbanoc^ 

ca. Fischi dajischiare. Violine di mac- 

c/««(Targ. Diz. ). La Lychnis dioicah. 

Giotton. T. di Giuoco. Quarteruolo. Quat- 

triuolo^ e alla francese Gettone. 
Giollóo.v.a.dclVar.Mil.i^5/i«/o-,Ste//erflto. 



GIO 

Gióy. Giógo. Le sue parti sono' (con voci 
ital. tratte dal Giom. É^gr, tose. It, 361). 
Goncfa o Gont. Chiòvolo, Gogna *» 
Tapp o Palett. Àncole >» Cadenazzeeu 
o Scighezzoeu. Giunto je » Giov (prop. 
detto) Giogo «B* Aneli di falcor. Campa- 
nelle da nasiere » Arcoj o Falcor. .... 
sulle corna. 

Mett sott al giov. Aggiogare, 
Tira minga unii el giov. Tragiogare, 
VesB sott al giov. jindare a giogo. 
Essere aggiogato. 
Giova in alcune parti del contado per 

Cattafìgh. r. 
Giova. T. de'Falegn. Grancìùo. <Juel 
ferro piegato 9 forcuto, dentato, il 
gambo del quale è conficcato nella 
panca da piallare il legname, e serve 
per tener fermo il legno che si vuol 
lisciare o assottigliare colla pialla. 
Giova. Giovare, {vagione, 

Gioyhmétìi.Giovamento;hstSJGiovame, Gio- 
Giovanb. F". Giovannìn. 
Giovànn. Giovanni, Nome proprio solito 
usarsi ne' seguenti dettati: 

Ave pussee del Giovann che del Ba- 
tista o Vess Giovann cont el Batista. 
Esser GiovanniiAmhtu Co/anar.lV^ 7 
— Saccenti fìime): F. anche in Batista. 
Denl e foeura messee Giovann. Fare 
a fanciullo. Dicesi a chi non istà fer- 
mo in un proposito. 

El mazz de san Giovann» F. in ÌHÒXI, 
Erba san Giovann. K in Èrba. 
Fa de san Giovann quatter face. 
Esser tamburino. Rivoltar friitata. Es- 
sere più doppio d'una cipolla. Aver due 
visi. Essere un tecomeco — Il nostro 
dettato trae origine dalla chiesa di san 
Giovanni alle quaiiro facce che fu 
demoliU nel secolo scorso, la quale 
era così detta o da una testa marmorea 
quadrifronte di cui apparivano tre 
visi nella facciata, ed un quarto forse 
era murato, dalP essersi trovata ifn 
vicinanza di essa Tefiigie di un Giano 
quadrifronte. 

Fa el san Giovann de rilev. Essere 
la cassetta dei rifiuti — In senso più 
lato che dicono anche Fa el rilevatàri. 
. . . Essere quello che sbarazza altrui 
di checchessia facendone acquisto in 
monte a tutto rischio — Talora vale 
anche per Fare Fraffazio. 



Digitized by 



Google 



6IO ( aa8 ) 

Giovami o Gìovannìn de la Vigna. 
F. in Vigna. 

. La rosada de san Giovann. F. ùi 
Rosàda. 

San Giovann Boccadòra» San Gio- 
vanni Boccadùro(Hoccmc. Deeam,), Di- 
cesi ;Bchera* p«r Danaro — Fa lavora 
san Giovann Boccadora. Ugnerehmani 
altnii colla grascia di quel santo(¥rose 
. fio|*. IV, ni, 80) o y ero colla grascia 
di .san Giovanni Boccadoro {Bocche. 
Decana — Alb. enc. in Grascia). 

San Giovann Grisòstom. .... Lo 
diciamo scherz. a chi abbia il pel ca- 
nuto, facendo giuoco di parole fra 
Crisostomo e G/Ì5-òstom. 
San Giovann Tiia pers ci scagn. . . . 
. Cosi dicono i ragaui quando fanno a 
' levarsi il sedile reciprocamente. 

San Giovann no voeur ingann. y, in 
. Ingànn. 

SanGiovanmudaTezz. Addirizzatore, 
Riordinatore. Toglitor dei disordina 
ai applica pure a que'^Santi nella ri- 
correnza . delle cui feste cessi per al- 
cuno il ferìare, lo spassarsi, il go- 
dere. Per san Carlo noi sogliamo dire 
- ai fanciulli che fé riuaa san Giovann 
madavezs^ perchè, finite le ferie au- 
tunnali, ricominciano le scuole. 
Gìovannìn che noi volentieri pronuncia- 
mo Giovanin. Giovannino. Giannino. 
Giannetto. Dim. di Giovanni che qui si 
registra perchè, dà luogo alle seg. frasi: 
Giovannin senza. // signor Pkiferi 
ti €altoni{Psin. Poet. Il, xvii, 7). // 
sen»a{Neììi Mògi, in cali, II , 5 in senso 
molto affine). Perondino ? (Fag. Forz. 
'^g' ^9 7)' Suol dirsi scherzevolmente 
a quella donna che sia vestita da uomo. 
Si Giovannin ripossa, abbia paura 
de nissuna cossa. ^ mio caro Santa- 
gio. ^ ntio caro Set Commodo. SI mio 
caro iSer Jgio di ruldiriposo. . 
Giòve, r, Barbagiòve. 
Giovedì {che gli antichi dicevano Gioeùb- 
bia , voce tuttora viva in molle parli 
del contado). Giovedì; contad. Giove; 
anlic. Giòbòia. 
Giovedì aniigrass. ) r. in Gioeùb- 
Giovedi grass. J bia. 
Giovedì sant. Giovedì santo. 
Gióven (cfie in contado dicono Giùven). 
ad. Giovine. Giovane. 



GLO 
A erompa gioven. se va mai in domm 
(forse idiot, per in dann). Xo imptc- 
darsi con bestia giovane è sempre baie. 
Gioven o -Gioveaa come T acqua. 
Giovanissimo. 
Gióven. ad. e snst: Garzone ( Fag. pop. 
tuL III, 4). Cèlibe. Scàpolo. PuUello, 
Smagliato. Resta gioven. Stasai ceìik. 
Gióven. s. m. Giovane» Giovine^ e uà 
Lucchese Giovano. 

Chi no je fa de gioven je fa de vece 
Chi non fa le pazzie in gioventù Ufi 
poiin vecchiezza(Doni Zucca p.5 verso). 
De gioven ea na nioeur, ma de 
vece pe scampa minga. F. in Véce 
De gioven se manda-giò i bon Imc- 
con» e de vece se manda-giò i boccon 
dur. M giovani i buon bocconi e ai vec- 
chi gli strangugUonUGti!^ Err. V, 4)- 
Falla de gioven. Far giovanilmente. 
Gioven de primm mett o de prìmm 
pel. Giovanetto di prima uscita (HSì 
Ali. di f^CiL I, II). Giovinalio di primo 
pelo{lXMi fiocchi Biv. III, io). Giovvit 
di primabarba{Ce\\im P^ita II , 46). 

I gioven han de Sk de gioven. // 
giovane deve giovaneggiare usar tratti 
giovanili o giovaneschi. I giovani so- 
gliono seguir con Fopre la giovineac' 

1 gioven hin pussee bon di vece. | 
Gli angeli son belli e buoni percki 
son giofram(Lasca Sibilla I, 5). 

La mort la sta in sul tecc , e na la 
varda né ai gioven né ai vece. K is | 
Mòrt. 
Gióven (pari, d'^altri oggetti). Giovane. 
Sul fiore deir esser suo proprio. 

Tajà sul gioven Il vigoa* 

juolo intende con ciò il potare la 
messa dell^ annata. 
Gióven. s. m. Fattorino. Ministro. 
Gioven di fattur. r, in Fattura. 

Gioven maggior Il primo 

tra i ministri d^una bo(tega, d'un 
fondaco, d'un negozio. 

Gioven maggior di prestinee. Ajff 
tante. Capofomo? 
Gióvena. s. f. Giovine. Giovane^ e fra i 
Lucchesi Gióvana. 

Giovena madura no gbe manca con- 

giontura Si suol dire a con- 

solazione di chi si sta pnlceliona , e 
vale che A donzella fatta non maiu^ 
marilaggio. 



Digitized by 



Googk 



GIP ( %a^) 

Son «Uda gioT^na aaml^ Ed io pure 
passai. gioptmnMA'; e Tamigi. Io .sono 
slaU primA vin cbe aceto .anemia 
g^où. MiÉr.Jig. I, 4). 

GioTenètl. GitMUUUQ* GiovunM»* Cria- 
vinetto. Giouinello, Giovimmo» Giovine 
celio; e ant. Gioveneto^o GUn^enetio 
(Vite SS. PP. I, i). 

GioTenèlta. GiòinneUn» Gievatuita. . 

GioYenettìn. GiovanettinQ. , • 

GioYtìùn* Giovinetto* . 

Giovendii^ Giovttnonef e dispreg. OiotHir 
naceio. Giovanastro. Giovinastro, 

GìoTenòlt. Giovanotto. Giovi^tio, 

GioTcnott de prìmaiL mett o de 
primm pel. y. in Gifóven. 

Tòcch de giovenott. BisdohneiJPB^, 
AsL bai. lU, i8). 

GiovenòUa. GfOfsiio(fa(Fag. Jmor non 
opera a caso I» 8)r 

Gioveoottèll. Giovincello. 

GioreDtù. Gioventù. Giovane%za. Giovi- 
nezza. Giovenetza. 

La giovenlù la voeur fa el so sfogo 
o el so cors. OgrU puledro rompe la 
sua cavezzaOAonoe. a47)* ^ ^^ prima 
pavane e poi vecchia (ivi ). La gioventù 
vuol fare il corso suo (ivi — Fag. Av. 
pun. in verso III, 6). La gioventù vuole 
il suo corso(Nein Mogi, in calz. 11 f 7). 
*-^ Foou que Jouinesso passe dicono 
ancbe i Pravenatali. 

La gioventù Tè la belczza de Tasen... 
A chi è giovine non nianoa mai una 
certa quale Tenostà ancorché sia di 
poco belle fattezze, a quel modo che 
anche Pasioo , così brutto animale da 
Vecchio, non è senza brio nella sua 
prima età. 

La gioventù no gVè danee che le 
paga. Non è ricchezza uguale al tesoro 
di gioventù(S/lon. Toc* ed.Am. Il, 18). 

Gioventùra. Giovanaglia? Ah gioventura 
gioventura! Ah giovinastri giovinastri! 
^h giovanacci giovanacci /(Fag. JUiit^), 

Giovètt Picciol giogo che serve 

per aggiogare a un carro un bue solo. 
1^ sue parti sono quelle medesime 
del Giév (K.) dal Conch in fuora.; 

Gìppa. Giubbone, Giubbetto. Giubbetto <— 

La Giubba dei diz. ital. corrisponde 

più propriamente ad santo (marsinna). 

I^esbottonass la gippa e Trà-foeura i 

""«aegh de la gippa. fig. r. in Màuega. 



GIP. 

Vess in gippa. fig. Lo stesso die 
Ave la ciocca., ff. in Ciàc^ 
GippÀ. SopraggiUare* Fare il sopraggitlo. 

Gippèa* Che ha il sopraggitto. 

Gippi|dùra cAe a Brianz. chiamano $0- 
^rapónt. ii9f/?uii(ura(Zanob. Pis.). >$t>- 
praggitto. Cucito che si fa o per con- 
giugnere forte^iente à)xe panni insi^ 
me, o perchè il panno sull^'estremità 
non ispicci « o anche talora per or» 
. namentov e si fa in mfM^ie^i^i^ che si 
veda il filo, a dilTerenz^ di queljcu- 
cito ove il refe è nascoso* 

Pont a gippadura. y. i» Pónt*. 
Gippadurmna. ...... Un leggiere a 

Un breve sopraggitto. . , 

Gippin. Giubboncello. Giubberelh. Giub- 
bettino^Giubòoncino. him. dì Giubbetto. 
Gippón. Giubbone — Aiiche i. Francesi 
antichi dicevano Gipon. 

D^ona marsinna ia-foeura on gip- 
pón. Far di Marte un Martino{¥9g, 
Zing.). Fardi botti ^ri/i(Monos. p* 5). 
Far d* una lancia un zipolo o un pan- 
temolo. Stremare checchessia alP ec- 
cesso. 

Fa sta in del gippon de Ballramm. 
Farla/rullare in genere ; e più stret^ 
tamente Mettere in domo Petti. Tener 
alle bujose; e col Monos. (p. 4o5) an- 
che Mettere altrui indosso il giubbone 
di Beltramo. Mettere in prigione. 

La forma del gippon Cosi 

chiamasi in gergo la vita, F imbusto. 

L'è pu inanz la camisa ch^el gip- 
pOn. Non s'Ita prossimo suo più die 
sé sUsso{Monìg. Pod. di Colog. I, i6)« 
Ognuno vuol meglio a sé che agli altri 
(Monos. p. 144 ).' ^^ primo prossimo è 
sé medesimo(ì\ì). Strigne più la comi-', 
da die la gonnella. Più vicino è d 
dente che nessun parente. 

Tocca de sia in del gippon de Bsd* 
tramm. Dover stare a stecdtetto. Do- 
verta ingozzare. Dover fare gOzzaja. 

Vess in del gippon de Baltramm. 
Essersi messo il giubbon di Beltramo 
(Mouos. pag. 5). Essere carcerato. F'. 
iuicke in Presòn. 

Veas in gippon. Lo stesso che Vess 
in bolletta, y. in BollètU. 
Gipponàtt. Giomeone? {Doni Com. Burclu 
a(i, se perù non è in senso di Per- 
digiomate ). 



Digitized by 



Google 



ÒIft 



(i3o> 



CIK 



Tett 'la fiiTolB tf la resbn la can- 
soti del Gtpponatt. Essere sempre quella 
hella(L\p^ì Maìm. X, 5^). Eiser qtàéftn 
medesima{F)aig, Rime). Essere la solita 
ùtoHa(Zanob. Viz>). Essere la tanzcn 
delV uccellino 9 cioè Ripetizione conti- 
nuaf d* un identico agire o ragionare. 
Gipponln. Farsettino, Gìubbettlno. 

Oipponin de nòtt. GitAbello. i^ivb- 
lerello. Giubbetto. Giuibettino. '49M- 
boncellà, Giùbboncino che si anol in- 
dossare iti ietto per pulizia. Il Manteau 
de nuit o de lit dei Francesi. 
Gipponinètt. Giubbetelhno? 
Gir. Giro. Circonferenza, Cireùit». Cèr* 
ckio, Grcondario, Periferìa, 

A dau 9 a trii , a qaatler gir de 
tùli. A ire 9 quattro girelli di tuli. 

Gir de corda. Avvolgimento di fune 
'^Bastrìga dicesi quell'avvolg.^^di fiioc 
' con cui si lega un barile sul basto. 
Gir de peHa. f^ezzo. Monile. 
Gir di quarant'^or. Giro di quaranta 
Ore. Esposizione del giro. 

Mettegh on gir de pizz. . . . Ornare 
con un girello di merletti, merlettare. 
Tottin girolugir. Per giro. In giro. 
Gir. Polmone. Pivolgimenio. Foltaìa. 
Coft a) gir. Girato — e dicesi an- 
che Girato snst. per Rosi andaa o cott 
El gir del So. F, in Sd. (ni gir. 

Gir de cassa. F. in Cassa. 
Gir de scrittura. Giro di scrittura. 
' Girata. Giramento? in genere; Conto 
morto? in ispecie. 
Mezz-gir. Mezzo giro. 
Gir. T, di Giuoco dr carte. Girata. 
Gir. Giro. Passeggio. Camminata — Giro. 

GiìYuidola. yiaggio a più luoghi. 
Gir. Pane. Spira. V. Vèrmen.. 
Gir. Giràndola. Aggiramento. V. Regir, 
Gir per Speronàda. V. 
Gira. 'Scoiàttolo, Giuro. Animaletto selva- 
' ttco detto Sciwrus glls dai naturalisti. 
Gira. Viaggiare. Andar attorno in giro. 
Ghe pias a gira. È andarino disse 
il Bartoli(^5<a IV9 339) fin qui senza 
sequela in vece di È grande amatore 
. del viaggiare. Ama assai a viaggiare ; 
e fam. È viaggiator per la pelle. 
Gira el moud. F, in Mónd. 
Gira in toma. Aggirarsi attorno a 
cìtecchessia ; e anche semplicemente 
Andarsi aggirando qua e là. 



GM. Girare, Fèlgere im girò. 

Gira d sped.* F^lgett §0 spiede. 
Gira* T. ffiepe. Girare, Far giraia, 
• Gira on vaglia o ona cambiai» Giran 
una cambiale. VEndosser de* Francesi. 

Gira ona partida. Fare un giro di 
scrittura. 
Gira. Andarsene. Andar via. Battere il 
taccone- Qael ohe i Latini dieeaaa 
Solum vertere. 

Gira voj! Fanne. Escimi d^attorm. 

'^oj, Yè giraa. A te! se ì^ è coìta. 
Gire. fig. Girare. (satojc. 

Fa gire el eoo. Far entrare nel pah 

Fa gire el eòo. fig; .... Mandare 
ai trovatelli ; perchè da noi gb espo- 
sti si sogliono deporre in una ruoli 
(tomo) cbe dà in sulla piibUicaTÌai 
la quale aggirata dando in un cam- 
panello avvisa que* dello spedale di 
raccoglierli. 

Gira el eoo. posit Arer 

giramento di capo. 

Gira el eoo. ùg» Girare il capo 
la coccola. Ghe gira el eoo. Dà ndk 
girelle o ne'^gerundj. Giravolta. Giroh 
dola. Gii si sparge la mente* 
Giràa. Girato. 

Gir.bacchh.. | >. yj^J^echìn. 

Girabeccnln. ) 

Giràbil. T. mercant Agg. di cam- 
biale o partita della quale si possa 
fare girata -* Noi usiamo anche Gi- 
ràbil nel dettato 

Ave giraa el gtrabil. • • • . . Arer 
viaggiato mezzo mondo; aver fallo 
il giro del globo; essere stato gran 
viaggiatore. 

Giràda. Girata. Girare» 

Giràda. T. mere. G<mfa(lfartelliai 7Wi/- 
Cambj pag. 3 5). 

Giradlnna. Giratina. \ 

In d** ona giradinna d^oeucc* In s" 
girar d'occhi. 

Girttdìnna.Girii(ÌRa(Guadag. PoesS\% i5;l- 
Passèggetto. 

Giraffa. Giraffa. Animale che il nostro 
popolo non conosce punto di Tt5o, 
ma il cui nome gli venne insegnalo 
dalla Moda co'^suoi 

Capell a la giraffa Fa di moda 

qualche anno fa. L^av. Zanolini ^^ 
suo Dissoluto gelo5o{ì\l , 5) lo disse 
Cappello alla giraffa. 



Digitized by VjOOQ IC 



GIR 



ea30 



OIR 



BEoatadttr» a U giriiffii Ornata 

da expo moderno. l^Girqfe de'^Fr. 
Tabar a. la giraffa. F* in Tabàr, 
Giramént. Giracapo, yertigine. Capogi- 
ro. Giramento di capo. 

Vegnì on gìrament de eoo, lenire 
uno aggiramento alla :iesia{ Cecchi 
Sitava 11» a}* 
Girando. Fiticào, Congegno da due» 
tre o più bracci uoU per lo pia di 
;oe(a]lo die s^ appicca alle muraglie 
per uso di regger liiuù. È detto Gi- 
randole ancbe dai . franccfli. 
Girando. CandeìUere a braccetti. 
Girandola. ) Lo stesso c/te Gironzàt f^. 
Girandone. ( — Nei diz. ital. Girane 
doìare «ta soltanto per Fantasticare. 
Giraoi. Geranio, Gira/iio(Targ. Diz»), 
GJrani(per eccellenza). Geranio odo* 
roso. MaliHi d? Egitto. Il Pelargonium 
odoratissinuun de'^bot. 

Girani oediaa* Geranio terebintino^ 

Il Geixuiimn terebiìiihinaceum dei bot. 

Girini cbe s puzza. Geranio Jetidp o 

affncano.W hoLPelargonium inquinans, 

Girani cont i fior scarlatt. Geranio 

incarnato. Il hoiJ^elargoniumJ'ulgidum. 

Girani de Spagna. Giranio di due 

€o/on(Targ. Ist in Pelargonium bico- 

lor — Giranio accartocciato{id, in P, 

cuculiatimi), 

Girani di mori. Malvaccini (Targ. 
Ist). Il Geranium sanguineum dei bot. 
Girani noturno(o Nolurnìn). Gera- 
nio notturno ed anche Noctuolens» Il 
Pelargonium triite dei botanici. 
, Girani pelos. Geranio tOinentoso. 
Girani rosaa. Geranio rosato o ro- 
sa. Il Pelargonium capitatutn de^ bot^ 
Odora di rpaa secca. 

Girani rosaa(altro). Geranio zonale. 
li Pelargonium zonale dei bot. Ha il 
margine delle foglie bianco o giallo. 
Giruù ro8aa(altro)» Geranio rosato 
rosa. Il Pelargonium radula de* bot. 
Odora di rosa e aroma. 
Girànt. T. camb. e mere. Girante, Chi 

gira la cambiale al giratario. 

Oirasò. Girasole, Tornasole. Etitropia, 

Clizia, Elianto, Pianta e fiore noti. 

E VlleliiMthus annuus de^ botanici. 

Gandolitt de ^irasd. $emi di girasole. 

Girasó. T. de'ft^z* Girandola — Giran- 

Girasolètt. PicfigL girasole, (dplino. 



GirosolUi Nome capriccioso phn ti 

dà a^ fiorellini di cento piante diverse 
qyando hanno la coroUa a mo* di 
quella del vero girasole. . 

Giratàri. T* mere. G<>a(ariO(Martellim 
Trai. Cambi^'h). VEndosseur dei Fr, 

Girèll. T. de'. Parrucch Quello 

^zocpolo su cui s** aggira w^9^ parruc- 
ca t,dett9 Poupee daTrance^i. 

Girètt. Giravolta, .I^fociol giro ffi senso 
di camminata. 

Fa on girett. Fare un po' di gira- 
volta{Arei. Tal- 111 » 17 ). Vare una 
:voUarella{id. ivi 11, 17» 111» 10 e 
altrove). Dan una giravolta, 

Girèlt. Giterella, Haggetto, 

Civèlt o Gerètt T. de'Macell. Garretto, 
Goìretta. GareUo. Quella parte delle 
bestie macellate che dalla polpa' della 
gamba va a congiugnersi col calcagno* 

Girètta Picciol ghiro. 

Girètta. ScojàUolo. V. anche Sgliiràtt. 

Girettui. GiretJdno{^dJk. Poet, I, xxxix, 1). 

Giri vòlt a. Giras^olta. Vortice. Giro. 

Girivoltà. Giravoltare, Jggiìxire, Girare, 
Toivere. 

Girolàfegh. Sciocco idiot. scherz. per Geo* 
gràfich. Geografico» 

Qineù Così cbiamasi in alcune 

parti del contado una specie d'ucpel- 
lare(ròcco/) difTerente dui concimi per 
la minor grandezza e per la configu- 
razione particolare delle proprie giri- 
volte. F. in Ròccol. 

Girceli per TremmacÓB^codLlremola). F, 

Giringé. F. Gingé* 

Giròlom e Giròlom de la crigna. . • . • 

. . Nome di. quella maschera teatrale che 
rappresenta un omiciatto buffonesco 
li quale parla il dialetto piemontese, 
e nelle commedie fa quelle stesse parti 
che con altri dialetti italiani fanno TAr- 
lecclìioof il Meneghino, il Dsévad e 
simili altre maschere. Dicesi Giròlom 
de, la crigna per derivazione dal pie- 
montese Gironi d'ia crina^^ che equi- 
vale a Girolamo dal contrabbasso 9 
essendo che in quel dialetto il violone 
o contrabbasso è detto scherz. Crina 
(scrofa , perché in certo modo ìie imita 
il grugnij'e), ed è strumento che fra i 
sonatori venali spesso tocca in sorte a 
omiciatti p scrignuti o anatrini i quali 
non lasciano però di essere scaltriti 



Digitized by 



Googk 



GIT 



(aSi) 



GIÙ 



la lor* parte. Questa rpecte di nta- 

[ schera indossa giubbone e calzoni' di 
color tanè f cèke rosse , e cappcdlo 
a tre acque; ed ha un codino arric- 
ciato e fasciato di rosso. D'ordinario è 

' maschera ristretta ai teatrini di ma- 
rionette; bellissìnib tra i quali é fra 
' noi quello che conosciamo sotto il 
nome di TTeatro di Girolamo o di Tea- 
tro Piando perchè fu cretto nella no- 
stra, città da Giovanni Piando/ 

Andà a Girolom Andare al 

Teatro' delle Marionette di cui sopra. 
Parì Girolom de la crigna. Essere 
un arfasatto 9 uno scrignuto, 

Giromètta. Girumetta e Ghirumetta. Can- 
zone in lode di tutte le parti del ve- 
stir di una donna detta Girumetta. 

Giromètta. Banderuòla, yentaruola. 
Fa la giromètta. Rotare* Roteare. 
Girare* Il Balestr. nella Gerus. disse 
"• t eott eh* el vad ghe fao la giromètta •. 

Giromètta disse scherz, il Tanzi per Geo- 
metra. 

Giromètta Merciadrò che gira il 

mondo vendendo compassi ed altri 
istrumenti geometrici o simili. 

Giromètta a cavali. ) Cavalluccio? (Nelli 

Giromètta cav aletta. ) Allievi eli vedove^ 
I, I ). Nome di quelle paste* gialla- 
stre figurate in cavallucci , Omicfatti a 
cavallo, cuòri 9 quadrucci, e simili, 
spesso adorne df specchietti , le quali 
si vendono nelle sagre di campagna 
ai fanciulli e ai contadini che ne fan- 
no sfoggio al loro tornarsi da quelle 
adornandosene capp(;lli e vestiti. Alle 
Sagre della Madonna del Monte Sopra 
Varese sono nella maggior voga. 

Giugà o Fa a girometla cavaletta. . : 
Sp. di giuoco poco dissimile dalP altro 
detto Giugà a cavali e ària: V* in Bria. 

Girón per Speronàda. V. 

Giroozà o Girandola e Girandonà. Gì- 
randolare^ Gironzare. Andar gironi; e 
talora Asolare da alcuna parte per 
innamoramenti, y» in Kóuda. 

Gltt. Getto, Gitto, Lavora de gitt. Gel- 

iarc. Far di getto. Far getto. 
.Gilt(de). K in Egìtt. 

Ght. T. dc'Getl. di caralt. GusciooGu- 
saetto. Quella parte della forma da 
gettar caratteri , fatta come una Specie ! 
di piccolo imbuto, la quale serve a ) 



ricevere e trasmettere la materia lique- 
fatta aHa mkdrt.^VEàtonnoir dei Pr. 
Gitt o Boccàa o Boccàmm. T. de^Gett. 
di caralt C%>^. Quella "parie del me- 
tallo che riempi il guscio della forma 
da gettar caratteri, la 'quale, cooie 
inutile^ si stacca poi dalia lettera 
quando questa è fusa. 

Gitt. T. de'^Fab. d'org Tavola 

quadrilunga con orli da tre lati su cui 
si gitfano le piastre delle quali arro- 
' telate si faiino le canne da organo. 
Gittàa. Faso. Getiato, 

EX par gittaà. È ili geUo. 
Gittàa. Ad. di Batter. F. , 
Gittaria. Fonderia»^ 

G\t\ÒLSs{che anche dicesi Fa conca o Con- 
càss). Imbarcarsi. Imòiectu^* Ingomr 
bare. Far barca. L^incurvarm, pie- 
garsi o volgersi d*assi o legnami dopo 
che sono messi in opera, li Gaudàr 
o Se déjetter dei Frane e il ^engiUdir 
dei Prov.— Secondo che rimbiecatura 
apparisce nel lavoro o concava o con- 
' vessa o irregolare i nostri artefici di- 
stinguono tali idee con voci appro- 
priate » e dicono Svojass o Fa taxzA 
(Imbarcare) il succeder della prima ì 
/ncomom5( Invelare) quello della se- 
conda ; Svergolass ( Imbiecarsi ) quello 
. della terza. Comprendonsi poi e da 
essi artefici e dai non arte6ci tutte 
queste imbiecature. e spostature di le- 
gnami sotto la frase generica di Fa 
on scherz. St^antiport Tha faa oa 
sclicrz. Questa bussola s* è imbiecaU, 
Gìttó. Gettatore. Fonditore. 
Giuhbiàn. Gabbiano. Uomo rozzo e zotico. 
Giubbiànna. v. a. del Far. Mi. Fantasma^ 
In Brianza è viva tuttora la voce, e 
non sono rari ancora in quel paese 
coloro che asseverano d'averla veduta 
con tutta quella tema che rìgnoranta 
per ima parte e la furfanteria per 
Paltra sanno ispirare in alcuni uomini* 
Giubbiànna. v. a. del Far, SpUungene. 
Giubbiànna: ..... luGallarate cbiamaDO 
cosi un po^di festetta che sogliooo 
' fare neir ultimo giovedì di gennaio 
{Giòbbiuf Giubbiànna^ Gitddtiaruuij- I 
ragazzi tra giorno e i non ragazzi alla 
sera corrono le strade con istruraenlì 
deiìì'ghiringhej (Fh con campanacci e 
con altre ferraglie incatenate facendo 



Digitized by 



iyGOOgk 



GIÙ ( a33 

chiasso, e la sera poi con un falò in 
piazza impongono fine alla festa. È 
una specie di Pissaveggia Bellauese 
(^.) e di Baldòria lucchese — Mi 
viene pure asseyérato che ivi Giuà- 
bianna valga la Giohhia grassa^ e 
GiubbUtta o GiubbUmin la Giohhia 
ultima del gennajo. 

Giubbiànna. Merendona {ìfeìU Serve al 
forno 1,3). Baderla. Scempiona. 

Giubbianà. Pettegoleggiare. Civettare. 

Giubbianón. ì/". Gibbianón. 

Giubila o Dà la soa giubiladon. Dare il 
riposo. Dispensar altri da alcuna ca- 
rica conservandogli però le mercedi. 
Il Giubbilato di cui più sotto pare che 
dia diritto a scrivere anche in questo 
senso Giubbilare — Per Gibillà. K. 

Giubilàa. Giubbilato(Fa^. Cav.parig, II, 6 
— Afagal. Op.). Che ha avuto il riposo. 

Giubilazión. Riposo. V. in Giubila. 

Giubilée o Gibilée. Giubbileo. 

Avegh paricc giuhilee sui spaU. 

Esser uomo a cui gli anni hanno Jatlo 

somma óddosso{Cr, in Somma % 6*)* 

L^ann del Giuhilee. L'anno santo. 

Vanno del giubhileo. 

Giubilée, mct. y. Gibilée. 

Giubilin. K. in Trisètt. 

Giuda. Giuda* Nome proprio. 

Savè Ùi de Simon e de Giuda. Es' 
sere un tecomeco. Esser tamburino, 
Vcss on Giuda.... Esser un traditore. 

Giudèe. Giudeo. 

Àndà a fa el Giudee o Andà a fìt 

l^ora Fare la guardia al sepolcro 

nei di delle Tenehre(ai scurceu). 
Avar come on Giudee, f^. in Tegnón. 
Ostinaa come on Giudee o come 
on muli. F* in Ostinàa. 

Giudee, fig. . • . Colui che sputa addosso 
altrui, tolta la met. dai Giudei che spu- 
tarouo addosso al Comun Salvatore. 

Giudèe per imprecazione e vitupero, 
Gindee porchl Giudeaccio porco, 

Giùdes. Giudice — La moglie del giudice 
direbbesi Giudicessa o la Giudice; il 
giudice sciocco Messer lo Giudicio; chi 
giudica in genere estraforo Giudicatore. 
Coleg di Giudes. Collegio dei Giu- 
dici» Antica congregazione milanese 
di cui sappiamo che verso il mille e 
trecento contava ben^ aoo individui 
destinati a decidere le cause. Continuò l 



) GIÙ 

benchò con aspetti e incarichi di- 
versi fino al 1796. 

Giudes de colleg. . . . Ogni mem- 
bro dell'Unione di cui sopra. 

' Giudes del Cavali (cosi detto perchè 
sedeva in luogo dov'aera per insegna 
un cavallo). Giudice del maleficio ? 
De"* quattro giudici che doveva avere 
seco il Podestà di Milano era in an- 
tico fra noi quello che insieme col 
Giudice ducale badava a investigare 
e punire i delitti. 

Giudes del Gali (cosi detto perchè 
sedeva in luogo dove era V insegna 
d^un gallo). . . . Antica magistratura 
milanese. De^quattro giudici collateraU 
al Podestà di Milano era quello che 
giudicava dei danni dati e delle in- 
terdizioni. 

Giudes de la Societaa de giusti- 
zia .. . Quel Giudice , non milanese , 
che era posto capo alla Società di 
giustizia, magistratura antica milanese. 

Giudes del Malefizzi. Giudici crimi' 
noli. V. sopra Giudes del cavali. 

Giudes de pas. Giudice di pace 
(Leggi italiane). Magistrato che ebbe 
fra noi T iniziativa conciliatoria delle 
cause dal 1^97 al 181 5. 
~ Giudes di a'cqu. . . Esisteva fin dal 
i3oo e accudiva al buon andamento 
« delle acque influenti in Milano. 

Giudes di dazzi. . • . Del i5oo esi- 
steva e accudiva all^anuninistrazione 
delle nostre gabelle urbane. 

Giudes di moned. . . . Magistratura 
fiorita ai secoli scorsi, e sp. dal 1600 
al 1700, la quale vegliava perchè 
ogni moneta fosse di giusto conio, 
peso e valore nelle pubbliche botteghe. 

Giudes di straa o di strad. .... Il 
Curaior viarum de^ Latini. Magistrato 
ohe fin dal i3oo esisteva fra noi e ba- 
dava al buon assesto delle pubbliche 
strade -se. Senz^ìmpiego,disimpiegato. 

Giudes di vetovali. Grasciere. 

Giudes ducal. Giudice ducale . Quarto 
collaterale air antico Podestà di Mi- 
lano che gli veniva assegnato dai no- 
stri Duchi o dal loro Consiglio. 

Giudes pupilar. Giudice pupillare. 
La persona giudiziale destinata a ve- 
gliare sul tutelato e sid tutore in ogni ^ 
singola tutela. 

So 



Digitized by 



Googl 



p 



GIÙ (a34 

Gran Giudes. Gran Giudice(Legg'i 
italiane). Nel cessato Regno d'Ilatia era 
il capo del Ministero della giustizia. 
Giudes. j4go, Baggio pesatore. Quel ferro 
della stadera appiccato allo stile « che 
stando a piombo 9 mostra requillbrio. 
Carta de giudes. T. in Carta. 
Sta o Vess in giudes. Stare Essere 
in bilancio o in bilico» 
Giudica. Giudicare. Dare Far giudizio. 
Giudica. Stimare, Pensare. Reputare, 
Giudicàa. Giudicato — Stimato, Reputato. 
Giudicatura. Giudicatura, 

Giudizión. scherz Gran giudizio 9 

gran senno, sennone (per ironia). 
Giudìzzi per Fòro e per Giudizio o Senr- 
fenza noi usiamo solo nelle frasi 

£l giudizzi unirersal o El di del 
giudizzi. // giudizio» Il giudizio uni- 
versale. Il dì del giudicio. 

El di del giudizzi. fig. // giorno di 
san BindoiTtirg. At. Acad. Gm. I, 388). 
// dì deir alleluja{?ìin. Poet. II, ix, 
33). Mai, 

Giudizfti statari. Giudicio o Giudizio 
statario? Consesso estemporaneo di 
giudici adunati a non > interrotta di- 
samina e pronta sentenza d'^alcun rea- 
to capitale. »^ 

Pari el di del giudizzi a la podisnaa. 
Parere il dì del giudizio (Mag. in T^rg* 
At, Ac, Cim, I, 388). Parerjinimondo. 
Prima la mort e poeù el giudizzi , o 
vero El giudizzi el ven dopo la mtort. 
Lascerà il vezzo con la pelleiTAanos, 
p. i85). Scherzo, trat;o dal giudizio 
particolare «he é riservato a ciascun 
Cristiano si tosto che morto , applica- 
to a persona di cui vogliamo asserire 
che non è per mettere giudizio in 
sin eh? ella vive. 
Giudizzi. Giudizio, Senno^ di cui si dice 
fàmigl. cVè // maestro di casa^j^er- 
che senza di esso ogni altra preroga- 
tiva a poco o a nulla vale. Al quale 
proposito si noti che L'ingegno è più 
Jacile a trovarsi del g<iuÌtsiO (Salvini 
in Pr. fior, IV, n, 119). 

Andà con giudizzi. Andar col cal- 
zare del piombo. 

Avegh i ann del giudizzi. . . Essere 
oramai adulto e capace di ragione. 

Avegh on poo de giudizzi. Avere 
sennino o sennuzzo. 



) GIÙ 

Avegh pocch giudizzi. Ai^er poco 
senno , e famigl. poca sessitura. 

Ave giudizzi. Aver giudizio. 

Ave mangiaa el giudizzi cont el caz- 
zttu. /ivere il giudizio di Staccone{CAro 
Apol p. i56). 

Ave on gran giudizu. Avere gran 
senno o un soprassenno. 

Chi gh'ha pussee giudizzi le droeuva. 
Chi ha più cervello più «' adoperi 
(Monos. 3o5 ). Bisogna aver cervello 
per chi non ne /m(Fag. Rune II, 220 
e. 1. ). Cfd fui più giwiizio più n^ado- 
periifzn, Poet, I, xix, 11). 

Con gi^dizzi. Ponderatamente. Con- 
sideratamente, Pesatamente. Ai^^^uta- 
mente. Avvisatamente. 

Dent del giudizzi. Denti di sapienza 
(Alb. bass. in Dent). Così chiamami 
gli ultimi quattro denti molari. 

El gh'^ha giudizzi per duu e me- 

nestra per trii Cosi dicono 

alcuni volendo copertamente notare 
uno di poco giudizioso; e ciò pel 
giuoco di parole che nasce fra per 
duu e perduuiper due, perduto). 

Fa giudizzi. Metter giudizio* 

Fa fa giudizzi. Metter giudizio a uno^ 
e famig. Aggiustare il mazzocchio. Ca- 
vare il ruzzo del capo. 

Fa perd el giudizzi. Accecare dei 
giudizio «no (Caro Retorica AHst. 6). 

Perd el giudizzi. Mancar di senno. 

Omm de giudizzi. p". in Òmm. 
Giudizzi! e Giudizzi nen!(in via esclam.}. 
Abbi giudizio! Bada a quel cìiejai! 

Giudizzi Nome di quella roccia 

che viene a certuni in sulle gambe 
li sotto la rotella delle ginocchia; è 
il Perèso dei Provenzali, il gr. nxipeci;. 
Giugà. Giocare-^ e aqt. Giucare. 

A che gioeugh giughem? P^mGioeàgh. 

A cosse giughem ! Di chejacciamo^ 
(Rime aut. pis.) 

Chi giuga de caprizzi paga de borsa 

E vale che spesso volendo 

soddisfare i proprj capricci si scapita 
e si procaccia male a sé stesso. 

Chi giuga no dorma. /^. in Dormi. 

Chi giuga per el besogn perd per la 
necessitaa. C/ii giuoca per Bisogno perde 
per necessitd{^omg. Serva neh. I, 5). 

El giugarav in T acqua (che anche 
dicesi £1 giugarav la soa pari de so). 



Digitized by 



Googk 



GIÙ (a35> 

^ E* giocherebbe in sui pettini da Uno. 
Egli ita Passo nel ventriglio. Teneva 
in man prima le. carie che legato gli 
fosse anco il bellico. Farebbe a ca- 
vare iljil del pagliajo. Dicesi di un 
giocatore atUccatissimo al giuoco , e 
che noi lascerebbe per cosa al mondo. 

Giugà a corres adree. F. in Córr- 

Giugà a induyinà. f^. in Induvinà. 

Giugà a scaregalascn. fig Ri- 
buttare su altri )a colpa di checchessia. 

Giugà a toeummel e damme]. f^.inToeù 

Giugà ben la, soa carta, fig. Giocare 
la sua caria. Fare il suo giuoco. Set* 
virsi bene dell^ opportunità. 

Giugà copp , danee o simile. Jccen" 
nar coppe ^ danari^ e simili. 

Giugà de baja o Giugà i ann. Far di 
mi//ii(fiim. aut. pis.). Giocare senza 
che vi corra danaro. 

Giugà de bon. Far di buùno{yion. 
208). Giocar di danari (ivi) — e fig. 
Fare o Giocar di buono o da senno. 

Giugà de bricolla. K in Bricòlla. 

Giugà de curat. Lo slesso che Giugà 
cartinna. y. Gartinna sig. i." 

Giugà de cuu o Ciappà la biglia 
de cuu o Dagh a la biglia de cuu. 

T. del Giuoco di Bigi Colpire la 

palla deir avversario non di faccia 
ma per mattonella nel dosso. 

Giugà de foeura Giocare 

senza badar più che tanto a stret- 
teiza di giuoco, e ciò per aver co$l 
buono in mano da non poter dubita- 
re della vincita della partita; 

Giugà de gross. Mandar la posta 
grossa. 

Giugà de pocch. Giocacchiare. * 

Giugà de scaletta. V. in Scalétta. 

Giugà de scrocch. Scalireggiare. 

Giugà de stremii Giocare 

con gran cautela 9 o mandando pochi 
quattrini, come fa chi sconfida della 
Sorte o delle proprie forze nel giuoco. 
11 Coro/ter de* Frane; e chi cosi giucca 
essi dicono Carottier e Carottière* 

Giugà di e noce o No fò che giugà 
Dagh <ient a la desperada a giugà, 
e sim. Giocare a bisca aperta. 

Giugà el rest. Far del resto. 

Giugà fais pos. e fig. Fare a mal 
giuoco con imo(Mach. Op. VI, 357). 

Giugà i ann. K sopra Giugà de baja. 



GIÙ 

partida. T. in Partlda e 



Giugà m 
in Taròcch. 

Giugà ona bella carta o ona gran 
carta. F'. in Carta p. a35 infine. 

Giugà minga in regola, pos. e fig. 
Non giocare la ragion del giuoco 
(Machi